Creato da gatta.sissi il 18/06/2012

ricomincio da zero

sfogo di una donna

 

 

oggi parliamo di bretelle

Post n°117 pubblicato il 03 Luglio 2015 da gatta.sissi

Le bretelle! Ancora oggi, ogni tanto, sfidano la cintura…
Uno dei “Must have” che ogni tanto ritorna a farci visita sono le bretelle! Più o meno una volta ogni due anni, ritornano a rompere le palle alla cara e vecchia cintura, ma senza l’arroganza e la presunzione di volerla sostituire per sempre.

bretelle1

Tutti sanno che le bretelle sono due fasce di tessuto (normale ed elastico) o cuoio, che da dietro la schiena passano sopra le spalle e giù in maniera maliziosa fino al pantalone (o gonna), e che servono per sostenere appunto il pantalone.

Negli anni hanno subito trasformazioni: sottili, larghe, intrecciate, borchiate, ricoperte di Swarovski ecc ecc ma le famose forme ad “X“ o ad “Y” sulla schiena, non sono mai cambiate.

bretelle2

Ai pantaloni si allacciano con fibbie, morsetti o bottoni: quest’ultime sono le più belle ed eleganti a mio parare.

bretelle3

Tra alti e bassi durante gli anni, sono arrivate ai giorni nostri attraverso un lungo viaggio iniziato circa 300 anni fa; be complimenti! il botulino allora funziona…

La forma attuale però è molto più giovane, ed è stata inventata da Albert Thurston nel 1822; a Londra esiste ancora un negozio con quel nome che elogia, e vende, accessori per gentiluomini.

bretelle4

Per un bel po’ di anni le bretelle sono state solo un accessorio “intimo” da nascondere sotto i vestiti, poi all’improvviso qualche anno fa, sono diventate addirittura un accessorio “erotico”, usato da giovane fanciulle un filo timide, che si vergognavano a mostrare i capezzoli…

bretelle5

Bisogna però dire una cosa, sotto o sopra i vestiti, usate come copri capezzoli o no, con i bottoni o con i morsetti, le bretelle hanno sempre avuto un fascino che come dicevo all’inizio, le fanno tornare di moda regolarmente…o forse è proprio questo “apparire e scomparire” che le rende fascinose…

…Mah…!

bretelle6

 

 
 
 

lasciano tutto per girare in barca a vela con il loro gatto

Post n°116 pubblicato il 01 Luglio 2015 da gatta.sissi





Matt e Jessica Johnson hanno compiuto un passo davvero coraggioso.

La coppia del Michigan ha infatti deciso di lasciare il lavoro, vendere la casa e comprare un barca con cui viaggiare in giro per il mondo in compagnia del gatto Georgie con circa mille euro al mese. 



Il viaggio ha avuto inizio esattamente il 12 agosto del 2011. Da allora Matt, Jessica e Georgie hanno visitato 16 paesi, inclusi Bahamas, Giamaica, Cuba e Perù. Prima di imbarcarsi in questo progetto di vita, Matt era responsabile vendite presso un concessionario di automobili mentre Jessica si occupava di fatturazione in un'azienda di prodotti nautici. Il loro gatto, per i molti che se lo staranno chiedendo, era già capace di nuotare e non ha mai dimostrato avversione nei confronti dell'acqua. 


«Vivevamo le classiche vite del sogno americano - raccontano i due al Daily Mail. Andare a scuola, sposarsi, comprare una casa, avviare una carriera. Finora abbiamo tralasciato la parte in cui avremmo avuto due figli e mezzo». 

«Per troppo tempo abbiamo trascorso tutti i nostri fine settimana davanti alla tv senza mai fare qualcosa di produttivo o piacevole. Così ci siamo resi conto che avevamo bisogno di cambiare». 



e voi che fareste per cambiare la vostra vita, semrpe che la vogliate cambiare ....

 

 

 
 
 

marito la maltratta, lei fa pipì per un anno nel tè della suocera

Post n°115 pubblicato il 29 Giugno 2015 da gatta.sissi


Parliamo  di una  bella ragazza di 32 anni, tale Rekka Nagvanshi. Allora. La giovane Rekka dopo essersi sposata con un matrimonio combinato, si è accorta di non amare per niente il marito e soprattutto di non sopportare per nientissimo sua suocera.


Peccato che lei vivesse con la suocera.

E così per anni la povera Rekka ha sopportato in silenzio. Mai un lamento, mai un'alzata di voce, mai un rimbrotto tipo tua madre è una stronza, niente.

E il rapporto diventava sempre più conflittuale e tormentato.

Fin quando lei non ce l'ha fatta più.

E cosa ha fatto, la dolce Rekka, per salire all'onor di cronaca?

Per un anno la giovane, senza dire né A né BA, senza mostrare astio o risentimento nei confronti della suocera, le ha però fatto pipì nella tazza del thè. Tutti i giorni..

Tutti i santi giorni che Dio ha mandato in terra per un anno, la Rekka di nascosto, psss,

Rekka per 365 lunghissimi giorni, che piovesse o tirasse vento, ha, se posso dire spisciazzato nel thè della suocera.


Purtroppo però un giorno lei l'ha beccata in flagrante. Ha aperto la porta del bagno e trovato la nuora che le minzionava nella tazza... ma non del water, nella sua della colazione.

Metà thè delle indie e metà thè dell'indiana.

Ed è scoppiato l'inferno. 


E comunque. Anche la suocera. Com'è che non se n'è accorta? Che non si è resa conto che mezza tazzina di ambrato liquido non era The Ati ma The pipi. Ma guarda che il gusto è forte eh?

Rekka un giorno avrà mangiato gli asparagi no?

Niente.

La suocera niente. Naso diversamente abile. Lo tirava giù con piacere magari inzuppandoci dentro qualche bel biscottino indiano. 

Comunque, non che io difenda la nuora per partito preso.

Ma che cosa ne sappiamo noi, di cosa la suocera mettesse dentro i cannelloni?

 
 
 

lo stupro di un minore è meno grave di un aborto

Post n°114 pubblicato il 24 Giugno 2015 da gatta.sissi



cardinale-re-350x213-

Il Vaticano in un comunicato stampa ha ufficialmente espresso la volontà di fare della Chiesa "un luogo sicuro per i bambini", lo stesso papa Francesco scrisse che "Le famiglie devono sapere che la Chiesa fa ogni sforzo per tutelare i minori".

Il cardinale Giovanni Battista Re potrebbe partecipare al Sinodo che si terrà nell'ottobre 2015 a Roma, la vicenda che lo vede coinvolto merita una riflessione.

Nel 2009, in Brasile, una bambina di nove anni viene regolarmente violentata dal patrigno e rimane incinta. La legge brasiliana consente l'aborto in caso di stupro o di grave pericolo per la salute della madre, in questo caso doppiamente vero e la bimba abortisce.

L'allora arcivescovo di Recife scomunica la piccola, la madre e il personale medico che ha praticato l'interruzione di gravidanza.

Il patrigno, lo stupratore, il criminale, non è stato scomunicato,

perché il cardinale Re dichiara "Lo stupro è meno grave dell'aborto".

Il patrigno, lui, lo stupratore, criminale, non è stato scomunicato, disgustoso.

L'unica risposta che si meritano questi deficenti è la seguente :

fonte : http://www.articolotre.com/2015/06/il-cardinale-re-lo-stupro-di-un-minore-e-meno-grave-dellaborto/?fdx_switcher=true

 
 
 

come vivere due vite nella stessa vita

Post n°113 pubblicato il 23 Giugno 2015 da gatta.sissi


Bruce Jenner è un ex campione di decathlon, che ha conquistato la medaglia d'oro nelle Olimpiadi del '76, diventando un mito per gli sportivi di tutto il mondo.


Negli anni a venire è diventato poi noto anche per aver sposato 23 anni fa Kris, la mamma dell'ormai famosa attrice americana Kim Kardashian e per la sua partecipazione al reality tv di famiglia, "Al passo con i Kardashian".


Adesso, all'età di 65 anni, annuncia la sua scelta di cambiare vita. L'aprile scorso, infatti, ha trovato la forza e il coraggio di dichiarare in diretta televisiva di sentirsi una donna e di voler abbandonare definitivamente i suoi tratti maschili, affinché il suo corpo corrispondesse realmente al suo essere interiore. Ha annunciato così, l'inizio del suo processo di transizione da uomo a donna e oggi, dopo aver terminato la sua trasformazione, si presenta al mondo nel suo nuovo corpo, senza pensare ai pregiudizi.


Fa la sua prima apparizione sulla copertina americana del mese di luglio di Vanity Fair, con un servizio intitolato "Chiamatemi Caitlyn" e si mostra con coraggio e orgoglio nella sua nuova immagine. Caitlyn, viene immortalata dalla celebre fotografa Annie Leibovitz, con capelli vaporosi, body color carne e un make-up leggero e sofisticato.


Nell'intervista a Vanity Fair racconta dell'operazione durata ben 10 ore, per rendere il volto più femminile e di come ha reagito felicemente la sua famiglia alla notizia, dichiarando di non avere nessun problema per la scelta fatta dall'ex atleta in questione, ma di sperare che sia una persona migliore di quella precedente.

Dopo il servizio fotografico realizzato per la rivista, ha aperto un nuovo profilo Twitter sotto il nuovo nome di Caitlyn scegliendo come immagine profilo, proprio la foto con cui si è mostrata per la prima volta a tutto il mondo. Pubblica il suo primo tweet annunciando con serenità "Sono così felice dopo aver faticato così tanto per vivere come sono davvero. Benvenuta al mondo Caitlyn. Non vedo l'ora che la conosciate/che mi conosciate".

eccolo qui con tutta la famiglia


 

 
 
 
Successivi »
 

ADORO LA CIOCCOLATA

Image and video hosting by TinyPic
 

 

470.000 contatti cancellati... ma non dimenticati

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 21
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fuoco.e.cenereEstelle_kmivendoxamoremaresogno67sensibilealcuoregatta.sissilumil_0MR.DANDYsisyphus13lubopochristie_malryMarquisDeLaPhoenixpsicologiaforenselatortaimperfettacalleguadiana
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom