Creato da fattodiniente il 01/06/2007

Gloriosa spazzatura

31 canzoni più qualcuna

 

 

« David Bowie, "Heroes"David Byrne, "In the Future" »

Chick Corea, "What Game Shall We Play Today?"

Post n°50 pubblicato il 02 Aprile 2009 da fattodiniente

(ascoltala)

Una delle poche persone che riuscirono a chiudere la bocca a quel rompicoglioni di Socrate, fu Diotima. Vado a memoria (potrei sbagliare): fu anzi l’unica che ci sia riuscita. Sarà perché parlava d’amore, dicendo cose rimaste definitive da allora; o sarà perché era un donna. O sarà per qualche altro motivo, ma così è. Poi, potranno stare sulle balle tutti e due, Socrate e anche Diotima, non c’è problema: ognuno riconosce le autorictas che più gli aggradano.
Ma stare a sentire Diotima, almeno una volta, non sarebbe male: io metterei il Simposio come lettura obbligatoria nelle scuole, che almeno uno cresce senza balzane idee in testa. Sull’Amore, ovvio. Perché è un fatto: Eros non è morbido e bello, come si vuol far credere; al contrario è sempre povero, ruvido e irsuto e scalzo e senza asilo… Se la gente ne fosse una buona volta consapevole, magari eviterebbe di cacciarsi in situazioni senza uscita e senza speranza, e di sicuro vivrebbe un po’ meno peggio. E tutti noi avremmo meno blog da leggere che parlano di pene d’amor perduto (o anche soltanto spasimato, e non so cosa sia peggio).
Non che uno eviterebbe di innamorarsi, questo no: non si può, e non è neanche il fine di Diotima se è per quello. Ma evitare di farsi illusioni sulla bellezza dell’amare, sulla sua dolcezza (ma quale?), ecco questo sarebbe una buona cosa. E tutto sommato si potrebbe poi finalmente osservare a chi sbatte il naso sul brutto carattere di Eros, ‘hai voluto la bicicletta? ora pedala’.
E neanche a dire che le pene riguardino solo gli innamorati delusi o sofferenti (ma ne esistono d’altre specie?), perché Eros fa così con tutti. È la sua natura.

Alla fine, aveva ragione Alvy Singer (citazione colta), con la morale sulla barzellettina del tizio che parla allo psichiatra del fratello convinto d’essere una gallina, ma non glielo porta perché ha bisogno della uova: “Ecco, io direi che è più o meno quello che penso dei rapporti umani. Sono totalmente irrazionali e pazzi e assurdi, ma… eh, io credo che continuiamo a cercarli perché abbiamo bisogno delle uova”.
Ok, allora: a che gioco giochiamo oggi?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

L'AUTORE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

caprock77LordGrenville1francinepaoliemmydgl11onidademickyc1mario.cerquettidanilodddRomanticPearlcalista1985e.sorannamarco.aurelio61GLAMYAgcttrasportinick957HainzBart
 

CAZZEGGIATORI ON LINE

hit counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

 

AREA PERSONALE

 
Questo è un

 

I MIEI BLOG AMICI

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom