Benvenuti!

Ape bianca ronzi, ebbra di miele, nella mia anima e ti torci in lente spirali di fumo..

 

CHARLIE CHAPLIN

Ti criticheranno sempre,
parleranno male di te
e sarà difficile che
incontri qualcuno
al quale tu possa andare
bene come sei.

Quindi vivi come credi,
fai quello che ti dice il cuore
la vita è come un'opera di teatro
che non ha prove iniziali.

Canta, ridi, balla, ama
e vivi intensamente ogni
momento della tua vita
prima che cali il sipario
e l'opera finisca senza applausi

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 

CHE TEMPO FA.. QUI!

 

NO!

No violence..

 

UN BLOG PARTICOLARE

MARIA LUISA SPAZIANI


A sipario abbassato

 

Messaggi del 05/02/2019

Beato Angelico

Post n°1645 pubblicato il 05 Febbraio 2019 da Vince198

 

Ogni tanto amo fare qualche digressione nel mondo della pittura, senza peraltro insistere sul mio pittore preferito, il Caravaggio. Guardando nel web m’è capitato di leggere qualcosa afferente un pittore rinascimentale che, oltre tale “qualifica”,  è un santo.
Si tratta di «Beatus loannes Faesulanus, cognomento Angelicus» (il beato Giovanni da Fiesole, soprannominato Angelico – 1395/1455), ufficialmente iscritto dal 1982, per proclamazione di papa Giovanni Paolo II, nel "Martyrologium Romanum", l'elenco dei santi tutti e anche di quelli non martirizzati.
È quindi un santo molto particolare: non ha la palma del martirio e neppure la penna del dottore della Chiesa ma uno strumento ben più umile e cioè il pennello del pittore che lo ha reso ancor più celebre.
Lo si chiamava già "beato" nella tradizione, e con buoni motivi. Di lui nel 1550, un secolo dopo la sua morte, scrisse Giorgio Vasari (pittore, storico ed architetto toscano):

«Veramente fu fra' Giovanni santissimo e semplice ne' suoi costumi, e questo solo faccia segno della bontà sua, percioché volendo una mattina papa Nicolo V° dargli desinare, si faceva coscienza mangiar de la carne, senza licenza di priore, non pensando alla autorità del pontefice. Schifò tutte le azzioni del mondo e pura e santamente vivendo, fu de' poveri tanto amico, quanto pensò che l'anima sua avesse a essere del cielo. Egli tenne del continuo il corpo occupato nella pittura, ne mai volle lavorar cose altro che di santi.
Potette essere ricco, e non se ne curò, anzi diceva la vera ricchezza essere il contentarsi di poco.
Possette comandare a molti, e lo schifò, dicendo esser men fatica e manco errore ubbidire altrui. Puotè aver dignità ne' frati e fuori, e non lo stimò, dicendo la maggior dignità è cercar fuggir lo inferno e accostarsi al paradiso.
Era umanissimo e molto sobrio, e castamente vivendo, da i lacci del
mondo si sciolse, usando dire spesso che chi faceva quest'arte aveva bisogno di quiete, e di vivere senza pensieri, e d'attendere all'anima, e chi fosse di Cristo, con Cristo debbe star sempre. Dicesi che non fu mai veduto in collera tra' frati, il che grandissima cosa mi pare a credere, e che sempre sogghignando semplicemente ammoniva gli amici.
E con amorevolezza a ognuno che ricercava opre da lui, diceva che ne facesse essere contento il priore, et egli sempre farebbe cosa che gli fosse in piacere. I suoi ragionamenti erano umilissimi e bassi, e l'opre sue furono sempre tenute bellissime e eccellenti [...]. Per questi tanti lavori si divulgò per la Italia molto altamente la fama di questo maestro, giudicato da tutti non manco santo che eccellente».


Ciò detto lo stile del Beato Angelico si rifà a quello del Masaccio, oltre che pensare - nei temi religiosi – ad un raffronto con Giotto, Cimabue.
Nel suo dipingere si può notare la dolcezza delle sue pennellate che in qualche modo riflettono il suo temperamento mite, schivo da sfarzi, ricchezze  come da onori, che lo hanno reso celebre anche dopo la sua morte.
Come se il suo dipingere divinità fosse stato da quest’ultime ispirato.
I suoi capolavori sono all’incirca una ventina e, come modesto giudizio personale, quello che più mi piace è “Il giudizio universale” conservato nel Museo Nazionale di S. Marco a Firenze.

Adesso che mi sono sfogato – non più di tanto per la verità perché avrei dovuto abbondare in questo tema; condensare in sì poche parole la grandezza di questo pittore è stata una gran .. fatica per uno come me che ama dilungarsi in lungo e in largo laddove trova spazio il proprio piacere in questo tema - spero riusciate a legger per intero questo post.
Grazie..

 

 

Giudizio Universale
(in alto più in grande)


 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: Vince198
Data di creazione: 21/07/2006
 

JESHUA

Jeshua
A. Carracci

 

MUGHETTI

mughetti

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198acquasalata111butterfly7dglNORMAGIUMELLInina.monamourmaandraxlunetta_08lascrivanavalerio.sampieriserio.vinmissely_2010ladymaria45arianna.orsosolosorriso
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

A ROS, CON AFFETTO..

"Ciao Vince carissimo! Attraverso i tuoi scritti e i tuoi pensieri si evince il tipo di persona che sei! Oltre che intelligente ed istruito, hai una personalità forte e determina. Ma sei anche gentile e discreto e sai stare al posto tuo. Esprimi le tue idee senza sopraffare gli altri argomentandole egregiamente. Mai mi sognerei di dire che sei un litigioso, infatti ho solo detto, ma amabilmente, "che belli i battibecchi di Th con Vince!". Sono stata chiara?:-)) Concordo sul tuo pensiero riguardo la parità dei diritti fra uomo e donna. E' risaputo, ad esempio, che in numero delle docenti nelle scuole medie e nelle superiori supera abbondantemente quello dei colleghi maschietti. Però, guarda caso, quando s arriva ai vertici della dirigenza, ci accorgiamo che le donne occupano mediamente il 20% di tali posti. La donna, per occupare un posto di prestigio, DEVE dimostrare di essere + brava del collega maschio. I telegiornali Rai,(e non solo) fino a una quindicina di anni fa, erano una prerogativa maschile. Poi, qualche "vertice", maschile ovviamente, ha pensato che anche una donna, poteva ricoprire tale incarico. E così è iniziata l'era de La Sorella, la Gruber e via dicendo. Mi unisco al tuo augurio, auspicando x la donna il raggiungimento pieno e paritario di tutti i diritti, indipendentemente dal suo aspetto esteriore. Ricambio un grande abbraccio x te, estensibile alla padrona Th, che ancora vaga x la sua casa, cercando di capire se dorme, o se è già desta! Ahahahahha( Scherzo Th, un bacione!)Ciaooo a tutti, Ros.. (Inviato da Ros il 20/05/08 @ 00:24 via WEB sul blog "gemme")"..


Grazie Ros, sono lusingato! Tanto ti dovevo per la tua genuina.. sincerità!
Vince
 

CIAO VIGOR..

Vigor Bovolenta
.. non ti dimenticheremo!

 

CIAO SIC..

Simoncelli
La tua vera vita non è finita, no!
Inizia proprio ora..