Blog
Un blog creato da madda_13 il 29/05/2007

Pa' come padre

Dio non ha figliastri, ha soltanto figli...

 
 

AVVISO

Se non altrimenti specificato, i testi sono da considerarsi dell'autrice del blog.

 

GIOVANNI PAOLO I

Io sono stato molto vicino anche a quelli che non credono in Dio. Mi sono fatto l'idea che essi combattono, spesso, non Dio, ma l'idea sbagliata che essi hanno di Dio.

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

PER GLI AMANTI ... DELL'IRLANDA!

 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

BENEDETTO XVI

Abbi il coraggio di rischiare con Dio! Provaci!
Non aver paura di Lui!

Abbi il coraggio di rischiare con la fede!
Abbi il coraggio di rischiare con bontà!
Abbi il coraggio di rischiare con il cuore puro!

Compromettiti con Dio,
allora vedrai che proprio con ciò
la tua vita diventa ampia ed illuminata, non noiosa,
ma piena di infinite sorprese,
perché la bontà infinita di Dio non si esaurisce mai!


 

COME PATCH ADAMS...!

         CUORE E MANI APERTE      

 

CHI SPERA CAMMINA

Chi spera cammina,
non fugge!
Si incarna nella storia!
Costruisce il futuro,
non lo attende soltanto!
Ha la grinta del lottatore,
non la rassegnazione
di chi disarma!
Ha la passione
del veggente,
non l'aria avvilita di chi
si lascia andare.
Cambia la storia,
non la subisce!

DON TONINO BELLO

 

FEDE & CONCRETEZZA

    Le opere del Padre  

 

 

« Burundi 2007MEMENTO VIVERE »

«Vogliamo staredentro o fuoridalla Chiesa?»

Post n°31 pubblicato il 31 Agosto 2007 da madda_13
 

«Il Giornale di Vicenza»

giovedì 30 agosto 2007 nazionale pag. 1 (prosegue pag.55)

Comunque non sarà è la fine: nella Scrittura il momento di maggior oscurità è sempre germe di splendide aurore. Riflettendo sul perché gli uomini siano così portati alla superficialità delle cose, completamente dimentichi di ciò che davvero conta, Kierkegaard porta questo esempio: “E’ come se su una nave ci fosse un solo megafono di cui si fosse impossessato il garzone di cucina, con il consenso di tutti”, è come se su quella nave non sia più la rotta ad interessare davvero, ma che tempo fa e che cosa si mangerà di lì a poco. Della meta, del viaggio, degli eventuali pericoli, di quello che ha da dire il capitano non importa un fico secco a nessuno, tanto che “alla fine fu il garzone di cucina ad impossessarsi del comando della nave, perché aveva il megafono” . In questi giorni qualcuno sta usando megafoni potentissimi per distrarre e sradicare, per dire a tutti: “Mangiamo e beviamo perché domani moriremo”(1 Cor 15,32).
Come prete - “fuori le righe” ma sedotto dall’esigenza di questo Cristo - mi sento sconnesso in questi giorni di urla e di silenzi imbarazzanti in merito ad una vicenda che ha più i contorni di un reality show che di una proposta di santità. E io, che come altri confratelli mi guadagno con fatica giorno dopo giorno la mia credibilità di sacerdote, se questa è la Chiesa che s’approva, sento di non appartenerci.

- “L’educazione del seminario che esclude ogni contatto con gli altri, che vieta di andare al cinema, al bar, è sbagliata, finirebbe col deviare le persone” – ha dichiarato ieri il cittadino padovano Sguotti Sante. Sarebbe sbagliata! Perché questa non è la formazione umana che ho ricevuto io nel Seminario di Padova. Sono entrato bambino, ho vissuto la mia adolescenza e la mia giovinezza, i miei dubbi e le mie crisi di fede, i miei sentimenti e le mie passioni, mi sono innamorato, ho pianto, ho gioito…mi son formato come uomo. Forse c’è qualcuno che in Seminario bara, che vive un effetto tunnel, che inganna superiori, educatori e docenti senz’accorgersi che si sta ingannando. Fortunatamente mi son imbattuto in un Rettore che mi ha insegnato a diventare uomo “di terra e di cielo”. Che mi ha smantellato, che mi ha fatto capire che è meglio avere dubbi che false certezze, dal quale ho appreso l’arte sottile d’essere prete-uomo. Con fatica atroce perché uomo dalla dure cervice io sono! “Vietare il cinema, i bar, le persone?”. Ma dove si perpetra quest’assurdità? E l’evangelizzazione di strada, la Missione Giovani, i tempi trascorsi in parrocchia, le Scuole di Preghiera, le relazioni tessute in un Seminario che spalanca le sue porte? Chiedo: questo è escludere il contatto o elevarlo a palestra per il sacerdozio? Nel cammino verso la Verità…tanti gli strumenti forniti! Con la libertà di usarli o lasciarli impolverare. Rimane la battuta dell’amico Beppe Grillo: “Montagna assassina o alpinista pirla?”

- “I giornalisti vanno in pace. Col dubbio d’essere stati presi intelligentemente per i fondelli da un prete formato reality show” – ha scritto M. Smiderle nel suo pezzo -. Solo i giornalisti? E la sofferenza nascosta di quella piccola comunità, i pianti disperati che ho raccolto da chi non condivide quel modo di fare il prete, di chi è stato “escluso” perché tentava di evitare una situazione imbarazzante? Su 800 persone, 792 firme a favore? Tanto di cappello se anche i neonati e i bambini di età inferiore ad anni cinque sanno firmare con coscienza…I giovani lo applaudono. Gli stessi giovani, magari, che acclamavano Giovanni Paolo II quando chiedeva loro di diventare i “santi del nuovo millennio”, di essere “sale della terra e luce del mondo”. Stregati dalla semplicità di quel vecchio prete polacco che ha vinto la scommessa più dura: ri-accendere nel cuore dei giovani un sorriso entusiasta parlando loro non delle conigliette di Play-Boy, dei gossip mondani o di un’insulsa sessualità… ma testimoniando Gesù di Nazareth. Vogliamo stare dentro o fuori della Chiesa?

- “Noi abbiamo il dovere di fare luce sulla verità” – scrive il mio Vescovo Mons. Mattiazzo -. Forse il Signore qualcosa sta dicendo anche alla sua Chiesa con questa sofferenza. Forse le sta chiedendo coraggio, onestà, trasparenza. Le chiede di non nascondere la sua umanità, di difendere le anime più fragili. La chiesa deve tutelare tutti i suoi figli, cioè tutti i battezzati: non solo i preti. Perché la gente è il patrimonio della chiesa: la gente cerca il prete, lo ama, lo incoraggia, lo aiuta. Si fida! La gente ci vuole santi! Per 10 mila euro in più non accetta che si giochi sui grandi temi della vita sacerdotale! La parrocchia è un incrocio di storie e persone, di volti e sorrisi, di gioie e fatiche. Un ragazzo ieri sera ha ascoltato il mio sfogo con un superiore. Poi mi dice: “Tu ci parli di Dio. Non tradirci, don Marco”. I ragazzi sanno quello che vogliono da un prete! Dispiace per quei giovani che fra poco pagheranno un prezzo faticoso nel loro cammino di fede… Di chi sarà la responsabilità di fronte a Dio?
Che fatica essere sacerdoti di Cristo oggi! Ma che brividi sentirti accompagnato da un Dio spettacolare. Esige di essere Assoluto ma non fa sentire nemmeno te relativo a nessuno: ti sazia con la sua presenza!


Sposo le parole di un allenatore di calcio, uno dei pezzi da novanta del calcio italiano di provincia: “Non voglio insegnare la vita a nessuno e non pretendo di cambiare il mondo, ma di sicuro un certo mondo non cambierà me”(F. Guidolin).
Un certo modo di fare il prete non mi distoglierà da Lui.
Perché io voglio diventare santo nella vita!

Don Marco Pozza
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ORO

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

SITI CATTOLICI





 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: madda_13
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

amicizia2006ciaocrem2002gianbattista.lancinifamaciapittellaangelonero563gg.cmeumariamenCav_Sbregamandatimariafelicemoreaveronesi_francomariomancino.mpako2202archi64.marianna.bazzolauramoroinf
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

Guarda anche: “La caduta di padre Dr. Wolfgang Rothe...
Inviato da: Xaw Ma
il 09/10/2023 alle 20:00
 
da Cosimo Galasso. LA SECONDA VENUTA D'ELIA E...
Inviato da: Anonimo
il 17/08/2008 alle 10:48
 
"La chiesa siamo noi, noi uomini miserabili, primitivi...
Inviato da: madda_13
il 20/02/2008 alle 12:13
 
Io non voglio sfuggire a Dio e non lo faccio: sono qui per...
Inviato da: Earthlessheartless
il 18/02/2008 alle 17:53
 
CIN CIN BUON 2008! un bacione Lina!
Inviato da: raggiodiluce1974
il 01/01/2008 alle 00:24
 
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

DON BOSCO

Le persone ci piacciono per i pregi, ma le amiamo con i loro difetti.

I giovani non solo siano amati, ma essi stessi conoscano di essere amati.

Da mihi animas, caetera tolle.

Basta che siate giovani, perché io vi ami assai.

 

 
 
 

 

GIANNA BERETTA MOLLA

«Le vie del Signore sono tutte belle, sempre che il fine sia sempre lo stesso:

salvare la nostra anima e riuscire ad avvicinare molte altre anime al paradiso per glorificare Dio…»

 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963