Giornata del Naso Rosso

Post n°23 pubblicato il 31 Marzo 2006 da clownaureola

 

2^ GIORNATA DEL NASO ROSSO

2 di aprile 2006
domenica  2 di aprile i Volontari CLOWN delle Associazioni VIP Italia ONLUS saranno presenti in 34 piazze italiane (vedi elenco città: www.giornatadelnasorosso.it) per la 2^ Giornata del Naso Rosso (r).
Vi illustro brevemente i progetti per i quali  i Volontari Clown di Corsia di VIP Italia ONLUS raccoglieranno  i Fondi durante la GNR 2006. 
1° PROGETTO -  Un Ospedale col Naso Rosso: una parte dei fondi raccolti (decideremo la percentuale in sede di assemblea l'8 aprile) andrà destinata ad un Ospedale (scelto dall'Associazione locale).
 
2° PROGETTO -  CIRCOSTANZA: Il progetto Circostanza è già partito, finanziato dalla GNR del 2005 con città-pilota Torino.
Sono stati aperti 2 laboratori "Circostanza" a Torino: Zona S. Paolo - Oratorio Salesiani: Integrazione magrebini - Zona Nichelino - Integrazione Rom. Gli operatori educatori-formatori sono: Maggiolina e Geppetto.
Si tratta di un laboratorio/Atelier socio pedagogico di arti Circensi e di pedagogia-clown rivolto a bambini e adolescenti a rischio, in area di disagio. Il laboratorio prevede l'impiego di 2 operatori educatori-formatori. Gli Obiettivi del Circostanza sono:
- valorizzare l'esperienza dell'adolescente
- favorire l'integrazione sociale-interculturale dei bambinie adolescenti sul territorio
- restituire alle emozioni positive (speranza, fiducia, gioia, riso) il giusto spazio nel processo di integrazione sociale
- permettere l'elaborazione di vissuti problematici allo scopo di favorire l'autostima per un migliore inserimento del soggetto.
- permettere l'espressione positiva e la rioluzioenpacifica dei conflitti, disagi, contenuti aggressivi, insicurezza, timidezze.

Intendiamo proseguire con questo progetto a Torino e  avviarlo anche in altre città d'Italia.

3° PROGETTO - UN CLOWN IN FAMIGLIA: questo progetto non è ancora partito e ci piacerebbe farlo partire proprio con i fondi della GNR 2006, come lo scorso anno con la GNR è partito "Circostanza". Si tratta di un'ASSISTENZA CLOWN DOMICILIARE POST-OSPEDALIERA rivolta a bambini (ogni operatore potrà seguire 5 bambini in una settimana) con patologie gravi (oncologici, cardiopatici, ecc.) costretti dopo la degenza ospedaliera a restare a letto.
Tra gli obliettivi di "Un Clown In Famiglia":
- collaborare con l'equipe medica
- incentivare il bambino malato a ritrovare la creatività, la speranza, la voglia di vivere
- contribuire a rilassare l'ambiente familiare dove vive il bambino 
Il progetto (se si raccoglieranno fondi a sufficienza) verrà avviato in qualunque città italiana dove ci siano i requisiti adatti degli operatori.

Chi vuole supportare i nostri progetti può farlo tutto l'anno:
1) donando il 5 x 100 alla nostra Associazione: CF 97639380019
2) Ordinando le nostre "Bomboniere Solidali" per matrimoni/Lauree/battesimi/cresime (
http://www.clownterapia.it/sostegno/bomboniere/bomboniere_solidali.htm)
3) Facendo una donazione per un progetto specifico (detraibile fiscalmente)
4) Linkando i nostri siti (www.clownterapia.it - www.giornatadelnasorosso.it)
5) Promuovendo la nostra Campagna "Un Naso Rosso per la cultura"
 
 I CLOWN DI CORSIA VIP VI ASPETTIAMO IN PIAZZA il 2 di aprile!!!

 
A U G U R O
   A  T U T T I   
U N A  G N R  2 0 0 6  F A N T A S T I C A !!!!!

Marilù/Clown Aureola 
 
P.S. Aureola sarà presente in Piazza Castello a Torino dalle 09.30 alle 19.00

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Appello: Dona un libro!

Post n°22 pubblicato il 21 Marzo 2006 da clownaureola

"UN NASO ROSSO PER LA CULTURA"

carisimi amici di Blog,
Vip ViviamoInPositivo Italia ONLUS, in occasione della 2^
Giornata del Naso Rosso nazionale lancia la Campagna a livello nazionale: "Un Naso Rosso per la Cultura".
Ovvero noi di VIP raccogliamo LIBRI
da donare a: Ospedali, Case di Riposo, Carceri, Comunità per Disabili, Comunità per Portatori di Handicap e Missioni in Paesi in Via di Sviluppo.

Chiedo a chi di VOI volesse partecipare a questa Campagna, di regalare UN LIBRO che per voi ha "fatto la differenza", un libro che è stato importante per il vostro cambiamento. Oppure un libro di favole per bambini che vi è piaciuto di più nella vostra infanzia.
Nei nostri siti (
www.clownterapia.org e www.giornatadelnasorosso.it stileremo un elenco di libri pervenuti, dove ogni libro è stato donato (ospedali, ecc..) e il nome (solo il nome per via della privacy) di chi ce l'ha mandato.
Io aggiornerò l'elenco anche in questo Blog.

VOLETE AIUTARE I CLOWN VIP A DIFFONDERE LA CULTURA DELLA LETTURA diventando anche VOI sostenitori VIP CLOWN?

Potete inviare i libri a:
Vip Italia ONLUS - Via G. Fortunato, 4 - 10138 TORINO

Sarebbe bello unire al libro un vostro biglietto che spiegherà (con la vostra calligrafia e la vostra firma) a chi lo riceverà, perché questo libro è stato importante per voi o semplicemente potete scrivere un augurio da inviare ad uno sconoscuto.

SARA' UN MERAVIGLIOSO SCAMBIO D'AMORE!!!!

IMPORTANTE: devono essere libri NUOVI!!! Anche in edizione economica e anche in lingua straniera.
Molti libri andranno in ospedali dove ci sono diversi bambini stranieri.

Chi vuole partecipare a questa campagna può inserire questo post nel suo blog!!!!

GRAZIE!!!!!
aureola

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

INTERVISTA ad Aureola

Post n°21 pubblicato il 13 Marzo 2006 da clownaureola

INTERVISTA rilasciata a un quotidiano di Torino da:
Dott.ssa Maria Luisa Mirabella
 (Clown Aureola)

Quando ha fondato l’Associazione Vip nel 1997 quale futuro immaginava per l’associazione stessa?
Immaginavo di organizzare un gruppo di volontari-clown a Torino. Non immaginavo ci saremmo allargati a tutt’Italia

Chi è il Volontario-Clown VIP?
Per la nostra associazione è un volontario che ha scelto come missione” quella di portare gioia a 360° ovunque. 

Le motivazioni che l’hanno spinta a cominciare questa particolare attività di Volontariato, sono le stesse che la animano oggi?
Direi di sì: diffusione del Pensiero Positivo (dal nome della Nostra Associazione: ViviamoInPositivo"), crescere insieme, invadere il mondo con la missione della gioia.

Qual è la specificità dell’intervento del Volontario-Clown? In cosa si differenzia dalle altre forme di Volontariato?
Il clown fa “spettacolo”, canta, balla, ride e fa ridere, improvvisa, fa giocoleria, fa magie…Il volontariato clown in Ospedale non è solo un volontariato d’ascolto. 

Cosa rappresenta per un Volontario-Clown, il “nome d’arte”?
Il nome d'arte viene scelto in base al proprio “personaggio” ovvero la parte più bella, spiritosa, libera di se stesso, il "bambino libero". Io ho scelto "Aureola" perché amo gli angeli. 

Esistono dei criteri di selezione per i Volontari VIP ? Se sì, quali?
Prima di accettare un volontario nelle Associazioni Vip si fa un colloquio attitudinale dove si valuta la sua motivazione innanzitutto, poi la capacità e la volontà di mettersi in gioco, la disponibilità ad uscire di casa truccato e vestito da clown, ecc.
Dopo il colloquio, se ritenuto idoneo frequenteràun corso di Formazione e poi, se dopo il corso è ancora intenzionato a proseguire, inizierà il torocinio e proseguirà la sua formazioen per 1 anno come tirocinante prima di diventare "effettivo".

Cosa è per lei Salute e cosa Disagio?
Salute è uno stato di benessere interiore e fisico. Disagio è uno stato di malessere, sofferenza, dolore interiore e/o fisico.

Come era percepita ieri, e come è percepita oggi, la figura del Volontario-Clown nei contesti in cui svolgete la vostra attività?
Per l'esperienza maturata in questi anni direi bene. In Ospedale siamo attesi e accettati. 

Oltre che agli aspetti “tecnici” su cosa si basa la formazione del Volontario-Clown? Esistono aspetti della Formazione che ritiene debbano essere maggiormente approfonditi?
La formazione dei Clown VIP si basa anche su: psicologia, igiene, comportamento in ospedale, comunicazione, coesione di gruppo e crescita personale. Oltre al Corso base abbiamo un anno di formazione fatto di incotri settimanali o bimensili. A queste materie si aggiungono: tecniche clown, formazione del personaggio clown, giocoleria, micromagia, mimo, canto e uso della voce. 

Chi è l’utente del vostro intervento?
Il malato ospedaliero, il disabile, il bambino, l’anziano. Ma anche chi si incontra in ascensore o in strada. 

Quali sono gli ambiti di intervento in cui incontrate le maggiori difficoltà e/o resistenze da parte di coloro che vi operano?
Non ci sono ancora stati ambiti in cui abbiamo trovato resistenze particolari
 
Quali sono le risorse e/o i vincoli del vostro intervento?
Risorse: la capacità di mettersi in gioco. I vincoli: frenare l’esuberanza di alcuni clown in ospedale. 

Ritiene che il Volontario-Clown possa operare in qualsiasi ambito? Potenzialmente sì. Tutti hanno bisogno di gioia. I clown Vip operano in Ospedale, ma anche in ambito socio-culturale per la Cooperazione allo Sviluppo e come prevenzione in varie aree di disagio soprattutto adolescenziale. 

Quali reti e sinergie ritiene sia utile attivare per migliorare concretamente la Qualità della Vita?
La comunicazione, l’attenzione all’altro, l’altruismo, la solidarietà, la consapevolezza, l'amicizia. 

Quali sono gli obiettivi a lunga scadenza dell’Associazione? 
Diventare una Ong. Organismo non governativo per quanto riguarda la parte estera del nostro percorso.
 
Può raccontarci un breve episodio, per lei particolarmente significativo, della sua attività di Volontario-Clown?
Nel nostro sito, alla pagina “diari” troverà decine e decine di episodi raccontati dai volontari e anche da me… www.clownterapia.it, nel mio libro "Clownterapia" ed. Neos troverà diversi brani di diari scritti in questi anni sia in ospedale, sia in missioni. 

Infine, se dovesse rappresentare questa particolare realtà attraverso un film, una fiaba o una storia (ecc.), quale sceglierebbe?
"Alice nel paese delle meraviglie" e "Peter Pan".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

2^ Giornata del Naso Rosso: 2 aprile

Post n°20 pubblicato il 04 Marzo 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Mancano 28 giorni alla 2^ Giornata del Naso Rosso, l'evento più importante di VIP ViviamoInPositivo.
31 associazioni Vip si stanno preparando per scendere in piazza il 2 di aprile con workshop, parchi giochi per i bambini, truccabimbi, musica, giochi, palloncini e soprattutto tantissimi Nasi Rossi da distribuire a tutti.

Quest'anno la Giornata del Naso Rosso coinvolge gli Ospedali dove i volontari Vip Clown prestano servizio settimanalmente e la cultura: "Un naso Rosso per la cultura" è lo slogan di quest'anno.

Il 10% del ricavato della raccolta fondi verrà infatti destinato agli Ospedali dove i nostri volontari prestano servizio settimanalmente e agli stessi ospedali verranno donati libri.
Il resto della raccolta fondi verrà destinato ai progetti "Circo-stanza": il circo in una stanza, atelier di arti circensi e di pedagogia per minori a rischio e "Un Clown In Famiglia": assistenza domiciliare post-ospedaliera per bambini con patologie oncologiche o gravi. 

Che altro aggiungere?
Avrete notizie su cosa proporranno i clown Vip nelle vostre città e su dove potrete trovarli.
Nel frattempo, fate un giretto sul nostro sito:
www.giornatadelnasorosso.it



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Clown e Olimpiadi

Post n°19 pubblicato il 20 Febbraio 2006 da clownaureola

 Ethical Village – Torino sabato 18 febbraio 2006 – OLIMPIADI                            

Qualcosa in effetti mi aveva fatto notare che siamo entrati nel periodo delle Olimpiadi qui a Torino.

L’arrivo della fiaccola Olimpica presso l’ospedale Regina Margherita, per esempio, che noi clown siamo andati a ricevere insieme a migliaia di persone, giovedì 9 febbraio.

L’apertura di C.so Francia, lo sgombero di tanti cantieri che ostacolavano la stupenda vista di questa mia splendida città.

Le bandiere olimpiche appese lungo tutti i grandi viali e le strade principali.

Il traffico che pare non esserci più da quando sono iniziate le olimpiadi.

L’invasione di persone che girano la città scattando foto ai monumenti, passeggiando serenamente mentre guardano le vetrine, facendo acquisti e ammirando la pulizia e l’ordine che caratterizza Torino.

I mezzi pubblici che passano puntuali, i treni che manco a dirlo fallo lo stesso, un’organizzazione  per tutto che dire precisa è davvero dire poco.

Tutto merito dei 20.000 volontari. E di tutti gli altri che coordinano in maniera meravigliosa gli ingranaggi di questa grande manifestazione.

Non mi pare vero che tutto questo accada a Torino.

Fosse in un’altra città, salterei sul primo treno per raggiungerla! Perché non potrei perdermelo per nulla al mondo!

Ma per fortuna,  qui  a Torino ci vivo,  e posso respirare a pieni polmoni questa stupenda Atmosfera Olimpica.

Ed a proposito di atmosfera olimpica,  Sabato 18,  mi ci sono davvero tuffata a pesce!

Siamo stati invitati, noi clown di Vip  ad essere presenti al villaggio Etico, la finestra sul volontariato della città di Torino, nell’ambito delle Olimpiadi.

Ci siamo arrivati in 4 senza sapere del successo che di li a poco avremmo avuto.

Eravamo presenti, Io Svampita, Sir Aquilone, Fiammella e Mosaico.

Siamo arrivati alle 14.30 ed abbiamo allestito il tavolo che ci era stato assegnato provvedendo a mettere bene in vista i Giornalini di VIP ITALIA che raccontano chi siamo e cosa facciamo e i volantini di Vip Torino. E poi ci siamo organizzati per fare una versione particolare del TRUCCABIMBI denominata : il TRUCCATURIST !!!

Ovviamente abbiamo avuto un grande, anzi enorme successo! Perché sempre parlando di Atmosfera Olimpica, e se non si cammina per Torino, purtroppo non lo si può facilmente capire, alle persone si è risvegliato il senso di Patriottismo. E finchè si parla degli stranieri, forse è cosa normale che questo sia, ma a parer mio , non lo è, anzi non lo ERA dei Torinesi!

E invece come per magia i torinesi si sono lasciati trasportare da tutto ciò che ho descritto sopra. Da questo spirito che aleggia sopra di noi, che non è palpabile a mano, ma che è facilmente percepibile e contagioso. E così abbiamo dato il via al "truccaturista" sfoderando meravigliose bandiere sulle guace divertite di Canadesi, Francesi, inglesi, tedeschi ma anche, ed è questo il vero stupore, sui visi di alcune Signore in pelliccia, mariti e mogli incuriositi, anziani che per la patria farebbero ancora qualunque cosa,  ragazzi che ci tengono a far sapere di essere gli italiani ospitanti di questo stupendo evento! Tutto questo con un contorno di canti magistralmente interpretati dai Cantanti Per Caso. Alcuni passano, prendono il nostro volantino e ci dicono che sanno chi siamo, che ci hanno visto in ospedale, che conoscono il clown tale o quell’altro, c’è chi addirittura riconosce il nostro presidente Nazionale perché ha letto il suo Blog!

Come sempre ho la meravigliosa sensazione che essere clown ti porta al di la di ogni bandiera, di ogni religione e di ogni confine.

E mentre Aquilone spaventa i passanti e fa impazzire tutti con le sue interviste Tedesche, mentre trucchiamo i turisti e i torinesi facciamo anche dell’intrattenimento goliardico improvvisando un’inglese sconcertante che fa davvero divertire anche le persone più serie.

Il periodo di presenza che c’è stato richiesto andava dalle 14.30 alle 15.30…bhè…siamo rimasti fino alle 17,00  e a guardare l’affluenza, il divertimento reciproco e la partecipazione non saremmo più venuti via!!!

Credo di aver reso l’idea del coinvolgimento reciproco che questo servizio ci ha offerto…con gli occhi di un clown ovviamente.

Svampita – Torino

 Clown

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Preghiera del clown

Post n°18 pubblicato il 20 Febbraio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Noi ti ringraziamo nostro buon Protettore per averci dato anche oggi la forza di fare il più bello spettacolo del mondo.Tu che proteggi uomini, animali e baracconi, tu che rendi i leoni docili come gli uomini e gli uomini coraggiosi come i leoni, tu che ogni sera presti agli acrobati le ali degli angeli, fa' che sulla nostra mensa non venga mai a mancare pane ed applausi. Noi ti chiediamo protezione, ma se non ne fossimo degni, se qualche disgrazia dovesse accaderci, fa che avvenga dopo lo spettacolo e, in ogni caso, ricordati di salvare prima le bestie e i bambini.Tu che permetti ai nani e ai giganti di essere ugualmente felici, tu che sei la vera, l'unica rete dei nostri pericolosi esercizi, fa' che in nessun momento della nostra vita venga a mancarci una tenda, una pista e un riflettore. Guardaci dalle unghie delle nostre donne, ché da quelle delle tigri ci guardiamo noi, dacci ancora la forza di far ridere gli uomini, di sopportare serenamante le loro assordanti risate e lascia pure che essi ci credano felici. Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono, ma non importa, io li perdono, un pò perchè essi non sanno, un pò per amor Tuo, e un pò perchè hanno pagato il biglietto. Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene, rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola, ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura. C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità, noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi, qualcuno su questo mondo capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.


Dal film: "Il più comico spettacolo del mondo" di Totò

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

 "La circolazione dell'amore"

Post n°17 pubblicato il 14 Febbraio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Non preoccupatevi di sapere se la persona da voi amata è la stessa che vi ama. L'amore circola e va dall'uno all'altro: lo si riceve e lo si deve dare. Ciò che date all'essere che amate, esso lo darà a sua volta a colui che ama, e si formerà così una catena, una corrente che parte da voi e che ritorna a voi passando attraverso migliaia di esseri.
 
[Omraam Mikhael Aivanhov]
 
Buon S. Valentino!
Aureola

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Libro: "Clownterapia"

Post n°16 pubblicato il 09 Febbraio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

"Clownterapia" di Aureola - Neos Edizioni - Euro 15
(per acquistarlo: librivip@libero.it )

Una pagina tratta dal libro:

Perché Clown?

Ma perché clown? E’ una moda, una tendenza? O uno stato dell’anima che mi ha mosso a mettere insieme uno stormo di “angeli-clown”?

L’idea iniziale era di unire un bel po’ di gente colorata, allegra e soprattutto amica del prossimo.

Durante il laboratorio di comicoterapia mi sono resa conto che ciò di cui abbiamo tutti bisogno è di ridere per lasciare da parte i pensieri molesti, le preoccupazioni almeno per un po’. E per chi sta male fisicamente? Dobbiamo instaurare lo stesso processo: far sì che per un po’ di tempo non pensino alla malattia, mi sono detta,e così è nata l’idea del clown.

L’idea che avevo io del clown  non era collegata al clown da circo, al clown da spettacolo, ma al clown pasticcione-combinaguai, ingenuo che avrebbe innescato in chi lo vedeva-ascoltava una reazione di curiosità.

Il mio personaggio clown è una specie di contadinotta del bergamasco, la cui passione sono le mucche e infatti ho mucche “dappertut”, la mia voce ha una cadenza dialettale bergamasca molto accentuata, la mia camminata è ondeggiante e sono sempre incuriosita da tutto ciò che vedo, ma soprattutto ho una domanda che mi sta a cuore e che faccio a tutti: “ma tu, quante mucche hai?”

Si sono instaurate situazioni esilaranti con i pazienti ospedalieri, un signore sardo all’ospedale Molinette di Torino ha contrattato con me per mezz’ora cercando di scambiare le sue pecore con le mie mucche!

Il clown è un grande strumento, il naso rosso apre le porte, è una maschera piccola e magica, toglie le barriere, crea amici, fa sorridere, attira la gente, semplifica le comunicazioni.

Certo, il film “Patch Adams” ha favorito non poco la pubblicità sulla clownterapia, non so se gli ospedali ci avrebbero aperto le porte senza quel film. Ma tanté, ben venga!

Patch è una persona sensibile e meravigliosa, piena di ideali pacifisti e utilizza il suo naso rosso per portare la pace.

Io con Vip utilizzo il clown come “chiave”, per aprire la porta alla relazione e alla comunicazione con la gente, in ospedale, ma anche in strada e soprattutto nelle missioni, di cui vi parlerò più avanti.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Distruggi un sito!

Post n°13 pubblicato il 07 Febbraio 2006 da clownaureola

C'è un sito che non vi piace? Niente paura potete distruggerlo usando le armi che preferite (eheehehe!!!):

http://www.netdisaster.com/

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il clown

Post n°12 pubblicato il 07 Febbraio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Il clown per definizione è colui che si dispone al centro della "pista" per far ridere della sua ignoranza e semplicità. Il pubblico gli riconosce una simpatia immediata, ciò nasce dal riconoscimento nel clown della nostra parte inadeguata alla situazione che dobbiamo vivere. Per i bambini è l'adulto straordinario perché in grado di viaggiare a piacimento nel mondo della fantasia. Dentro di se il clown è riuscito a mantenere il contatto con il bambino che è stato nell'infanzia e che aveva abbandonato come quasi tutti gli adulti il giorno che aveva deciso di diventare grande ed assumere un'aria intelligente. Prendendo una tale decisione l'adolescente ripudia il suo trascorso fanciullesco in cambio di un ansiogeno desiderio di diventare come i grandi che decidono su tutte le cose.Il clown è un carattere di personaggio che vede il mondo con gli occhi del bambino e porta con se una sensazione di assoluta assurdità nei confronti del contesto in cui vive e del mondo intero. Nelle sue semplici e apparentemente ingenue routines si manifesta la speranza di aprire gli occhi e i cuori agli spettatori, di farli riflettere su cose che non realizzeranno mai perché dormono.
Il clown contesta i modelli che noi seguiamo senza opporci e indica così le assurdità della vita che sono dappertutto. Il mondo del clown è un luogo di stupore e meraviglia a volte gioioso a volte disperato, ma sempre sorprendente. Per il clown ogni situazione ha sempre in se potenziale gioia e potenziale pericolo. Ambedue sono eccitanti e conferiscono un'importanza vitale ad ogni attimo. E' come se il clown fosse costantemente in funambolico equilibrio sul sottile filo della vita.

MONSIEUR LOYAL

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Condivisione di MonBut -Post Corso Clown a Milano

Post n°11 pubblicato il 06 Febbraio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Ciao Aureola,
E' trascorsa già una settimana dal corso di formazione, nn posso dire che la mia vita è cambiata, ma le emozioni che ho vissuto le porterò dentro di me per sempre.
Venerdì 27: neve, Milano paralizzata, mentre guardavo dalla finestra tutta quella neve scendere, mi dicevo:"Marco stà a cà tua". Stava salendo il lato pigro che tende a rimandare le cose... Chiamo Bonito e mi dà l'ok per l'inizio del corso di formazione, allora mi faccio coraggio, prendo tutti i miei attrezzi per affrontare il clima montano e parto.
Salgo in macchina e mi sale lo sconforto, non riesco a muovermi... decido allora di prendere il metrò, scendere a Lanza e prendere il tram (n°12) per arrivare. Aspetto il tram, che nn arriva, dopo 20 minuti decido di farmela a piedi e seguire le rotaie per prenderlo al volo cercando di nn farmi tirare sotto (nn ho mai visto luci di tram dietro di me). Mentre camminavo pensavo a come una forza della natura (Fiocchi di Neve - ndr: il nome del nuovo gruppo Clown di Vip Milano) potessero fermare e cambiare il movimento ciclico e stressante di una città come Milano, era affascinante vedere le auto a 10 all'ora slittavano ad ogni curva, persone che aiutavano una signora anziana ad attraversare, io che per recuperare i 20 minuti persi nell'attesa del tram, correvo in mezzo alla strada come Forrestgump e sorpassavo pure le macchine. Tutto questo sembrava assurdo, mi stavo facendo uno sbattimento coi contro"fiocchi" ma ogni passo che mi avvicinava alla metà era carico di adrenalina e curiosità, un pò per l'atmosfera e l'effetto magico della neve e un pò perchè nn vedevo l'ora di arrivare per vedere e conoscere tutte le persone che avevano ricevuto ed ascoltato quel messaggio arrivato per "caso" ad ognuno di noi.
Già dall'inizio, appena entrato ho subito sentito la stanza carica di energia, con molto piacere ho rivisto i visi delle persone che hanno fatto colloquio con me e poi mi sono messo subito al lavoro. La cosa che mi affascinava era vedere tante persone di diverse età che dolcemente si aprivano e si lasciavano scoprire per quello che erano senza paura di essere giudicate.
Gli esercizi proposti aiutavano a questo, ma il merito e il risultato dell'esercizio sono stati nostri, perchè ci siamo abbandonati a vivere l'esperienza e sentire le emozioni con ogni compagno.
Mi sono piaciuti tutti gli esercizi, sia individuali(rilassamento) che collettivi, quello che mi ha colpito di più è stato il salto nel vuoto, perchè se lo mettessimo in pratica anche nella vita "normale" e fossimo consapevoli che c'è sempre qualcuno a prenderci, riusciremmo a raggiungere il ns obiettivo o scopo esistenziale lasciandoci la paura alle spalle del dover sbagliare o cadere e farsi male. (sono stato un pò metaforico, spero di aver reso l'idea). Un'altra emozione fortissima, da commozione (celebrale e spirituale) è stata quando ci siamo riuniti Domenica, alla conclusione del corso, e tu Aureola, ci hai donato il tuo cuore.
E' proprio vero che a volte è il gesto che conta, ma se potessi tu l'avresti fatto veramente; ho provato un'emozione grandiosa, è come se avessi visto velocemente tutta la tua vita (per quel poco che hai raccontato tu e nn vedo l'ora di leggere il tuo libro) e ho ricevuto un ulteriore messaggio o conferma che quello che avevo sentito era giusto. Tutti, ognuno di noi lo sentiva, e quel momento di silenzio e ricezione lo testimoniava, è stato veramente toccante.
Un grazie di cuore ancora, secondo me il corso si dovrebbe fare ogni anno, un modo per ricaricare le pile, perchè credo che anche i claun angeli che hanno partecipato ad alcune attività, abbiano rivissuto le emozioni passate, quindi mi faccio promotore per questa iniziativa.
Dimenticavo, ho scelto il nome MonBut perchè se non sono arrivato coi piedi gelati quel Venerdì è stato grazie a loro...

Un abbraccio e a presto
Ciao MonBut

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Brasile - Missione Clown a  Barreiras

Post n°10 pubblicato il 03 Febbraio 2006 da clownaureola

Ecco il link al filmato fatto dal Clown Billy durante la missione VIP a Barreiras (Brasile) 2005

http://www.clownterapia.it/album/_video/BARREIRAS2005.wmv

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Una condivisione post Corso di Formazione a Milano

Post n°9 pubblicato il 03 Febbraio 2006 da clownaureola

ciao Aureola!!
grazie veramente di cuore per tutto!
Il corso di formazione è stata un'esperienza veramente ricca per me, sotto tantissimi punti di vista.
Il lavoro di perlustrazione di noi stessi è stato a tratti divertente, a tratti difficile ed a tratti persino commovente. E' così raro trovare tempo per ascoltarsi ed anche per osservarsi. Nel corso ho sentito che qualcuno abita in me, e sono proprio io :-) questo io mi può aiutare tantissimo, se gli dò un po' corda ;-) (magari non troppa).
Dopo la scoperta di noi stessi, ed avere abbassato un po' le barriere, è stato fantastico avventurarci insieme nel gioco e nella dimensione della vera festa! la gioia sprizzava da tutti i pori ... i sorrisi sono veramente contagiosi e sprigionano una energia fortissima.

Quando poi la gioia ha uno scopo, non solo del singolo, ma anche corale ... bè allora non ci si sta proprio più dentro! gioia e dono viaggiano a braccetto :-) alla conquista del mondo!
Per finire, io mi sono commossa molto nel vedere quante cose l'Associazione sta realizzando ... come dire ... quando decidi di metterti a servizio, la tua vita cambia, non poco, tantissimo! parte un'avventura che non ha più fine; è proprio vero che c'è un progetto :-) basta avere fiducia ... Ci conto
:-))))))) ... così tante cose ... e siamo solo all'iniziooooooooooooooooooooo
un abbraccio forte a te e a tutti
grazie ancora infinite

lamu

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Corso Clown a Milano: "I fiocchi di Neve"

Post n°8 pubblicato il 30 Gennaio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Lo scorso WE l'ho trascorso a Milano, sommersa (Milano) da una coltre di neve... a formare un nuovo gruppo di volontari "Clown di Corsia" che andranno a portare gioia negli ospedali milanesi.
Ogni volta che conduco uno di questi corsi mi carico di una energia immnensa e mi stupisco di quanta bella gente ci sia al mondo, gente che ha deciso di dedicare il suo tempo agli altri, gente che si mette in discussione fino al punto da truccarsi e mettersi il naso rosso (a qualunque età!). No, non si tratta di santi o di persone più buone delle altre, alcuni volontari rimangono in associazione perché credono fermamente in quello che fanno, ma  altri dopo un po' se ne vanno... alcuni fanno volontariato clown per trovare amici, altri cercano compagnia, ancora altri perché credono nella missione di portare la gioia... Ma la cosa più bella per me è vederli aprirsi durante i corsi, vederli superare le barriere, i pregiudizi, i limiti e scoprire il proprio "clown interiore" che poi, altro non è che la nostra parte più vera, più bambina, più incontaminata.
Il clown ti permette di fare cose che da "persona comune" non faresti mai... E' questa la sua magia...
E ancora oggi, dopo quasi 8 anni, mi intenerisce e mi carica condurre un corso clown e sono grata ad ognuno delle splendide persone che ho conosciuto nello scorso WE, i nuovi clown del gruppo "Fiocchi di neve" di Vip (ViviamoInPositivo) Milano: Putipù, Parrucchina, Cloc, Magiclu, Lassù, Lamù, Banzai, Caciotta, Balzo, Lalalla, Zazzà, Fusilla, Burro, Struffolina, Tamatta, Monbut, Brizzo, Biribiri, Gufetta, Testina, Gigì, Polla, Picanto, Palladipelo, Floresita, Copito, Leprotta, Marietto e Ciacanè.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

La Giornata del Naso Rsso

Post n°7 pubblicato il 25 Gennaio 2006 da clownaureola

In Vip fervono i preparativi per la Giornata del Naso Rosso del 2 di aprile.

Gli ospedali contattati in tutt'Italia sembrano felici di questa iniziativa che li coinvolge, infatti la settimana prima del 2 di aprile distribuiremo nasi rossi negli ospedali e faremo spettacoli, mostre fotografiche e celebreremo i clown in corsia.

A Torino saremo in P.za Castello con una sorta di Luna Park Clown....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 6

Post n°6 pubblicato il 23 Gennaio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Dai Clown "Applausi" Vip di Roma mi giunge questo post:Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Clownterapia o clowntherapy. Il termine si compone di due parole chiave: Clown + Terapia.

Sebbene ad oggi parlare di terapia può apparire un azzardo (uno dei più noti clowndottori o clown di corsia, Patch Adams, in diverse interviste ha negato l'esistenza di una 'terapia' in senso stretto) recenti studi dimostrano che il sorriso, la risata e il buon umore incidono in maniera considerevole sui tempi di guarigione di diverse patologie anche gravi.
Generalmente con il termine clownterapia si indica l'applicazione di un insieme di tecniche derivate dal circo e dal teatro di strada in contesti di disagio (sociale o fisico), quali ospedali, case di riposo, case famiglia, orfanotrofi, centri diurni, centri di accoglienza ecc.
Il dibattito su cosa sia un clown-dottore, su quali siano le sue competenze e quali siano i limiti di intervento resta ancora aperto. Poichè tale disciplina viene portata avanti soprattutto in maniera volontaristica e per iniziativa di privati (in Italia esistono ad oggi decine di associazioni sparse sul territorio ognuna con un proprio statuto e una propria visione della materia), non è ancora possibile dare una definizione univoca a tale termine.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

L'amicizia universale

Post n°5 pubblicato il 22 Gennaio 2006 da clownaureola
Foto di clownaureola

Secondo Patch Adams il primo passo per vivere bene è sviluppare un'AMICIZIA UNVERSALE. L'amicizia è la medicina migliore e la risata è il contesto ideale per l'amicizia. L'amicizia è lo strumento più potente per costruire una società senza violenza.

"Per mettere in pratica questo concetto di amicizia universale - Scrive Silvia Aquilini ("Nasi Rossi" ed. Tracce diverse) - bisogna avere la forza, la convinzione e soprattutto il coraggio di andare contro gli schemi, di ribellarsi allo stile di vita nel quale siamo stati educati, devi sopportare il fatto ci essere considerato uno di quei pazzi innocui che ogni tanto si vedono in giro per le nostre città, quelli che vivono in un mondo tutto loro e che sembrano molto più felici di noi... Quindi devi proprio fregartene di quello che la gente può pensare ed essere talmente convinto che nulla può distoglierti dal tuo progetto di essere felice per rendere felici anche gli altri."

Quello che Patch dimostra ogni giorno è che lui non è clown solo in ospedale o nelle situazioni più difficili e di dolore, ma è clown sempre!
Tutti hanno bisogno del loro apporto di comicità, tutti hanno momenti in cui hanno la necessità di essere portati via dai loro pensieri.
Noi non dobbiamo essere clown solo in ospedale, ma a 360°! Questo non mi stancherò mai di riperlo ai nostri vvolontari.

Patch dice di non essere mai triste perché vive una vita di gioia anche quando accade una disgrazia che lo tocca da vicino. Il segreto è accettare che il dolore fa parte delle emozioni della vita e l'importante è sapere esprimere queste emozioni, quindi non importa quanto si possa essere addolorati, si deve comunque celebrare quest'emozione perché è parte della vita che si vive.

Ci raccontava un professore dell'Università Cattolica di Milano ad una lezione sulla psicologia delle emergenze , che una settimana dopo lo tsunami un prete locale organizzò una festa perché era domenica e disse ai parrocchiani: "La domenica è il giorno del Signore e bosogna festeggiare".
Il popolo rispose  positivamente. Dopo un dolore il celebrare significa "tornare a vivere".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

TORINO - Il libro "I nasi rossi" di Silvia Aquilini

Post n°4 pubblicato il 19 Gennaio 2006 da clownaureola

TORINO - Sabato 21 gennaio alle ore 18.00 alla Libreria Zanaboni di Torino ci sarà la presentazione del libro del Clown Lana di Bologna "Nasi Rossi".
Saremo presenti in tanti noi clown per partecipare la nostra gioia alla collega di Bologna.

Dalla quarta di copertina scrive Silvia (Clown Lana):
mentre cammini lungo un percorso scopri che la strada che stai facendo non è più quella che vorresti seguire, forse l'hai seguita perché l'hanno scelta altri prima di te e pensi che per questo sia giusta e sicura.
Ti accorgi che le persone che la percorrono insieme a te la seguono per la stessa ragione, ma tu non hai più nulla da dire e cominci a sentire la solitudine che ti dà l'impossibilità di trovare un senso a quello che stai facendo.
E' il momento di fermarsi.
E forse è anche il momento di sperimentare l'amore.


Silvia Aquilini è nata a Bologna nel 1960 e qui tuttora vive. Dopo essersi diplomata in ragioneria decide di dedicarsi alle proprie inclinazioni naturali, tra cui il disegno. Gli anni a seguire soo un gomitolo aggrovigliato di esperienze lavorative e personali che non hanno nulla a che fare con l'arte, ma che la porteranno a diventare LANA.
Nasi rossi è il suo romanzo d'esordio.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

eio03lazzari6TurtlePieconsuelo.dolcettobamboprocaterina94guarino_eleonorarino.dsciby69Ila8484serena.pinto1987annalisaguanoilsefigliomenisabrina690Shunyatadance
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom