Creato da Dolce.Marea il 25/12/2008

DolceMarea

La ricchezza somiglia all'acqua di mare...

 

 

« E poi...Vorrei... »

Gitano...

Post n°57 pubblicato il 21 Febbraio 2009 da Dolce.Marea
 

http://digilander.libero.it/Dolce.Marea/gitana.jpg

Non potevo non restare stregata, non potevo  non lasciarmi trascinare... non potevo mantenere il controllo... il sangue bolliva... il corpo seguiva il suo tempo... la notte mi chiamava e  io non potevo  far finta di non sentire. Erano arrivati il giorno prima... avevo visto dalla finestra le carovane che si stavano organizzando nel prato per fare il campo... come l'anno scorso, come l'anno ancora prima, come tutti gli anni... ho  sentito il richiamo e  come ad un comando ho risposto. Sono  scesa,  avevano acceso il fuoco nel campo... era la loro festa, avevano il permesso... avevano i loro suoni, le loro musiche... le loro storie, ognuno raccontava la sua e poi al termine di ogni storia un canto, un ballo ad un ritmo sempre più alto, ad un tempo sempre più remoto...  Atos mi  vide, senza che  io  mi  mostrassi, senza attirare la sua attenzione, ma come entrai nella sua sfera visiva posò il suo sguardo su di me e non mi mollò, lo tenne fisso inchiodato, gli occhi dicevano ciò che la storia raccontava e la musica si rifletteva sul suo corpo lucido e caldo, lo sentivo anche se eravamo a dieci metri di distanza. Ero tutta tesa.. ma bramavo al pensiero che l'attesa non sarebbe durata molto... ma serviva ad accendere tutte le luci...  mi rimandava ad altri tempi, ad altri ricordi che ora potevano essere rievocati e vissuti... il fuoco giocava con i suoi capelli e i suoi occhi neri cupi e profondi che mi sapevano portare lontano mi parlavano e mi cullavano... siamo rimasti fermi per più di mezzora.. non sapevo quanto ancora saremmo rimasti così, ma il tempo non aveva attimi, non c'erano secondi o minuti... solo la tensione dell'ora... l'immagine di quella atmosfera irreale e così vera... chiudo gli occhi un secondo non c'è più... accellero il respiro... e poi le mani, le sue, grandi, forti, nervose mi prendono la vita e mi sollevano, mi stringono al suo petto e mi fanno scivolare sul suo corpo facendomi sentire la forza del desiderio, la forza della passione.  Mi porta nella sua carovana e mi fa indossare il mio vestito, mi guarda spogliarmi senza toccarmi, senza fare un passo... solo i suoi occhi fissi quasi a marchiarmi... in una forma di possesso che solo lui ha su di me... e poi usciamo... la storia sta finendo,  sta per cominciare la nostra musica, è il tempo della nostra danza... ci mettiamo in mezzo... ci giriamo in tondo e poi siamo solo noi e il  fuoco,  noi e la notte,  noi e il ritmo, noi e il cuore che batte... noi e la vita...  l'inizio di una notte che può durare un attimo o può durare per sempre...  ma è la notte dei tempi che non finisce mai e non comincia mai... sento il mio corpo che respira... sento la mia passione che mi parla...  ogni mio senso è vivo...  ogni mia parte  è sollecitata,  chiamata,  sfinita  e  viva... 

nulla è lasciato al caso... tutto è lasciato al fato, di un gitano e la sua donna.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

 
Dal mio carissimo amico Orso

Dolce sirena ammaliatrice,

Figlia di quel mare verde e profondo,
Che vedo riflesso negli occhi tuoi di ghiaccio.

Dominatrice dei flutti che percuotono le scogliere
O s'adagiano languidi sulle spiagge deserte.
Bramo di perdermi nelle profondità
degli occhi tuoi sognanti.

Ché dolce è l'oblio con la persona amata.
L'Orso
Grazie Orso, ti voglio bene.
 

Da Silente_Anima

Dietro ai tuoi occhi
c'è il mare della dolcezza
che arriva sulla spiaggia
dell'amore a infrangere
con la sua voce le parole
che il vento disperde
ma che il cuore raccoglie
e le tiene vicino all'anima
per sentire la felicità
che nell'infinito sogno
vuol vivere e gioire.

Grazie Mauro

 

Da Vince198

In questa notte d’autunno
sono pieno delle tue parole
parole eterne
come il tempo

come la materia
parole pesanti
come la mano
scintillanti come le stelle.
Dalla tua testa
dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te
le tue parole, madre
le tue parole, amore
le tue parole, amica
Erano tristi, amare
erano allegre,
piene di speranza
erano coraggiose, eroiche
le tue parole erano uomini.

(Nazim Himet)

Grazie Vincenzo

 

Grazie Cindarella999

 

AREA PERSONALE

 
 

 

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 

FACEBOOK

 
 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 

ULTIME VISITE AL BLOG

piantamortaventodamore0magnetica_mente.2016mariomancino.mfedegazzucemedmenelik8camara70giuba46claudia.holatamai_aelibetty1959pantaleoefrancafantasyland3pass27
 

ULTIMI COMMENTI

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom