Creato da ginomoschella il 20/11/2009

DelittiSenzaCastighi

Romanzo

 

 

« IL GIOCO AMBIGUO DI ELEONORAIL MARITO DI ELEONORA »

IL LICENZIAMENTO DI ZIO PIERO..ovvero..SI APPREZZA LA LIBERTA' QUANDO NON LA SI POSSIEDE

Post n°15 pubblicato il 07 Aprile 2010 da ginomoschella

Lo zio Piero arrivò al porto con notevole ritardo, i suoi compagni lo rispettavano, ma con il capo squadra non correva buon sangue perché questi era un fascista della peggiore specie.

“Vi ho detto l’ultima volta che qui ognuno deve adempiere al proprio dovere dall’alba al tramonto e non è consentito arrivare in ritardo. Quindi siete licenziato.”

“Verrà un giorno che non avrete più l’autorità di licenziare così i lavoratori e quel giorno sarà la fine del sopruso e il trionfo della libertà.”

“Voi meritate il confino, siete un disfattista, un traditore adesso ci penso io, traditore, traditore.”

Il caposquadra gridava come un ossesso nei confronti del suo sottoposto che stava per sferrargli un pugno; alcuni compagni presero zio Piero e lo trascinarono lontano, mentre l’altro continuava a gridare minacciando la fine del mondo, passeggiando su e giù e sbattendo il frustino sugli stivali.

Calava la sera, zio Piero era seduto su uno sgabello innanzi alla porta, quando alla spicciolata arrivarono alcuni compagni di lavoro. Poi tutti entrarono nella baracca.

“Su zio Piero siamo venuti e vogliamo cenare con voi ecco perché abbiamo pensato di portare qualcosa e così passare la serata insieme.”

“Ragazzi che c’è? Ditemi subito di che si tratta.”

“Niente zio Piero, questa volta siamo venuti a dirti che puoi tornare al porto. Sì, anche se la tua faccia mostra che non credi a queste parole, il capo ci ha più volte ripetuto che hai la possibilità di riprendere a lavorare.”

“Non  è  che non credo in voi, ma conosco bene quei miserabili e se hanno stabilito così, si vede che sotto ci deve essere qualcosa. Mi fanno tornare al lavoro per tendermi una trappola e poi gettare la colpa, come sempre avviene in questi casi, su qualche innocente. E’ già successo. No, stavolta non permetterò di gloriarsi per una impresa fasulla, come fanno spesso. Resto qui in attesa di tempi migliori. Si guardarono negli occhi e nessuno ebbe più la forza di insistere perché capirono che zio Piero aveva ragione; si alzarono, il più giovane si avvicinò, e gli prese la mano.

“Quando verrà quel giorno che tu aspetti?”

“Verrà, abbi fede! E se quel giorno io non ci sarò, ricordati che i nostri sogni, sono tanto più belli  quanto più è difficile realizzarli. Oggi noi desideriamo ardentemente la libertà perché non la possediamo. Purtroppo, spesso, uno, che  possiede un bene non riesce ad apprezzarlo come dovrebbe e finisce col perderlo.”  

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

IlGrandeSonnoanonimo.sabinomax_6_66caracolahelixale06pupi13sfalco58dgloccorre_talentopsicologiaforensecomesabbiastrong_passionDIAMANTE.ARCOBALENOunamamma1vincenzoschieppatiper_lettera
 

ULTIMI COMMENTI

......buona notte e buon inizio settimana un sorriso...
Inviato da: ginevra1154
il 26/09/2010 alle 23:46
 
Ohmamma! mi sa che devo iniziare dal primo post.
Inviato da: Io_Crisalide_Inversa
il 08/06/2010 alle 23:50
 
confidiamo
Inviato da: ginomoschella
il 19/05/2010 alle 16:38
 
Dunque... un romanzo a puntate? :-)
Inviato da: LuceNera0
il 18/05/2010 alle 15:18
 
quale pagina?
Inviato da: ginomoschella
il 11/05/2010 alle 00:37
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom