Green Chronicles

Vita, morte (tiè!) e miracoli ... ma soprattutto le assurdità che mi vedono protagonista! (Mi raccomando, non perderti nessuno dei miei TALES FROM THE PAST!), finalmente in alta definizione e aimè overcloccato!

 

SE TI HO STRAPPATO ALMENO UN SORRISO...

immagine
QUI!
e già che ci sei, vota quella sagoma della Lady
QUI!
 

A COSA STÒ GIOCANDO...

Maledetta Electronic Arts...
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Mr.Green_76siamodiferrodiletta.castelliRaffy_dglladylukestellacometaxxxxxena780Obersteantoooonioclaudio2012sanna90bucchicalaioImpossible_vrgiulydanpelizzar
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Mr.Green_76
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 43
Prov: BS
 

MUSICA

 Mi raccomando, fai PLAY ogni volta che entri! ;)

120% Malinconia :(
Dedicato a stà QUA'

 

 

Home Alone, but this time the home is mine!

Post n°355 pubblicato il 04 Gennaio 2011 da Mr.Green_76
Foto di Mr.Green_76

Segno il ritorno a scrivere su questo mio amatissimo blog narrando l'evento che ha fatto la differenza e che ha segnato la mia vita in questo anno e passa che, per di qui, non sono passato.

Torniamo all'inizio di questa estate: come tutti gli anni i miei sono andati un mesetto in ferie (come al solito si parte con le classiche due settimane e poi si finisce che stanno via quasi un mese) a "Villa Pippi" -(la storia di "Villa Pippi" torna buona per una delle "Tales from the Past"), altremente detta "la casa al mare".

Villa Pippi si erge ad un tiro di schioppo dal mare. Purtroppo il mare in questione è lo specchio d'acqua di fronte a Lecce, cosa che fà si che sia a circa un migliaio di chilometri sia dalla casa dei miei che dal GreenHQ.

Vuoi la distanza, vuoi il doversi occupare di tutti gli aspetti della mia vita per un mese circa o vuoi forse che non avendo i miei sempre attorno l'ha resa una cosa più facile, fatto stà che ho preso la scelta di trasferirmi definitivamente al GreenHQ.  E per "trasferirmi" intendo proprio trasferirmi.

Dico subito che, alla fine, il grosso del trasferimento è stato portare il computer principale dalla casa dei miei al GreenHQ che, dopo l'installazione di tutto il mio materiale, assomiglia molto piu alla Bat- Caverna che all'appartamento di quel rispettabile professionista che dovrei essere.

Quando i miei, dopo il mese al mare, sono rientrati, ho annunciato -lasciando casa loro per la notte- che il trasferimento era divenuto effettivo. La GreenMamma, presa forse alla sprovvista, aveva commentato accompagnando l'occhio lucido ad un "ah..." mentre il GreenPapà aveva commentato con un più rilassato "Ooooh, finalmente!".

Sta di fatto che, solo due giorni dopo la mia dipartita, ricevevo la telefonata della GreenMamma che mi invitava ad andare a prendere il resto della mia roba prima che lei, personalmente, provvedesse allo smaltimento presso il centro della raccolta rifiuti.

Una settimana dopo la mia ex camera era già stata convertita in un pratico e comodo salottino. Entrandoci mi sembrava di non aver mai vissuto in cotal luogo.

 

Diciamo subito che vivere da solo da le sue belle soddisfazioni: (se non fosse che sono sempre troppo coppato -ndGreen: stanco- per farlo) vado e vengo quando voglio, posso rimanere sveglio quanto mi pare senza disturbare nessuno ed altre chicche come "caterino" (ma anche di questo parleremo magari un altra volta).

Daltro canto ci sono anche cose negative come: il frigorifero sempre vuoto (ma c'è la pizzeria che consegna a domicilio ;)), le cosine da fare in casa (ma per quelle ho una validissima aiutante), le spese continue (e su questo non c'è nulla da fare :)).

 

Ci sono tante altre cose che sono successe in questi ultimi anni, di cui mi piacerebbe scrivere... speriamo di trovare il tempo!

 

 
 
 

Still Alive

Post n°354 pubblicato il 01 Novembre 2009 da Mr.Green_76

Come da oggetto, sono "Still Alive" e spero di tornare presto!

 
 
 

.

Post n°353 pubblicato il 25 Aprile 2009 da Mr.Green_76

Live from Vancouver (Canada): sono ancora vivo, e due!

Considerando che è da quando son o tornato dalla cina che non ho acora avuto modo di scrivere sul mio blog, colgo l'occasione di essere stato mandato a tradimento a Vancouver per farlo... HEEEEEEELP! Voglio scendereeeeeee!!!!

 

PS: buon 25 Aprile, voi che potete godervelo, ssssiiiiiggggghhh!

 
 
 

.

Post n°352 pubblicato il 21 Marzo 2009 da Mr.Green_76

Ci sono ancora!

Ore 10.45 di un sabato non qualunque.

Mi prendo qualche minuto per scrivere su questo blog che è stato -per dirla tutta- decisamente trascurato.

Haimè questa mia lunga assenza non è stata certo frutto di un trasloco su FaceBook, come una certa Marmotta aveva immaginato, ma bensì di una totale ed inevitabile mancanza di tempo.

Ormai la media di lavoro si attesta tra le 12 e le 14 ore al giorno (continuate) culminate in questo periodo con la preparazione in contemporanea di ben tre fiere. Una a Brescia -che nella sua totale inutilità ci ha impegnati più delle altre due-, una in Cina ed una a Boston.

Considerando che siamo in tre (di tecnici) nel gruppo, ciascheduno è stato scelto per presenziare ad una. Considerando la mia solita dote di *ulo, a me è toccata quella in Cina (MV China).

Partenza oggi pomeriggio, alle 15.05 dal Catullo di Verona.

Se è da un pò che mi leggi saprai di quella mia fobia del volo. Diciamo che 12 ore di aereo non possono che garantirmi uno shock non indifferente.

Ovviamente, su 365 giorni utili per la partenza alla fine quando sono andato a partire? Il giorno prima del compleanno di Lady.

Se tutto questo non bastasse, stamattina mi sono alzato tra sternuti e tosse.

Se questa non è sfiga.

Ma non siamo qui a polemizzare.

Spero in futuro di avere un pò di tempo da dedicare nuovamente a questo spazio a cui sono molto affezionato. Per dirla tutta spero di avere in futuro DEL tempo da dedicare anche semplicemente a contemplare oziosamente il nulla.

Saluto comunque tutti, ma, come al solito, una persona che più degli altri è... la migliore!

Si si, proprio quella che sopporta i miei sproloqui e si pippa i casini che mi succedono al lavoro. Esattamente quella persona che vorrei sentire in tutti i momenti ma che poi finisco per sentire pochissimo e quando ormai sono troppo stanco anche solo per tenere su la cornetta.

AUGURI TESTOLINAAAAAA!

(e appena torno... SI FESTEGGIA!)

 

 
 
 

.

Post n°351 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da Mr.Green_76

I progetti di Lady per il futuro...

 

 
 
 

Post N° 350

Post n°350 pubblicato il 04 Gennaio 2009 da Mr.Green_76
Foto di Mr.Green_76

Testolini VS La Vecchia

Se leggi il mio blog, anche saltuariamente, ti sarai accorto che esistono alcuni Leit Motiv ricorrenti nelle mie storie.

Se ad esempio si parla del "Green HQ" (altremente detta "casina"), il mio rifugio in quel de "La Cittadella del Cavallo" City avrai sicuramente sentito parlare di BellaNapoli (l'inquilino del piano di sotto che alle undici di sera lascia che sua moglie si esibisca in atroci sessioni di Karaoke sulle canzoni di Gigi D'Alessio/La Tatangelo cantando appunto a squarciagola i testi scassapa... strappalacrime deigli (haimè) noti artisti partenopei) oppure de La Vecchia.

Per mantenere le tradizione (e si sà che i Testolini, in fatto di tradizioni, sono... dei tradizionalisti ), il fulcro di questo mio scritto di oggi è lei, La Vecchia appunto.
Sono quasi due anni che ho la residenza presso il Green HQ. Sono quasi due anni che nel week end sia io che Lady non possiamo dormire oltre le sette del mattino.
A quell'ora, l'inquilina dell'appartamento accanto si sveglia e comincia a parlare, a parlare e, quando tutto sembra finito, parla ancora.
Il tutto potrebbe essere tollerabile se non fosse che La Vecchia ha una voce altisonante che rimbomba per tutta la stanza. In alcuni frangenti sembra di avercela ai piedi del letto. Cosa che ovviamente è agghiacciante al solo evocarne l'immagine.
Se poi si aggiunge che dopo le otto il rumore cessa di colpo ma ormai i due poveri eroi sono troppo nervosi per tornare a dormire, hai il quadro completo della situazione.

Qualche settimana fà, esasperati dal protrarsi della seccatura (anzi, dal peggiorare: negli ultimi mesi tutte le mattine del we arrivava verso le sette, a casa de La Vecchia, un tizio anch'egli dotato di vocione ed una brutta tosse), i testolini (al secolo io e Lady), in occasione del fatto che una mattina il rumore era iniziato ben prima delle usuali sette in punto, decisero che "era ora che basta".
La situazione non solo andava presa di petto ma andava domata. Una stra*azzo di volte per tutte.
I due si accordarono per presentarsi presso la porta de La Vecchia per mettere le cose in chiaro. Con cortesia e gentilezza, ovviamente.

Alle dieci in punto, per non disturbare, i due sono sul pianerottolo, in procinto di bussare alla porta.
"Speriamo non si inventi magari una storia sul fatti che sono vecchi e malati" sussurro all'orecchio di Lady che, con uno sguardo non propriamente benevolo mi fissa di sbieco rispondendo "smettila di dire stronzate e bussa a quella porta". Immediatamente resetta l'espressione alla sua da "sorriso alla biancaneve" mentre io sfoggio il mio sorriso di circostanza. E che circostanza...

La porta si apre e, da una fessura intravediamo la faccia del nostro obbiettivo.

"Signora scusi, ha un momento? avremmo bisogno di parlarle..."
"Oh, è lei... che piacere!"
Prima mazzata.

"Hum... no signora abbiamo un problemino e vorremmo parlarne con lei un secondo..." interrompo il mio imbarazzo.
"Ma prego, entrate! Ma chi è la bella signorina?"
"Eeeeeh, è la mia fidanzata, anzi MI PREMETTA di presentargliela: Ladyluke"
"Aaaaah, piascereeee... maaaah, mi dica!"

Si introduce Lady nel discorso: "Signora, siamo venuti per chiederle se... se... fosse possibile evitare di far rumore la mattina nei weekend almeno prima delle otto... otto e mezza..."

In quel mentre mi sfugge l'occhio poco più in la, verso la tavola.
Proprio seduto rivolto verso di noi vi è lui, il marito de La Vecchia.
Le braccia sono distese lungo il tavolo con le mani abbandonate senza forza, testa piagata su un lato, bocca socchiusa, sguardo assente e occhio vitreo.

Chiudo gli occhi in una smorfia di dolore. Non può essere vero.

La Vecchia, evidentemente presa alla sprovvista finge di cadere dalle nuvole.
"Ma come? Rumore? IIIOOO? La matina? Ma... sarà quello del piano di sotto! Io non ho mai ricevuto lamentele!"

"No no signora, è propri la sua voce quella che ci sveglia tutte le mattine del week end!" dico, cercando di chiarire di cosa stò ci stiamo lamentando.

"Ma... farò forse rumore con trascinando LA BOMBOLA D'OSSIGENO per mio marito... sapete... è disabile..."
Sono sbigottito ma ho la forza d'animo di ribattere "Ma si figuri signora se quello ci darebbe fastidio... è la sua voce... che è così... intensa..."
"Ma... allora sentirete LA SEDIA A ROTELLE di mio marito..." e mentre lo dice con un ampio gesto della mano indica suo marito che è isempre la, mmobile, braccia distese, sguardo ebete e tutto il resto.

In quel preciso momento ho pensato che i casi erano due: o quei bontemponi di candid camera erano li, nascosti dietro alle spalle del vecchio, pronti a saltar fuori o stavamo facendo la più grande, smisurata ed epica strafigura dimme*da della mia vita.

Siccome dopo quest'ultima frase de La Vecchia era sceso un silenzio pesante come il piombo e non saltava fuori nessun cameraman ho intuito che era più la seconda.

Ci sono dei momenti della vita in cui uno vorrebbe sparire. Ovviamente tali momenti sono anche gli stessi che durano di piu in assoluto.

"No signora, il problema non è l'eventuale rumore... ma è proprio il tono della sua voce che è molto alto", conclude Lady.

In quel momento dall'altra stanza subentra un nuovo personaggio che non avevamo previsto: la figlia de La Vecchia che -con voce inviperita- si introduce: "Certo che però... se si abita in un condominio... BISOGNEREBBE anche essere tolletranti!"

In un decimo di secondo quel "bisognerebbe" setto con quella faccia e quel tono mi fà scattare la violenza. Fortunatamente mi contengo e contrattacco:
"Certo signora, però la mattina alle 7 in piedi, tutto il giorno i bambini che fanno casino in piazza, alle undici di sera Giggidalessio... eccheè, in questo condominio non si dorme mai!"

La figlia si appoggia alla cucina a braccia concerte (segno di chiusura).

Incredibilmente La Vecchia viene in nostro soccorso: "Evabbè, cercherò di non parlare ad alta voce la mattina... ma sapete com'è... magari a mio marito serve qualcosa e sono nell'altra stanza per cui magari URLO da una stanza all'altra.... comunque cercherò di controllare il volume".

Appena si apre la porta dietro le nostre spalle siamo fuori, come risucchiati nel vuoto.

Certo che certe volte tra l'avere ragione e far figure dimm*rda è davvero un attimo!

 
 
 

Post N° 349

Post n°349 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da Mr.Green_76

Post augurativo natalizio.

Prima di cominciare vorrei tranquillizzare i miei "fans": non sono morto, non ho preso il vajolo, niente febbre gialla e quello strano senso di malessere s'è dissolto non appena effettuata l'ultima timbratura ed aver varcato la soglia dell'ufficio

Senza ombra di dubbio è stato un periodo molto molto molto denso di impegni e seccature. Al lavoro, ovviamente.

Riassumendo in due parole, dopo essermi fatto carico di organizzare i lavori per il rilascio del software di punta per l'azienda (compito di cui mi sono pregiato di prendermi poichè UNICO in azienda ad utilizzare tale programma) ed aver fatto una media di 11 ore al giorno (senza stacchi) in ufficio per organizzare le attività degli esimi colleghi (e direi che di un paio di questi avrei volentieri fatto a meno) incredibilmente alle ore 21.30 del 18 Dicembre sono riuscito, come da Roadmap, a rilasciare il pacchetto.

Ovviamente ho duvuto affiancare queste attività alle mie normali attività d'ufficio (gestione clienti & relativi loro problemi e sviluppo dei nuovi progetti) ed in più (giacchè il padrone dell'azienda ha promesso a tutti QUALSIASI COSA essi necessitassero) a seguire una torma di nuovi, aitantissimi e strapompati produttori di macchine che però di sistemi di visione non capiscono un acca.
Del resto come biasimarli: se ti presenti da un produttore di telecamere che -ancor prima che tu abbia esposto il tuo problema- ti dice che lui "l'ha già risolto e che. anzi, ha proprio una macchina apposta per te" diciamo che ha anche le sue ragioni per volere tale miracoloso prodotto.

Ma si sa che tra il dire e il fare...

Comunque, tra le solite cose assurde che ogni giorno devo fronteggiare e -se possibile- contenere, c'è stato uno di questi nuovi clienti che s'è inventato una macchina che fa le analisi o, meglio, prepara i "terreni di coltura" per poi permettere le analisi vere e proprie.
Ovviamente siamo nel campo medicale.
Tale macchina (del costo approssimativo di 250Kilo euro) non fa altro che immergere un tampone in una vaschetta in cui è presente un "umore" specifico e "sparnegarlo" (spargerlo, ndGreen) in una vaschetta rotonda di circa 8cm di diametro in cui è contenuto appunto il "terreno di coltura" (un liquidino rosso smeraldo).
A fine ciclo, mentre i terreni di coltura vengono catalogati, il tampone viene sterilizzato bruciandolo ad oltre 800° all'interno di un bruciatore ed il ciclo può reiniziare.

Detto così è già d'effetto ma preferirei riportare le parole del megaboss quando, estraendo i tamponi (che ovviamente non assomigliano a dei tamponi) da una scatola bianca ed infilandoceli in mano:
"Questi cosi vengono infilati in alcuni liquidi che poi vengono analizzati, noi dobiamo cercare di identificare quando sul tampone c'è il liquido"

Ovviamente la mia prima domanda è stata: "si, ma che genere di liquido è?"
Ed il boss: "Beh, dipende..."
"Da cosa?"
"Da che tipo di analisi si intende fare: potrebbe essere moccio, piscio, merda o un altro schifo del genere"

Ricordo benissimo la scena, noi tre (che assistevamo alla riunione) facemmo cadere immediatamente e contemporaneamente i tre tamponi che stavamo maneggiando.
( Per la cronaca i tamponi erano nuovi ma subito dopo la riunione ho fatto un salto in bagno a disinfettarmi con l'alchool).

Non da meno è stato il primo incontro con il padrone dell'azienda produttrice della macchina.
Dopo avermi spiegato sommariamente come funzionava il macchinario, scese nei particolari: "... ma sà, il problema non è tanto con i materiali densi e corposi... i problemi grossi si hanno con quelli trasparenti... chessò... urine particolarmente limpide, muchi... ma lo sà quale è quello peggiore? Il muco vaginale! Quello è tremendo... e non solo per l'aspetto!"

Detto questo... spero di avere da ora in poi più tempo per scrivere sul Blog, in ogni caso vorrei farti i miei migliori auguri per un Natale... RILASSANTE e sereno!

Se non ci sentiamo più prima... buon anno!

 
 
 

Post N° 348

Post n°348 pubblicato il 05 Novembre 2008 da Mr.Green_76

Avete rotto er *azzo!
-Ovvero: Quelli che, se avessero la motosega, sarebbe un mondo migliore-

Partiamo dal presupposto che oggi è un pò una di quelle giornate del cacchio a cui, se fossi munito di motosega, potrei porre rimedio.

Siccome -haimè- non si può -e soprattutto non ho stà benedetta motrsega-... lasciami sfogare!

Cominciamo subito col dire che il mondo è fatto di 3 tipi di persone: le persone normali, i rompicoglioni e gli schizzati.
Gli schizzati generalmente sono un prodotto dell'interazione tra "rompicoglioni" e "normali".
Più precisamente uno schizzato è un ex "normale" che ne ha piene le palle dei rompicoglioni.
Secondo queste definizioni io sono in piena fase "schizzato".

Ti faccio un esempio: supponi che tutte le domeniche mattina, tra le 7 e le 8, la vecchiaccia vicina di casa ti svegli a causa del suo vociare.
Alla fine uno da fuori di testa e schizza. E io adesso lo capisco.
Facciamo un altro esempio: supponi che il pirla del piano di sotto, a quialsiasi ora del giorno e della notte si prenda la libertà di rompere le palle al prossimo. Una volta canta a squarciagola le ultime "hit" di Gigi D'Alessio (puah, posso vomitare? ndGreen) alle undici di sera, alle 3 del pomeriggio esulti in maniera sguaiata per un goal del Napoli -facendoti venire un colpo-, abbia una lavatrice che fà vibrare le pareti alle 14.00, cucini sul davanzale della finestra e tenga il putrescente sporco della "differenziata" sul balcone.
Alla fine uno da fuori di testa e schizza. E io adesso lo capisco.
Portiamo un altro esempio ancora: supponi di essere l'unico in azienda che è in grado di coordinare tre team per un progetto in quanto unico utilizzatore del prodotto in questione. Supponi che per ogni modifica che fai fare ai vari team un tizio-che ha chiarito il fatto che non vuole entrarci in quel progetto- dica l'esatto contrario  di quello che hai disposto annullando ogni tuo sforzo.
Alla fine uno da fuori di testa e schizza. E io adesso lo capisco.

Oggi sono schizzato: ero ad una riunione "clandestina" (perche in ditta non si fanno riunioni senza il padrone... e in quelle riunioni si finisce sempre a parlare di quanto sia figa sua moglie senza decidere nulla)(...per cui uno alla fine da fuori di testa e schizza, ndGreen) per definire alcune cose dell'interfaccia utente che proprio non vanno bene. All'ennesimo rifiuto dei tecnici (con la scusante che avevano fatto così perchè gielo aveva detto quello che non ci voleva entrare) ho perso il mio naturale self control.

"Ma allora? Che cazzo ci stò a fare io qui? Cosa cazzo me ne deve fregare di quello che fate? Ma andate a chiedere a lui no?" e me ne sono andato sbattendo la porta.

Arrivo nel mio ufficio ed entra la ragazza delle paghe: "ho qui i tabulati delle vostre timbrature, me li controlli e me li riconsegni?" (dato che sono tutti in fiera sono l'unico in ufficio che possa farlo, ndGfreen).
Comincio a scartabellare le tabelle guardando a spot le ore complessive. C'è qualcosa che proprio non mi torna: lavorando una media di 10 ore al giorno (salto della pausapranzo included) secondo la direzione ho fatto meno ore del conte Estoc che raramente va oltre le 9.
Guardando la colonna delle ferie mi tranquillizzo, in effetti ho fatto una giornata di ferie... "ferie", quel giorno avevo la febbre...
Poi eccolo, lo schizzo. Così per fare faccio i conti, giorno per giorno, minuto per minuto.

Secondo le timbrature -considerando il giorno di ferie- ho fatto la bellezza di 274 ore... che tradotto in SETTIMANE LAVORATIVE (8 ore al giorno per 5gg la settimana) sono la bellezza di 5.3.
Finalmente capisco: in questo mese c'erano 184 ore lavorative ( 4.6 settimane ) ma, avendo fatto 8 ore di "ferie" a loro risulta che ne ho fatte 175.
Ok, può essere che per ragioni di INAIL o quel che è NON MI VENGANO SEGNATE le ore effettive (ah dimenticavo, qui gli straordinari NON SI PAGANO) ma cacchio ho lavorato quasi una settimana più degli altri! Lasciami ste cacchio di 184 ore!
Ovviamente viengo richiamato per UNO STRACAZZO DI MINUTO DI RITARDO AL MESE (quando c'è ovviamente)...

E poi dicono che uno da fuori di testa e schizza.... IO LO CAPISCO!!!!

 
 
 

Post N° 347

Post n°347 pubblicato il 04 Novembre 2008 da Mr.Green_76

Riprendendo fiato...

Finalmente anche la pratica fiera è stata archiviata... ok, non proprio, però finalmente i cari colleghi sono partiti lasciando dietro di loro una certa pace.
Ovviamente lo "stagista" è rimasto a deliziarmi con le sue incredibili avventure.

Ma si sa: non si può avere tutto dalla vita ma... (pensando a lui) neppure niente!

Evento del week end: finalmente io e Lady siamo riusciti a mangiare qualcosa di mangiabile... la cosa che ha dell'incredibile è che lo avevamo cucinato noi.
Ovviamente l'evento è stato sponsorizzato dal fatto che finalmente ho fatto mettere le piastrelle dietro al fornello così da impedire alle sbroffole(tm) (altremente detti "schizzi" ndGreen) di far diventare il muro un quadro astratto.

Passo successivo per conquistare il mondo: riuscire a preparare il ragù secondo la Sacra Tecnica Segreta di Mister G (alias Green's Papà) che Mister G in persona custodisce gelosamente da generazioni.

I preparativi fervono, l'acquolina comincia a fuoriuscire a rigagnolo sul lato sinistro della bocca, l'imperativo è unico: non dobbiamo fallire.

Per chi se lo fosse perso (da-daaaan) adesso ho anche il frigo!

Avere il frigo è... una ffffigata pazzesca per "N" diverse ragioni -di cui riporteremo solo le prime e più importanti-:
1) Puoi aprire il TUO frigo per vedere cosa c'è di buono... ed è bello anche quando è vuoto,
2) Puoi finalmente bere acqua fredda smettendo di considerare tale quella che è a -1° rispetto alla temperatura ambientale,
3) "Gelato" è quella cosa cremosa nel freezer e non quel liquido multicolore nella vaschetta.

Finalmente -dopo il brusco rallentamento per il raffreddore ed i preparativi per la fiera- il PQPLCDM (Piano Quinquennale Per La Conquista Del Mondo) ha ripreso a gonfie vele!

Rimangono solo una manciata di particolari da discutere come l'eliminazione dello stagista, la sparizione della vecchiaccia che non ci fa dormire la domenica mattina e l'eliminazione del Napoletano (detto Bellanapoli) che abita al piano di sotto del GreenHQ... ma per questi... si accettano consigli!

 
 
 

Post N° 346

Post n°346 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da Mr.Green_76
Foto di Mr.Green_76

Nuuuuoooooo! Sono Malato!!!

Ecco l'ennesima causa di rallentamento del mio progetto di conquista del mondo: il raffreddore!

Causa: quel nanetto infame che fa da stagista -e che la pagherààààà, ooooh se la pagheràààà-
Effetti: naso chiuso, stato di ebrezza, tosse e starnuti... come se piovesse.
Rimedio: un giorno a casa a guardare Supercar, Starsky & L'altro, Forum ed altre cagate pazzesche.
Progetti per il futuro: odio ripetermi ma... "la pagherààààà, ooooh se la pagheràààà"

PS: ho avuto l'immensa fortuna di vedere il programma che ha dato spunto allo sketch "Claudiano, Valeriana e... l'altra" a Zelig: ma cacchio, ma stiamo scherzando? Dipendesse da me le galere ed i programmi tv sarebbero moooolto meno affollati. Ed usando la stessa soluzione (chi ha detto riscaldamento centralizzato?).
PPS: per quelli che penseranno "povero stagista" voglio solo ricordare che il bipide che mi hanno affidato doveva essere quello che "usciva dai clienti" e poi è saltato fuori che non ha neppure la patente e che ha capito dopo due giorni che prendeva la CocaCola alle macchinette che NON era la macchinetta a sbagliare nel dargli 45 centesimi di resto ma che 55 centesimii (il costo della lattina) + 5 centesimi NON fa un euro. (come a quanto pare avviene, nella sua logica da rincoglionito). E adesso ripensa a quel "povero" davanti a "stagista".

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Mr.Green_76
Data di creazione: 29/05/2006