Creato da The_SuperMax il 23/02/2007
Spazzatura moderna a 360°
 
 

Ultimi commenti

"Bim Bum Bam, Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco,...
Inviato da: andrea
il 30/04/2009 alle 12:25
 
Secondo me dovresti smettere di scopare con qualsiasi cosa...
Inviato da: The_SuperMax
il 09/06/2008 alle 01:43
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:07
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 22:17
 
Complimenti per il post!! ...Un salutone Giusy
Inviato da: Anonimo
il 13/12/2007 alle 11:58
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Contatta l'autore

Nickname: The_SuperMax
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 50
Prov: MI
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Ultime visite al Blog

bruno_cinabromariopollaroloemys2000fonti73The_SuperMaxtamtam.segnalidifumomicheleperrugginibopixpafawebrimescolareilvolgagiampiero.verrecchiasole70dgl3Casamaxinfo.photografandoclaradef
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Le mosche bianche esistono...

immagine 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Diamoci un taglio, va....

Post n°23 pubblicato il 25 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Non si finisce mai di imparare. Oggi ho definitivamente deciso di lasciar perdere un blog, il suo blogger e tutti i suoi sequaci per incompatibilità di idee. E non intendo idee religiose, no, quelle non mi creano fastidio. Quello che mi crea molto fastidio è il fatto che certe persone vogliono combattere con le proprie idee la libertà degli altri. Criticano l'operato di altri portandosi, velatamente, ad esempio. E non si accorgono che anche loro, nel loro piccolo, predicano. Si atteggiano a persone al di sopra di tutti gli dei esistenti al mondo, facendosi portatori di verità, progresso e libertà. Ma non si accorgono di essere solo ridicoli. Sputano veleno contro chi li lascia fare, guardandosi bene da non nominare altri che, senza pensarci due volte, li sgozzerebbero (anche se solo virtualmente). La Chiesa, secondo loro, è un mostro tentacolare. E così feroce e subdola che nessun cattolico si è ma accorto del male che, ogni domenica, il nostro parroco inculca nei nostri cuori. Il Papa è il capo dei mostri. E la chiesa è la casa natale di personaggi ignobili come Padre Pio, San Gennaro, San Antonio, Madre Teresa di Calcutta, San Francesco. Ma vi rendete conto di cosa mi tocca leggere in certi blog? Addirittura Gesù, vorrebbero dipingerlo come un bambino capriccioso prima, e uomo donnaiolo poi. Con amanti, spose, fratelli e chissà cos'altro. Accusano la chiesa di praticare l'oscurantismo mentale e non si rendono conto che se possono parlare o scrivere di queste cose devono proprio ringraziare sia la Chiesa che è molto ma molto più intelligente di certi personaggi e li lascia sparlare, come un uomo sano di mente lascia sparlare un menomato mentale, sia i catolici che non prendono scimitarre e li decapitano per eresia come avviene tutt'ora per altre più illuminate religioni. L'Italia e mezzo mondo è ed è stata dominata da Sacra Romana Chiesa. Ora loro rivendicano la sovranità laica del mondo. E dell'Italia. La sovranità laica che, sempre secondo loro, è degna di fiducia solo perchè laica. Come che il semplice fatto di dichiararsi laici li renda puri, onesti e giusti. Ma per carità. La deficenza umana non ha proprio limiti. Eppure basterebbe così poco per capire che non si può usare l'alibi della religione per giustificare le proprie frustazioni. Un uomo nasce laico. Diventa cattolico per scelta. Diventa prevaricatore per convenienza e non per idee religiose. Diventa assasino perchè gli piace vedere e provocare sofferenza, e non per religione. Basterebbe così poco saper convivere, laici con cristiani e musulmani e tutte le religioni esistenti. Fregarsene di che credo è il tuo vicino. Rispettando i simboli sacri del padrone di casa quando ci ospita anche se non li condividiamo. Ma come dicevo prima, un laico vuole imporre la laicità. E lo fa accusando la religione di voler imporre la religione. Cmq, contenti loro... contenti tutti. Io, da parte mia, continuo a rispettare tutti coloro che mi rispettano e a confrontarmi con chi è degno di essere preso in considerazione. Come dicevo in un mio commento... non basta scrivere due righe, pubblicare due foto, riportare due pensieri di altri per dipingersi come PORTATORI DI VERITA' E GIUSTIZIA. Accettare gli altrui pensieri con rispetto è il primo passo per la convivenza civile e umana. Chi non la rispetta, anche in un blog, ne deve mettere di foto PIETOSE per camuffare il proprio animo razzista.

 
 
 

CALAMITA' NATURALE!!!

Post n°22 pubblicato il 20 Marzo 2007 da The_SuperMax

Ieri c'èra l'emergenza sicità per via delle scarse pioggie.
Oggi c'è l'allerta per il maltempo.
Domani allarme neve.
Non ci si riesce a mettersi d'accordo.
Non piove ed è subito emergenza raccolti. CALAMITA' NATURALE.
Due settimane dopo piove. Emergenza raccolti. CALAMITA' NATURALE.
Non nevica. Emergenza acqua. CALAMITA' NATURALE.
Nevica. Emergenza neve, ghiaccio, raccolti, viabilità. CALAMITA' NATURALE.
Insomma, qualsiasi cosa capiti, è emergenza e quindi CALAMITA' NATURALE.
Siamo proprio il paese dei lagna-lagna.
Poco prima i tg di mezza Italia si stupivano sulle temperature miti di questo anomalo inverno. Oggi aprono con una notizia sensazionale. Una notizia che qualsiasi studente di giornalismo sogna di poter dare in tv:

"... Domani incomincia ufficialmente la Primavera, ma si prevedono temperature invernali..."

Che notizia bomba!!!

 
 
 

Requiem 3/01/1954 - 11/06/1981

Post n°21 pubblicato il 18 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

E' MORTA LA TV!!! W LA NUOVA TV!!!

E voi? Chi eravate? Ve lo ricordate? 11 giugno 1981.
Da poco erano stati inventati i videoregistratori… quelli della mia età
conoscevano i Pac-Man, eravamo la generazione di Bim Bum Bam, di
Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in. Si andava al cinema a vedere i film di Bud Spencer e Terence Hill. Crescevamo con gli Europe e Nik Kamen Usavamo i gettoni del telefono. Ci emozionavamo con Superman, ET o Alla Ricerca dell’Arca Perduta. Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma neanche le Hubba Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci davano le caramelline di zucchero come resto. E poi vi ricordate?
Le sorprese del Mulino Bianco, i mattoncini Lego, i Puffi, i Voltrons,
Visitors, Magnum P.I., Novantesimo minuto la domenica pomeriggio e Drive in sera, Domenica in tutta la domenica, Holly e Benji, Mimì Ayuara, l’Incredibile Hulk, Poochie, Yattaman, Iridella, He-Man, Lamù, Creamy, Kiss Me Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le Micro-Machine, Big Jim e la casa di Barbie di cartone ma con l’ascensore.

Questa era la "mia", come penso anche la vostra vita fino all 11 giugno 1981.
E poi?
Cosa accadde quel giorno?
Accadde qualcosa che cambiò radicalmente la nosta vita.
Ci fù un avvelenamento....  un avvelenamento mediatico.... e questo provocò la morte, lenta ma inesorabile, della coscienza umana.

Un mese prima Alì Agca in piazza San Pietro ha sparato a Papa Woyitila.
Ad inizio giugno ’81 si apre il processo alle Brigate Rosse. Sono passati 3 anni dal rapimento di Moro. LoStato oramai è in vantaggio sulle Br. Funziona la legge e il metodo investigativo del generale Dalla Chiesa, ma rigurgiti di terrorismo ci sono ancora.
Contemporaneamente l’allora governo Forlani decide di non fare resistenza ad un’indagine della magistratura che rischia di provocare un terremoto politico. Scoperta un’associazione detta P2, fondata e guidata da un personaggio chiamato Licio Gelli. Tra i suoi iscritti personaggi dell’alta finanza come Sindona e Calvi, giornalisti (si dice Maurizio Costanzo, ma non vi sarà mai certezza) e con la tessera numerata anche un milanese destinato a far parlare di se: Silvio Berlusconi. Massoni e nobili, tra cui anche l’erede Savoia, Vittorio Emanuele. Gli scopi della Loggia? Poteri forti in mano a poche persone,  prevalenza della finanza sulla politica, accentramento dei poteri industriali in corporazioni, concentrazione delle informazioni e dei mezzi di comunicazione in mano ad un unico referente asservito alla maggioranza e capace di imbrigliare e imbavagliare le minoranze, liberalizzazione della circolazione internazionale dei capitali con qualsiasi eliminazione della di indagini e controlli circa la loro provenienza, asservimento della magistratura al potere esecutivo.
Una dittatura soft. Che forse, in veste fintamente democratica si riproporrà in un futuro governo in cui non mancheranno nomi immatricolati all’epoca.
Il governo Forlani, accusato dal PCI di aver tenuta nascosta la lista e in seguito allo scandalo sarà costretto a dimettersi. Al suo posto il Presidente Pertini nomina Spadolini.

I TG sono impegnati a parlare di queste vicende. Con un po’ di sport. La nazionale di calcio, pochi giorni prima, ha perso contro la Danimarca. C’è il serio rischio di non qualificasi per i Mondiali che si terranno l’anno successivo in Spagna.

La vicenda di Vermicino è solo una notizia di poche righe….

Siamo all’11 giugno 1981
Alfredo “Alfredino” Rampi esce un pomeriggio con il padre. Siamo a
Vermicino, paese di campagna nel Lazio, Verso le 18.00 chiede al padre di tornare a casa da solo. Ma a casa non vi arriverà mai. Un’ora dopo i genitori si affannano a cercarlo e chiamarlo nelle adiacenze della loro abitazione sita in aperta campagna. La polizia è avvisata verso le 21.00, e mezz’ora dopo partono le ricerche. Verso le 23.00 un appuntato di polizia sente un gemito proveniente da sotto una lamiera. Una lamiera che copriva un pozzo. Alfredino vi è caduto dentro. E vi è già da 5 ore. Si pensa immediatamente ad un’azione dolosa. Perchè quella lamiera a coprire il pozzo? Il proprietario del terreno, subito indagato e fermato, dichiara di aver trovato il pozzo senza copertura e
di averlo coperto con la lamiera per evitare che vi cadesse qualcuno. Troppo tardi, evidentemente…Ma come mai il proprietario del terreno non aveva sentito i gemiti uditi invece dal carabiniere malgrado la lamiera? Sapeva o non sapeva? E’ in buona fede o ha avuto paura e cercato di coprire il pozzo e otturare quella voce?

Queste sono domande che possono
farsi solo i giudici.

I soccorritori cercarono con grandi sforzi di salvarlo: si pensò che Alfredino fosse bloccato a 36 metri di profondità, ma la creazione di un tunnel parallelo non si rivelò risolutiva, in quanto il bambino sprofondò giù per altri 30 metri. Il dramma fu seguito tramite una diretta televisiva non stop lunga 18 ore a reti RAI unificate. L'Italia intera rimase in ansia a seguire l'evolversi della situazione: si stimò che più di 21 milioni di persone avessero seguito alla televisione la straziante vicenda.

Man mano che passavano le ore la voce del bambino, raggiunto da un microfono, giungeva sempre più flebile. Il bambino, probabilmente ferito dalle cadute, morì verso le ore 6:30 del 13 giugno dopo che un altro volontario, Donato Caruso, ha provato come Licheri ad imbragare il bambino ed è in quel momento che quest'ultimo si è accorto che Alfredino era spirato.

Questo evento ebbe una notevole importanza mediatica. Si è trattato del primo caso che, trasmesso a lungo in televisione, ha fatto rimanere milioni di persone in ansia davanti al televisore per seguirne lo svolgimento. Le tecnologie per le dirette da luoghi esterni non erano sufficientemente sviluppate da permettere agevolmente lunghe dirette e gli eventi di cronaca erano mandati in onda in differita e in sintesi. Inoltre i giornalisti dell'epoca, per pudore o per motivi etici, erano contrari a trasmettere tragedie così dolorose e tragiche, per rispetto sia delle vittime che degli spettatori. In questo caso le immagini in diretta furono inizialmene trasmesse perché si riteneva che si trattasse di un incidente che si sarebbe risolto positivamente in poco tempo. Col passare del tempo la situazione si era lentamente aggravata, ma era troppo tardi per interrompere le trasmissioni. Se oggi appare ovvio che i giornalisti si intromettano in eventi dolorosi di questo tipo, in precedenza la questione costituiva un grave problema morale.
Ma si è aperta la cronaca minuto
per minuto della vicenda di Vermicino. Un autentico PRIMO Reality Show. Milioni di persone incollate davanti alla tv e in migliaia a Vermicino. Se ci fosse stata la notizia di un colpo di stato, il telespettatore avrebbe cambiato canale per sintonizzarsi su Vermicino. Tra i curiosi accorsi sul posto, spuntano i carrelli delle bibite e dei panini. E come ad un funerale, alle prime file si sta composti,
ma via via che si va in fondo le espressioni sono sempre meno addolorate. E a Vermicino, nelle ultime file, tra un panino ed un “A che punto stanno?” spunta anche qualche risata in fondo alla folla. Piero Badaloni dichiarerà alla conclusione: “Mai più ripeterei una cronaca in questo modo”.
Il corpo di Alfredino sarà recuperato il 31 luglio. Ben 50 giorni dopo.
La nostra "coscienza" e "morale" non l'abbiamo ancora recuperata.

Fonti:
Wikipedia - http://lontanodagliocchi.p2pforum.it/

 
 
 

E' ritornato Il Pifferaio Magico... occhio ai figli!!!

Post n°20 pubblicato il 14 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Oggi parliamo di giovani. Parliamo dei nostri figli. Parliamo dei genitori che hanno il dovere-diritto di educarli.  Di fargli comprendere le regole basilari della vita, dell'educazione e del buon senso. Impegno non facile, e senza manuali di sorta. Mille dubbi, mille problemi ma qualcuno ancora riesce a far del proprio figlio il classico "bravo ragazzo". Ma poi, nostro figlio cresce e deve, per forza di cose, confrontarsi con la realtà, che non è per nulla uguale a quella che, i loro genitori, li hanno preparati. Infatti si trovano proiettati in un mondo irreale e che contrasta con le regole a cui sono stati indottrinati. Si trovano a confrontarsi con esempi di vita spesso sbagliati e immorali. E qui entra in scena la tv. Ormai è inconfutabile che questa scatola è una BIBBIA di vita per tutti. Inutile negarlo. E i giovani, poi, la venereno come un DIO e prendono come esempio qualsiasi scempiaggine viene visualizzata sullo schermo. Poi, la voglia di essere protagonisti in tv è il sogno di ogni adolescente. E qui entrano in campo le trasmissioni per ragazzi. Una volta le trasmissioni per ragazzi, erano dei programmi costruiti per l'intrattenimento dei giovani. Cartoni animati, telefilm e cose varie. Poi arrivarono i vari moralisti. Coloro che in nome del Dio ODIENS e del potente SHARE hanno cominciato a traviare anche i giovani. Gente affamata di soldi, notorietà. Gente che non frega nulla di che impatto possano avere le loro azioni. Tanto i figli non sono i loro. E anche se lo fossero, non penso gliene importerebbe poi tanto. Si fingono Amici dei giovani, li attraggono con il miraggio della telecamera e la chimera della notorietà e non si fanno scrupoli a giocare con i loro sogni. Prendono pochi eletti dai nostri giovani e li mettono in una arena virtuale, poi danno loro spade e fucili, e che lo spettacolo cominci. I giovani eletti si sfidano a più non posso istigati da questi professionisti del falso, e i nostri figli, da casa, si immedesimano e si schierano. Partecipano, sognano, soffrono su problemi inutili, futili e senza futuro. E la cosa più grave è che per loro sono problemi essistenziali. Vengono spacciati per problemi esistenziali. E tutto questo in nome della pubblicità e dei soldi. E la morale? E il buon senso? E l'educazione? E il rispetto? Tutte cose che non fanno notizia. Quindi inutili. Poi ci stupiamo come mai la nostra gioventù sia così priva di valori. Come faccio, io, genitore a insegnare a rispettare il prossimo quando poi, in tv, passa come normale insultare qualcuno per screditarlo. Come posso insegnare a mio figlio a non dare nomignoli ai suou compagni, quando poi vede addirittura dei professori farlo normalmente in tv. Come posso insegnare a mio figlio che è sbagliato prendere in giro qualcuno per un suo difetto fisico quando poi vede persone adulte e etichettate come Maestri fare delle critiche e ridere allegrament di questo, con un pubblico pagante che li applaude rumorosamente. Certo, mi stò riferendo al programma AMICI di De-Filippi Costanzo, e lo faccio adesso proprio perchè il programma è appena terminato, quindi non è più soggetto a pubblicità. Vedere professori che permettono ai propri alunni di:
dare nomignoli a qualcuno, come "re della porchetta" o "re della sagra della salsiccia" è una cosa gravissima!! Non per chi lo fa e per chi lo riceve in trasmissione, ma per chi guarda e assimila quello che vede. Un genitore non può competere con tali segnali. E a scuola, o nella vita un giovane che assimila tali comportamenti sapete cosa fa? Li repplica. Comincia a dare nomignoli a tutti. E qualcuno può soffrire per questo. Stessa cosa, se non più grave, il fatto di dire a qualcuno che non farà mai strada nella vita artistica per via di un difetto fisico. Ma stiamo scherzando? Avete visto nei (come li chiama Maria) RVM, come i blu prendevano in giro i piedi "deformi" di Agata? Ora, immaginiamo milioni di giovani che hanno riso di questo davanti alla tv, che segnale ne hanno ricevuto? E se poi uno di questi emulasse la tv, e a scuola prendesse in giro un suo compagno di classe per via di qualche malformazione fisica, a chi andrebbe attribuita la colpa? Stessa cosa accade anche in altri programmi. Ormai sono tutti uguali. Programmi falsi, che fanno credere a chi li guarda, che è normale mettersi su un trono e farsi corteggiare dai vari spasimanti e fare di tutto per essere scelti. Programmi falsi che fanno credere normale infilarsi nel letto di qualcuno dopo appena 24 ore di conoscenza. Normale insultarsi con parolacce e urla per prevalere e aver ragione. Normale, insomma, far di tutto, pur di farsi notare anche per pochi secondi. TUTTO E' LECITO PER 10 SECONDI DI NOTORIETA' Ecco il segnale dato ai nostri giovani dalla tv. E poi ci scandalizziamo quando leggiamo sul giornale i frutti che questo condizionamento mediatico produce sui nostri figli. Grazie COSTANZO e FAMIGLIA, grazie GRANDE FRATELLO, grazie di cuore per tutte queste perle di saggezza. Spero vivamente che chi realizza questi programmi, fregandosene degli effetti collaterali che producono, abbiano in cambio gli stessi effetti amplificati X 1000 (come solo la tv riesce ad amplificare, e loro lo sanno bene)

 
 
 

Magia...mistero...apparizioni...SPARIZIONI!!!!

Post n°19 pubblicato il 13 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Cera una volta, tanto tempo fa, in un castello fatato, una perfida strega... o una buona fatina... o un mago cattivo...
Bhe, non importa chi cera nel castello, ma le fiabe che i nostri nonni ci raccontavano da piccoli iniziavano così.
E i bambini credono alle fiabe.
Poi i bambini crescono.
Dimenticano le fiabe... ma non dimenticano i maghi, gli stregoni, le fatine buone e le streghe cattive.
E così oggi, nel 2007, ci ritroviamo a vivere nelle fiabe.
Il terzo millennio annunciato da tutti come l'era del futuro, sta diventando un ritorno al medioevo.
Non ci credete?
Allora basta dare un’occhiata ai giornali alla voce " annunci pubblicitari ", consultare le Pagine Gialle alla voce “Astrologia, cartochiromanzia e occultismo” oppure fare un po’ di zapping sulle emittenti televisive locali e nazionali.
Leggono tarocchi, vendono talismani ed amuleti, promettono amore e felicità,  eseguono riti esoterici che permettono di parlare con i morti.
Addirittura si guarisce da terribili malattie.
Casi affascinanti e a volte inquietanti.
E questi “professionisti dell’occulto” non si fanno scrupoli ad utilizzare le moderne forme di comunicazione per pubblicizzare i loro "poteri".
E così abbiamo: canali televisivi, canali satellitari, internet, posta elettronica, linee telefoniche, chat line, giornali, quotidiani, settimanali farciti di pubblicità.
Ma la pubblicità, se guardata con intelligenza, non dovrebbe essere pericolosa.
Se si usa il cervello è logico che questi mestieri dovrebbero essere confinati ai carozzoni da circo, alle fiere di paese e nei parchi giochi insieme alle giostre e allo zucchero filato. Un modo goliardico per buttare via 2 euro e farsi una risata.
E invece no, la gente ci crede.
Questi "maghi" hanno veri e propri studi.
Ricevono per appuntamento.
Hanno lauree, diplomi, attestati, riconoscimenti a livello mondiale, anzi di più "universale".
Vogliono essere chiamati "professionisti"...
Si atteggiano a persone serie, con "esperienza" di vita.
Ti insegnano a vivere... ad amare... a mangiare... a curarti... a spendere i soldi.
E la gente ci crede.
Qualche volta, ma ormai sempre più spesso, qualcuno di questi "maghi" viene arrestato, o indagato.
Ma siamo sicuri che sia loro la colpa?
Vendere fumo è reato? (non quello che si fuma, ok?)
Se noi vogliamo credere nei maghi, se ci crediamo a tal punto da regalargli la nostra vita, e quella dei nostri cari... la colpa e dei maghi?
Certo, è comodo dire: "..mi ha fregato!!!....",sempre meglio che dire: "...mi sono fatto fregare!!!..."
Certo, i problemi, le disgrazie, la depressione, la paura.... tutti alibi di circostanza che spiegano perchè una persona apparentemente normale sia caduta nelle grinfie di questi maghi.
E dico "apparentemente normale" perchè una persona normale non reagisce così!
Se io vado per la strada e fermo un passante, e gli dico con aria ferma e decisa:
"....tuo figlio morirà tra un mese... dammi 20.000 euro e te lo salvo..." questo, come minimo, mi denuncia.
Questo è il comportamento di una persona normale.
Se poi, questa persona ha davvero un figlio malato grave, bhe, allora le cose cambiano,
prima mi gonfia come una zampogna e poi mi denuncia.
Questa è la normalità.
Ma se noi crediamo in queste cose, e ci crediamo a tal punto da metterle in cima alla lista delle priorità che abbiamo nella vita, bhe, io non credo che la colpa sia dei maghi, ma nostra.
Certo, quando poi la legge interviene e dice pubblicamente che quel signore non era un mago, ma un truffatore, allora ci sentiamo offesi e imbrogliati.
Offesi e imbrogliati parchè quel mago non era chi diceva di essere.
Quindi lo denunciamo... cerchiamo di riottenere il maltolto... e poi ci rimettiamo allegramente alla ricerca del VERO MAGO!!
Si perchè la mia sfortuna è stata quella di incontrare un truffatore, ma io cercavo un mago, ci dovrà pur essere un VERO MAGO in giro, no? Possibile che non esista??
Io Voglio un magooooo!!!!!
DACCORDOOOOO!!!!!!

 
 
 

La mosca bianca....

Post n°18 pubblicato il 11 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Ieri, dopo moltissimi anni, ho finalmente riascoltato parole dettate dal buon senso, dall'educazione, dall'onestà, dalla semplicità... in parole povere dal CERVELLO USATO COME SI DEVE.
E quello che ne fa una cosa rara è il fatto che tali parole sono state pronunciate in televisione.
Ormai è risaputo che in tv non si usa più il buon senso, figuriamoci il cervello.
Non parliamo poi dell'educazione, quella ormai è morta da tempo.
Lo sò... vi state chiedendo... ma chi è questo fenomeno...
Bhe, è una cantante.
Il suo nome è Laura Pausini.
Intervistata ieri da Paolo Bonolis alla sua trasmissione "Il Senso Della Vita", la Pausini ha dimostrato come si può essere famosi e non montarsi la testa, essere intervistati e affascinare il pubblico con modi garbati, risposte intelligenti, con abiti succinti senza mostrare nulla e ottenere lo stesso l'attenzione del pubblico.
Intendiamoci, tutte frasi semplici, frasi comuni, che però suonano come NOVITA' in un mondo dove tutti ci sentiamo intellettuali e tendiamo a prevaricare, volendo dimostrare la nostra superiorità su tutto.
Ebbene si, la mosca bianca sembrerebbe lei.
Essere una star con milioni di fans nel mondo che pendono dalle sue labbra... e avere il coraggio di dire:
"... io ho un idea ben precisa della politica Italiana, ma so di poter plagiare parecchia gente se la rendo pubblica, così preferisco tenermela per me..."
Che dire... è una frase da incorniciare....
Peccato che sia la frase di una mosca bianca.

 
 
 

Sei stato NOMINATO!!! (ma per carità...)

Post n°17 pubblicato il 11 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Bhe, oggi ho letto nuovamente il blog di cui parlavo precedentemente.
Ho scoperto che è stato nominato dalla redazione di questa piattaforma che ci ospita nientepopodimenoche "blog del giorno" e messo in prima pagina di Libero.
Ovviamente le visite a questo blog sono cresciute a dismisura... e i commenti anche...
Ovvio che, la maggior parte di questi sono stati lasciati da gente che la pensa proprio come l'autore del post.
Anzi, di idea contraria qualcuno c'è, ma, come dicevo prima, è stato: o volutamente ignorato, o confinato al silenzio con argomenti scelti apposta per zittirlo, o addirittura minacciato di denuncia alla Polizia Postale per insulti.
Come dire, quando non riesco a farti tacere, ti denuncio per offese.
Anche i bambini fanno così.... "... o mi dai ragione o chiamo la "mamma"..."
Esternare le proprie idee religiose... per questa gente è sinonimo di offesa.
Ecco con chi ci troviamo a discutere (anche animatamente, a volte) noi retrogradi religiosi guerrafondai.
Con persone che si sentono defraudate dalla Chiesa.
Defraudate da qualcosa che aspettava loro per diritto di nascita e che la Chiesa, con le sue regole e i suoi patti con lo stato gli ha fregato.
Dimenticano, queste persone, che se in Italia esistono dei patti fra Chiesa e Stato, questi li hanno decisi i Politici che all'epoca erano stati votati dal POPOLO per rappresentarli. Quindi ciò che voi oggi lamentate è quello che i vostri padri e i vostri nonni hanno deciso per voi, e non la Chiesa.
Ovvio che questo discorso è valido per chi, in Italia, c'è nato, cresciuto e vissuto.
Per quelli che, vivono o nascono in altri stati e si azzardano a giudicare la vita qui, nel Mio paese, dico solo...
" cominciate a criticare il vostro, di paese.... perchè se lo tradite...., lo abbandonate...., SCAPPATE invece di restare e aiutarlo a crescere..., vuol dire che tanto bene non lo avete gestito, questo paese..., e volete inseganre a noi come si fa? Le guerre a "muso duro" fatele a casa vostra, dove vivete (se ve lo permettono), e non a casa degli altri..."
Cmq, secondo il mio pensiero...
certe persone non cresceranno mai....
accusano altri per i loro fallimenti (sia sociali che professionali)
accettare le regole e usare quelle per vivere è la prima cosa che una persona CIVILE DEVE FARE.
cercare di cambiare le regole per proprio tornaconto è inamissibile.
Non posso intraprendere una strada, sapendo benissimo che regole ci sono su di essa... e poi lamentarmi come un bambino quando una di queste regole mi ferma.
Se, invece, riesco a superarle e arrivo in fondo alla strada, bhe, allora tutto ok, tutto funziona benissimo, e chi è rimasto fermo, bhe peggio per lui.
Questa è civiltà?
Non esisterà mai il mondo "su misura" per tutti.
E oggi accanitevi contro la Chiesa, autrice (secondo voi) di tutti i vostri mali.
Ricordatevi però che chi ragiona così, avrà sempre bisogno di qualcuno su cui puntare il dito e accusarlo del proprio fallimento.
Quando la Chiesa non esisterà più, e saremo tutti atei (non succederà mai, spero) voglio proprio vedere chi sarà il cattivo di turno...
Forse i disabili... perchè avranno qualche diritto in più sul lavoro...
Oppure i vecchi, perchè avranno lo sconto o il posto riservato sui treni...
Oppure le donne incinta.... perchè hanno le casse privilegiate nei supermercati...

Bha, che razza di società CIVILE LAICA...

AGGIUNTA:
esempio di dibattito costruttivo tra un guerrafondaio, religioso, razzista e un laico.

Inviato da BluDea il 10/03/07 @ 09:45 via WEB
Perche in Italia per togliere dal muro di aule e uffici il crocifisso,occorre una autorizzazione prevista per legge??? L'Italia è troppo vicina geograficamente al Vaticano e da sempre abbassa la testa di fronte al clero! ......beati i primi, che tali resteranno - per meriti???? Macchè, per volere divino.Buona domenica e complimenti! Eli
 
..
Inviato da The_SuperMax il 10/03/07 @ 10:28 via WEB
Perchè, tutte le volte che si parla di chiesa, si deve per forza parlare di Religione? La chiesa che fa politica, che invade sfere a lei non consone, non centra nulla con la fede che l'Italia ha per TRADIZIONE. Molta gente disapprova le idee del Vaticano, ma non per questo deve per forza essere ateo, o rinnegare che il suo PAESE è per generazioni e per tradizione CATTOLICO. L'Italia è sempre stata Cattolica. Fa parte, volente o dolente, della nostra storia, della nostra evoluzione, del nostro "Essere Italiani". Perchè dobbiamo sempre rinnegare noi qualcosa per fare un favore a chi entra a casa nostra? Perchè io che stò a casa mia devo accettare pensieri e religioni diverse e chi viene a casa mia deve sentirsi offeso se ho un crocifisso appeso sulla porta? Perchè togliere un crocifisso? Perchè non insegnare più la Pasqua, il Natale. Perchè mio figlio deve imparare a rispettare gli estranei quando, lui per primo, viene trattato come estraneo a casa sua? Perchè a scuola non si può fare rappresentazioni sul Natale (per rispetto ai mussulmani) e nessuno pensa a salvaguardare e rispettare la religione e le tradizioni che il nostro paese HA da anni?
(Rispondi)
Inviato da BluDea il 12/03/07 @ 03:23 via WEB
Beh.....peccato che leggo solo ora!! Mah, sto pensando se perdere tempo rispondendo! Ma si, il dibattito è sempre costruttivo. DEVE ESISTERE LA LIBERTA' DI METTERE O TOGLIERE UN CRISTO,nessuna imposizione. Questo vale per qualunque Paese, compreso il TUO! Io,che ci vuoi fare, non ragiono in termini di PAESE di appartenenza...non faccio discriminazioni! E' proprio questo essere "cattolici per tradizione" che danneggia il TUO PAESE. Mi spiace proprio dirlo, essendo ospite in un blog che stimo, ma hai scritto delle "scempiaggini". Pensa, credevo che "mussulmano" si scrivesse nel TUO PAESE con una sola "S" - C'è sempre da imparare......Elizabeth
(Rispondi)
Inviato da The_SuperMax il 12/03/07 @ 08:31 via WEB
Ma io credo che tutti (in Italia) sono liberi di mettere un Cristo o no in casa propria. E se tu vuoi bruciare tutti i Crocifissi che trovi sulla tua strada, bhe, sei liberissima di farlo e non credo che nessuno ti accuserà di eresia e ti condannerà al rogo. Poi, che tu ragionassi da Egoista, infischiandotene delle idee altrui lo avevo capito benissimo. Scusa per "l'egoista", non voglio offendere nessuno, ma un'altro termine proprio non mi veniva. Come descrivere uno che vuole la libertà di fare qualcosa non curandosi se questa "urta" la libertà di chi gli stà accanto? Quando la maggioranza degli Italiani deciderà che è arrivata l'ora di togliere i simboli religiosi (che l'Italia ha riconosciuto come "simboli di Religione Di Stato") allora li toglieremo dai luoghi pubblici. Ma fino ad all'ora bisogna rispettare la volontà di chi, quei simboli, li ha voluti! Questo si chiama ragionare DEMOCRATICAMENTE. Ma tanto vorrai abolire anche la democrazia oltre alla religione. Poi, se essere cattolici è stato un danno per il Mio paese, bhe questo preferirei sentirlo dire da esperti e studiosi del settore che sicuramente avvaloreranno le loro tesi con prove inconfutabili... e non da chi si attacca a degli errori di ortografia per screditare chi stà dialogando con lui. Forse, se ti attacchi a questo è perchè, come idee, stai a zero, bho.
(Rispondi)
Inviato da BluDea il 12/03/07 @ 16:22 via WEB
E si...., hai proprio ragione. Elizabeth
..
..
 
..
..
..
 
..
..
..
 
Inviato da Darksideblues il 10/03/07 @ 11:47 via WEB
Non si tratta solo di questo. Se vogliamo essere una società nel vero senso della parola dobbiamo rispettare tutti i colori e tutte le religioni. Lo Stato Italiano nasce laico, né più né meno come la Francia e molto più della Spagna (strano, ma molto più laica e progressista di noi attualmente). A mio avviso la religione e i suoi vetusti apparati "di facciata" hanno difficoltà a cedere spazio al tempo che avanza. Da sempre questo. Di qualunque natura essa sia, la religione può essere un ostacolo enorme al progresso. E' fonte di guerre stupide e insensate (spesso tuttavia é solo un paravento, questo é risaputo) ma é anche un placebo alle sofferenze umane: se credere in qualcosa può essere utile, ben venga la religione. Ma che sia qualcosa che si porta dentro insomma, lontano dalle manifestazioni esteriori che rappresentano solo un'ostentazione autoreferente, un segno di appartenza al vuoto più assoluto. Il resto é solo intolleranza. Ovviamente questo é solo il mio punto di vista.
..
Inviato da The_SuperMax il 10/03/07 @ 12:21 via WEB
Mi spiace ma non condivido la tua idea. Dire che tutti gli stati nascono laici è come dire che tutti gli uomini nascono atei, e poi indottrinati alle varie religioni. Il problema non è come si nasce, ma come si è diventati (rispetto a ciò che uno vede, vive, sente, prova sulla propria pelle) nel momento in cui qualcuno viene ad interagire con la nostra vita. Mi spiego. Se io, influenzato dalla Chiesa, o dai Marziani, divento un cattolico... è una mia scelta. E va rispettata!!! Quindi se l'Italia, a un certo punto della sua vita, si scopre Cattolica e afferma che la sua religione predominante è quella Cattolica (almeno negli atlanti, quando andavo a scuola io, cera scritto così), questo fa presupporre a chi viene in Italia di trovarci dei Cattolici, con foto del Papa, Crocifissi, manifestazioni sul Natale, Pasqua e cosucce varie che tutti noi conosciamo. Perchè questo dovrebbe essere nascosto o, peggio, praticato nell'ombra? Per rispetto? E il nostro, di rispetto, come lo salvaguardiamo? La religione, e qui hai ragione,può essere di ostacolo al progresso solo in base all'uso che uno ne fa. Prevaricare qualcuno in nome del rispetto religioso è un ostacolo al progresso. La mancanza di rispetto verso le tradizioni del paese in cui ti trasferisci è ancora peggio. Voler dettare le proprie leggi in nome di un ipotetico rispetto religioso nel paese che ti ospita è assurdo. Voglio anche ricordare che, chi si trasferisce in altri stati lo fa perchè nel suo paese tanto bene non ci si trova, e questo, forse, anche per la mentalità che c'è nel suo paese. Quindi perchè cercare di trasformare il paese che ti ospita in una fotocopia del tuo, con la tua religione e la tua mentalità? Per scapparci di nuovo quando ti andrà stretto? Oppure fa tutto parte di una "silenziosa colonizzazione"? Bho, stò sfiorando la paranoia, vado a prenotare una vista da uno psicologo.... CIAUZ
 
..
..
 
..
..
..
 
..
..
Inviato da BluDea il 12/03/07 @ 03:28 via WEB
Si, non è una brutta idea ( lo psicologo!). Elizabeth
(Rispondi)
Inviato da The_SuperMax il 12/03/07 @ 08:35 via WEB
....ecco, signori, uno splendido esempio di "..dibattito costruttivo..."!!! ma per favore..
(Rispondi)
Inviato da BluDea il 12/03/07 @ 16:25 via WEB
Non sempre è possibile!Dipende....dall'interlocutore per esempio!!! Elizabeth
(Rispondi)
Inviato da The_SuperMax il 12/03/07 @ 17:26 via WEB
...chissà perchè...ma mi aspettavo una risposta scontata come questa...
 
..
..
Aggiunta....mia personale..
I Patti lateranensi, firmati l'11 febbraio 1929 dal cardinale Pietro Gasparri e Benito Mussolini, stabilirono il mutuo riconoscimento tra il Regno d'Italia e la Città del Vaticano. I Patti sono costituiti da due strumenti diplomatici distinti: un trattato che riconosce l'indipendenza e la sovranità della Santa Sede e che crea lo Stato della Città del Vaticano; un concordato che definisce le relazioni civili e religiose in Italia tra la Chiesa ed il Governo. Attraverso il concordato il Papa acconsentì di sottoporre i candidati vescovi ed arcivescovi al governo italiano per richiedere ai vescovi di giurare fedeltà allo stato italiano prima di essere nominati, e di proibire al clero di prendere parte alla politica. L'unico vescovo che non è obbligato a giurare fedeltà all'Italia è colui che fa le veci del pontefice nella sua qualità di vescovo di Roma. Il governo italiano acconsentì di rendere le sue leggi sul matrimonio ed il divorzio conformi a quelle della Chiesa cattolica di Roma. I Patti garantirono alla Chiesa il riconoscimento di religione di stato in Italia, con importanti conseguenze sul sistema scolastico pubblico, come l'istituzione dell'insegnamento della religione cattolica tuttora esistente seppure con modalità diverse. Nel 1946 i Patti furono riconosciuti costituzionalmente nell'articolo 7 ed equiparati sul piano formale alla nuova figura giuridica delle Intese tra lo Stato e le altre confessioni religiose.Recentemente (2006) il concordato è stato messo in discussione da alcune forze politiche, in particolare dal partito della Rosa nel Pugno. Secondo queste critiche i rapporti tra Stato italiano e Chiesa cattolica dovrebbero essere nuovamente rivisitati in diversi punti in modo da renderli ulteriormente liberi. Non può essere proposto un referendum per l'abolizione del concordato o delle leggi collegate ad esso perché non sono ammessi, nel nostro ordinamento, referendum riguardanti i trattati internazionali. Anche una proposta di legge popolare per l'abolizione del concordato è ugualmente inammissibile perché la legge ricade in una dei casi previsti dall'articolo 80 della Costituzione "...VOLETE CAMBIARE LE COSE? METTETEVI IN POLITICA E FATELO!!!!" Ma basta con i piagnistei...
 
 
 

Riflessione di fine settimana.

Post n°16 pubblicato il 10 Marzo 2007 da The_SuperMax

Sabato, un altro sabato.
Oggi non sono tanto contento... fuori piove... niente sole... anima triste... e poi leggo i blog, leggo troppo... dovrei trovarmi un hobby diverso...
Oggi vorrei scrivere su un post ed eventuali risposte.
Non occorre citare il blog... e nemmeno il post... era uno di quei post provocatori sulle prevaricazioni che la chiesa compie in alcuni settori.
Da qui a passare ad una discussione sulle religioni e sull'importanza che questa ha nella vita di ognuno di noi, il passo è stato breve.
E così ecco di nuovo le solite cose....
"...la chiesa è responsabile di plagio mentale...."
"...chi è credente e praticante è contrario all'integrazione...."
"...la religione deve essere segregata nell'anima e non ostentata in manifestazioni..."
"...l'Italia è un paese laico e i Cattolici non hanno nessun diritto in essa..."
"...togliamo i crocifissi... aboliamo il Natale... rompiamo le Uova Di Pasqua...."
ecc... ecc..
Addirittura mi è toccato leggere che chi è religioso, o peggio, chi è ministro di Fede si oppone al futuro, cercando di far arretrare il paese in cui vive.
Per non parlare delle ormai arcinote accuse sulle guerre fatte in nome della religione.
E noi Cattolici dobbiamo sempre sentire le solite cose.
Dobbiamo sempre porgere l'altra guancia e far finta di non sentire, altrimenti, se provi a reagire, o non vieni ascoltato.... oppure vieni accusato di essere un minorato mentale, pronto ad ascoltare qualsiasi stupidata detta dal tuo sacerdote.
Bhe, io non ci stò, mi spiace.
Io sono Cattolico... e sono ORGOGLIOSO di esserlo.
Io VOGLIO il crocifisso in classe... voglio che a mio figlio venga insegnato, anche a scuola, l'importanza del Natale, della Pasqua... voglio che si vesta da pastorello nelle recite di Natale... e voglio che sia preparato per la Comunione, per la Cresima, per il Matrimonio... e per tutti gli altri Sacramenti.
E chiamatemi integralista, stupido, guerrafondaio, razzista... non mi importa.
La libertà che oggi vige in Italia è frutto anche del nostro essere attaccati alle sottane dei preti.
Se oggi chiunque, italiano e non, può dire la sua su come gestire il nostro paese, deve ringraziare anche la religione in cui credono la maggior parte degli italiani.
In altri paesi, se solo qualcuno si fosse azzardato a dire la metà di quello che oggi si dice contro la nostra religione, bhe, lo sapete, non occorre che finisca la frase...
Ma qui no.
Qui si può dire tutto...
Tanto qui conta chi è più forbito con le parole... chi alza di più la voce... chi è più fotogenico... o chi ha le gambe più lunghe o il seno più grosso....
Chi usa il cervello viene messo in disparte... ignorato... e se prova ad alzare la voce, bhe viene sotterrato con frasi comuni, con stralci di storia prese apposta per azzittirlo e altri espedienti vari.
Vuoi difendere le tue tradizioni? Sei retrogrado...
Non vuoi che estranei, scappati da casa loro, vengano ad interferire con le regole di casa tua dove li ospiti? Sei razzista....
Vuoi difendere e perpetrare la tua religione a CASA TUA e ai TUOI FIGLI? Sei un religioso guerrafondaio....
Quindi, signori, ATTENZIONE, state leggendo il blog di un Retrogrado, Razzista, Guerrafondaio, siete avvisati.
Cmq... ognuno ha diritto alle sue idee...
E ognuno è libero di leggere ciò che vuole...

 
 
 

Democrazia... o Talk-Show?

Post n°15 pubblicato il 10 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Cito a "memoria":
"...siamo stufi di questa arrogante politica...."
"...i politici italiani devono ricominciare a parlare con i cittadini..."

Come direbbe Luciano Rispoli... "MA CHE BELLE PAROOOLEEEEEE".
Sisi, mi stò riferendo all'ennesio schifo mandato in onda su una rete pubblica italiana che non voglio citare per non farle pubblicità. (Già pago il canone, se poi devo anche pubblicizzarla gratis, quando lei chiede milioni al secondo per uno spot, mi sembra assurdo, no?).

Perchè parlo di schifo?
Perchè io sono dell'idea che, quando si entra in casa di estranei, l'educazione (questa sconosciuta) impone un certo comportamento.
E questi signori dimenticano troppo spesso che loro entrano in casa nostra con i loro modi saccenti, spavaldi, arroganti e maleducati....
Ora, non sò voi, ma se io organizzo una riunione a casa mia, e questa prende i toni che ha preso quella trasmissione, io, come padrone di casa, avrei preso tutti a calci nel "popo" e li avrei sbattuti fuori da casa mia.
Ovviamente il televisore non lo butto fuori di casa, perchè, poverino, lui che centra?
Mica è colpa sua se è obbligato a riprodurre tali scemenze...
E poi ha il telecomando...schiacci un tasto... e lo schifo sparisce...
...e becchi Sgarbi vs Paone.... vabbhe, di tasti ce ne sono tanti... ne schiaccio un'altro, va..
... e becchi la De Filippi con i suoi Amici.... (un talk show sull'arte dell'insulto, e su come si deridono i difetti fisici altrui)
Wow.... mi accorgo che i tasti non sono poi molti... e me li sono quasi finiti...
.... ma le scene non cambiano... cambiano i personaggi... i contenuti no...
Possibile che a "noi" piace vedere le risse su tutto?
Sembrerebbe di si...
Probabilmente i vari pediatri, psicologi e compagnia bella reputano queste immagini "innocue" se non addirittura "istruttive", perchè, non sò voi, ma io il bollino ROSSO su certe immagini non l'ho mai visto.....
Eppure se trasmettono film o documentari MOLTO, MA MOLTO MENO VIOLENTI lo mettono.... bha... strano... sarà una svista, sicuramente.
Cmq, tornando a quelle belle parole dette da Santoro (opss.. mi è scappato) .... come si può non dargli ragione?
I Politici dovrebbero ritornare a parlare con gli Italiani, giusto!!!!
E gli Italiani dovrebbero ritornare a votare secondo quello che vedono in paese, in città, quando vanno all'USL, quando vanno a fare la spesa, quando vanno alle Poste, o negli Ospedali, o quando vengono trattati come deficenti dai vari enti statali.... e non su quello che vedono-sentono in tv!!!
VISTO???
E' facilissimo fare della DEMAGOGIA spicciola che scuote la maggior parte della popolazione.... la differenza è che a me non mi legge nessuno... Santoro gode di una certa popolarità....
Popolarità fatta di voce.... perchè di azioni io non ne ricordo...
Popolarità fatta di domande scomode, di attacchi, di servizi faziosi e combinati ad arte in base all'ospite del giorno... il tutto mascherato dall'alibi di dover fare il giornalista senza macchia e senza paura e senza padrone.
Ma così non si fa informazione.
Non è prevaricando, o insultando, o ridicolizzando le idee altrui che si fa un approfondimento sulle notizie... così si fa solo lo scoop del giorno (sperando che il clamore duri fino alla prossima puntata).
La gogna mediatica non è un sistema per fare informazione....
L'idea dell'ospite di Santoro non era mica segreta, tutti la sapevamo...
Un idea si può condividere oppure no.... ma non si può ridicolizzarla...non si può e non si deve!!
Ricordiamoci sempre che "quel signore" parla di idee sue, condivise da qualche "migliaio di Italiani", e che sempre quel signore, ha messo la "sua faccia" e le sue idee a disposizione di noi Italiani, che lo abbiamo votato, e che in "lui" e nelle sue "idee" ci sono anche le persone che lo hanno votato.
Ora, se si vuole combattere un idea "politica" bisogna mettersi in "politica".
Se io dico una fesseria.... posso permettermi di dirla perchè a me non da ascolto nessuno, e io non rappresento nessuno.
Ma se io mi candido a Parlamentare... e prendo 20000 voti, allora le mie fesserie non sono solo mie, ma mie + 20000 altre persone che mi hanno eletto per parlare al posto loro.
Ora Santoro chi rappresenta?
L'odiens?
Lo share?
E da quando questi due signori hanno rilevanza politica?
Possibile che Mastella e Santoro possono essere messi sullo stesso piano?
Santoro è Santoro....
Mastella è Mastella, Giorgio, Giuseppe, Angelo, Filippo, Massimiliano, Stefania, Sara, Michele, Maria, Sonia, Sandro, ecc. ecc.
Se siamo davvero convinti che il signor Mastella non sia idoneo a rappresentarci, decidiamolo al momento del voto, secondo coscienza...
E non al televoto ad un reality-show chiamato Annozero.
Se poi ci rendiamo conto che le nostre idee non condividono quelle di altri nostri cittadini.... e che anche se noi non votiamo Mastella, questo viene regolarmente eletto da chi la "pensa come lui"... bhe, non dobbiamo arrabbiarci... questa, signori miei, si chiama DEMOCRAZIA e VA FATTA RISPETTARE in ogni LUOGO.
Ciauz

 
 
 

Visco: il redditometro sui beni familiari .

Post n°14 pubblicato il 08 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Ecco l'ultima chicca che ho letto oggi in rete, il REDDITOMETRO sulle famiglie.
La mia....
La tua....
Quelle di tutti.... quelle normali.... quelle ricche, quelle povere.
Quelle che campano con 600euro al mese.
Quelle che pagano 350euro di affitto al mese....
Quelle che tirano la cinghia....
Oggi il governo ne spara un'altra delle sue.
Gli evasori fiscali si nascondono nelle famiglie.
E in parte ha ragione... perchè ogni nucleo è considerato famiglia.
E ha ragione anche sugli evasori...
Infatti chi di noi, lavoratori dipendenti e non, non ha mai fatto qualche oretta di lavoro straordinario in nero?

Cmq..
Tutto si sviluppa in sei punti:

1-L'anagrafe tributaria invia agli Uffici delle Entrate questionari relativi a contribuenti che hanno dichiarato redditi «incongrui» rispetto agli indicatori di capacità contributiva.

2-Gli Uffici delle Entrate notificano i questionari ai contribuenti per poi rispedirli all'Anagrafe centrale.

3-Vengono elaborati i dati, si effettua un confronto «NUOVO REDDITOMETRO» - «REDDITO DICHIARATO» : quelli risultanti inferiori al 75% del giusto risultato cadono sotto il controllo.

4-Si dà comunicazione al CONTRIBUENTE del risultato ottenuto.

5-Entro 30 giorni dalla ricevuta comunicazione, il contribuente può far valere le sue osservazioni.

6-Se l'Ufficio non ritiene valide le osservazioni potrà notificare l'ACCERTAMENTO, oppure avviare nuove indagini.

Il nuovo redditometro prenderà come base analitica il possesso di: Aeromobili- Imbarcazioni da diporto - Autoveicoli - Roulottes - Residenze principali e secondarie - Collaboratori familiari- Cavalli da corsa - Assicurazioni.

Il tutto in aggiunta a quanto già c'è (INDAGINE BANCARIA PER VIA TELEMATICA) e a quanto ci sarà (PAGAMENTI A PROFESSIONISTI CON CARTA DI CREDITO O ASSEGNO) .

Bhe, perfetto no?
Adesso non resta di vedere come applicheranno queste norme...
"Secondo me" sarà interpretata come al solito....
Il grande industriale troverà il modo di aggirare anche queste norme, tanto basta un bravo commercialista e le conoscenze giuste.
Invece il cittadino comune, che non ha ne le conoscenze, ne i soldi, ne il tempo per trovare delle scappatoie, oppure è onesto e si affida alla "giustizia dello stato", si troverà a dover dare spiegazioni per ogni suo singolo acquisto.
In parole povere prendiamo già uno stipendio da fame... detratto a monte dalle tasse... in più paghiamo l'IVA su ogni cosa.... e in più dobbiamo pure giustificare gli acquisti perchè, se per sbaglio questo mese arriva la bolletta del gas di 700euro, e con la busta paga non riesci a coprirla, e preghi il tuo principale di farti fare degli straordinari per poterla pagare, e questo ti obbliga a farli in"nero" perchè altrimenti a "lui" non conviene...e tu accetti... HAAARRGGGG!!! EVASORE!!!! CRIMINALE!!!!! Non puoi permetterti di pagare 700euro di gas!!! Nei conti non ti ci scappa!!!!
E allora mi domando....
Perchè lo stato usa (perchè lo userà così, ne sono convinto) questo sistema per farti pagare tutto.... e di più... quando lo stesso sistema funzionerebbe anche per capire che una famiglia con uno stipendio da 1000 euro al mese non può pagare, ENEL, TELECOM, GAS, ACQUA, ASSICURAZIONE, BOLLO, CANONE TV, SCUOLA e LIBRI, MEDICINE, TICKET, TASSA CASALINGA  ecc. ecc. senza morire di fame?
Se io dichiaro una bolletta del GAS di 1euro e rotti al litro.... (perchè così la LIQUIGAS me lo fa pagare) e quindi al netto del pieno bombolotto di 1650 litri equivale una megabolletta di 1650 euro e rotti di gas, se io dichiaro tale cifra.... l'evasore sono io, perchè quadagnando 1000 euro al mese non posso permettermi di riscaldarmi a quelle cifre. Magari mangio pane e acqua quel mese per pagare tale cifra, perchè altrimenti morirei di freddo, ma questo non importa. Ma allo stesso tempo, perchè non usano la mia dichiarazione per andare dalla LIQUIGAS a chiedere, quanti clienti hanno, e quanti litri compera ogni cliente, e perchè il GPL che io compero per RISCALDARMI lo pago 1euro e rotti, mentre se vado al distributore a mettere lo stesso GPL per la mia macchina lo pago 0,611euro al litro?
Se io vedo queste cose, perchè la FINANZA non le vede?
Dove abitano questi signori, in Svizzera?
E questo è solo un esempio, ne potrei fare a bizzeffe... ma non voglio annoiarvi...
Cmq è consolatorio vedere che Cane non mangia Cane....
Infatti i politici, che per legge sono esentati (o privilegiati) su certe tasse, non pestano i piedi a chi, per guadagno, non li paga.... infierendo, ancora una volta, sulle famiglie Italiane, che si scervellano per far quadrare i conti a fine mese, senza morire di fame e di freddo... sputando "lacrime e sanque" anche per lo starordinario in nero, necessario per SOPRAVVIVERE e non per comperarsi il panfilo o la casa in sardegna.
Dimenticavo...
Non vi azzardate a fare sacrifici e a risparmiare per comperarvi, che so, la macchina dei sogni o la casa... altrimenti sarete subito scoperti e additati come "GRANDI EVASORI" e quindi sanzionabili....
Se poi avete un parente ricco... o benestante... o con un semplice casa colonica mezza diroccata.... che per sbaglio, morendo, vi nomina EREDE... bhe, sparatevi... fate prima..
CIAUZZ

 
 
 

MAI... senza regole!!!

Post n°13 pubblicato il 07 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Non impariamo mai.
Regole!!
Abbiamo sempre bisogno di regole.
Ma non per noi..... no.... le regole servono per coloro che sbagliano.  Servono per distinguere chi sbaglia da chi è onesto.
Servono per giudicare... per poter dire... "tu hai infranto la regola... sei un disonesto..." e noi ci sentiamo onesti per riflesso.
Perchè questo post..... perchè, come al solito, leggo... e poi penso... e poi scrivo.
Ho letto un post su un blogger il quale si chiede se è legale permettere la pubblicazione di certi siti "pornografici" ad assunzione diretta del personale in lingua Italiana.
Ora, premesso che non voglio fare pubblicità a cose che, per natura, non approvo, io penso che ognuno di noi ha la libertà di fare ciò che vuole (nel pieno rispetto del prossimo, ovvio).
Se io apro un sito... e in questo sito non ci viene nessuno.... o sono un miliardario che continua a buttare soldi tenendo in piedi qualcosa che non rende... oppure sono pazzo.
Viceversa, se il mio sito ha una bella affluenza, va da se che ho centrato in pieno i gusti di una buona parte del popolo Internettiano.
Quindi, teoricamente, io non ho colpa se la gente compera il mio prodotto.
Mica lo vendo sulla piazza.
Mica lo impongo.
Non sono io che vi vengo a cercare....
Siete voi, che mi trovate....
Siete voi, che venite a curiosare in casa mia...
Siete voi, che mi contattate per lavorare nel mio sito...
Siete voi, che mi contattate e pagate per i miei servigi....
Siete voi, che scandalizzandovi, parlate a tutti della mia attivtà, pubblicizzandola...
Quindi, siamo noi a creare queste situazioni.... o perchè le cerchiamo, o perchè ci interessa il guadagno-facile-veloce o perchè curiosi di vedere.
Già, basta solo una visita "veloce veloce" per contribuire alla crescita di questi siti.
Quindi questa spazzatura la creiamo noi... e una volta creata invochiamo la legge perchè ce ne liberi... puntando il dito contro tutti tranne che verso noi stessi.
E' sempre così...
Non impariamo mai.
Quando ci viene donata la libertà di azione e di pensiero... non riusciamo a gestirla... cadiamo vittime di tentazioni più forti di noi... e poi invochiamo qualcuno che ci protegga per legge contro i nostri istinti...
Molto più semplice restare sotto un giogo legale....e poi lamentarci quando questo si fa stretto... che AUTOREGOLAMENTARCI da soli.
Ma forse non siamo ancora evoluti per questo.
Così accadde, secondo le sacre scritture, nell'EDEN.
Sapevamo cosa potevamo fare, cioè tutto, e cosa no.... ma la tentazione della mela era troppo forte....
Così accadde durante l'ESODO.... incapaci di gestire la libertà, finimmo sotto il giogo Egiziano. E liberati da DIO tramite Mosè, dimostrammo, ancora una volta, di non saper gestire la libertà appena donataci, costringendo DIO a darci delle regole.
Così accade oggi.... abbiamo tra le mani Internet, il mezzo più libero esistente oggi nel mondo.... e stiamo dimostrando, ancora una volta, che abbiamo bisogno di regole, perchè la libertà proprio non sappiamo gestirla.
Eppure, basterebbe così poco...
ma forse è troppo anche quel "poco" per noi.

 
 
 

Risposta ad un visitatore...

Post n°12 pubblicato il 04 Marzo 2007 da The_SuperMax

E' Domenica.
Mai una Domenica è iniziata tanto bene!immagine
Mi sono alzato, ho preso un buon caffè, e ho accesso il portatile. Ormai il giornale non lo compero più. La tv non l'accendo quasi mai e poi, onestamente, mi sembra il mezzo meno adatto per dare informazione. Preferisco di gran lunga il "tam-tam" internettiano. Almeno così avrai la notizia come si faceva una volta. Tramite il passaparola di cittadini. E insieme alla notizia leggi i vari commenti, sempre dei cittadini (e non di persone pagate con un copione preparato). Certo, le notizie possono essere trasformate. Ci sono persone che non l'hanno vissuta e che quindi la riportano grossolanamente o male solo perchè, a loro volta, l'hanno sentita o letta da un altra parte. Ma poi ci sono i commenti che parlano. E quelli ti aiutano a capire come sono andate le cose e cosa ne pensa la "vera" gente di quel problema. Certo, molti commenti saranno stupidi, o provocatori, o di parte o di qualsiasi altro aggettivo vi venga in mente. Ma è proprio qui che viene il bello. La notizia non deve essere servita su un piatto, come al ristorante, che mangi qualcosa, non sai cos'è, ma ti piace. E se non ti piace il cuoco l'aggiusta secondo i tuoi gusti per non perdere il cliente. No, Internet non funziona così. Qualcuno pubblica una notizia. E prendono vita i commenti. Tu che non sai nulla della faccenda, leggi la notizia e ti fai un idea di quanto è accaduto. Poi leggi i commenti e ti fai un idea su chi pubblica i commenti, alcuni sono stupidi? bene li ignori. Acuni li giudichi provocatori? Bhe ci fai una risata e passi al prossimo. AZZ... qualcuno che gli è capitata la stessa cosa? Allora lo leggi e rifletti.... ecco il segreto di Internet. Che su quello che leggi, per sapere se è cosa vera, devi far funzionare il CERVELLO!!!! Devi TU capire se quello che leggi è una favola, oppure se è un problema VERO. Lo sò, per molti è difficile ragionare. Ormai la Tv ci ha insegnato che solo lei è portatrice di verità. Io lo dico sempre... "se un giorno un pazzo si impadronisse di  un canale tv, magari il più visto e seguito, magari il più accreditato come "portatore di verità assoluta" e lo usasse per dire, che sò:
"ATTENZIONE!!! Siamo tutti in pericolo!!!! Ci sono persone che tramano nell'ombra. Ci sono i CATTIVI che vogliono rubarvi tutto. Difendetevi contro queste persone. Salvate i vostri cari e le vostre famiglie da questi Mostri..."
sono sicuro che mezza Italia gli darebbe ascolto. Solo perchè lo ha detto la Tv.
Come dite? E' già successo 15 anni fa???
NAAAAAAaaaaaaaaaimmagine
Cmq, accendo il mio portatile e vedo un messaggio.
Strano, a me non scrive mai nessuno..... sarà qualche sito porno che vuole i miei soldi... (ormai la vista se la sono già presaimmagine)
Invece no, era un blogger che mi scriveva.
Lo faceva in messaggeria perchè io, da stupido, avevo disabilitato l'inserimento dei messaggi nel mio blog.
Così mi sembra giusto riportare il suo messaggio qui.... scusandomi ancora per il mio errore.
Ciao a tutti e BUONA DOMENICA.

(Blogger-Visitatore) non riporto il nick, ma se vuoi lo metto.
ciao supermax, ho visto che non posso commentare nel blog, perciò ti scrivo qui: due cose: quelle cose che hai letto in quel blog erano per la maggior parte copiate, come la foto, dal blog.libero.it/chiacchere/ l'altra è che concordo pienamente con la tua analisi sui nostri figli. Ciao.

(SuperMax) risposta.
Ciao.
Grazie per il messagio.
Sei stata gentilissima a lasciarmelo in "messaggeria".
Sai, non sapevo che avevo disabilitato i messaggi nel mio blog. Grazie per avermelo fatto notare.
Cmq, hai ragione. Molte notizie io le leggo sui vari blog e siti di internet. E a volte faccio il classico "copia-incolla". Non perchè io sia pigro o voglia rubare qualcosa, no, non è per quello. E' solo perchè, secondo me, quando qualcuno ha scritto un pensiero (e io lo condivido) mi sembra giusto usare le sue di parole. Anche perchè copiare un testo già scritto, cambiare qualcosina, e poi pubblicarlo facendolo passare come "lavoro proprio" mi sembra squallido. Forse a volte dimentico di citare la "fonte" o l'autore. Ma sono appena all'inizio della mia avventura. Chiedo umilmente scusa. Ma cerco di metterla quando posso.
Ciao e ti auguro una splendida Domenica.

P.s.
Il blog che tu citi non l'ho mai visitato. Oggi ci ho fatto una "cappatina", ma onestamente non ho trovato nessuno post che ho copiato sul mio.
Se magari mi dici a quale ti riferisci provvederò a citarne la fonte, ma dubito che sia quel blog che segnali tu, ripeto, non l'ho mai visitato.

 
 
 

Riflessione di fine settimana.

Post n°11 pubblicato il 03 Marzo 2007 da The_SuperMax

Altro sabato.
Altra settimana che finisce.
Altra riflessione.
Bella questa mattina. Un bel sole, un bel calduccio. Si respiera aria di primavera. E questo mi piace. Mi fa pensare a ciò che questa settimana ha prodotto. A cosa è successo.
Già, cosa è successo?
Un pò di tutto. Noi Italiani non ci facciamo mancare nulla.
E' caduto un governo. Poi si è rialzato.
Un bambino con la lingua tagliata dalla maestra.
Un altro costretto a leccare la propria urina sempre dalla maestra.
Un altro legato perchè troppo vivace sempre dalla maestra.
Mamma mia, ma che razza di maestre abbiamo in Italia?
Roba da rimpiangere quelle vecchie care maestre che ti mettevano in ginocchio sui ceci o che ti fustigavano le mani. Possibile che i nostri figli siano così insopportabili da indurre normali educatrici ad una esasperazione tale da far perdere la ragione? (anche solo per pochi secondi?).
Sono i bambini che vengono cresciuti male.... o sono le maestre che non sono preparate ad affrontare queste orride creature?
Certo, bisognerebbe intavolare una discussione molto grossa.
Io, nel mio piccolo, posso solo prendere atto di ciò che vedo.
Vedo molti genitori prendere alla leggera alcuni comportamenti dei propri figli.
Come faccio a dirlo?
Semplice.
Anche io sono stato figlio.
E a certi comportamenti miei, corrispondevano certi comportamenti di mia madre o mio padre.
E questa, signori miei, si chiamava EDUCAZIONE.
Oggi basta girare in un centro commerciale per rendersene conto.
In primis la nascita di centri appositamente studiati per accogliere i figli dei consumatori intenti a far spesa. Questo fa supporre che un figlio è un peso. Chi parcheggia il proprio figlio in quei centri (provvisti anche di tate-guardiane) è perchè non riesce a far conciliare il rito sacro della spesa con quello più secondario del genitore.
Bhe, allora portiamoci il figlio dietro a far spesa.
PEGGIO!!!!
Ho ancora nelle orecchie gli urli e i pianti dei bambini che vengono trascinati via di forza dai genitori. Crisi di vero e proprio "isterismo" solo perchè hanno visto qualcosa che vogliono avere.
Ma è la cosa più logica del mondo, no?
Un bambino vuole avere tutto ciò che vede e che gli piace.
Stà ai genitori insegnare che non tutto si può avere.
I miei me lo hanno insegnato tanto bene. Bastava uno sguardo, un occhiata data in un certo modo, e già capivo che non era aria.
Ma oggi questo tipo di educazione viene vista come una violenza psicologica nei confronti del normale sviluppo mentale e comportamentale del bambino.
Così abbiamo due modi per insegnare la vita ai nostri figli.
O lo prendiamo in giro.... dicendo un sacco di frottole per giustificare il mancato acquisto.
Oppure gliela diamo vinta su tutto, basta che la smetta di rompere.
In ogni caso il bimbo si sente in diritto di chiedere e ottenere tutto ciò che vuole. E impara che se strilla può ottenere tutto. E che se per sbaglio non lo ottiene non è perchè nella vita non tutto ti è concesso, ma  perchè un ipotetico "signore" ha comperato proprio l'ultimo giocattolo disponibile e ora bisogna aspettare che arrivino i nuovi. (o qualsiasi altra scusa vi venga in mente).
Questo modo educativo provoca un comportamento del "tutto in torno a me", tutto mi è concesso se rompo abbastanza.
E così abbiamo bambini viziati che, quando escono di casa, si trovano a relazionarsi con altri bambini viziati. Quei pochi educati (perchè ancora esistono ma sono in via di estinzione) vengono catalogati come "FESSI" o "REPRESSI" e scherniti sia dai bambini "INTELLIGENTI" che dai loro genitori. E poi abbiamo le maeste. Queste sconosciute. Queste persone che dovrebbere insegnare Storia, Arte, Geografia... ma che non si azzardino ad insegnare l'educazione. Non lo abbiamo fatto noi che siamo i genitori, non permettetevi voi. I nostri figli non sono maleducati, sono solo vivaci. Sono solo svegli, furbi, dinamici. Questo carattere li aiuterà nella vita a non farsi mettere i piedi in testa da altri suoi simili. (Già, e chi sarebberero questi suoi simili prevaricatori, se non quelli cresciuti proprio con le sue stesse regole?). Così abbiamo maestre di 40 - 50 anni che si sentono trattare come pezze da piedi da bambini di 6 - 9 anni. Bambini vivaci, furbi, dinamici che ormai non si spaventano più alla minaccia di una nota sul diario, o su una gita fatta in direzione. Anzi, sanno che più di quello non gli può capitare e giocano su questo. "Tanto a casa dico che la maestra se la prende solo con me" e il genitore ci crede.
Certo, d'altro canto vedo anche maestre superficiali. Vedo maestre che non hanno amore per il proprio lavoro e che aspettano solo la fine delle lezioni e l'arrivo del 26 di ogni mese per lo stipendio. Insomma, si vede di tutto e di più.

 
 
 

Sei un blogger "degno" di pubblicare?

Post n°10 pubblicato il 03 Marzo 2007 da The_SuperMax

Oggi scriverò il mio pensiero su qualcosa che mi ha colpito.
Ieri, controllando il mio blog e le visite, come al solito, vado a rintracciare i blog di chi mi ha visitato. Forse per conoscere, per farmi un idea di chi mi legge. Forse per contraccambiare la visita. Non lo so, non mi sono mai posto il problema, lo faccio e basta.
Ebbene, così facendo entro in un blog.
Quì leggo l'ultimo post pubblicato dal proprietario.
Leggo e mi incazzo.
Si, mi arrabbio perchè, come al solito, leggo il pensiero di qualcuno che giudica.
Qualcuno che si sente deluso da come "noi" blogger usiamo il nostro tempo libero e non, o il nostro spazio virtuale "gratuito".
Questo qualcuno si sente deluso nel vedere tanto spazio virtuale sprecato da stupidi pensieri e da immagini forbianti. Accusa molti di noi di pubblicare pensieri e foto al solo scopo di "impressionare" i lettori e di provocare in loro una sorta di "lavaggio celebrale". Usiamo il nostro spazio gratuito solo per divulgare il "nostro verbo", cercando di aprire gli occhi a chi legge.
Ma dico io.
Possibile che nel 2007 esistano ancora persone retrograde che ragionino in questo modo?
Persone che si sentono amareggiate nel vedere qualcuno che pensa e agisce in un modo a "lui" incomprensibile e inaccettabile.
Adesso ci manca solo che si fondi una commissione sui blog, un organo di controllo di qualità e così siamo a posto.
Sempre la stessa storia, sempre i soliti pensieri.
Proprio non ce la facciamo ad accettare pensieri e azioni diverse dal nostro mondo intelletuale?
Internet e i suoi derivati (blog) sono di TUTTI e per TUTTI.
Sono stufo di vedere gente che si sente al di sopra.
SCENDETE DAI VOSTRI PIEDISTALLI!!!
Specialmente quando vi ci siete appollaiati da soli!!!!
Certo, un blog è un diario dove ognuno è libero di scrivere ciò che crede, o ciò che sente. Quindi anche il nostro signor "qualcuno" è libero di scrivere ciò che pensa su di "noi".
E io mi sento libero di usare questo meraviglioso mezzo tecnologico per manifestare il mio disappunto su chi usa il proprio spazio virtuale "gratuito" per elevarsi al di sopra della massa, su chi fa intendere di essere "superiore" alla media, quando visitando il suo blog non si notano molte differenze da altri, anzi. Su chi fa intendere di avere un animo artistico pubblicando testi di canzoni poetiche, o un animo altruistico e tollerante sfoggiando nel proprio cyber-spazio foto anti-razzismo.
Certo, tutto molto nobile e di impatto.
Un blog così farcito ti fa subito pensare ad un blogger con un animo poetico e altruista. Dalla mentalità aperta. Peccato che poi, i suoi post lo smentiscano apertamente.
Fosse per lui molti di noi dovrebbero vergognarsi di avere un pc, figuriamoci poi scrivere su un sito.
Quindi io mi domando:
Che differenza c'è tra uno che:
 pubblica foto semi-pornografiche per attirare visitatori?
 pubblica versi di canzoni altrui per attirare visitatori?
 pubblica foto di libri (o altro) anti-razismo per attirare visitatori?
 pubblica articoli o recensioni altrui per attirare visitatori?

Ve lo dico io.... NESSUNA!!!
Perchè siamo tutti uguali.Tutti usiamo quello che abbiamo come più ci piace o come meglio crediamo.
E tutti ci sentiamo "portatori di una verità" che altri non conoscono, perchè ognuno di noi è diverso dall'altro, e quindi UNICO.
Questo è il bello di INTERNET.
Che permette a tutti di conoscere tutti.
Poi se qualcuno si sente offeso, amareggiato o altro, bhe è giusto che lo dica.
Ma non facciamo lo sbaglio di giudicare.
Non facciamo lo sbaglio di dire: Questo spazio è per molti ma non per tutti"
Altrimenti poi ci toccherà mettere molte più foto e poesie sul nostro blog per convincere chi ci visita che siamo diversi da chi giudica un suo simile NON IDONEO a fare qualcosa a lui consentito.

W LA LIBERTA' D'ESPRESSIONE IN OGNI SUA FORMA!!
W INTERNET.

 
 
 

Lacrime e sangue per tutti...(?!?)

Post n°9 pubblicato il 03 Marzo 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

L'Italia è in deficit!!!

Bisogna fare sacrifici!!!!

Bisogna risanare il debito pubblico generato dalle pensioni ai lavoratori!!!

Viviamo troppo a lungo e non facciamo figli, ecco la nostra colpa!!!!

Vabbhe, sarà proprio così, non lo sò, non sono un politico io. Ma se la mia colpa è quella di avere una prospettiva di vita luga e in salute, non vedo perchè mi debba sentire in colpa. Io ho iniziato a lavorare a 14anni. Ho sempre pagato le tasse. Sempre versato i contirbuti. Guadagno sui 1000 - 1100 euro al mese. Da questo immenso salario ci tolgo l'ENEL, TELECOM, LIQUIGAS, ACQUA. Poi BOLLO AUTO, CANONE TV, ASSICURAZIONE AUTO, ecc. ecc. Privilegi? Nessuno. Mi devo pagare tutto. Cinema, discoteca, teatro ecc. ecc. La pensione? Bhe, quella mi arriverà tra 40 anni (se ancora esisterà) e prenderò, se farò una pensione integrativa e perdendo il TFR a ben 800 euro mensili. Sempre se prima non mi beccherò un cancro o qualche altra bella malattia. Malattia che, naturalmente, mi dovrò pagare da solo. Poi devo anche fare i conti con la spesa per mangiare (ho questo vizio) e con i costi "mostruosi" legati alla casa. (ICI, AFFITTO, ecc. ecc.) E di tutto questo "schifo" la colpa e mia e di quelli come me che di professione fanno i "lavoratori dipendenti". Abbiamo prosciugato i conti dello stato, meno male che ci sono i parlamentari a salvaguardarci.

Così mi sono detto: "facciamo una ricerca su INTERNET e vediamo questi "paladini" dei conti pubblici quanti sacrifici fanno per noi.

Ripeto, io faccio solo un "taglia-copia" quindi se ci sono delle cose sbagliate fatemele sapere e provvederò subito a pubblicare una legittima replica.

Dunque:
Un deputato della Repubblica si porta a casa uno stipendio mensile di oltre 17 mila euro.Ma non è tutto. Se a questa cifra aggiungiamo la pensione, l'indennità di carica, il finanziamento ai partiti e altri appannaggi si arriva a 47 mila euro ogni mese. Se poi si aggiungono vari altri privilegi la cifra complessiva di quanto ci costa un deputato è di 150 mila euro al mese. Che sono all'incirca 300 milioni di lire.
I deputati hanno tutto rimborsato: spese per i trasporti, i viaggi. Non pagano le autostrade, le ferrovie, se vanno da Roma a Fiumicino gli ridiamo i soldi spesi, noi che paghiamo e non troviamo i taxi. Se un onorevole va all'estero, con la famiglia o la compagnia, li rimborsiamo. Noi, capito! Basta che ci dicono: viaggio-studio della lingua. Poi ci sono le prebende vere e proprie: rimborsi pure per gli alimentari, la biancheria, la carta igienica, le stoviglie e il vestiario, i noleggi, i parcheggi, i ristoranti, le spese di rappresentanza. E per i loro portaborse hanno una cifra a disposizione di oltre 8 mila euro, vuol dire 16 vecchi milioni.
A questi si aggiunge la grande voragine del tutto gratis: il posto in tribuna d'onore negli stadi, la tessera del cinema, del teatro, dell'autobus e della metropolitana, la carrozza ferroviaria, il vagone letto, il corso lingua straniera, le piscine e le palestre, gli aerei di Stato, l'uso di prefetture ed ambasciate, le cliniche e i rimborsi medici. E poi le auto blù, l'idennità di morte, giornali e riviste. Avete capito perchè siamo al deficit e la Repubblica ci costa tanto? I deputati d'Italia sono i più ricchi del mondo. Per Noi che li paghiamo non ci resta altro che piangere!!!


Fonte:comincialitalia

Ma mica è finita qui
Per gli onorevoli siciliani la moda dell'essere pagati più di tutti però non è tramontata! Riporto i dati della scorsa legislatura del Governo Cuffaro, ma corrispondono più o meno con i dati attuali.


Cominciamo dallo stipendio medio di ogni deputato siciliano: 22.000 € e analizziamo in dettaglio le voci:


Stipendio/ indennità................................... 7.800 euro netti al mese
Diaria........................................................... 4.000 euro netti al mese
Portaborse.................................................. 4.700 euro netti al mese
Spese telefoniche..................................... 400 euro al mese
Viaggi di aggiornamento internaz............ 300 euro anno
Rimborso spese varie................................ 1.000 euro al mese

Tot: più di 18000 € netti al mese x ogni "poveraccio". Ma questi dati sono riferiti ai deputati semplici (cioè poco più del 50%), infatti:

Presidente Regione 18.000 di base + 8.000 tot 26.000 euro mese
Presidente Assemblea 18.000 di base + 8.000 tot 26.000 euro mese
Assessori 18.000 di base + 4.000 tot 22.000 euro mese
Vice pres. Assemblea 18.000 di base + 4.000 tot 22.000 euro mese
Pres. Commissione 18.000 di base + 3.000 tot 21.000 euro mese
Deputato Questore 18.000 di base + 3.000 tot 21.000 euro mese
Deputato Segr. Cons. Pres. 18.000 di base + 3.000 tot 21.000 euro mese
Presidente Commissione 18.000 di base + 2.000 tot 20.000 euro mese
Vice Pres. commissione 18.000 di base + 1.000 tot 19.000 euro mese

A tutto ciò vanno aggiunti alcuni discutibili privilegi (da noi pagati )

Pensione : Pari al 100% dello stipendio se è stato in Deputato per almeno 2 anni e mezzo.Sanità : Spese mediche (in clinica) in Italia e all’estero pagate a vita anche per i familiari. TFR : A fine "servizio" il deputato riceverà una cifra pari all'80%dell'indennità (stipendio) per ogni anno trascorso in Parlamento. Trasporti : a parte l’auto blu,non pagano aerei, treni, navi, traghetti, autobus e taxi. In più hanno GRATIS : cellulare, affitto casa, cinema, stadio (tribuna), hotel, ristoranti, teatri,musei, accesso sale vip in aeroporti .... La voce meno nota ( celata a destra e sinistra) da aggiungere al gruzzolo è: il contributo ai gruppi parlamentari . Parliamo di ben 6700 € al mese per ciascun deputato iscritto, per assicurare il funzionamento delle segreterie di palazzo. Il meccanismo prevede che tale cifra valga però solo per i primi cinque deputati; nei gruppi più numerosi, dal sesto deputato in poi la somma si riduce. Ma ovviamente nella scorsa legislatura i parlamentari si sono distribuiti in ben 15 gruppi, molti dei quali composti da due soli esponenti.

Infine la motivazione ufficiale per cui pigliano tanti soldini: l'indipendenza dei deputati è salvaguardata meglio se non hanno bisogno di incrementare il loro reddito.

QUINDI DIAMOGLI 22.000 € AL MESE COSI' NON CORRONO RISCHI.

fonte: disonorevoli.it

Eggià, noi dobbiamo fare i sacrifici, loro no.
Se rinasco voglio fare il POLITICO!!!!

 
 
 

E' forse la fine dei blog??

Post n°8 pubblicato il 28 Febbraio 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Vogliono imbavagliare l’informazione libera!
“Una piccola legge per il Governo, un grande passo per il Regime mediatico” 

All’interno della Finanziaria 2006, (articolo 32), è passata sotto il classico e vergognoso silenzio dei media compiacenti e manipolati, una legge che imbavaglierà totalmente o quasi la maggior parte dei siti e/o blog che si occupano d’informazione!
Per coloro che ancora credono nella sinistra; per coloro che ancora credono nella politica in generale (dimenticando per comodità, ignoranza o per condizionamenti che non esiste la destra e la sinistra ma solo il potere economico, privo di colori e bandierine), questo dovrebbe essere un grande insegnamento di vita. Almeno lo spero.
Ciò che è stato iniziato dai governi precedenti, di presunta destra, liberali, conservatori, lo stanno portando avanti le presunte sinistre, i riformatori, i democratici.
Cambiano i governi, si sostituiscono i burattini, ma le strategie del Sistema vanno avanti a ritmo battente; anche perché i veri Burattinai rimangono al loro posto, nelle loro logge…
Ecco cosa dice l’articolo 32 inserito nella Finanziaria 2006: 

Articolo 32. Riproduzione di articoli di riviste o giornali
1. All'articolo 65 della legge 22 aprile 1941, n. 633, dopo il comma 1, è inserito il seguente: «1-bis. I soggetti che realizzano, con qualsiasi mezzo, la riproduzione totale o parziale di articoli di riviste o giornali, devono corrispondere un compenso agli editori per le opere da cui i suddetti articoli sono tratti. La misura di tale compenso e le modalità di riscossione sono determinate sulla base di accordi tra i soggetti di cui al periodo precedente e le associazioni delle categorie interessate. Sono escluse dalla corresponsione del compenso le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.».

In soldoni, dal 3 ottobre 2006 (data dell’entrata in vigore della legge), per il democratico e sinarchico governo Prodi, la «riproduzione totale o parziale di articoli», in pratica tutto, «devono corrispondere un compenso agli editori».
E se qualcuno, come per esempio noi, non ha i soldi per pagare l’editore, non pubblica nulla o rischia sanzioni economiche pesantissime!
Avete capito qual è l’obiettivo?
Forse c’è ancora chi crede nella libertà d’informazione e d’espressione?
Eppure se non ricordo male, la Costituzione della Repubblica italiana all’articolo 21 non lascia spazio a dubbi:

Articolo 21 della Costituzione italiana

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure 

Non mi pare che con questa simile legge «tutti hanno diritto a manifestare il proprio pensiero», e soprattutto non mi sembra che la «stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure». 
I media classici sono tutti controllati, per cui era necessario mettere gli artigli e controllare anche quei canali che le cose le dicono e non le mandano a dire. Con questa legge bavaglio, il Regime, sotto le vesti sinistrorse del governo di turno, vuole semplicemente imbavagliare tutti i siti e blog ancora liberi.

Tratto da:
               http://www.disinformazione.it/bavaglio_mediatico.htm

 
 
 

L’etichetta RFID più piccola al mondo

Post n°7 pubblicato il 28 Febbraio 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

La Hitachi ha presentato le etichette RFID più piccole e sottili del mondo. Minuscoli miracoli di miniaturizzazione, questi chip RFID misurano solo 0,05 x 0,05 millimetri . I nuovi chip RFID hanno una ROM a 128 bit che può memorizzare un numero univoco a 38 cifre. I chips RFID 'pulviscolari,' sono talmente piccoli che possono essere facilmente incorporati nella carta sottile, come quella impiegata per la carta moneta e i buoni sconto. Queste minuscole etichette RFID potrebbero essere introdotte in ogni prodotto; associate a lettori di RFID inseriti nelle porte d’ingresso, il furto di beni sarebbe praticamente impossibile.


Questi dispositivi potrebbero anche essere usati per identificare e tracciare i movimenti delle persone. Per esempio, supponiamo che partecipiate a qualche forma di protesta o in qualche altra attività organizzata. Se gli agenti della polizia spargono in giro queste etichette, ogni individuo potrà essere seguito e più tardi identificato a piacere, impiegando scanners sufficientemente potenti.

 
 
 

W L'ITALIA

Post n°6 pubblicato il 27 Febbraio 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

".....Eh la benzina ogni giorno costa sempre di più
e la lira cede e precipita giù
svalutation, svalutation.
Cambiando i governi niente cambia lassù
c'è un buco nello Stato dove i soldi van giù
svalutation, svalutation...."

Così cantava il mitico CELENTANO nel 1976... quante cose sono cambiate da allora... già, siamo cresciuti sia come mentalità che come politica. Certo, ci sono stati momenti difficili, momenti di pura tensione sociale e politica. Ma quei momenti sono stati necessari per maturare una coscienza e una mentalità diversa dall'ora. Infatti oggi possiamo affermare che Tangentopoli, la nuova Repubblica ma sopratutto i nuovi Personaggi Politici hanno saputo trasformare l'Italia del 1976 (vista e cantata così da Celentano) nella nuova Repubblica Italiana 2007. Infatti se il molleggiato dovesse oggi fare una cover di Svalutation la riscriverebbe così:

...Eh la benzina ogni giorno costa sempre di più
e l'euro cede e precipita giù
svalutation, svalutation.
Cambiando i governi niente cambia lassù
c'è un buco nello Stato dove i soldi van giù
svalutation, svalutation...."

'mazza quanti cambiamenti siamo riusciti a fare del 1976 ad oggi!!! Più di 30 anni per non cambiare nulla se non in peggio. Infatti abbiamo perso tutto. Abbiamo perso la Lira, e con lei se ne è andata l'Italia. Abbiamo perso i diritti acquisiti in anni di lotte. Oggi ci troviamo a pagare tasse allo stato senza ricevere nulla in cambio. Lasciamo il 50% di stipendio in tasse divise in varie voci. E poi ti devi pagare il medico, le visite, i ticket, le medicine. Non sei tutelato su niente e da nessuno. Ti crolla la casa e ti arrangi. Stai male e ti arrangi. Perdi il lavoro e ti arrangi. Abbiamo perso la liquidazione (o TFR). Abbiamo perso la pensione. Tutti i diritti sul lavoro, ormai sono carta straccia. Tutti i diritti umani ITALIANI sono carta straccia. Dobbiamo sputare lacrime e sangue per pagare un debito che, ne io ne nessuno a casa mia, onestamente, ha mai fatto. Non voglio e non devono farmi sentire in colpa per qualcosa che non ho fatto. Basta con la demagogia che le pensioni vengono pagate dai giovani. Mio padre ha lavorato 35 anni come operaio dipendente. 35 anni di contributi versati anno dopo anno. Morto di cancro appena 3 mesi dopo aver fatto domanda di pensione. E ora mia madre prende una reversibilità. E mi dicono che quella reversibilità gliela sta pagando un giovane??? E mio padre i contributi per chi li ha lasciati? Chi lavora da dipendente non può rubare sui contributi, forse lo può fare il datore di lavoro, ma non certo per favorire il dipendente. Perciò non sono i lavoratori dipendenti ad aver creato il debito pubblico. Però sono loro a pagarne le consequenze. Certo perchè anche loro hanno delle colpe. Mica sono tutti "fessi" come mio padre che sono morti a 56anni. Già, la maggior parte di loro vive, e vive in salute.... e cosa più orrida.... vuole vivere a lungo!!! HHAAARRGGG!!!! ERESIAAAA!!!! Non si può campare con una pensione!!! Mica siete stati eletti dal popolo. Solo un parlamentare ha questi privilegi in Italia. Voi dovete schiattare di lavoro fino a 70-80 anni. E poi vediamo se riuscite a godervi la pensione. E che cavolo.. volete vivere a spese nostre? Pensate ai giovani.... che non avranno la pensione per colpa vostra, vecchiacci malefici egoisti. Dovete morire dopo il lavoro, non andare in pensione e vivere alle spalle dello stato. Chi non lavora non versa i contributi.... e chi non paga non ha diritto di vivere decorosamente. Già, dimenticavo, abbiamo avuto il riconoscimento di categoria. Oggi il lavoro si divide in:
Lavoro usurante e non.
Giusta distinzione, ecchecavolo... vabbhe andare in pensione a 80anni, ma mica tutti possono reggere 50anni di lavoro particolarmente usurante. E così abbiamo le categorie definite "usuranti". Su questa categoria non mi pronuncio, perchè sarebbe come sparare sulla "croce rossa". Ma vorrei parlare di una categoria definita non "usurante" per eccellenza. L'ediliza. Eggià... questo bellissimo lavoro non è usurante, anzi, è esattamente l'opposto.
Ti alzi la mattina presto alle 6,00 (hhaaaa che bello veder sorgere il sole tutte le mattine)
Ti presenti in cantiere alle 7,00 ogni giorno (volete mettere che bello, le mattine d'inverno... magari a -2 o peggio... con un bel bidone di latta acceso con del fuoco per scaldarsi le mani tipo Barbone metropolitano)
Poi comincia la tua giornata di 8-10 ore (Piccone, pala, sacchi di cemento sulla schiena, mattoni da scaricare, impilare, murare, polvere e terra di ogni genere, sforzi inevitabili quando si fa questo mestiere, demolitori elettrici, idraulici, rumori, vibrazioni, intemperie, pioggia, caldo torrido, cemento sulle mani, sulla faccia, in bocca, nei polmoni.)
Tutte queste meraviglie per 60 anni di lavoro... BELLISSIMO...
Non vi viene voglia anche a voi di intraprendere questo meraviglioso e non USURANTE lavoro?
Se poi pensate che la paga per tutto questo Paradiso è di ben 900 - 1000 euro al mese (dichiarate ma mai reali) bhe, dai, che state aspettando, su???

 
 
 

E VOI LO SAPEVATE???

Post n°5 pubblicato il 26 Febbraio 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Leggende metropolitane o verità nascoste?
Leggo molto su internet... leggo di tutto... e a volte mi sembra di leggere la trama di un film horror.
Vorrei rendervi partecipe di ciò che ho trovato stamane navigando.
Non sono un fisico o uno scienziato, quindi non sò se ciò che state per leggere sia vero o frutto di qualche mente fervida.
Però, visto che c'è in rete e visto che io l'ho letto, preoccupandomi mica poco, mi sono chiesto, ma perchè solo io devo leggere queste cose?
Preoccupiamoci un pò tutti va... immagine


Le nanoparticelle.
Cosa sono?
Sono delle piccolissime, (il PM10 in confronto, sarebbe come una cuccia per il cane e le torri gemelle) particelle inorganiche che se respirate o mangiate vengono inglobate dal corpo.
Queste non sono biodegradabili, non sono biocompatibili quindi non se ne vanno perché l’organismo non sa come trattarle.
Dove si fermano creano infiammazioni croniche e riescono ad annidarsi nel nucleo della cellula. (TUMORE)
Da cosa sono prodotte:
-natura: una piccola parte (vulcani, erosione del mare ecc..)
-usura e attrito di oggetti (freni della macchina, pneumatici, flessibili per il taglio di materiali ecc..)
-Combustione: alte temperature formano particelle più nane (piccolissimissime) e quindi più aggressive. (Inceneritori, motori delle auto, saldatrici, fonderie, centrali termoelettriche, cementifici )
Le nanoparticelle non si respirano solo dove vengono prodotte.
Il PM10 galleggia nell’aria per massimo 2 ore.. le nanoparticelle per un paio d’anni. (Sospinte dai venti in 2 anni immaginate dove possono arrivare).

Pericolo più importante: Gli inceneritori o Termovalorizzatori.
Cosa sono? Come funzionano?

Gli INCENERITORI bruciano un po’ di tutto, tutto mischiato ad alte temperature. Però con le normative vigenti, che limitano la presenza di PM10, i vecchi inceneritori non vanno più bene perché ne producono troppe di queste particelle. Quindi, sono stati costruiti nuovi inceneritori chiamati “termovalorizzatori” con temperature decisamente più alte, eliminando cosi il PM10.

Alle scuole medie insegnano che nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma (VIII secolo,Antoine Lavoisier, legge della conservazione della massa) quindi va da se che la materia non si può distruggere.

I meno pericolosi PM10 vengono trasformati, da questi nuovi impianti, in nanopolveri.
Filtri?
Il proff. Montanari Risponde: “ Sarebbe come fermare le zanzare col passaggio a livello! (sono troppo piccole!) E anche se si riuscisse a farlo, dove andrebbero smaltiti? Verrebbero bruciati? Siamo punto a capo.

Una tonnellata di immondizia bruciata nell’inceneritore produce Una tonnellata di polveri sparse nell’aria
La combustione è un ossidazione, il che significa che l’immondizia reagirà con l’ossigeno presente nell’aria (che ha una massa).
Da questi primi due punti si deduce che si formerà più di una tonnellata di polveri formate da composti eccezionali.
Per bruciare nell’inceneritore va aggiunto del bicarbonato e/o della calce con più 650/700 KG di acqua che andrà poi depurata. Restano280/300 kg di ceneri solide tossicissime da smaltire in discariche speciali.
Più 30 kg di ceneri volati ancora più tossiche di quelle di prima ( non sapevo cosa scrivere, dopo il tossicissime cosa c’è?)
25 Kg di gesso
Fatti quattro conti ecco che da una tonnellata di immondizia brutta da vedere ma innocua, ne abbiamo due di sostanze tossiche sparse in ogni dove!
Naturalmente escludendo dalla discussione il resto degli inquinanti: dalle diossine (ridotte in quantità ma non eliminate dall’alta temperatura), ai furani, agl’idrocarburi policiclici, agli acidi inorganici (cloridrico, fluoridrico, solforico, ecc.), all’ossido di carbonio e quant’altro.

I CEMENTIFICI

Leggenda metropolitana o no, si vocifera su come venga fatto il cemento, quello usato per fare le case... quello che abbiamo tutti quanti in casa, nei nostri pavimenti, soffitti, mura.
A detta dei cittadini che abitano vicino ad un cementificio, questo brucia un po’ di tutto…rifiuti, fanghi industriali, scarti di raffineria ecc.. e immaginate un pò le ceneri residue dove vanno a finire?
Ricapitolando circa il 30% del peso delle sostanze bruciate si trasformano in ceneri tossiche e il restante 70% in nanoparticelle.
Le ceneri vengono mischiate al cemento, (negli ultimi anni sono nate e stanno prolificando allergie da cemento nei bambini e i muratori spesso si ritrovano con mani devastate) e le nanoparticelle vengono smaltite nell'aria.
E voi, lo sapevate???

Fonte:
Conferenza sulle Nanoparticelle tenuta dal professor Montanari ad Erba.
Wikipedia
Beppegrillo.it

 
 
 

Un Futuro ad idrogeno...

Post n°4 pubblicato il 26 Febbraio 2007 da The_SuperMax
Foto di The_SuperMax

Ecco cosa mi è arrivato oggi in e-mail:
Un cittadino italiano ha chiesto alla commissione europea (dipartimento dell'ambiente) di creare una legge che obblighi i petrolieri ad installare accanto ad ogni distributore di benzina, un distributore ad idrogeno e di incominciare a produrlo utilizzando energie rinnovabili.

In parole povere questa legge favorirà l'introduzione sul mercato delle automobili ad idrogeno a
***ZERO INQUINAMENTO*** e ad alte prestazioni!!!

L'auto del futuro esiste già ed in vari modelli!

Bastano 800.000 firme.

Firmate la petizione per voi, i vostri amici e parenti!

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO INDIRIZZO:
http://www.petitiononline.com/cgi-bin/mlk?http://www.automobileidrogeno.com

Facendo una ricerca sul web, ho notato che molte marche più o meno prestigiose hanno già in cantiere e pronte alla vendita autovetture a idrogeno. Molte già presentate alle varie fiere del settore fin dal 1999. Sarà che, ormai, dubito di tutti e di tutto, non lo sò, ma non vorrei che si sfruttasse l'alibi dell'ecologia a tutti i costi per poi ritrovarci con milioni di impianti distributori di idrogeno sovvenzionati dallo stato sotto la spinta di noi "ecologisti" e con delle autovetture a idrogeno che sembrano astronavi, non solo nella forma ma anche nel PREZZO. Infatti di tutte le vetture che ho visto in rete, il prezzo non viene mai divulgato. Certo, molto dipenderà dalla richiesta di mercato, ma 2 paroline spese su quanto costa oggettivamente questa nuova tecnologia potevano anche indicarla. Non vorrei che si facessero delle crociate giuste per l'ambiente spingendo e obbligando la comunità ad installare distributori, per poi spianare la strada ai pochi fortunati e ricchi eletti che potranno comperare un gioiello tecnologico e futuristico, girare per i centri storici in qualsiasi giono (pari o dispari che sia) alla faccia di noi, poveri comuni mortali che un tale mutuo non possiamo permettercelo. Mi sembra che le case automobilistiche con in mano un progetto di idrogeno e quindi rivoluzionario, non siano così inermi. Cioè, penso che se fosse davvero un idea che possa rivoluzionare il mondo, se fosse davvero una tecnologia per tutti e non per pochi, bhe basterebbe una buona campagna pubblicitaria incentrata, che sò, "BMW, la macchina del futuro!!! Basta inquinamento!!! Basta targhe alterne!!! Basta tumori e polveri sottili!!! Se solo ci fossero i distributori....." immagine non sò se mi capite... uno spot del genere costerebbe relativamente poco per la casa costruttrice, ma avrebbe un impatto sulla gente che lo stato dovrebbe per forza fare qualcosa. Invece aspettare gli impianti per poi poter vendere le macchine mi sembra un pò, come dire, voi volete l'idrogeno? Ok, fate casino, fate una petizione, poi io ci metto la macchina e se costa 60.000 euro, bhe, comperatevi quella a benzina. Forse tra 20-30 anni qualcuno la fara anche economica, ma nel frattempo io vendo le mie ai vari Berlusconi, Totti, ecc.....guadagnando milioni con la coscienza pulita. In fondo voi avete chiesto i distributori allo stato, mica le macchine.

 
 
 
Successivi »