Blog
Un blog creato da Non_sono_comunista il 12/09/2006

Viva l'italia

La bandiera degli Italiani

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Non_sono_comunista
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 42
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 

PER NON DIMENTICARE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

Ultimi Commenti

samurayvero
samurayvero il 05/03/10 alle 21:56 via WEB
Sarà un arbitro e non un magistrato e potrà decidere su una vasta gamma di contenziosi p Anche con il principio di equità si deroga alle norme dello Statuto. Damiano: mobilitazione La controriforma MILANO Dalla conciliazione ai licenziamenti Primo Piano Ecco come viene smontato pezzo a pezzo l’Articolo 18 L’arbitro al posto del giudice, il principio di equità, i contratti d’assunzione in deroga a quelli nazionali collettivi. Ecco le principali «picconate» del governo all’Articolo 18 nella legge votata mercoledì in Senato
 
caterpilarcinzia
caterpilarcinzia il 20/02/10 alle 21:41 via WEB
20 febbraio 2010, non posso che condividere le scelte fatte nel 2008 dagli italiani. Con simpatia Cinzia
 
nonnap
nonnap il 09/01/09 alle 17:45 via WEB
eh.. non hanno di meglio a cui pensare..?
 
Non_sono_comunista
Non_sono_comunista il 08/01/09 alle 23:40 via WEB
Ma ciao nonnap, mi sa che grillo e i grillini ci stanno pensando.... NSC
 
nonnap
nonnap il 12/12/08 alle 19:12 via WEB
Ma santa pazienza! Dovrebbero fare un referendum per abrogare l'aggettivo "abbronzato" dai vocabolari mondiali
 
Graficoirpino
Graficoirpino il 07/11/08 alle 16:10 via WEB
L'abbronzato è Berlusconi Abbronzato sarà lui: i cronisti anglosassoni da un bel pezzo chiamano Silvio Berlusconi «permatanned», permanentemente abbronzato. E com’era prevedibile il neologismo rispunta sui siti come di tabloid come il Daily Mail dopo la battuta del premier italiano, che ha definito Barack Obama «bello, giovane e abbronzato», parlando in margine al vertice italo-russo, a Mosca. La notizia gira su tutti i maggiori siti della stampa Usa ed è andata sulla pagina di apertura del Drudgereport, il sito di Matt Drudge e voce della destra americana: «Berlusconi acclama l’”abbronzato” Obama», con una grande foto di Berlusconi di profilo, sorridente e a mani giunte. Il premier italiano se n’è uscito in passato con «impagabili strafalcioni», scrive il britannico Daily Mail, ricordando che aveva etichettato un parlamentare tedesco “kapò” (l’eurodeputato Martin Schultz, ndr ) e aveva definito “l’Occidente superiore all’Islam”. Condannato «da tutte le parti» per l’osservazione «apparentemente razzista», Berlusconi ha reagito: «Qual è il problema? Era un complimento». Il «permatanned» Berlusconi, continua il Mail, è stato aspramente criticato dal deputato dell’opposizione Dario Franceschini, secondo cui il premier deve scusarsi immediatamente. Il Times Online, nella corrispondenza di Richard Owen, fa notare che il leader italiano, dal canto suo, esibisce un’eterna abbronzatura («perma-tan») e si è anche sottoposto alla chirurgia estetica «nel tentativo di apparire più giovane». Il titolo tira in ballo la polemica scoppiata sul razzismo della battuta di Berlusconi. Tra le sue gaffe, il Times ricorda di quando invitò gli imprenditori Usa a investire in Italia perché «ci sono meno comunisti di una volta e bellissime segretarie», o di quando disse al premier danese Anders Fogh Rasmussen che era il più bel primo ministro d’Europa e che avrebbe dovuto flirtare con sua moglie, Veronica Lario. Delle gaffe del premier parlano il  Sun, il Daily Mirror e tutti gli altri. Si accettano candidature per il Premio Joe Biden per le affermazioni politiche mal scelte», scrive l’Independent. «In testa alla lista c’è già il primo ministro italiano Silvio Berlusconi, che ieri ha fatto i complementi a Barck Obama per la profondità della sua abbronzatura». Voleva essere una battuta, «o almeno così supponiamo», aggiunge l’Independent.   «Berlusconi l’ha fatto di nuovo» è l’incipit del servizio sul New York Times della corrispondente Rachel Donadio, intitolato «Berlusconi sotto tiro per lo scherzo su Obama». L’articolo cita la reazione di Walter Veltroni, chiamato «l’Obama italiano», secondo il quale tali battute non sono degne di un uomo di Stato. I siti dei media americani per lo più riportano le agenzie Ap e Reuters: l’Ap definisce Berlusconi «malaccorto», la Reuters ricorda che è famoso per le battute «inopportune», ma non c’è l’humour sarcastico sciorinato dai media inglesi. Coprono la notizia con le agenzie i siti di International Herald Tribune, New York Post, Washington Post, Abc, Cnn, Chicago Tribune, San Francisco Chronicle. Il Los Angeles Times titola il suo pastone «Berlusconi saluta la vittoria di Obama con “humour”» e continua con i consigli del presidente iraniano Ahmadinejad. I commenti del premier italiano, insomma, «non erano forse i soli sgraditi».    Nell’elenco delle gaffe, l’agenzia di notizie finanziarie Bloomberg cita anche quella che scosse i mercati un mese fa, quando disse che i leader mondiali pensavano di chiudere i mercati finanziari.   Della battuta e del putiferio che ha scatenato parlano anche i siti spagnoli. El Mundo, El Pais, Abc hanno tutti titoli fattuali sulle parole del premier italiano su Obama: «Giovane, bello e abbronzato».   «Costernazione in Italia dopo lo scherzo di Berlusconi su Obama», titola con molta evidenza il quotidiano francese Le Monde sulla home page del suo sito. Il premier italiano, scrive il corrispondente Philippe Ridet, «ci ha messo parecchie ore per congratularsi con Barack Obama dopo la sua elezione, ma poco più di un giorno dopo gli rivolge il suo migliore scherzo». Berlusconi, che ha sempre mostrato «legami stretti con George Bush», ha aggiunto, «un po’ dubitativo», che Obama si è presentato quasi come un messia e che ci sono molte attese che non dovrà deludere. Il quotidiano francese cita la costernazione e la «collera» del Pd, gli elogi della destra al suo senso dell’umorismo. «Scherzo o no, la dichiarazione ambigua di Berlusconi si aggiunge a una lista già lunga». Agli stretti legami del premier con Bush accenna anche l’Afp messa on line dal quotidiano economico Les Echos. Grossi richiami anche sulla pagina di apertura del Nouvel Observateur - che titola: «L’opposizione italiana esige delle scuse da Berlusconi» - e di Libération, che punta tutto su   Sui siti esteri si leggono (è il bello di Internet) anche valanghe di commenti dei blogger. Decine e decine di italiani sparsi per il mondo esprimono «vergogna» e «imbarazzo». Qualcuno chiede scusa (Abc). «Voi italiani siete troppo suscettibili, era solo uno scherzo» scrive un inglese (Times Online). Un lettore di Libération scherza a sua volta sull’«invidia latente del Berlusca»: «Essendo il capo di Stato più abbronzato del pianeta, non sopporta l’idea che un altro capo sia più abbronzato di lui!».
 
Non_sono_comunista
Non_sono_comunista il 04/08/08 alle 23:24 via WEB
Probabilmente sei tu a non aver capito oppure non sai leggere, il mio blog parla tra l'altro dei crimini impuniti dei regimi totalitari comunisti, non del regime totalitario comunista italiano, il che è molto diverso, andando avanti nel tuo discorso senza senso leggo che dovrei prendermela con il regime fascista, ma ti ricordo che il regime fascista come quello nazzista sono gia stati puniti e condannati da chi di dovere, quindi che altro potrei gia aggiungere a quello che la storia ci ha gia mostrato in tutte le salse. Parlando invece dei regimi totalitari comunisti e dei loro crimini anche le persone come te, sempre se non affette da cecità selettiva possono capire quanto sarebbe giusto paragonare il comunismo Italiano o estero che sia alle altre dittature sanguinarie e opressive già condannate in passato. NSC
 
iosonogiamorta
iosonogiamorta il 01/08/08 alle 10:35 via WEB
Ecco cosa leggo nel tuo blog "campagna di sensibilizzazione contro i crimini impuniti dei regimi totalitari comunisti". La mia risposta è semplice: ma a te che importa? L'italia ha mai avuto un regime totalitario comunista? No, e ti spiegherò che il comunismo italiano è assai differente dal comunismo estero, poichè non impone alcuna forma dittatoriale. Probabilmente dovresti fare mente locale, ricordare il regime fascista e accusare quest'ultimo, non il comunismo inteso come regime totalitario, che non è appartenuto e che mai apparterrà all'Italia... You ha capit?
 
nick60libri
nick60libri il 24/07/08 alle 18:33 via WEB
va bene. sono con voi. Però visitate il mio blog e partecipate al sondaggio: "appena Berlusconi depenalizzerà l'omicidio, chi inviterete a cena per una gran mangiata a base di funghi". Attendo ansioso (devo trarci una statistica molto interessante). Ciao ciao. Nick60libri
 
maralilli
maralilli il 29/05/08 alle 14:17 via WEB
intanto le azioni prima delle parole,e credo che almeno qualcosa questo governo l'abbia proposta,sono molto fiduciosa!!!!innanzitutto le regole del vivere quotidiano in una societa' culturalmente progredita.io mi sento molto rappresentata e finora soddisfatta!
 
Successivi »
 
 

REGOLE PER SCRIVERE NEL BLOG

I commenti al blog sono liberi, ma verranno rimossi in qualsiasi momento se violano le leggi della community, se sono volgari, osceni ed offensivi nei confronti di chiunque.

Si può esprimere liberamente il proprio parere, mantenendo comunque un linguaggio e un comportamento civile.

Chiunque non rispetti le sopracitate e semplici regole verrà allontanato dal blog e non avrà più modo di scriverci.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Laura.f_2007Non_sono_comunistaanubi731porta_fortuna10sols.kjaerm75l_1975rob_markannamaria.cacciaatreiu1862mare.sole.ventoCettantokrishnakiwailapingu1boscia.mara
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

BLOG CONTRO I CRIMINI DEL COMUNISMO

 

STOP COMUNISMO

 

DICIAMO BASTA AL COMUNISMO

 

BOICOTTIAMO L'ISLAM

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova