Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

amariorigfedechiaradavid2600Sinceraf9assia1946antecristo3f.calioannabellamainiNoRiKo564rag.giusepperutafalcoverde41calabriasaleCherryslalexkid6carinvest.saks
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Domande inevase (correva...Convivere con il terrore »

Ritorno in Siria

Post n°1313 pubblicato il 05 Agosto 2020 da fedechiara
 

Back to Syria 04 agoto 2015

(....) E se si eccettua quell'artista che, fuori dal padiglione espositivo, si compiace di mostrarci il mondo riflesso e deformato sui grandi cubi e parallepipedi di lucido acciaio che lo specchiano, all'interno è una desolazione di piedi tagliati in processione che salgono su piedistalli di rovine - e non è una metafora della situazione di rovina e distruzione e macerie di quel paese, bensì la pura descrizione di quanto vi accade a causa della guerra civile e religiosa tra fazioni impazzite e califfati redividivi e gole tagliate. E una musica dolentissima tutto pervade di quell'ambiente e, dietro un muro, scopri che è la colonna sonora di un video dove si mostrano ancora morte e rovine e macerie e imbecilli dell'Isis al lavoro con la mazze che distruggono le antiche statue degli avi sumeri. E poco consola che, nel finale, il video si riavvolga e si mostri una ricostruzione virtuale improbabile delle statue distrutte data dallo scorrimento all'indietro della pellicola, perché qui pietà e speranza 'l'è morta' - e al Medioevo di ritorno non c'è rimedio finché morte non ce li separi, quei combattenti e contendenti in nome di un islam che più tristo e folle non si può e inadeguato a coniugarsi con la modernità - e con l'Europa che si popola di profughi chissà che futuro gramo si disegna sull'orizzonte del nostro futuro.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog