Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaranicola.ranieri84roberto.lenardoncarloalberto.ferrariognirespiro0scorpione10omumonoossimoralippoconiglioandrea.bonucciZu_CaloLady_Burtonpentacooperativamats692amariorigdavid2600
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ritorno in SiriaLo stratagemma di Copernico. »

Convivere con il terrore

Post n°1314 pubblicato il 05 Agosto 2020 da fedechiara
 

 

2750 tonnellate di nitrato di ammonio. Come c'erano arrivate in quel deposito? Ci vuole una gran quantità di lavoro e molta cautela per maneggiare tutto quel materiale esplosivo. Grù in azione dalle navi alla banchina e un via vai di automezzi per ammassare l'esplosivo nei magazzini.
Esplosivo, già. 
Perché nessuno ha dubbi sul fatto che quel nitrato di ammonio non fosse destinato agli usi agricoli a cui pure si presta, bensì ai fini terroristici e/o di guerra.
E oggi ci chiediamo se i servizi segreti israeliani, così straordinariamente efficienti d'abitudine, sapevano di quella bomba ad orologeria scoppiata, alfine, tra le mani dei terroristi di sempre o se, in sottordine, l'innesco non sia da attribuire ad una azione di contro guerriglia degli stessi servizi. Ipotesi, quest'ultima, da sceneggiatori di Hollywood e davvero poco sostenibile, considerato il fracasso di case e strade e il numero altissimo di civili morti e feriti che nessuna azione di contro guerriglia di uno stato si può permettere.

E la follia sottesa alla vita di quella città che ha affrontato la peggior guerra civile recente, insieme a quella della ex Jugoslavia, si mostra, il giorno dopo l'esplosione, con le immagini delle persone ferite stese a terra in attesa di soccorsi. Gente con disegnata in faccia la rassegnazione delle cose inevitabili, gente abituata a convivere con il terrore e i terroristi nella porta accanto – che perfino l'improvvisa nube assassina levatasi al cielo ieri pomeriggio, simile a quella di Hiroshima, non basta a sconvolgerli e a denunciare l'insostenibilità di un conflitto sociale sotteso alle diverse etnie e professioni religiose che dicono quella città una caldera vulcanica di conflitti passati, presenti ed i futuri.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog