Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

americo12fedechiaramartellodgl13ruggerigiacomo1971Noir72dglArianna1921ufewugianginodgl1m_massimobondzerozerosettewolfy6QuartoProvvisoriosalvo_costanzolorenzobortonegppearkdelucia
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La legge di Murphy e le ...Gli hotspots galleggiant... »

Quel che ci dicono le donne.

Post n°2104 pubblicato il 30 Maggio 2022 da fedechiara
 

E tra le frasi topiche del post moderno annoveriamo anche la fatale: 'Le donne parlano.'
Una loro qualità precipua, per la verità, perché, diversamente, non avremmo il cicaleccio che rallegra i mercati rionali e le frasi dell'Amore quando insorge e non passerebbero di mano i segreti, talora orribili, tra madri e figlie – per tacer delle nonne che vengono tacitate e messe fuori causa dal Tempo che tutto muta e distrugge, ahinoi.
Ed abbiamo canzoni che ci svelano 'Quelle che le donne non dicono' e sarebbe meglio se lo dicessero, sempre e comunque, così che gli uomini sappiano da cosa devono guardarsi e chi devono guardare o se devono 'girarsi dall'altra parte' per la vergogna di quel che si dice di loro, i malnati, i forti di muscolo ma di cervello fragile che, se lasciati dalla donna male amata, impazziscono e si fanno violenti e assassini.
E quello che le donne dicono o non dicono negli ambienti del tango, apriti cielo!
Roba da cambiar postura immantinente e guardarsi dalle vezzose e dalle brave ballerine che ci causano ansie da prestazione, ma, a volte, per loro parlano i silenzi in partitura e il coniugio assistito dalle note del tango ed è un insorgere interiore che 'mette le ali' e fa raddrizzare la schiena e il capo e - come diceva quella tal coreografa che se ne intendeva:
'Se ben raddrizzi la schiena già ti spuntano le ali.'
E se parte la 'Cumparsita' di De Angelis sono tre metri sopra al cielo. Minimo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog