Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraossimorasportautomotoaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74QuartoProvvisoriogeom.massimobraccoArianna1921giovanni.panichellinorise1animasug
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La mano sul cuore.Sperdimenti e vecchi imperi. »

Del 'toccare' Caino...

Post n°2837 pubblicato il 22 Ottobre 2023 da fedechiara
 

Vorrete perdonarmi e/o capire l'intensità della mia emozione se qualcosa di questo mio scritto vi apparirà fuori misura.
Ho appena ri-visto il finale del film 'Il momento di uccidere' con un cast strepitoso e chi l'ha visto o lo ricorda sa quanta emozione trasmetta quella vicenda giudiziaria che ha quale movente del crimine imputato ad un padre l'aver vendicato la sua bambina di 12 anni soggetta a violenza estrema da parte di due balordi.
I due verranno 'giustiziati' dall'imputato e, vi parrà strano, ma quel padre verrà assolto nell'aula.
Chi ha visto il film sentirà a questo punto l'impellenza di chiedermi perché taccio il fatto che la bambina violentata e stuprata e oltraggiata la sua innocenza nel modo bestiale che il film ci narra sia una bambina nera (e bianchi i due balordi stupratori), ma lo faccio solo per ricordarvi la bellissima arringa dell'avvocato della difesa – che rievoca, nel finale, e rivela i dettagli del calvario della piccola innocente e fa piangere i giurati e, nel finale, dice loro:
'Immaginate che sia bianca.'
Lo so che tra voi, miei scarsi lettori, allignano i 'beccariani' (da Beccaria) ad oltranza e gli infiammati 'Nessuno tocchi Caino' e che nessuno può farsi giustizia da sé (neanche in una colluttazione con un ladro di notte, ahinoi, e quel tale di Catania, vittima di una violazione di domicilio, si è beccato 13 anni e onerosi rimborsi da versare ai parenti) – e non è un caso che l'assoluzione dell'imputato di cui vi narro sia avvenuta in una immaginaria aula di giustizia cinematografica, ma tutto ciò rievoco per dirvi e raccontarvi e far scorrere davanti agli occhi delle vostre menti, come ha fatto l'avvocato della difesa nel film, il dramma orrendo dei bambini uccisi e decapitati e bruciate le case con dentro gli occupanti e il ta-ta-ta assassino dei kalashnikov che abbattevano a decine gli sventati israeliani del rave party nel deserto - e gli ostaggi vigliaccamente usati per legare le mani all'esercito di Tsahal.
Immaginate che sia capitato a voi: di commandos assassini della Jihad allah u akbar che violano le vostre case, vi uccidono genitori e figli e prendono ostaggi i vostri cari e ditemi cosa rispondereste ai 'beccariani' e agli algidi difensori di Caino.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963