Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

« Sicignano: l’amministraz...Stabiae dimenticata, Ide... »

Vico - Via San Salvatore, il Giudice archivia: Nessun reato

Post n°16662 pubblicato il 09 Giugno 2011 da stabia_info
 

Gennaro Cinque: "Solo fango su di me e la mia Giunta"

Vico Equense – Il lavoro certosino della Giunta Comunale, guidata dal Sindaco Gennaro Cinque, è stato valutato idoneo. Con la Delibera di G.C. n° 92 del 19 maggio 2009 si approvava la perizia di variante e suppletiva dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza di Via San Salvatore. Per una maggiore valorizzazione della stradina e per un minore impatto paesaggistico e ambientale, i cubetti di pietra vesuviana sono stati sostituiti alla pavimentazione in asfalto e conglomerato cementizio, per dare una continuità a quelli già esistenti in Piazza San Salvatore. Finiti sotto accusa, con l´ipotesi di reato per abuso d´ufficio, il primo cittadino di Vico Equense Gennaro Cinque,  quattro amministratori: il Vicesindaco Giuseppe Guida, l'assessore ai Lavori Pubblici Matteo De Simone, l'assessore alle Politiche Giovanili Raffaele Esposito, l'assessore all'Urbanistica Brigida De Somma e il responsabile del Servizio Lavori Pubblici del Comune di Vico Equense.  
L´esborso economico maggiore rispetto alle previsioni è stato, dunque, documentato e presentato alla magistratura. L'imputazione nasceva a seguito di un esposto presentato da alcuni consiglieri di minoranza.
Gli imputati si sono difesi sostenendo che la variante si rese necessaria a seguito di due provvedimenti amministrativi intervenuti dopo la progettazione esecutiva: 1) la nota della Soprintendenza BB.AA. di Napoli che consigliava di sostituire la pavimentazione in asfalto con cubetti di pietra vesuviana; 2) il decreto del responsabile del Servizio Urbanistica che faceva suo il suggerimento della Soprintendenza.
All'udienza del 18/05/2011 è stato sentito, quale testimone, il funzionario della Soprintendenza che ha affermato che quel suggerimento fu reso "per un migliore inquadramento dell'opera nel contesto ambientale...e che una volta adottato dal Comune il decreto paesaggistico, questo sia vincolante per l'Ente".
All'udienza del 09/06/2011, il GUP ha pronunciato sentenza di proscioglimento per tutti gli imputati perchè il fatto non costituisce reato.
"Il fango sta ricadendo su chi ha usato la denuncia come arma politica." Queste le parole a caldo del Sindaco Gennaro Cinque, in merito alla sentenza. “In questi anni - aggiunge il primo Cittadino - c´è stato un accanimento, contro la mia persona e l´intera Giunta Comunale, una concezione misera di fare politica, che ha rappresentato il fallimento dell'intero centro sinistra, del tutto cancellato dal panorama politico. Mai nessuna volontà di adoperarsi per il territorio, - rileva ancora Cinque - e di porsi al servizio degli altri, con ragionevolezza e buonsenso, ma soltanto pregiudizio.
Le denunce hanno leso solamente il bene della collettività, distogliendo tempo, energie e denaro dall'obbiettivo primario: lavorare per Vico Equense. Auspico, - conclude il Sindaco - per il futuro, un atteggiamento diverso sulle problematiche della città, un sereno confronto, di cui tutti certamente ne avvertiamo la necessità".

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.