Blog
Un blog creato da ciao.manuciao il 01/08/2007

Un poco de todo.

Esta soy yo.

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

overeverinfolog0rais6pasquycerullogi.mosaalonso_03zclaudia1974LACOCCINELLALILLIElenazaffettounamamma1foxyfoxybello_massimiliano10Tinacucc86silviofenobion_da
 
 

ODE ALLA VITA

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.
Muore lantamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. 
Muore lentamente chi non  distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i propri giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi  non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

 
VOLONTA' DI PACE

Il discorso pare audace,
noi parliamo qui di pace.
Anche se siamo bambini
ci sentiam tutti vicini
contro chi mostra violenza 
anziché portar pazienza.
La saggezza è virtù rara
se si vuol però s'impara.
Basta aver cuore sincero
e ispirarsi sempre al vero,
che è da sempre assai distante
dallo spirito arrogante.
Se proviamo ad ascoltare
chi con noi vuole parlare,
alla fin ci capiremo
e assai meglio noi vivremo.
Troppo grande la faccenda,
perchè un bimbo se ne intenda?
NO: è question di volontà,
e per questa non c'è età!

 

 

Post N° 146

Post n°146 pubblicato il 01 Agosto 2008 da ciao.manuciao

CHIUSO!

Buona Fortuna

a chi passa

di qua...

 
 
 

Post N° 140

Post n°140 pubblicato il 05 Giugno 2008 da ciao.manuciao
 

RAVIOLI TOFU E RUCOLA

cucinati A Modo Mio

Anche oggi piove.
Ma, sarà che ormai mi ci sono abituata, sarà che il Mercoledì da Leoni mi ha messo di buon umore, sarà che prendersela con la pioggia è pressoché inutile....oggi vedo ROSA!

E se ci mettiamo anche che Pietro da questa mattina si è trasferito per qualche giorno dai nonni [è andato a fare il cittadino, ciò significa che prenderà l’autobus per andare in centro, potrà scegliere in quale parchetto andare a giocare e vedrà la partita di basket con mio fratello. Mica robetta, eeh!] e che Tommaso domani dormirà dagl’altri nonni… questo dicesi COLPONE! Dobbiamo solo decidere come sfruttare al meglio questa ghiotta occasione servita su di un vassoio d’argento!!!!
Quindi direi che oggi è proprio una bella giornata!

Unica nota stonata il pranzo solitario, a cui però ho rimediato con una coccola culinaria....

Nel frigorifero giravano da un ripiano all’altro 6 –max 8- ravioli di tofu e rucola, che insieme a qualche foglia di Treviso e un paio d’altri ingredienti dalla dispensa, hanno fatto questo delizioso pranzetto.

 

Ingredienti

Ravioli di tofu e rucola

Insalata di Treviso

Noci

Tahin

Salsa di soia

Olio di sesamo

 

Metto a bollire una pentola d’acqua e a scaldare una padella antiaderente. Lavo e taglio a listarelle l’insalata e poi la metto a scottare un paio di minuti nella padella; nel frattempo mescolo un cucchiaio di tahin e un cucchiaio di salsa di soia in una terrina, fino a che ottengo una morbida salsa. Scolo i ravioli, in un piatto preparo un letto di insalata e ci verso sopra i ravioli, aggiungo la salsa di tahin, qualche noce sbriciolata e un cucchiaino di olio di sesamo, a piacere.

BUON APPETITO!

 

Salsa di tahin e salsa di soia.

 
 
 

COUS COUS RICO..

Post n°138 pubblicato il 16 Maggio 2008 da ciao.manuciao
 

Questa sera proverò a cucinare il cous cous come me lo hanno insegnato al corso di cucina -passata di pomodoro, piselli al vapore e olive nere- ma devo dire che quando mi ci metto, faccio un cous cous da ...... leccarsi i baffi!

La base è sempre la stessa, ovvero metto sul fuoco una pentola con una parte e mezza di acqua, un pizzico di sale e un cucchiaino d'olio di sesamo, quando l'acqua inizia a bollire tolgo la pentola dal fuoco e verso una parte di cous cous, mescolando. Lascio riposare per 5 minuti. Se l'acqua non si è perfettamente assorbita metto sul fuoco ancora per un minuto, ritiro dal fuoco e verso il cous cous in una zuppiera abbastanza capiente. Aiutandomi con una forchetta divido i grumi che sono rimasti.

Nel frattempo faccio bollire per 5 minuti in acqua e un cucchiaino di aceto, dei pomodori secchi; poi li scolo, li lascio raffreddare e li trito con la mezzaluna. Taglio un avocado a dadini e lo verso insieme ai pomodori secchi nella zuppiera.

In una padella faccio tostare una cipolla con un pizzico di sale (solitamente non utilizzo il condimento e lascio che la cipolla si ammorbidisca nella sua acquetta).
A questo punto apro lo scomparto verdura del frigorifero e inizio a tirar fuori tutto quello che trovo o mi piace o penso possa starci bene.... e faccio lo stesso con il freezer. [E così approfitto anche per liberarmi di quella verdura che non mi guarda più con aria brillante!!!!]

In quest'occasione ho trovato: piselli, fave, fagiolini, zucchine e carote; li ho scottati in padella e insaporiti con qualche cucchiaio di brodo vegetale (o passata di pomodoro)

..ancora fumanti!

A questo punto aggiungo le "proteine" che in questo caso sono in un bel misto di pesce "fresco fresco!" [parola del mio pesciaiolo di fiducia] 
Faccio rosalare in un cucchiaino d'olio extra vergine d'oliva uno spicchio d'aglio schiacciato, unisco il pesce e quando ha preso un pò di colore, verso mezzo bicchiere di vino bianco, lascio evaporare e aggiungo qualche cucchiaio di brodo per terminare la cottura. (Pepe, erbe o spezie a piacere e/o a disposizione)

Preparo qualche foglia di belga sul piatto e lo servo così

BUON APPETITO!

 
 
 

Post N° 136

Post n°136 pubblicato il 14 Maggio 2008 da ciao.manuciao
 

Ieri sera ho partecipato alla prima lezione del corso di cucina naturale, e devo dire che è proprio quello che mi ci voleva! Da alcuni mesi ho iniziato a cucinare in modo sano, non che prima non lo fosse, ma posso assicurare che eliminare la carne [e qui se volete, potete trovare dei buoni motivi per farlo anche voi] è stato il vero toccasana, e apportando poi, solo qualche variazione ai prodotti e alle cotture , ho trovato un equilibrio perfetto e il giusto modo di alimentare me e la mia famiglia, cane compreso.

Mentre su mio marito non avevo alcun dubbio che apprezzasse la cucina, visto che mangia qualunque cosa sia commestibile ecco un esempio di colazione domenicale  e per Tommaso (l'onnivoro) credo possa valere lo stesso che per papà.... 
pensavo che con Pietro avrei dovuto fare un opera di convincimento, anche solo per fargli assaggiare qualcosa di nuovo, e invece.. E invece, vederlo mangiare di gusto polpette di tofu e stufato di seitan mi fa rimanere a bocca aperta, ogni volta!!!

Questa invece è la mia Torta di Mele, senza uova, senza latte, senza zucchero e senza burro.

Ingredienti

1 chilo di mele (renette)
150 gr. di malto di riso
150 gr. di farina integrale
150 cl. di latte di riso

Pulite e tagliate a pezzetti le mele.
In una ciotola abbastanza capiente, versate la farina, il malto e il latte di riso e amalgamate il tutto; aggiungete le mele e mescolate di nuovo (a piacere si può aggiungere anche una spolverata di vaniglia o cannella, oppure delle noci o nocciole a pezzetti). Versate il tutto in una teglia unta di burro vegetale o olio di semi e infornate, a forno caldo, 180° per un'ora.

Una squisitezza. Sana e nutriente, che non è proprio lo stesso sano e nutriente dei flauti o simil...

 
 
 

Post N° 135

Post n°135 pubblicato il 07 Maggio 2008 da ciao.manuciao

Sono tornata carica.

Abbiamo passato questi giorni di vacanza al mare, a festeggiare il compleanno della mia Amica, cioè la mia migliore Amica.
Insomma, lamiAmica
C'erano anche la famiglia del MulinoBianco, vale a dire i suoi genitori e Paolo e Anna con i bambini, e la mitica Nit', con il trombamico, che poi trombamico non lo è più tanto, visto che convivono insieme ormai da vari mesi.
La Nit' e lo Stefano, detto anche lo Svizzero, erano i nostri vicini di casa nel residence, insieme ad altre tre, forse quattro, famiglie di Salerno che alle 8 del mattino si riunivano sulle scale esterne a gridare tutti insieme: ITALIAAA UNOOOOO! e facevano giocare i bambini a tana - la tana ovviamente erano le auto parcheggiate nel cortile - potete immaginare la faccia delllo Svizzero quando ha trovato le impronte delle manine sulla carrozzeria della sua macchina.... !

La Nit' era arrivata a sorpresa il giorno prima del compleanno ed era saltata fuori dallo sgabuzzino, urlando: l'ho fatta io la lasagna..l'ho fatta ioooo...
Noi invece siamo arrivati il pomeriggio del compleanno, e mentre parlavo al telefono con lamiAmica, dicendole che ero terribilmente mortificata per non essere riuscita andare da lei, a farle personalmente gli auguri di buon..... mi sono attacata al suo campanello...                         Sorpresa riuscita!!!!
Mi sono emozionata così tanto che mi è venuto da piangere. Cosa che solitamente accade quando ci salutiamo per partire.... lì si, mi si spezza il cuore, ogni volta.
                      Ma sono stati giorni bellissimissimissimi!!!!!
Noi tre??? Le Charlie's Angels  riunite in gran completo ed in un sol botto????? naaaaaa ... troppo bello....     Abbiamo parlato e sparlato di tutto e di tutti, convolgendo anche la Marta e l'Anna, di già che cinque bocche sono meglio di tre! Impegnando così buona parte del nostro tempo - tra l'altro facendolo in spiaggia, sdraiate sul lettino, sorseggiando un mojoto alla liquirizia, ascoltando della buona musica, e all'orizzonte l'infinito del mare... direi che abbiamo preso svariati piccioni con una sola fava!! 
Mentre, durante il restante tempo, abbiamo goduto della buona tavola: capelletti, tagliatelle, piadine farcite in ogni qualsivoglia ignobile maniera e pesce, grigliato, gratinato, impepato, alla tarantina... quindi se non si fosse capito, per qualche giorno

SONO A DIETA

.

 
 
 

Post N° 132

Post n°132 pubblicato il 17 Aprile 2008 da ciao.manuciao
 

Pasticcio di verze, patate e miglio

Con questo tempo mi sembra di essere stata catapultata di nuovo nel bel mezzo dell'autunno..... e così ho cucinato anche l'ultima verza prodotta dall'orto dei miei suoceri. La ricetta è semplicissima e soprattutto buonissima. Provare per credere!

Ingredienti per 4 persone

4 fogli di pasta fillo
150 grammi di miglio
3 patate
800 grammi di verza
1 carota
1 cipolla rossa
1 costa di sedano
1 cucchiaio di semi di finocchio
40 grammi di parmigiano
2 uova
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe

Lasciamo bollire le patate in una casseruola di acqua leggermente salata per circa 25 minuti (possiamo controllare la cottura infilzandole con uno stuzzicadenti).
Cuociamo il miglio in abbondante acqua salata, a cottura teminata scoliamolo e spargiamolo con una forchetta.
Grattuggiamo il parmigiamo.
Puliamo e laviamo le verdure, riuniamole su un tagliere e tritiamole al coltello.
In una casseruola riscaldiamo l'olio, aggiungiamo le verdure tritate (tranne la verza) e lasciamole soffriggere per un 4/5 minuti; uniamo anche la verza e i semi di finocchio, abbassiamo la fiamma, copriamo con un coperchio e cuociamo per una decina di minuti.
Nel frattempo accendiamo il forno a 180°.
In una ciotola (abbastanza capiente) sminuzziamo grossolanamente le patate, aggiungiamo il miglio, le verdure, le uova, il parmigiano, sale e pepe, e con un cucchiaio di legno mescoliamo per amalgamare bene il tutto.
Ungiamo leggermente una pirofila da forno e foderiamola con i fogli di pasta fillo (sovrapposti in maniera irregolare e lasciando che sbordino leggermente), versiamo dentro il ripieno e inforniamo per 20 minuti.

Buon Appetito! 

 
 
 

Post N° 130

Post n°130 pubblicato il 14 Aprile 2008 da ciao.manuciao

SONO SENZA PAROLE.

VOGLIO EMIGRARE.

 
 
 

Post N° 129

Post n°129 pubblicato il 05 Aprile 2008 da ciao.manuciao
 

Strudel de alcachofas

E'iniziata la stagione dei carciofi (da marzo a maggio) ed io, che i carciofi li adoro, sono pronta per ricche scorpacciate....in pinzimonio o in insalata, stufati o al forno o come in questa ricetta avvolti da una soffice pasta sfoglia.

Una breve presentazione per dire che questo fiore, perchè proprio di ciò si tratta, è ricchissimo di ferro e fibra, oltre che di calcio, potassio, fosforo e sodio, e che è un ottimo digestivo e un eccellente protettore del fegato, grazie anche alla cinarina, un principio attivo che stimola la secrezione biliare, abbassa la produzione di colesterolo e aumenta la diuresi (ossia, tanta plin plin!). Attenzione solo alla cottura, fritto o sott'olio perde parecchi dei suoi benefici.

Ingredienti per 6 persone

1 foglio di pasta sfoglia
6 carciofi
1/2 bicchiere di panna liquida
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
3 cucchiai di formaggio grattuggiato
2 uova 
1 bianco d'uovo
2 denti d'aglio
una cucchiaiata di prezzemolo tritato
sale e pepe

Mentre portiamo ad ebollizione una pentola di acqua salata, puliamo i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e la parte superiore più scura poi mettiamoli a bollire per 5 minuti, scoliamoli e tagliamoli a spicchi.
Peliamo i denti d'aglio e schiacciamoli con l'aiuto di una forchetta, facciamoli dorare leggermente in una padella con un pochino d'olio, aggiungiamo i carciofi e lasciamoli cuocere per una decina di minuti a fuoco basso.
Nel frattempo sbattiamo le uova con la panna, il prezzemolo tritato, il formaggio grattuggiato e un pizzico di sale e pepe, poi rovesciamo il tutto nella padella con i carciofi saltati e lasciamo cuocere per 5/7 minuti, finchè la preparazione non si inspessisce.
Stendiamo la pasta sfoglia in un contenitore da forno rettangolare, distribuiamoci sopra il ripieno e avvolgiamo la pasta su se stessa, chiudendo le estremità; sbattiamo il bianco dell'uovo e lo spennelliamo sulla superficie dello strudel.
Inforniamo per 20 minuti a 200° nel forno già caldo e a cottura terminata lasciamo riposare per 10 minuti. Serviamo lo strudel tagliato a fette e

Buon Appetito!

 
 
 

Post N° 128

Post n°128 pubblicato il 27 Marzo 2008 da ciao.manuciao
 

Insalata di radicchio...e non solo.

La primavera è ormai alle porte e anche se alla sera mi piace ancora coccolarmi con qualche zuppetta calda, oggi abbiamo (mio marito ed io, ovviamente) pranzato sul terrazzo con questa deliziosa insalatina, o insalatona!
Un piatto semplice e veloce, sia da preparare che da digerire....

Ingredienti per 4 persone

250 gr. di radicchio di Treviso
4 fichi secchi
30 gr. di noci sgusciate
60 gr. di cipolline
60 gr. di pecorino stagionato
125 ml. di marsala secco
4 cucchiaini di aceto di mele
1 cucchiaino di miele
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe

Ammorbidite i fichi secchi lasciandoli a bagno per una decina di minuti in acqua tiepida.
Sbucciate e sciacquate sotto l'acqua fredda le cipolline, asciugatele con un canovaccio, mettetele in una casseruola con il Marsala, il miele, 2 cucchiai di aceto di mele, sale, pepe e coprite con quattro cucchiai di acqua; portate ad ebollizione e poi abbassate la fiamma, lasciandole cuocere per 20 minuti (il liquido dovrà essere completamente asciugato).
In una ciotolina emulsionate l'aceto di mele rimasto con l'olio e il sale.
Affettate il pecorino a scaglie, magari con l'aiuto di un pelapatate, e frantumate le noci.
Pulite, lavate e tagliate il radicchio, mescolatelo in una ciotola con le noci e condite con la salsina di olio e aceto; aggiungete i fichi tagliati a metà, le cipolline e le scaglie di pecorino. E..... a tavolaaaaaaa!

Buon Appetito!

 
 
 

Post N° 127

Post n°127 pubblicato il 25 Marzo 2008 da ciao.manuciao
 

Seppie al curry con burghul

Spendo due parole, due, sul burghul, visto che non tutti conoscono questo cereale. E' un grano duro germogliato, seccato al sole e spezzettato grossolanamente. Essendo un cereale integrale è ricco di sali minerali quali potassio, fosforo, calcio e magnesio, oltre che di vitamine del complesso B e vitamina A.
Ottimo come ingrediente nelle insalate fredde o nelle minestre, oppure come contorno di carne o pesce.

Ingredienti per 4 persone

1 kg di seppie
150 gr. di burghul
2 carote
4 topinambur
1 cipolla rossa di Tropea
curry
timo
1 cucchiaio di latte di cocco
125 ml. di vino bianco
20 gr. di olio extravergine di oliva
brodo vegetale
sale e pepe

Laviamo e sciacquiamo abbondantemente sotto l'acqua corrente le seppie e poi tagliamole a striscioline. Laviamo e puliamo le verdure; la cipolla, dopo averla tagliata a metà, la affetteremo a velo, mentre le carote e i topinambur li taglieremo a rondelle sottili.
In una casseruola riscaldiamo l'olio, aggiungiamo la cipolla, le foglioline di timo, le carote e i topinambur e stufiamo il tutto coperto e a fiamma bassa per qualche minuto, quindi aggiungiamo le seppie tagliate e lasciamole insaporire. Bagniamo con il vino bianco e facciamo evaporare l'alcol, poi completiamo con il latte di cocco, il curry e qualche mestolo di brodo, copriamo e cuciamo per 35 minuti. Regoliamo di sale e pepe.
Nel frattempo, in una casseruola, mettiamo il burghul, un filo d'olio, una foglia di alloro e copriamo con 800 ml. di brodo, portiamo ad ebollizione e calcoliamo due minuti, poi scoliamo.
Sul fondo del piatto mettiamo il burghul, sopra le seppie con il loro saporito brodetto e...

Buon Appetito

 
 
 

Post N° 126

Post n°126 pubblicato il 19 Marzo 2008 da ciao.manuciao

SAI QUANTO BENE TI VOGLIO?

Il Mio Re

Mi piace giocare con te
perchè più forte di te non ce n'è
Quando mi prendi tra le tue braccia
non esiste paura e non esiste minaccia
Caro Papà sei il mio re
ed io vorrei essere proprio come te!

E' così che il mio topone Pietro questa mattina ha dato il buongiorno al suo papà, e io mi sono commmmmmmmmosssssssssssssaaaaaaaaaaa..

è stato bellissimo!!!

(anche se il papà era seduto sul water
e c'era una puzza terribile!)

Auguri A Tutti I Papà! 

[soprattutto al mio].

 
 
 

Post N° 125

Post n°125 pubblicato il 18 Marzo 2008 da ciao.manuciao
 

Pollo, riso rosso e avocado

Se poi ci aggiungete una verdurina di contorno, anche una semplice insalata verde, questo è un ottimo piatto unico. Tra l'altro non ha nemmeno una ricetta ben precisa ossia, la base è il pollo: tagliato a pezzetti e mescolato con un cucchiaino di curry e del rosmarino tritato, e lasciato riposare per una mezz'ora in frigorifero, poi scaldate una padella antiaderente e senza alcun condimento lo fate cuocere per un 5/7 minuti. E poi vi potete sbizzarrire con un qualsiasi cereale tipo farro, orzo, avena.... oppure riso, come in questo caso, rosso integrale, che ha un sacco di proprietà benefiche, soprattutto per il controllo del colesterolo, ma potete usare il riso venere o l'integrale bianco...insomma quello che più vi piace, quello che avete nella dispensa..... io ci aggiungo anche dell'avocado, ma non è indispensabile, più che altro è una costante nella dieta mia e di mio marito, per intenderci... in casa nostra magari manca la carta igenica ma non l'avocado!!!!
E poi una verdura, che cotta o cruda non fa differenza. Ecco una variante con insalata valeriana e cipolla rossa, e riso venere

 

Buon appetito!

 
 
 

Post N° 124

Post n°124 pubblicato il 16 Marzo 2008 da ciao.manuciao

 

Uno non può pensare bene, amare bene, 
dormire bene, se non ha mangiato bene.







          
Virginia Wolf

 
 
 

Post N° 123

Post n°123 pubblicato il 14 Marzo 2008 da ciao.manuciao
 

PENSIERO

PROFONDO

[e per oggi va bene così]

 
 
 

Post N° 122

Post n°122 pubblicato il 12 Marzo 2008 da ciao.manuciao
 

Sunto fotografico di una mini vacanza a Valencia

....buenos dias!

desayuno con zumo de naranja, cappuccino, morcila, huevos revueltos y verduras, tortilla de cebolla, pan tomate y...... ya esta!

de paseo por el centro......

y con la bici por la Ciutat de les Arts i de les Ciències

quel genio di Calatrava....

tapas y cerveza en el barrio del mercado........

y paella de marisco (con salsa alioli) en la marcelina

y por la noche.....

concierto (gratis) de the cure 

y, visto que estamos en fallas, toda esa gente????

para ver las mascletas

te quiero

no por quien eres

 sino por quien soy

cuando estoy contigo

 
 
 
Successivi »
 
 

UTILITY

LA FOTO DEL DÍA, DEL MES, DEL AÑO Y DEL SIGLO

 

 

[quando avrete abbattuto
l'ultimo albero,
 pescato l'ultimo pesce
e avvelenato l'ultimo fiume,
vi accorgerete
che non si può mangiare
il denaro
]

LIFEGATE radio

 

Colori

Colores

Colors

...el color es vida y el blanco y negro solo es una etapa nada mas...

 

MUSICA, MAESTRO.....

 

COOKBOOKS

 

THE NAKED CHEF

www.jamieoliver.com

SPAGHETTI CON CIPOLLE ROSSE, POMODORI SECCHI, ACETO BALSAMICO E BASILICO

Spaghetti with Red Onions, Sun Dried Tomatoes, Balsamic Vinegar and Basil
Serves 4

455g/1lb dried spaghetti, the best you can get
1 red onion, peeled and finely chopped
Olive oil
2 handfuls of sun-dried tomatoes in oil, chopped
3 tablespoons balsamic vinegar
Salt and freshly ground black pepper
2 handfuls of basil, torn
1 small handful of Parmesan or pecorino cheese, grated

While cooking the Spaghetti in plenty of salted boiling water until al dente, slowly fry the onion in a couple of lugs of olive oil, for 5 minutes until soft and tender. Stir in the drained tomatoes and vinegar, and throw in your drained pasta. Season and toss together with the basil, serve with grated Parmesan or Pecorino.

 

 

BOOKSTORE