Creato da giuliosforza il 28/11/2008
Riflessione filosofico-poetico-musicale

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

jetrink0giuliosforzaIosonosolopassivoNoir72dglfamaggiore2stefano.carpagnanohplinusmariabellinviamarabertowaure.resonantiaciaociaociao3dglaniram1959bongremalgreVerbaresJabel.R
 

Ultimi commenti

Proverbiale testa dura dei Vivaresi???&#128516;
Inviato da: Franco Moscetti
il 09/11/2022 alle 18:31
 
Ricambio cordialmente i saluti
Inviato da: g. s.
il 15/03/2021 alle 08:35
 
Una piccola porzione di storia della letteratura che...
Inviato da: Mr.Loto
il 14/03/2021 alle 17:45
 
Informazioni: callaisb310@gmail.com Sono Monsieur...
Inviato da: sall sille
il 16/02/2021 alle 09:31
 
Informazioni: callaisb310@gmail.com Sono Monsieur...
Inviato da: sall sille
il 16/02/2021 alle 09:28
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Goethe: 'Maifest', fes...Maria Teresa Gentile e L... »

"Pietà" per Putin

Post n°1117 pubblicato il 27 Marzo 2022 da giuliosforza

1023

   Provo, non sussultate, pietà umana per Putin, come per ogni dittatore più o meno dichiarato. E mi spiego.

   Il dittatore è il vertice di una piramide sotterranea di cui molti di noi, per ipocrisia o imperdonabile ingenuità, fingiamo di non accorgerci. La piramide sono i potentati politici, economici, confessionali, guerrafondai, settaristici che ne rappresentano il corpo; il dittatore è il vertice individuabile che sul corpo posa e che senza di esso non si reggerebbe.

   Nelle denunce più o meno moralistiche imperversanti su ogni tipo di medium (pronuncia latina, di grazia), per il quale le guerre sono una succulenta e assai profittevole occasione di esercitazioni retoriche e propagandistiche, si tace del corpo sotterraneo della piramide e se ne prende di mira solo il vertice/dittatore. Troppa infamia ma anche troppo onore per l'esso/lui, che rischia di apparire, esso/lui, il martire più o meno consapevole, la prima vittima di un disumano sistema latamente, variamente, subdolamente plutocratico. Ipocrisia dunque nell'attribuzione delle cause e delle responsabilità di una guerra.

   Tutte le guerre nascono, è risaputo, dai trattati di pace delle precedenti, malamente concepiti o malamente applicati, dai disagi e dai disastri conseguitine; e sono come bubboni sul grande corpo dell'umanità che, una volta giunti a maturazione, fatalmente esplodono , e tutti gli istinti più selvaggi della bestia umana si scatenano, 'raffinati' dalla razionalità, truce caratteristica umana, che ha la sua suprema manifestazione nella bomba atomica la quale, è bene ricordarlo, finora è stata usata solo dagli autoproclamatisi democratici portatori di pace USA, colpevoli perciò del più inumano evento della storia, dalle conseguenze ancora in atto e nei loro sviluppi imprevedibili, di fronte al quale ogni genocidio, da che mondo è mondo e in ogni epoca e latitudine perpetrato, impallidisce.

   Terribile e complessa cosa è dunque la guerra, in cui l'homo si rivela, compiacendosene, l'hobbesiano homini lupus, ed irride all'Utopia del lockiano homo homini homo e, figurarsi, dello spinoziano homo homini deus. E la guerra attuale è già mondiale, anche se con le armi convenzionali combattuta per ora solo settorialmente, poiché mondiali sono le sanzioni economiche e culturali dichiarate, inutili per lo più a conti fatti le prime, come dal recente passato è ben documentato; e infami, da peggior nazifascismo e stalinismo, le seconde, poiché mirate a impedire la circolazione della immensa cultura russa di cui tantissimo, in ogni campo, l'intera umanità è debitrice.

   Pietà dunque per Putin, vittima più o meno consapevole delle stesse forze plutocratiche importate dall'occidente di cui immagino egli stesso far parte, e delle loro diaboliche trame; odio e disprezzo per essersi prestato, più o meno consapevolmente, a dare ad esse un nome: il suo.

*

   Ecco alcuni commenti, seguiti alle mie considerazioni, da cui espungo le immeritate ma sempre piacevoli lodi (di Alessandra Conti, di Sabrina Paonessa, di Patrizia Cipriani, e di altri) che li accompagnano.

Marco Bertelli:

    Inappuntabile, Professore. Grazie.

Enzo Rega

   Grazie per questa analisi. Sono d'accordo. Il dittatore fa la sua parte in una recita collettiva che ne supporta il ruolo di primo attore. Putin interpreta purtroppo benissimo la sua parte di despota feroce, ma, come nel caso di Hitler, accanto al "pazzo furioso”, e anche prima di lui, ci sono comprimari (persone, ma anche fatti, eventi) che ne hanno reso possibile prima l'ascesa e poi la conservazione e l'ampliamento del potere. La storia non la fanno i singoli, ma taluni singoli ne rendono possibile certi sviluppi nel bene e nel male. In questo caso assolutamente nel male:

    Giulio Sforza:

    grazie prof per il suo lucido commento. Io mi prendo solo il merito d'averlo provocato!

Enzo Rega:

     il merito è soprattutto il suo. La mia è una nota a margine.

Dunia Asha:

    Anche se so che hai ragione a sottolineare certe cose, no, nessuna pietà.

Lorenzo Fortunati:

   Mi dispiace Giulio ma per chi pone un così alto rischio per l'intera umanità, oggi, non può esserci pietà. Domani sì, oggi no. Sarei un falso a dichiarare diversamente, anche sforzandomi non riesco a trovare ragioni per accordargliela. È una vicenda con implicazioni troppo vaste.

Giulio Sforza

    L'odio e il disprezzo coi quali concludo la mia riflessione non escludono la pietà, se ci rifletti bene la motivano...

Marino Sassi

     Puntuale: i dittatori li alimentiamo noi.

Paolo di Nicola:    

Grazie Giulio! Sempre acuto e puntuale!

   Marja-Leena Lehtinen-Monti

     Sono più che d'accordo! Sono nata 1940 in Finlandia e penso di avere qualche cosa nel mio zaino storico...

Rosalba Manzo:

      Giustissimo... ma chi segue il dittatore fa peggio.. banalità del male

Suzanne Barbeau:

      Verissimo: " Il dittatore è il vertice di una piramide sotterranea di cui molti di noi, per ipocrisia o imperdonabile ingenuità, fingiamo di non accorgerci. Le dictateur est le sommet d'une pyramide souterraine que plusieurs d'entre nous, par hypocrisie ou naïveté impardonnable, faisons semblant d'ignorer.

Suzanne Barbeau (a commento di una foto allegato di Putin piccolo in braccioalla madre):

     E mi chiedo come questo ragazzino nelle braccia della madre ha potuto accettare e escogitare con l'accordo della Duma di stato quest'attacco contro altri poveri bipedi umanoidi come lui e come me.

Giulio Sforza:

     dalla finestra della mia camera da letto ogni giorno osservo i frugoletti di un giardino d'infanzia giocare ridere piangere; e ogni volta mi si stringe al pensiero di cosa loro possa riservare il destino...

Suzanne Barbeau:

     Si, vogliamo un futuro pacifista per loro. Non so che ideali poteva avere Putin quando era piccolo, nelle braccia della mamma. L'arrivismo proletario non è sempre positivo: alcune volte può avere buoni risultati, ma in certi casi è disastroso. Allora, a questo punto, meglio servo della gleba che presidente del governo... ma questo vale per tutti i parlamenti del mondo intero.

   _________________

   Chàirete Dàimones!

   Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano)

  Gelobt seist Du jederzeit, Frau Musika!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog