Un giorno di ordinaria burocrazia....

Post n°160 pubblicato il 27 Settembre 2011 da alla09

Ore 8.30 . Sede Inps Roma Aurelio: mia madre è ricoverata in ospedale ( poi vi racconto più in dettaglio), purtroppo si ostinava a ritirare la pensione in contanti, quindi serve una delega. Ovviamente c'e' fila ancor prima dell'apertura; quando finalmente arriva il mio turno scopro che è possibile svolgere la pratica solo nella sede zonale (!!) ed essendo la pensione in carico al distretto di Civitavecchia non è possibile inserire la domanda a Roma.

Ore 10.00 Sono all'ospedale di Bracciano. Mia madre non sta affatto bene, anche se l'intervento al femore è riuscito ( dicono), si sono acutizzati disturbi di natura psichica che già preesistevano, non trattati, ma non certo con la virulenza di questi giorni. Alterna momenti di lucidità con altri di completa confusione mentale ed anche di forte disorientamento ed è intervenuto più volte lo psichiatra, senza peraltro ottenere grandi risultati. Ma nonostante questa situazione, ed in presenza di una persona che all'attualità non cammina nè ragiona ed è difficilissima da gestire, l'unica preoccupazione dell'ospedale è....dimetterla!!! Ieri ho litigato con il primario che mi proponeva di trasferirla a Viterbo: a Roma non hanno trovato strutture di riabilitazioni disponibili e non vogliono aspettare che le cerchi io che sto smuovendo mari e monti per diversi canali. Anche oggi nuove discussioni...e mia madre sta pure peggio.

Ore12.00 Sede Inps di Bracciano..finalmente mi accettano la delega. Non senza lunghe esitazioni dello sportellista che non sapeva come inserire la pratica, si bloccava la procedura ecc...ecc..

Ore 14.00 Municipio XIX, giovedì scade il termine per la presentazione del Isee altrimenti mi tocca pagare la quota piena della mensa scolastica. Mezz'ora prima dell'apertura c'e' già una fila smisurata fuori, a quel che mi raccontano molti sono lì da stamattina, perchè alle 11 hanno smesso di dare i numeri e si sono autorganizzati con lista ecc...alle 14.30 finalmente aprono e distribuiscono i numeri. L'autorganizzazione funziona, l'ordine della lista viene rispettato. Riesco ad ottenere il numeretto e finalmente a consegnare la pratica ( occorre ripassare tra un mese per la ricevuta)

Ecco un giorno di ordinaria burocrazia...e davvero potrebbe finire come nel film con un'esplosione di ira incontrollata.  Un autentico corpo a corpo con i servizi pubblici e tutto sommato mi  è pure andata bene, perchè, sprecando un'intera giornata, sono riuscita a risolvere sia la faccenda delega che la mensa. Rimane il problema più spinoso, trovare un centro di riabilitazione per mia madre..e qui è davvero un'odissea ma ve la racconta alla prossima puntata.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Rieccomi...

Post n°159 pubblicato il 12 Agosto 2011 da alla09

Sembra che sia scomparsa, ma poi ritorno sempre. Sono un pò così....

In vacanza, finalmente....appena rientrata da un piccolo villaggio vicino l'Argentario semplice e spartano, ma tranquillo, economico ed a misura di bambini.

Ora sono nella mia casetta al mare, a Torvaianica Beach e mi godo tanta spiaggia e la mia piccolina. Che sta crescendo e meravigliosamente.  A causa sua ho fatto amicizia con mezza spiaggia : è socievole, ridente, solare, estroversa. E sono orgogliosa perchè anche quest'anno le sto regalando delle vacanze  stupende.

Cos'altro dire?  All'inizio dell'anno ho definitivamente messo fine ad un "tentativo di storia" che mi dava più ansia che soddisfazioni e sono di nuovo felicemente single. Non cerco nulla e non mi precludo nulla. Mi dedico a mia figlia, al lavoro ed agli amci..che detto così sembra poco, in realtà non ho mai un momento libero e non mi pare vero l'ozio di questi giorni. Anche se già penso che tra poco sarà finita e mi viene l'angoscia!! Non per il mio lavoro che mi piace ma per la quotidiana lotta con l'orologio e la mancanza di spazi per me, anche semplicemente di spazi vuoti per fare un giretto nell'anima in santa pace. Cose forse stupide che per me sono essenziali.

Altre cose...ve le racconterò piano piano se, come spero, mi affaccerà su questi lidi un pò più spesso!!! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Ciao, amica mia...

Post n°158 pubblicato il 20 Marzo 2011 da alla09

E' morta una mia carissima amica...aveva scoperto di essere malata a luglio, la malattia se l'e' portata via in pochissimi mesi, distruggendola nel corpo e nell'anima. Una persona speciale....con cui la vita non è stata tenera, riservando tanti problemi e dolori,eppure ha avuto sempre una gioia di vivere enorme. Un esempio per tanti che hanno molto e non sanno apprezzare niente. Potrei scrivere tante cose...ma non me la sento. E forse sarebbero riflessioni banali...come trovare un senso in tutto questo? Ma d'altra parte hanno forse senso la sofferenza , la malattia e la morte che colpiscono migliaia di persone ogni giorno, anche bambini e ci lasciano indifferenti perchè sono per noi sconosciuti... o al più fotogrammi di un telegiornale?

E' di altro tipo la riflessione che invece volevo condividere su questo blog. La mia amica, come me, non aveva una "famiglia tradizionale": c'era lei, la madre-ormai anziana e resa inconsapevole dall'alzheimer- e la figlia. Al funerale c'era molta gente, amici , colleghi, ma...quello che mi ha colpito era la solitudine della figlia. Si vedeva benissimo che accanto a lei non c'era una famiglia, qualcuno che condividesse realmente il suo dolore e la sostenesse..tutti noi soffrivamo, certo, ma era un dolore diverso..alla fine ognuno salutava e se ne tornava a casa propria, alla sua vita...soltanto la vita di quella ragazza era cambiata radicalmente, per sempre.

Questa è la vera solitudine. Non è la mancanza di compagnie, amicizie, quelle si trovano sempre...è trovarsi soli ad affrontare i grandi dolori e le grandi gioie della vita che, inutile sostenere il contrario, può realmente condividere con noi soltanto chi ci ama, chi è parte della nostra famiglia. E' una condizione che io conosco bene...ricordo la morte di mio padre, ricordo le preoccupazioni della gravidanza, il timore che quacosa andasse storto...e sarei stata da sola ad affrontare le conseguenze. Forse proprio perchè l'ho provato in prima persona, l'ho visto in questa ragazza, sicuramente molto più giovane e fragile di me.

Ed ho anche pensato a mia figlia che tra qualche anno potrebbe essere al suo posto...pure lei non ha nessuno oltre me. Non posso farci nulla. Se non cercare di renderla autonoma e indipendente il più presto possibile, in grado di badare a se stessa e gestire la propria vita ( ed in questo la mia amica ha in parte sbagliato, purtroppo). E sperare che abbia più fortuna ( o sia più brava di me) e magari trovi l'amore, una persona con cui costruire un vero progetto di vita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Benvenuto 2011

Post n°157 pubblicato il 21 Gennaio 2011 da alla09

Sì, lo so..sono parecchio in ritardo per gli auguri. Come al solito trascuro questo luogo che pure mi è caro..ci sono poco, ma non me ne vado, tranquilli, alla fine ritorno sempre per scrivere una nuova pagina del mio diario o anche solo un saluto.

Sto bene. No, non lo dico ironicamente. E nemmeno è accaduto nessun evento straordinario. Semplicemente sono in una fase in cui avverto una grande consapevolezza di me stessa, dei miei bisogni e sento di aver raggiunto un equilibrio solido che può resistere ai colpi della vita, alle piccole e grandi avversità. Ho definitivamente chiuso una situazione ambigua che non mi soddisfava pienamente, l'ho fatto in maniera forse un pò brusca, e di questo un pò mi dispiace perchè mi rimane sempre affetto e amicizia verso le persone che mi hanno accompagnato per un tratto di strada, sia pur breve. Ma è stata la dimostrazione che sono cresciuta, non mi accontento più ..so quanto valgo e quello che voglio.

Non ho bisogno, come tante, di un uomo a tutti i costi. Ho costruito una vita piena di affetti, di interessi, di impegni ( pure troppo, a dire il vero) ed ho imparato a star bene da sola...un amore arriverà, prima o poi. Di calessi in giro ce ne sono pure troppi..e si viaggia scomodissimi!

Nel frattempo mi sento bene. Libera..e piena di voglia di fare e di vivere

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Ciao 2011...

Post n°156 pubblicato il 21 Gennaio 2011 da alla09

Sì, lo so..sono parecchio in ritardo per gli auguri. Come al solito trascuro questo luogo che pure mi è caro..ci sono poco, ma non me ne vado, tranquilli, alla fine ritorno sempre per scrivere una nuova pagina del mio diario o anche solo un saluto.

Sto bene. No, non lo dico ironicamente. E nemmeno è accaduto nessun evento straordinario. Semplicemente sono in una fase in cui avverto una grande consapevolezza di me stessa, dei miei bisogni e sento di aver raggiunto un equilibrio solido che può resistere ai colpi della vita, alle piccole e grandi avversità. Ho definitivamente chiuso una situazione ambigua che non mi soddisfava pienamente, l'ho fatto in maniera forse un pò brusca, e di questo un pò mi dispiace perchè mi rimane sempre affetto e amicizia verso le persone che mi hanno accompagnato per un tratto di strada, sia pur breve. Ma è stata la dimostrazione che sono cresciuta, non mi accontento più ..so quanto valgo e quello che voglio.

Non ho bisogno, come tante, di un uomo a tutti i costi. Ho costruito una vita piena di affetti, di interessi, di impegni ( pure troppo, a dire il vero) ed ho imparato a star bene da sola...un amore arriverà, prima o poi. Di calessi in giro ce ne sono pure troppi..e si viaggia scomodissimi!

Nel frattempo mi sento bene. Libera..e piena di voglia di fare e di vivere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 

PER AIUTARE AZZURRA

Il mio calvariopostato da La mamma
Venerdi 13 Aprile 2007 ore 19:38:10 

Azzurra nasce il 21 ottobre del 2002 a Cecina con parto naturale. Alla nascita pesava 2 kg e 120 ed era lunga 46 cm, per il resto era tutto a posto. Dopo una settimana di ospedale torna a casa. Azzurra mangia e dorme. Il 30 dicembre alla visita di controllo Azzurra pesa 5 kg ed è lunga 56 cm; va tutto per il meglio. Intorno al mese di febbraio si inizia a intravedere un rallentamento nella crescita, sia in peso che in lunghezza. Il tutto coincide col ritorno della mamma a lavoro e col primo vaccino. Il pediatra fa eseguire un esame delle urine che risulta positivo allo streptococco fecali. Si interviene con l’antibiotico. L’infezione passa ma Azzurra non aumenta ugualmente di peso e non allunga. Nel mese di maggio viene inviata dal pediatra da un endocrinologo dell’ospedale di Pisa che visita la bambina, esegue una serie di ecografie e dichiara che Azzurra gode di perfetta salute e che la mamma è troppo apprensiva. Insoddisfatti i genitori di Azzurra la portano da un nutrizionista di Pisa che consiglia una ecografia celebrale per escludere patologie gravi. L’ecografia viene effettuata insieme a quella per il gastropirolospasmo ed entrambe risultano perfette. A giugno Azzurra viene ricoverata all’ospedale di Livorno, qui le viene dato il Peridon un farmaco che aiuta la digestione in quanto favorisce lo svuotamento dello stomaco. Le cose migliorano Azzurra si attacca per la prima volta al biberon e mangia più volentieri, Dopo 2 settimane di degenza viene dimessa. Passa una settimana la mamma torna per il controllo e comunica ai medici che Azzurra non vuole mangiare di nuovo. Le consigliano di non andare più a lavoro perché Azzurra soffre di anoressia da distacco materno. La mamma resta a casa il più possibile e Azzurra continua a crescere fisicamente molto poco e si inizia anche a intravedere un ritardo psicomotorio. Nel mese di agosto Azzurra viene portata da un medico dell’ospedale Gaslini di Genova che visita la bambina e conclude che ha i riflessi un pochino lenti ma che gode di perfetta salute. Il ritardo di Azzurra si nota sempre più; Adesso a 10 mesi si limita a portare le cose alla bocca sta seduta molto poco, non riesce a premere, non ha forza e ha sempre l’affanno. I genitori si rivolgono prima da una dottoressa omeopata che intuisce che vi è qualcosa che non funziona a livello metabolico che può essere di origine genetica oppure causato anche dal vaccino, consiglia di eseguire alcuni accertamenti rifiutati però dal pediatra. 

............................................................. 
..per il seguito della storia, leggete il messaggio n.47

Per contribuire e per seguire giorno per giorno il calvario, ma anche il cammino di speranza di questa bambina e della sua mamma coraggiosa il blog è http://insieme_per_azzurra.blog.tiscali.it/ 


 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Buio16puxxoladgl0francimumDani03elribelle670PrimoPadronefisioterapiabottegaealla09chopin83cdeagatta80exart26.crfscugnizzettlibraintSerenadariodisco.mix
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Contatta l'autore

Nickname: alla09
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 50
Prov: RM