Creato da kalikaam il 17/06/2010

DURA LEX, SED LEX

La Legge è dura ma è pur sempre Legge

 

Multa per gira con spray al peperoncino

Post n°386 pubblicato il 26 Gennaio 2012 da kalikaam
 

La Corte di Cassazione ha condannato una signora a 120 euro di multa perchè teneva in tasca una bomboletta di spray urticante al peperoncino come strumento di autodifesa.

I Giudici della Suprema Corte hanno confermato una sentenza del Tribunale di Verona che aveva condannato al pagamento della sanzione la donna sostenendo che: "Chi circola con una bomboletta urticante al peperoncino commette un reato perché porta con sé uno strumento atto ad offendere"

La Procura di Venezia però non condividendo la sentenza del Tribunale, ha fatto ricorso in Cassazione, sostenendo che la donna avrebbe dovuto essere condannata per il reato più grave di detenzione illegale di armi, poichè questo tipo di bomboletta può essere equiparata ad un'arma.

La Cassazione, invece ha rigettato il ricorso smentendo l'interpretazione della Procura di Venezia, in quanto la legge fa rientrare nella categoria delle armi soltanto contenitori di gas a base di prodotti chimici, biologici e radioattivi dotati di una spiccata potenzialità di offesa.

considerazione personale:
ma se lo spray al peperoncino è usato come difesa in caso di aggressione è normale che sia uno strumento atto ad offendere...altrimenti che difesa sarebbe?!?

 
 
 

Il cittadino deve essere risarcito per il danno derivante da smog e inquinamento

Post n°385 pubblicato il 26 Gennaio 2012 da kalikaam
 

 

Il Tar del Lazio, a seguito del ricorso presentato dal Codacons, ha riconosciuto il diritto a cento euro di rimborso a quei cittadini costretti a bere acqua all’arsenico in Lazio, Toscana, Trentino e Lombardia.

La sentenza ha sancito che la salute è un diritto e ogni danno ambientale va risarcito, anche quello derivante da smog e inquinamento.

Il Ministero dell'Ambiente e quello della Salute, colpevoli di aver lasciato che i cittadini di Lazio, Toscana, Trentino, Lombardia, Umbria, bevessero acqua contenente arsenico, adesso dovranno pagare duecentomila euro di risarcimento a ventimila cittadini.

Secondo il Tar del Lazio, bere «acqua all'arsenico può produrre tumori al fegato, a cistifellea e pelle, nonchè malattie cardiovascolari», ma la vera notizia è questa: «fornire servizi insufficienti o difettosi o inquinati determina la responsabilità della pubblica amministrazione per danno alla vita di relazione, stress, rischio di danno alla salute».

Qesta affermazione aprirà sicuramente la strada a numerose denuncie penali contro le amministrazioni delle nostre città malate di smog e conseguenti richeste di risarcimento danni.

 
 
 

Il fantasma del Tribunale di Palermo

Post n°384 pubblicato il 10 Dicembre 2011 da kalikaam
 

Strano caso al Tribunale di Palermo!

Ma non si tratta di una questione giudiziaria, bensì di una questione parnormale!

Pare che di notte tra le aule di giustizia del Tribunale di Palermo si aggiri il fantasma di una donna.
Lo spettro è stato avvistato da un carabiniere del turno di vigilanza notturna che sostiene di avere visto nei corridoi una figura apparentemente di donna, vestita di bianco, con una sciarpa o un foulard rosso al collo; non appena il militare le si sarebbe avvicinato, sarebbe letteralmente sparita, in una zona in cui non c'erano vie d'uscita.
Subito sono scattate le ricerche che però hanno avuto esito negativo. La segnalazione potrebbe essere frutto di un'impressione sbagliata, di stanchezza o emotività. Ma c'è anche un allarme per la sicurezza dentro il palazzo: proprio pochi giorni fa era stata scoperta una possibile intrusione nella stanza di un pm antimafia.

 
 
 

Chiedono al Tribunale di far abortire la figlia 16enne

Post n°383 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da kalikaam
 

A Trento, una coppia di genitori si è rivolta al Tribunale dei Minori per far abortire la figlia 16enne.
In alternativa, hanno chiesto che il fidanzato della giovane, un ragazzo albanese maggiorenne, fosse allontanato, impedendogli di riconoscere il figlio, perchè, a loro giudizio sarebbe dannoso, non essendo in grado di garantire un futuro alla ragazza e al bambino.
Spetterà ora alla Procura stabilire se ci sono gli estremi di un reato e se si potrà in qualche modo intervenire.

Sicuramente è una vicenda che desterà polemiche.
Giusto tutelare la minore ed il bambino, ma ingiusto costringerla a rinunciare al figlio.
Ma può la legge spingersi fino a questo punto?!?

 
 
 

Rabbino fa lapidare un cane: la reincaranzione di un avvocato miscredente!

Post n°382 pubblicato il 06 Dicembre 2011 da kalikaam
 

GERUSALEMME - il Rabbino Avraham Dov Levin quando ha visto un cane randagio entrare nella Corte rabbinica per gli affari finanziari, piazzarsi al centro senza avere alcuna intenzione di andare via, ha sentenziato la lapidazione della povera bestia perchè, a suo dire, sarebbe stata la reincarnazione d’un famoso avvocato, un laico impenitente, che alla fine degli anni Settanta «offese la corte», piazzandosi in quella stessa aula per contestare una decisione e rifiutandosi d’abbandonarla per diversi giorni.

Non si sà con certezza se il cane sia poi stato davvero lapidato, ma  quello che è certo è che uno dei giudici avrebbe reclutato un gruppetto di ragazzini dei dintorni, consegnato le pietre e ordinato loro di uccidere all’istante la bestia; pare, però, che il cane sia riuscito ad andare via prima della barbara esecuzione.

Il rabbino Levin nega d’avere dato una simile disposizione. Ma un suo assistente, intervistato dal giornale israeliano Yedioth Ahronot, in parte lo contraddice: «La decisione di lapidare il cane è stata presa dai rabbini a causa dell’offesa arrecata alla corte. Non è stata emessa una vera e propria sentenza ufficiale, ma ai bambini è stato detto di lanciare le pietre contro l’animale. Per cacciarlo via o per abbatterlo. L’intenzione non era di causare sofferenze al cane: piuttosto, l’hanno considerato il modo più appropriato per ‘pareggiare i conti’ con quell’anima che s’è reincarnata nella povera bestiola». 

Comunque siano andate le cose, senza discutere sui costumi e sulle regole islamiche, nonché sulle loro convinzioni religiose, non ci si può non indignare di fronte ad una violenza gratuita verso una povera bestia la cui unica colpa sia stata quella di entrare in un luogo sacro.

Ma il cane, poteva mai sapere che stava violando un precetto religioso?!?!?

 
 
 

Autovelox: multe valide anche senza foto.

Post n°381 pubblicato il 22 Novembre 2011 da kalikaam
 

Brutte notizie per gli automobilisti "vittime" degli autovelox!

L'infrazione rilevata dall'autovelox è valida anche in mancanza della relativa fotografia.

La Cassazione con sentenza n. 23212 dell'8 novembre 2011, ha stabilito che: "la multa con autovelox, telelaser e altri dispositivi elettronici e' legittima anche se non viene rilasciata la documentazione fotografica dell'avvenuta rivelazione nei confronti di un determinato veicolo in quanto la contestazione e' affidata all'organo di polizia preposto".

La Suprema Corte, ha infatti accolto il riocorso del Comune di Massa che aveva impugnato la sentenza del Tribunale che dava ragione al Giudice di Pace che aveva accolto il ricorso di un automobilista contro una multa per eccesso di velocità.
il Giudice di Pace riteneva infatti non provato l'accertamento della violazione per la mancata consegna dello scontrino con la stampa dei dati relativi alla velocità e alla targa del veicolo. Inoltre il giudice di pace osservava che in questo caso l'attestazione dell'agente, in quanto relativa ad un corpo o ad un oggetto in movimento, non poteva ritenersi assistita da fede pubblica.
La Cassazione, invece, ha dato ragione all'amministrazione comunale in quanto "nel caso di specie sussistevano tutte le condizioni per ritenere l'accertamento effettuato in conformità alla normativa vigente". Di conseguenza, il relativo verbale poteva essere "contestato solo con querela di falso non essendo sufficienti ipotetiche e non provate ma solo prospettate condizioni di traffico che avrebbero reso inattendibile l'accertamento".

 
 
 

Assicurazione falsa? la scopre l'autovelox!

Post n°380 pubblicato il 17 Novembre 2011 da kalikaam

Sono in arrivo sulle nostre strade autovelox, tutor, telecamere di controllo dei varchi ZTL e strumenti affini, in grado di controllare anche la nostra assicurazione.

Lo ha comunicato l'Asaps (Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale).

Attraverso l'incrocio con la banca dati dell'ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), sarà possibile individuare chi viaggia privo di copertura assicurativa per la RC Auto, o con un tagliando falso.
Praticamente, gli strumenti utilizzati per l’accertamento di sanzioni a distanza, secondo l’art.201 del CdS, diventeranno anche micidiali fornitori della prova legale che un determinato veicolo sta circolando in un dato momento, e ad accertamenti incrociati sarà rilevabile se chi guida è privo di copertura assicurativa.

Questo quanto previsto dal maxi-emendamento 2012 del Governo al disegno di legge di stabilità.
Il testo della modifica è contenuto nel Decreto Bilancio e Stabilità approvato subito prima della crisi di governo e già promulgato dal Presidente della Repubblica, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2012.

 
 
 

31 anni di causa...e non ancora finita!

Post n°379 pubblicato il 13 Novembre 2011 da kalikaam
 

In questi giorni, in cui si parla molto di provvedimenti per accellerare la giustizia, si susseguono notizie di cause "infinite".

Questa volta, "vittima" della lungaggine dei tempi della giustizia è un uomo, vittima di un incidente stradale avvenuto a Milano nel 1980.
Il signor Recchioni, che all'epoca aveva 64 anni, viene tamponato a bordo della propria vettura di fronte al Tribunale di Milano e subisce la rottura di alcune costole e un forte trauma cranico.
Inizia così la causa per ottenere il risarcimento del danno subito.
Il Tribunale di Milano, dopo ben 27 anni, emette sentenza e riconosce al signore un risarcimento irrisorio di 2.000 euro.
Naturalmente il sig. Recchioni propone appello contro la sentenza del Tribunale, e la Corte di Appello di Milano ha fissato la prossima udienza nel 2015, quando l'anziano, se sarà ancora vivo, avrà 99 anni!

 

 
 
 

97 anni e da venti anni in causa...prossima udienza 2014!

La signora Nicolina Navarretta di 97 anni, originaria dell'avellinese, nel 1990 è stata coinvolta in una causa civile dinanzi al Tribunale di Napoli per una questione di eredità.
Tutto ha avuto inizio nel 1989 con la morte della madre che
Causa per eredità, prossima udienza nel 2014. Ma lei ha 97 anni. La storia di Nicolina Navarretta
lasciato due testamenti olografi, uno a favore di Nicolina l'altro della sorellastra.
Nel 1990 inizia la causa per l'eredità contesa, che va avanti da 21 anni.

Adesso la causa è presso la Corte d'Appello di Napoli che aveva fissato la prossima udienza nel 2015, ma grazie all'intervento dell'avvocato della donna è stata anticipata al 2014, praticamente quando la signora avrà compiuto 100 anni!

Nicolina Navarretta ha deciso di chiedere allo Stato l'equo indennizzo per l'eccessiva durata del processo, ma forse ancora non sapeva che il maxiemendamento al Decreto di Stabilità prevede, tra le misure finalizzate allo snellimento della giustizia, l'abrogazione della Legge Pinto (89/2001) sull’indennizzo dovuto dallo Stato per i processi di durata irragionevole. 

 
 
 

Il ladro "non vedente"

Post n°377 pubblicato il 09 Novembre 2011 da kalikaam
 

Percepisce una pensione di invalidità perchè non vedente, ma per hobby ruba in casa del vicino.

A Lucca, un imprenditore insospettito per la continua e inspiegabile mancanza di piccole quantità di denaro nella propria abitazione, ha installato una videocamera e, anche con l'aiuto di un amico carabiniere, ha scoperto che l'autore dei ripetuti furti era il proprio vicino ufficialmente cieco.  

 Il "ladro non vedente", è stato condannato a 8 mesi di reclusione (pena sospesa) e, poichè percepisce una pensione di invalidita' per la sua condizione, e' stato anche denunciato per truffa ai danni dello Stato.

E pensare che era solito dare consigli al proprio vicino su come difendersi dai ladri!

 
 
 

LA GIUSTIZIA

 

 

ULTIMI COMMENTI

grazie..
Inviato da: en gzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:52
 
grazie..
Inviato da: ok gzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:51
 
Interessante...
Inviato da: vivaildivertimento
il 14/09/2016 alle 13:45
 
graziee
Inviato da: diyet
il 10/09/2016 alle 11:37
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 10/09/2016 alle 11:36
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 

 

FACEBOOK

 
 

Dettagli blog.libero.it/ituoidiritti/

 
 

GRAZIE CLAUDIO - LEVRIERODGL0

 

 

antivirus gratis

 
 

Seguimi su Libero Mobile