A PIEDI NUDI

NEL PRATO DEI NOSTRI MONDI

 

SCAM

http://blog.libero.it/DigilandVsScam/                          

 

 

NOTTE D'AGOSTO

    Notti de austu

Notti,
notti de austu, 
trapundada de steddas 
bistidas a galla
Luxentis….
Liggeras.... 
Che farfallas a festa 
in sa'ia 'è sa palla. 
Beriradis pintadas, 
disigius de animas
chi creint ancora. 
Una.......
Una feti po mei, 
po calentai su coru 
de chi sperat ancora.

Tratto da "boxis"   Di Dino Maccioni.                                                

Notte, notte d'agosto trapunta di stelle in serata di gala. Lucenti...Leggere... Come farfalle a festa nella via lattea. Verità dipinte, desideri di anime che credono ancora. Una...  Una solo per me, per riscaldare il cuore di chi ancora spera.

 

R I F L E S S I S U L L ' A C Q U A

RIFLESSI

Lente e timide,

sottili onde

carezzano la luna

che gioca sull’acqua,

quando 

dal cielo 

luminose pupille

scambiano

lucenti sorrisi

ai giochi riflessi.

Lucenti onde  

leggere e perpetue

riflettono sorrisi

 alla luna

che  si culla

guardando le stelle.

 E  nel riflesso 

  del mio  buio, 

  cullo i pensieri  

  ritrovando 

il tuo viso

in questo

mare lucente.
                               Kp.                


 

UNA ROSA ......

        

DEDICATA.......

Ho placato la sete
alle tue tenere radici,
ti ho protetta da venti e da tormente
e ti ho aspettato.
Ti vorrei cogliere,
e sognando di sfiorarti attendo
sino a quando un soffio di vento
t' inclina dolcemente
Allora…,
per non sciuparti,
giungo a te dolce baciandoti.


  kip.

.

 

UNA NENIA CAMPIDANESE

Canto di nanna

Solitamente il ritmo del canto era accompagnato da un suono cadenzato che si otteneva dal movimento  oscillante della culla, o della sedia se seduti con in braccio il  bambino , oppure: battendo ritmicamente un piede sul pavimento se in piedi. Ma queste nenie si sentivano anche  quando le donne dopo la macina operando con nobile maestria il settaccio tendevano a ritmarne  il tempo  . 

Anninnìa, anninnìa,
dromi e fai su sonnu!
Manna fatzast in domu,
trigu meda e dinai,
dinai e trigu meda
e cortinagius de seda;
de seda cortinagius…
Su sposu at essi stràngiu
at essi de Baroi,
de Baroi su sposu,
à cappotu de ariosu.
Ariosu e a cappottu,
e serbidoras ottu,
e ottu serbidoris.
Giardinu prenu de froris,
mi parint is ogus tuus
e dexiottu iùs,
e domu  palatzina sùsu
e còxinas terrenas.
Po biri is ògus tuus
em’a segai càdenas.

              kp.

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

costanzatorrelli46TIGREMAX25kipinoanaid52Kissing_a_fool0lucre611nuvolaneradgl220LAmoreAssenteCoralie.frdolcemelodiadglkip.inotrillyinajeff00lascrivana
 

DURU DURU TZIA PIPIOLLA

                             ....... e la mia mente   ricongiunse  lontani e riecheggianti suoni provenienti dalla mia isola, regalandomi musiche  tra offuscate  immagini  di contadini seduti a cerchio sull’aia, sotto il sole di luglio, intenti a battere faticosamente con inesorabili mortai  il biondo e prezioso cereale:

Duru duru zia pipiolla Ita seis fendi in gui solla solla Sola in sa mesitta trista e lacrimosa Pappada si dd’eis callincuna cosa? No hapu pappau nienti niente Feti un’ampudda de acquatrenti Unu carradeddu de binu biancu Po no mi beni s’anima de mancu, s’anima de mancu in su dromidroxiu e m’hapu pappau u’ bellu azzidroxiu, un’azzidroxiu beni spinniau e unu burricchedu beni domau, e m’hapu fattu una bella cibuddada una cibuddada cun trexentus cibuddas, e m’hapu mottu cinquanta puddas middas hapu fattas tottus a cassolla, duru duru zia pipiolla.                            Per alleviare la fatica del lavoro usavano cantare seguendo ritmo e suoni che fornivano gli stessi attrezzi che adoperavano.                                                                                                                                                     kip.

 

DURU DURU DURU ISTAI ISTAI..

Duru duru duru e istai-istai
Duru duru duru genti c’è passada, cojada a nòu genti c’è passada
duru duru duru cojada à sèis.. e su  bèhi  tèngianta a punta de pèis
e su bèhi tèngianta a sa furriàda                                 e Is domus' ìanta de pedra piccada e su pottabi sìada di argentu;                         bràbeis tèngiara pastori a centu;     e su Rei puru tèngiara hùa filla,                    apposta po mèi po da cojai …
Duru duru duru e istai istai.

 

ULTIMI COMMENTI

Grazie :)
Inviato da: kipino
il 27/06/2018 alle 17:54
 
La sottoscritta dopo il lavoro Bruno !
Inviato da: lucre611
il 01/03/2018 alle 14:44
 
Mi dispiace sul serio !
Inviato da: lucre611
il 02/01/2018 alle 20:59
 
ciao leo amico sincero e leale mi dispiace davvero
Inviato da: gryllo73
il 27/12/2017 alle 11:20
 
Bruno ti ringrazio ^-^
Inviato da: lucre611
il 25/12/2017 alle 10:00
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

*A S C O L T A R E O S T A C C A R E*



           

 

 

Indimenticabile Leoab

Post n°188 pubblicato il 26 Dicembre 2017 da kipino



Era tua abitudine coglierci di sorpresa con le tue indimenticabili parodie , le tue poesie e la simpatia che riuscivi a trasmettere. Stavolta ci hai impietriti, e tu sapevi che questa sarebbe stata l'ultima sorpresa che ci volevi riservare. Ciao Leo, un grazie di Cuore per i momenti di lavoro e di divertimento trascorsi in questa stanza e per l'ultimo libro che pochi mesi fa hai pubblicato. Grazie da parte mia e a nome di tutti per l'amicizia che la tua bella persona ha saputo esprimerci.

 
 
 

NOTTE SANTA

Post n°187 pubblicato il 25 Dicembre 2017 da kipino

Scendono piogge  

 in questa notte

d’ incensi ,

sulle ghirlande e 

sui cori  

di bianchi angeli

illuminati

dalla grande stella.

Sendono piogge

di bontà

e  d’ amore,  

che riflettono speranze

e che intridono 

d' umiltà
le coscienze

 sino a  far sentir 

agli uomini

il freddo

della grigia grotta .

Anch'io ,  

 dormirò stanotte 

 su di un ciuffo di paglia

 che ho raccolto

nei pressi

della divina stalla,

  e sognerò

il mondo,  

 che vorrei 

e  sognerò 

 tutto  l’amore, 

che il  mondo

vorrebbe.

                              kp.

 
 
 

Auguri a tutti !

Post n°186 pubblicato il 25 Dicembre 2017 da kipino

TANTISSIMI AUGURI

 
 
 

Onda

Post n°185 pubblicato il 15 Aprile 2017 da kipino

sentirai,

 la carezza 

del mare, 

quando

abbracciati

nell ’onda

che ci avvolge

ti dirò

ti amo

Kp.

 
 
 

Lottomarzo

Post n°184 pubblicato il 08 Marzo 2017 da kipino

Dedicata alle donne per rivendicare diritti, rispetto e denunciare qualsiasi violenza

 
 
 

Buon Compleanno

Post n°183 pubblicato il 26 Febbraio 2017 da kipino

 

.. e ancora ricordi le poesie di scuola che studiavo a memoria e che ascoltavi con pazienza quando le ripetevo.

 
 
 

Settimana Santa

Post n°181 pubblicato il 25 Marzo 2016 da kipino

COMMEDIA CREATA E INTERPRETATA DAGLI UTENTI 

 

 
 
 

BUONE FESTE

Post n°180 pubblicato il 24 Dicembre 2015 da kipino

Tantissimi auguri di Buon Natale e di un  Nuovo Anno di Pace e concordia

Nella terra vivono tanti popoli  e l'oramai inarrestabile evoluzione tecnologica nel campo della conunicazione ci permette  di fa conoscere  in tempi quasi reali cosa avviene nelle nazioni  e cosa succede alle genti che le popolano. Attentati terroristici e guerre che tra alcune nazioni durano da milenni pare non abbiano fine e alla luce di quanto è successo recentemente in Francia , la paura di possibili attacchi terroristici  ci coinvolge direttamente.  Il fanatismo religioso, l'estremismo religioso,  e il potere del petrolio pare facciano perdere la testa a certi popoli  e stanno causando problematiche internazionali. Popoli che fuggono e popoli che muoiono sotto i bombardamenti ; popoli che implorano , popoli che aiutano e popoli  che respingono con egoismo e razzismo. Quest'anno è l'anno del giubileo e le porte aperte da Papa Francesco alla Misericordia  dovrebbero farci riflettere ed agire senza idugiare. Buone festività a tutti.  *^kp.    

 
 
 

10 MAGGIO

Post n°179 pubblicato il 10 Maggio 2015 da kipino

  

 
 
 

Urka Che Poeti

Post n°177 pubblicato il 01 Aprile 2015 da kipino

  Volare

Volerò nell’intimità del cielo,

come  vagabondo tra le stelle

e planando nella mia anima

sfiorerò le nuvole,  per giungere a Te

 ed amarti  senza riserve .

Se sognassi , anima mia, 

 di  cadere in un precipizio

 mi accorgerei di si saper ancora volare

e volerò tra i pensieri ,

volerò nel tuo pensiero

 per ritrovare il tuo cuore.

E riconquistarti.

 ( Composta dagli utenti di urka che stanza 27.03.2015)

 

 
 
 

MARZO

Post n°176 pubblicato il 07 Marzo 2015 da kipino

 La Giornata internazionale della donna ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui sono ancora oggetto in molte parti del mondo. Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922, dove si svolge ancora oggi.

   

NON SI TRATTA DI UNA UNA FESTA PER RICORDARE LE DONNE MA SI TRATTA DI ESPRIMERE UNITAMENTE AL MONDO LA CONSAPEVOLEZZA E LA FIEREZZA CHE L'UNIVERSO DONNA APPARTENE ALLA VITA DI NOI TUTTI. W MARZO, VIVA LE DONNE SEMPRE. *^Kp

 
 
 

Tradizioni

Post n°175 pubblicato il 02 Febbraio 2015 da kipino

LA CANDELORA 

Oggi la festa ha perduto molte delle sue più folkloristiche manifestazioni. A Roma, tuttavia, l'offerta dei ceri al Papa è sempre una tradizione solenne; il popolo custodisce i ceri benedetti, perché ad essi attribuisce poteri miracolosi, accendendoli al capezzale di un moribondo e esponendoli quando infuria il temporale. Nelle predizioni meteorologiche la Candelora segna anche la fine dell'inverno, secondo il proverbio: “per la candelora dall'inverno siamo fora”; però “se è sole o solicello ce n'è un altro mesarello”. Una famosissima credenza europea sostiene che, nel giorno della Calderola, l'orso esca dalla tana a vedere che tempo fa: se è nuvolo, con tre salti annuncia finito l'inverno, se è sereno, rientra nella tana prevedendo altri quaranta giorni di freddo.

 
 
 

Per non Dimenticare

Post n°174 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da kipino

“Comincia il “gioco”, chi c’è c’è, chi non c'è non c’è . Si vince a 1000 punti. Il primo classificato vince un carro armato vero. Beato lui. Ogni giorno vi daremo la classifica generale  da quell’altoparlante là. All’ultimo classificato verrà attaccato un cartello con su scritto ”asino”, qui sulla schiena. Noi facciamo la parte di quelli “cattivi…. “                                                                                                                                                                                                                        1945-2015

 
 
 

natale

Post n°173 pubblicato il 21 Dicembre 2014 da kipino

 " PABASSINAS"  Dolci che decorano Le Feste  Natalizie  In SARDEGNA

 
 
 

Buongiorno

Post n°171 pubblicato il 16 Novembre 2014 da kipino

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: kipino
Data di creazione: 22/06/2009
 

CONSIGLI

 

  Entra nell'area aiuto
dei servizi di LIBERO !

 

MYPET


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

...... L O D E ......

                 

TU, LE MIE EMOZIONI

Sei tu l’ emozione quando respiro l’aria nuova del mattino e dalla fonte bevo l’ erompente acqua per dissetare il desiderio che ho delle tue labbra.
Sei tu  dal sorriso di bimba dagli occhi color foglia che si bagnano quando ti si stringe il respiro intenso della vita.
Sei tu quando un canto gregoriano trascende l’infinito azzurro e raggiunge il sacro silenzio dell’anima.
Sei tu il sole che riscalda il cuore quando incerto trema e lo fa battere al calare della sera.
Sei solo tu che rinnovi le mie emozioni sottraendole all’oblio.

kipi. 

 

ONIRICA PASSIONE

Se,  un bagliore di luna

avvolgesse il silenzio

del mio castello,

e baciasse

i suoi gradini

levigati dal tempo,

 raggiungerei

a soffici passi

la soglia di un sogno,

per ritrovare,

tra i fiocchi di luce,

le stoffe dei colori che amo.

E , se abbracciassi

quei tesori raccolti

nello scrigno del tempo,

con l’armonico mare

colorerei un cielo;

e unirei,

al bianco del suo sale,

 veli di sabbia

e di smeraldo,

e aggiungerei

fibre di rosa

all’ocra della sera.

Veli e scampoli di vita

 che 

 carezzano soffice la pelle  

e  stringono

l’ardente rosso

 disegnando  vortici di passione                                                                                                                                 che sino a chiudersi

intridendosi d'amore

kp.

 

MUSICA

  ON                 OFF

 

 

CIAO ROSY

Questo blog non dimenticherà la piacevolezza delle tue visite e la franchezza dei tuoi complimenti . Da quaggiù , insieme alla canzone che ti piaceva, custodiremo nel cuore la tua grande simpatia, il tuo sorriso, la tua bontà d'animo e la gran voglia che avevi di vivere. - Ciao Rosy -Kp.

 

JUST SEVENTY

 

   Since 1940

 Avrai infiniti  compleanni ! 

Immagina sopra di noi soltanto il Cielo, nessun inferno sotto i piedi , che non ci siano confini e nessuna religione ; niente per cui uccidere e morire ! ..Puoi dire che sono unsognatore ma non sono il solo e spero che ti unirai anche tu un giorno e che il mondo diventi uno (parole del testo imagine di Lennon).    

/Per i tuoi settant' anni /Da Kip. 09.10.2010.

 

-----PICCOLO PENSIERO-----

Ho adottato   un piccolo pensiero  

davanti ai vetri  di una finestra  morta.

Assente  da me,  e dal mio intorno

l’ ho tenuto sulle   mie tiepide   mani;

vezzeggiato , coccolato , accarezzato  ,

e in cambio   mi ha scaldato il cuore.

Non lo chiamo  ma   ritorna.

Ritornerà  quel  tenero  pensiero ,  

 per  posarsi  silenzioso

sulle mie mani  che aspettano.

Per portarmi lontano,

per ridarmi la  luce,

per  sentire l' amore.

(kip.)

 

 

 

EMOZIONANTE VISIONE

  ALBA

 

Attendo 

per vederti

vestita di luce

quando apri

dolcemente le tenebre,

e sorgi piano all’orizzonte

poi ,  m' incanto

mentre accarezzi   il mare,

e quando  tingi  il cielo. 

Ma  prima di svanir

per regalarmi il  giorno,  

ti chiedo 

di fermar quell'attimo

 che nutre   

di poesia  all'anima, 

fermati

perchè  forse

anche  questo giorno

resterò   

nell’ombra

ad aspettar 

la luce di domani .

                                                   Kp.

 

MESSAGGIO ULTRAFANICO

ANIME E PAROLE

Cerco nel silenzio parole

che vorrei dire,

guardandoti negli occhi,

mentre aspetti

ciò che dalla vita hai mai avuto .

E trovo, vagando nella mente,

una sintonia vibrante,  

e, perdendomi tra i fili del passato,

mi fermo al suono che il cuore trasmette,

e che la mente incontra .

Ora che  il cuore mi fa parlare, 

ascoltami: farò dell ’ anima tua la mia,

con le parole giuste che cercavo.

                                      kp.                                     


 

ERA LA FELICITA' ..

Perché è così che ti frega.. la vita. 
Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un'immagine, o un odore, o un suono che poi non te li togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quando è troppo tardi.
E già sei, per sempre, un esule: a migliaia di chilometri da quell'immagine, da quel suono, da quell'odore. Alla deriva.

( frammento di castelli di rabbia di Alessandro Baricco)

 

IMMAGGINA UN MONDO......

Immagina che non esistano frontiere e nessuna religione per cui uccidere o.. morire. (jh Lennon)

Ho provato ancora oggi ad immaginare un mondo diverso mentre   affacciato su una delle antiche terrazze della mia città  contemplavo  il cielo di una serena giornata di primavera . Lo faccio spesso. La prima volta mi capitò da ragazzo quando in gruppo scolastico si decise di salire sul “ castello” della città che fondarono i pisani sulla rocca di Kastrum. L’insegnante, che faceva di tutto per illuminarci di utili spiegazioni storiche,  come al solito veniva ignorata e le nostre fanciullesche distrazioni vanificarono il componimento previsto per l’indomani! E anche allora, come oggi,  mi  soffermai nella stessa terrazza a contemplare l’azzurro cielo e  immaginando un mondo  dove poter  vivere senza guerre senza conflitti di razza nè di religioni, senza uccisioni, prevaricazioni, prepotenze e... usurpazioni. (Kip)                                                                       

 

DURU DURU DURU, ISTAI ISTAI..

                 Queste sono le parole di uno dei tanti canti che  sentivo spesso da mia nonna mentre settacciava semola e farina seduta non lontano dal forno sul loggiato di casa sua. Nonostante non ne avessi mai dimenticato la musicalità e il ritmo, ho  dovuto ricorrere  a mia mamma per riavere le parole che non ricordavo.  

Duru duru duru e istai-istai
Duru duru duru genti c’è passada, cojada a nòu genti c’è passada
duru duru duru cojada a sèis.. e su bèi tèngianta , a punta de pèis
e su bèi tèngianta a sa furriàda e Is domus sìanta de pedra piccàda e su pottabi sìada di argentu; bràbeis tèngiara pastori a centu; e su Rei puru tèngiara ùha filla, apposta po mèi po da cojai …
Duru duru duru e istai istai.                          
        Kp.