Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

robiduc_dalessandromonellaccio19yoscigiuseppetricasegiopostvic.drantoniopiccirillo943pi.castignanifgiuseppegrignoloseitimpiantitecnokreso50spalmierossurfinia60magard
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« CHI DICE DONNA...UOMO BIANCO OFFENDE UOMO NERO »

COMUNQUE...CHE FATE A CAPODANNO?

Post n°4339 pubblicato il 19 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Da dieci anni circa, i maestri pasticcieri cercano di rifilarci il panettone nel periodo estivo. Non hanno tutti i torti, non possono campare su un prodotto che si venda solo nel periodo natalizio, il panettone tradizionale è una bontà e meriterebbe una sorte diversa. Tra l'altro sostengono che nel periodo estivo, il burro goda di un'ottima temperatura e per i prodotti lievitati, la resa sia al massimo. Bene, quest'anno dopo tante insistenze, i primi risultati sembrano essere soddisfacenti: quelli artigianali, in alcune zone di villeggiatura sono andati a ruba. Inoltre, quelli industriali hanno avuto anche loro una buona vendita e in pochi giorni (non erano rimanenze di Natale),  ne sono stati venduti tantissimi. Significa che l'idea ha preso piede e viaggia su binari paralleli ma diversi; una parte dei consumatori sono coloro un po' snob e con abitudini signorili che comprano solo prodotti artigianali, gli altri, quelli del consumo nazional/popolare, in maggioranza acquistano il panettone a 4,99 nei supermercati, prodotti di marca ovviamente, ma industriali. L'anno prossimo capiremo se è stato un caso o una dolce e gustosa abitudine da ripetere, non solo a Natale e Capodanno, ma anche a ferragosto con il panettone a tavola. Ammetto di essere stato coinvolto e abbiamo comprato anche noi il panettone dal supermercato, per me una conquista che si allarga visto che sono ghiotto del panettone classico e tradizionale: se non  ci sono canditi e uvetta, non mi interessa. A ferragosto quindi, dopo pranzo, a tavola abbiamo aperto il panettone e lo abbiamo divorato con gusto. Un vantaggio come al solito, l'ho ottenuto: mi è stato riempito il piatto (come d'abitudine) con tutti i canditi e l'uvetta che nessuno dei miei ama trovare nelle proprie fette: le spogliano del buonissimo companatico e me lo rifilano con molto piacere. Ma porca miseria, mangiatevi un Pandoro e non state lì a piluccare spulciando le fette... per eliminare i pezzi pregiati!


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog