Creato da morphamind il 27/01/2006
Come l'aria permette agli aerei di volare, così le parole permettono alle emozioni di viaggiare...
 

You can translate it!

immagine
Translate this page!
by GoogleTranslation

 
 

Area personale

 

Parla Come Mangi!!!

Questo blog non è un essemmesse!

 

I bambini sono di sinistra!!!

Tag

 

FACEBOOK

 
 

Oggi ho imparato...

Che dare rispetto a tutti non paga, in quanto non tutti sono disposti a restituire il rispetto ricevuto. E' giusto continuare a rispettare chi si ritiene meritevole del nostro rispetto o chi non si conosce. Le persone che non meritano il nostro rispetto non dovrebbero averne. (25/03/07) 
 
 

Silvia Ziche

immagine
 

BlogItalia

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Feed XML offerto da BlogItalia.it
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Valore del blog

immagine
My blog is worth $14,113.50.
How much is your blog worth?

immagine

 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

maylahpolionalinchjessicapivaNirvakmonchery10krystian840psicologiaforensemilicigaetanotania980ambra962WIDE_REDsidopaulaleros10veronica_volpel.bevilacqua50
 

Ammore...

immagine
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: morphamind
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: TO
 

Un poeta d'altri tempi...

immagine

"...dammi carta e penna,
poi guardami negli occhi,
la mente mi si ferma,
se l'ispirazione scocchi..."

E' fantasia pura e semplice,
espressa in versi e prosa,
la passione delle parole,
coltivata in questo angolino.

 

Blog Penna e Calamaio

immagine

Il Blog di Tutti
che fa conoscere anche Te!

Visitalo

collabora e diffondi l'iniziativa.

 

Interessi&Preferenze

Genere musicale: Rap Italiano, Hip Hop Americano, Reggae, Blues, Jazz, Soul, Pop non commerciale.
Artisti preferiti: Nesli Rice, Marya, Nas, Snoop Dogg, Lil' Kim, Sud Sound System, Africa Unite, Eric Clapton, Louis Armstrong, Jill Scott, John Belushi, Daniele Silvestri, Max Pezzali, Red Hot Chili Peppers.
Genere letterario: Thriller, Avventura, Giallo, Fantasy.
Scrittori preferiti: nessuno in particolare, leggo di tutto.
Genere cinematografico: Thriller, Drammatico, Commedia, Avventura, Fantasy.
Registi preferiti: Stanley Kubrick e Quentin Tarantino su tutti, ma anche qui ho preferenze abbastanza varie.

Ultimo libro letto: Alex Roggero - Australian Cargo
Ultimo film visto: Spiderman 3
Ultimo CD ascoltato: Craig David - The Story Goes...
Sto leggendo: Herman Hesse - Narciso e Boccadoro
Sto ascoltando: Joss Stone - Introducing...Joss Stone

Il mio libro preferito: Herman Hesse - Siddharta
Il mio CD preferito: la colonna sonora del film The Blues Brothers XDD
I miei film preferiti: Arancia Meccanica, Kill Bill, L'attimo fuggente, The Blues Brothers (lo so che non è un film d'autore come gli altri, ma è troppo bello!!!)

 

Sorpresa...

immagine
 

Il mio nick ancestrale

immagine

ma dimenticato da chi???

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Ultimi commenti

FELICE WEEK END..LAURA
Inviato da: la_fata_di_roma
il 13/03/2009 alle 22:48
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 10:55
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 19:35
 
Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo. A.
Inviato da: scrittocolpevole
il 20/12/2007 alle 20:39
 
Buongiorno e buona domenica!
Inviato da: Anonimo
il 30/09/2007 alle 12:18
 
 

 

« Dubbio in via di conferma...La Strega Iraconda »

Il Cavaliere Cieco

Post n°33 pubblicato il 20 Febbraio 2006 da morphamind
 

C'era una volta, un cavaliere di nome Artanis, uno dei più valorosi e validi combattenti mai vissuti nella Contea. La sua armatura luccicante e la sua spada affilata lo rendevano il beniamino del popolo, che non esitava a chiamarlo in caso di estremo bisogno.

Egli vagava di città in città, alla ricerca di chissà cosa.

Un giorno, s'imbattè in una giovane pulzella, la quale era in pericolo di vita. Artanis non esitò a difenderla, sconfiggendo in un batter d'occhio quattro briganti che volevano abusare di lei. La pulzella era in realtà una Principessa, il suo nome era Delizia. Ella offrì ad Artanis la propria ospitalità incondizionata. Il Cavaliere accettò, e si trasferì per un pò nel Castello di Delizia.

L'amore sbocciò tra i due e Delizia chiese ad Artanis di vivere con lei per sempre. Spiazzato, o forse sopraffatto da un sentimento più grande di lui, il Cavaliere accettò, vivendo, per gli inizi, nella stanza accanto a quella della Principessa.

Le cose andarono stupendamente per il primo mese, durante il quale Artanis smise di andare a cavallo e di allenarsi con la spada.

Dopo un mese però, Delizia fece spostare l'abitazione di Artanis nell'ultima stanza della torre più alta. Decisamente offeso per l'accaduto, Artanis entrò nella stanza della Principessa, deciso a non uscire finchè non avrebbe avuto spiegazioni. Dopo due giorni, il Cavaliere cedette alla stanchezza, abbandonandosi ad un sonno profondo. Delizia ne approfittò e, mentre Artanis dormiva, lo fece accecare dalle sue guardie perchè lei era troppo codarda per farlo con le proprie mani. Subito dopo, Artanis fu rinchiuso nella propria stanza all'ultimo piano della torre più alta, dove visse per altri venti giorni.

Dopo venti giorni, il mago di corte, di nome Realtà, s'intenerì e, con un sortilegio, ridiede la vista al povero Cavaliere. Artanis non perse tempo: si travestì da paggio e cercò di scoprire cosa fosse successo.

Di soppiatto, riuscì ad avvicinarsi alla stanza della Principessa, ed origliò alla porta. Scoprì ciò che non avrebbe mai voluto scoprire.

La Principessa in realtà non si chiamava Delizia, ma il suo vero nome era Vipera. Ella era promessa a un Principe già da un mese, e circa due settimane prima si erano sposati, senza che nè Artanis e nè il Principe sapessero niente l'uno dell'altro. Artanis, in preda all'ira, irruppe nella stanza.

Vipera pareva sapere della sua presenza e non si mosse, il Principe lo guardava in silenzio. Il Cavaliere chiese spiegazioni, ma Vipera sostenne che tra loro due non c'era mai stato nulla, additandolo come pazzo, il Principe continuava a guardarlo in silenzio, ma con un piccolo ghigno sul volto. Vipera aveva vinto...forse.

Distrutto e spogliato di ogni suo bene, Artanis fu cacciato dal palazzo e ridicolizzato di fronte alla corte. Se ne andò a piedi sul ponte levatoio.

Il suo destriero fu venduto per permettere alla Principessa di comprare il vestito per il matrimonio.

La sua spada giaceva arrugginita nei sotterranei del castello, tra cianfrusaglie e chincaglierie varie.

La sua armatura, un tempo lucente e risplendente, fu gettata via, e ora giaceva opaca e sporca nella secca di un fiume.

Arrivato alla fine del ponte, Artanis si voltò verso Vipera che lo osservava dalla finestra della propria stanza, deridendolo ancora, la guardò dritto negli occhi e, con un sottile sorriso, le disse: "Milady, voi avete avuto la chiave del mio cuore e ne avete approfittato per fare di me ciò che avete voluto. Mai nessun'altra dama mi ha fatto tanto male quanto avete fatto voi, ma rendo atto che ciò è accaduto per mia colpa, a causa della cecità che si chiama Amore. Per questo, Principessa, io rivolgo a voi il mio ultimo e sentitissimo augurio. Vi auguro di dover vagare in eterno per cercare la felicità e, una volta arrivata alla fine dei vostri giorni, scoprire che la felicità è sempre stata nell'unico posto dove non avete cercato, nel posto che mai avreste pensato potesse rendervi felice ma, essendo alla fine della vostra esistenza, sarà troppo tardi per raggiungerlo e potrete utilizzare i vostri ultimi respiri soltanto per pentirvi di ciò che avete fatto. Io vi porterò rancore in eterno. Addio Fata del Male."

E, così dicendo, Artanis, il valoroso Paladino, si allontanò a testa alta, riprendendo a vagare, apparentemente senza meta, per la Contea.

Ci sarebbe voluto del tempo, ma il Cavaliere, dall'alto della propria esperienza, sarebbe stato in grado di riprendersi e tornare quello che era. Il mago Realtà, decise di seguirlo, diventando suo scudiero, e i due non si separarono più per molto molto tempo.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963