Blog
Un blog creato da on_the_air il 17/09/2006

on_the_air

La Radio, la Moto, la Fotografia, i Viaggi. ONE LIFE, LIVE IT!

 
 

LIVORNO RADIO SKED

NEW! Per seguire ed essere informato su tutte le mie attività radio iscriviti subito al gruppo Telegram "Livorno Radio Sked", clicca sull'immagine sotto:

N.B. Solo OM e SWL con nominativo

 

 

RADIOAMATORI - INFO

I5EKX op. Alex


Astronauti Radioamatori sulla ISS

Stazione Spaziale Internazionale


Attivo nodo Wires-X
I5EKX-ND2
WWL JN53DM
144.837,50 ROOM preferenziale #41898 = 22251 BM (multiprotocollo Toscana)
Settare DG-ID RX e TX a 00
N.B. Per essere sicuri che sia in funzione controllate il vostro transito sul canale Telegram "Toscana LH" oppure sulla dashboard Wires-X

NEW! Come si installa e configura un Nodo Wires-X

 

 

I5EKX - COMUNICARE

RADIOAMATORI, chi sono, cosa fanno.

Mappa interattiva dei ripetitori by IZ3WNH con export
Mappa Interattiva
MapForHam by IU1FIG con molte funzioni utili.

Smartphone + ricevitore SDR = ricevitore all mode!

DMR QRV Toscana TG 22251 TS2 CC1 (BM)

QRV R1 Livorno IR5H 145.625FM
QRV 145.500 FM alert su canale Telegram, Link attività in 145.500 FM frequenza di chiamata generale

TG MQC per supporto alle attivazioni radio: 2229891 TS 1

In collegamento APRS con la ISS

La ISS come transponder in V-UHF, collegamento in fonia FM:

Prova RTX V-UHF RT23
Cross Band Repeater con RT23

APRS tx posizione GPS via radio

Ground Plane homemade con stili estensibili

FM Wide & Narrow un po' di chiarezza!
 

HAMRADIO ARTICOLI SUL DIGITALE

 

PREVISIONI PROPAGAZONE

 

COMUNICARE IN MOTO VIA RADIO

immagineQuante volte viaggiando in moto, ma anche in auto o a piedi, avete sentito la necessità di comunicare? Non è solo una questione di praticità, ma anche di sicurezza. In un piccolo corso formato da sei puntate pubblicate interamente in questo blog, potrete realizzare il collegamento radio tra moto e moto che ritenete più opportuno, clicca qui per la prima puntata.
NEW! Aggiornamento con utilizzo auricolare Bluetooth attaccato al casco.

I nostri canali, le nostre frequenze:
PMR CH 5 (446.056,25Mhz) Narrow - tono CTCSS 25 (156,7Hz)
Radioamatori RTX
VHF FM 145.375Mhz wide
UHF FM 433.375Mhz wide
 

MOTO & TURISMO ON/OFF ROAD

www.mototouronoffrad.it

La più importante Internet Community dedicata ai tour in moto on/off road su strada/fuoristrada o esclusivamente stradali - since 2001!

 

*** I VIAGGI ITALIANI ***

Campo Imperatore e i Monti Sibillini
immagineDue tra gli altipiani più belli d'Italia, il primo per i tanti spaghetti western che ci sono stati girati, il secondo per film e documentari famosi anche all'estero, il racconto lo trovate qui

La Gardesana Occidentale
immagineQuando si pensa al Lago di Garda ci viene sempre in mente la sponda orientale dove sorgono alcuni dei parchi divertimenti più belli d'Italia, ma dalla sponda occidentale partono invece itinerari bellissimi e selvaggi che vale la pena di conoscere, il racconto qui

Il Lago Maggiore e la Vetta del Mottarone
immagineIl lago Maggiore, uno dei più belli e puliti d'Italia, da qui partono stupende strade bianche costruite ai tempi della prima e seconda guerra mondiale, ancora oggi percorribili, molte altre le attrattive della zona, come ad esempio la vetta del Mottarone, il racconto qui
 

*** I VIAGGI ITALIANI *** (PARTE 2)

Le Foreste Casentinesi
immagineLe Foreste Casentinesi, l'Eremo e il Monastero di Camaldoli, il Monte della Verna, un viaggio alla portata di qualsiasi mezzo da viversi in un ambiente rilassato e lontano dallo stress di tutti i giorni, il racconto qui

L'Alta Garfagnana e il Parco dell'Orecchiella
immagineZone di confine tra le montagne dell'Appennino ToscoEmiliano, molto bello l'itinerario che attraversa tutto il Parco dell'Orecchiella fattibile con qualsiasi mezzo, il racconto qui

I Monti Sibillini
immagineIl primo dei miei 4 viaggi (per ora) sui Monti Sibillini, un luogo che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita, il racconto qui
 
 

FORTE JAFFERAU

Nella Val di Susa, sopra Bardonecchia, il Forte Jafferau, realizzato alla fine del 1800, domina dai suoi 2800 metri l'intera vallata, fu una tra le più alte fortificazioni delle Alpi Cozie, seconda solo a quella del Monte Chaberton, qui il report dell'intero tour in cui ho fatto da guida (un file in pdf di 500KB).

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: on_the_air
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: LI
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Report "La Via Vandelli", i5EkXPEDITION nr.3

Post n°491 pubblicato il 24 Giugno 2024 da on_the_air
 

Camminare è un po' come sognare ad occhi aperti, se sei solo viaggi con i pensieri, l'ambiente circostante ti coinvolge e ti condiziona, con la mente fai acrobazie mentre i piedi seguono incessantemente il percorso, l'avanzare non ha un fine immediato, è una esperienza che vivi passo dopo passo, insomma: il sistema più primordiale di viaggiare.

La mia settimana lungo il percorso dell'antica Via Vandelli, o meglio, lungo quello che ne rimane, è stata una bella avventura che ho vissuto pienamente in pace con me stesso ed il mondo che mi circondava riscoprendo abitudini sopite nell'incedere della vita moderna, la fatica è stata tanta, ma ne è valsa assolutamente la pena ed è stata un'apripista a nuovi cammini che intraprenderò in futuro.


Vediamo com'è andata.....

Per raggiungere Sassuolo (Modena) che non ha collegamenti diretti ho dovuto cambiare 3 treni, il secondo è arrivato in ritardo e così ho preso al volo quello che doveva essere un rapido per Bologna > Modena, c'è voluto poco per accorgermi che andava nella direzione opposta, il treno da me prenotato era infatti stato annullato ed al suo posto con stesso orario e tipo di treno inserito un altro. Il tutto mi fa perdere più di un'ora oltre al fatto che l'amico Claudio che mi aspettava alla stazione di Modena per portarmi a Sassuolo in auto ha perso un pomeriggio per me.

Vabbè, l'inizio non è dei migliori, non mi perdo d'animo e parto dal Palazzo Ducale di Sassuolo verso il B&B che avevo prenotato, ovviamente fa un caldo boia e i 10Kg di zaino sulle spalle si fanno sentire tutti, lo raggiungo con circa 3Km di camminata, andranno in detrazione a quelli della prima tappa Sassuolo > Serramazzoni.

Pernotto presso il B&B Casa Vandelli della Sig.ra Vandelli che non ha niente a che vedere con il "famoso" Vandelli, singolare, vero? Ambiente immerso nel verde, tranquillo e comodo, colazione super.

Tappa 1. Da Sassuolo a Serramazzoni

Sono 20Km, meno i 3Km percorsi il giorno prima diventano 17, si cammina nella campagna coltivata, imparo ad orizzontarmi con la segnaletica del cammino, sbaglio qualche bivio, scopro l'utilità di avere anche la traccia GPS che si rivelerà fondamentale in alcune situazioni nei giorni futuri.

Per mangiare mi fermo ad una alimentari in un paesino, una mezz'oretta di riposo e riparto, mi ci incastra senza problemi fare anche la prima attivazione radio per il programma POTA - Parks On The Air, trovo facilmente l'albergo di Serramazzoni dove arrivo nel tardo pomeriggio. Pernotto presso l'albergo Posta nel centro del paese, ambiente semplice e comodo, purtroppo la notte ci saranno degli schiamazzi notturni provenienti dalle 2 piazze vicine, cena al ristorante Il Tulipano, cucina semplice a buon prezzo.

Tappa 2. Da Serramazzoni a Pavullo nel Frignano

Una delle tappe più semplici e corte, solo 12Km che portano nel cuore del Frignano, anche questa tappa in completa solitudine, incontro soltanto un viandante che mi dice essere partito dall'Ucraina per raggiungere Roma, ha con se un carrellino per le sue poche cose, un paio di scarpe quasi distrutte ed una lunga barba ad incorniciare il volto vissuto, bene: se ce la fa lui ce la dovrò fare anche io!

Paesaggi tipici campagnoli, mi fermo poco prima di Pavullo sotto un ciliegio dove faccio una scorpacciata di tutte le ciliege a cui riesco ad arrivare, mi preparo poi per una seconda attivazione radio mentre vedo da lontano minacciose nuvole nere avvicinarsi, appena sono pronto parte la prima goccia di pioggia, a malincuore decido di rimettere tutto nello zaino e farò bene perché dopo pochi minuti mi prenderà un forte temporale!

Arrivo all'albergo abbastanza bagnato, la Sig.ra della reception gentilissima mi fa andare subito in camera e mi dice di portargli quanto ho da lavare che me lo avrebbe fatto trovare la sera pulito e asciutto, si tratta dell'Hotel Vandelli, il migliore che incontrerò come sistemazione in tutto il cammino, ottima la colazione. Per la cena andrò alla vicina "La Locanda" dove mangerò divinamente. Come al solito a letto presto, domani la prima tappa lunga.

Tappa 3. Da Pavullo nel Frignano a La Santona.

Una delle tappe più belle, 25Km in luoghi suggestivi e ricchi di storia, poco dopo essere partito vengo raggiunto da un viandante, Giuseppe "Beppe", un simpatico e gran chiacchierone di Prato che mi farà compagnia in 3 tappe più parte della penultima.

Inizia la "vera" Via Vandelli con buona parte sul percorso settecentesco, attraversiamo boschi lungo piccoli paesi, sentieri, strade sterrate ed un po' di asfalto, bello il castello di Montecuccolo e singolare il ponte del Diavolo o D'Ercole.

Siamo entrambi sistemati presso l'albergo ristorante "La Conca D'Oro" dove arriviamo soddisfatti ma stanchi, posizione panoramica con il Monte Cimone ad osservarci da lontano. Cena ottima, letto non molto confortevole con una pesante coperta che mi scivolava da tutte le parti, colazione semplice e genuina, un bel posto dove ritornare. Non ho avuto questa volta la forza ed il tempo di organizzarmi per una attivazione radio.

Tappa 4. Da La Santona a San Pellegrino in Alpe.

Tappa di 26Km, forse la più bella insieme alla mia ultima, in pratica tutto il percorso è immerso nel verde e nel bosco lungo il tracciato originale della Via Vandelli di cui troviamo spesso il selciato originale, ci manteniamo intorno ai 1300m slm senza quindi grandi dislivelli, bellissima la fontana Ducale da cui sgorga un'acqua fresca che apprezzeremo notevolmente. Vicino alla fontana sono state recuperate le ex stalle della Via Vandelli tarsformandole in residenze, panorami mozzafiato in un ambiente naturale favoloso essendo privo di insediamenti in quasi tutto il suo percorso.

Nei pressi del passo delle radici mi separo da Beppe, lui dormirà in un rifugio (Il Burigone) a 3Km da San Pellegrino, io al Casone in Casone di Profecchia, alla fontana vicino al bivio di Piandelagotti mi raggiunge Antonio, un amico di Livorno che ha lasciato l'auto al passo del Lagadello e mi è venuto incontro lungo il percorso della Via Vandelli, insieme ritorniamo all'auto con la quale mi accompagnerà poi al Casone. Davvero una bella giornata, purtroppo anche stavolta non farò attivazioni, speravo di organizzarmi al Casone, ma fa freddo e sono stanco, quindi ceno e vado a letto.

Tappa 5. Da San Pellegrino in Alpe a Poggio.

Una tappa sostanzialmente quasi tutta in discesa di 26Km che diventeranno 28 per divagazioni su dove mangiare e dormire. Giuseppe, uno dei gestori del Casone mi accompagna gentilmente in auto al Passo del Lagadello, da li raggiungo Beppe davanti al Monastero di San Bianco e San Pellegrino ed insieme intraprendiamo il cammino.

Salire è faticoso, ma scendere non è che sia tanto meglio, considerando che poi le temperature si alzeranno non di poco e buona parte sarà su asfalto ricordo questa tappa come una delle più pesanti e meno belle. Il lago di Pontecosi purtroppo è prosciugato per manutenzione, fantastico il passaggio pedonale sul ponte della ferrovia che sarà uno dei momenti più belli del cammino.

A mangiare/dormire siamo entrambi a "Il Grotto" a Villetta San Romano che raggiungiamo molto stanchi, la camera sarà spartana, ma il mangiare sopraffino, altro luogo in cui tornare sicuramente. Niente radio anche stavolta, non immaginavo che le tappe fossero così dure, se rimane tempo va dedicato al riposo.

Tappa 6. Da Poggio a Campaniletti.

Questa è una tappa particolare che lo stesso autore della guida, Giulio Ferrari, consiglia di gestirla in modi diversi, si tratta infatti di valicare le Apuane, Beppe sceglie l'opzione "normale" che prevede di scalare il monte Tambura in giornata, dormire al rifugio Nello Conti e proseguire il giorno dopo nella discesa verso Resceto (Massa).

Io preferisco invece non dormire al rifugio ed affrontare la salita al Tambura la mattina dopo più riposato, entrambe le soluzioni hanno ovviamente pro e contro, saluto quindi Beppe gran compagno d'avventura che risentirò poi via Whatsapp.

Mi fermo a Vagli di Sotto dove pranzo insieme a Beppe al ristorante "Il Lago" che sarà per me anche luogo di pernotto, dopo mi riposo in camera e mi godo poi il pomeriggio facendo stavolta un'attivazione radio QRP/p dal Lago di Vagli lungo il percorso della Via Vandelli.

Tappa 7. Da Vagli di Sotto a Resceto (Massa)

Il contro di questa soluzione per la tappa è che si fanno un sacco di Km in salita ed in discesa, è in questo modo in assoluto la tappa più dura del cammino in cui valicherò le Apuane e scenderò verso Massa percorrendo alcuni dei tratti meglio conservati del tracciato originale.

Faccio il pieno d'acqua ogni volta che mi è possibile, bere è fondamentale visto anche che le temperature si sono alzate, attacco la salita al Tambura a metà mattina, non lo nascondo, prova dura, ma arrivare sul passo e vedere da una parte il mare e dall'altra le montagne ed il lago di Vagli sarà veramente emozionante, il momento più bello del cammino consapevole, anche, che sono quasi alla fine.

Mi dirigo verso il rifugio Nello Conti dove pranzerò, davvero un bel posto, un balcone affacciato sulle Apuane e sul mare, mi riposo con l'intenzione di fare un po' di radio, ma mi addormento su una sdraia, mi hanno detto che affrontare la discesa in tale orario con il sole a picco è impegnativo, quindi bevuto e rifornito a più non posso d'acqua inizio la discesa.

Il percorso scende con alcuni passaggi in quota impegnativi, poi ritorna il selciato della Via Vandelli fatto di pietre mosse che rendono il percorso molto affaticante, il sole spiomba, i piedi dolgono e le gambe cedono, dovrò fermarmi diverse volte per recuperare, ma al traguardo ci arrivo, esausto, ma enormemente soddisfatto. Troverò a Resceto la moglie che mi è venuta a prendere ed insieme scenderemo verso Massa, il cammino è finito, l'avventura pure.

Considerazioni

@TUTTI

Se non avete mai fatto cammini iniziate da qualcosa di più semplice, 5600m di dislivello valicando Appennino ed Apuane non sono pochi, oppure fate solo alcune tappe in tempi diversi, portate il minimo indispensabile, ma non trascurate l'acqua, almeno due litri sono indispensabili, aggiungete giornalmente degli integratori salini e comprate quando possibile un paio di banane (o un po' di frutta) da mangiare lungo il percorso.

Non ci andate di luglio e agosto, se diversi periodi non vi sono possibili scegliete altro, altrimenti diventa un patimento, credetemi, il mese migliore è in assoluto giugno, giornate lunghe e temperature accettabili, avere la traccia GPS con applicazioni tipo Osmand o Locus Map da molta sicurezza, se non siete pratici imparate ad usarle, vi toglieranno dai guai in poco tempo più di una volta.

@RADIOAMATORI

Eeeehhhh si, pensavo di fare molta più radio, ma un cammino come questo con dislivelli notevoli impedisce di avere tempo da dedicare con soddisfazione ai collegamenti radio, soprattutto in HF, ridimensionate le vostre aspettative o scegliete cammini più dolci come la Via Francigena, Santiago, il cammino Silente, ......

In V-UHF è invece possibile fare qualcosa, inoltre visto che il segnale telefonico nel bosco è sempre assente la radio da sicurezza e permette inoltre di trasmettere la posizione APRS ai nodi che troverete durante il percorso, dato che sarete quasi sempre in quota non sarà difficile impegnarli.

---

Ringrazio l'autore Giulio Ferrari della Guida alla Via Vandelli - Terre di mezzo editore, indispensabile e preciso riferimento per tutto il cammino.

Ringrazio Beppe per la simpatica compagnia in alcune tappe, ringrazio Claudio Breviglieri per il passaggio auto, Giuseppe del Casone anche lui per il passaggio auto, tutti i radioamatori che mi hanno collegato od almeno ci hanno provato, tutti gli amici di facebook che ogni sera guardavano il mio video della tappa appena conclusa, Antonio per la breve compagnia nella tappa 4 ed il passaggio auto a Casone di Profecchia.

Ringrazio la mia famiglia per avermi supportato in questa mia piccola avventura.

Cliccando sull'immagine sotto sarete rediretti ad un album con foto e video dell'intero cammino, da guardare e godersi con calma.....

Alle prossime!

 
 
 

i5EkXPEDITION nr.3 "La Via Vandelli"

Post n°490 pubblicato il 09 Giugno 2024 da on_the_air
 

E' dall'inverno scorso che mi alleno, 10-15-20Km di camminata veloce 2/3 volte la settimana con salite, discese e falsopiano, senza interruzioni, niente bere e/o mangiare, l'obiettivo è questo: fare i 152,3Km della storica via Vandelli da Sassuolo (Modena) a Massa, un cammino impegnativo con un dislivello totale di 5600m.

Continuate a leggere e troverete le info per seguirmi in questa mia piccola avventura...

In totale 7 tappe, zaino in spalla e via! Lo farò in solitaria a modo mio portandomi dietro radio per comunicare in HF-VHF-UHF, durante il cammino ogni giorno (se possibile) mi prenderò delle pause per attivare alcune delle referenze previste nel programma radioamatoriale del Mountain QRP Club (MQC).

@TUTTI ---> Chi volesse seguire il cammino e conoscere la mia posizione può farlo in questo facile modo:

  1. Andare su questo sito https://aprs.fi/ (vedere immagine sotto)
  2. Nel riquadro in alto a dx scrivere i5ekx-7
  3. Sotto in "Mostra gli ultimi" selezionare 12 ore in entrambi i menu popup
  4. Cliccare su "Cerca" in alto a dx
  5. Otterrete come risultato il percorso che sto facendo con relativa ultima posizione registrata.

N.B. Ogni giorno la sera pubblicherò un report con video e foto sul mio profilo facebook dove spero di leggere qualche vostro simpatico commento.

 

@RADIOAMATORI ---> sotto QRG e attività radio:
  • Avrò due radio sempre attive, una Tytera MD-UV390 con FW OpenGD77 in trasmissione APRS a 144.800
  • Una Yaesu FT-3D sempre accesa sulle frequenze di chiamata in RX a 145.500 e 433.500 FM pronto a rispondere (se le condizioni me lo permetteranno) ad eventuali chiamate.
  • Dove possibile con una terza radio HF USDR+ "Red Corner" mi fermerò in alcune referenze del programma MQC comunicando l'attività tramite cluster e sul mio gruppo Telegram "Livorno Radio Sked" a cui vi potete iscrivere cliccando qui. La segnalazione attività sarà ovviamente vincolata alla presenza del segnale dati telefonico, altrimenti mi farò vivo sulle frequenze di chiamata sopra indicate.
  • Sarò on air la mattina e/o il pomeriggio intorno alle frequenze QRP dei 40 e 20m.
  • Avrò con me anche una POC radio che utilizzerò insieme alla MD-UV390 per trasmettere la posizione via APRSDROID, possibile attività quindi anche in digitale sul TG multiprotocollo Toscana.
@TUTTI ---> i giorni, le tappe:
  • giorno 0 martedì 11/06 trasferimento Livorno > Sassuolo
  • 1° giorno mercoledì 12/06 Sassuolo > Serramazzoni 19,9Km
  • 2° giorno giovedi 13/06 Serramazzoni > Pavullo nel Frignano 12,9Km
  • 3° giorno venerdì 14/06 Pavullo nel Frignano > La Santona 25Km
  • 4° giorno sabato 15/06 La Santona > San Pellegrino in Alpe 25,8Km
  • 5° giorno domenica 16/06 San Pellegrino in Alpe > Poggio 25,8Km
  • 6° giorno lunedì 17/06 Poggio > Vagli di Sopra - circa 15Km, qui farò una variante, anzichè raggiungere Campaniletti (arrivo della sesta tappa) mi fermerò prima a Vagli in modo da affrontare la parte più dura del percorso al mattino.
  • 7° ed ultimo giorno martedì 18/06 Vagli di Sopra > Massa circa 21,3Km + 6,3 per arrivare al mare, la tappa più lunga.

Bene, spero soprattutto di farcela e che il meteo sia propizio, ringrazio fin da ora chi vorrà/potrà seguirmi per darmi sicurezza e virtuale compagnia in questa avventura.

QUI il report con foto e video!

 
 
 

UV-K5 + iGate2 + cavo = APRS

Post n°489 pubblicato il 02 Aprile 2024 da on_the_air
 

Ritorno sull'argomento APRS collegandolo questa volta alla "famosa" radio Quansheng UV-K5 che tanto successo sta avendo sul mercato visto il basso costo ed il formidabile Firmware mod IJV di Fabrizio.

Ricordo che per utilizzare il sistema di seguito descritto è necessario conseguire la Patente di Radioamatore ed ottenere l'Autorizzazione Generale del MIMIT.

Innanzitutto cos'è l'APRS (Automatic Packet Reporting System), detto in parole semplici, nel modo in cui sarà utilizzato descritto in questo articolo, è un sistema per ricevere/trasmettere la posizione GPS anche in assenza di segnale dati telefonico.

Cosa serve:

  • Una radio ricetrasmittente su bande radioamatoriali in VHF e UHF
  • Uno smartphone (android in questo caso)
  • Una app prelevabile dal Play Store android
  • Un cavo dedicato tra radio e smartphone (volendo si può utilizzare anche mic/altoparlante dello smartphone in viva voce, ma diventa molto meno pratico)


RTX Quansheng UV-K5 con FW IJV


smartphone android Huawei P30 con app IGate2


Cavo audio tra smartphone e RTX

Il sistema una volta implementato permetterà di visualizzare la vostra (e quella di altri) posizione sul sito aprs.fi come sotto riportato:

Bene, vediamo ora come è possibile mettere in pratica il sistema:

  1. Le frequenze dedicate all'APRS sono 144.800 e 432.500, memorizzatele tutte e due sulla vostra UV-K5 mettendo banda in W, compander off e potenza high
  2. Installate l'app IGate2 sullo smartphone
  3. Collegate il cavo tra smartphone (volume audio del telefono poco sotto il massimo) e radio attivando il vox a livello 5 ed aprite il volume ruotando la manopola non oltre metà corsa.
  4. Andate su questo sito e richiedete la password per APRS-IS, un codice numerico di 5 cifre che verrà associato al vostro nominativo, lo rilascia subito, non lo perdete.
  5. A questo punto va lanciata l'app IGate e configurata, seguite questi miei esempi con touch sulla rotellina dell'app:

  • Call sign -> il vostro seguito da un SSID, generalmente -7 (esiste una tabella in rete dove sono riportate indicazioni per i numeri, ma non è importante per il funzionamento).
  • Internet Server -> selezionate APRS-IS
  • Passcode -> quello appena ottenuto come sopra scritto
  • Set Actual Position! -> touch sulla scritta e rileverà la vostra posizione tramite il GPS dello smartphone
  • Beacon text -> è la stringa di caratteri che viene trasmessa quando parte il beacon della vostra posizione, vedete cosa ho messo io.
  • Beacon symbol -> scegliete quello che ritenete opportuno al vostro utilizzo, comparirà come piccola icona su aprs.fi
  • Spuntate "Use mic audio input" (importante!)
  • La default frequency 144.800 è quella della memoria su cui dovete sintonizzare la radio.
  • Lasciate tutto il resto di default.
Ora con radio sintonizzata a 144.800 e configurata come indicato sopra, app aperta e cavo collegato dovrete vedere passare dei pacchetti in ricezione, per trasmettere il vostro beacon touch sui puntini in alto a dx > touch su "Play Beacon" e scrivete (o copiate/incollate) il testo del beacon configurato nell'app, la radio andrà in TX e vi vedrete su aprs.fi

Ovviamente tutto funziona SE AVETE UN NODO APRS VICINO E RAGGIUNGIBILE IN RADIO FREQUENZA, qui in Toscana c'è ad esempio nel pisano IR5X che copre un territorio molto vasto.

Sul sito ufficiale dello sviluppatore trovate info sull'app, molto valida anche Tracer2 che utilizzando sempre lo stesso sistema permette un tracking automatico.

Bene, spero di esservi stato utile e di avere stimolato in voi la voglia di sperimentare, che è poi l'essenza di noi radioamatori.

73 de I5EKX Alex.

 
 
 

Vendo la mia BMW R1150GS Adventure 25° anniversario!

Post n°488 pubblicato il 22 Marzo 2024 da on_the_air
 

Ebbene si, dopo tante avventure con la mia spendida GS 25° anniversario è venuto il momento di passarla a chi potrà ancora divertircisi, io mi sono orientato verso una moto più piccola e meno pesante, l'avevo portata a fine novembre da Peruzzi Moto e lasciata "timidamente" in vendita nel loro salone.

Ora l'ho inserita nei siti di vendita in modo completo: subito.it - moto.it e marketplace di facebook, chi la compra conoscendomi saprà (per come tengo le cose io) che è una moto perfetta in ogni sua parte, i Km sono tanti, 103.000, ma "insignificanti" per queste tipologie di moto soprattutto se sono seguite da officine come Peruzzi Moto a Castelfiorentino (FI).

Se c'erano difetti sono venuti fuori e risolti, moto con pochi km tenute sempre ferme sono invece molto spesso una incognita, per comodità riporto sotto il testo inserito nei siti di vendita:

La moto è la versione 25° anniversario, originale in tutte le sue parti e FULL optional, in particolare:

Set borse alluminio completo con borse interne (borse interne non BMW)
Fari supplementari
Faro allo Xeon
Borsa da serbatoio
Griglia proteggi fanale anteriore.


TUTTI i tagliandi sono stati regolarmente eseguiti e dimostrabili presso Peruzzi Moto di Castelfiorentino (FI), in particolare a 55.000Km sostituito cuscinetto grande coppia conica e i due finali piccoli, 2019 revisionato ammortizzatore posteriore Oholins, 2023 revisionato quello posteriore sempre Ohlins, cambiate 2 bobine.

La moto è in perfette condizioni, si potrebbe dire pari al nuovo e qualunque difetto potesse presentarsi con tale kilometraggio (differentemente da moto tenute sempre ferme) è venuto fuori e risolto, è tenuta in modo maniacale, vendo soltanto perchè ormai troppo pesante per me visto che ci viaggio spesso in coppia.

Il prezzo è trattabile in questo modo:
SOLO MOTO (senza borse e telaio reggi borse - bauletto) 9.500€
SOLO BORSE (set completo) 1.500€
Il TUTTO come da annuncio 10.500€
NON VENDO le borse separatamente se prima non ho venduto la moto ad eventuale acquirente solo moto senza borse.

Ho disponibile certificato ORIGINALE BMW che certifica appartenenza alla produzione 25° anniversario. Moto visionabile presso Peruzzi Moto a Castelfiorentino (FI)

OVVIAMENTE NIENTE SCAMBI!

 
 
 

La radio nelle scuole!

Post n°487 pubblicato il 22 Febbraio 2024 da on_the_air
 

 
 
 
Successivi »
 
 

NORD KAPP, L'AVVENTURA!

Qui di seguito i link a tutti i post pubblicati che descrivono la preparazione, impressioni al ritorno, il report step by step dell'andata e del ritorno ed infine foto e video:

 

CALENDARIO TOUR 2024

I tour in moto più belli del 2024 su OnTheAir!

  • 27/04 - 07/05 Top Tour stradale in Andalusia - M&TOOR+BMW R80G/S
  • 17-19/5 Polvere & Gloria - in moto sulle splendide strade dell'Eroica
  • 25-26/5 Apuane sconosciute - M&TOOR
  • 7-9/6 Tour di Primavera - BMW R80G/S
  • 6/7 Sulle orme degli etruschi - tour on/off M&TOOR
  • 21-23/6 Trentino - M&TOOR
  • 12-15/9 AlpiLand Adventure Tour - 8 colli con M&TOOR

    I programmi di ogni singolo evento saranno pubblicati sui rispettivi siti: M&TOOR = Moto & Turismo on/off road *** BMW R80G/S il Gruppo facebook.
  • Seguite OnTheAir per rimanere sempre aggiornati!
          Moto & Turismo On/Off road, tour per qualsiasi marca/modello di moto con uscite stradali o miste on/off road
          Gruppo facebook BMW R80G/S e relativo blog myR80GS (tour riservati a moto BMW G/S e GS Classic a 2 valvole).
 

ACCESSI GIORNALIERI

Blog counter

immagine

 
OnTheAir è stato recensito su:

N.B. "Visitor location" viene azzerato periodicamente

free counters

 

(C) COPYRIGHT

immagineTesti e foto sotto tutela della Creative Commons Licenses

Sunto delle condizioni
Attribuzione:
Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.
Condividi allo stesso modo:
Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica a questa.

In fondo al blog c'è la e.mail per contattare l'autore e conoscere le condizioni necessarie per l'utilizzo di immagini, video e testi.


 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RAID MAROCCO - GIUGNO 2007

Il mio raid in Marocco, la terra dai mille volti, un paese che va dalla costa mediterranea fino a quella dell'Oceano Atlantico passando per le piste di montagna dell'Atlas marocchino fino alle dune più alte del Sahara occidentale, e poi le oasi, i palmeti, le gole del Todra, l'affascinante medina di Fes, la vita di Marrakesh, la Kasbah di Ouarzazate, e molto altro ancora...... Disponibile il report in pdf da scaricare (1,66Mb) clic qui! 

Altri riferimenti sui messaggi nr. 48 - 49 - 50 - 53

Il viaggio è stato ripetuto nell'ottobre del 2011, qui un breve report ed i riferimenti per foto e riprese video.

Nuovo raid nel 2014, il più bello con grande spazio all'off/road in piste di montagna e nel deserto, qui trovate un "film" di 1 ora e 9 minuti con riprese video, fantastiche immagini e buona musica!

 

FRANCIA, CEVENNES & GEVAUDAN

immagine
Cinque giorni attraversando per lungo e per largo alcune delle zone rupestri tra le più selvagge e scarsamente popolate della Francia, dove ancora dimorano i lupi
e pascolano i bisonti, luoghi dimenticati dal turismo di massa, ma ricchi di storia e di mistero come nel singolare paesaggio del Cirque de Navacelles.

Il racconto dell'intero viaggio puoi leggerlo qui, b
uona lettura.......

 

UN VIAGGIO ALLA RICERCA DI LUOGHI ......


..... non lontani dalla civiltà, ma distanti dalla vita e dalle abitudini di tutti giorni, percorrendo strade dai 2000 m fin sopra i 3000 m!

Dal Tunnel du Parpaillon al Colle del Sommelier

La pianificazione di questo viaggio inizia già dalla fine del 2004, in pieno inverno, quando le giornate si fanno sempre più corte e la moto in garage sempre più lontana. Nel 2002, dopo aver scoperto nuove strade sterrate ...... il racconto continua

(è stato pubblicato su 2Ruote)

 

TUNISIA ON/OFF ROAD - NOV-DIC 2005

Il mio raid in Tunisia, le foto e il racconto di 10 giorni di moto, turismo, fuoristrada e amicizia vissuti intensamente, se vuoi puoi leggerti tutto il report in pdf scaricandolo da qui, buona lettura.......

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

WISH YOU WERE HERE

immagine

Il mio "credo" sono loro: i
Pink Floyd
Li ascolto da quella "prima volta" in cui uno degli amici più grandi mi fece sentire The Dark Side Of The Moon, ancora studente alle superiori ne rimasi così colpito tanto da poter dire con tranquillità che hanno segnato la mia vita musicale e il mio approccio verso ogni genere di sound, passato e futuro.
Ricordo bene quel rituale ascolto del disco in vinile, via la confezione trasparente, tiri fuori il disco che per l'elettricità statica si appiccica alla busta, lo prendi con cura e con millimetrica attenzione fai posare la puntina del giradischi sul piatto, i primi scricchiolii, poi ti siedi e in religioso silenzio ascolti le prime note, quelle magiche di Wish you were here,
Ho tutti i dischi della band, anche la produzione solista, alcuni solo in vinile, altri in doppia copia, non nascondo che di The Dark Side ne ho comprate 2 copie a 33 giri, i famosi Long Playing, e 2 in CD di cui una rimasterizzata, li ho visti in concerto 2 volte senza Roger Waters e una estate ho avuto il piacere di ascoltare la performance di quest'ultimo a Lucca, che brividi ragazzi!.... o quelle liriche di Atom Heart Mother, oppure la chitarra di Animals, senza contare Ummagumma, il primo disco new age della storia direi......
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963