« FABER DE ANDRE'E' finito lì'ultimo ponte... »

CREPUSCOLI

Post n°7 pubblicato il 27 Aprile 2006 da capriccinauff
Foto di capriccinauff

"Siamo tutti crepuscoli, sempre sorgenti e sempre calanti, tra un orizzonte ed un orizzonte".

Kahil Gibran

PER DIRE BASTA ALLA GUERRA.

L'attacco odierno contro un convoglio italiano a Nassiriya porta a 34 il numero degli italiani rimasti uccisi nel conflitto in Iraq, tra militari e civili. Negli ultimi quattro mesi, il contingente italiano ha subito tre attacchi con ordigni piazzati lungo la strada, che non hanno causato vittime.

12 novembre 2003: esplode un'autobomba nel cortile della missione (Msu) italiana a Nassiriya, muoiono 12 carabinieri, 5 militari dell'Esercito e 2 civili, Stefano Rolla e Marco Beci.
7 maggio 2004: Matteo Vanzan, lagunare di 23 anni, viene colpito dalle schegge di un colpo di mortaio e muore dieci giorni dopo.
5 luglio 2004: il caporalmaggiore Antonio Tarantino muore in un incidente stradale.
21 gennaio 2005: il maresciallo Simone Cola, 32 anni, muore a bordo di un elicottero, colpito da un proiettile sotto l'ascella.
4 marzo 2005: Nicola Calipari, alto funzionario del Sismi, viene ucciso dai soldati americani sulla strada per l'aeroporto di Baghdad, con al suo fianco Giuliana Sgrena, rimasta ferita.
15 marzo 2005: muore durante le esercitazioni il sergente Salvatore Marracino.
31 maggio 2005: cade elicottero dell'Esercito, muoiono i 4 soldati a bordo: il tenente colonnello Giuseppe Lima, 39 anni di Roma, il capitano Marco Briganti, 33 anni di Forlì; i mitraglieri di bordo, Massimiliano Biondini, 33 anni di Bagnoreggio (Vt) e Marco Cirillo, 29 anni, di Viterbo.
14 luglio 2005: muore in un incidente stradale il sergente Davide Casagrande, mentre altri due militari rimangono feriti.
27 aprile 2006: un carabiniere e un capitano dei paracadutisti sono rimasti uccisi nell'esplosione di un ordigno piazzato lungo la strada; numerosi i militari italiani feriti.
I civili rimasti uccisi nel conflitto iracheno sono, oltre ai due deceduti a Nassiriya il 12 novembre 2003: l'addetto alla sicurezza Fabrizio Quattrocchi (14 aprile 2004); il giornalista Enzo Baldoni (26 agosto 2004), l'imprenditore italo-iracheno Ayad Anwar Wali (2 ottobre 2004), l'italo-britannico Salvatore Santoro (13 dicembre 2004).
Negli ultimi mesi, il contingente italiano è stato più volte preso di mira dalla guerriglia con ordigni piazzati lungo la strada: 30 gennaio 2006: un ordigno artigianale esplode al passaggio di un convoglio militare italiano con 17 militari a bordo a sud di Nassiriya, ferendo in modo lieve un soldato.
28 febbraio 2006: una bomba esplode oggi contro un convoglio di Carabinieri della Multinational Specialized Units (Msu) formato da cinque veicoli con 30 militari a bordo. Rimagono feriti due civili iracheni.
22 aprile 2006: un ordigno esplode contro una pattuglia del reggimento carabinieri della Msu (Multinational Specialized Unit), senza fare feriti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

cl_enkiwaitoorresalottergsLallaBeSdoppiamoCupidomaestroluigiwo_landChi.schifa.e.schifat
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom