Un blog creato da psicomari il 06/02/2007

nuvola azzurra...

.

 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

ME & MYSELF!

         immagine immagine 

   ImageChef.com - Custom comment codes for MySpace, Hi5, Friendster and more
 





 

 
 
 
 
 
 
 

LA CUCINA DI CIAMBELLINA (IHHHH FA ANCHE RIMA!)

Cari amici, l'appetito vien leggendo ed ecco che vi invito tutti nella mia cucina..prendete, prendete pure! L'appetito mette allegria e in questo blog il sorriso non manca mai...Buon appetito!

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

LA PIÙ DOLCE E SENSUALE CANZONE D'AMORE...

 
 
 
 
 
 
 

FANGO

Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo

sotto un cielo di stelle e di satelliti
tra i colpevoli le vittime e i superstiti
un cane abbaia alla luna
un uomo guarda la sua mano
sembra quella di suo padre
quando da bambino
lo prendeva come niente e lo sollevava su
era bello il panorama visto dall'alto
si gettava sulle cose prima del pensiero
la sua mano era piccina ma afferrava il mondo intero
ora la città è un film straniero senza sottotitoli
le scale da salire sono scivoli, scivoli, scivoli
il ghiaccio sulle cose
la tele dice che le strade son pericolose
ma l'unico pericolo che sento veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
il profumo dei fiori l'odore della città
il suono dei motorini il sapore della pizza
le lacrime di una mamma le idee di uno studente
gli incroci possibili in una piazza
di stare con le antenne alzate verso il cielo
io lo so che non sono solo

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

la città un film straniero senza sottotitoli
una pentola che cuoce pezzi di dialoghi
come stai quanto costa che ore sono
che succede che si dice chi ci crede
e allora ci si vede
ci si sente soli dalla parte del bersaglio
e diventi un appestato quando fai uno sbaglio
un cartello di sei metri dice tutto è intorno a te
ma ti guardi intorno e invece non c'è niente
un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
hanno ancora il coraggio di innamorarsi
e una musica che pompa sangue nelle vene
e che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi
smettere di lamentarsi
che l'unico pericolo che senti veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
di non riuscire più a sentire niente
il battito di un cuore dentro al petto
la passione che fa crescere un progetto
l'appetito la sete l'evoluzione in atto
l'energia che si scatena in un contatto

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che nn sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango

 
 
 
 
 
 
 

INGUARIBILE ROMANTICA...

 


 


 



         

 

 

 

 

 

  

 
 
 
 
 
 
 

IL GIORNO DELLA MIA LAUREA

 
 
 
 
 
 
 

ALEGRIA...

 

Alegria
Come un lampo di vita
Alegria
Come un pazzo gridare
Alegria
Del delittuoso grido
Bella ruggente pena,
Seren
Come la rabbia di amar
Alegria
Come un assalto di gioia

Alegria
I see a spark of life shining
Alegria
I hear a young minstrel sing
Alegria
Beautiful roaring scream
Of joy and sorrow,
So extreme
There is a love in me raging
Alegria
A joyous,
Magical feeling

Alegria
Come un lampo di vita
Alegria
Come un pazzo gridare
Alegria
Del delittuoso grido
Bella ruggente pena,
Seren
Come la rabbia di amar


Alegria
Come un assalto di gioia

Del delittuoso grido
Bella ruggente pena,
Seren
Come la rabbia di amar
Alegria
Come un assalto di gioia

Alegria
Como la luz de la vida
Alegria
Como un payaso que grita
Alegria
Del estupendo grito
De la tristeza loca
Serena
Como la rabia de amar
Alegria
Como un asalto de felicidad

Del estupendo grito
De la tristeza loca
Serena
Como la rabia de amar
Alegria
Como un asalto de felicidad

There is a love in me raging
Alegria
A joyous,
Magical feeling

 
 
 
 
 
 
 

ASSOMIGLIO A....

 
 
 
 
 
 
 

PER VOI DOLCI ANGIOLETTI...

Jenny è una bambina... Un’adorabile bambina. I suoi occhi sono color nocciola, i capelli un po’ più scuri. Se i capelli le cadono sugli occhi, li scosta. Ma la mano non va dritta alla fronte. Prima Si curva come un fiore al primo schiudersi dei petali. Poi scosta i capelli dagli occhi. Jenny è diversa. Per me Jenny è come una rosa blu. Una rosa blu? Avete mai visto una rosa blu? Ci sono rose bianche e rose rosa e rose gialle e un’infinità di rosse rosse. Ma blu? Un giardiniere sarebbe felice di avere una rosa blu. Una Rosa Blu La gente verrebbe da lontano per vederla. Sarebbe rara, diversa, bella. Anche Jenny è diversa. Ecco perché, in qualche modo, è come una rosa blu. È come se Jenny Vivesse dietro uno schermo uno schermo che non riusciamo a vedere. Forse ha colori magnifici. Forse quei colori a volte distraggono Jenny dal prestare attenzione a quel che diciamo: o forse ascolta una musica che noi non possiamo sentire. Jenny è come un uccellino Un uccellino dalle ali molto corte, mi capita di pensare. Per un uccellino così, volare è difficile: ci vuole più forza, più fatica, più tempo. Per un uccellino con le ali normali volare è una cosa scontata. Ma un uccellino con le ali corte deve impegnarsi molto per imparare. Deve essere più bravo degli altri. È per questo che dobbiamo capire Che conquista è per Jenny imparare. Non importa cosa. Jenny è come una rosa blu, delicata e bellissima. Ma le rose blu sono così rare che ne sappiamo poco, troppo poco. Sappiamo solo che hanno bisogno di essere curate di più. Di essere amate di più.

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« io vivo dunque cambiola gnr 2012 »

condivisioni in arretrato :O)

Post n°328 pubblicato il 03 Giugno 2012 da psicomari

 

 

 

Condivisione turno del 18 marzo 2012

Reparto: oncologia pediatrica

Volontaria: Ciambellina

Compagni d’avventura: Scodina e Pricco Pracco!



"eravamo insieme, tutto il resto del mondo l ho scordato."



Sono stata tutta la settimana con la voglia di scrivere la condivisione del turno perché volevo fotografare tutte le immagini che hanno caratterizzato questo lungo passeggiare fra le corsie di Oncologia. E’ un periodo in cui sono molto stanca e non riesco a fare tutto ciò che vorrei e così sono riuscita a trovare uno spazietto per me e i miei pensieri solamente stasera! Ricordo tante facce dolcissime, ricordo quanto possa fare tenerezza un pigiamino e ricordo come un po di amore e un po di considerazione possano rendere felici le persone! Mi spiace, non ricordo l’ordine con cui abbiamo incontrato i bimbi, erano tanti, faceva molto caldo e ci siamo trattenuti parecchio in ogni stanza. Ricordo il bimbo Spiderman che non vuole mai i claun essere finalmente contento dopo avergli fatto un ragnetto con dei palloncini, ricordo la musica , i balletti e il ritmo che ci ha accompagnati durante tutto il turno, ricordo Stefano, ricordo la sua mamma che ormai mi riconosce, rido ancora pensando ai balletti che ci ha insegnato, alla sua risata sincera, alla sorellina che ci ha portato la torta dalla sala giochi, ricordo il profumo di “famiglia” che si respirava in quella stanza. Ricordo la stanchezza che ci ha travolti dopo il turno, ricordo che ho pensato almeno 3 volte di essere fortunata per aver intrapreso questa strada. Ricordo Michela, seduta sull’uscio della porta..mi ha ricordato una portinaia. Il portinaio è il custode del palazzo ma non abita lì, non ne fa parte. Deve stare lì, partecipare suo mal grado alla vita degli altri. Quante storie che ascolta, quante lettere che vede, quanti sguardi che sfiora. Però quella non è la sua casa..immagino la felicità che un portinaio possa provare nel momento in cui apre il portone del suo palazzo, della sua casa..della sua famiglia! Ricordo la spontaneità di una bimba che ci dice che il palloncino scoppiato assomiglia ad una “menna” e noi imbarazzati a trovare parole strambe per affievolire quel termine così ridicolo ma frutto di una naturalezza che noi adulti abbiamo perso da un po’ di tempo ( vabbè magari noi claun ne abbiamo persa un pochino meno). Ricordo lo sguardo di Pricco quando suona la sua chitarra, sembra essere in un altro pianeta, chissà dove si trova il suo cuore quando suona, chissà dove lo porta la sua anima. Ricordo lo sguardo di Scodina, così pieno di dolcezza, così vicino alle persone, così puro che certe volte sembra che i suoi occhi non siano scuri ma impalpabili e trasparenti come una nuvoletta. Ricordo il guardare netto dei bambini, il guardarmi in faccia senza filtri. Attraversano il camice, attraversano i vestiti colorati, attraversano la mia pelle e arrivano in posti profondi di me..e ogni volta mi ritrovo a capire qualcosa di me che ignoravo. Ogni volta che abbiamo bussato ad una stanza, qualcosa in loro è cambiato , qualcosa in noi è cambiato..in un minuto possiamo cambiare cento volte e questa cosa è incredibile. Mi spiace se non ricordo più le battute, le gag, l’improvvisare ( e ce n’erano di cose belle e buffe da raccontare) però l’essenza è rimasta e mi ha letteralmente “accompagnato” durante tutta questa lunga settimana!

Grazie a tutti

Tanta granella colorata a tutti

Ciambellina

 

Condivisione turno del 6 maggio 2012


Claun: Ciambellina
Compagni d’avventura: Pennino e per la prima volta da vecchierelli anziani: Fustino e Briso
Reparto : Oncologia pediatrica


“Esiste un solo vero lusso,
ed è quello dei rapporti umani.”

Antoine de Saint-Exupéry


Non so bene cosa scrivere in questa condivisione perché molto è stato detto dai miei compagni d’avventura! Ho dimenticato i nomi dei bambini, ho dimenticato l’ordine in cui gli abbiamo salutati ma non ho dimenticato nulla di ciò che mi hanno fatto provare e sentire. Alcune volte provo ad immaginare la mia vita prima del 2007 (quando è nata Ciambellina) ma non riesco a ricordarla..cioè fa così tanto parte di me che non so come non possa essere già esistita dal 1985! Vabbè una piccola regressione! Tornando al turno vorrei dire che ero arrivata un pochino “persa nei miei pensieri” però vedere Pennino ( che era lì dalle 14.00-grazie,grazie,grazie)mi ha molto rallegrato! Non capitava un turno insieme da questa estate e mi mancava! Salto molte parti però vorrei condividere con voi l’entrata di tutti e 4 in una stanza salutando stile regina Elisabetta e tutta la cerimonia che abbiamo fatto per far sposare Briso o Fustino con  la principessa! I parenti ci facevano i filmati, le foto…madòòòò come eravamo diventati famosi. Mi è piaciuta l’infermiera di turno perché era curiosa di capire cosa facevamo , era disponibile e ci sorrideva sempre. Mi è piaciuta la bimba che vedeva la tv e sembrava non ci calcolasse proprio. E invece ci siamo sorpresi quando ci distribuiva caccole e pastina a profusione..e noi eravamo felici, felici di ricevere caccole. Ecco.. “ricevere caccole”…mi piace questa cosa perché è la metafora di quello che facciamo quando andiamo in reparto: ci prendiamo tutte le cose negative e brutte che i bambini ci vogliono dare, le mangiamo, le mastichiamo un po e poi le restituiamo! Certe volte riusciamo a trasformare le caccole in caramelle multicolor, certe volte invece restono caccole ..però almeno uno scambio c’è stato, un movimento l’abbiamo creato! Mi ricordo della bambina e mamma macedone..che macedonia di gesti,suoni e magie abbiamo fatto per comunicare! Alla fine ha riso ma quanto è difficile comunicare? Lo è quando si parla la stessa lingua, lo è quando la lingua è diversa, lo è quando chi parla non viene ascoltato o quando chi ascolta non può parlare mai! Mi ricordo l’orchestra umana fatta per augurare buon compleanno ad una ragazza! La mamma si divertiva più della bambina e voleva a tutti i costi che ripetessi il mio strumento venuto dai monti lontaniiiiiiiii.. a gola! Ricordo anche la mia felicità mista ad un pizzico di delusione per non aver trovato il tenerissimo Stefano, ricordo quanto mi sono sentita triste nel vedere solo la nuca di un bambino che mangiava mentre noi cercavamo di fare qualcosa per lui. Ricordo le parole difficili che facevano tanto ridere di Pennino e Fustino, ricordo le ricette al calzino di Briso ( che diventano sempre più buone!) . Scusate non posso scrivere ancora c’è nebbia a  casa mia ihihihih scherzo ho la congiuntivite e non vedo niente ma sono dettagli!
Claunini io vi voglio bene!
Grazie Pennino, per fare sempre del bene in silenzio, senza mostrarlo o ostentarlo a nessuno!Chi ti osserva però si accorge quanta passione ci metti!
Grazie Fustino, camminarti accanto è facile e bellissimo sia in corsia come nella vita!
Grazie Briso, ogni volta che “camminiamo insieme”in tutte le varie circostanze è come se facessi un perenne gioco di fiducia: chiudo gli occhi e mi butto indietro, sono serena e mi abbandono..e tu ci sei e non mi fai mai cadere!

 

Ciambellina

 


 

 


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/piccolamari/trackback.php?msg=11356286

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 


 

lentamente muore...

chi diventa schiavo dell'abitudine,

ripetendo ogni  giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
  chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
  chi non parla a chi non conosce.
  Muore lentamente chi evita una passione,
  chi preferisce il nero su bianco
  e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
  proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che
  fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.
  Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
  chi e' infelice sul lavoro,
  chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,
   chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
consigli sensati.
  Lentamente muore chi non viaggia,
  chi non legge,
  chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.
  Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia
  aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o
  della pioggia incessante.
  Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
  chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non
  risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
  Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere
  vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto
  di respirare.
  Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
  splendida felicità.

Anonimo

VIA LE MANI DAGLI OCCHI

 

 

 
 
 
 
 
 
 

SU QUESTA PANCHINA

 
 
 
 
 
 
 

UN NASO ROSSO NELLA MIA VITA

 

<<"Buffo" originariamente significava (in molte lingue diverse) buono, felice, benedetto, fortunato, gentile e portatore di gioia. Indossare un naso rosso ovunque io vada ha cambiato la mia vita>>

 

  

IL NASO TUTTO ROSSO

Questa è la storia
di un naso tutto rosso,
che se te lo mettevi
ridevi
a più non posso.

Un giorno se lo mise
il re della foresta
e tutti gli
animali
gli fecero una festa.

Un giorno in una scuola
lo mise il
direttore,
quel giorno la merenda
durò per quattro ore.

Un giorno in
una guerra
lo mise il capitano
e tutti i combattenti
si strinsero la
mano,

suonando la trombetta,
puntarono il cannone
sparando su nel
cielo
le bolle di sapone.

Alzate le mani chi
ancora non l'ha messo,
prendete un pennarello
e fatevelo adesso.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

NATA SOTTO IL SEGNO DEI GEMELLI...


Gemelli: “Il tuo amore per le favole mi affascina,perciò prima di uscire semina un po’ di briciole come Pollicino. saremo sicuri che ritroverai la strada di casa .Il Gemelli non è un superficiale: è versatile, curioso e sa come adattarsi.

 

 

 
 
 
 
 
 
 

IO & PONGA

 


 

Grazie Ponga...

Ecco arriva Ciambellina,

una claun stupidina!

Ecco, ecco Ciambellina

che ha 10 uomini in cantina!

Quanti guai che combina,

ma che vuoi far, è una cretina!

Ecco arrivaper fortuna

chi placherà la sua paura...

mica un uomo, che hai capito?

ma Ponga e il suo sorrso,

grandi amiche col nasone,

cercan sempre l'occasione

per star in compagnia

e non perder la via che

a al futuro porterà

e sempre insieme le vedrà!


  
 
 
 
 
 
 
 

VITA




 immagine     ImageChef.com - Custom comment codes for MySpace, Hi5, Friendster and more


 
 
 
 
 
 
 

Che cosa vuol dire addomesticare?"
" E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami…"
" Creare dei legami?"
" Certo", disse la volpe. " Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma.se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo."
" Comincio a capire", disse il piccolo principe. " C'è un fiore…. Credo che mi abbia addomesticato…"
"E' possibile", disse la volpe "capita di tutto sulla terra…"


"Addio", disse.
"Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi".
" L'essenziale è invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.
" E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".
"E' il tempo che ho perduto per la mia rosa…" sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.
" Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare.
Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa…"
" Io sono responsabile della mia rosa…." Ripetè il piccolo principe per ricordarselo

.

 
 
 
 
 
 
 

LA MIA DOLCE FAMIGLIA

La persona più importante della mia vita: il mio fratellino

  Free Image Hosting at www.ImageShack.us ImageChef.com - Custom comment codes for MySpace, Hi5, Friendster and more

 

 
 
 
 
 
 
 

dalla MIA MAJOLIEFOLIE E/O PONGA
Psicomari - Nuvola Azzurraperchè è una mia carissima amica, perchè nel suo blog trasmette tutta la dolcezza e l'amore di cui è capace, perchè...è la mia "C"! e le voglio un sacco di bene!!

DA BIBONA
 
con il suo blog nuvola azzurra... perchè è un blog speciale, ricco di amore puro e per quello che fa per i bambini con tutto il suo cuore.
DA SYBEL
DA BABI GOLIGHTLY

Psicomari perchè è una persona davvero speciale e fa tanto bene agli altri

 

premio dolcezza da: worldsmile!

 
 
 
 
 
 
 

PREMIO DIECI & LODE


GRAZIE DI CUORE

 Dalla tenera tenerissima Gabry

nuvola azzurra :Per l'impegno  la  solidarietà  che professa volontariamente  ai piccoli malati e la sua genuina dolcezza

Dalla dolce Elisabetta

psicomari :perchè è una gioia immensa il suo blog, perchè con la sua granella colorata regala tanta tanta felicità!!!
dalla piccola Faby
PSICOMARI perchè è una persona davvero speciale che sa cosa vuol dire amare...perchè fa un lavoro nobile, per cui ci vuole tanta sensibilità e pazienza...e poi perchè è la nostra Ciambellina preferita!!!
da tometwo
PSICOMARI
perchè riesce a fare mille cose,per l'entusiasmo che trasmette anche solo con il suo blog(non oso immaginare dal vivo),perchè è stata molto gentile e disponibile quando ne ho avuto bisogno,perchè credo nel valore dei sorrisi specie in alcune circostanze,
perchè voglio credere anche io in un mondo migliore e psicomari cerca(per quanto leggo,ovvio)di mettere in pratica tutto quello in cui io credo fermamente.

Ecco quindi il mio premio è davvero oltre che un segno di profonda stima ,anche un megaaugurio perchè possa continuare così....un premio che assegno a lei e a tutti i suoi clownamici,perchè è bellissimo quello che fate"
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pego.laurafrancesconumitonepsicomaririrein1948diogene51felpo1frency_49_2016Raz_Veganbrucewill30mare_vent0caldo0o.40bepaapranzfilippomodica60lo.stracciacuoriAlfa_Beta416161
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova