Blog
Un blog creato da piumedoca il 22/10/2008

un nodo alla gola

un nodo alla gola una stretta al cuore, un desiderio profondo di dirti tutto senza parole, un solo pensiero di gioia e di amore...una pazza voglia di tè in fondo al cuore."

 
 

 

A Lei mio unico amore

Post n°92 pubblicato il 22 Novembre 2014 da piumedoca

Ti amo perché.

 

Amo il tuo sguardo,

i tuoi baci,

le tue carezze,

la tua voce,

viverti accanto,

la tua tenerezza,

la tua passione,

sai accarezzare la mia anima,

 il mio spirito,

il mio corpo.

Nelle notti buie,

accanto a me,

confondi il tuo respiro col mio,

 

Ti amo perché.

 

Ho bisogno di te,

mi rendi felice,

mi ascolti,

sei nei miei sogni,

la tua vita è ormai la mia,

con te o sempre voglia di volare,

con te ho ritrovato l'amore perduto,

hai saputo togliere il vuoto che era in me.

 

                                                  Andrea

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

E se fosse vero?

Post n°91 pubblicato il 21 Maggio 2014 da piumedoca

L'amore fra due donne é qualcosa di speciale, é: impetuoso come mare in tempesta, é forte come il volo di un gabbiano, é tenero come  il sorriso di un cucciolo d'uomo, é... favoloso... tenero... esagerato... adorabile... originale... unico; l'amore é assordante come il silenzio fra due amanti dopo la lite, é soave come una preghiera. Fra   noi la prima volta fu impetuoso, forte, semplice, dolce, fu un tenero sfiorarsi di labbra, fu avvolgente come un respiro. 

Ecco ci risiamo la mia mente lo capisce ma il mio corpo si rifiuta di capire, si rifiuta di dimenticare si rifiuta di smettere di amare. E ritorna indietro a quell'ultima sera. 

<La stanza é al buio, io guardo la pioggia che batte sul vetro, mi giro Lei é là sul letto di questo mostro di ospedale che non riesce a guarirla «Andrea!» La sua voce mi arriva ovattata, sopraffatta dal ticchettio della pioggia, o chissà forse dalle lacrime che mi solcano il viso «si, cucciola» "Lei mormorava dolcemente  parole che non volevo capire il suo pensiero era per me." Il suo viso é leggermente girato verso di me, mi fissa, capisco, vuole dirmi addio.>

Da quando lei é morta mi sento emotivamente vuota, allora mi torna alla mente mio padre che con i suoi baci asciugava le mie lacrime, leniva il mio dolore, addolciva le mie ansie. 

Esiste il sesso delle stelle? Si. Spero proprio di si. Spesso volgendo lo sguardo al cielo vedo due stelle che amorevolmente guardano verso di me, sono loro, mio padre e la mia cucciola, loro mi dicevano spesso che mi sarebbero rimasti accanto.

 

Nelle notti insonne rileggo l'ultima lettera di mio padre.

Mia cara Andrea, figlia mia adorata, spesso mi chiedo che donna diventerai, che vita avrai, chi amerai, come e quando darai una svolta alla tua vita, ma, qualunque strada intraprenderai, so che sarai sempre te stessa e non avrai nessuna remora a dichiarare al mondo la tua omosessualità. Il tuo sguardo sempre curioso e indagatore, mai illusa e superficiale, sempre conscia della tua forza quella forza che ti permetterà di riempire a tuo piacimento la tela della tua vita. Io ho un sogno si un sogno, mio piccolo scricciolo, che tu un giorno possa trovare l'amore della tua vita, trovare la donna che fiera di amarti dica ai suoi amici «questa é la donna che vedrà la mia vecchiaia, questa é la donna che io amo». Ho passeggiato a lungo sul lungo Senna, ho aspettato il calare del sole e in quel momento ho rivissuto il mio primo incontro con tua madre, poi ho deciso di scriverti. Non posso riprendermi il tempo che non ti ho dedicato ma, mia dolce cucciola, posso dirti:  grazie per aver condiviso parte della tua vita con me. Quante volte, mettendoti a letto, ho annusato il tuo odore e pronunciavo la solita frase domani parto per... ed ero a casa da appena cinque giorni. 

                                                                                               Papà

 

Grazie papà nella mia vita ci sarai sempre.

 

Caro papà, sei morto davvero o danzi solo nella notte? Io vivo nel tuo ricordo. E' passato così tanto tempo. Vivo male, ma vedi, vivo ancora. Forse domani, forse dopo ma di sicuro un giorno ci rincontreremo. Tu lassù sei di certo un angelo e allora, se hai dei poteri, proteggimi stanotte

Spesso le persone a noi più care si trovano più vicine di quanto possiamo immaginare. Ormai non mi rimane più  niente e nessuno. Non ho paura di morire, la morte non mi fa paura si e presa le persone a me più care adesso che sto per raggiungerli mi dolgo solo di non avervi incontrato prima mie dolci amiche  voi che avete reso i miei ultimi giorni sopportabili, sereni, felici. 

 

 

Ormai sono solo un fantasma, uno zombi  senza anima, l'HIV ti uccide prima della fine dei tuoi giorni, ti fa morire nella mente della gente, spero, non nel cuore dei tuoi cari.

 

Un pensiero per voi amiche mie.

Vi ringrazio di cuore per l'affetto che mi avete dimostrato, vi ringrazio per avermi concesso la vostra amicizia, vi ringrazio per la vostra pazienza nel sopportare le mie paranoie. Prendimi per mano destino, aiutami a raggiungere colei che fu la mia rinascita, la mia salvezza, la mia vita. Traghettami verso la speranza di una nuova, più serena esistenza.

Grazia.....sono stanca!

Fato, metti fine al mio dolore e tu amica mia suona il tuo sax, sarà dolce lasciare questa vita accompagnata dal "potente" suono del tuo favoloso strumento. Tu, che mi hai insegnato ad amare perché non mi hai insegnato anche a vivere senza di Lei? Voi, cari genitori della mia cucciola, voi che avete messo al mondo la donna che ha fatto parte della mia vita, adesso che non é più avete voluto che io facessi parte della vostra.

Fo... mio piccolo grande uomo.

Quelle come me non sono capaci di dare amore ad un uomo ma con te è stato diverso, in te ho saputo riconoscere l'amico, tu sei stato comprensivo con i miei difetti e non ti sei mai fatto scrupolo di dichiarare al mondo il tuo amore per una lesbica. Tu ti porti dentro la bellezza di un animo gentile.

Quelle come me non si fanno scrupoli nel produrre dolore spero con tutto il cuore di non avertene procurato.

Quelle come me cavalcano l'inquietudine, vivono in uno stato perenne di precarietà, spesso sognano, di rado hanno nobili ideali. Quelle come me hanno bisogno dell'amore di una donna per scaldarsi il cuore.

Maria.....

Come un raggio di sole sei entrata nel mio cuore gelato dalla scomparsa della mia cucciola, come goccia che si tuffa nell'oceano tu ti sei tuffata nel mio dolore, tu lo hai capito e lo hai fatto tuo, spero che un giorno un raggio ci sole entri nella tua vita e ti renda felice.

Quelle come me, per non morire, cercano nelle pagine di un libro, in una poesia o in una canzone di nascondere l'atavica solitudine.

Bruna, per te tre dolci parole.....TI AMERÒ SEMPRE.

 

Un'ultimo pensiero per la mia compagna.

Quando le nostre labbra si sono incontrate una sana follia ha invaso i nostri corpi, le nostre menti poi la morte ci ha divise ma l'amore ci unirà per sempre. 

La mia cucciola amava la  vita.... Lei amava Andrea. Io amavo Lei. Dopo qualche settimana che  ci frequentavamo mi chiese: 

«credi nelle vite precedenti?» 

«no» risposi, 

«perché» disse, 

«perché sto cercando di vivere al meglio questa» ribattei. Mi guardò dritto negli occhi e mi disse....

«voglio viverla con te» 

 

Le mie figlie? 

Adesso riusciamo a guardarci negli occhi e non leggiamo più dolore e strazio ma amore e consapevolezza che non ci lasceremo mai.

                                                                                        Andrea

 

 

 

 
 
 

Le mie figlie

Post n°90 pubblicato il 28 Aprile 2014 da piumedoca

Le loro risa? Un volo di gabbiani dalle grandi ali, in un giorno di mare in tempesta. Io? Io che ho visto il passato e conosco il mio futuro, sto in disparte e guardo la loro felicità.

 
 
 

...loro...due angeli....

Post n°89 pubblicato il 01 Giugno 2011 da piumedoca
Foto di piumedoca

... angeli

... Sara, Debora. 
Il piacere di avervi partorito,
l'amore che mi avete dato.
Mai abbastanza ringrazierò
il fato per avermi fatto gioire
del vostro arrivo.
Tristezza va via
perché del piacere
della loro esistenza io mi rallegro.
Voi siete il mio sole
voi siete la brezza che
fa' sventolate
i miei pensieri
voi siete lo scrigno
dei miei segreti.

 
 
 

Lettera aperta ad un caro amico........

Post n°85 pubblicato il 10 Settembre 2010 da piumedoca
Foto di piumedoca

  Ciao Fo, ci conosciamo da qualche mese, ma solo ora ho avuto il coraggio di scrivere una lettera che ho dentro dal primo momento che ti ho conosciuto. Il contenuto tu dovresti conoscerlo già ma adesso l’ho voluto mettere nero su bianco per far conoscere a tutti quello che tu ed io condividiamo da qualche mese. Né ha avuto importanza per me se tu eri giovane o vecchio se eri bello o brutto se eri etero o omosessuale, per me tu sei stato sempre TU. Quando ho avuto bisogno di te, tu per me eri sempre e comunque l’uomo al quale chiedere e prendevo senza mai dare. Ti donavi senza chiedere nulla in cambio, si, senza nulla pretendere ma pronto a dare tutto l’amore che avevi dentro. Da quando ho fatto una scelta, dolorosa per la mia famiglia ma giusta per me e che io considero radicale, ho avuto spesso bisogno di rapportarmi con persone come te per raffrontare la mia omosessualità con la loro “normalità”. Adesso che conosco te, mio caro amico, sono molto serena, anche se uscivo da una dolorosa esperienza tu, “amore mio” hai saputo farmi capire che la vita continua e ogni volta, non solo mi hai incoraggiato ad approfondire questa verità, ma ne hai condiviso fino in fondo le sofferenze e le sfide, dandomi ogni volta più fiducia sul fatto di non essere considerata una donna normale ma una lesbica. È grazie alla tua presenza che - se mi lamentavo della mia solitudine - sono riuscita a risollevarmi e ho capito che non dovevo lamentarmi più perché era una mancanza di fiducia nella bellezza della vita. Ho avuto bisogno di te nei momenti più difficili: ricordi il giorno in cui ti dissi che volevo raggiungere la mia dolce Cucciola, che non riuscivo a vivere più senza di Lei, e che c’eri solo tu con cui potevo confrontarmi sulla tristezza della solitudine? O quando piangendo, ti dissi che non avrei mai potuto amarti? Fosti tu a riscaldarmi l’animo con la tua dolcezza e con il cuore in mano mi dichiarasti il tuo infinito amore senza secondi fini. Quante volte sono venuta da te la notte su Facebook, perché avevo urgente bisogno di parlarti, di essere coccolata, di ricevere un piccolo incoraggiamento. Anche se a volte ero dura con te, tu mi hai fatto capire che mi saresti stato vicino nonostante il mio egoismo, la mia cattiveria. Poi ho capito che anche se non ci saremmo mai incontrati fisicamente, i nostri cuori erano già legati da un amore forte e indivisibile. Gli incontri notturni sono stati «il nostro appuntamento». Dal momento dei nostri incontri notturni si è installata fra noi una partecipazione non verbale, fatta di attesa, che ha riempito non solo gli spazi fra gli appuntamenti, ma anche la distanza che ci separava. Tu c’eri sempre mentre io a volte disertavo questi appuntamenti e sempre il tuo cuore riusciva a perdonare questi miei momenti di follia. Quando non riuscivi ad avere mie notizie, non ti arrendevi e mi scrivevi sicuro che alla fine ti avrei letto, perché sapevi che ci sarei stata.Io voglio condividere con te la tua dimensione verticale, ma tu devi condividere con me la mia dimensione orizzontale. Se sapremo completarci nelle due dimensioni allora avremo entrambi la possibilità di vivere la purezza del nostro amore.Grazie Fortunato di essere mio amico, mio solo amore

 
 
 
Successivi »
 
 

LA TUA E LA MIA MORTE

16 novembre 1975

21 gennaio 2008

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

luckybelltowerpiumedocanapoleone.lolliAnta_Rexvedova0amolavitasempre1marinaioinacquadolceciromario48ondadgl5chiavedifalcacremalubopoesitazioneadb964
 

ULTIMI COMMENTI

ciao il tasto esplora mi ha condotto a te..ho letto tanto...
Inviato da: ciromario48
il 25/04/2016 alle 00:41
 
:-) Un sorriso senza tempo
Inviato da: lubopo
il 02/03/2016 alle 11:25
 
Stupenda dichiarazione d'amore..vivila!
Inviato da: universo_2009
il 10/10/2015 alle 13:44
 
Bellissima..prendi quello che vuoi non devi chiedere nulla..
Inviato da: ondadgl5
il 02/10/2015 alle 10:32
 
Lascio una piuma sul tuo cuore...e un sorriso sul tuo...
Inviato da: ablli
il 31/03/2014 alle 20:05
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom