Stultifera Navis

Non sono ubriaco, ma diversamente sobrio

 


Vado alla ricerca della felicità naturale e possibile
sapendo che la felicità non è una meta,
ma un modo di viaggiare

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

Non l’avrei mai detto
Inviato da: surfinia60
il 18/11/2021 alle 06:50
 
A quello invece ci penso spesso ed anche nei momenti calmi,...
Inviato da: hieronimusb
il 18/11/2021 alle 06:17
 
Ognuno di noi ha un bel po' di disavventure da...
Inviato da: surfinia60
il 17/11/2021 alle 19:14
 
Immagino :)
Inviato da: hieronimusb
il 15/11/2021 alle 20:49
 
pensa, è successa una cosa simile anche ad un amico mio :))
Inviato da: io_finalmente
il 14/11/2021 alle 22:42
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZA

I testi contenuti in questo blog, salvo dove specificatamente indicato, appartengono al sottoscritto.
Non valgono una sega, ma se qualcuno volesse copiarli da un'altra parte mi farebbe piacere saperlo.

Grazie

 

 

Di abbigliamenti vari

Post n°582 pubblicato il 18 Novembre 2021 da hieronimusb

Credo che la vera vergogna, nel nostro paese, sia che persone come Pillon, come la Cunial ed altri siano parlamentari, non che un'artista si vesta come crede per fare il suo spettacolo, con ogni probabilità Pillon si sarebbe scandalizzato anche per i vesiti di Renato Zero o di Peter Gabriel, per fortuna negli anni 70 la mentalità della gente e dei politici era un po' più aperta di quella odierna.
Personalmente non sono un estimatore dei Maneskin, ma solo perchè, musicalmente, sono rimasto ancorato ai miei vecchi miti, ultimamente ho rispolverato gli Emerson, Lake  & Palmer che mi regalano ancora le stesse emozioni di quando ero un ragazzino.
E' più un'operazione nostalgia che una scelta artistica, però vedo che questo gruppo rock piace, è ai vertici mondiali, ogni giorno ottiene un risultato che porta il nostro paese alla ribalta in positivo e questo dovrebbe renderci tutti orgogliosi.
Un artista, per essere tale, deve essere sopra le righe, l'arte è fatta spesso di stupore, di meraviglia, di emozione, che poi i Maneskin, usino la loro popolarità per veicolare messaggi relativi ai diritti umani di alcune categorie di persone è quanto fanno da sempre gli artisti.
Mi sono fatto una risata quando ho letto che l'ineffabile senatore leghista protestava perchè un gruppo che cantasse delle radici cristiane dell'Europa o della difesa della vita senza se e senza ma non avrebbe la stessa audience.
Vorrei ricordare che, storicamnte, l'Europa NON HA radici crisiane e non solo perchè ci siamo scannati per venti secoli, ma perchè la prima vera Unione di tutti quei popoli che oggi abitano nell'area Europea risale ai romani che erano pagan.
Tra l'altro l'impero romano pagano è durato 1000 anni, quando sono diventati cristiani si sono subito divisi, poi uno è crollato immediatamente, (quello dove c'era il papa) e l'altro è stao distrutto 700 anni dopo dai crociati, (che erano cristiani), non propriamente un buon biglietto da visita.
Chiudendo la parentesi, vorrei ricordare al senatore con il paPillon, che le ideologie non hanno mai prodotto emozioni, gli ideali invece si, gli ideali sono sprone, sono emozione, sono pensiero, sono forza, le ideologie sono esattamente la morte di tutte queste cose, se il mondo non lo segue si faccia delle domande e si dia delle risposte.

 
 
 

Ci vuole pazienza

Post n°581 pubblicato il 12 Novembre 2021 da hieronimusb

Uno torna a casa per rilassarsi:
Appena imbocca l'autostrada si trova un muro di camion, anzi tre muri che occupano le tre carreggiate più a destra, tutti fermi perchè? Boh!
Ultimamente le autostrade sono sempre collassate e, a mio parere, il numero di camion è aumentato esponenzialmente tanto che quando i no green pass volevano bloccare il traffico con i Tir nessuno se ne è accorto perchè lo bloccano già normalmente
Accendo Isoradio per capire cosa sta succedendo e qui vorrei spezzare una lancia per Isoradio, FM103.3...
Vorrei spezzrae una lancia in testa a quelli che la dirigono e la conducono, perchè mentre viaggi hai bisogno di sapere le notizie, non che ad un minuto di informazione poi ti devi sorbire quattro minuti di musica che stimola solo alcuni istinti fisiologici, (che è un eufemismo per dire musica che fa fare la cacca).
Dopo aver ascoltato tre canzoni, dopo essermi chiarito ben bene la situazione intorno a Milano, (anche lì non ho mai capito, ti dicono che c'è un rallentamento sulla Paullese perchè il micio della Sciura Gina ha attraversato la strada, ma per il resto della penisola dedicano tre minuti se va bene), comunque apprendo che ci sono sei km di coda per incidente, ne farò 10, ma pazienza.
Arrivo a casa e scopro che non mi hanno svuotato il bidoncino dell'indifferenziato.
Devo metterlo fuori, ma non lasciarlo in strada pena una multa.
Ma se io parto al mercoledì mattina e torno al Giovedì sera che devo fare?
Pensavo di aver trovato una soluzione, lo lascio in una rientranza del cancelletto, è fuori di casa, ma non è in strada.
Alè, altro attacco di nervoso!!!!
Ma non è finita, nella buca ci sono due fatture della TIM, una che ho già pagato e questo è solo il cartaceo.
L'altra è una fattura per la rata di un modem che ho restituito due anni fa, ma che pare impossibile farlo capire a quelli che lavorano per il colosso della telefonia.
Per farmi stornare le rate vecchie ho dovuto sputare sangue, mi viene male a pensare di dovermi di nuovo scontrare con quel muro di gomma.
Insomma, sono venuto a casa per rilassarmi e adesso sono così carico di nervoso chese metto due dita nella presa illumino tutta Montiano.
Se sentite vento, ovunque siate, sono i miei maroni che girano vorticosamente.

 
 
 

Ancora nel 2021

Post n°580 pubblicato il 11 Novembre 2021 da hieronimusb

Anche Giuseppe dovette fuggire dalla sua terra portando con se sua moglie Maria e suo figlio Gesù.
Vedere il modo in cui le "radici cristiane" dell'Europa  e la "cattolica" Polonia reagiscono alla massa di disperati che preme ai suoi confini fa abbastanza male.
E' chiaro che è un attacco, uno dei tanti che Putin sta portando all'Europa, ma quelle persone non sono nemici, nè complici del dittatore russo,.
Sono soltanto vittime, povea gente che chiede un posto in cui crescere i propri figli e se l'Europa vuole davvero essere grande, se l'Europa vuole davvero essere unità deve mettere in atto tutta la misericordia di cui è capace.
Altrimenti Putin avrà vinto perchè sarà riuscito a spezzare quella solidarietà che ci illudiamo di avere.

 
 
 

NOI

Post n°579 pubblicato il 07 Novembre 2021 da hieronimusb

Mi passano sotto gli occhi le immagini dei soliti cortei no Pass, no vax, no tutt.
Una sparuta minoranza guidata da personaggi sempre più improbabili, il portuale che pretende di parlare con i capi di stato, (per dire cosa poi?) , l'infermiera che si paragona ad una deportata, i fascisti di ieri, oggi e domani...
Persone vuote, senza dignità a cui si continua a dare troppa visibilità, per il semplice concetto che fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce...
Ma NOI che invece, in silenzio, lavoriamo, facciamo la nostra parte, noi che ci siamo vaccinati non per paura, ma per RESPONSABILITA' noi che. mandiamo avanti questo paese, ci considera qualcuno?
Noi che siamo davvero importanti, molto più di quei quattro fanatici , dovremo sempre tacere e soccombere davanti a quelli che dell'elusione delle regole fanno un punto d'orgoglio convinti di avere una marcia in più nei confronti degli onesti.?
Assolutamente no!
NOI, e permettemi questa nota di orgoglio, per cui metto il NOI in maiuscolo, abbiamo una marcia in più, perchè oltre al piano materiale ci muoviamo anche su un piano spirituale.
NOI conosciamo le regole, saremmo in grado di aggirarle, perchè non siamo più stupidi degli altri, anzi, forse siamo anche più intelliegenti perchè sappiamo guardare lontano, eppure abbiamo deciso di attenerci a queste regole, consapevoli che sono alla base della convivenza civile.
NOI facciamo un punto del nostro onore l'essere onesti, perchè dentro di noi conosciamo ciò che è giusto ed è sbagliato e siamo consapevoli di essere, per NOI stessi, i giudici più severi.
NOI non ci facciamo intimorire, talvolta ci sentiamo sfiduciati e sconfitti, ma dentro di noi, sono sicuro, brilla la luce di quello sguardo, di quegli occhi che hanno l'immensa saggezza di dire, ho accettato la mia sorte, ho giocato le mie carte, non sono stato nè
sconfitto, nè ho perduto, soprattutto non ho barato.
In tutto e per tutto, nel bene e nel male, nei successi e nei fallimenti NOI giochiamo la nostra partita seguendo le regole, senza bluffare, senza truffare
Agli occhi di una società che vede il benessere materiale come il
punto d'arrivo, dove l'aspirante presidente della Repubblica  è convinto di essere un grande perchè ha fatto i danè, vantandosi anche di averli fatti in modo non propriamente regolare, NOI siamo forse degli alieni, eppure NOI siamo già un passo più avanti, perchè consapevoli della nostra forza e della nostra integrità.
Noi siamo i veri eroi, perchè conosciamo il valore delle cose, e sappiamo, senza ombra di dubbio di essere le colonne, i pilastri in cemento armato.
Nascosti forse, ma indispensabili.
Senza di noi, questa società sarebbe già finita.
Cerchiamo di esserne consapevoli ed orgogliosi.

 
 
 

Restituitemi alla terra

Post n°578 pubblicato il 02 Novembre 2021 da hieronimusb

Restituitemi alla terra
quando arriverà la mia sera
restituitemi alla terra
non lasciatemi in una costruzione di uomini
non pensate all'integrita del mio corpo
perchè non sarò più quella figura esanime
non accendete luci sul mio corpo
per allontanare la notte,
ma lasciate che mi copra
premurosa con il suo manto di stelle
Restituitemi alla terra
perchè mi possa fondere in essa
e ritornare finalmente alla madre
percorrendo per diverse vie
le strade del mondo
La madre genera e divora i suoi figli
nel cerchio eterno della vita
tutto si scioglie e tutto si lega
in questa ruota che gira e gira e gira
Restituitemi alla terra dunque
e dimenticatevi di come ero
mi riconoscerete
nel soffio delicato del vento
che vi accarezza il viso
nella pioggia che porta la vita
nella neve che cade silenziosa

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: hieronimusb
Data di creazione: 10/12/2008
 

UANDEO (E SE) MORIRÒ

Quando , (e se), un giorno morirò
non voglio un prete che mi parli di un dio in cui non credo
o di paradisi che non mi interessano,
di inferni che non ho meritato
e se un purgatoriò ci deve essere
non sarà diverso dal mondo in cui ho vissuto

quando , (e se), un giorno morirò,
non voglio tombe costruite come casa
nè che si estirpino  fiori
se il senso della vita deve essere
nel tornare da dove son venuto
sarà l'utero della terra la mia ultima casa

Quando, (e se) morirò
sarà perchè ho vissuto
in un lungo istante senza tempo
raccolto come seme che diventa albero e poi frutto
come il fiume che corre e corre per tornare al mare
senza pensare neppure un momento
che questa vita possa finire

Se e quando morirò,
sarà perchè ho cercato nell'ultimo viaggio
la chiave segreta del tutto

 Alex