**TEST**

1 destino

il mio

Creato da vhagos il 10/01/2007

IL PIU BEL 10 E LODE

Un premio di dieci e lode perchè sei: Mosaico sfaccettato di pensieri e percorsi umani, fratello fedele e leale, estimatore delle pennellate incorniciate, restauratore e costruttore di torri e pilastri, voce rossa sensibile e valorosa, volto istrionico di sentimenti sinceri, giostra di colori ed emozioni
Principessapersiana

 

Contatta l'autore

Nickname: vhagos
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 51
Prov: RM
 

Lo stato è laico

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

sols.kjaerbagninosalinaroninokenya1andrea.massaro1967vhagostrampolinotonantestrong_passionbenedetta.dilisageocollovaRuNaWaYbRyDecobo7elio.tagliaferriverlaine3drhause78titti.rl
 
 

il bacio di un amica

immagine

Ai tuoi meravigliosi pensieri disarticolati……

Alla tua intensità nel dire le cose……..

All’amore, grande………immutato che ancora ti nutre,

ma che ti spezza in due dal dolore…

 

 

fu locomotiva

Post n°251 pubblicato il 29 Luglio 2009 da vhagos

E' da un pò che non scrivo su questo blog... il motivo forse è che sono un pò stanco.
Ci sarebbe così tanto da dire, da riflettere, da discutere... ma a volte mi chiedo: a che serve? possono le mie riflessioni contribuire a cambiare le cose? a volte credo proprio di no.
Consapevole che la nostra civiltà è ormai alla "frutta", che il declino a livello mondiale è iniziato da tempo, non possiamo fare a meno che assistere alla nave che affonda...
La nostra civiltà che anno dopo anno è diventata sempre più complessa sta per collassare sotto il peso dei mancati benefici (economici ma non solo) che la complessità stessa gli dava fino a pochi anni fa; insomma stiamo per fare la fine di tutte le altre civiltà della storia che si sono espanse fino ad un certo punto e poi sono implose, come l'impero romano. Naturalmente tutto ha origine dalla non "sostenibilità" di queste civiltà; dalla loro "crescita" come condizioni necessaria all'esistenza.
Ma mentre il mondo va a rotoli lentamente, ma inesorabilmente, l'Italia ha deciso di suicidarsi subito. Non riesco più a guardare le notizie che vengono dall'Italia. Mi deprimo; mi disgusto; e non vedo via di uscita. Come siamo caduti così in basso? come è possibile che il governo che guida l'Italia sia sostenuto dalla popolazione? capisco che non si vede alternativa valida all'orizzonte (anche se forse c'è ma semplicemente i media non gli danno voce, e quindi non esiste) ma esaltare il "Nano" no!
Possibile che non si vede il pericolo? l'Italia è ormai nelle mani di donne pronte a concedersi al "drago" ed uomini che per aggraziarselo sono pronti a strisciare come vermi. Gli italiani hanno dato il paese in mano a puttane e leccaculo.
Questo clima da "fine dell'impero" è asfissiante. Ma naturalmente questo è quello che in pochi vedono, sentono, percepiscono e si preoccupano; il resto degli italiani bela.
Non c'è un giorno che trovi una buona notizia; la lista delle leggi devastanti per il nostro futuro si susseguono ad un ritmo incredibile. Andiamo dalla nuova legge sulla caccia alla nuove centrali nucleari; dalla legge sulla "sicurezza" alla legge per imbavagliare internet; senza parlare delle leggi che dovrebbero "sostenere" il nostro futuro economico.
L'Italia è diventata fascista; e si vede nella superficialità dei discorsi, nell'egoismo che ci vede tutti contro tutti: il nord contro il sud, una regione contro l'altra, una provincia contro l'altra; possibilmente un comune contro l'altro o un quartiere contro l'alto.
Ci si è dimenticati dell'ABC della democrazia: è il popolo che sa cosa è meglio per se stesso (invece ora è il capo del governo che sa cosa è meglio per il popolo); i processi decisionali vanno sempre dal basso verso l'alto (e non dall'alto verso il basso).
E mentre in Europa si chiedono come tutto ciò sia possibile la credibilità del nostro Paese e degli italiani va a puttane (come il nano premier)
Sembra passato un secolo da quando si scendeva in milioni per le strade a contestare il potere... un'altra grande forza spiegava allora le sue ali, parole che dicevano "gli uomini sono tutti uguali"....

 

 
 
 

La faccia come il culo o come iva?

Post n°250 pubblicato il 22 Luglio 2009 da vhagos

Il Corriere della Sera fa rilevare a Iva Zanicchi, recentemente rieletta al Parlamento Europeo, il suo record di assenze durante la scorsa legislatura.
L'Aquila di Ligonchio, candidamente, risponde:

"Insomma, assenteista per modo di dire, avevo firmato un contratto per una fiction di otto puntate e i contratti si rispettano, l’ho detto che se mi avessero rieletto mi sarei impegnata."

Non senza aggiungere, in relazione al nuovo mandato, che ulteriori assenze saranno tuttavia inevitabili, giacché c'è un'altra fiction in corso di realizzazione che la vedrà tra i protagonisti:

"Diranno ancora che sono assenteista, ma io non sono andata alle sedute perché dovevo girare."
Ecco, ora immaginiamo che la Signora Rossi venga assunta da un'azienda qualsiasi con un contratto a tempo determinato di tre anni, e che dopo due anni e mezzo riceva una telefonata del genere:
-Pronto, è la Signora Rossi?
-Sono io, chi parla?
-Scusi, Signora Rossi, mi chiamo Bruschettoni...
-Bruschettoni, Bruschettoni... Mi spiace, ma non credo di conoscerla...
-Lo so, Signora, in effetti non ci conosciamo. Sarei il suo capoufficio alla "Palle & Palle S.p.A.": sa com'è, lei non si è mai presentata e quindi non abbiamo avuto il piacere di conoscerci...
-Ah, come no, la Palle & Palle! Piacere, Bruschettoni, che aria tira laggiù?
-Mah, insomma abbiamo visto tempi migliori, sa com'è, la crisi...
-Eggià, immagino, sono tempi duri, ci vuole pazienza. Ma bando alle ciance, aveva bisogno di qualcosa?
-Sì, Signora Rossi: guardi, non è che sia urgente, eh, ci mancherebbe, era più che altro una curiosità, ecco. Ma non vorrei disturbarla...
-Nessun problema, sono in pausa pranzo. Mi dica pure.
-Ecco, mi domandavo, scusi eh, ma come mai lei, pur essendo stata assunta e percependo regolarmente lo stipendio, non ha mai preso servizio? Mi spiace intromettermi, sa, ma dalla direzione continuano a chiedermelo, e in azienda le solite malelingue iniziano a darle dell'assenteista: così mi informavo, più che altro per lei...
-Be', insomma, andiamoci piano con le parole, sa?
-Ma io...
-Ma io un cazzo, guardi. Bel coraggio, avete: assenteista a me!
-Infatti...
-Ecco, infatti! Lo sa, dico, lo sa, che prima di essere assunta avevo appena firmato un contratto per girare la fiction "Un posto in culo alla luna"?
-Veramente non lo sapevo...
-Ecco, si informi allora, prima di diffamare la gente onesta che lavora dalla mattina alla sera!
-Sono mortificato...
-Ehhh, si fa presto a mortificarsi, non ci vuole niente! Ma io sono una persona seria, sa?
-Non ne dubito...
-Ci mancherebbe pure questo! E le persone serie i contratti li rispettano, cosa crede? Che avrei dovuto fare, me lo dica lei, mollare tutto e precipitarmi in azienda? E la fiction? E il contratto? E la mia credibilità? Lei non si rende conto, mi creda...
-No, no, mi rendo conto benissimo...
-E allora se si rende conto lo dica, a quelli della direzione, che la smettessero di dire cose inesatte sul conto della sottoscritta, ha capito? Assenteista io, ma guarda un po' te...
-Riferirò...
-Ecco, bravo, riferisca. E adesso la smetta di rompermi i coglioni, che mi sta andando il pranzo di traverso e tra un'ora devo cantare al Festival della Caponata, ha capito?
-Certo, ma...
-Niente ma. E' stato un piacere. Arrivederci!
-Scusi, Signora Rossi, un'ultima cosa...
-Uffa, che c'è ancora?
-Ecco, non per metterle pressione, ci mancherebbe, con tutti gli impegni che ha... ma ricorderà che tra sei mesi le scade il contratto, e in azienda, ecco, ci domandavamo se rinnovarlo oppure no...
-Guardi, io le posso dire questo: se me lo rinnovate potrà anche darsi che io venga a lavorare.
-Dice davvero?
-Certo.
-Signora Rossi, lei non sa che gioia mi dà! Corro a dirlo alla direzione, saranno felicissimi!
-A meno che non abbia altre fiction, s'intende.
-Questo è scontato, ci mancherebbe...
-Bene. Allora siamo intesi.
-Siamo intesi.
-E ricordi, io le ho semplicemente detto che vedrò di impegnarmi.
-...
-Però non le prometto niente, eh
Quanto mi sta sui coglioni st'aquila di Ligonchio!!!!
 
 
 

Quel nano è un fenomeno(però sono educato)

Post n°249 pubblicato il 10 Luglio 2009 da vhagos

Non sto scherzando.
Un Vertice Internazionale in Zona di Crisi, organizzato in maniera maniacale.
Il Cittadino Italiano ha visto 8 Grandi Leader comportarsi con la naturalezza di Vecchi Amici. Baci, Abbracci, Sketch, Battute, Aureole come Frisbee. Persino qualche importante decisione. Perfetto.

Via tutto, il Tornado Buono G8 ha scrostato via tutto il Marcio che si era formato attorno a Silvio Berlusconi: via le Mignotte, via la Corruzione, via le Menzogne al Popolo Italidiota, via gli Abusi di Potere e le Rasoiate all'Informazione timidamente dissidente, via le Ad Personam e le leggi Incostituzionali. Apoteosi. Noi ovviamente non ci facciamo impressionare, sappiamo cosa sta succedendo in Italia e tutte le Pacche sulle Spalle del mondo non ci distrarranno dall'obiettivo "Have a Nice Dem".

Chiuso il G8 2009 all'Aquila, insomma. Un paio di domande fluttuano però, se mi è permesso, nella mia mente, dopo aver visto le trionfali conferenze stampa di Papi. Ho ascoltato domande che nemmeno il Parroco alla Prima Comunione, ho sopportato complimenti istituzionali da Guinness dei Slinguati, ho tollerato risposte Mieloso-Giudaiche degne del Paese dei Farlocchi. Ma c'è un "Ma". Ma tutti i Giornalisti Internazionali che in questi giorni, in questi mesi, in questi anni hanno attaccato con forza e precisione il Premier, ad indiscutibile ragione, dov'erano? Dov'erano le Domande giuste al momento giusto, dove il coraggio della Carta Stampata inglese, francese, statunitense? Dov'era Repubblica, dove il "Gruppo Espresso", dove i grandi Professionisti Italiani, della Stampa, del Corsera, del Manifesto, dell'Unità? Quand'è, se non in questi momenti di dialogo e riflettori puntati, che le Grandi Realtà Democratiche devono autoanalizzarsi spulciarsi a vicenda eventuali anomalie allo Stato di Diritto, parlarne e provare a risolverle? Quando, se non ora? E' normale secondo voi concentrarsi sull'Africa (per l'amor di Dio, capitemi), e non chiedere con maestosa forza alla Cina di elevarsi democraticamente, rispettare i Diritti Umani, aprirsi al Pluralismo Politico ed Informativo?  E' normale   non condannare Corruzione e Paradisi Fiscali e Trasparenza a casa del Re Assoluto della Raccomandazione, del Ricatto (subito?), della Mazzetta, del Fondo Nero, delle Società Off-Shore, del Conflitto di Interessi (sì, non mi stufo, e allora?), della Legge Ad Personam per insabbiare tutto questo?
Sono sconcertato.

 
 
 

Prego,solo posti in piedi

Post n°248 pubblicato il 07 Luglio 2009 da vhagos

questo passo chissà dove andremo a finire. Seguendo una politica aziendale che segue il taglio dei costi, RyanAir ci ha abituato fino ad ora a prezzi dei biglietti decisamente ribassati o praticamente azzerati. Ma a che prezzo? Prima ci ha tolto il classico pasto a bordo, sostituendolo con degli spuntini a pagamento, un domani invece sono diverse le novità che potrebbero realizzarsi:

eliminazione totale del check-in classico, sostituito interamente da quello via internet in modo da levare di mezzo il personale di terra;

il bagno a bordo diverrà a pagamento pure quello;altrimenti ti metti il catetere

i bagagli ce li dovremo caricare da noi sull’aereo;c'è di buono che la suocera la carichi in stiva e te la togli dalle palle!!!

ma soprattutto, la novità di queste ultime ore, si potrà viaggiare stando praticamente in piedi (che culo!!!)Allacciati alla parete come poveri cristi dell'inquisizione spagnola.
Giuro che se per pagare meno devo volare stando in posizione eretta piuttosto volo Alitalia!! E' tutto dire.. funzionerebbe meglio una macchina del volo di Leonardo

 

 
 
 

L'8 per pochi,altro che per mille

Post n°247 pubblicato il 07 Luglio 2009 da vhagos

La pubblicità televisiva l’abbiamo vista continuamente: “Con l’8 per mille alla chiesa cattolica fai molto per molti”, e le suggestive immagini fanno pensare agli emarginati, agli ultimi, ai poveri.
Ma non è proprio così, leggendo il bilancio 2008 della Conferenza Episcopale Italiana (CEI).

Il fiume di denaro (un miliardo di euro nel 2008) che dallo stato italiano passa alla conferenza episcopale con il meccanismo discutibilissimo dell’8 per mille (ma ci sono anche altri modi con cui lo stato finanzia la chiesa, questo è solo uno dei tanti!) non va certo in maggioranza ai poveri e agli emarginati!
Solo il 20 per cento dell’enorme contributo va a opere di carità, il restante 80 per cento è assorbito dal mantenimento della costosissima chiesa cattolica italiana, sia per lo “stipendio” dei preti e personale, sia per strutture ed eventi.
Ad esempio ben 20 milioni di euro ( una cifra Vergognosa) va in campagne pubblicitarie e promozionali, come quella che vediamo per televisione. Sono dati di bilancio indicati dalla agenzia ADISTA nr 35086 (4 luglio 2009) e ripresi dal un articolo sul Manifesto (30 giugno 2009) unico giornale a riportarli, per quello che so.
E si sa bene che la chiesa non ama che gli si faccia i conti in tasca; lo stesso cardinale segretario di stato (cioè il ministro degli esteri del Vaticano) ha protestato quando un giornale italiano ha osato indagare sui soldi che lo stato versa.
Insomma:Fai quel che il prete dice,non dire ciò che il prete fa!! Altrimenti gli rode il culo!!!

 
 
 
Successivi »
 

IO STO CON GAZA!

 

Il mio motore di ricerca

 

QUE VIVA FIDEL

 

lider maximo

 

con la luz de tu sonrisa

 

visto da una principessa

Tu, con l'espressione malinconica
e quel sorriso in più,
cosa mi fai ?
Stai cosí vicino, cosí immobile
parla qualcosa,
non ti ascolto mai.
I maschi disegnati sui metro
confondono le linee di Miro.
Dalle vetrine, dietro ai Bistrot
Bistrot.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
I maschi innamorati dentro ai bar
ci chiamano dai muri di città
Dalle vetrine, dietro ai juke box
Box.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
Tu sotto la giacca,
cosa avrai di più,
quando fa sera
e il cuore si scatena.
Mi va, sulle scale poi te lo lo darò
geb ich dir,
quello che sento
parlami ancora un po'.
I maschi innamorati dentro ai bar ......
Ai maschi innamorati come me
ai maschi innamorati come te
quali emozioni, quante bugie,

ma questa notte voglio farti le pazzie.
Ai maschi innamorati come me
ai maschi allucinanti più di te
non è mai ora a dirti addio
tutta la notte voglio ancora farvi mio


immagine

 
 

qualità nel nome