Vita normale

...follia e normalità a volte si mescolano!

Creato da Scrittrice82 il 08/04/2014

 

       

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

C'è UN UNICO ERRORE INNATO,

ED è QUELLO DI CREDERE

CHE NOI ESISTIAMO

PER ESSERE FELICI


A. Schopenhauer

 

    

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

BleuDeFrancecassetta2FLORESDEUSTADnina.monamourpaneghessasilvana09slroxarpavariantelugana5paolopiazza.pgfotografandonoiNastri.di.Setakissthenightderrick35PatryRouge
 

Ultimi commenti

 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

...SENTI RACCONTATI QUELLO CHE VUOI

DOVEVA ESSERE UN VIAGGIO 

è DIVENTATO UN VIZIO

DI PURE CHE TU FAI QUELLO CHE VUOI

MA è DIVENTATO UN FINE

ED ERA SOLO UN INIZIO...

 

CHI è ANDATO 

è ANDATO,

E SPERO A FANCULO...

CIò CHE è STATO,

è STATO,

IL PASSATO LO RIMPIANGE

CHI NON HA FUTURO!!!

 

NON POSSO DIRTI CHE SARà SEMPLICE,

MA POSSO DIRTI CHE SARà MERAVIGLIOSO!

L'AMORE NON è UNA FAVOLA,

NON SEGUE ALCUNA REGOLA,

VA DRITTA AL CUORE 

TOGLIENDOTI IL RESPIRO,

MA DONANDOTI LA VITA!!!

 

...BABY

SO CHE NON TI PIACI,

E STAVI CHIUSA NELLA CAMERA.

PERò ADESSO PIACI AGLI ALTRI

E ORA DEVONO PAGARTELA!


SO CHE TI ODI QUANDO PIANGI,

DOPO TUTTI QUESTI ANNI,

QUESTI DRAMMI,

QUESTI GRAMMI, QUESTI DANNI.

CHE COS'HO IO DA INSEGNARTI?

CONTRO L'AMORE

SIAMO VACCINATI...

 

 

 

« Cuore infranto...Un piccolo angelo.... »

Malattia e morte....

Post n°10 pubblicato il 25 Aprile 2014 da Scrittrice82

Quel periodo era proprio negativo in tutto... 


Appena risanata, così per dire, dalla botta a brutto muso della malattia di mia madre, che grazie al cielo l'ha tirata fuori nei migliori dei modi, non subii solo l'allontanamento di una persona importante nella vita amorosa,ma mi trovai a fare i conti anche con la morte di una persona cara: mia nonna. 

Fino quando la malattia ti capita di persona, ti spaventa,ma non tene rendi davvero conto... è quando vedi tua mamma lottare con le unghie contro il cancro, sentire tuo padre piangere di nascosto per non farci preoccupare e darci forza, e vedere tua nonna semi cosciente in un letto di ospedale e tu non poter far nulla per aiutarla, che ti lacera...

Era il primo giorno dell'anno di cinque anni fa quando esalò l'ultimo respiro, e io, reduce dai festeggiamenti dell'ultimo dell'anno ero troppo stanca per andarla a trovare... Dissi ai miei genitori che sarei andata nel pomeriggio, così ci andarono solo loro. Appena entrarono in stanza la sentirono spegnersi... Come se li stesse aspettando per salutarli... e io non c'ero... non ero li... ero troppo stanca,troppo svogliata per dirle per l'ultima volta:"ti voglio bene".... 
Non sono nemmeno potuta andare al suo funerale perchè quel giorno avevo 39 di febbre, e la cosa più brutta è che non sono nemmeno riuscita a versare nemmeno una lacrima... il mio cuore era diventato troppo duro e chiuso per espletare ciò che realmente sentivo....

 
 
 
Vai alla Home Page del blog