Blog
Un blog creato da elenina_smile il 08/09/2007

Vita ordinaria

o forse no?

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

NIKE DI SAMOTRACIA

 

 

« SICUREZZADAVVERO TERRIBILE... »

Novità su Vargas e la sua "opera d'arte"

Post n°30 pubblicato il 10 Novembre 2007 da elenina_smile

Dal sito dell'OIPA:

"Appena terminata, la “Bienal Costaricense de Artes Visuales” (Bienarte) del 2007, si trova in mezzo alle polemiche e alle proteste delle associazioni animaliste di tutto il mondo.
L'evento tradizionalmente propone una serie di opere e premia 6 degli artisti partecipanti con il diritto di rappresentare il Paese alla “Bienal Centroamericana” che si terrà in Honduras nel 2008.
Guillermo Vargas, il quale ha messo in mostra un cane randagio legato in un angolo della sala è uno tra gli artisti che quest’anno sono stati premiati.
Guillermo Vargas artista costaricano, conosciuto col soprannome di Habakkuk, ha suscitato le ire di associazioni animaliste e di cittadini di ogni parte del mondo a seguito della morte del cane randagio conosciuto col nome di Nativity esposto alla galleria di Managua.
I visitatori della galleria si sono trovati davanti agli occhi: un cane denutrito, affamato, legato in un angolo della stanza, senza cibo e senza acqua, sulla parete il titolo dell’opera “Sei quello che leggi”, composta utilizzando crocchette per cani.
Questa “opera d’arte” aveva lo scopo di testimoniare l'indifferenza dell'essere umano nei confronti di altri esseri viventi. Il cane è morto il giorno seguente a quello in cui sono state scattate le foto, notizia confermata da Leonor Gonzalez, editore del supplemento culturale di La Prensa in Nicaragua.
Habakkuk ha affermato che il suo lavoro è un tributo a Natividad Canda, nicaraguense morto a seguito di un attacco di 2 Rottweiler durante un workshop a Carthage.
In un’intervista rilasciata a la Nación, lo pseudoartista ha dichiarato: “La cosa importante per me è stata l’ipocrisia della gente. Le persone si sono mostrate sensibili con Natividad Canda solo dopo che è stato attaccato del cane. Prendo quello che vedo: lo stesso vale per il cane, ora è più vivo che mai, considerando che si continua a parlare di lui”, ma alla domanda se avesse dato cibo al cane, non vi è stata alcuna risposta, solo silenzio.
Lo pseudoartista ci spiega il suo lavoro: “Salve a tutti. Il mio nome è Guillermo Habacuc Vargas. Ho 50 anni e sono un artista. Recentemente sono stato criticato per il mio lavoro intitolato “Sei quello che leggi” raffigurante un cane chiamato Nativity. Lo scopo del lavoro non era causare sofferenza alla povera innocente creatura, bensì illustrare un problema. Nella mia città natale San Jose, Costa Rica, decine di migliaia di randagi muoiono di fame e malattia e nessuno gli dedica attenzioni. Ora, se pubblicamente mostri una di queste creature morte di fame, come nel caso di Nativity, ciò crea  un ritorno che evidenzia una grande ipocrisia in tutti noi. Nativity era una creatura fragile e sarebbe morta comunque su una strada”.
La battaglia che è stata portata avanti, a livello internazionale, era rivolta agli organizzatori della Biennale Centroamericana, affinché non  ammettessero questo “artista” all’edizione del prossimo anno.
Dopo che un rappresentante della Biennale ha contattato Vargas, mediante lettera scritta, per esprimere il suo sconcerto riguardo la pubblicità negativa ricevuta da “Sei quello che leggi” e nella stessa lettera è stata messa in dubbio la legittimità dell’ammissione come eccellente artista e rappresentate, l’uomo ha chiesto pubblicamente scusa e promesso che non riproporrà mai più simili progetti. Vargas, in un comunicato diffuso via web afferma che “Sei quello che leggi” non verrà più chiamata “opera d’arte”, in segno di rispetto verso quanti si sono sentiti offesi, ha ammesso l’errore commesso ed affermato che avrebbe dovuto salvare il cane invece di lasciarlo morire. Chiede a tutti di accettare le sue scuse.
Far soffrire e uccidere un cane lasciandolo morire di fame per far comprendere un problema come quello del randagismo è certamente un modo perverso per informare l’opinione pubblica – dichiara Massimo Comparotto, Presidente dell’OIPA Italia - In verità quest’opera “artistica” è solo l’ennesimo esecrabile squallido tentativo per far parlare di sé e per riempire una galleria d’arte.
Jose Morales, vice Presidente del “Special Unit for Animal Protection and Rescue” ha commentato: “Il cane è stato legato senza cibo, non capisco come ciò possa essere considerato arte”.
Raymond Schnog, Presidente della “Humanitarian Association for Animal Protection”, ha condannato l’atto definendolo pura crudeltà, “non comprendo come un animale possa essere stato lasciato morire di fame sul suolo mentre una frase sulle pareti era stata composta usando cibo”.
Queste organizzazioni stanno studiando il caso per presentare un ricorso davanti al tribunale locale.
Sono state oltre 150.000 le persone che da tutto il mondo, in pochissimi giorni hanno scritto alle autorità locali, alla Biennale ed alla galleria per esprimere la disapprovazione verso quella che non può essere certo considerata un’opera d’arte.
L’OIPA ringrazia tutti coloro che hanno firmato l’appello, contribuendo ad ottenere un importante risultato, nella speranza che un episodio come questo non debba mai più ripetersi."

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/vitaordinaria/trackback.php?msg=3565973

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
wings_of_a_butterfly
wings_of_a_butterfly il 10/11/07 alle 18:59 via WEB
grazie a te di essere passata un kiss
 
lisa.marani
lisa.marani il 12/03/08 alle 23:21 via WEB
ciao! mi era sfuggita.. io non so te, ma ogni giorno ne sento una.. non so più cosa pensare.. "Lo scopo del lavoro non era causare sofferenza alla povera innocente creatura, bensì illustrare un problema".. voglio dimostrare la pericolosità della bomba all'idrogeno quindi ne butto una sulla polonia.. ovvio no?
 
 
elenina_smile
elenina_smile il 13/03/08 alle 12:35 via WEB
Non c'è che dire...un ragionamento che fila...Mah!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

martin.talesNeroLucido2019yngwie.1971Donnemiotesoroelenina_smilelubopostrong_passionjessyka35melaeandrea.ongissaccoccio.gioiellitocco_di_principessamousse87nuurscichilone
 

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: Recettes de goût
il 17/08/2013 alle 09:38
 
Complimenti per il tuo blog!!!
Inviato da: mahjong
il 30/11/2011 alle 18:00
 
So informative things are provided here,I really happy to...
Inviato da: winx da colorare
il 12/11/2011 alle 17:05
 
Thanks for taking this opportunity to discuss this, I feel...
Inviato da: Cristina
il 30/04/2011 alle 13:57
 
giochi gratis giochi per ragazze giochi di cucina...
Inviato da: Mario
il 30/04/2011 alle 13:57
 
 

LA STORIA DI BRINA

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 
Banner Airc
 

28 SETTEMBRE 2007

...Non è ancora chiaro quale sia il bilancio reale della sanguinosa repressione: il numero delle vittime sarebbe in realtà assai più elevato rispetto alle cifre ufficiali. Lo ha denunciato l'ambasciatore d'Australia nell'ex Birmania, Bob Davis, intervistato dall'emittente radiofonica Abc. Secondo la giunta militare birmana, i morti ammonterebbero complessivamente a dieci, ma a detta del diplomatico di Canberra testimoni oculari avrebbero riferito ad alcuni suoi collaboratori di aver visto "rimuovere ieri dal teatro delle manifestazioni nel centro di Rangoon un numero di cadaveri significativamente superiore" a quello reso noto dal regime. Il computo reale, ha aggiunto Davis, sarebbe "parecchie volte il multiplo" delle dieci persone uccise "riconosciute dalle autorità"...