VOCI

Le voci erano la sua fissa, più che l’aspetto fisico, le voci l’affascinavano.

A Lucia piaceva sentire le voci al telefono e figurarsi le persone, immaginarsele esteticamente, indovinare i loro gesti, i modi. Attraverso la voce ricostruiva la persona, il suo stile, il modo di camminare, di gesticolare e gli sguardi… voce, poi occhi, bocca e mani…  gli elementi principali per lei, quelli su cui puntava l’attenzione, quelli che a volte le smuovevano qualcosa dentro e, quando succedeva, erano guai. Sì, perché all’inizio faceva finta di niente, ma poi finiva per doversi arrendere alla curiosità che la portava a conoscere meglio la persona. E non facciamo finta di niente, le voci più interessanti erano quelle maschili… 

A quel punto doveva stare bene attenta, perché innamorarsi di una voce non significava automaticamente innamorarsi della persona, o almeno non sempre, anche se le voci che la colpivano di solito corrispondevano a personaggi quanto meno intriganti…

Ma la voce che aveva sentito quel giorno l’aveva scombussolata a tal punto che continuava a risentirla e le sembrava che l’avvolgesse, l’abbracciasse, la frugasse… Lucia rabbrividiva al solo pensiero e si girava e rigirava nel letto senza riuscire a prendere sonno…

Tutto quello che c'è da sapere sull'utilizzo delle “voci digitali”

VOCIultima modifica: 2021-03-22T22:45:00+01:00da panteradicuori

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.