Desideri, appetiti, impulsi, bisogni …

SHARON HASKELL PHOTOGRAPHY - Keyhole

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Desideri, appetiti, impulsi, bisogni … crediamo di essere stati in grado di risolvere tutto con la nostra mente, che gli esseri umani hanno quel potere, avendo trionfato sui loro istinti primari, la maggior parte delle bestie. Peccato che lo stesso essere abbia sostituito quegli oggetti con altri più elaborati e artificiali. Ed è che dopo il soddisfacimento degli istinti primitivi, ne arrivano altri, accessori, meno immediati e di natura più razionale. Nascono così le esigenze superiori, propriamente umane.
Qualcuno deve aver creduto ad un certo punto che la piramide dei bisogni dovesse continuare ad aumentare in modo che il nostro desiderio e la nostra insoddisfazione non finissero mai. Forse è così che è nato il consumismo, disegnando nuovi oggetti del desiderio che una volta progettati e ben confezionati ci vengono presentati come essenziali, rendendoci schiavi dei nostri stessi desideri, dei nostri possedimenti. Abbiamo creato nuove dipendenze.
E no, non sto parlando di droga (anche quella); Parlo dei rapporti interpersonali, del telefono, della difficoltà di farcela senza caffè la mattina, dei sonniferi, e anche perché la fotocamera digitale è così essenziale, come fai a non conoscere ancora quel ristorante palestinese? o come farai a non partecipare a questa festa? E l’ultimo gioco su Play Station?
È difficile sfuggire a questo vortice, ognuno è schiavo di ciò che gli sembra meglio, sia esso qualcosa di materiale come una moto o di intangibile come un’emozione.
Facciamo quello che ci è permesso con quello che troviamo, con quello che ci vendono e anche con quello che ci prendono.
E in parte penso che siamo ciò che consumiamo, che siano libri, musica, relazioni, gelati, corsi di giapponese, carezze, raccolte di baci, film VO, delusioni o litri di gin.
Visto in questo modo, il consumismo può essere un nuovo modo per riformulare il nostro concetto di sé. Ok, lo ammetto, sono quello che consumo, anche se forse non solo, no?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

But even as [Gorlim] cried aloud the light was blown out in the wind;  wolves howled, and on his shoulders he felt sud… | Charcoal art, Surreal  art, Charcoal drawing

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr