Nel vasto universo..

coronavirus bibbia profezia

 

 

 

 

 

 

 

Nel vasto universo, le stelle interagiscono tra loro ed eseguono vari movimenti orbitali regolari, ma per alcuni movimenti non riusciamo a trovare la materia corrispondente. Pertanto, le persone immaginano che possa esserci materia invisibile nell’universo. È ormai noto che la grande struttura dell’universo è schiumosa.Le galassie si riuniscono nella “Grande Muraglia della Galassia”, che è le fibre di collegamento della schiuma, e tra le fibre ci sono enormi “vuoti universali”, che sono grandi bolle, con un diametro da 100 a 300 milioni di luci. anno. Se non vi è alcun “aiuto” gravitazionale aggiuntivo da una materia oscura invisibile, una cavità così grande non può essere mantenuta, proprio come la luce dei tetti e dei ponti è troppo grande per essere supportata. Sebbene il nostro universo si stia espandendo, le galassie in movimento ad alta velocità non si disperdono: se c’è solo materia visibile, la loro gravità non è sufficiente a tenere unite le galassie.
Sappiamo che il 99,86% della massa del sistema solare è concentrato sul sole, che è il centro del sistema solare. Pertanto, i pianeti più vicini al sole ricevono la forza gravitazionale del sole, che è più grande dei pianeti più lontani. Pertanto, la velocità dei pianeti più vicini al sole orbita intorno al sole , Più veloce dei pianeti lontani dal sole, in modo da produrre una maggiore accelerazione centrifuga (forza centrifuga) per bilanciare la maggiore gravità solare. Ma al centro della galassia, sebbene siano concentrati anche più stelle e buchi neri, la velocità di movimento delle stelle vicino al centro della galassia non è superiore alla velocità di movimento delle stelle lontane.

Questo mostra che la massa della galassia non è concentrata al centro della galassia e deve esserci una grande quantità di materia oscura nella regione esterna della galassia. La luminosità di un corpo celeste riflette la qualità del corpo celeste. Pertanto, gli astronomi usano spesso la luminosità delle galassie per calcolare la massa delle galassie e possono anche usare la gravità per calcolare la massa delle galassie. Tuttavia, la massa della Via Lattea calcolata dalla gravità è più di dieci volte la massa della Via Lattea stimata dalla luminosità e persino 5.000 volte nell’area esterna. Pertanto, deve esserci molta materia oscura lì.
Nel gennaio 2007 è finalmente nata la mappa di distribuzione della materia oscura! Dopo 4 anni di duro lavoro, 70 ricercatori hanno redatto questo “progetto” tridimensionale, che equivale al contorno della materia oscura nel cielo coperto da 8 lune affiancate dalla terra. Quali buoni metodi hanno usato per trasformare l’invisibile in tangibile? Tutto grazie a una tecnologia straordinaria: le lenti gravitazionali. Ancora meglio sono le informazioni che ci fornisce questa mappa di distribuzione.

Prima di tutto, vediamo che la materia oscura non è onnipresente, si raccolgono solo in gruppi in alcuni punti e disdegnano altri luoghi. In secondo luogo, sovrapponendo l’immagine della galassia, possiamo vedere che la posizione della galassia e della materia oscura fondamentalmente coincidono. Dove c’è materia oscura, ci sono stelle e galassie, e dove non c’è materia oscura, non c’è niente. La materia oscura sembra essere equivalente a uno sfondo invisibile ma essenziale in cui si muovono le galassie (inclusa la Via Lattea). La mappa di distribuzione ci fornisce anche una reale opportunità di viaggiare nel tempo … Più è lontana la mappa di distribuzione, più è lontana da noi.
Tuttavia, la luce emessa dalle stelle sullo sfondo non è qualcosa che possiamo vedere in un istante. Anche se la velocità della luce (300.000 chilometri al secondo) è estrema, ci vorrà del tempo. Poiché questa distanza deve essere calcolata in anni luce, 1 anno luce equivale a 10 trilioni di chilometri. Pertanto, se guardi a una distanza, come un luogo a 2 miliardi di anni luce da noi, quello che vedi è com’era 2 miliardi di anni fa e non quello che è ora. È come tornare indietro nel tempo! capisci? Ok, ora torniamo alla mappa di distribuzione, quello che vediamo è come appariva la materia oscura da 2,5 a 7,5 miliardi di anni fa.

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr