Creato da maria.carrassi il 27/02/2010

Nell'Infinito

... tentai di conoscere me stessa

 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3426 pubblicato il 25 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Foto: Tutte le manifestazioni della creazione come gli animali e le piante possiedono un loro linguaggio; ma solo l'uomo, unico fra gli esseri viventi, possiede la parola.  È grazie alla parola che sono fiorite culture e civiltà. Se l'uomo usa la parola come un ponte tra l'umano ed il divino e si serve di essa per diffondere la luce ... non ci saranno limiti alla sua espansione @   Maria * La Dama del Tempo

 

Tutte le manifestazioni della creazione come gli animali e le piante possiedono un loro linguaggio; ma solo l'uomo, unico fra gli esseri viventi, possiede la parola.
È grazie alla parola che sono fiorite culture e civiltà. Se l'uomo usa la parola come un ponte tra l'umano ed il divino e si serve di essa per diffondere la luce ... non ci saranno limiti alla sua espansione @

Maria * La Dama del Tempo

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3425 pubblicato il 25 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 


Foto: Il perdono cosa è? Si può perdonare chi ci ha feriti, ingannati, torturati, offesi? Nell'accezione corrente della parola sembra impossibile ... quando è troppo grande il rancore ed il desiderio di vendetta, ma se analizziamo la parola dividendola  in

 

Il perdono cosa è? Si può perdonare chi ci ha feriti, ingannati, torturati, offesi? Nell'accezione corrente della parola sembra impossibile ... quando è troppo grande il rancore ed il desiderio di vendetta, ma se analizziamo la parola dividendola in "PER DONO" allora la dimensione cambia e in chi ci ha fatto del male dobbiamo riconoscere la persona o l'accadimento che ci ha permesso di modificare la nostra vita, cambiando direzione, e di trovare l'occasione per migliorarci.
Alcuni diranno che non sono realista, ma analizzando il dopo di ogni situazione drammatica si può notare che "NON TUTTI I MALI VENGONO PER NUOCERE" ... IL BENE non può ESISTERE SENZA IL MALE, perché non comprenderemmo cosa significa BENE ... la scelta di vita sta solo in noi e noi continueremo a vivere nella dualità fino a quando non saremo ...
UNA SOLA VOLONTA', UNA SOLA COSCIENZA, UN solo POPOLO ... @

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3424 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Foto: Non potreste, anche nel vostro mondo di pensieri, vivere di più in armonia con i miei concetti e desideri? Ogni pensiero ha le sue conseguenze, forse più ancora delle azioni. Molte azioni sorgono da decisioni prese rapidamente senza rifletterci troppo. l pensieri, invece, sono entità tenaci ed indistruttibili. Per questa ragione smettete di alimentare pensieri di preoccupazione in rapporto a cose che - anche nel caso si realizzassero - non sono come ve le immaginate. Non crediate che quella che immaginate essere la felicità e che, per amore, voi augurate al vostro prossimo sia veramente la felicità! Voi augurate a tutti una vita facile e priva di preoccupazioni, ma dimenticate totalmente che, in un'esistenza del genere, si progredisce ben poco; e star fermi è la cosa peggiore per lo spirito. Forse che la vita terrena non è fatta solo di cose esteriori? Come è, infatti, difficile per lo spirito legato alla terra creare valori autentici, poiché esso incontra sempre e dovunque barriere! Perciò vi do questo consiglio: traete profitto da tutte le difficoltà che voi considerate tali ma che, in fondo, non sono che le conseguenze delle vostre azioni. Soprattutto non occupatevi di ciò che fanno gli altri; potete forse comprendere ciò che li spinge ad agire come agiscono? Tenete ben presente questo: non giudicate mai gli altri! L'agire o il non agire degli altri sono affari che riguardano loro e che avranno le loro conseguenze. Non avete il diritto di giudicare, perché non siete perfetti. Ho spesso udito i vostri giudizi su alcune persone e ho potuto constatare quanto poco ne comprendevate e ho visto come vi oscuravate nei momenti in cui agivate in modo presuntuoso e ogni bellezza e purezza in voi iniziavano ad svanire. Sforzatevi, per amor mio, di non giudicare mai più gli altri, anche quando sarete più grandi. Sono così preoccupato per il vostro avvenire che devo dirvi con franchezza ciò che vi danneggia. Ognuno, chi più chi meno, ha in sé una tendenza al pregiudizio. È un grande combattimento che dovrete affrontare, ma fatelo subito, prima che sia troppo tardi. Vi parlo in questo modo perché vi amo e vi voglio aiutare con questi messaggi. Accoglieteli per quello che sono. Rimanetemi fedeli come lo eravate nella vita e oltre fino alla liberazione dei nostri spiriti. Interamente vostro  Sigwart -  canalizzato da R. Steiner il 30 agosto 1916  Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

Non potreste, anche nel vostro mondo di pensieri, vivere di più in armonia con i miei concetti e desideri? Ogni pensiero ha le sue conseguenze, forse più ancora delle azioni. Molte azioni sorgono da decisioni prese rapidamente senza rifletterci troppo. l pensieri, invece, sono entità tenaci ed indistruttibili. Per questa ragione smettete di alimentare pensieri di preoccupazione in rapporto a cose che - anche nel caso si realizzassero - non sono come ve le immaginate.
Non crediate che quella che immaginate essere la felicità e che, per amore, voi augurate al vostro prossimo sia veramente la felicità! Voi augurate a tutti una vita facile e priva di preoccupazioni, ma dimenticate totalmente che, in un'esistenza del genere, si progredisce ben poco; e star fermi è la cosa peggiore per lo spirito. Forse che la vita terrena non è fatta solo di cose esteriori?
Come è, infatti, difficile per lo spirito legato alla terra creare valori autentici, poiché esso incontra sempre e dovunque barriere! Perciò vi do questo consiglio: traete profitto da tutte le difficoltà che voi considerate tali ma che, in fondo, non sono che le conseguenze delle vostre azioni. Soprattutto non occupatevi di ciò che fanno gli altri; potete forse comprendere ciò che li spinge ad agire come agiscono?
Tenete ben presente questo: non giudicate mai gli altri!
L'agire o il non agire degli altri sono affari che riguardano loro e che avranno le loro conseguenze. Non avete il diritto di giudicare, perché non siete perfetti. Ho spesso udito i vostri giudizi su alcune persone e ho potuto constatare quanto poco ne comprendevate e ho visto come vi oscuravate nei momenti in cui agivate in modo presuntuoso e ogni bellezza e purezza in voi iniziavano ad svanire. Sforzatevi, per amor mio, di non giudicare mai più gli altri, anche quando sarete più grandi.
Sono così preoccupato per il vostro avvenire che devo dirvi con franchezza ciò che vi danneggia. Ognuno, chi più chi meno, ha in sé una tendenza al pregiudizio. È un grande combattimento che dovrete affrontare, ma fatelo subito, prima che sia troppo tardi. Vi parlo in questo modo perché vi amo e vi voglio aiutare con questi messaggi. Accoglieteli per quello che sono. Rimanetemi fedeli come lo eravate nella vita e oltre fino alla liberazione dei nostri spiriti.
Interamente vostro Sigwart -
canalizzato da R. Steiner il 30 agosto 1916

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3423 pubblicato il 21 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Foto: Noi ti ringraziamo nostro buon Protettore per averci dato anche oggi la forza di fare il più bello spettacolo del mondo. Tu che proteggi uomini, animali e baracconi, tu che rendi i leoni docili come gli uomini e gli uomini coraggiosi come i leoni, tu che ogni sera presti agli acrobati le ali degli angeli, fà che sulla nostra mensa non venga mai a mancare pane ed applausi. Noi ti chiediamo protezione, ma se non ne fossimo degni, se qualche disgrazia dovesse accaderci, fa che avvenga dopo lo spettacolo e, in ogni caso, ricordati di salvare prima le bestie e i bambini. Tu che permetti ai nani e ai giganti di essere ugualmente felici, tu che sei la vera, l'unica rete dei nostri pericolosi esercizi, fà che in nessun momento della nostra vita venga a mancarci una tenda, una pista e un riflettore. Guardaci dalle unghie delle nostre donne, ché da quelle delle tigri ci guardiamo noi, dacci ancora la forza di far ridere gli uomini, di sopportare serenamente le loro assordanti risate e lascia pure che essi ci credano felici. Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono, ma non importa, io li perdono, un po' perchè essi non sanno, un po' per amor Tuo, e un po' perchè hanno pagato il biglietto. Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene, rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola, ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura. C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità, noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi, qualcuno su questo mondo capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.  (Antonio De Curtis Gagliardi detto Totò.) DAL FILM "IL PIÙ COMICO SPETTACOLO DEL MONDO"  Tela di Sabina Fara

 

Noi ti ringraziamo nostro buon Protettore per averci dato anche oggi la forza di fare il più bello spettacolo del mondo. Tu che proteggi uomini, animali e baracconi, tu che rendi i leoni docili come gli uomini e gli uomini coraggiosi come i leoni, tu che ogni sera presti agli acrobati le ali degli angeli, fà che sulla nostra mensa non venga mai a mancare pane ed applausi.
Noi ti chiediamo protezione, ma se non ne fossimo degni, se qualche disgrazia dovesse accaderci, fa che avvenga dopo lo spettacolo e, in ogni caso, ricordati di salvare prima le bestie e i bambini. Tu che permetti ai nani e ai giganti di essere ugualmente felici, tu che sei la vera, l'unica rete dei nostri pericolosi esercizi, fà che in nessun momento della nostra vita venga a mancarci una tenda, una pista e un riflettore.
Guardaci dalle unghie delle nostre donne, ché da quelle delle tigri ci guardiamo noi, dacci ancora la forza di far ridere gli uomini, di sopportare serenamente le loro assordanti risate e lascia pure che essi ci credano felici.
Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono, ma non importa, io li perdono, un po' perchè essi non sanno, un po' per amor Tuo, e un po' perchè hanno pagato il biglietto.
Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene, rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola, ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura.
C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità, noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi, qualcuno su questo mondo capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.

(Antonio De Curtis Gagliardi detto Totò.)
DAL FILM "IL PIÙ COMICO SPETTACOLO DEL MONDO"

Tela di Sabina Fara

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3422 pubblicato il 20 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Foto: DIRE LA VERITA'  Una importante qualità da osservare è la veridicità'. Il dire la verità promuove la perfetta corrispondenza tra mondo esteriore e mondo interiore. Se si deforma la verità, il passaggio dei contenuti attraverso li livello somatico e quello spirituale segue vie traverse, e ciò produce a lungo andare, una deformazione interiore con caratteri di tale gravità da diventare definitiva. Le vie traverse create dalla menzogna,diventono organiche e rendono sempre più difficile la chiarezza con se stessi. Molti incoscientemente e senza scopo alcuno , alterano continuamente la verità, perchè in loro l'abitudine a mentire, anche per cose di poca importanza, è ormai diventata organica.  Giovanni Colazza: dell'iniziazione

 

DIRE LA VERITA'

Una importante qualità da osservare è la veridicità'.
Il dire la verità promuove la perfetta corrispondenza tra mondo esteriore e mondo interiore. Se si deforma la verità, il passaggio dei contenuti attraverso li livello somatico e quello spirituale segue vie traverse, e ciò produce a lungo andare, una deformazione interiore con caratteri di tale gravità da diventare definitiva.
Le vie traverse create dalla menzogna,diventono organiche e rendono sempre più difficile la chiarezza con se stessi.
Molti incoscientemente e senza scopo alcuno , alterano continuamente la verità, perchè in loro l'abitudine a mentire, anche per cose di poca importanza, è ormai diventata organica.

Giovanni Colazza: dell'iniziazione

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3421 pubblicato il 18 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Foto: Ecco qualcuno che si considera molto infelice e viene a spiegarmi perché. Gli chiedo:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco qualcuno che si considera molto infelice e viene a spiegarmi perché.
Gli chiedo: "Ha ringraziato oggi?
- Ringraziato...? Ma chi? E perché?
- Può camminare? Può respirare? - Sì.
- Ha fatto colazione? - Sì.
- E può aprire la bocca per parlare? - Sì.
- Ebbene, ringrazia. Ci sono persone che non possono né camminare né mangiare né aprire la bocca. Lei è infelice perché non ha mai pensato a ringraziare. Per cambiare il suo stato, dovrebbe anzitutto riconoscere che nulla è più meraviglioso del fatto di essere vivi, di poter camminare, guardare, parlare". Gli esseri umani avrebbero migliaia di ragioni per ringraziare, ma non le vedono. Sono ingrati. Ecco perché il Cielo li fa passare attraverso varie prove: semplicemente per insegnare loro ad essere finalmente riconoscenti. (Omraam Mikhael Aivanhov)

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3420 pubblicato il 17 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

"I ruscelli che scorrono, le sorgenti che zampillano, la pioggia che cade, il fragore dei torrenti, il movimento incessante degli oceani e dei mari, il soffio del vento, lo stormire delle fronde, il richiamo degli insetti, il canto degli uccelli... Tutto è musica nella natura. Ed è questa musica che fin dalle origini ha risvegliato e alimentato il senso musicale nell'uomo, e lo ha incitato ad esprimersi a sua volta con uno strumento o con il canto, a evocare i momenti importanti della sua vita, a raccontare il suo amore, le sue gioie e le sue pene. Con la musica egli traduce anche le proprie aspirazioni mistiche, canta le lodi del Creatore, e quando ascoltiamo quella musica, sentiamo che essa risveglia nella nostra anima il ricordo di una patria celeste, la nostalgia di un paradiso perduto. L'effetto è immediato. Istantaneamente ci ricordiamo che veniamo dal Cielo e che al Cielo ritorneremo...

Un giorno, quando la coscienza superiore si risveglierà nell'uomo, quando egli svilupperà possibilità di percezioni più sottili, inizierà a udire la sinfonia grandiosa che riecheggia attraverso gli spazi, poiché ogni essere creato, dalle pietre fino alle stelle, emette vibrazioni che si propagano in onde sonore. E l'uomo comprenderà allora il senso della vita." (Omraam Mikhaël Aïvanhov)


 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3419 pubblicato il 16 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Foto: Vivere la  quotidianità significa percepire il proprio spazio interiore e farne il luogo segreto in cui incontrate voi stessi ... ve lo chiede la vostra anima che non avendo confini  ha bisogno di quello spazio per potersi esprimere ... voi potete costruirlo per lei con le vostre peculiarità ... il vostro sentire ... le vostre necessità permettendole così di interagire con voi in pienezza di sentire ed armonia @   Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

Vivere la quotidianità significa percepire il proprio spazio interiore e farne il luogo segreto in cui incontrate voi stessi ... ve lo chiede la vostra anima che non avendo confini ha bisogno di quello spazio per potersi esprimere ... voi potete costruirlo per lei con le vostre peculiarità ... il vostro sentire ... le vostre necessità permettendole così di interagire con voi in pienezza di sentire ed armonia @

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3418 pubblicato il 15 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Significati di vari mantra e invocazioni :

Foto: Significati di vari mantra e invocazioni :  OM: IL SUPREMO BUH: LA TERRA BHUVAH: L'ATMOSFERA SVAH: IL CIELO TAT: COLUI OM : IL SUPREMO SAVITUR: IL SOLE(LA DIVINITA' CHE GENERA E ILLUMINA LA VITA) VARENYAM: L'ASSOLUTO, IL MIGLIORE TRA I TANTI BHARGO : QUELLA LUCE SUPREMA CHE DIMORA NEL SOLE E DISTRUGGE I SEMI DEL KARMA DEVASYA: DELLA DIVINITA' CHE CAUSA LO SPLENDORE DELL'UNIVERSO DHI MAHI: MEDITIAMO DHIYO YO NAH: CHE IL NOSTRO INTELLETTO PRACHO DAYAT: POSSA RISVEGLIARE

 

Significati di vari mantra e invocazioni :

OM: IL SUPREMO
BUH: LA TERRA
BHUVAH: L'ATMOSFERA
SVAH: IL CIELO
TAT: COLUI
OM : IL SUPREMO
SAVITUR: IL SOLE(LA DIVINITA' CHE GENERA E ILLUMINA LA VITA)
VARENYAM: L'ASSOLUTO, IL MIGLIORE TRA I TANTI
BHARGO : QUELLA LUCE SUPREMA CHE DIMORA NEL SOLE E DISTRUGGE I SEMI DEL KARMA
DEVASYA: DELLA DIVINITA' CHE CAUSA LO SPLENDORE DELL'UNIVERSO
DHI MAHI: MEDITIAMO
DHIYO YO NAH: CHE IL NOSTRO INTELLETTO
PRACHO DAYAT: POSSA RISVEGLIARE -

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3417 pubblicato il 13 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

Foto: Dobbiamo aver cura di selezionare che cosa entra non solo nel nostro corpo, ma anche nella nostra mente. I buoni pensieri ci aiutano a stare meglio, mentre un pensiero negativo impoverisce lo Spirito e consuma inutilmente grandi dosi di energie morali. Il parlare troppo degli altri, i pettegolezzi, le lamentele, fino alle imprecazioni, sono un'enorme spreco di energie, sia fisiche che mentali, che ci verrebbero invece molto utili per svilupparci e crescere nella comprensione spirituale.  1. RILASSAMENTO FISICO E MENTALE. Il Rilassamento Psico-Fisico è già da solo un' ottima pratica curativa. Si può paragonare al riposo notturno durante il quale il corpo reintegra le sue energie.  2. MEDITAZIONE. La Meditazione è anch'essa un modo per interrompere lo spreco di energie mentali, incanalando la mente a soffermarsi e riflettere su un solo soggetto alla volta; invece di vagare incontrollata come un cavallo senza briglie.  3. PENSIERO POSITIVO. Il Pensiero Positivo è il miglior cibo per la mente. Ricordiamoci che i nostri pensieri influenzano il nostro Subconscio, ed il nostro Subconscio a sua volta influenza il nostro Meccanismo di Autoguarigione.  4. IMMAGINAZIONE. Le immagini mentali sono ancora più potenti del pensiero e delle parole per influenzare positivamente il nostro Subconscio. Tutto ciò che noi immaginiamo, il Subconscio tende a trasformarlo in realtà. Perciò proviamo a immaginare di stare bene, proviamo ad immaginare le sensazioni che proviamo quando stiamo bene; è il tempo speso nella maniera migliore, e ne bastano pochissimi minuti al giorno, ma i suoi effetti in termini di benefici per la nostra salute sono incalcolabili.  5. VISUALIZZAZIONE. La Visualizzazione è l'arte di creare a piacimento immagini mentali, ferme o in movimento, a colori o in bianco e nero, complete di suoni, odori, emozioni, sensazioni, sapori, tatto, insomma quanto più simili alla realtà. Non c'è bisogno di diventare maestri dell'arte della Visualizzazione per godere di ottima salute. Cominciamo a immaginare le cose belle che vorremmo, la padronanza della visualizzazione verrà da solo col tempo. L'importante è quello che visualizziamo. Dobbiamo sempre visualizzare le scene finali della Guarigione, cioè, visualizzarci guariti ed in ottima forma. Il nostro Subconscio si occuperà di trasmettere queste immagini al nostro Meccanismo di Autoguarigione, ed il nostro Meccanismo di Autoguarigione si attiverà per tramutare in realtà quelle immagini e quei pensieri di Guarigione.  6. AFFERMAZIONI POSITIVE. E poi per completare il Trattamento Interiore, finire con un'Affermazione Positiva. Un'Affermazione Positiva breve e semplice che riassume il risultato di tutto il trattamento. Per esempio: "io voglio stare Bene, io merito di stare Bene", oppure

 

Dobbiamo aver cura di selezionare che cosa entra non solo nel nostro corpo, ma anche nella nostra mente.
I buoni pensieri ci aiutano a stare meglio, mentre un pensiero negativo impoverisce lo Spirito e consuma inutilmente grandi dosi di energie morali.
Il parlare troppo degli altri, i pettegolezzi, le lamentele, fino alle imprecazioni, sono un'enorme spreco di energie, sia fisiche che mentali, che ci verrebbero invece molto utili per svilupparci e crescere nella comprensione spirituale.

1. RILASSAMENTO FISICO E MENTALE. Il Rilassamento Psico-Fisico è già da solo un' ottima pratica curativa. Si può paragonare al riposo notturno durante il quale il corpo reintegra le sue energie.

2. MEDITAZIONE. La Meditazione è anch'essa un modo per interrompere lo spreco di energie mentali, incanalando la mente a soffermarsi e riflettere su un solo soggetto alla volta; invece di vagare incontrollata come un cavallo senza briglie.

3. PENSIERO POSITIVO. Il Pensiero Positivo è il miglior cibo per la mente. Ricordiamoci che i nostri pensieri influenzano il nostro Subconscio, ed il nostro Subconscio a sua volta influenza il nostro Meccanismo di Autoguarigione.

4. IMMAGINAZIONE. Le immagini mentali sono ancora più potenti del pensiero e delle parole per influenzare positivamente il nostro Subconscio. Tutto ciò che noi immaginiamo, il Subconscio tende a trasformarlo in realtà. Perciò proviamo a immaginare di stare bene, proviamo ad immaginare le sensazioni che proviamo quando stiamo bene; è il tempo speso nella maniera migliore, e ne bastano pochissimi minuti al giorno, ma i suoi effetti in termini di benefici per la nostra salute sono incalcolabili.

5. VISUALIZZAZIONE. La Visualizzazione è l'arte di creare a piacimento immagini mentali, ferme o in movimento, a colori o in bianco e nero, complete di suoni, odori, emozioni, sensazioni, sapori, tatto, insomma quanto più simili alla realtà. Non c'è bisogno di diventare maestri dell'arte della Visualizzazione per godere di ottima salute. Cominciamo a immaginare le cose belle che vorremmo, la padronanza della visualizzazione verrà da solo col tempo. L'importante è quello che visualizziamo. Dobbiamo sempre visualizzare le scene finali della Guarigione, cioè, visualizzarci guariti ed in ottima forma. Il nostro Subconscio si occuperà di trasmettere queste immagini al nostro Meccanismo di Autoguarigione, ed il nostro Meccanismo di Autoguarigione si attiverà per tramutare in realtà quelle immagini e quei pensieri di Guarigione.

6. AFFERMAZIONI POSITIVE. E poi per completare il Trattamento Interiore, finire con un'Affermazione Positiva.
Un'Affermazione Positiva breve e semplice che riassume il risultato di tutto il trattamento.
Per esempio: "io voglio stare Bene, io merito di stare Bene", oppure "Ogni giorno, da ogni punto di vista, sto sempre meglio".

Questo il funzionamento, a grandi linee, per quanto riguarda l'esercizio interiore.

Ricordo che per fare questo occorrono pochi minuti.
Con la pratica si imparerà a passare, in dieci minuti, dal Rilassamento, alla Meditazione sul Pensiero Positivo, alla creazione delle immagini, fino all'affermazione positiva finale.

Diciamo che 10 minuti è il tempo minimo, ma se non avete fretta, potete starvene immersi in questo stato anche mezz'ora: avreste tutto da guadagnare e potreste fare delle scoperte personali molto interessanti ...

(A. Bertoglio)

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3416 pubblicato il 12 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 


Foto: Sorridi, respira e vai piano, talvolta ci dimentichiamo della semplicità ... Il maestro buddista Thich Nhat Hanh ci ricorda tre semplici passi per essere più consapevoli del presente. Per cui ricordati:   SORRIDI , RESPIRA, VAI PIANO <3 Buona Notte.   Maria * La Dama del Tempo

 

Sorridi, respira e vai piano, talvolta ci dimentichiamo della semplicità ... Il maestro buddista Thich Nhat Hanh ci ricorda tre semplici passi per essere più consapevoli del presente. Per cui ricordati:

SORRIDI , RESPIRA, VAI PIANO

Buona Notte. Maria

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3415 pubblicato il 09 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Le vie che conducono a me sono diverse, ma tutte incrociano la strada della Giustizia e dell'Amore. Io soffio l'alito della vita e assumo la forma di ogni elemento. A ogni cosa dono l'impronta della mia coscienza, ma quando voglio, posso ritirare il respiro della vita in modo che tutto venga purificato dal fuoco dell'energia rigenerante che è l'estinzione di ogni specie vivente fisica e materiale da me creata. Colui che in cuor suo conosce la mia natura sa che la mia giustizia è l'amore senza alcuna debolezza. Il mio spirito è eterno e sperimenta la vita e la morte temporale immersa nel flusso e riflusso dell'eternità che tutto contiene. Tutto viene da me e ritorna a me, Amen. Giuseppe Vitulli, Conversazioni con Isa El, 3 settembre 2013  Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

Le vie che conducono a me sono diverse, ma tutte incrociano la strada della Giustizia e dell'Amore. Io soffio l'alito della vita e assumo la forma di ogni elemento. A ogni cosa dono l'impronta della mia coscienza, ma quando voglio, posso ritirare il respiro della vita in modo che tutto venga purificato dal fuoco dell'energia rigenerante che è l'estinzione di ogni specie vivente fisica e materiale da me creata. Colui che in cuor suo conosce la mia natura sa che la mia giustizia è l'amore senza alcuna debolezza. Il mio spirito è eterno e sperimenta la vita e la morte temporale immersa nel flusso e riflusso dell'eternità che tutto contiene. Tutto viene da me e ritorna a me, Amen.
Giuseppe Vitulli, Conversazioni con Isa El, 3 settembre 2013

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3414 pubblicato il 07 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 


Foto: LO SCOPO DELLA VITA UMANA: INTUIRE IL PROPRIO DESTINO  Prima di venire al mondo, scriviamo noi stessi il nostro destino, aiutati dalle piu sagge entità angeliche. Scriviamo un piano perfetto: in cui ogni cosa è adeguata al nostro sviluppo. Poi accade che arriviamo sulla Terra, e come per incantesimo, dimentichiamo tutto. Questo fatto crea non pochi problemi e preoccupazioni: arriviamo a credere di essere in balia della sorte, del caso e tutto sia nelle nostre mani. Sembra dobbiamo inventarci ogni passo. Se conoscessimo la scrittura del destino, non avremmo patemi e incertezze, ma tutto sarebbe chiaro: adempiremmo il piano seguendo le linee prescritte. Perchè perdiamo la conoscenza del nostro destino? Non sarebbe più comodo, più facile conoscere il niostro destino? Non lo conosciamo per amore della libertà. Se conoscessimo il nostro destino lo seguiremmo come automi, senza possibilità di cambiarlo. Invece possiamo anche cambiarlo! Forse peggiorarlo. Sino a dannarci. O a salvarci. Ma liberi di farlo. Tutto questo è un immane gesto amore divino: lasciarci liberi di scegliere. Liberi di decidere se arrivare a conoscere, ad intuire il nostro destino.  Tuttavia conoscere il nostro destino potrebbe anche non piacerci. Dalla prospettiva umana osserveremmo che dovremmo attendere ad eventi - certo utili per il nostro progresso-, ma anche dolorosi, infamanti, umilianti.  Sapendo di dover a forza attravesare situazioni spiacevoli, anche disastrose- sino a non vedervi una vita felice- riusciremmo a vivere con entusiasmo e fiducia? E quando ti diranno: "Tu sei pazzo!", rispondi: "Sì!" E ricorda: non sarai mai troppo folle. Folle è smettere di osare. Folle è smettere di credere. Folle è smettere di sperare. (Anton Vanlight)  Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

LO SCOPO DELLA VITA UMANA: INTUIRE IL PROPRIO DESTINO

Prima di venire al mondo, scriviamo noi stessi il nostro destino, aiutati dalle piu sagge entità angeliche.
Scriviamo un piano perfetto: in cui ogni cosa è adeguata al nostro sviluppo.
Poi accade che arriviamo sulla Terra, e come per incantesimo, dimentichiamo tutto.
Questo fatto crea non pochi problemi e preoccupazioni: arriviamo a credere di essere in balia della sorte, del caso e tutto sia nelle nostre mani. Sembra dobbiamo inventarci ogni passo.
Se conoscessimo la scrittura del destino, non avremmo patemi e incertezze, ma tutto sarebbe chiaro: adempiremmo il piano seguendo le linee prescritte.
Perchè perdiamo la conoscenza del nostro destino? Non sarebbe più comodo, più facile conoscere il niostro destino?
Non lo conosciamo per amore della libertà. Se conoscessimo il nostro destino lo seguiremmo come automi, senza possibilità di cambiarlo.
Invece possiamo anche cambiarlo! Forse peggiorarlo. Sino a dannarci. O a salvarci. Ma liberi di farlo.
Tutto questo è un immane gesto amore divino: lasciarci liberi di scegliere. Liberi di decidere se arrivare a conoscere, ad intuire il nostro destino.
Tuttavia conoscere il nostro destino potrebbe anche non piacerci. Dalla prospettiva umana osserveremmo che dovremmo attendere ad eventi - certo utili per il nostro progresso-, ma anche dolorosi, infamanti, umilianti.
Sapendo di dover a forza attravesare situazioni spiacevoli, anche disastrose- sino a non vedervi una vita felice- riusciremmo a vivere con entusiasmo e fiducia?
E quando ti diranno: "Tu sei pazzo!", rispondi: "Sì!"
E ricorda: non sarai mai troppo folle. Folle è smettere di osare. Folle è smettere di credere. Folle è smettere di sperare. (Anton Vanlight)

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3413 pubblicato il 06 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Foto: ACCETTARE UNA PROVA NON E' FACILE MA QUANDO CI RIUSCIAMO LA GIOIA E' IMMENSA ... ce lo dice Aïvanhov ...   Voi potete accettare una prova, potete comprenderla, ammettere che sia inevitabile, ma allo stesso tempo provare amarezza, tristezza, rimpianto:  pensate che sarebbe stato molto meglio non doverla subire!  In tal caso dite a voi stessi che quella prova non è ancora terminata. Quando allora una prova può dirsi terminata?  Quando siamo in grado di rallegrarcene. Sì, rallegrarcene!  È possibile che in apparenza essa non ci abbia dato nulla, ma che anzi ci abbia fatto perdere molte cose, perfino degli esseri a noi cari.  Eppure, dopo quella prova, viene un giorno in cui sentiamo che la nostra luce, il nostro amore e la nostra forza sono aumentati, e che siamo abitati da una pace e una gioia che prima non conoscevamo.  Allora, e soltanto allora, possiamo dire che la prova è terminata. (Omraam Mikhaël Aïvanhov)  Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

ACCETTARE UNA PROVA NON E' FACILE MA QUANDO CI RIUSCIAMO LA GIOIA E' IMMENSA ... ce lo dice Aïvanhov ...

Voi potete accettare una prova, potete comprenderla, ammettere che sia inevitabile, ma allo stesso tempo provare amarezza, tristezza, rimpianto:
pensate che sarebbe stato molto meglio non doverla subire!
In tal caso dite a voi stessi che quella prova non è ancora terminata.
Quando allora una prova può dirsi terminata?
Quando siamo in grado di rallegrarcene. Sì, rallegrarcene!
È possibile che in apparenza essa non ci abbia dato nulla, ma che anzi ci abbia fatto perdere molte cose, perfino degli esseri a noi cari.
Eppure, dopo quella prova, viene un giorno in cui sentiamo che la nostra luce, il nostro amore e la nostra forza sono aumentati, e che siamo abitati da una pace e una gioia che prima non conoscevamo.
Allora, e soltanto allora, possiamo dire che la prova è terminata.
(Omraam Mikhaël Aïvanhov)

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3412 pubblicato il 06 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Foto: Essere gentili verso se stessi e gli altri sarà il primo passo per trovare la gioia interiore perché vi predispone alla pace del cuore ... ma per esserlo occorre modificare i propri istinti ... non desiderare di aver ragione o vincere a tutti i costi ma predisporsi all'ascolto e accogliere a braccia aperte chiunque si avvicini a voi ... se voi sentite di essere scintille divine il vostro più grande desiderio può essere solo la pace del cuore @  Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

Essere gentili verso se stessi e gli altri sarà il primo passo per trovare la gioia interiore perché vi predispone alla pace del cuore ... ma per esserlo occorre modificare i propri istinti ... non desiderare di aver ragione o vincere a tutti i costi ma predisporsi all'ascolto e accogliere a braccia aperte chiunque si avvicini a voi ... se voi sentite di essere scintille divine il vostro più grande desiderio può essere solo la pace del cuore @

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 

BEFANA

Post n°3411 pubblicato il 06 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: BEFANA

 

 

Buona Epifania

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3410 pubblicato il 05 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Foto: "Volete sapere in che modo un uomo si libera dalle morti? Divenendo consapevole di essere già esistito prima di ogni nascita. E' così, è necessario morire di molte morti per conoscere la luce della nascita. In verità, in verità ti dico che se uno non nascerà di nuovo non può vedere il regno di Dio. Ciò che è generato dalla carne è carne; e quel che nasce dallo spirito è spirito. Non ti meravigliare se ti ho detto: bisogna che voi siate generati di nuovo." "Tommaso, non ti lamentare, se tutto ti va di traverso. In fondo, queste prove che tu devi superare, le inventasti tu stesso. Quanti dal cielo, si affacciano per vedere se cadi nelle trappole che tu stesso ti sei preparato! Felice l'uomo che supera queste prove perchè, al di là, egli trova la Vita". (Vangelo di Tommaso)   In Luce Divina <3 Maria

 

"Volete sapere in che modo un uomo si libera dalle morti? Divenendo consapevole di essere già esistito prima di ogni nascita. E' così, è necessario morire di molte morti per conoscere la luce della nascita. In verità, in verità ti dico che se uno non nascerà di nuovo non può vedere il regno di Dio. Ciò che è generato dalla carne è carne; e quel che nasce dallo spirito è spirito. Non ti meravigliare se ti ho detto: bisogna che voi siate generati di nuovo." "Tommaso, non ti lamentare, se tutto ti va di traverso. In fondo, queste prove che tu devi superare, le inventasti tu stesso. Quanti dal cielo, si affacciano per vedere se cadi nelle trappole che tu stesso ti sei preparato! Felice l'uomo che supera queste prove perchè, al di là, egli trova la Vita". (Vangelo di Tommaso)

In Luce Divina * Maria
V. M. Carrassi

 
 
 

BUON ANNO

Post n°3409 pubblicato il 03 Gennaio 2015 da maria.carrassi
 

 

Stamattina voglio darvi il mio Buongiorno parlando della gioia ... non si può comprendere la grandezza di questo sentire fino a che non ci si risveglia alla vera vita ... l'emozione dell'essere è qualcosa di così forte e coinvolgente che niente di ciò che è umano può reggere il confronto ... si vola nella gioia ... si vola in questo eterno sentire che valica i confini del tempo e dello spazio e questo si può sentire quando si abbandona ogni attaccamento e si vive in connessione pura col creato ... la percezione di questa pura energia in un momento importante di mutazione come può essere il Capodanno è qualcosa di immenso, creato dal contesto in cui si vive ... gli alberi ... il bosco ... il vento ... il cielo sopra di noi ... tutto ciò, soltanto se si vive nella gioia e in umiltà di sentire,  può darci la percezione di quell'immenso a cui noi tutti tendiamo ... vivere nella gioia è un progetto di vita come impegno che auguro di prendere a tutti voi ... Buona giornata ... Buon Sabato ... Buon Week end ... buon Anno nel totale risveglio in luce d'amore @  Maria Carrassi

IN QUESTO BOSCO HO TRASCORSOL'ORA DI TRANSITO DAL 2014 AL 2015

 

Eccomi di ritorno ... vi do il mio buon anno parlando della gioia ... non si può comprendere la grandezza di questo sentire fino a che non ci si risveglia alla vera vita ... l'emozione dell'essere è qualcosa di così forte e coinvolgente che niente di ciò che è umano può reggere il confronto ... si vola nella gioia ... si vola in questo eterno sentire che valica i confini del tempo e dello spazio e questo si può sentire quando si abbandona ogni attaccamento e si vive in connessione pura col creato ... la percezione di questa pura energia in un momento importante di mutazione come può essere il Capodanno è qualcosa di immenso, creato dal contesto in cui si vive ... gli alberi ... il bosco ... il vento ... il cielo sopra di noi ... tutto ciò, soltanto se si vive nella gioia e in umiltà di sentire, può darci la percezione di quell'immenso a cui noi tutti tendiamo ... vivere nella gioia è un progetto di vita come impegno che auguro di prendere a tutti voi ... Buona giornata ... Buon Sabato ... Buon Week end ... buon Anno nel totale risveglio in luce d'amore @

Maria Carrassi


 

 

 
 
 

BUON ANNO

Post n°3408 pubblicato il 28 Dicembre 2014 da maria.carrassi
 
Tag: AUGURI

 

Foto: Passato Natale siamo in attesa del nuovo anno ... quanti bilanci si fanno in questi giorni ... quante speranze per il nuovo e quanta attesa ma una cosa è certa ... niente cambierà nella nostra vita se non avremo imparato a guardare il mondo con occhi diversi ... vi auguro tutto il bene possibile ma soprattutto una nuova consapevolezza nella luce d'amore verso voi stessi e il vostro prossimo ... @ Buon 2015 con tutto il cuore  <3  Maria * La Dama del Tempo

 

Passato Natale siamo in attesa del nuovo anno ...

quanti bilanci si fanno in questi giorni ...

quante speranze per il nuovo e quanta attesa

ma una cosa è certa ...

niente cambierà nella nostra vita

se non avremo imparato a guardare il mondo con occhi diversi ...

vi auguro tutto il bene possibile

ma soprattutto

una nuova consapevolezza

nella luce d'amore verso voi stessi e il vostro prossimo ... @


Buon 2015 con tutto il cuore e a risentirci nel Nuovo Anno


A U G U R I* A * T U T T I

di gioia serenità salute e amore


Maria V. M. Carrassi

 
 
 

BUON NATALE

Post n°3407 pubblicato il 25 Dicembre 2014 da maria.carrassi
 

Foto: A tutti ... amici e non ... vicini o lontani ... veri o virtuali ... auguro tanta serenità del cuore ... e che l'amore sia sempre la nostra guida ... un abbraccio dal <3 BUON NATALE   Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

A tutti ... amici e non ... vicini o lontani ... veri o virtuali ... auguro tanta serenità del cuore ... e che l'amore sia sempre la nostra guida ... un abbraccio dal cuore ...  BUON NATALE

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 
 
 
Successivi »
 

 

 

 

 

IL MIO SITO

 

 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

PREVISIONI ASTROLOGICHE

 

 

 

 

 Interpretazione dei Sogni

 

 

 

 

 

TRASLATE

nonsoloanima.tv

Preleva

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

carmelina59_2009fatadelwebpsicologiaforensealdo.giornoa64maria.carrassidony686dj_patriziadolceefollialinovenasara_1971fudinamiteblaMarquisDeLaPhoenixsensibilealcuoremaandraxMisteroAlchemico
 
 

COME APRIRE IL 3 OCCHIO

 

 

 

 

FACEBOOK

 
 

LIBRI PUBBLICATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 21
 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom