Creato da maria.carrassi il 27/02/2010

Nell'Infinito

... tentai di conoscere me stessa

 

BUONE VACANZE

Post n°3576 pubblicato il 18 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Estate

... una stagione in cui si vive all'aria aperta ...

si cambiano le abitudini

... si sorride alla vita che nel suo trionfo ci regala momenti magici ...

tutto è perfetto

... e noi cerchiamo il bello della vita ...

sorrisi ... speranze ... abbracci

tutto ciò che vediamo sia colorato di gioia

... siamo noi i protagonisti della nostra vita ...


Buone Vacanze a tutti nella luce e nella gioia del cuore @

Maria Carrassi

 

 
 
 

PREGHIAMO

Post n°3575 pubblicato il 18 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

La Preghiera è l'espressione del cuore che con sentimenti d'amore s'innalza fino a Dio ... L'Amore dilatandosi avvolge il cuore in preghiera che in una situazione di abbandono totale ascende per unirsi a Dio Padre ed averne conforto ... Non formule fisse ma pensieri in libertà, proprio come un figlio si rivolge al Padre per averne aiuto ... per chiedere luce nel buio, nel dolore, nell'afflizione... Non dubbi né incertezze mai ... Dio c'è per tutti e chi chiede con fede troverà la via della luce e della pace interiore @  

(Maria Carrassi)

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3574 pubblicato il 14 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

BAMBINO RACCONTA LA SUA VITA PRECEDENTE... RICORDA CHI LO HA UCCISO E IL POSTO IN CUI È SEPOLTO


E' successo nella regione del Golan vicino al confine tra Israele e la Siria. Un bimbo, dell' età di tre anni, ha ricordato una sua vita precedente, raccontando di essere stato ucciso con un' ascia.
Accompagnato nel villaggio ha mostrato agli anziani il posto in cui l' assassino aveva sepolto il suo corpo e, proprio dove aveva indicato il bambino, hanno trovato uno scheletro; dopodichè, il bimbo ha mostrato che, sempre in quel luogo, era stata sepolta anche l' arma del delitto. Dopo aver scavato, con la sorpresa di tutti, è stata ritrovata anche un' ascia.
Il terapista tedesco Trutz Hardo, nel suo libro, racconta la storia di questo bambino insieme a molte altre storie di bambini che, come lui, sembrano ricordare le loro vite passate con una precisione poi puntualmente verificata.
L' incredibile storia di questo bambino è stata testimoniata dal dottor Eli Lasch, conosciuto per lo sviluppo del sistema sanitario a Gaza e facente parte di un'operazione del Governo israeliano nel 1960. Il dottor Lasch, morto nel 2009, aveva raccontato questi eventi sorprendenti al terapista Hardo.
Il protagonista della storia apparteneva all' etnia drusa e, nella sua cultura, l'esistenza della reincarnazione è accettata come dato di fatto. La sua testimonianza però ha sorpreso tutta la comunità.
Il bimbo nacque con una lunga voglia rossa sulla sua testa. I druidi e altre culture credono che le voglie siano legate alle morti avvenute nelle vite precedenti.
Quando il bambino iniziò a parlare, disse alla sua famiglia di essere stato ucciso da un colpo di ascia alla testa.
È usanza degli anziani portare i bambini, quando compiono i 3 anni, nella casa in cui vissero nella vita precedente, nel caso in cui ne abbiano memoria.
Il bambino in questione ricordava da quale villaggio proveniva, così vi ci venne portato. Quando arrivarono nel paese, il bambino ricordò il nome con cui era chiamato nella sua vita passata.
Nel villaggio dissero che l'uomo, che il bambino affermava di esserne la reincarnazione, fu dato per scomparso quattro anni prima. I suoi amici e familiari pensarono che potesse essersi smarrito nel territorio ostile nelle vicinanze, come può accadere in quei posti.
Il bambino fu in grado di ricordare anche il nome completo del suo assassino.
Quando gli fu davanti, il volto del presunto killer divenne bianco, ha detto Lasch a Hardo, ma non ammise l'omicidio. Il bambino allora, chiese agli anziani di portarlo nel luogo in cui il corpo era stato sepolto. In quel luogo rinvenirono lo scheletro di un uomo con una ferita alla testa che corrispondeva alla voglia del ragazzo. Trovarono anche l'ascia, ovvero l'arma del delitto.
Di fronte a questa evidenza, l'assassino ammise il delitto. Il dottor Lash, l'unico non druso, presidiò l'intero processo.
Un' altra prova che avvalora l' esistenza della reincarnazione.

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3573 pubblicato il 14 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

LA TRASFORMAZIONE DELL'INDIVIDUO.


Tutto si svolgerà in pochi giorni. In breve sarà tutto concluso. Quando il cuore avrà cessato di battere, il corpo è abbandonato dall'abitatore: è necessario allora allontanarlo al più presto perché non è sopportabile il disgusto delle cose in dissoluzione. Il dolore per la tua scomparsa di chi ti amò, il vuoto lasciato, sarà una piaga viva ai primi tempi. Ma andrà, poi, man mano, sempre più attenuandosi.
La vita, in seguito, prenderà il sopravvento, anche per quelli che ti amavano. È necessità che la vita continui. Pure il ricordo, col tempo, andrà dileguando. In breve nessuno si ricorderà più di te. Coloro che ti avevano conosciuto avranno la stessa sorte. E tutto cadrà nell'oblio. La morte è sinonimo di amore, perché contiene lo stesso profondo ed istantaneo insorgere e lo stesso perenne rinnovamento. Questa fresca ed eterna sorgente è vita, morte, bellezza, innocenza e amore.

Pace e Amore * Maria V. M. Cararssi

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3572 pubblicato il 14 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

 

Gli antichi avevano un detto - rispose Yang Chu - che ho sempre tenuto a mente e che ora ti dirò:
"Ciò che è così senza che si sappia perché è così, è decreto celeste".

Di tutto ciò che è oscuro e incomprensibile, ingarbugliato e fortuito, che una volta è a favore e una volta è a sfavore, che un giorno va e un giorno viene, chi può conoscere la ragione? È decreto celeste.
Chi confida nel decreto celeste non ha vita lunga o breve, chi confida nella ragione celeste non ha affermazione o negazione, chi confida nella mente non ha consenso o dissenso, chi confida nella natura non ha sicurezza o pericolo.
Allora si dice che non v'è nulla in cui confidi e nulla in cui non confidi.
Così genuino e semplice, che fuggirà e che seguirà? Di che si dorrà e di che gioirà? Che farà e che non farà?
"L'uomo sommo quando sta fermo è come morto, quando si muove è come una macchina".
Non conosce né la ragione per cui sta o non sta fermo, né la ragione per cui si muove o non si muove. Non cambia di sentimento o di
comportamento perché la folla degli uomini lo guarda né perché la folla
degli uomini non lo guarda. Solo va e solo viene, solo esce e solo
entra. Chi può ostacolarlo? 

(Lieh Tzu Il classico taoista della perfetta virtù del vuoto)

 

 
 
 

CITAZIONI

Post n°3571 pubblicato il 13 Luglio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: RAVAS

 

 

Chi sei?
Sono una parte del divino tutto, un membro dell'insieme.
"Chi sono ? nel mondo illusorio.
Nome, cognome, sesso, stato civile, nazionalità,
residenza eccetera.
Chi sono in realtà?
Sono Spirito.
Sono un fascio di coscienza che prende forma nel mondo.
Sono l'assenza di forma all'interno della forma.
Sono coscienza dentro un corpo.
Sono un semplice stato di consapevolezza, prigioniero del mio corpo.
Sono l'unità, sono l'impersonale.
Sono la totalità dell'intero Universo.
Sono Uno. Sono DIO.
Ogni consapevolezza è Luce.
Tutto è soltanto dono.


(la porta del guardiano della soglia è sempre aperta)
(S. Ravas)

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3570 pubblicato il 13 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Quando si lavora su di sé si lavora per ogni sé. Guardare solo fuori è solo una scelta temporanea per non guardarsi dentro. Quando guardate dentro nel fuori c'è tutto, ma quando guardate solo fuori nel dentro c'è solo il fuori.

(Sir Ivanhof)

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3569 pubblicato il 12 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

La tranquillità della mente implica coraggio, onde tu possa affrontare senza timore le prove e le difficoltà del Sentiero; significa anche fermezza, che ti consenta di prendere leggermente i guai che vengono ad ognuno nella vita, e di evitare l'angustia continua per cose da poco nella quale tanta gente trascorre la maggior parte del tempo.

(J. Krishnamurti)

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3568 pubblicato il 12 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Ascoltati ...

sentirai in te l'eco dei tuoi pensieri che si amalgamano con il tuo sentire ...

allora mente e cuore vibreranno alla stessa frequenza e tu ne percepisci la fusione ...

diventi consapevole di te stesso quando senti

che cuore e mente vogliono la stessa cosa @

Pace e Amore * Maria Carrassi

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3567 pubblicato il 09 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Non puoi creare il nuovo restando immerso nel vecchio. Un neonato non può rimanere attaccato alla madre: affinché egli si trasformi in un essere autonomo, è necessario recidere il cordone ombelicale. La stessa cosa avviene con questa vita spirituale: una volta che hai messo piede sul sentiero spirituale e che hai deciso di vivere secondo le vie dello Spirito, devi dare un taglio netto alla tua vecchia esistenza. Non puoi tenere un piede in entrambi i mondi; la scelta spetta a te. Non tornare sui tuoi passi, ma vai sempre avanti. E' proprio quando la marcia si fa più dura che ti può accadere di desiderare con forza i cosiddetti "bei vecchi tempi" e di voler tornare indietro, ma non vi è alcuna possibilità di ritorno in questa vita: un bambino non può rientrare nel ventre della madre quando la vita diventa per lui troppo difficile, un pulcino non può tornare nel guscio, né una farfalla nella crisalide.

La vita non può tornare indietro: essa deve andare avanti, sempre avanti.

[da: "Eileen Caddy - Le porte interiori - Amrita]

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3566 pubblicato il 08 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

L'amico è innanzi tutto colui che non giudica.

Egli apre la porta al viandante, alle sue stampelle, al suo bastone deposto in un canto e non gli chiede di danzare per giudicare la sua danza. E se il viandante parla della primavera oramai sopraggiunta, l'amico è colui che riceve dentro di sé la primavera. E se egli racconta l'orrore della carestia nel villaggio dal quale proviene, l'amico soffre con lui la fame. L'amico nell'uomo è la parte destinata a te e che apre per te una porta che forse non aprirebbe mai per nessun'altro.

Il tuo amico è un amico vero, e tutto quello che dice è vero.

L'amico nel tempio, quello che grazie a Dio io sfioro e incontro, è colui che volge verso di me lo stesso mio viso, illuminato dallo stesso Dio, anche se tu sei piovuto dal cielo e io sto costruendo la mia cittadella.

Io ti posso incontrare al di sopra di tutte le nostre divisioni, e posso divenire tuo amico.

Quello che riceverai da me con amore è come un'ambasciatore del mio mondo interiore. Tu lo tratti bene, lo fai sedere e lo ascolti. Ed eccoci felici.

L'amicizia è innanzi tutto una tregua e una grande circolazione dello spirito al di sopra delle divisioni particolari. L'ospitalità e la cortesia sono incontri dell'uomo nell'uomo. Incontrerai fin troppi giudici per il mondo. Se si tratta di plasmarti in modo diverso e di rafforzarti, lascia questo compito ai nemici. Se ne incaricheranno loro, come la tempesta scolpisce il cedro. Perché Dio quando entri nel suo tempio, non ti giudica più, ma ti accoglie.

Antoine de Saint Exupéry 

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3565 pubblicato il 08 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

 

Cambiando noi costruiamo un nuovo tempio in noi ... Non si può costruire un tempio senza solide fondamenta ... Non si può costruire il nuovo tempio interiore e il nuovo mondo senza AMORE. Diamoci AMORE gli uni per gli altri e diamo Amore a quel  DIO Creatore per amore.

L'AMORE nasce e vive nelle piccole cose della vita e pian piano si radica e si espande.

Spargiamo allora semi d'AMORE ovunque andiamo e guardiamoli crescere, fiorire e prosperare. Alla fine i semi d'AMORE fioriranno anche nei cuori più duri ... ci vorrà forse del tempo perchè spuntino i germogli, ma se si prodigano cure amorevoli, essi non potranno non nascere. Non perdiamo mai la SPERANZA, seminiamo semplicemente e senza sosta AMORE, senza permettere a nessuno di far indurire il nostro cuore. Smettiamo di trovare giustificazioni per le nostre azioni e smettiamo di criticare o peggio giudicare gli altri. Ogni tanto mettiamo a nudo il nostro cuore interroghiamolo e diamogli quella pace che cerca da sempre. La Pace è solo nell'amore ... solo quando saremo una cosa sola con l'amore potremo andare ovunque liberi e gioiosi di essere ... Diamo amore senza stancarci mai ... l'Amore non è mai troppo ... più ne diamo più ne riceviamo @

 

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

 

 
 
 

CITAZIONI

Post n°3564 pubblicato il 06 Luglio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: FOTO

 

 
 
 

CITAZIONI

Post n°3563 pubblicato il 06 Luglio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: FOTO

 

 
 
 

CITAZIONI

Post n°3562 pubblicato il 06 Luglio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: FOTO

 

 
 
 

CONOSCI TE STESSO

Post n°3561 pubblicato il 04 Luglio 2015 da maria.carrassi
 
Tag: OSHO

 

 

 

"Durante l'attività quotidiana, mantieniti attenta tra i due respiri; osservando questa pratica, in pochi giorni, sii nata/o di nuovo."
Dimentica i respiri. Mantieniti attento nel mezzo. Un respiro è inspirato: prima che venga esalato, c'è la pausa. Un respiro è esalato: prima che venga inspirato, di nuovo, ecco l'intervallo. Questa tecnica deve essere praticata con assiduità, per questo viene specificato: "Durante l'attività quotidiana." Qualsiasi cosa tu stia facendo, conserva la tua attenzione nell'intervallo tra i due respiri. Perché durante l'attività? Perché distrae la mente, attira ripetutamente la tua attenzione. Non lasciarti distrarre: mantieniti focalizzato su quell'intervallo, e non interrompere l'attività, lascia che continui. In tutti noi esistono due livelli: il mondo del fare e il mondo dell'essere. La circonferenza e il centro: continua a lavorare alla periferia, ma conserva l'attenzione anche al centro. Cosa accadrà? La tua attività diventerà una semplice recita, come se recitassi una parte in una commedia. Se dimentichi quell'intervallo, ti identifichi con il ruolo, lo scambi per la vita. Ed è ciò che noi tutti abbiamo fatto: tutti noi pensiamo di vivere la vita; non è così: si tratta solo di ruoli, di una parte che ci è stata data dalla società, dalle circostanze, dalla cultura, dalla tradizione, dal paese, dalla situazione. Ti è stato dato semplicemente un ruolo, e tu lo stai interpretando, ma ti ci sei identificato. Questa tecnica serve per rompere questa identificazione. In questo caso ti sembrerà che tutta la tua vita accada a qualcun altro.

❤❤❤

OSHO TANTRA -

La scienza della trasformazione interiore - Il sentiero del reale

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3560 pubblicato il 02 Luglio 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Gli uomini cercano rifugi per se stessi: le case in campagna, sulle spiagge e sulle montagne; e anche voi desiderate moltissimo queste cose, ma questo è un fine comune a quasi tutti gli uomini, poichè è in vostro potere, qualsiasi scelta voi dobbiate fare, di ritirarvi in voi stessi. In nessun luogo, per quanto tranquillo e lontano da fastidi esso sia, un uomo può trovare rifugio come nella propria anima, specialmente quando possiede nel suo intimo pensieri tali che solo esaminandoli riesce e trovare immediatamente la tranquillità; e io affermo che la tranquillità non è che un buon ordinamento della mente.

Marco Aurelio

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3559 pubblicato il 30 Giugno 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Evocare il potere di un animale, significa chiedere d'entrare
in uno stato di completa armonia con l'energia dell'essenza di quella creatura.
La tradizione sciamanica dei Nativi nord-americani
ci insegna a scoprire il nostro potere attraverso gli animali,
con un sistema divinatorio che affonda le sue radici in una saggezza antica.
Gli animali-medicina parlano il linguaggio dell'Amore
e ci insegnano a riscoprire la nostra connessione con la Madre Terra


(Twylah Nitsch, donna-medicina del Clan del Lupo, della Nazione Seneca).

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3558 pubblicato il 29 Giugno 2015 da maria.carrassi
 

 

 

Ogni volta che agite con la saggezza (la luce) e l'amore (il calore), vi ponete sotto l'autorità dello spirito, e così, a poco a poco, formate in voi la pietra filosofale, che trasmuta ogni materia in oro. Non dovete dunque cercare la pietra filosofale se non in voi stessi, poiché non esiste pietra filosofale più potente dello spirito. Sforzatevi di raggiungere quello stato di coscienza in cui sentirete che il vostro spirito, il vostro Sé superiore, è un principio immortale, eterno, un'entità indistruttibile che viaggia nello spazio e penetra in ogni luogo. Capirete allora che nulla è più importante che utilizzare questa potenza per lavorare sulla materia - la vostra stessa materia - al fine di purificarla, vivificarla e resuscitarla. È questa la vera alchimia.a pietra filosofale è quella quintessenza spirituale che trasforma tutto in oro e in luce, per prima cosa in voi stessi, ma anche in tutte le creature attorno a voi, poiché tutto si propaga.

Ecco la dimensione sublime della pietra filosofale.

Omram Mikhaël Aïvanhov
estratto dal libro "Pensieri Quotidiani 2015" edito da Edizioni Prosveta

 

 
 
 

CONSAPEVOLEZZA

Post n°3557 pubblicato il 28 Giugno 2015 da maria.carrassi
 
Tag: OSHO

 

 

 

I condizionamenti dati dai genitori sono la più grande schiavitù che esista. Se il bambino viene allevato nel modo sbagliato, è un male per tutta l'umanità. Il bambino è il seme; se il seme è avvelenato e corrotto da qualcuno - anche se con tutte le buone intenzioni, anche se è per il tuo bene - allora non c'è speranza per l'individuo e la sua libertà.
La paura è che se il bambino viene lasciato fin dal principio senza condizionamenti, sarà così intelligente, così sveglio e consapevole, che tutta la sua vita sarà una ribellione. Nessuno vuole dei ribelli; vogliono tutti persone obbedienti.
I genitori amano il bambino obbediente, ma ricorda che il bambino ribelle è quello intelligente. Esso però non viene né rispettato né amato. Gli insegnanti non lo amano, la società non lo rispetta; viene schiacciato.
Una persona di genio esiste molto raramente, ma non perché nascano pochi geni. Il genio accade di rado perché è difficilissimo sfuggire al processo di condizionamento della società! Solo una volta ogni tanto il bambino riesce a sfuggire alle sue grinfie.
Se al bambino si permette, o meglio ancora se lo si aiuta a sviluppare la sua individualità senza creargli degli ostacoli, avremo un mondo bellissimo. Avremo tanti Buddha, tanti Socrate e tanti Gesù. Avremo una straordinaria varietà di persone geniali. (Osho)

Pace e Amore * Maria V. M. Carrassi

 

 

 
 
 
Successivi »
 

 

 

 

 

IL MIO SITO

 

 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

PREVISIONI ASTROLOGICHE

 

 

 

 

 Interpretazione dei Sogni

 

 

 

 

 

TRASLATE

nonsoloanima.tv

Preleva

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

peoniadbbettyliguoriconcimvaturellenrico505street.hasslelacey_munrovelodicristalloshematisseLisa20141semplicementeromydonata.megiannizzeralbakiara4everwhitenarcisus
 
 

COME APRIRE IL 3 OCCHIO

 

 

 

 

FACEBOOK

 
 

LIBRI PUBBLICATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 21
 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom