Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Messaggi di Agosto 2017

Pena de padre

Pena de padre

Lui je darebbe er core a 'ste crature
che s'è tirate su cor cucchiarino,
che ha cresciuto cor fiato e co' le cure
come fossero fiori de giardino;

ma li sordi, però, nun ce so' santi,
so' quelli lì, nun crescheno pe' gnente!
E oggi pe' campà discretamente,
senza fa' sciali, ce ne vonno tanti!

Li regazzini questo nu' lo sanno;
pe' loro è er tempo de le vacche grasse:
vonno avè sempre quello che nun cianno,
e daje a chiede' senza mai stancasse.

La madre j'è alleata e li difenne,
dice: - Ma insomma 'st'anime de Dio
cianno raggione. - E lui: - Nun se po spenne' -
strilla - quello che paga qui so' io! -

E ierassera quanno er regazzino
più granne ha chiesto d'annà a fa' 'na gita
co' li compagni a vede' 'na partita,
ha dato un pugno sopra ar tavolino.

Ha detto: - No, le gite nun se fanno!
La madre, come ar solito, ha pregato:
- Doppo tutto ha studiato tutto l'anno;
un premio je ce vo' perch'è passato. -

Ma lui te pare che lo faccia apposta
a negà sempre. Cianno er viso scuro
e stanno zitti madre e fijo; eppuro
nu' lo sanno quer «no» quanto je costa!

Più tardi, fra li foji d'un quaderno
che tiè in cammera, in mezzo a certe carte,
cerca li sordi ch'ha messo da parte
pe' faccese er cappotto pe' 'st'inverno.

So' ancora pochi, no, nun po' arivacce
a potello comprà. Sarterà er fosso.
E alegro, come ce l'avesse addosso,
ritorna addietro e dice ar fijo: - Vacce!

Francesco Possenti
Da: Strenna dei Romanisti, 1952, pag. 102

 
 
 

Lo scippo

Post n°4128 pubblicato il 31 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Lo scippo

Co 'na scialletta in testa fòr de moda,
appoggiata ar bastone,
nonna s'è messa 'n coda in fila indiana
e aspetta co' pazzienza francescana
er turno pe' riscote la penzione.
Un passetto pe' vorta, piano piano,
poi ecco quattro sòrdi tra le mano.
Se fa presto a contalli, ma nonnetta
li gira, li rivorta,
se li nasconne drento la borzetta,
parla da sola e ariva su la porta.
Appena sta' de fora,
'na mano traditora
j'ammolla all'improvviso 'no spintone:
'no strillo, un ruzzolone a lo scalino
e sopra ar motorino
sparisce la borzetta e la penzione.
La vecchia trema ancora de paura,
move la bocca, ma nun c'ha più er fiato:
te credo! s'è beccata, pòra donna,
du' fregature assieme in un momento:
la prima da lo Stato e la seconna
da la gran botta dell'accanimento
d'un disgrazziato, fijo de 'na mignotta.

Giuliano Malizia

 
 
 

Suffragio universale

Post n°4127 pubblicato il 31 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Suffragio universale

Un' Aquila diceva: - Dar momento
che adesso c'è er suffraggio universale,
bisognerà che puro l'animale
ciabbia un rappresentante ar Parlamento;
dato l'allargamento, o prima o poi,
doppo le donne lo daranno a noi.
Ma allora chi faremo deputato?
Quale sarà la bestia indipennente
che rappresenti più direttamente
la classe animalesca de lo Stato?
e a l'occasione esterni er su' pensiero
senza leccà le zampe ar Ministero?
Per conto mio, la sola che sia degna
de bazzicà la Cammera e conosca
l'idee de l'onorevoli è la Mosca,
perché vola, s'intrufola, s'ingegna,
e in fatto de partiti, sia chi sia,
passa sopra a qualunque porcheria!

Trilussa
1° gennaio 1914

Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 413

 
 
 

Li comprimenti a ppranzo

Li comprimenti a ppranzo

E cche jje pare a llei, sor Zebbastiano?
Lei me fa ggrazzia de servimme lei.
Sù, sù, accusí: (1) già nn'ho pprenduti sei.
Uh! er cucchiaro! e lli pijji co le mano.

Mó vvojjo favorillo io: nun zaprei...
Armanco sto bboccon de parmisciano.
Ah, ah, (2) la proscedenza (3) va ar più anziano:
lo sanno cuesto cquà ppuro l'abbrei. (4)

Sibbè cche nun è robba pe la quale, (5)
puro, (6) dico, che sso, in certa maggnera,
ce poterà scusà si è stato male.

Vale ppiù cquer piattin de bbona scera (7)
che ttutto sto sscialà der carnovale.
Tanto, (8) mó mmaggni, eppoi? Cachi stasera.

Note:
1 Basta, basta così.
2 In senso di «no», coll'a molto prolungata, esprime la negativa assoluta ad un'insistenza attuale.
3 Precedenza.
4 Gli Ebrei non istimansi quali uomini a Roma, tantoché, dovendosi parlare d'uomo, si dice un cristiano.
5 Non conveniente al caso e alla persona.
6 Purtuttavia.
7 Il piatto di buona-cera, cioè: «il buon viso nel dare».
8 Vale: «poiché ad ogni modo».

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 24 ottobre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 228)

 
 
 

A garganella

A garganella

Arza la boccia stretta ne la mano,
Mànnela avanti e indietro, e cor movélla
Fa che piscioli er vino piano piano,
Come dar becco d'una funtanella.

Trattiè' el respiro pe' un minuto sano,
Piega la lingua in forma de scudella,
Poi succhia: questo ner parlà' romano,
Noi lo chiamamo béve' a garganella.

Antonio Muñoz
Da: Strenna dei Romanisti 1956, pag. 56

 
 
 

Giustizia a Ponte

Giustizia a Ponte

Oggi, pe' Ponte, fa in su e in giù er Bargello,
da le Mole insinenta a Tordinona
e da Banchi a le Fosse de Castello
nun so... tira 'n' ariaccia buggiarona.
Co' 'sto Papa der cavolo è un macello:
una ne azzecca e cento ne smarona.

«A quell'omo, che c'è?»
«Giustizia a Ponte».
«Giustizia? e chi è er paziente?».
«La bella Cenci!».
«Oh, Dio si che me dite!
Ma se quella è innocente?».
«Lo dite voi, sentite qua, sentite,
er bando è chiaro: Nicchese perdono ...».
«E dicheno ch'er Papa è un Papa bôno!».

«Ma, fortuna pe' lei, dice che un Conte
se la vô portà via ...».
«Anime sante! ...».
«Apposta 'sta genìa
de cirenei pe' Ponte ...».
«Dico, je la farà? ...».
«Iddio solo lo sa».

In quer mentre se ferma la «carretta»
e scegne er boja co' la condannata
che viè fatta salì pe' la scaletta
detta de l' angonia. Gnissuno fiata.
Ma nun riva a metà che un tale fischia,
rulla un tamburo e ... sarvete! È la mischia.

Popolani che cacceno er cortello ...
Archibbuciate e luccichii de spada ...
«Acqua in bocca! ch' è quello, è proprio quello
che, vivo o morto, cerca a fasse strada».
«Jeso si quant'è bravo! ...».
«Che bell'affronto pe' Clemente Ottavo!».

Ma li sbirri so' tanti e tutti addosso
ch'er Conte appena appena pò fa un passo
benchè sia grinta d'addoprà er palosso
che sarìa bôno da fa a fette un sasso.
Trema, er bargello, intanto, inzin' a l'osso
e inzin'er boja nun fa più er gradasso
finchè e' rinforzo, che viè da San Pietro,
nun cià la mejo e lo respigne indietro.

E basta questo pe' finì la festa.
Er boja arza l'accetta, la più adatta,
e co' tutta la forza che je resta
piega la Cenci e je fa la corvatta.
Ma quanno mostra ar popolo la testa
e strilla forte che giustizia è fatta,
è un sopruso e un delitto; a parer mio
levà la vita a chi, benchè sia reo,
nun spetta a Papi o a Re: ma spetta a Dio!

Romolo Lombardi
Da: Strenna dei Romanisti, 1952, pag. 92

 
 
 

Lo sciroppo miracoloso

Lo sciroppo miracoloso

«Doppo i pasti» vor di' doppo magnato;
Tu devi fa' così: pija un cucchiaro,
Empito de sciroppo paro paro,
E poi mannelo giù tutto d'un fiato.

Prima però lo devi avé aggitato
Finché er colore nun diventa chiaro;
E in quanto ar saporaccio de l'amaro,
In pochi giorni ce sarai avvezzato.

Peppe mio, che lo prese pe' du' anni,
Morì d'un corpo senza di' Caino,
La notte che annavamo a San Giovanni.

Tu seguita a pijallo, e sta sicuro
Che se Dio te dà vita, io c'indovino,
Fra un par d'annetti schiatterai tu puro.

Antonio Muñoz
Da: Strenna dei Romanisti 1956, pag. 56

 
 
 

Quadretto

Post n°4122 pubblicato il 29 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Quadretto

La ronidinella piena d'allegria
Vola su verso er celo turchinello:
L'aria odorosa piena de maggia
Trasporta l'eco de 'n'aritornello.

Sopra a 'ma collinetta, lui pastorello
Tra la più belLa e santa poesia,
Assieme a la regazza sua, Maria,
Se danno un ber bacione scrocchiairello

Più in giù, propio vicino a 'na cascina
Du piccioncini stanno a fa l'amore
E un gallo fa la rota a 'na gallina

Io solo, immezzo a tutto quest'incanto
Io solamente vivo tra er dolore
Perchè Erviruccia mia sta ar camposanto!

Antonio Camilli
Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag. 132

 
 
 

Le porte de Roma

Le porte de Roma

Trovate er tempo pe' vede' le porte
de Roma antica e der Rinascimento;
fatte un programma oppure tira a sorte,
ma nun privatte de 'sto godimento.

E mettete a vede' 'sto panorama:
da porta San Pangrazio cor Vascello,
a Porta Santo Paolo e Castello;
da Porta San Giovanni a la Pinciana.

Porta Maggiore inzieme a Porta Pia
l'hai da vede' perche' so' proprìo belle;
Porta Portese pe' le bancarelle,
e Porta Furba pe' scaramanzia.

L'ultima da vedesse è Prima Porta
là c'è sempre 'na visita guidata
ma sta attento però perch'ogni vorta
uno der gruppo nu' ritorna a casa.

Zambo (Giulio Zannoni)
Da: Zambo 'na storia - Poesie in romanesco di Padre Giulio Zannoni S.J.

 
 
 

Democrazzia reale

Post n°4120 pubblicato il 29 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Democrazzia reale

Una matina er Re de la Foresta
entrò ne la bottega d'un barbiere;
dice: - Famme er piacere
de levamme 'sti ciuffi da la testa;
mó nun so' più li tempi d'una vorta:
abbasta co' li manti e le criniere!
Oggi, un Sovrano pratico,
dev'esse democratico
speciarmente nell'abbito che porta.
Pija er rasore, dunque:
e taja e raschia (1) infìn che nun me vedi
spelato come un suddito qualunque! -
Er barbiere obbedì, ma fece male:
perché doppo mezz'ora, er Re Leone,
ammalappena entrò drent'ar portone
der palazzo reale,
er popolo lo prese
per un cane danese
e nu' je fece la dimostrazzione.

Nota:
1 Radi.

Trilussa
1912

Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 412

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLIvalerio.sampieriMaristellina91oltreleparole_2010Vince198pantaleoefrancaaristofane4amistad.siempreNuvola_volaoscardellestellemolto.personalealogiconina.monamourdaunfiore
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom