Creato da lab79 il 05/02/2010

TheNesT

a place called home

 

Ultimi Commenti

Me_stessa95
Me_stessa95 il 17/10/14 alle 20:24 via WEB
Perché tanta rabbia? Perché la vita è sfuggita all'uomo, perché da solo si è tolto la propria libertà. E noi, figli di questa società malata, non possiamo più far niente, se non cercare di essere liberi, almeno dentro. Ma ci mancano le radici. Per questo cresciamo vecchi...
 
Me_stessa95
Me_stessa95 il 17/10/14 alle 20:20 via WEB
Il tuo post mi ha fatto venire in mente un'immagine che vidi un po' di tempo fa... il mondo schiacciato da una ruota.
 
beside_me
beside_me il 17/10/14 alle 11:21 via WEB
spesso parlo con la luna :)accompagna i miei viaggi da quando ero piccina..il tuo cuore però deve scoppiare...."di gioia".
 
lab79
lab79 il 16/10/14 alle 03:59 via WEB
La speranza che quest'autunno sia l'ultimo. Che finalmente l'inverno sia clemente.
 
lab79
lab79 il 16/10/14 alle 03:58 via WEB
...ed è nelle piccole cose di tutti i giorni che rischiamo di perderci...
 
Me_stessa95
Me_stessa95 il 12/10/14 alle 20:39 via WEB
E quale speranza trovi nelle foglie che cadono morte sulla terra e vengono sotterrate? Forse annunciano solo che un'altro ciclo è finito ed è in arrivo nuova vita, che però sembra sempre ripetersi ed essere la stessa... Ma in fondo ogni autunno è diverso da quello precedente.
 
Me_stessa95
Me_stessa95 il 11/10/14 alle 23:12 via WEB
Da lontano senti l'immensità e comprendi l'assurdità di questa vita... eppure è nelle piccole cose che trovo il senso.
 
manuelazen
manuelazen il 06/10/14 alle 15:36 via WEB
grazie per la traduzione
 
lab79
lab79 il 06/10/14 alle 15:05 via WEB
"Alcuni si arrabbiano, quando dico che le lingue sono soltanto strumenti. Macchine da traduzione. Amano troppo la propria lingua, oppure quella degli altri, per rinunciare a vederla come un essere amato. Ma io non dico che le lingue siano oggetti freddi. Le lingue sono remi, con cui navigare per i mari del mondo." So che è inelegante autocitarsi, però questa volta mi sembrava...attinente... ;-)
 
manuelazen
manuelazen il 06/10/14 alle 08:10 via WEB
Ci ho provato a leggere la tua lingua madre; ma a metà del primo capoverso mi sono lasciata trasportare dai suoni perchè la comprensione del significato stava andando alla malora. Non è che potresti fare una traduzione, magari come post scriptum? Mica una traduzione letterale, piuttosto come quando si traduce una lingua che racconta per immagini e si è costretti a rivedere più volte la traduzione, alla fine ci si accorge che per mantere intatte le emozioni si sono dovute usare parole completamente diverse. Lo so: ciò che si pensa in una lingua non può essere tradotto in un'altra se non snaturandolo; ma per chi non conosce la lingua originale significa rimanere esclusi dalla condivisione del senso. Ciao
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ilsegretodiNoaCallyphoraMe_stessa95lubopofante.59moNoir_sur_BlancMarquisDeLaPhoenixmlr777psicologiaforensemanuelazenvictordelbellofrancesca632Massimo.Bonaccinije_est_un_autre
 
Citazioni nei Blog Amici: 34
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom