Creato da dolcesettembre.1 il 19/10/2010
notizie choc, curiose,strane,assurde, incredibili, dall'Italia e dal mondo

.

 

http://oi56.tinypic.com/2ijp5hi.jpg

http://i49.tinypic.com/2ljt1kk.jpg

http://img96.imageshack.us/img96/125/miao.gif

http://digilander.libero.it/trinity.dd/2355064frf7mnnteh.gif

 

https://lh3.googleusercontent.com/-N3fuTS3eNds/WFBiEqOzX3I/AAAAAAACBvM/fVS3rvBomyIh1jG4LjLf0HUXl0VCWlNnwCJoC/w500-h420/5802804_30273.gif

 

.

http://www.youanimal.it/wp-content/uploads/2013/06/531157_343825179046881_1933952483_n-480x330.jpg

http://4.bp.blogspot.com/-QUS02886ubs/UlDnVDY1DVI/AAAAAAAAF-M/IjWTaJbdE2k/s1600/Pink+Roses.gif

http://3.bp.blogspot.com/-OI1ulCO9M0k/UkAlbbkUOuI/AAAAAAAAFr8/--OFyb0ypTA/s1600/Funny+Baby.gif

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13321610_551590478381718_3894659090394924886_n.jpg?oh=e6d007fb1fb13b0ae5412919c92dad1a&oe=57C2D1DD

 

.

http://www.gifandgif.com/gif_animate/Gatti/Animali%20-%20Gatti%20%284%29.gif

http://www.lucianabartolini.net/gif/cavalli/cavallo-puledro.gif

 

 

 

 

Alda Merini

E' necessario

che una donna

lasci un segno

della propria anima

ad un uomo...di sè,

perchè a fare l'amore

siamo brave tutte.

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://www.umnet.com/pic/diy/screensaver/8%5Clove-candle-85550.gif

http://img87.imageshack.us/img87/3548/etoile0473ljqp8jv4.gif

https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/s403x403/1620521_739979402681798_1832568084_n.jpg


https://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/p480x480/943149_453236554767471_656482959_n.jpg

http://i1112.photobucket.com/albums/k498/acop84/CrazyDiamond_zps0865da39.gif

 
Citazioni nei Blog Amici: 79
 

.

http://www.partecipiamo.it/gif/acqua/fiumi_e_cascate/1.gif

 

 

http://digilander.libero.it/rickytre/RICKYDUE/295ahs21.gif

http://digilander.libero.it/alleportedelsole/1539614-lg.jpg

http://img-fotki.yandex.ru/get/5907/l-bliss.18/0_4bd4d_132cc682_orig.jpg

https://s3.amazonaws.com/image.blingee.com/images19/content/output/000/000/000/80d/831314417_369088.gif?4

 

.

 

http://digilander.libero.it/redazione_blog/orologi/calcio/juventus.gif

http://blog.chatta.it/images/anima_fredda1/7349a45d-64c9-47e7-aebc-48542dc84f5d.gif

 

Ultime visite al Blog

danyvardomenico.mariani0caioarcanoENZO1952SELEgoffredo.venturaing_giuseppedimaggioellen03LaFinestraNelCortileAngelT56lavottpopi_pepomusicostefanogiuliopiazzagpstregati72soldiesismaggiore
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

A RISCHIO IL RICORDO DI LUCIO BATTISTI

Post n°3409 pubblicato il 20 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

 La lunga memoria di Lucio Battisti, il nostro più grande musicista, rischia di essere pericolosamente sfregiata da un'annosa grana legale che contrappone la moglie Grazia Letizia Veronese, al paroliere Giulio Rapetti, in arte Mogol. Nel 1998, alla morte di Lucio, i diritti sulla sua musica sono stati gestiti dalla società Edizioni Musicali Acqua Azzurra, presieduta dalla vedova. La storia dei diritti di queste canzoni è spesso discussa perché EMAA si è sempre rifiutata di renderle disponibili sui servizi di streaming musicale. Scelta molto insolita e secondo molti controproducente in termini economici. E infatti, una sentenza del Tribunale di Milano del Luglio 2016 ha condannato EMAA a pagare a Mogol la somma di 2,8 milioni di euro a titolo di risarcimento del danno, per essersi resa inadempiente ai contratti di edizione musicale sottoscritti dal noto paroliere assieme a Battisti. Adesso il figlio Luca, nato dal matrimonio con la Veronese, non vuole che EMAA sia messa in liquidazione e che i diritti delle canzoni vengano acquisiti da altre società musicali, ribadendo che i diritti d'autore spettano all'autore della parte musicale, quindi agli eredi di Lucio.Quante grane povero Battisti. Brutta storia la sua. Popolarissimo in vita, almeno per un certo periodo, destinato poi ad un oblio volontario, lontano dalle luci della ribalta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NON SOPPORTA PIU' LA MOGLIE E SI NASCONDE IN UN BOSCO PER DIECI ANNI

Post n°3408 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

Altro che "Finchè morte non vi separi". La formula di rito che accompagna la celebrazione di ogni matrimonio non faceva proprio al caso del signor Malcom Applegate, un giardiniere britannico che non sopportando più la moglie ha deciso di vivere da solo in un bosco per 10 anni. Una decisione drastica presa in segreto e nascosta anche a parenti ed amici, che per 2 lustri l'hanno creduto morto. Ma morto non lo era proprio. Mentre tutti si domandavano che fine avesse fatto, lui abitava nei meandri di una foresta e lavorava in un vicino Centro anziani, una situazione rimasta tale fino al suo recente ritorno in città, sempre a debita distanza dalla sua "odiata" consorte. Emersa la curiosa storia di Malcom Applegate, è stata raccontata dai Media Britannici, che l'hanno appresa dal Sito Internet di Emmaus Greenwich, il rifugio per senzatetto londinese dove l'uomo attualmente risiede."Prima di diventare un membro di Emmaus Greenwich, sono stato un giardiniere a Farnborough per 25 anni felici. Mi piaceva molto il lavoro e mi piace tutt'ora. Poi mi sono sposato. Da allora la mia vita è diventata sempre più triste. Più lavoravo e più mia moglie si arrabbiava. Non voleva che stessi fuori casa per troppo tempo. La sua voglia di controllarmi le è cominciata a sfuggirle di mano. Mi ha chiesto di ridurre le mie ore di lavoro, così non ho retto e sono scappato senza dire niente a nessuno, nemmeno alla mia famiglia d'origine." Al Centro anziani ha riabbracciato almeno la sorella, vive felicemente lontano dalla moglie e la sua esistenza ha di nuovo un senso.

OGGI E' IL MIO 7° ANNO DI BLOG

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA NESTLE' CANCELLA LE CROCI DALLE CONFEZIONI DI YOGURT

Post n°3407 pubblicato il 16 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Anche la più grande multinazionale nel settore dell'alimentare cede al politicamente corretto. La Nestlè ha deciso di eliminare la croce Cristiana dalle confezioni dello yogurt raffigurante le tipiche chiese ortodosse che si trovano in Grecia. Non avviene in Siria o Iraq, ma a Bruxelles, capitale del Belgio e dell'Unione Europea dove, in nome del politicamente corretto, si nega tutto ciò che riconduce alle nostre radici giudaico cristiane, e che vorrebbe la religione e cultura Cristiana relegata a vergogna della società occidentale, tanto da cancellarne tutti i riferimenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA RICONOSCIUTO IL PERMESSO DI LAVORO RETRIBUITO PER CURARE UN ANIMALE DOMESTICO

Post n°3406 pubblicato il 13 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

http://www.ansa.it/webimages/ch_620x438/2017/10/12/243586ac01082e993619f43bf0f21e8a.jpg Una dipendente dell'università La Sapienza di Roma ha ottenuto due giorni di permesso retribuito per assistere il proprio cane che doveva subìre un intervento chirurgico. La dipendente, con l'aiuto della Lega anti vivisezione(Lav), è riuscita a dimostrare che la cura dell'animale era un grave motivo personale e giustificava quindi il permesso. Il cane doveva essere operato e la padrona, un'impiegata amministrativa single non poteva delegare a nessuno l'assistenza, così ha chiesto due giorni di permesso all'università per gravi motivi personali. L'ufficio del personale le ha chiesto di motivare meglio la richiesta, visto che non c'erano precedenti per l'assistenza di animali domestici. La donna allora si è rivolta alla Lav. Il presidente Gianluigi Felicetti e l'ufficio legale hanno rintracciato alcune sentenze della Cassazione che stabilivano che la mancata cura di un animale configura il reato di maltrattamenti. L'impiegata ha potuto sostenere così che, se non avesse assistito il suo cane avrebbe commesso un reato. L'università, ricevuto anche il certificato del veterinario, le ha concesso il permesso. "Ora, con le dovute certificazioni medico-veterinarie, chi si troverà nella stessa situazione potrà citare questo importante precedente." ha dichiarato Felicetti." Un altro significativo passo in avanti che prende atto di come gli animali non tenuti a fini di lucro o di produzione sono a tutti gli effetti componenti della famiglia. E' un altro passo avanti verso un'organica riforma del Codice Civile che speriamo il prossimo Governo e il prossimo Parlamento avranno il coraggio di fare, approvando la nostra proposta di Legge ferma dal 2008."


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'INCREDIBILE CASO DELLA PICCOLA EMILY

Post n°3405 pubblicato il 12 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

 A 4 anni ha iniziato ad avere le mestruazioni, e a 5 i primi segni della menopausa. E' il caso di una bimba Australiana del Nuovo Galles del Sud, che soffre della malattia di Addison, una malattia rara che colpisce la corteccia delle ghiandole surrenali, riducendo o azzerando la produzione di ormoni indispensabili per la vita, come il cortisolo e l'aldosterone. La vicenda è segnalata dai quotidiani Mirror Online e The Indipendent. Alla piccola Emily Dover, nel giro di poco tempo, sono cresciuti seno, peli pubici è le è venuto l'acne, e a 5 anni pesa 44 kg."Non ha mai avuto la possibilità di essere una bambina piccola," si rammarica la madre Tam. La bimba è consapevole delle sue dimensioni diverse rispetto alle sue compagne di scuola, che non possono capire la gravità della sua malattia, i cui primi segni hanno iniziato a manifestarsi ad una settimana dalla nascita, quando ha iniziato a crescere rapidamente e le costava dormire. A 4 mesi aveva le dimensioni di una bimba di un anno, e a 2 anni ha iniziato a crescerle il seno e ad avere l'acne. Dopo 4 anni di test e analisi inconcludenti, le è stato diagnosticato l'Addison che generalmente colpisce solo gli adulti dai 30 anni in poi. In pochi casi viene diagnosticata nei bambini, in cui innesca una pubertà precoce e i necessari trattamenti ormonali inducono i sintomi della menopausa. La bimba soffre anche di disturbi dello spettro autistico e di ansia, un sintomo comune dell'Addison. La madre di Emily ha creato una pagina Internet, GoFundMe, per raccogliere fondi per pagare le costose terapie ormonali che sua figlia deve iniziare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VATICANO, EX RETTORE DI UN SEMINARIO AMMETTE DI AVERE UNA RELAZIONE E DUE FIGLI

Post n°3404 pubblicato il 09 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Aveva lasciato la guida del Seminario del Pontificio Collegio internazionale Maria Mater Ecclesiae dei Legionari di Cristo a Roma e al suo posto, ad Agosto, era arrivato un nuovo Rettore, ma soltanto adesso, la stessa congregazione rende note le ragioni della sostituzione di Oscar Turrion. L'ex Rettore ha ammesso di avere una relazione e due figli. I Legionari finiscono così di nuovo al centro delle cronache, dopo gli scandali causati dalla storia del loro fondatore Marcial Maciel Degollado, che fu autore di abusi e violenze sui minori. Padre Turrion, a Marzo di quest'anno aveva informato i superiori di avere una relazione con una donna dalla quale era nata una figlia. Subito era stata avviata la procedura per chiedere alla Santa Sede un nuovo Rettore che in effetti si è insediato lo scorso Agosto. La scorsa settimana poi, il sacerdote spagnolo, non ancora 50enne e appassionato di calcio, tanto da scendere in campo con i suoi Seminaristi nelle partite delle Clericus Cup, ha ammesso di avere un secondo figlio dalla stessa relazione e di volere lasciare il sacerdozio. I Legionari hanno fatto sapere di essere rattristati, e sottolineano l'esempio negativo di un formatore e di un Rettore che ha su di loro e sui fedeli cristiani. Padre Turrion, la scorsa primavera, aveva chiesto ai superiori un periodo di riflessione e si era impegnato a non esercitare il Ministero Sacerdotale in pubblico. Ora, l'annuncio di voler lasciare la tonaca per occuparsi della sua famiglia. Era stato scelto come Rettore solo 3 anni fa e in quell'occasione aveva dichiarato di apprezzare la fiducia che i Legionari stavano riponendo in lui per svolgere il delicato compito di formare i nuovi sacerdoti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

DISOCCUPATO 23ENNE COMPRA UNA CAVERNA PER UN EURO: LA SUA VITA CAMBIA PER SEMPRE

Post n°3402 pubblicato il 04 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Quando un disoccupato di 23 anni l'ha acquistata 4 anni fa, non era altro che una caverna scavata nella pietra, ma oggi si è trasformata, grazie alla determinazione del giovane, in una struttura accogliente e persino in una fonte di reddito. Nella valle della Loira in Francia, il giovane Alexis Lamoureux è riuscito ad entrare in possesso di una caverna come ce ne sono tante in quella zona, formatesi in seguito all'attività estrattiva dell'XI secolo, spendendo un solo euro. Lui e la sua ragazza erano rimasti senza lavoro dopo la chiusura del bar dove erano stati impiegati nei 3 anni precedenti, così Alexis ha cominciato a pensare ad un'abitazione più economica da sostenere nella nuova condizione di disoccupati. Si è ricordato di una grotta abbandonata in cui aveva vissuto una sua zia almeno 25 anni prima, ed è andato a visitarla. La caverna era invasa dai rifiuti, senza acqua corrente ed elettricità, ma il giovane ne ha intravisto il potenziale, e non appena il governo ha messo all'asta la struttura, ha offerto la cifra simbolica di un euro. Poiché non vi erano altri interessati si è aggiudicato la caverna. In 12 mesi, e investendo tutti i risparmi messi da parte negli anni di lavoro al bar, Alexis e la fidanzata sono riusciti a trasformare una sporca caverna in un accogliente alloggio che riscuote anche molto successo su Airbnb, dove è possibile prenotare un soggiorno nell'insolita camera da letto dell'Amboise Troglodyte Bed and Breakfast.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

E' "DEPRESSA", INVECE HA IL CANCRO. QUANDO E' IL MEDICO AD AVER BISOGNO DI AIUTO

Post n°3401 pubblicato il 02 Ottobre 2017 da dolcesettembre.1
 

Quella della signora cui è stato diagnosticato un malessere psicologico al posto del cancro, di cui invece soffriva è una storia brutta e triste. Quanto sconforto, mentre ripetutamente cerca aiuto perché non si sente bene, e invece viene rimandata a casa, forse è esaurita o depressa. Errore madornale! I medici si trovano oggi al minimo storico della loro popolarità. C'è un pensiero comune sciatto che li priva di prestigio, di potere, li sospetta di scarsa competenza, iperspecializzati e incapaci di vedere una persona nella sua interezza, insensibili, quando non assoggettati alle lobby farmaceutiche, e così via. Il medico fa un lavoro difficilissimo, analizza complesse configurazioni di informazioni, prende decisioni colme di responsabilità, riducendo la questione alla sua ultima essenza, ha per le mani salute e malattia, gioia e dolore, vita e morte di una persona. Non è facile. Quando il medico individua la malattia di cui il paziente soffre, considera le emozioni di quest'ultimo come una fisiologica reazione a quella malattia. Ma quando il medico non vi riesce, può trovarsi nella posizione scomoda di sentirsi lui incerto e dubbioso e, come medico, impotente. La forte pressione sociale sul suo mandato gli impone di dare una risposta al paziente, gli impedisce di dire "non lo so". Se rimanda al paziente una diagnosi psicologica, raramente lo fa per tracotanza, piuttosto è il suo tentativo, certamente inopportuno di trovare una risposta rassicurante alla sua incertezza.Chiedere aiuto, consulenza a qualcun altro non è un segno di capitolazione, ma dimostrazione della saggezza di pacificarsi con la propria conoscenza imperfetta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUANTE SCELTE SENZA SENSO COI SOLDI DEGLI SMS SOLIDALI

Post n°3400 pubblicato il 29 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

Macerie e morti. Distruzione e disperazione. Cos'ha provato chi a fine Agosto 2016 ha visto scorrere le immagini del terremoto di Amatrice? E cos'ha pensato nel momento in cui col cuore e con le mani ha risposto all'appello d'aiuto pigiando sulla tastiera del telefonino il numero 45500 per donare immediatamente 2 euro? Dove, a chi e per cosa pensava di mandare quei soldi? Per rispondere bisognerebbe poter entrare nella testa dei donatori. E non è facile. Se la raccolta ha raggiunto i 33 milioni, vuol dire che gli sms solidali sono stati 16 milioni e mezzo. Sono tantissimi, arrivati da milioni di numeri diversi. Spediti da milioni di cittadini, tutti, o quasi legati da una stessa emozione, dallo stesso intento, dalla stessa volontà di aiutare i Paesi e le persone più colpite dal sisma. Peccato che i soldi abbiano poi preso altre strade. Dove sono andati a finire, perché e per colpa di chi siano stati dirottati sta cercando di chiarirlo un'inchiesta ancora contro ignoti, aperta nei giorni scorsi dalla Procura di Rieti. Di certo, nessuno li ha rubati o imboscati. Più che altro si sono dispersi per le vie più disparate, investiti in una serie di impieghi difficili da concepire anche per la più fervida delle fantasie. Tra la polvere e le urla che un anno fa salivano dalle macerie, chi l'avrebbe mai immaginato che i 2 euro inviati via sms sarebbero serviti per una pista ciclabile, l'ammodernamento di una strada provinciale, il ripristino del sudatorio di una grotta termale, la realizzazione di sette piattaforme per l'atterraggio degli elicotteri e la sistemazione di una scuola in un paesello fuori dal cratere sismico? Nelle zone terremotate se ne parla da mesi e non sempre in modo sereno. Il 13 Luglio scorso uno scoop del sito Cronache Maceratesi ha rivelato il finanziamento di 5,5 milioni per la pista ciclabile Civitanova-Sanremo, ed ha costretto la Regione Marche a rimangiarsi il progetto approvato due giorni prima. Mugugni e lamentele non si sono fermati e ad amplificarli ci ha pensato Sergio Pirozzi sindaco di Amatrice, il Paese in provincia di Rieti divenuto simbolo del disastro di un anno fa che ha detto:"E' stata tradita la fiducia della gente. Va bene mettere a posto le scuole, ma andavano finanziate con i fondi per l'edilizia scolastica, non con il tesoretto degli sms solidali. Chi ha sbagliato chieda scusa agli Italiani."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GLI HACKER ENTRANO NELLA NOSTRA VITA PER RUBARE INFORMAZIONI

Post n°3399 pubblicato il 28 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

Detta così sembra la sceneggiatura di una serie tv, ma di fantastico c'è ben poco. La minaccia hacker può entrare nelle nostre case attraverso qualsiasi dispositivo elettronico. Ogni apparecchio collegato a Internet o in grado di dialogare con il nostro telefonino può rappresentare una porta d'accesso. In realtà, degli estranei si sono appropriati della nostra privacy, delle nostre abitudini, e noi diventiamo tracciabili anche quando accendiamo o spegniamo la luce. Gli hacker potrebbero bloccarci di colpo tutti gli elettrodomestici e chiedere alle aziende produttrici un riscatto per riaccenderli. O ancora, potrebbero rubarci l'identità, girare i nostri dati a qualche società che imposta ricerche di mercato, o manipolare le nostre bollette. Poco tempo fa, due informatici di una società statunitense hanno simulato un attacco hacker a Las Vegas, durante un incontro Stampa, mandando in tilt l'intero impianto di aria condizionata di un albergo. Restando nell'ambito delle simulazioni, è stato dimostrato che non ci vuole granchè nemmeno a manomettere il computer di bordo di un'auto e guidarla a distanza come fosse un giocattolo. La minaccia riguarda tutti:singoli individui, grossi marchi e anche piccole imprese e start up, costrette a pagare il riscatto pur di non fermare il lavoro. Altro pericolo:il pacemaker del cuore. Anche quelli hanno un codice e possono essere gestiti da "remoto" per la manutenzione ordinaria evitando interventi chirurgici. Qualche mese fa negli Stati Uniti, l'allarme è scattato davvero. La società sanitaria Abbott Laboratories ha inviato una lettera al personale medico degli Usa, avvertendo che alcuni dei suoi pacemaker contenevano falle informatiche e potevano diventare bersaglio degli hacker. Oltre 460 mila pazienti sono stati convocati per l'aggiornamento dati del dispositivo cardiaco. "I dati emersi dall'analisi di centinaia di attacchi gravi del primo semestre 2017 sono emblematici, spiega Andrea Zapparoli Manzoni, membro del comitato direttivo Clusit. "Senza investimenti adeguati in sicurezza , l'applicazione delle tecnologie informatiche al business e nelle vite dei singoli cittadini, rischia di diventare  un boomerang, generando rischi economicamente e socialmente insostenibili."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UN MILIONE DI MAMME MALTRATTATE IN OSPEDALE DURANTE IL TRAVAGLIO

Post n°3398 pubblicato il 25 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Negli ultimi 14 anni un milione di mamme hanno vissuto un'esperienza di violenza ostetrica durante il travaglio o il parto. A rivelarlo è la prima ricerca nazionale realizzata dalla Doxa per conto dell'Osservatorio sulla violenza ostetrica in Italia, in collaborazione con le associazioni La Goccia Magica e CiaoLapo Onlus. Durante l'esperienza che dovrebbe essere la più emozionante nella vita di una donna, il 21% delle madri, con figli di età da zero a 14 anni, dichiara di aver subìto un maltrattamento fisico o verbale durante il primo parto, e 4 su 10 raccontano di aver subìto azioni lesive della dignità personale. Esperienze così traumatiche, stando alle testimonianze raccolte, che avrebbero spinto il 6% delle donne negli ultimi 14 anni di scegliere di non affrontare una seconda gravidanza, provocando di fatto la mancata nascita di circa 20.000 bambini ogni anno. Presentati a Roma i risultati della ricerca "Le donne e il parto" realizzata per indagare il fenomeno sommerso e poco conosciuto della cosiddetta"violenza ostetrica", cioè, l'appropriazione dei processi riproduttivi della donna da parte del personale medico. In particolare, la principale esperienza negativa durante la fase del parto è la pratica dell'episiotomia subìta da oltre la metà(54%) delle donne intervistate. Un tempo considerata un aiuto alla donna per agevolare l'espulsione del bambino, oggi l'Oms la definisce una pratica dannosa, tranne in rari casi, poiché si tratta a tutti gli effetti di un intervento chirurgico. Tre partorienti su 10 negli ultimi 14 anni, vale a dire 1,6 milioni di donne, dichiarano di non aver dato il consenso informato per autorizzare l'intervento. Tuttavia, la pratica dell'episiotomia non sembra essere sparita dalle realtà ospedaliere italiane: una donna su 2 l'ha subìta, per il 15% delle donne che hanno vissuto questa pratica, pari a circa 400.000 madri, si è trattato di una menomazione degli organi genitali, mentre il 13% delle mamme, pari a circa 350.000 con l'episiotomia ha visto tradita la fiducia nel personale ospedaliero. La ricerca è nata dall'iniziativa dell'Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia, istituito e fondato da Alessandra Battisti e Elena Skoko.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PERCHE' SI SCEGLIE DI TENERE UN PITBULL?

Post n°3397 pubblicato il 23 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Qualche giorno fa in provincia di Brescia, una bimba di 14 mesi è stata azzannata a morte da due pitbull presenti nel giardino di casa e poi abbattuti. Se si decide di prendere un pitbull, bisogna essere consapevoli che è un cane che ha un forte bisogno di una relazione continuativa:ha necessità che il proprietario sia una guida capace di dargli regole ma anche gesti di tenerezza. E' massiccio, ha una mandibola potente, è un cane da "presa", combattivo, territoriale ed ha bisogno di una relazione attiva fatta di giochi e collaborazione con il proprietario. E' impegnativo, non è da tutti. Però, quando i pitbull o cani di questo tipo vengono seguiti e gestiti bene da tutta la famiglia, diventano i cani migliori che ci possono essere. Quindi, le categorie di umani che preoccupano di più e che rischiano incidenti sono sia i ragazzotti che scelgono questi cani per proiettare un'immagine aggressiva, da bulli, sia soprattutto le persone che prendono uno o più pitbull per tenerli in giardino a fare la guardia alla casa. Se lasciati da soli, e senza relazioni umane, i cani faranno branco tra loro e non accetteranno più il padrone come una guida. A questo punto, la loro aggressività diventerà un pericolo per tutta la famiglia. Possono attaccare sia adulti, ferendoli alle gambe, sia bambini, si solito puntando a faccia, collo e nuca che sono le parti più esposte. Non bisogna mai lasciare da solo un bambino con un cane, pur buono e docile che sia, anche solo per fargli le "feste". Il cane può buttare per terra il bambino. Almeno fino ai 4 anni del bambino, deve essere presente un genitore. Il cane, in generale è collaborativo, se chi lo possiede si fa valere e diventa il suo punto di riferimento, dando segnali precisi, gestendo il momento dell'alimentazione, la relazione sarà corretta e non si correranno pericoli.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CLASSE SOLO DI BIMBI IMMIGRATI E NEMMENO UN ITALIANO

Post n°3396 pubblicato il 21 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

 E'proprio dalle scuole che i figli degli immigrati stanno scalzando via i figli di italiani. E' una questione di numeri:ne fanno di più. E così succede che le classi diventino sempre più multietniche. Nei giorni scorsi Il Giornale aveva raccontato di una classe dell'istituto tecnico Schiapparelli-Gramsci di Milano, dove su 26 alunni soltanto 3 sono italiani. Oggi, Libero tira fuori il caso della scuola elementare Rosmini di Padova, dove, dietro i banchi della prima, siedono ben 24 bimbi di nazionalità diversa, tra questi non c'è nemmeno un italiano. Perché a dispetto delle Campagne buoniste sull'accoglienza, sono la riprova che l'integrazione è impossibile. I pochi italiani che restano sono preoccupati, mentre quelli che possono scappano."Ma con chi parlerà mio figlio/a? Si chiedeva nei giorni scorsi la madre di un iscritto allo Schiapparelli-Gramsci di Milano. I ragazzini che arrivano dallo stesso paese tendono a fare gruppo chiuso, e gli italiani sono in netta minoranza. "Come sarà la vita di mio figlio/a in classe? Rimarrà escluso." E così succede come a Padova che gli italiani preferiscono iscrivere i figli altrove. Ma anche gli immgrati sono preoccupati per i propri bimbi."Con 23 compagni stranieri e nessun italiano in classe, spiega un egiziano a Libero,"mio figlio non imparerà nulla se non sarà mai integrato."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Buon Martedi

Post n°3395 pubblicato il 19 Settembre 2017 da dolcesettembre.1

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I DATI ISTAT CHE CERTIFICANO IL FALLIMENTO DEI MATRIMONI INTERRELIGIOSI

Post n°3394 pubblicato il 18 Settembre 2017 da dolcesettembre.1

 Sono un fallimento, dati alla mano, i matrimoni in Italia tra cattolici e musulmani. Le nozze interreligiose, come dicono i dati Istat durano poco. Negli ultimi 2 anni, come si legge su Il Giornale, sono stati 4.260 i matrimoni, pari al 15% del totale. Non pochi. Ma sempre più spesso,  questi matrimoni falliscono in tempi brevi. Il 73% dei matrimoni misti si rompe dopo 3 anni nel caso in cui la coppia è formata da donne di credo cattolico e uomini di fede islamica. Gli uomini italiani che negli ultimi 2 anni(2015-2016), hanno sposato una cittadina straniera hanno scelto nel 20% dei casi, una moglie rumena, nel 12% un'ucraina e nel 6% una russa. Le donne italiane che hanno sposato un cittadino straniero, hanno scelto più spesso uomini provenienti dal Marocco(13%), dall'Albania(11%) e dalla Romania(6%). Vale a dire che per il 24% gli stranieri che contraggono il matrimonio sono uomini di fede musulmana(marocchini e albanesi.) La tenuta dei matrimoni misti è pressoché uguale in tutta la penisola, senza differenze di aree. Le donne italiane che hanno scelto un partner straniero provenienti dal Nord Africa sono tra le prime protagoniste di separazioni e divorzi. E il motivo preponderante dell'instabilità coniugale che porta poi alla fine dell'unione è la diversità di confessione fra i coniugi che, già nei primi mesi dopo il matrimonio, comincia a costituire ostacoli. Il fatto che questi matrimoni vengano celebrati con rito civile fa emergere, dalle analisi statistiche effettuate, quanto invece il matrimonio religioso freni la propensione al divorzio.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

.

Post n°3393 pubblicato il 16 Settembre 2017 da dolcesettembre.1

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL DUBBIO SUI MIGRANTI CHE ABBANDONANO LE LORO DONNE IN GUERRA

Post n°3392 pubblicato il 15 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Il viaggio delle donne migranti verso l'occidente è un fiume parallelo, il lato meno illuminato dello spostamento delle masse dal Nordafrica e dal Medio Oriente verso l'Europa. Ed è anche uno dei terreni su cui esplodono le più grandi contraddizioni di chi insegue una lettura ideologica delle migrazioni. Alla trasmissione di La7 a "l'aria che tira" ci ha pensato proprio una donna a farle emergere. Susanna Ceccardi, sindaco leghista di Cascina(Pisa) ha colto in contropiede Don Biancalani,(foto), il prete finito al centro delle polemiche per il "bagno antirazzista" in piscina. "Vorrei sapere da loro dove hanno lasciato le loro mogli, fidanzate, sorelle e madri. Perché sono venuti quì da soli? Se vengono da Paesi di guerra le hanno lasciate la?" Una domanda fintamente ingenua, cui il sacerdote ha replicato con fastidio, cadendo nella provocazione."Ne parte uno solo per famiglia, il viaggio per una donna è troppo pericoloso." Una risposta che mette a nudo uno degli artifici retorici usati da chi crede in un'accoglienza incondizionata che, come si è visto si è rivelata un'utopia dannosa, un boomerang per i migranti stessi. Secondo un sondaggio dell'Oim, l'82% delle donne che viene in Italia parte perché  altri hanno deciso per lei, 4 su 10 scappano da discriminazioni e violenze in famiglia. Don Biancalani farebbe meglio a parlare di questi temi con i suoi ospiti tra un bagno e l'altro.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AZIENDA MINACCIA I DIPENDENTI: SARANNO PUNITI SE EVACUERANNO 24 ORE PRIMA DELL'URAGANO IRMA

Post n°3391 pubblicato il 13 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

http://img2.tgcom24.mediaset.it/binary/articolo/twitter/74.$plit/C_2_articolo_3094027_upiImagepp.jpg Se evacuate il posto di lavoro prima di 24 ore dall'arrivo dell'uragano Irma sarete puniti. Questa la minaccia di un Pizza Hut di Jacksonville in Florida, ai suoi dipendenti. Irma stava devastando le coste statunitensi e l'allerta continuava ad essere alta, ma i lavoratori dovevano dimostrare "fedeltà" nonostante tutto. La lettera, poi pubblicata sui social, è stata oggetto di forti polemiche, tanto che il direttore della catena ha dovuto distanziarsi:" Abbiamo preso dei provvedimenti." Ha scritto sul web. Non solo. I lavoratori erano tenuti a fissare il ritorno entro le 72 ore successive." Il mancato rispetto di questi turni, indipendentemente dalla ragione, verrà considerato come un'assenza e verrà rilasciata una documentazione. Dopo l'uragano avremo bisogno di tutti i membri del team per aprire il negozio e servire la comunità secondo le necessità." Si legge nella lettera, una vera e propria lista di istruzioni che i lavoratori avrebbero dovuto rispettare nonostante il pericolo Irma. Da qui la richiesta delle 24 ore prima e delle 72 dopo. Evacuare così tardi, però, poteva essere una mossa rischiosa. Le provviste, per allora, sarebbero potute terminare e, soprattutto, il traffico sarebbe stato intenso, come aveva affermato lo stesso sindaco di Miami, Mayor Carlos A. Gimenez. Tanti i commenti sui social contro la lettera, tanto che l'azienda ha dovuto prendere le distanze:" Non abbiamo nessuna politica ufficiale che impone ai membri del team quando possono tornare o lasciare il posto di lavoro durante una calamità naturale, e il direttore che ha inviato questa lettera non ha seguito le linee guida dettate dall'azienda. Abbiamo preso dei provvedimenti." Ha scritto Pizza Hut sul sito ufficiale.


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA STRAORDINARIA FIORITURA NEL DESERTO PIU' ARIDO AL MONDO

Post n°3390 pubblicato il 11 Settembre 2017 da dolcesettembre.1
 

 Con soli 15 mm all'anno di pioggia, in media, il deserto di Atacama in Cile, 105.000 km quadrati di nulla tra il Cile e il Perù, è uno dei luoghi più aridi e inospitali del pianeta. Eppure, anche qui, dove sabbia, roccia e sole la fanno da padroni, una volta ogni 5-7 anni è possibile assistere ad un miracolo della natura. Un'immensa, spettacolare fioritura trasforma questo paesaggio lunare in un prato colorato come un pascolo alpino. Il merito è delle precipitazioni autunnali che periodicamente si manifestano con eccezionale abbondanza, e in quelle rare occasioni permettono ai semi di oltre 200 specie di fiori di sbocciare in una tardiva primavera. Quest'anno lo spettacolo della fioritura si è manifestato con largo anticipo rispetto al solito, ed ha richiamato nel deserto di Atacama migliaia di turisti armati di smartphone e macchine fotografiche. E così l'hasthag #DesiertoFlorido2017 in pochi giorni è entrato nei treding topic di Twitter e Instagram.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

.

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/19/e6/3c/19e63c484220b06ced9a358c9d72c023.gif

https://lh6.googleusercontent.com/-KqbD6NmmCNQ/VoFYKq6EdXI/AAAAAAAAoN0/FmElXblAPkE/w333-h500-no/10168089_1053392024705415_4505519745529202206_n.jpg

 

.

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/1a/8c/00/1a8c00e8a3cad120ba7a7440b1252445.gif

 

http://i41.tinypic.com/2zptb2u.jpg

 

http://38.media.tumblr.com/60b72f9f5803609ddcfbabc353af7452/tumblr_mtb1m5ziTC1r3k15eo1_250.gif

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/c3/0b/34/c30b34a3b7ae7aee616343c154d7240d.gif

http://img25.dreamies.de/img/354/b/nptlx2052la.gif

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xlp1/v/t1.0-9/12931096_1101123863264403_942645263046489282_n.jpg?oh=2657ded49cb169c27c9c157d0126be5a&oe=57BBA3FE

 

.

http://sweetmoments.altervista.org/images/gif_animate_cuori_glitter_16.gif

http://img3.dreamies.de/img/118/b/nxynipkn4w2.gif

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn2/t1/p370x247/1554612_796185940397325_381389677_n.jpg

http://i37.tinypic.com/16hua37.jpg

http://image.blingee.com/images15/content/output/000/000/000/4d7/350154086_1041299.gif?4

https://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xap1/v/t1.0-9/10942755_748864338541508_7209471204533447425_n.jpg?oh=6ab6d3c7efca3405a06425d74420ead8&oe=555B9329

 

Donna

Mentre urli alla tua donna

sappi che c'è un uomo

che dedidera parlarle all'orecchio.

Mentre la umili,

insulti,sminuisci,

sappi che c'è un uomo

che la corteggia

e le ricorda

che è una gran donna.

Mentre la violenti,

sappi che c'è un uomo

che desidera

fare l'amore con lei.

Mentre la fai piangere,

sappi che c'è un uomo

che le ruba sorrisi.

VIVA LE DONNE

MERAVIGLIE DELL'UNIVERSO!!   

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://digilander.libero.it/alleportedelsole/6fkg70j.gif

http://digilander.libero.it/cieli/cat_walking2-ani.gif

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31