Community
 
mia_forever
Sito
Foto
   
 
Creato da mia_forever il 07/06/2006
Tutto ciò che mi passa per la testa, deve prendere forma...deve uscire per evitare che si annidi dentro di me creando danni irreparabili! E proprio qui lo scriverò!!!!
 

 

AUGURONI

Post n°229 pubblicato il 07 Ottobre 2008 da AntoA.B

TESORINA MIA NON TI DIMENTICO E,
MALGRADO LE DIFFICOLTA' E LE PREOCCUPAZIONI,
TI ABBRACCIO E TI AVVOLGO NEL
MIO AFFETTO ED AMICIZIA
TI VOGLIO BENE SEMPRE

BUON COMPLEANNO

BACIOTTI TUO ANTO

 
 
 

Post N° 228

Post n°228 pubblicato il 08 Aprile 2008 da mia_forever

Quanto tempo è passato senza che io passassi da queste parti... tra queste pagine... e quasi quasi mi emoziono a leggere qualche pagina importante della mia vita.

Ritorno dopo un periodo particolare...doloroso...difficile...un periodo in cui ho chiuso con tutto e tutti per un bisogno di fare pace con me stessa,con la mia vita e i miei sentimenti.... forse oggi avrei troppe cose da raccontare e sicuramente con il tempo ci riuscirò.

Ho tenuto dentro di me troppe cose, ed oggi qul peso è diventato insopportabile. Ma ho dovuto allontanare tutte le mie fragilità per poter stare accanto a chi ne aveva bisogno, senza portare ulteriori pesi in una situazione già ingestibile di suo. Ho dovuto acquistare alle bancarelle sorrisi che non valevan nulla, perchè magari erano belli da vedere e donavano serenità al mio unico amore, mio padre. Ma quei sorrisi erano di materiali scadenti, cancerogeni.... e dentro portavano solo più dolore.

Ti trovi improvvisamente catapultata in un mondo non tuo, che ti travolge alla velocità della luce. E i problemi erano tanti...troppi.... e ho abbandonato la mia vita, i miei interessi....

Ma forse sono di nuovo qui.... forse saprò tirar fuori il dolore...i pensieri...

 
 
 

Post N° 227

Post n°227 pubblicato il 07 Ottobre 2007 da ranocchio_567

BUON COMPLEANNO TESORINA

BACIONI CON TANTISSIMO AFFETTO

  ANTO' 

 
 
 

Post N° 226

Post n°226 pubblicato il 28 Agosto 2007 da ranocchio_567
 

TESORINA MI MANCHI UN SACCO...

RICORDA HAI SEMPRE UN POSTICINO TUTTO PER TE

NEL MIO  CUORE 

Antò

 
 
 

Post N° 225

Post n°225 pubblicato il 30 Giugno 2007 da ranocchio_567
 

PER TE

TESORINA MIA

SEI SEMPRE

NEI MIEI PENSIERI

antò

 
 
 

Post N° 224

Post n°224 pubblicato il 05 Maggio 2007 da ranocchio_567

immagine

Tenerina Mia sei sempre nei nostri pensieri

 
 
 

Post N° 223

Post n°223 pubblicato il 07 Aprile 2007 da ranocchio_567

immagine

Auguri Tenerina Mia!

 
 
 

Post n°222 pubblicato il 05 Aprile 2007 da mia_forever
CAFFE' SFUMATO.....

Ieri pomeriggio ho visto Alex.... come vi avevo anticipato... cioè, sono andata in banca e dopo aver sbrigato tutte le cose che dovevo fare decido di bussare alla sua porta. Un pò mi prendeva male, lo devo ammettere.
Il problema è che fondamentalmente ho un carattere strano. Sono un vulcano in continua eruzione con la gente in genere... una persona solare... allegra.. estroversa... ma con l'altro sesso mi chiudo un pò quando non c'è un vero e proprio rapporto d'amicizia, e magari vedo la possibilità di qualcosa di diverso.
Scendendo le scale pregavo che ci fosse gente in fila davanti alla sua porta... che fosse impegnato... insomma mi vergognavo da morire. Mi Son fatta coraggio.... ho bussato.... ed ho trovato lui che mi aspettava con un caffè fumante sul tavolo....( che mi ha spiegato aver fatto quando mi ha visto scendere le scale dalla telecamera)
Ci sediamo... e premetto che parlare del più e del meno con uno sconosciuto... su un posto di lavoro... sia la cosa più imbarazzante al mondo, per cui abbiamo orientato il discorso sul lavoro.... e mi ha dato un sacco di consigli....
Quando finalmente mi sono sentita un pò più a mio agio... più sciolta e naturale possibile... ci siam messi anche a scherzare...
gli dico...." Però dovevo offrirtelo io il caffè, così non vale.... volevo ringraziarti dei consigli e per avermi riconosciuta...." lui sorride.... sorride sempre, chissà magari lo fa perchè è in imbarazzo... e si aiuto invita al bar per la prossima volta, temendo che chissà quanti mesi dovevano passare prima che io decidessi di farmi vedere....ma stavolta lo colpisco, e lo affondo con l'affermazione semplice.... " a domani mattina..."
ALEX si è messo a ridere dicendomi che sperava fosse vero.....
E stamani stessa storia... vado in banca presto, anche se devo dire che mi rendo conto di prestare molta attenzione a ciò che indosso.... agli accessori giusti... alla giusta dose di profumo. Siamo donne... "dolcemente complicate"...
Stessa situazione.... mi sbrigo le mie cose.... e poi mi metto in coda davanti alla cassa. Giuro che stamattina non mi importava nulla di perdere del tempo prezioso.... e c'era così tanat gente che avrebbe spaventato chiunque.... e anche davanti al suo ufficio la fila parlava chiaro... NIENTE CAFFE'!
Quando mi ha vista ovviamente è venuto a salutarmi... e non faceva altro che entrare ed uscire dal suo ufficio per vedere quanta gente ancora lo attendeva.
Nel momento in cui arrivo alla cassa, arriva dietro di me.... mi sorride... e mi chiede scusa perchè deve rinviare a causa del troppo lavoro....
"Quando torni? Quanto devo aspettare? Avevo chiesto di essere sostituito per mezz'oretta ma non è possibile perchè c'è troppa gente...."
"Io torno di nuovo pomeriggio, così magari ci diamo gli auguri...."

Sarà sempre così super impegnato? Gente... basta per oggi lasciatemelo riposare un attimo davanti ad un buon caffè con me!

immagine

Foto by ursylla
 
 
 

Post n°221 pubblicato il 04 Aprile 2007 da mia_forever
 
Oggi scrivo con questo nuovo colore.... verde... verde speranza. Perchè? Adesso vi racconto!

Accade che stamattina chiamo la banca, per avere dei chiarimenti su una situazione che non mi quadrava....quando la voce che sta dall'altra parte, senza presentarsi mi chiede se l'ho riconosciuto. Rifletto un atimmo....
Premetto che in questa banca, essendo molto grande non è facile incontrarsi.... entrare in confidenza con i funzionari.... a meno che tu non sia una di quelle che rompe ogni secondo, andando negli uffici regolarmente. Io non lo sono! All'inizio, quando ho aperto il conto ho conosciuto questo tipo.... veramente molto carino, tant'è vero che ci siamo subito dati del Tu. Da quel momento in poi l'ho visto di rado... mentre facevo la fila magari passava, ci scambiavamo un saluto... un sorriso... un ochhiata... nulla di più.
C'è da dire che ogni volta che telefono non mi riconosce mai nessuno.... sono un numero di conto.... un viso quando lo si incontra alla cassa, o nel corridoio... un viso che non viene mai associato al mio nome. La cosa non è che mi dia poi tanto fastidio, per la prima volta torno ad essere una persona anonima.... una persona con cui non si prendono mai di confidenza.
Ma stamattina no.... lui ha riconosciuto il mio nome.... associandolo al mio viso.... un gran passo avanti, dato che il tipo in questione è alquanto timido. Infatti è capitato che in passato ci fossimo presi un caffè, in ufficio insieme al suo superiore... tipo che mi stima, e che stimo... e ogni qual volta gli veniva fatto qualche domanda era facile vedere le sue guance ricoprirsi di un rosso acceso.
Ho sempre detto che è terribilmente bello... e sexy... ma la cosa è finita là.
Al telefono quando mi chiede se l'ho riconosciuto, dopo aver riflettuto un attimo ripeto il suo nome, Dott. XXXX..... ma lui per me vuole essere Alex(nome fittizio). Mi spiega ciò che non avevo capito, e quando gli dico che non mi riconosce mai nessuno al telefono nemmeno davanti al mio nome.... lo sento sorridere.... e mi spiega il perchè.
"Tutti conoscono il tuo aspetto... la tua precisione nel lavoro... ma il tuo nome non viene mai associato perchè non ti fai mai vedere. Tranne il cassiere, nessuno ha l'onore di scambiare due chiacchere con te."
Rifletto anche su quest'affermazione, che d'altronde è verissima.... ma io vado sempre di fretta, e la fila mi fa perdere già un sacco di tempo. Certo, quando ti trovi davanti tipi così, sarebbe ovvio dedicare del tempo anche alle relazioni sociali.... e chissà.... magari è l'uomo della mia vita e non me ne sono accorta... oppure potrebbe diventare un caro amico.... oppure potrebbe essere colui che mi fa il piacere di farmi evitare la fila, quando si protrae per più di un'ora!
Fatto sta che mi spiazza.... che gli rispondo? Sorrido anche io.... e la cosa non credo sia passata inosservata, tanto quando sono in imbarazzo la cosa si nota immediatamente....
Alex sorride a sua volta....
"Direi che oggi pomeriggio potresti anche passare a salutarmi quando vieni a sbrigare le tue cose...."
E' forse uno strano modo di approcciare? Potrebbe darsi, ma d'altronde cos'ho da perdere? Un saluto... 4 chiacchere di circostanza... pregando che nessuno dei due si prenda di panico.... diventando rossi come due peperoni, senza alcuna parola da conferire.
"Mi farebbe molto piacere.... magari prendiamo un caffè insieme! Aspettami...."
"sono qui.... a dopo..."

E improvvisamente una cosa inaspettata cambia il corso della giornata. Giornata che era cominciata alquanto male.... e che invece... grazie ad una voce ad un telefono, ad una gentilezza improvvisa.... ti regala un sorriso da ebete, inspiegabile per chi incontri.
Mi dico sempre che è ora di vedere gente nuova... di allargare le amicizia.... e chissà che non sia arrivato il momento!
Vi racconterò....

immagineFoto by ssecret

 
 
 

Post n°220 pubblicato il 03 Aprile 2007 da mia_forever
On air: Cosa resterà degli anni 80- Raf


Un'altro weekend è volato.... ed io mi sono lasciata trascinare dalla vita che spesso ha un ritmo più frenetico del mio. Ma poco importa, l'importante è vivere.... sentire che la vita ti appartiene, che essa è ancora capace di portarti in luoghi lontani... e magari isole di pace.
Il sole è tornato, e quelle meravigliose giornate meritavano di essere vissute all'aria aperta, e non dietro ad un vetro.... o chiusa tra quattro mura.
E per pochi momenti ti sembra di dimenticare tutto quello che non va... tutto quello che ti manca.... ti basta quell'alito di vento caldo che accarezza la tua pella.... quel raggio di sole che bacia la tua pelle... e ti senti improvvisamente meglio.
Ed è proprio così che ho passato il fine settimana... all'aperto... in giro per i negozi... ad inaugurare i primi gazebi aperti dai vari bar, proprio grazie a quella meravigliosa temperatura.
20° splendidi....
E il sole sembra capace di cancellare, di guarire tutti i mali....

 
 
 

Post n°219 pubblicato il 30 Marzo 2007 da mia_forever
 
IL MATROMONIO MALEDETTO IIpt

8 anni dopo....
Mia si guarda allo specchio, è felice di ciò che la vita le ha regalato... dalla meta che ha raggiunto con la sua forza di volontà. E' diventata una donna... e con quel tailleur e quei tacchi altissimi si sente tale. Un pò di trucco ed è pronta a ricevere i suoi ospiti... anche se è con largo anticipo. E' tutto perfetto... il vino è freddo al punto giusto... il tavolo apparecchiato.... mancano solo loro, quando suona il telefono di casa e sua sorella si affretta a rispondere pensando che fosse qualcuno che avvertiva del ritardo... o gli auguri dell'ultimo momento.
Guarda Mia, le passa il cordless... e mentre lo copre per evitare che sentano le sue parole, le sussurra che un uomo dalla voce bellissima le vuole parlare.... ma non vuol dire il suo nome.
Mia si sposta di stanza, e resta sola nel buio della sua camera ad ascoltare una voce che non riconosce... una voce penetrante... un uomo che dichiara di non volerle dire il suo nome per paura che lei metta giù immediatamente. E' curiosa... non capisce... e si lascia cullare dalle meravigliose parole dirette a lei. Parlano a lungo, lei lo ascolta... ascolta una dichiarazione d'amore mai sentita.... una dolce dichiarazione da uno sconosciuto con una voce meravigliosa.
Quando messo alle strette è obbligato a rivelarle il suo nome.... Ric... il mondo improvvisamente la lascia sprofondare nelle sue viscere. Di nuovo lui, quel dolore che le impediva di respirare.... eccolo riemergere dal profondo del suo cuore. Non riesce a dire nulla... non vuole ascoltare quelle parole... e meno che mai in quel momento di festa per lei. Ha rovinato tutto, era felice eppure lui in un istante ha rovinato tutto.
Mia non vuole ascoltarlo, non è quello il momento... anche se in fondo vuole sapere cosa successe allora. Così le gli lascia il numero del cellulare con la promessa che l'avrebbe chiamata in un altro momento.
Per quella sera dimentica... vuole dimenticare... ma non è facile mandare indietro un passato che non bussa per entrare, ma che spalanca la porta con irruenza... Un passato che non chiede permesso, che non si pone domande... che ha deciso anche per lei senza la possibilità di cambiare il corso delle cose.
Ma Mia è cambiata.... non vuole più scappare senza parole, vuole affrontare la situazione. Scappare non serve a nulla, se non a ritardare le cose.... a creare sempre più confusione nel proprio cuore. L'ha imparato.... come ha imparato che deve uccidere i fantasmi del suo passato....
E così il giorno dopo decidono di prendere un caffè insieme. Imbarazzo.... Rabbia... Dolore.... Soggezione... Sigarette fumate senza senso, senza che esista possibilità alcuna che vengano contate. Lei ascolta in silenzio le urla soffocate di un uomo che ha saputo farsi del male da solo.
Ric non è stato mai felice accanto alla madre di sua figlia.... un matrimonio fallito prima di cominciare... un matrimonio su cui la figura di Mia ha sempre aleggiato. E gli anni trascorsi non sono serviti a dimenticare, no.... perchè tra le sue cose lui ha sempre tenuto la foto di quel dolce amore che ha perduto. Piange dinnanzi a lei.... le chiede perdono, consapevole che non ci saranno seconde chance.... e Mia soffre nel vederlo così affranto. Gli offre la sua amicizia.... una mano su cui contare... ma non una donna, lei non può esserlo più. Lui ha distrutto tutto.... ha distrutto un amore giovane, fresco.... allegro.... e ormai non c'è più posto per ricostruirlo. E' un filo spezzato, e per quanti nodi si possano fare per cercare di riutilizzarlo... non sarà mai così forte per soggere il rapporto che lei merita.
Lunghe telefonate seguirono quell'incontro.... ma non hanno mai fatto bene a nessuno dei due.
Hanno creato confusione....dove prima non c'era.
Hanno creato speranza....dove non esisteva.
Hanno creato dolore....dove non aveva ragione di esistere.
E così anche quelle si dissolsero graduatamente, come se consapevolmente entrambi avessero capito, che quella era la strada sbagliata.

Io e Rana abbiamo passato una meravigliosa serata... e abbiamo parlato anche di questa vecchia storia. Qualche lacrima è sorta, dinnanzi al mio racconto integro di ciò che successe allora.... del mio allontanamento da casa sua... da lei che non capiva completamente il mio dolore. Ci siamo abbracciate.
Altre lacrime davanti al racconto di Rana, sul matrimonio del fratello.... su quel grande fallimento... sul dolore per una figlia che ormai vive lontana da lui.
Poi un botto sulle scale.... lei sbianca.... qualcuno è caduto. Si precipita fuori dal portone, io la seguo a ruota.... e davanti alla porta... incontro di nuovo i suoi occhi. Gli tendo la mano, lo aiutiamo ad alzarsi..... porta le stampelle in seguito ad un intervento alle gambe.
E' sconvolto dalla mia presenza, non ha parole. Lo accompagno fino al piano di casa sua.... in silenzio... senza parole.... Perchè le parole non servono più a nulla.... perchè di parole non ne esistono per nessuno dei due....
Uno sguardo che parla più di qualunque altra cosa....
 
 
 

Post n°218 pubblicato il 29 Marzo 2007 da mia_forever
 
IL MATRIMONIO MALEDETTO..... Ipt

Ieri sera ho vissuto un meraviglioso tuffo nel passato.... Sono stata a cena da una mia vecchissima amica, compagna di scuola... di marachelle... di amori folli non corrisposti...
Compagna di un'adolescenza che purtroppo non torna più, ma non per questo meno importante. Compagna di anni indimenticabili... di avventure folli... Compagna di prime esperienze...
Donna oggi felice, con un marito meravigliosamente amorevole.... e due figlie che sono uno spettacolo da guardare. Un'amicizia mai persa, ma un pò allontanata dalle circostanze.... dalla scarsa maturità che si ha a 18anni!
Ci siamo incontrate al supermercato, e così mi ha invitata a cena una sera in cui il marito lavorava di notte.... per avere un pò di privacy per le nostre confidenze... o solo per ricordare tranquillamente le follie adolescenziali.
E così è stato un susseguirsi di meravigliosi ricordi.... o di ricordi anche meno piacevoli che nel corso degli anni ci hanno cambiate e maturate fino a diventare le donne che siamo oggi.
Ma le circostanze che allora ci allontanarono non possono essere dimenticate... e forse meritavano delle spiegazioni che allora non ci siamo date. Senza rancore, tengo a sottolinearlo... ma solo dovute all'imbarazzo di affrontare una storia che allora era troppo grande per i nostri pochi anni.... una situazione che provocò dolore a troppi cuori, e che oggi ancora porta degli strascichi che qualcuno non può dimenticare....

"Rana e Mia erano due amiche inseparabili, anni di scuola condivisi... problemi di scuola o adolescenziali superati grazie al forte legame esistente tra loro. Erano come sorelle... passavano un sacco di tempo a casa dell'una o dell'altra... e Mia era semplicemente adorata dalla famiglia di Rana, che non perdeva un attimo per accoglierla tra le sue mura domestiche. Rana aveva un fratello più grande di qualche anno, con il quale aveva un rapporto molto conflittuale... ma quando c'era Mia improvvisamente cambiava.
Erano anni particolari quelli... e Mia aveva appena concluso una storia durata 5 anni che aveva lasciato dentro di se tanto dolore. Rana la cosolava, e allora le diede la forza di andare avanti per una nuova strada.
Ric( fratello di Rana), gironzolava sempre per casa una volta finito il lavoro.... e un bel giorno il suo atteggiamento con Mia cambiò, ma lei troppo ingenua e giovane non vide malizia in quell'atteggiamente per cui non ne parlò mai con Rana.... ne mai le cofessò quanto agli occhi suoi Ric fosse bello, benchè non avesse mai capito che effettivamente lui le piaceva finchè un giorno......
Le due amiche erano chiuse in camera ad ascoltare lo stereo, Rana sdraiata sul letto con la sua solita aria sognante in attesa della telefonata del suo amore.... e Mia come al solito sedeva a terra, con le spalle al muro accanto alla porta.... a raccontarsi sogni... a scambiarsi promesse per un'amicizia che mai dovrà finire... e quando finalmente la telefonata arriva, Rana si precipita nell'altra stanza. Mia resta sola coi sogni... con le sue speranze... con il pensiero chissà dove, senza accorgersi che la porta si era aperta finchè non sentì delle goccioline bagnarle il viso.
Alzò gli occhi e lo vide lì.... intento a fissarla.... a torso nudo, con un'asciugamano legata in vita. Bello come il sole.... con i capelli tutti bagnati... le sue gote presero improvvisamente colore, divenno rosse come un peperone.... e quando lei si giro imbarazzatissima dall'altro lato, urlandogli Cretino... lui capì, che i suoi sentimenti potevano essere ricambiati.
Passarono pochi giorni, stessa casa... stessi personaggi. Mia sta andando via, e Ric si propone per accompagnarla a casa in moto.... consapevole che lei amava le moto. Era il suo compleanno... e lei non seppe finchè con la scusa di un giro lui la portò in un posto romantico.... al tramonto... dicendoglielo, ed esigendo gli auguri di routine. Occhi negli occhi finalmente soli.... lui la baciò.
Ma lei aveva paura di quella storia, aveva già sofferto... e lui si era lasciato con la ragazza secolare proprio perchè aveva scoperto di provare qualcosa di molto forte per Mia....
Lui faceva sul serio, era onnipresente... la chiamava spessissimo.... e data la differenza di età che allora era troppo evidente, aveva delle esigenze molto diverse. Faceva troppo sul serio... e Mia ebbe troppa paura, così allentò la presa e comicniarono a vedersi di meno.
Una storia mai iniziata in fin dei conti..... ma entrambi erano consapevoli che i presupposti c'erano tutti. Ma lei aveva bisogno di tempo, e lui allora promise che l'avrebbe aspettata. Ma non fù così....
Deluso da una storia che non decollava come voleva.... pensando che quella fosse una scusa per troncare definitivamente... guidato dagli ormoni in subbuglio probabilmente di un normale 25enne, quando la sua ex tornò a parlargli, a cercarlo.... nonostante lui le avesse confidato il sentimento nato per Mia, finirono a letto insieme consapevoli che sarebbe finita per essere solo ed esclusivamente una notte di sesso.
Ma da quella notte di sesso.... di tanti anni fa... nacque una bimba.
Ric non la voleva quella figlia, voleva porre fine a quella vita per paura di perdere Mia per sempre.... voleva che lei abortisse.... ma ormai il tempo era passato, per cui la madre aveva deciso che quella figlia sarebbe nata. E Ric a malincuore si prese tutte le sue responsabilità.... la sposò.... fece il marito e il padre, con un peso sul cuore.... Mia.
Mia non raccontò mai a Rana tutto quello che era successo tra loro, le confidò soltanto che avevano inziato a vedersi e sentirsi.... e proprio Rana confidò a Mia l'imminente matrimonio.
Mia si disperò.... pianse lacrime di dolore sola questa volta, senza il conforto di Rana... non voleva che lei sapesse.... che nessuno sapesse ciò che era successo... e quando la famiglia di Rana la invitò a quel matrimonio maledetto già dall'inizio, indossò la sua maschera migliore e fu lì a condividere una gioia che non era sua....
Rana e Mia si allontanarono.... senza volerlo veramente.... ma comprendersi in quel momento non era facile..... e Mia non riusciva a confidarsi proprio con lei....
immagine
Foto by aliengirlcinti
 
 
 
 

Post n°217 pubblicato il 29 Marzo 2007 da mia_forever
 
immagine


Coccinella sei volata fin0 a qui


Ti ha portata forse il vento o la fortuna

Sei venuta a vedere l'amore come si fa

Sei venuta ed io per caso ero qua!




Io su di lei

Il vento su di noi....

Tra paura e passione

Pelle su pelle... noi siamo gli amanti

...nel poco tempo...

Prigionieri di un mondo

che manca d'esempio io.

Io su di lei... la voglio sentire...

voglio farla tremare...

Sento che vive... ed è vita che ha chiesto.

"Come tu adesso"

Io per questo momento....

Pagherei ogni prezzo!



 
 
 

Post n°216 pubblicato il 27 Marzo 2007 da mia_forever
 
Oggi vi regalo una canzone che adoro... capace di regalarmi emozioni indescrivibili. Adoro Renato Zero, d'altronde è impossibile non amare un poeta così. Spesso mi lascio trascinare dalle sue parole, e oggi voglio postare una canzone speciale!


Figaro

Storie da vendere
finchè ne vuoi
intere pagine
riempirei
Ho libero accesso
ho la più ampia facoltà
di scrivermi addosso
vere o presunte verità
assorbo di tutto
raccolgo quei sentimenti e poi...
Li spendo, sperando
Li accendo, interpretando...

Tutti si fidano
meglio così
se i cuori si guastano
io corro lì...
M'infilo dovunque
precipito cado e torno su
 più svelto del vento...

E' la vita mia
mille occhi una foresta
una giostra, di periferia...
E'la vita mia
rinnegarla io non posso
resto me stesso finchè
riesco a cantare di te.

Prendi quello che ti servirà
del mio cuore il battito migliore
le più strabilianti primavere...
Tutto il bene che vuoi
la dolcezza che altrove non hai

Portami nella tua gioventù
così in alto dove sei tu
in un tempo che non c'è più.

Sul tavolo verde io
non vinco mai

ma so indovinare tu
che carte hai

Non è mestiere
ma non so dirti cosa sia
 paura d'amare.... amnesia

Potere ascoltare
il silenzio di gente che va via
lasciarmi  guidare
Fra sogni e lacrime
mi muoverò....
Ho voglia di crescere
ancora un pò....

Non c'è sgomento
abituato alla realtà

ti vengo incontro
qualunque sia la verità
 io sono qua!


Lasciami le chiavi dove sai
fammi trovare una sedia e del buon vino
chiunque tu sei ti resterò vicino
carta e penna perchè
questo nuovo messaggio è per te

Nascono così le melodie
dalle lacrime tue e quelle mie
e non sono soltanto
Bugie.... bugie...
.............

Anche stavolta ci racconteremo
una volta di più
mentre parli canzone sei tu
Nascvono così le melodie
mentre tu mi scorri nelle vene
che sia gioia o sia disperazione
dal tuo mondo ti ruberò
e un successo di te farò...
Una canzone...
una canzone...
una canzone...



 
 
 

Post n°215 pubblicato il 26 Marzo 2007 da mia_forever
 
Tag: dal web
immagine

VORREI CHE QUESTA INIZIATIVA VOLASSE QUI NEI NS BLOG!
MEGLIO IN MANO AI TALEBANI?
SOLO COSI' LO STATO INTERVIENE?


O ESISTONO CITTADINI DI SERIE B?


TRATTO DAL BLOG http://quisardegna.blog.dada.net/permalink/305479.html 
E' scomparso la sera del 19 settembre con oggi sono

6 mesi e...non è ancora tornato a casa.

Questa è l'unica cosa certa dell'ennesimo sequestro di persona avvenuto

in Sardegna, anno 2006 d.C., quando tutti credevamo

ormai che la "barbara pratica" fosse ormai parte del passato.



E invece no. In molti hanno cercato di spiegare e capire che "tipo"

di sequestro fosse, come se esistesse davvero una possibile catalogazione: lampo, duraturo o misto.



Chi lo sa. Resta il fatto che una persona è sparita e che non c'è

nessuna giustificazione ad un simile gesto.


In pochi hanno mostrato sdegno e condannato in maniera forte e decisa il sequestro di persona. L'ennesimo.



In pochi seguono la vicenda dell'allevatore di Bonorva. Pochi servizi alla Tv

e poche lenzuola alle finestre.



Noi crediamo che Internet sia meglio della Tv e che sia una

fantastica finestra sul mondo.


Per questo da sardi e da uomini appendiamo un lenzuolo virtuale

alla nostra finestra sul mondo.


tratto da blog di CapJaneway 
per partecipare alle iniziative promosse dal comitato spontaneo in favore di Titti Pinna scrivete a neverlike@libero.it e visitate il blog http://blog.libero.it/tittilibero
 
 
 

Post n°214 pubblicato il 26 Marzo 2007 da mia_forever
 
Il commento lasciatomi dal mio caro amico Ranocchio, ha scaturito in me una marea di pensieri che senza le sue parole forse non sarebbero riusciti a venire fuori.
Il post di ieri, dove parlo della nascita di uno scherzo che con il tempo si è trasformato in complicità.... può sembrare una pagina leggera, ma in realtà non lo è. Certo nominare un cartoon che da piccoli ci lasciavi attaccati alla tv può sembrare frivolo.... ma realmente rispecchiavamo la situazione descritta.
Spank.... sempre molto dolce, onnipresente, premuroso, che non attendeva altro che rimanere solo con me per dichiararmi il suo amore!
Torachichi... più introverso forse, meno dichiarato, geloso alla follia...
Amici da anni... amici che condividono ogni cosa... e stavolta anche lo stesso desiderio... indivisibili.
Ed io ero la Micia della situazione, l'oggetto del desiderio di entrambi.... anche se all'epoca riuscivo solo a vedere l'amore di Spank.
Per la prima volta, da quando questa storia è andata alla deriva, non scrivo un post dettato dal dolore di una ferita che non smette di sanguinare.... ma piuttosto un post che nasce dalla consapevolezza che nel corso dell'ultimo anno troppe cose sono cambiate. Speravo che il nostro incontro, il nostro amore.... avrebbe segnato una svolta nella mia vita sentimentale. Ma non è stato così!
La vita è proprio strana, ti regala attimi indimenticabili che ti portano in luoghi che solo gli innamorati conoscono. Li raggiungi velocemente... ma altrettanto velocemente scendi verso il basso.... e più alta è la vetta, più basso sarà l'atterraggio.
Credo che con gli anni si cambi, e in questa storia ho capito che la mia personalità probabilmente ha raggiunto un livello di maturità emotiva che non credevo di avere.
Ho imparato ad amare con più tranquillità, senza annullare totalmente la mia vita in virtù di un dolore che sembra dilaniarti l'anima. Non si muore d'amore, in realtà siamo noi che decidiamo di lasciarci morire quando permettiamo al dolore di avere il sopravvento.
Ho sofferto, non posso negarlo.... ho regalato un'infinità di lascrime al mio cuscino, la notte, al buio della mia stanza quando la consapevolezza che non l'avrei avuto accanto a me prendeva strada nel mio cuore. Ma ho reagito... non ho smesso di vivere, anche quando questo significava sopravvivere.
Non mi sono chiusa in casa, lasciando che i pensieri sbattessero sempre incontro a un muro di domande a cui non potevo rispondere. Ho cercato di vivere!
E seppur ci siano stati giorni in cui tutto intorno a me appariva buio come se fossi sprofondata negli inferi, ho lottato affinchè quei giorni fossero l'eccezzione e mai la regola!
Ho cercato di amare senza egoismo, senza la pretesa che tale amore venisse necessariamente ricambiato... nonostante il desiderio fosse ardente. Non ho fatto nulla per tirare l'acqua al mio mulino, consapevole che ciò avrebbe procurato male a qualcun'altro.... benchè male quel qualcun'altro abbia fatto a me.
L'amicizia di Spank e Torachichi è cambiata, questo è visibile a chiunque li conoscesse ai tempi in cui li ho conosciuti io. Ma a me nessuno può dare colpa. Al contrario, ho sempre cercato di mettere acqua sul fuoco quando l'uno o l'altro mi diceva qualcosa che non mi andava.
E quando Spank ha cominciato a fare affermazioni sull'amore di Torachichi, io ho sempre negato in quanto mai nessuna porola mi fu detta. Ho smorzato la sua gelosia, questo non potrà mai negarlo.... nonostante a me sarebbe stato comodo farlo impazzire, perchè c'era la probabilità che capisse che stava per perdermi.
Non mi rimproverò nulla.... assolutamente nulla.... sono stata me stessa fino alla fine, senza falsi buonismi.... e senza la necessità di creare dissapori tra loro. Ho giustificato sempre l'uno davanti all'altro, cercando di trovare sempre il buono nelle intenzioni.... non volevo essere io la causa della fine di tutto!
Lo dico con orgoglio... senza dolore.... senza rimpianti....
Nella speranza di un nuovo cammino!

immagine
Foto by suo-me
 
 
 

Post n°213 pubblicato il 25 Marzo 2007 da mia_forever
 
Una volta esistevano Spank.... Torachichi... e Micia.
Avete cominciato a chiamarmi così poco dopo che ci siamo conosciuti.... quando tu eri in competizione con il tuo amico, per conquistare il mio cuore. Tu eri Spank.... l'innamorato, quello romantico.... quello che mi sorprendeva... l'amico tuo era Torachichi, il dispettoso... il geloso... ma comunque l'amico che non ha smesso mai di volerti bene.
All'inizio pensavo fosse solo uno scherzo, nato per creare allegria... ma più passavo il tempo e più mi rendevo conto che in realtà voi eravate veramente antagonisti. Vedi come è strana la vita. Spank... la persona che ho amato, che amo... si è allontanato dalla mia vita. Si è dileguato... lui che diceva di morire d'amore... e Torachichi è rimasto.
Forse avete anche rovinato un pò la vostra amicizia, ma io ho fatto di tutto affinchè non succedesse.... gli hai tenuto nascosto quello che è successo tra noi per questo non capisce la tua gelosia.
Ma vedi, quando si decide di intraprendere un cammino.... di cambiare direzione, non puoi pretendere che la gente ti segua. Nemmeno gli amici, e sai perchè? Ognuno di noi ha una testa funzionante, ha raziocinio.... è capace di stabilire ciò che è meglio per se stesso. E tu questo non lo accetti.
Non accetterai mai che lui non abbia deciso di seguirti... non accetterai mai la sua presenza nella mia vita... mai... e la gelosia ti divorerà l'anima se non imparerai a farlo.
Ha scelto me, ma non perchè spera che tra noi un giorno nasca qualcosa.... io non l'ho mai illuso... sa che sono innamorata, e che un uomo mi ha ferita... ma secondo me ha capito che quell'uomo sei tu. Per questo ha scelto me.... perchè non sei stato leale con lui, perchè non gli hai parlato di noi... perchè dovevi metterti da parte dall'inizio se sapevi di non potermi dare nulla... perchè sei stato egoista, capace di pensare solo a ciò che piaceva a te in quel momento.
Hai dimostrato di non volere bene a nessuno aldilà di te stesso!
Non devi chiedere il suo perdono, credo che ti abbia perdonato... ma ha deciso che preferisce stare con me e i miei amici, piuttosto che evitarmi solo perchè è con te. E già, io sono stata bandita dalle persone che hai la libertà di frequentare.... l'ho capito dal tuo atteggiamento.... dalle parole che ogni tanto regali a persone che mi stanno accanto... e così scegliere di passare del tempo con te, per lui significherebbe privarsi della possibilità anche di fermarsi un attimo fugace.
E così passate poco tempo insieme.... l'amicizia si è un pò rovinata.... mettiti una mano al petto, è solo colpa tua. Non dare la colpa a me.... non credere che tutto ciò derivi da una donna, io... sbagli. Tutto ciò è successo solo per il tuo egoismo, per la tua slealtà... nei suoi confronti, ed oggi non puoi nemmeno pronunciare il mio nome con lui probabilmente.... hai perso un valido alleato, che avrebbe dato la vita per te.
Perchè?
Perchè tutto questo se non mi amavi?
Adesso non ci sono più Spank... Torachichi... e Micia. Tu li hai uccisi.... ed io non ti permetterò più di fare il lupo travestito da agnello, ormai ti conosco... e ti evito, perchè io merito di meglio.
E sto bene nel dirlo... lo sai.... mi sento un peso in meno sullo stomaco!

immagine
 
 
 

Post n°212 pubblicato il 24 Marzo 2007 da mia_forever
 
immagine

Non faccio che ascoltare il nuovo album del mitico Biagio Antonacci.

Un CD che parla di sensazioni, emozioni e sentimenti, che già dal titolo, Vicky Love, dichiara apertamente – come afferma lo stesso Biagio - la propria volontà: «si potrebbe tradurre in un nome di donna o ancora in “vittoria dell’amore”, un concetto di speranza per un amore più istintivo, più epidermico ma anche più superficiale».
Adoro la sua voce.... la ascolterei per ore....      

Non sei più qui

……Luce che arriva dagli occhi

Odore di pelle e magia

…..Forse venivi dai boschi

Forse abitavi già in me….

…..O forse no ..non so……

So solo che eri qui,,,,,,,,,,,



mare che prendi e che porti

Fai navigare anche me

Dicono che in certi porti
arriva chi come me….

Cerca nell’anima…risposte e fantasia
 
no no no no … non ci credo

no no no no …che non sei più qui

no no no no … non immagini

…….come sono inutile

no no no no ..senza sole

no no no no .. buio e nuvole

no no no no ..non immagini

……com’è lontano vivere

se tu non sei più qui




hai detto parole promesse

fatto di me un uomo in più

ti confrontavo in un mondo

troppo diverso da te

certo che vivo… ma

deserto e arido



no no no no … non ci credo

no no no no … che non sei più qui

no no no no … non immagini

…….come sono inutile

no no no no ..senza sole

no no no no .. buio e nuvole

no no no no ..non immagini

…… com’è lontano vivere

se tu non sei più qui
 
 
 

Post n°211 pubblicato il 20 Marzo 2007 da mia_forever
 
Torno da un viaggio in cui ho fatto pace con me stessa. Ho cercato a lungo dentro me, nel mio cuore... nella mia testa... qualcosa che mi aiutasse a comprendere ciò che mi accade intorno... ciò che fa si che il mio cuore e la mia testa siano in perenne lotta.
Non ho trovato risposte...
Poi ho guardato fuori... ho osservato una città che mi accoglieva con calore... mi sono guardata intorno, studiando le persone con cui ho diviso questo meraviglioso weekend. Gente che conosco da tempo... gente nuova, che non conoscevo ma che hanno fatto diventare indimenticabili quei due giorni.
Oggi mi guaredo allo specchio e i miei occhi sorridono.... le mie labbra sembrano disegnate con una strana forma che si innalza verso l'alto formando una U.
Io mi sento un'altra.....!!!!!
immagine

foto by
abstractsilence
 
 
 

Post n°210 pubblicato il 15 Marzo 2007 da mia_forever
 
Accade che una mattina ti soffermi a guardare lo specchio. La persona che trovi di fronte a te, stenti a riconoscerla. Non è più la ragazza spensierata di un tempo... no... quella ragazza ha lasciato il posto ad una donna diversa. Una donna che probabilmente ha troppo poco in comune con l'ingenua ragazza.
Quella donna sono io... alla quasi soglia dei 30 anni... una donna vittima di se stessa e degli eventi... vittima di sentimenti troppo forti che l'hanno  spesso devastata.... vittima del suo voler essere troppo forte,
E così quelle sofferenze celate al mondo, hanno lasciato solchi troppo profondi per esser dimenticati. Gli occhi vispi hanno lasciato il posto ad un alone di tristezza che ormai è diventato parte di lei.... il sorriso gaio che caratterizzava il suo volto, ha lasciato il posto ad un sorriso appena abbozzato forse troppo severo.
Quella donna che osservo, che si muove come me... con gli stessi movimenti lenti ed accurati... con lo stesso trucco... gli stessi capelli... che guardandosi allo specchio fa le stesse smorfie che sono solita fare... non sono io. Non voglio essere io!
Bisogna cambiare qualcosa... bisogna cominciare da qualche parte....

immagine

Devo scappare da me stessa. Questo ormai l'ho capito. Ma come fare?
Intanto credo che sia l'unica soluzione per non lasciarsi distruggere da se stessa.
E già... mi sono lasciata incantare da un uomo sbagliato, o quanto meno in momento sbagliato. La mia fragilità gli ha permesso di entrare pian piano nel mio cuore, fino ad occuparne un posto d'onore. Ma se lo meritava qual posto?
Non credo... io devo scappare da lui, dai miei sentimenti... dalla falsa speranza che un giorno le cose cambieranno... che ci sarà un domani.
Devo scappare stando attenta a non dimenticare la mia scarpetta, come fece Cenerentola... perchè lui non deve più cercarmi... deve dimenticarsi che io esisto, che sia mai
Foto by larafairie

esitita per lui. Io non sono la sua Cenerentola, non è giusto per nessuno.... quindi devo allontanarmi da lui... da noi... da me. Basta con i sogni... devo riprendere il contatto con la realtà!
Ho capito che è necessario non cercare giustificazioni, quelle non mi soddisferanno mai. Anzi creeranno altri quesiti... ed altri ancora... perchè in quel modo non riuscirò a staccarmi mai dal suo ricordo... dal bisogno di averlo accanto.

immagine


Così sarà un continuo ricordare...
un continuo rimorso...
un continuo rimpianto....
ed io non posso permettermi di pensare a lui...
in ogni momento...
in ogni attimo...
in ogni luogo...
in ogni gest0 senza significato...
No, basta con questa storia... mi devo guardare intorno per darmi nuove opportunità di vita.
Domani è un altro giorno....













Foto by Sawababa

E comincio domani a volermi più bene... a rivoluzionare un pò la mia vita.... ad allontanarmi un attimo. Mi regalo un weekend nella città eterna.... anzi per essere precisi forse ci starò 2 giorni. Una sorpresa ad un amico che compie gli anni.... un viaggio in auto tra sole donne, che già so che sarà indimenticabile...
Ho bisogno di iniziare da qualche parte.....
 
 
 
Successivi »
 


FACCIAMO UNA CATENA D'AMORE

immagine
PAOLA
NATA A ROMA IL 9/09/1974
CERCA MADRE - BIOLOGICA
(LEGGI)
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultimi commenti

un pensiero sempre vivo... è tuo... tesorina
Inviato da: AntoA.B
il 11/01/2009 alle 01:31
 
TVB
Inviato da: AntoA.B
il 22/11/2008 alle 01:46
 
ei! ciao come va?è tntss che nn passo..ti mando un grosso...
Inviato da: sarah4e
il 10/10/2008 alle 17:16
 
Tesorina Mia ci sono e ti penso sempre
Inviato da: AntoA.B
il 30/09/2008 alle 21:53
 
Tesorina mia non sparre di nuovo... baci TVB
Inviato da: ranocchio_567
il 06/07/2008 alle 22:39
 
 

Ultime visite al Blog

Barolina0TheEnchantedSeacamilla.pierriMichaelaaaaserena.debiaseunamamma1sorrisiuccisiAshaoraddoppiabu.macgiulyana60sissi.deamicisswanleelivelive3camilla.cicchiroberta_pautasso
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I BELLISSIMI

immagineimmagineimmagineimmagineimmagine
 

HO VOGLIA DI TE


...Ho voglia di te....... Una domanda. Quella domanda. Riuscirò mai a tornare lì, dove solo gli innamorati vivono, tre metri sopra il cielo? E poi una frase. Una nuova frase. Breve. Quattro parole soltanto, che però dicono molto. "Ho voglia di te". Perché quando ami non c'è altro da dire. E' inevitabile. Può accadere di tutto, possono dirti qualunque cosa, cercare di convincerti del contrario. Ma dentro, nel tuo cuore, nel tuo animo, nella tua testa, girano solo quelle parole. Ho voglia di te. Quando ridi, quando lo aspetti, quando lo cerchi, quando lo pensi. Ho voglia di te. Quando guardi le cose, quando mangi e sbuffi, quando dormi, quando sogni... Ho voglia di te. Quando hai paura, quando ti abbracci, quando ti arrabbi e te ne vai. Ho voglia di te. Di mattina, di sera, di notte. Quando fai altro. Ho voglia di te. Anche se ti fa male, anche se a volte non andrà come doveva. Ho voglia di te. Forse questa è la risposta alla domanda di Step. Perché le risposte, a volte, arrivano quando meno te lo aspetti. O forse proprio quando non le aspetti più. La vita sorprende, ti prende, ti cerca, ti vuole. Non ti molla. Ti riempie di suoni, colori, sguardi, tuffi al cuore. Quella stessa vita che tempo prima ti aveva sbattuto a terra, lasciandoti lì, senza respiro, senza speranza. Nel silenzio totale di un amore diventato muto. Senza parole. Senza risposte. Le risposte che tutti cerchiamo sempre. Ma a volte a dartele non sono le persone a cui le avevi rivolte. Risposte che magari corrono tra le pagine di un libro. Un nuovo libro. Perché nessuna storia finisce mai davvero. E a volte si trasforma in ciò che non avresti mai potuto immaginare. Un nuovo libro per scoprire che niente è mai uguale a come lo avevi lasciato. O meglio, a come ricordavi che fosse. Per capire che il presente dovrà ancora intrecciarsi al passato, prima di diventare futuro. Un futuro non scontato. Perché nemmeno l'amore lo è mai. Tornano Babi e Step. Tornano perché la distanza ha senso solo se poi ci si guarda di nuovo negli occhi. Per vedere se magari i sogni di un tempo potranno coincidere con la realtà di oggi. O per capire, invece, che è stata la vita a cambiare per sempre. Ancora sotto lo stesso cielo. Roma abbraccia di nuovo quei ribelli, quei cuori un po' più consapevoli di prima, cresciuti grazie ai segni che il dolore lascia dentro, prima ancora che sulla pelle. E per qualche risposta in più che ora hanno in tasca, ci sono mille nuove domande che arriveranno. Vecchi amici che si ritrovano a camminare insieme. Ma non si sa se la strada è la stessa di un tempo. Nuovi amici che imparano a conoscersi. Parole mai dette ed altre finalmente urlate. Storie che fanno male come allora. Altre che fanno bene come mai prima. Un bene che forse non si riesce ad apprezzare. Ricordi che si rincorrono e novità che coinvolgono. Perché il gioco della vita non si ferma. E l'amore ha le sue regole, sempre diverse da come le avevi impostate... Perchè l'amore non ha un suo perchè... Perchè... HO VOGLIA DI TE.......
 
 
immagine
 

Don Juan De Marco


Non approfitto mai di una donna. Dono alle donne piacere, se lo desiderano, e va da sé che é il più grande piacere che potranno mai provare... Ci sono alcune donne, dall'aspetto incantevole, con una certa qualità dei capelli, la curva delle orecchie che si prolunga come la rotondità di una conchiglia. Queste donne hanno le dita sensibili come le loro gambe; i polpastrelli provano le stesse sensazioni dei loro piedi. E quando tocchi le loro nocche é come passare le tue mani sulle loro ginocchia. Toccare questa tenera, carnosa parte delle dita, equivale a sfiorare con le mani le loro cosce. Ogni donna é un mistero da risolvere ma una donna non cela nulla a un vero amante. È il colore della sua pelle a dirci come procedere; se ha l'incarnato come quello di una rosa, pallido e vermiglio, deve essere persuasa ad aprire i suoi petali con lo stesso calore del sole; la pelle chiara e screziata di una rossa richiede la lussuria di un'onda che si infrange sulla spiaggia, in modo da scuotere ciò che giace nascosto e portare in superficie la spumeggiante delizia dell'amore... Ci sono solo quattro domande che contano nella vita: cosa é sacro, di cosa é fatto lo spirito, per cosa vale la pena di vivere e per cosa vale la pena di morire... La risposta, ad ognuna, è la stessa: solo l'amore".
immagine


"Credete che non sappia che cosa vi accade? Avete bisogno di me, per una trasfusione. Perché il sangue é diventato polvere e vi ha occluso il cuore. Il vostro bisogno di realtà, il vostro bisogno di un mondo dove l'amore é incrinato continuerà a soffocarvi le vene, finché in voi non ci sarà più vita. Ma il mio mondo perfetto non é meno reale del vostro mondo. È solo nel mio mondo, che voi potete respirare"...