Creato da lauviahdamore il 03/10/2005

Amici del Subconscio

Il subconscio può lì dove tu pensi di non farcela

 

 

Atto II (Scena II)

Post n°123 pubblicato il 17 Settembre 2006 da lauviahdamore

                                                                                                                                      

da "Il Mondo che non c'è"

                                                                                                                                     La scena è quella di una festa: l'inaugurazione della "casetta-blog"...

C'è un raduno di molteplici Pensieri e Parole... ognuno di loro si presenta recando un "volantino di presentazione"....

Alla festa c'è un invitato d'eccezione: L'INTELLIGENZA...

Tutti se lo contendono...   Lui si concede un pò ad uno e un pò ad un altro... Sanno tutti  chi è e per questo lo venerano... Qualsiasi cosa lui dica viene reputata sacrosanta....

A un certo punto, durante la festa, si accorgono che il "video-citofono delle visite" lampeggia...

Il Pensiero, padrone di casa, si affretta ad andare a curiosare...

Si ritrova davanti  un "Fattorino" con un' enorme SCATOLA al fianco...

                                                                                                                                                            

FATTORINO  Ciao... è qui la festa?

                                                                                                                                                                                  Il PENSIERO prova a curiosare all'interno della scatola e rimane sbalordito...

                                                                                                                                                              PENSIERO: (Sconcertato dalla scatola misteriosa) Scusa, qui siamo solo "Parole" e "Pensieri"... No words... no thoughts... no party...

 

Nel frattempo tutte le altre parole e gli altri pensieri si sono avvicinati curiosi per osservare meglio all'interno della scatola.... la reazione di sconcerto è la stessa per tutti...

                                                                                                                                                           PAROLA: No... non possiamo accettare...  

PAROLA 1: Si.... non accettare... Cosa te ne fai di quella roba nella tua casetta?

PAROLA 2: Si, mandiamolo via...  un regalo del genere  è ingombrante...

PAROLA 3: Non accettare... è meglio comprare le scatole da Google... 

                                                                                                                                                                               Nel frattempo  l'importante padrino, INTELLIGENZA, si avvicina alla porta...

                                                                                                                                                       INTELLIGENZA: Cari miei... Pensiero e Parola... è un dono... perchè non volete accettarlo?

PENSIERO e PAROLA: (Titubanti)...ma.... ma....

INTELLIGENZA: ...fidatevi di me... è una cosa che può essere utile ma allo stesso tempo è una cosa che vi appartiene dato che vi è stata recapitata fin qui... ora chiedo io quali siano i loro nomi e agiamo di conseguenza... Perché farvi i problemi solo perché non  tutte le casette  possono permettersi tale scatola?  (Rivolgendosi al fattorino)... Buon uomo... è in grado di dirci chi è lei... il nome dell'oggetto che recapita in questa scatola e il perché dovremmo accettarla??..

FATTORINO: Si... posso rispondere alle sue domande con una sola risposta...

INTELLIGENZA: Quale?

FATTORINO: Io mi chiamo RISPETTO e reco in questo involucro un oggetto prezioso: l' IMMAGINE...

INTELLIGENZA: in nome del RISPETTO che ben venga il dono dell'IMMAGINE...

                                                                                         Sipario

                                                                                                                                                                                            

La propria IMMAGINE è un DONO...

apprezzarla e amarla è un DOVERE...

farne uso con INTELLIGENZA è un  MERITO...

fare in modo che venga RISPETTATA è un  DIRITTO...

                                                                                                                                                                                   e visto che ci siamo...

ESIBIRLA  è un VEZZO...

                                                                                                                   

Ed ora.... mi applaudo...

 
 
 

Atto II (Scena I)

Post n°122 pubblicato il 23 Agosto 2006 da lauviahdamore

 

da il "Mondo che non c'è"

La scena si svolge all'interno della casetta-blog... 

 E' un ambiente completamente vuoto...

PAROLA: (Esuberante) Che bello... finalmente nella nostra casetta...

PENSIERO: Ora bisogna pensare ad arredarla...  ma prima di tutto  dobbiamo scegliere il nostro stile...

PAROLA:  Pensavo... un rocaille francese... o un inglese Queen Annie... oppure un rococò italiano...

PENSIERO: Hai già sbagliato... hai detto di aver pensato... Beh... qui, quello che pensa sono io... e come tale ho pensato di chiamare due arredatori...

PAROLA: Che bello!!!!... Un pensiero stupendo!... Chi sono... come si chiamano?

PENSIERO: (Molto serio)... Una è la signora "Verità" e l'altra una certa signora di nome "Menzogna"...

PAROLA: Ma caro... non ne basterebbe solo una??...

PENSIERO: No, voglio due pareri diversi... in modo tale da poter  scegliere la versione  migliore...

Giungono nella casetta-blog le due arredatrici: la Verità e la Menzogna....

La Verità ha un aspetto austero e serioso...

La Menzogna, invece, è procace, piacente e sensuale...

Entrambe danno uno sguardo piò o meno approfondito alla casetta... 

VERITA': (Sobria) ... lo stile deve essere quello per il gusto autentico delle cose...

MENZOGNA: (Dai modi affascinanti) Ma no!!!...  L'interior design deve creare effetti cromatici illuminotecnici illusori... 

VERITA':  ...io punterei all'essenziale... 

MENZOGNA:   ...io alle decorazioni...

VERITA': ...io mi dissocio...

MENZOGNA: ...ed io me ne vado... fate come dice questa vecchia befana...

VERITA': (Con voce severa) Sentite... anch'io me ne vado... fate come dice questa "ritoccata" gonfia di silicone...

PENSIERO: Ora mi avete seccato... si troverà un compromesso... 

A un certo punto sentono bussare alla porta...

Entra un nuovo personaggio: il fare  è  lento, il suo volto bello ma in parte coperto da un cappello... la sua figura attraente ma coperto da un lungo mantello nero...

PERSONAGGIO X:  ...mi sono permesso di ascoltare la conversazione... Credo che le due arredatrici abbiano entrambe ragione...  ma il vero arredamento qui  conviene sia un altro...

PAROLA: (Affascinata dal bel tipo)... Si... sono convinta che la sua opinione sarà quella giusta... Ma qual'è?

PERSONAGGIO X: ...la mia...

PAROLA: ...e lei chi è?...

PERSONAGGIO X: (Sorriso sornione)...colui che non è in sintonia con la verità  ma non appoggia la menzogna...

PAROLA: (Sempre più confusa)...e il suo stile qual'è?

PERSONAGGIO X: ..."Art of hiding"...

PAROLA E PENSIERO: (Con convinzione) Ci piace...

Sipario

 
 
 

Atto I (IV Scena) 

Post n°121 pubblicato il 10 Agosto 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

 L'inganno delle "REGOLE"...

 Un "REGOLAMENTO"  ipotizza tutto...

ma mai quello che accadrà...

da "Il mondo che non c'è"

La scena è ambientata all'interno dell''ufficio di un notaio: il suo nome "Regolamento".

Entrano la "Parola" e il "Pensiero". 

PAROLA: Salve, noi siamo qui per prendere possesso di una casetta blog.

REGOLAMENTO: Accomodatevi, benvenuti...  Ci vogliono pochi minuti: basta compilare un modulo e  scegliere la via  della vostra dimora...

PENSIERO: (Pensieroso) Scusi la malignità del mio pensiero... Ma può fornirci  qualche informazione in più?...  Ci sono degli svantaggi, ci possono essere in seguito dei problemi, andiamo incontro a delle grane?

REGOLAMENTO: (Serioso e imperturbabile)  Nessun svantaggio.... 

PENSIERO: ...ma il fatto che questo villaggio consti di circa 40000 abitanti non crea problemi  all'ordine interno?

REGOLAMENTO:  Il mio nome, Regolamento, per lei deve essere una garanzia... Si fidi...

La "parola" e il "pensiero" si appartano e dialogano sottovoce...

PENSIERO: (Rivolgendosi alla Parola) Sei proprio sicura?... Secondo me qui c'è puzza di bruciato... Da quando in qua in un posto tutto fila liscio come l'olio?... Forse dobbiamo ripensarci! Ma ci si può fidare di un notaio che si chiama "Regolamento"?... 

PAROLE: (Con aria infantile)  Ma no... sai che bello... incontreremo altre parole, altri pensieri, si andrà tutti d'amore e daccordo... e io potrò passeggiare liberamente da una casetta-blog all'altra...

PENSIERO: (Dubbioso)  Mah!... Sei sempre la solita chiacchiera!

PAROLA: ...e tu sei sempre il solito maligno...

Il Pensiero e la Parola si avvicinano al Notaio Regolamento e cominciano a compilare i vari moduli...

Entra in scena, in ritardo, l'Avvocato Idea... 

IDEA: (Esuberante) Scusate il ritardo... Cosa dobbiamo fare? Scegliere l'indirizzo??... Io proporrei un' originale "Via dei pensieri e parole"...

Attesa: il Notaio "Regolamento" pensa...

REGOLAMENTO: Non è possibile... è già presente...

IDEA: Ah... vuole dirmi che non sono stata originale? Ok... ci riprovo... (Ci pensa un attimino) Via della Grande idea...

Attesa... Il notaio "Regolamento" controlla...

REGOLAMENTO: Perfetto!... Adesso ci siamo!...   Ora è il turno della chiave per entrare... una chiave che non sia facilmente riproducibile...

IDEA:  Ah... qui vado sul sicuro!... Precipitevolissimevolmente!... Così dovessero rubarla almeno hanno l'impiccio di una chiave ingombrante!!!!... Ah... dimenticavo Notaio... una domanda... Visto che la Via che è stata scelta è quella della Grande Idea, non sarà mai che a qualcuno viene in mente di clonarla?... Sa... le  Grandi Idee piacciono sempre un pò a tutti!!!!  

Il notaio sorride, chissà perché, forse gliene importa ben poco. E' soddisfatto: ha concluso l'affare, i problemi che deriveranno non sono cose che a lui possano  riguardare.

Sipario

.........................................................................................

Applausi: 50.000 presenze
  

Non riproducibile da falsari

...uno straordinario dono da una donna fuori dal comune...

"Donna Sirena"

 

.............................................................

Grazie

 
 
 

Atto I  (III Scena) 

Post n°120 pubblicato il 02 Agosto 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

...il  PENSIERO e la  PAROLA amanti non sempre all'unisono...

...che  trovino il  SENSO del loro esistere...

... e che   trovino dimora per  l'ETERNITA'...

da "Il Mondo che non c'è"

La scena è ambientata all'interno di una stanza.

La "PAROLA" e il "PENSIERO" stanno amoreggiando teneramente l'una difronte all'altro...

PAROLA: (Tenerissima) Quante parole vorrei dirti... (Canticchiando) ...parole, parole, parole...

PENSIERO: (Più sulle sue) Quanti pensieri mi attraversano quando sono con te!...

PAROLA: (Sempre dolcissima) Vorrei  donarti una sola parola per esprimere quello che  provo...

PENSIERO: ...si, una sola?... solo una per tutto quello che provi?...

PAROLA: (Logorroica) ...perché mi prendi in giro?... Si, a me ne basta una... ma ora non te la dico... Perché il "pensiero" e la "Parola" devono andare sempre d'accordo  affinchè tutto abbia un senso... altrimenti sarebbero solo "parole"... oppure solo un "pensiero" nascosto"...

PENSIERO: Ma perché ti piace così tanto chiacchierare?... Pensiamo alle cose serie!!!!... Dobbiamo trovare un posto dove andare a vivere...

PAROLA: Possiamo andare a vivere in un libro?

PENSIERO: Chiacchiere!!!... Ma ci hai pensato che per vivere in un "libro" ci tocca fare un mutuo... e poi chi ce lo trova un "libro"... Dai pensiamo seriamente...

PAROLA: ...in un "giornale"...???

PENSIERO: Ancora troppe parole e niente fatti!... Ma lì c'è l'affitto!!!... Bisogna fare quello che dice il proprietario della casa-giornale... non ci sentiremmo mai liberi abbastanza... devo pensare...

PAROLA: ...allora ci vuole IDEA... lei ne sa sempre una più del diavolo...

La parola e il pensiero si accomodano su un divano, chiudono gli occhi, si concentrano, si rilassano e chiamano l'IDEA...

L'IDEA arriva mentre i due "innamorati" sono ancora sul divano mezzi addormentati...

IDEA:  In ogni momento mi  disturbate... Cosa vi serve questa volta?...

PAROLA: Una casa in cui poter andare a vivere il nostro sogno d'amore!

IDEA: (Ci pensa un pò) ...so che da qualche parte c'è un villaggio... dove si possono prendere delle casette graziose a costo zero... però...

PAROLA e PENSIERO: (Velocemente) ...però...???

IDEA: ...però ci sono degli inconvenienti... c'è un gran movimento di altri "pensieri" e "parole"...  e bisogna armarsi di notevole tolleranza... lì vivono  e convivono tutte le razze possibili ed immaginabili... bisogna fortemente educarsi al rispetto degli altri...  E' una cosa che potrebbe interessarvi?

PAROLA e PENSIERO: (Entusiasti) ... Si!!!.... Dov'è????

IDEA: ...nel villaggio-blog...

Sipario 

..............................................................................

Rassegna stampa

..................................................................................

Inviato da sea_winter 

il 03/08/06 @ 03:23 via WEB

Pare che per alcuni l'avere inserito delle tue foto abbia distolto l'attenzione su quello che viene da te descritto e scritto...a volte i tuoi pensieri possono trasparire come inquinati dalla tua immagine quando vengono letti...e a volte se ne fa un uso distorto della verità...come montare un servizio giornalistico a pro o contro quella parte politica o meno...è come il doversi accapparrare dei voti...anche se tu non hai la pretesa che le tue parole vengano comprese da tutti...rimane cmq l'intento che esse possano generare ulteriori domande...ulteriori spunti che possano allargare l'orizzonte...e portare arricchimento e conoscenza a chi è in grado di leggerti....non si può avere la pretesa che tutti siano in grado di capirti...risulteresti essere banale...
.................................................................................
Data:03/08/06 10:27:11 
Testo del messaggio:
Ciao... trovo molto interessante il tuo ultimo post.
Vorrei chiedertelo per poi donarlo ad una persona
alla quale potrebbe recare giovamento. Ti spiace?
Grazie comunque.

 
 
 

I Atto  (II scena) 

Post n°119 pubblicato il 25 Luglio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Che la  PAROLA sia sempre sposa di un pensiero...

Che il  PENSIERO sia figlio della conoscenza e dell'intuizione...

Che l' IGNORANZA  mai s'insinui nella loro unione... 

da il "Mondo che non c'è"

La scena è ambientata in un grande parco...  A lato destro una panchina...  

Entrano in scena la PAROLA e l'IDEA...

IDEA: (Allegra) Hai visto che ce l'abbiamo fatta?

PAROLA: (Con tono piagnucoloso) ...si... ma...  forse... non so... dai... non ci far caso... è probabile che... io so che sia... in fondo penso che è così...

IDEA: Ma che chiacchiere sono?... Non ti accorgi che stai parlando a vanvera? Tu, senza la ragione non riesci a fare un discorso sensato

La parola comincia a piangere...

PAROLA: (Piagnucolosa) Lo vedi che anche tu mi insulti?... Lo vedi che io da sola non combino niente di buono... che sono una semplice e povera parola...

L'IDEA rimane in silenzio per un pò... ad un tratto la sua testa si illumina con una luce fosforescente...

IDEA: Ho avuto un'idea!... Devi trovare un amico, un compagno, un innamorato... devi trovare un pensiero... La parola e il pensiero sono la coppia più bella del mondo... 

PAROLA: (Con un piccolo sorriso)  E dove lo trovo il mio amato... il mio pensiero???... Tu dici che la mia vita ha un senso con LUI?

IDEA: Certo!... L'unione fa la forza... uno dà all'altro quello che all'altro manca... Lui sarà per te la fonte di ogni tuo dire  e tu per lui sarai  lo strumento del suo esistere...

PAROLA: (Con un grande sorriso) ...Allora cerchiamolo... Io lo vorrei bello, intelligente, colto e buono... se possibile anche divertente...

IDEA: ...per il momento cerchiamo di accontentarci... e di non avere pretese assurde... Vediamo che si può fare...

L'idea si allontana... e dopo un pò ritorna con qualcosa in mano...

PAROLA: ma... ma... quella che roba è???

IDEA: Questi sono libri vari... sfogliali e scegli il pensiero che più ti piace...

Da fuori scena proviene un urlo assordante...

VOCE FUORI SCENA: Sono io che comando...  IDEA sballata fa tacere quella "chiacchiera"... e fulminati un pò di lampadine...

Sipario

...........................................................

Rassegna stampa

....................................................................

 

Da:rainbow19

Data:01/08/06 10:10:30 

Testo del messaggio:
Approdo nella tua isola sull'onda della curiosità, un po' come quando si guarda un reality show perché tutti ne parlano.
Appartengo a quella categoria che organizza il blog come una sorta di 'diario in rete'. Appuntare sensazioni mi dà l'idea dell'immortalità. Il mio egocentrismo viene nutrito e si dirama nell'intenso ordito multimediale.
Il contenuto del tuo blog è come un fluido che si adatta al recipiente: può essere un calice, un'otre, una caraffa.
Dona al viandante il senso dello spaziare dentro se stessi.
Tuttavia non tutti sono preparati a viaggi introspettivi, il liquido tracima, fuoriesce. Quindi ti esorto a non perderti in sterili dibattiti con chi ti addita, quasi fosse il sommo depositario della verità. Restano quisquiglie.
E' solo il rammarico di non aver pensato prima di te a questa prospettiva da cui guardi il mondo. Perciò vieni usata come 'parafulmine' per collimare il vuoto dell'anima.
Ricordati che possono clonarti il nick-name... ma non il talento che genera la genialità....

.......................................................................................
 Inviato da sea_winter 

il 01/08/06 @ 03:07 via WEB

  
Ho imparato a leggerti...è qualcosa che va oltre il GENIALE...
E' il porre continuamente domande che non possono avere un significato contingente nelle risposte ma che vanno lette ed interpretate...
Sono domande...e DUBBI dei quali ognuno di noi...nel suo intimo sentire inconsciamente ha bisogno...NULLA a che vedere con il bisogno contingente...
................................................................................
 
 
 

I  Atto   (I  scena)

Post n°118 pubblicato il 22 Luglio 2006 da lauviahdamore
Foto di lauviahdamore

Che la  PAROLA sia libera...

che l' IDEA ne sia compagna... 

 e che la  RAGIONE  smetta d'intromettersi...

da "Il mondo che non c'è"

Una grande stanza buia... fredda... pareti di roccia... nessuna finestra... nessuno spiraglio di luce...

Al centro un grande tavolo e tre sedie...

Due "identità" stanno dialogando animatamente...

PAROLA: (Agitatissima) Ho detto che mi devi far uscire da questo posto infernale!...

RAGIONE: (Molto calma e precisa) Ma perché non ragioni, perché  ti ostini ad avere sempre la parola sulla punta della lingua?

PAROLA: Io non sono nata per ragionare... io nasco  e mi riproduco per parlare, per comunicare, per dire...

RAGIONE: Ho capito... ma che colpa ne ho io se ti hanno rinchiusa in questo carcere...?

PAROLA: (Sempre più arrabbiata) Sei stata tu a rinchiudermi qui dentro con l'accusa... "Nessuna ragione di esistere"... Credi di aver il mondo in mano, vero?... Credi di essere la regina del secolo?...  Chi credi di essere per fermarmi?... Io sto aspettando il mio avvocato che tra poco sarà qui e poi voglio vedere con quale ragione  riuscirai a mandarlo via....

In quel momento si sentì cigolare una porta... una nuova identità fa ingresso in scena...   E' l'IDEA...

IDEA: (Sorridente e sfrontata) ...Ancora con questa storia Signora ragione?.... Ma si faccia una risata ogni tanto... che le fa bene... per non dirle di farsi qualcos'altro che le farebbe ancora meglio!... Il problema è questo: la parola, che sia scritta o che non lo sia, deve avere la libertà di esistere nel mondo... in qualsiasi mondo...   Io adesso pago la cauzione e da oggi la "parola" con tutti i figli e nipotini... parole, paroline, parolette e parolacce... insomma tutte... sia quelle riuscite bene che quelle riuscite male saranno sotto la mia tutela... e mi appello all'articolo della Costituzione Italiana...

RAGIONE: Quale?

IDEA: Ora non me lo ricordo... comunque esiste...  Non è un'idea!

RAGIONE: (Rassegnata)  Va bene... Io volevo farvi ragionare... ma niente... ok, la parola è libera.... Ma...  Avvocato Idea... dica alla sua assistita...  che c'è in giro gente che la chiama chiacchiera... non vorrei che ci rimanesse male...

L' IDEA e la  PAROLA escono dalla scena del "carcere" allegre e contente...

La RAGIONE resta seduta,  con le mani in mano, un pò afflitta.

Sipario

 
 
 

.

Post n°115 pubblicato il 15 Luglio 2006 da lauviahdamore

Sipario

Tra breve i protagonisti...

"Il mondo che non c'è"

...L'uomo non potendo vivere sulla Luna...

....ha creato un mondo che non c'è....

con la partecipazione straordinaria

di

"Mister Blog"

alias

Il Blog

Le parole           La Follia           La simpatia        L'amore           La verità

La poesia          La Ragione       L'antipatia          L'odio             La menzogna    

interpretato da

.........I blogger di Digiland.........   

....Nessun riferimento a cose, persone, parole, opere e misfatti altrui...

solo FANTASIA!

 
 
 

Le Tentazioni dell'Angelo

Post n°114 pubblicato il 13 Luglio 2006 da lauviahdamore

Ultima puntata

PREMESSA: devo dire che un pò mi sono "scocciata" di scrivere questa storia e quindi ho deciso di chiuderla prima del previsto perché...

- in questo periodo ho pochissimo tempo...

- mi annoio quando le storie si trascinano alla lunga...

- quando poi sorgono delle complicazioni... preferisco sempre i  viali pianeggianti e mai i percorsi ad ostacoli...

PERO'...

La devo concludere perché è sempre meglio  terminare  piuttosto che lasciare in sospeso... come è invece mia abitudine fare...

La risposta che Serafino  cercava era in un solo termine: la paura... intesa nel suo significato a 360°...

L'Ispettore altro non era che la donna che aveva sempre desiderato...

Quando lui se la ritrovò difronte ne fu molto contento...

...dopodiché vissero, nella "dimensione celeste",  felici e contenti...

...cullandosi con questa "nenia"...

L'Amore è un miraggio... lasciate che v'abbagli...

La paura è un incubo... svegliatevi...

Fine

PS: Alla prossima perché non mollo... difronte a niente e a nessuno... solo difronte alla NOIA...

...e a un KALASHNIKOV in mano...  da usare... e  da riuscire a  colpire l'obiettivo...

DIFFICILE!

 

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°113 pubblicato il 10 Luglio 2006 da lauviahdamore

10° puntata

Tante ipotesi... una sola risposta...

Serafino doveva trovare 100 diverse possibili risposte  ad una sola domanda... "Perché sei tornato indietro?"

L'ispettore gli aveva dato un foglio sul quale scrivere...

Mai come in quel giorno la fantasia di Serafino era completamente assente... inoltre,  era sempre più distratto dallo strano comportamento dell'Ispettore: quell'uomo era difronte ad un monitor, leggeva  e rideva da solo come un matto...

Non lo convinceva per niente... aveva qualcosa che non riusciva a spiegarsi... il suo comportamento era incomprensibile ma ancor di più quello che gli diceva...

Isp: "A che punto siamo con le risposte?"

Ser: "Ne ho scritte 30... forse potrebbero anche bastare, che dice?"

Isp: "No... continua a scrivere... Però ti aiuto... pensa al 5!" 

Serafino ci pensò... ma non capì...

Dopo un'ora...

Isp: "A che punto siamo?... "

Ser: "Sono a 35!"

Isp: "Non va bene, sai!... Più veloce devi essere!... Ti aiuto... P di Palermo!"

L'Ispettore rideva con gusto... e intanto Serafino pensava: "Ma che c'avrà questo da ridere?...  E poi che vuol dire 5 e P?... Mah!"

Dopo tre ore...

Isp: "Allora?..."

Ser: "Sono a 40!"

Isp: "Ti aiuto... il contrario è la A di Ancona!"

...dopo un'altra ora...

Isp: "Ti aiuto... Il contrario è sempre 5!"

...dopo mezz'ora...

Isp: "Ti aiuto... E' in te il vestito di Palermo e il contrario del vestito!"

...dopo 10 minuti...

Isp: "Ti aiuto... E' in te il vestito di Ancona e il contrario del vestito!"

...dopo 5 minuti...

L'Ispettore non fece in tempo a parlare perché Serafino lo bloccò urlando...

Ser: "Basta!... La faccia finita!... Ho capito!"

  

Pubblicità

 
 
 

Al fuoco!... 

Post n°112 pubblicato il 06 Luglio 2006 da lauviahdamore

Hanno dato "fuoco" alla "baracchina"...

...perché non pago le "tangenti"...

......................ma..............................

...nessuno può spegnere le fiamme della volontà...

...nessuno può domare la vampa della propria identità...

...nessun "estintore" puo'  estinguere...

...il rogo della LIBERTA'....

 
 
 

Le Tentazioni dell'Angelo

Post n°109 pubblicato il 29 Giugno 2006 da lauviahdamore

.............. . ................... ................ .

. ........... ............. ................ .....

Puntini senza significato apparente

E' quello che c'è in ogni dove...

E' ciò che meno si vede... meno lo si fa vedere... e meno si fa vedere...

Ecco perché un codice...

(C'è una logica anche dietro l'apparente pazzia)

...per individuarlo intorno a noi e dentro di noi occorre indagare

...occorre risolvere un enigma, forse il più grande

Ecco perché un codice... non sono pazza...

 

 
 
 

Le Tentazioni dell'Angelo

Post n°106 pubblicato il 24 Giugno 2006 da lauviahdamore

9° puntata

Troppe domande... nessuna risposta...

Poche domande... qualche certezza...

Nessuna domanda... sicurezza assoluta...

Serafino si prepara per l'interrogatorio...

L'ispettore è lì che lo aspetta contento del compito...

L'ispettore pose la sua prima domanda...

ISP: "Giuri di dire la verità, solo la verità e nient'altro che la  verità?"....

SER: "Lo giuro"... in cuor suo sapeva che non avrebbe potuto  farlo... ma avrebbe fatto del suo meglio per nasconderlo... non voleva mentire... semplicemente non aveva il coraggio di dire alcune sue verità...

ISP: "Bene, bene... possiamo anche cominciare... Voglio avvisarti che ad ogni domanda ti verrà dato un punteggio... se totalizzerai meno del dovuto dovremo ripetere l'intero questionario finchè non arriviamo al totale esatto..."

L'Ispettore cominciò con la sua prima domanda...

ISP: "Perché sei sceso sulla terra?"

SER: "Semplicemente perché ero curioso di vedere che vita facevano gli "umani"..."

ISP: "Cosa hai fatto precisamente sulla terra?"

SER: "Ho solo curiosato!"

ISP: "Chi hai incontrato?"

SER: "Ho visto tanta gente, nessuno in particolare!"

ISP: "Volevi incontrare qualcuno in modo particolare?"

SER: "No... no..."

ISP: "Perché sei tornato indietro prima che il tuo tempo scadesse?"

SER: "Non provavo nessun tipo di interesse!"

ISP: "Rifaccio la domanda... Perché sei tornato indietro?"

SER: "Gliel'ho detto... mi stavo annoiando..."

ISP: "Rifaccio per la terza volta la domanda e vedi di rispondere bene... perché altrimenti stiamo qui anche per una settimana intera..."

SER: "Forse... forse... non avevo trovato ciò che mi poteva interessare.. "

ISP: "Va bene... ora non gliela faccio più... ora devi ripeterti la domanda per 100 volte e ogni volta trovare una risposta diversa... INVENTA pure... ma ne devi trovare 100 diverse..."

Serafino era angosciato...

Pubblicità

 

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo 

Post n°104 pubblicato il 20 Giugno 2006 da lauviahdamore

8° puntata

L'inganno

Quando non c'è, lo s'inventa... fa comodo...

Quando c'è, non lo vediamo... fa comodo...

Serafino era difronte alla donna che aveva desiderato incontrare...

La guardò, la riguardò, la riguardò ancora... e poi andò via...

Non riuscì neanche a proferir parola...

Tornò sconfortato nella sua amata "dimensione celeste"... lì si sentiva al sicuro, lì nessuno lo avrebbe messo alla prova...  solo il suo lavoro e le sue abitudini...

Ma sapeva che quel giorno stesso doveva superare l'esame...

Un ispettore celeste avrebbe controllato la validità del suo viaggio terreno... a lui avrebbe dovuto raccontare quello che aveva fatto, quello che non aveva fatto, quello che aveva visto, quello che avrebbe voluto vedere, etc...

Una sorta d'interrogatorio... sapeva da chi c'era passato che era una sorta d'incubo, non ne uscivi mai "integro"...

E' ora....    Serafino si avvia al patibolo...

Pubblicita'

 
 
 

Le Tentazioni dell'Angelo (Non è più blu)

Post n°103 pubblicato il 18 Giugno 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera  (Scritta nel 2001)

7°puntata

Un incontro atteso, ma veramente atteso...

Non riuscire ad avvicinarsi...

Non serve quello previsto...

L'Angelo Serafino aveva assunto appieno un'identità in carne ed ossa... ora era un uomo completo sotto ogni punto di vista... reagiva al mondo esterno con i suoi "sensi" e non solo con le percezioni...

Era una "donna" quella che lui voleva incontrare... ed ora lei era a poche centinaia di metri da lui... ma proprio vicino, vicino...

Dentro di sè non vedeva l'ora di concretizzare il suo "sogno"... il sogno di un uomo e non di un angelo...

Non si sentiva in colpa... in fondo il Comitato gli aveva concesso anche questo ripetendogli questa frase: "PURCHE' TU CAPISCA"

Serafino, invece, non capiva bene... era curioso, attratto, emozionato, angosciato, in preda a qualcosa che... "NON CAPIVA"...

ERA IMMOBILIZZATO!!!... Non riusciva ad agire, non riusciva a fare ciò che aveva disegnato nella sua mente migliaia di volte, e... "NON CAPIVA"... avrebbe rimandato quel momento "CONCRETO"  all'infinito...

Lei si avvicinò, gli sorrise con gentilezza come si sorride ad uno sconosciuto che sembra essersi smarrito...

Lui continuava a NON CAPIRE...

Lei gli era affianco...

Pubblicità  (Non è più viola)

 
 
 

Le Tentazioni dell'Angelo

Post n°100 pubblicato il 16 Giugno 2006 da lauviahdamore

Re, Regine e schiavi...

C'è chi il titolo vuole gli sia riconosciuto...

...e adora i sudditi...

...e cerca conferme..

C'è chi del titolo non ne ha bisogno... lo è!

...e ama tutti...

...e non fa domande...

Metafora di una riflessione psicologica... 

Pubblicita'

 
 
 

C = 2 pi greco r

Post n°99 pubblicato il 14 Giugno 2006 da lauviahdamore

Solo un cerchio... 

"Circle of life"... non ha numeri e nè formule...

Anche l'ASSURDO ha una sua logica...

Semplicemente un compleanno... IERI!

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo

Post n°98 pubblicato il 11 Giugno 2006 da lauviahdamore

Assolutamente una storia NON vera... (Scritta nel 2001)

6°puntata 

Incontrare e perdersi... sopportabile...

Reincontrare e perdersi... insopportabile...

L'Angelo Serafino aveva inviato al Comitato la sua "bolla di accompagnamento"... ora doveva solo attendere...

La mattina successiva egli si sveglio!...

Un dolore lancinante trafiggeva il suo corpo...

Era contento, contento, contentissimo... e tra sè disse: "Che il Comitato sia lodato!... Grazie Comitato!"

Il Comitato aveva concesso a Serafino quello che lui desiderava.

Ora era pronto!... Tutto era al posto giusto!...

Uscì per REINCONTRARE...

Sapeva che sarebbe finito nel posto giusto, sapeva che avrebbe ricordato, sapeva che avrebbe riconosciuto...

Camminava immerso nei suoi pensieri quando qualcosa colpì la sua attenzione... ascoltò attentamente...

Era finalmente nel posto giusto...

Pubblicita'

 
 
 

Il pregiudizio... 

Post n°95 pubblicato il 11 Giugno 2006 da lauviahdamore

Una volta un "fiore rosso" disse ad uno "giallo"...

"Fiore giallo, come sei bello!!!... Tu sei una margherita?"

Il fiore giallo rispose... "Si... e mi auguro che tu non ne sia allergica perché ti darebbe molto fastidio!"

Il fiore rosso non capì... però era desideroso di comprendere il significato di quelle parole... voleva continuare a chiacchierare con la margherita... la trovava così bella... e allora  si porse a lei con ancora più gentilezza...

"Io penso che tu sia il fiore più bello perché è il più semplice!"

La margherita non ci vide più e con tono ironico rispose...

"Meglio la semplicità e la verità di una margherita che l'artificio di una rosa a gambo lungo il cui colore è stato artefatto e il cui odore è inesistente"...

Il fiore rosso rimase senza parole... ancora una volta non capì...

Poi raccolse quel pò di voce che aveva e disse...

"Io non sono una rosa... sono un PAPAVERO...

Tra tutti i fiori non si può cogliere... non si può regalare...

morirebbe...

eppure si lascia baciare dal sole...

LIBERO!..."

(ANONIMO)

FINE

 PER UN'AMICA...

 

 
 
 

Intermezzo da Favola

Post n°94 pubblicato il 10 Giugno 2006 da lauviahdamore

La favola della volpe e dell'uva

In un torrido giorno d'estate, una VOLPE, passeggiando per una vigna, vide appeso un bel grappolo d'uva.

"Proprio ciò che mi serve per soddisfare la mia SETE", disse la volpe. Arretrò di qualche passo per prendere la rincorsa e saltò per afferrare il  GRAPPOLO, ma lo mancò.

Ci riprovò, una, due, tre volte, ma proprio non ci riusciva. Imperterrita, continuò a cercare di afferrare quel boccone prelibato. Alla fine si arrese e se ne andò SDEGNATA dicendo: "TANTO SONO SICURA CHE E' ACERBA"

ESOPO (VI secolo a.c.)

FINE

Al buon intenditor, poche parole...

 
 
 

Le tentazioni dell'Angelo 

Post n°93 pubblicato il 08 Giugno 2006 da lauviahdamore

Assolutamante una storia NON vera... (Scritta nel 2001)

5° puntata 

Ricordare...  

Era finalmente arrivato il momento di compilare la "bolla di accompagnamento"...

Serafino e Cherubino erano difronte al "modulo"... non sapevano da dove partire... si guardavano l'un l'altro...

Quantità, peso, grandezza, altezza, prezzo e iva... tempi di consegna e  descrizione...

SER: "Quantità?... Penso che uno vada bene!!!"

CHE: "Forse sarebbe meglio 2, così se avanza... ci sono io!"

SER: "Il peso?... Forse un chilo, un litro, un quintale?... Tu che dici?"

CHE: "Facciamo uno e mezzo... meglio abbondare!... Poi l'unità di misura non è importante"

SER: "La grandezza?... Qui non so proprio cosa mettere!!"

CHE: "Va bene... te lo scrivo io!"....... E il Cherubino scrisse...

SER: "L'altezza?... Ma quante ne vogliono sapere!"

CHE: "Abbondiamo... abbondiamo..."...... E il Cherubino scrisse...

SER: "E il prezzo?... Ora si che cominciano le dolenti note!"

CHE: "Dobbiamo essere generosi... scriviamo... "NON HA PREZZO"... anche perché così l'iva se la calcolano loro perché la calcolatrice l'ho persa!... "

SER: "I tempi di consegna?... Quelli li scrivo io, questi li so!!!... Al più presto!"

SER: "Dobbiamo mettere la DESCRIZIONE... io proprio non me la sento..."

CHE: "Nemmeno io... vedrai capiranno... non ti preoccupare!!!!"

PUBBLICITA'

 
 
 
Successivi »
 

Questo blog è interamente dedicato a Paola....                                                  "Quando i rapporti umani vanno oltre l'opportunismo virtuale"

 

 immagine

Ti criticheranno sempre e  parleranno
male di te... 

Quindi: vivi come credi e fai ciò che vuoi... 

Una vita è un'opera di teatro che non ha
prove iniziali.

Quindi: canta, ridi, balla, ama...

vivi intensamente
ogni momento della tua vita...

prima che cali il
sipario e l'opera finisca senza applausi.

Charlie Chaplin

"Luci della ribalta"

 

ALTRE IDENTITÀ

 

FACEBOOK