Creato da juvefc1897 il 25/09/2005

Bianconeri siamo noi

"Avvocato, oggi vince il migliore o la Juve?" - "Sono fortunato, spesso le due cose coincidono!"

 

 

Ferrari, che sia la prima e l'ultima volta

Post n°920 pubblicato il 16 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Una gara da circo per cominciare la stagione, un Gp comico per l'incredibile quantità di errori e di emozioni che si sono viste. In particolare, proprio dalla Ferrari. Si è visto proprio tutto: sorpassi, errori, penalità, incidenti, illusione, gioie e dolori, pure Dennis che ride (raro). La nuova era del dopo Todt si è aperta con il peggiore weekend immaginabile. Basti pensare che tra qualifica e gara, l'anno scorso non si era mai arrivati così in basso. Crollo che comincia dalle qualifiche: Kimi, tanto per cambiare, tradito da problemi tecnici, si accomoda in 16° posizione sulla griglia, Massa è solo quarto con un solo reale tentativo in Q3, perchè il secondo, misteriosamente, è stato bruciato via. Primo problema tecnico, pressione della benzina:vabbè, non succede quasi mai, un caso. Nessuno, giustamente, s'è allarmato più di tanto. In fondo, quale migliore possibilità di mostrare a tutti, con una grande rimonta, la reale forza della Ferrari? Succede però che Felipe alla prima curva non smentisce i suoi detrattori e manda in vacca le prime chance di podio, arrivando in fondo al gruppo. Kimi invece indovina uno scatto superlativo e se ne mangia addirittura otto, posizionandosi già in zona punti. Uno scatto da Campione del Mondo intenzionato a stupire con quella che non sarebbe la prima rimonta in carriera. Fatica da matti per superare Barrichello (che comunque ha più esperienza sulle spalle,di tutti) e la Honda (avessi detto), con un gran quantitativo di carburante ma con le gomme a mescola morbida. E con una Ferrari. Appena si libera di Rubinho, trova pista libera e sforna un grande ritmo di gara e questo è stato l'unico punto da salvare della Rossa in Australia, contando poi il notevole quantitativo di carburante che aveva imbarcato Kimi. Un ritmo di gara fortissimo, migliore di quello argentato made in Woking. Ma poco dopo, ecco che gli si presenta subito Kovalainen davanti, appena uscito dal suo primo dei due pit stop (a differenza del finnico, che optava per una sola fermata). Ci si mettono di mezzo anche le continue interruzioni della Safety Car, la seconda causata da uno scontro tra Massa (che stava facendo una discreta rimonta) e Coulthard all'esterno ormai sorpassato(sempre lui di mezzo). In quel momento Kimi stava imboccando la corsia dei box ma ad un tratto, richiamato, ne riesce. Dubbi sulla qualità di questa decisione, che all'inverso, porterà poi buoni frutti ad Alonso. Alla ripresa della gara, Raikkonen punta deciso Kovalainen già in rettilineo. Tre curve dopo, Kimi lo attacca all'interno ma si scorda di frenare: fuori pista e ciao ciao sogni di gloria. Errore che un Campione del Mondo ci potrebbe risparmiare. Errore che compromette quella che stava diventando una splendida e fruttuosa rimonta di Iceman. Nello stesso giro, vediamo la Rossa di Massa che è ferma: tombola, e sono 2. Speranze che risiedono solo in Kimi, quindi: arriva nei tubi di scarico di Glock e nella stessa curva maledetta del duello con Kovalainen, va in testacoda. Errore grosso, ancora. L'incidente dello stesso Glock e la conseguente safety car rimettono nuovamente in gara il Campione del Mondo, favorito da pit stop di altri che lo riportano in buona zona punti. Verrà nuovamente risorpassato da Kovalainen e addirittura Alonso. Il canto del cigno per quanto riguarda questa domenica. Il motore piano piano finisce la sua agonia, la rossa numero 1 è definitivamente ferma. Bingo. Non accadeva dal Gp di Silverstone del 1997 che due Ferrari si ritirassero insieme per problemi tecnici. Tanto per memoria storica, vinse Jacques Villeneuve su Williams e fu la vittoria numero 100 per lo storico marchio britannico. Un vero e proprio disastro rosso a Melbourne, non c'è che dire. Forse una giusta disfatta, perchè il morale nei test invernali sembrava troppo, ma troppo alto. Troppa esaltazione. Il presidente Montezemolo la bacchettata l'ha tirata qualche tempo fa, l'impressione è che forse non si sia recepita per bene. Tre problemi tecnici, errori dei piloti abbastanza evidenti. Con un Gp così convulso e stravolto, la vittoria in rimonta (senza problemi tecnici ed errori) ci sarebbe anche potuta stare, perchè la velocità c'è tutta. La vittoria è andata ad Hamilton, che ha corso senza avversari ed è stato l'unico pilota in grado di condurre una corsa, dal punto suo, regolare nello svolgimento. Niente errori, niente sfasamenti negli stint dovuti alle safety car che invece sono costati il secondo posto a Kovalainen, bruciato nel finale da uno straripante Alonso: grandissima prestazione dello spagnolo nonostante avesse tra le mani quel catorcio della Renault. La conferma che è uno dei pochissimi piloti ancora in circolazione in grado di fare la differenza, la dimostrazione che l'uomo può contare più della potenza della vettura. Lo si è visto nella lotta finale contro la ben più veloce (e di brutto) Mclaren di Kovalainen, contro cui ha lottato davvero digrignando i denti. Sarà la salvezza per Briatore, perchè altrimenti la scuderia Renault sarebbe veramente allo sbando. Non è una sopresa vedere invece la competitività di Rosberg, giovane rampante che in Brasile ci aveva lasciato con quel duello mozzafiato con Kubica. Nemmeno così tanto sorprendente la Toro Rosso con Bourdais e Vettel, perchè sembra, nonostante i ritiri di oggi, una felice prosecuzione dell'ottimo finale della scorsa stagione, con un gran lavoro dell'appena arrivato Giorgio Ascanelli. E ritorniamo alla Ferrari. Una figura da SuperAguri. Dovrà essere una scossa, però. Un riscatto immediato che dovrà arrivare già a Sepang, tra una settimana. Un circuito normale di F1, a differenza del semicittadino Melbourne, dove non escono mai fuori le vere gerarchie delle squadre, come a Montecarlo. Lì non si scherzerà più. Dopo stamane, ne abbiamo già viste un pò troppe di contrarietà.E lì sarà il caso di tirare somme e bilanci più attendibili.

 
 
 

SI RICOMINCIA

Post n°919 pubblicato il 14 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Tyrkyttää Kimi, Força Felipe, Forza Ferrari!

I motori tornano a rombare, ed è stata un'attesa lunga, più che mai. Sopratutto dopo che l'ultima volta che gli abbiamo visti girare tutti insieme, è stata per un finale pazzesco, memorabile. Uno dei più intensi di sempre, ancora da brividi, lo sarà per sempre. Irremovibile. Ma è ora di andare avanti. Si ricomincia, pare un altro anno zero per tanti cambiamenti. Alonso, Todt, Dennis sul piede di partenza e nonostante la sua proverbiale arroganza che lo ha portato ad essere un pò troppo antipatico, spiace per il possibile vantaggio nell'azionariato da parte della Mercedes, nei confronti di uno storico team come la Mclaren, che ha scritto la storia di questo sport. Anche con "il garagista" Ron (il paragone con Moratti vale solo per la spystory, ma non per la carriera, comunque ricca di macchie, ma anche di pro). Si ricomincia, per coloro che hanno un pò di voglia di disintossicarsi dal pallone. Si ricomincia, per chi prova orgoglio (come me), nel puntare la sveglia alle 3 di notte per seguire, se possibile, pure le prove libere. Si ricomincia senza Jean Todt nelle antiche vesti, con il rampante Domenicali al suo trono. Si ricomincia con il numero 1 di Kimi e il numero 22 di Hamilton. Si ricomincia con un Kimi per nulla appagato dal primo titolo mondiale, alla ricerca già del secondo. Si ricomincia con la terza stagione di Felipe al volante della Rossa: ormai non ha quasi più scuse, dev'essere l'anno dell'esplosione definitiva dopo due anni per maturare, ora ci vuole un andamento Mondiale, visto che la Ferrari, c'è. Si ricomincia senza il tc: vedremo più spettacolo. Si ricomincia con Alonso che dovrà inizialmente soffrire, per poi godere di un passo migliore dopo aver sviluppato la sua Renault. Si ricomincia con una BMW a caccia della prima vittoria. Si ricomincia senza il vocione erremoscia di Giorgio Piola alla Rai: si sono fatti scappare unico dei pochi di buono che avevano, laddove spendono fior di quattrini per i vestiti della Clerici. Vabbè, ce ne faremo una ragione. Si ricomincia con una Ferrari che c'è, dopo un dominio nei test. Diciamolo sottovoce, che è meglio. In fondo, in Formula 1, mai dire mai e ancora nulla è iniziato. Però, sarebbe davvero affascinante un duello Kimi-Felipe per il titolo iridato. Una lotta esclusivamente tra ferraristi, come non era mai successo. Con un vettura sorella della F2002 o della F2004, ma diciamolo sempre sottovoce con le mani ai posti di combattimento (l'affidibilità gioca sempre quegli scherzetti..). Ricominciamo, ma speriamo con una battaglia giusta. Con la polemica, perchè ci sta e benone. Ma ci si limiti a quello.  O sarà un dominio Ferrari, oppure un'accesissima lotta con la Mclaren, con intrusi d'eccezione, come Alonso che non starà lì a guardare, non è da lui.

 
 
 

100 di questi anni

Post n°918 pubblicato il 12 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Alè Inter. 100 di questi anni. No, non sono impazzito. Questo Centenario è soprattutto Nostro, più che loro. Proprio così. 100 anni di comiche in qualunque giorno, in qualsiasi ora, in qualsiasi dichiarazione, in qualsiasi dunque, in qualsiasi ovunque, in qualsiasi perché. Un Centenario Nostro più che mai, non solo per ogni loro lettera pronunciata che equivale ad un come mai, ma perché proprio loro, nella festa più importante di tutte, trovano l’unico espediente nelle ripicche verso Juve e Milan. 100 anni in Serie A. Un applauso. Uno solo. Clap. Credono di essere gli unici, sbagliano, come quando rivendicano l’onesta. Sbagliano, autogol (come Materazzi). Pure la Juventus riuscìì in questa che loro denominano come Impresa (Birra Moretti, blabla). Impresa di cui, nel 1997, non si filava nessuno. C’erano da omaggiare i Campioni del Mondo, d’Italia (e non Di Taglia) e d’Europa. Quello che voi non sarete mai. In fondo, l’unica volta che sono scesi in piazza era il 20 Maggio del 1998. Erano vestiti di Blancos, ancora non dormivano la notte pensano allo sfondamento di Ronnie e del ccalcio a 2 in area che eventualmente sarebbe stato da fischiare. Alla festa del Centenario, oltre a fischiare il videomessaggio di Platinì, poverini, rimandavano la riproposizione di quell’accaduto.

 

Una più bella dell’altra. Malmoe, Lugano, Helsinborgs o come cavolo di scrive, Dinamo Kiev, Villarreal, Alaves, Feyenoord, Valencia, seggiolini in campo, motorini, petardi, Far West (anche Taribo) e mi fermo qui con l’elenco, prendiamo fiato. Ora Liverpool, nel giorno in quella che parecchi interologhi nel prepartita definiscono la “Partita del Secolo” nella storia interista. Quella che decreterà il futuro destino dei nostri eroi sudamericani. Tre settimane tra andata e ritorno. Tre settimane dopo 90 minuti e recupero di pessimo catenaccio. 90, sì e non veniteci a raccontare la favola della sacrosanta esplusione di Materazzi che in assenza di esperienza internazionale, già ammonito, entra con il solito stile da reparto Macelleria. Smoking bianco. L’inter già prima dell’espulsione si stava rinchiudendo nella propria area. E frignare istericamente per l’arbitraggio, come sempre, vale l’autogol. In area di rigore non si può parare, se non si è l’estremo difensore, caro Vieira. Tre settimane in cui ce le hanno fracassate in un modo e nell’altro, nel mentre dei rigori per tuffi carpiati fuori area. Ci hanno ricordato le pasticche di 40 anni fa (circa..abbiamo perso pure il conto), ci hanno ricordato la Grande Impresa.. quella contro il leggendario Salisburgo, spazzato via. Fanno i ganassa aspettando la partita, chiamano i cugini milanisti e i rivali juventini, già nascosti dalla paura (caghetta, dicono loro). Dicono che sarà, comunque vada, un successone e comunque sarà festa, con il perd.. ehm, nerazzurro nel cuore. Fernando Torres, oplà. Mentre Zenga chiede il fuorigioco non appena vede la palla in rete come un frequentatore assiduo del bar della Bovisa, per poi zittirsi al primo replay. Mentre lo Zio è stato appena accoltellato. Mentre Castagner ha già sputato le tossine al 10 del primo tempo, urlando come un ultrà senza motivo anche alle rimesse laterali. Succede che Cruz la spari a fondo campo solo davanti a Reina con Stankovic lì vicino pronto ad appoggiarla dentro senza nemmeno il bisogno di soffiare. Succede che il gran professionista Mondiale (quello che si faceva beccare dalle teste di maiale e che firmava tre contratti in un secondo) si rifiuta di entrare in campo. Succede che Vieira si dimostra l’ennesimo pacco dell’asse Inter-Juve, da alcuni definito più lento di un rimborso Irpef che in campo si è visto meno di Ronaldo col Milan. Succede che Burdisso imiti in pieno il suo consanguineo Matrix e che per il secondo anno consecutivo si faccia riconoscere in mondovisione, stavolta lamentandosi istericamente in perfetto stile con il Suo Mister. E poi, succede quel che da un vero Fenomeno non ti puoi mai aspettare. Il Grande Zlatan che ancora una volta stecca splendidamente un appuntamento con la Maiuscola, lui, che spara in Piazza Duomo e poi Piazza San Babila due palloni che pure Calloni avrebbe realizzato. Ma dov’è la novità? In fondo stiamo parlando del solito ritornello di un finto campione di cartone che si esalta nei rigori finti regalati contro l’Empoli che si nasconde sul più bello.Evvai con l’elenco:

Juve-Real 2-0 in cui fallisce l’opportunità di portare la formazione di Capello sul 4-0 e ci fa soffrire fino alla fine, sparandola alta ad un cm da Casillas in ben due occasioni, in cui i telecronisti tv dissero:”Mammia mia Ibrahimovic.. ma che sta combinando?”;

Juve-Liverpool andata e ritorno, gol sbagliato a porta vuota a Torino e la solita prestazione irritante da fantasma;

in Milan-Juve dell’8 Maggio lui non c’è: troppo impegnato a scazzottarsi nel precedente Juve-Inter;

la sfida con l’Arsenal lo vede strafischiato da tutto il Delle Alpi; in Inter-Valencia colpisce di testa a porta vuota (Canizares comico), centrando il legno e solito fantasma in quel di Valencia, dove l’unica cosa buona la regala quando non partecipa alla megarissa; in Juventus-Inter, per la prima volta da ex, si fa umiliare da Giorgione Chiellini. Arrivando quindi all’ennesimo capolavoro di oggi. Personalmente, non mi sono mai stato un vedovo di Zlatan che non è mai stato capace di incidere da nessuna parte in modo decisivo. Non veniteci a sbattere in faccia il Torneo Aziendale in cui ha realizzato fior di gol. Altrimenti io vanto un gol stupendo di Alex Del Piero quest’estate al Birra Moretti a Napoli. Giocatore che personalmente mi irritava già ai tempi della seconda stagione con la Juve, quando per vicissitudini contrattuali non s’impegnava minimamente e segnava ogni morte di papa, tra giochetti mai riusciti e liti. L’avrei ceduto, lo scrivevo anche allora. Non m’interessava a chi, anche se regalarlo all’Inter nella maniera liquidatoria che questa dirigenza ha attuato, non mi piaceva. Mai come oggi, comunque, sono contento di non essere mai stato un Vedovo di Zlatan ( e di Vieira). Chiuso l’inciso. E’ successo che durante la partita, pochi giri di lancette dopo il gol che più di due terzi dell’Italia ha accolto alla grande, il regista Popi popi Bonnici vada ad immortalare tifosi che disertano lo stadio e fischiano i propri Campioni di Latta. Gli stessi tifosi che una cinquantina di minuti prima erano per il “siamo sempre con voi”. Verranno inquadrati su Mediaset Premium ogni 30-40 secondi per tutta la mezz’ora finale. La Curva canta, il resto del pubblico fischia. Assieme a Moratti, ormai solo soletto, come sempre. Non pensava nemmeno a Moggi e alla banda di truffatori, talmente abbattuto. Almeno Moggi in finale di Champions, per ben 4 volte ci è arrivato, tu nemmeno i preliminari passi, caro Minimo Massimo.Ma almeno, al triplice fischio, tutto rimane nella civiltà assoluta, niente risse (eppure in tribuna c’era Cassano, guardacaso, tifoso interista), niente seggiolini in campo. Le hanno prese, punto. Niente Gervasoni, Bergonzi, Dondarini, Gussoni, Collina, Gava e compagnia cantante. Moratti non sa parlare norvegese, figuriamoci Oriali, non menzioniamo nemmeno Paperino Paolillo. Ma siccome le loro eliminazioni non sono mai normali, ecco la perla poco dopo le 23: in questi periodi è così bello bazzicare sulle private lombarde. Ed ecco che ti becchi Ravezzani che manda in onda la conferenza stampa di Mancini, che lascerà l’Inter. Ciuffetto lascia, dopo aver sbagliato per l’ennesima volta formazione e mentalità, dopo aver tenuto il vero Bomber a marcire in panca, un certo Crespo che una doppietta in finale l’ha saputa fare, a differenza del caro Ibra. Bellicapelli, l’erede di Helenio Herrera e blablabla, se ne va, annunciando che già i giocatori e la società sanno delle sue intenzioni. Stankovic, uno dei prediletti del Mancio, 2 minuti dopo alla domanda sul mister, cade dalle nuvole. Moratto, si legge dai quotidiani, si chiede perché non ne abbia parlato prima con lui. Mettono il becco fuori da Melegnano o Sesto San Giovanni e torna la cara, vecchia Inter, dove volano teste ogni 20-30 minuti ed è sempre bufera nel CDA. Grazie di esistere. Grazie Benitez, migliore allenatore attualmente al Mondo che parla meglio lui l’italiano rispetto a Materazzi e Mancini messi assieme, minimo. 100 di questi anni.

 
 
 

Lasciatela lavorare questa squadra

Post n°917 pubblicato il 10 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Non parliamo ancora di rinascita e andiamoci piano. Ci si gasa ed esalta troppo nelle volte, ci si abbatte tanto nelle sconfitte. Non c'è mai una via di mezzo. L'ottima vittoria di ieri, deve essere una ripresa importante per la squadra. Reazione giusta, immediata e di nuovo con quella umiltà e combattività che hanno contraddistinto la Juve in questa stagione. Le piccole squadre senza gruppo (l'Inter di Moratti),con allenatori davvero mediocri, dinanzi ad una sconfitta come quella contro i viola, si sarebbero disunite e il campionato andava a farsi friggere. Una Vittoria alla Fabio Capello, Juve più cinica che spettacolare in una partita molto nervosa e spezzettata, ove creare gioco è difficile. Si è pensato più a controllare per l'intero match la partita e tenerla in mano e così è stato fatto. Genoa che solo in due occasioni ha fatto venire qualche brivido: in queste azioni Buffon e Grygera si sono messi in luce, chi ancora una volta, chi per la loro prima volta graditissima. Una difesa perfetta, solida. Chiellini in forma Mondiale ha ridato di nuovo quella compattezza che era clamorosamente mancata nella puntata precedente, assieme a Legrottaglie che si sente più appoggiato ed esperto assieme al Giorgione. Bene anche Zebina, sarebbe benissimo se non si fosse fatto stupidamente (come suo solito) ammonire per delle inammissibili mancanze di concentrazione, che nell'economia di squadra pesano. Dulcis in fundo, il Grygera vero che desideravamo, lo Zdenek giusto sia in campo, che per nome. Al posto giusto. Prestazione sublime ed imperiosa, non solo per quel che ha saputo fare in attacco. Sventola voluta e cercata, assist dopo una cavalcata d'oro verso il ritorno al gol di Re David: come volevasi dimostrare, dategli una palla come si deve e non sgarra. Qudl che prima non era accaduto. Se non si ha voglia di farlo, diventa un giocatore inutile. Ieri lo si è visto anche partecipare di più alle azioni, lo si è visto anche recuperare la palla o spostarsi un pò sulla destra. Molto raro vedere Trezegol lottare, probabile segno di una squadra che ha ritrovato il carattere e gli stimoli, perchè se proprio lui, per antonomasia il meno combattivo di tutti corre il triplo del solito, vorrà dire che una svolta c'è stata. Non è un caso il fatto che la squadra ha preso in mano il match e i 3 punti già nel primo tempo, come raramente è successo quest'anno. Merito a Ranieri, quindi. Ha saputo trasmettere, in parte, di nuovo carattere alla squadra che torna a ruggire in una tana molto difficile da violare come Marassi ed ha schierato Grygera laddove deve vivere, come terzino e non centrale. Come volevasi auspicare, un allenatore deve avere il sacrosanto diritto di lavorare a tempo pieno e poter correggere i suoi errori. Ieri ha cominciato a farlo e gliene va reso il giusto merito. Adesso dovrà inventarsi qualche cosa di nuovo, tanto per cambiare, contro il Napoli. Proprio al momento buono per Ranieri, una buona occasione di dimostrare che non dovrà più cadere nel l'ormai passato tranello di snaturare uno o più giocatori nei ruoli. Tornando alla partita, benissimo il centrocampo con le due solite dighe Sissoko (che prende sempre più confidenza) e San Zanetti. Imprecazioni a raffica quando ha abbandonato il campo, come aveva fatto più d'una volta l'anno scorso in B: è il suo unico difetto, i troppi infortuni di questo ragazzo che gli hanno boicottato la carriera. Che torni presto. Ma nel frattempo, chissà che non ci possa essere lo spazio per il fratello di Tiago, che entrato per un quarto d'ora circa, non casualmente, ha coinciso con un baricentro della squadra che è salito ed ha sfornato più di due, tre occasioni da rete. In fondo, Ranieri accennava di avere finalmente un giocatore in più, riferendosi a Tiago. Chissà. Grande secondo tempo di Camoranesi, bene le quattro stagioni di Brazzo Salihamidizic come vice-Pavel. Un pò in ombra Del Piero, che però qualche perla l'ha regalata, come l'assist di tacco, da fuoriclasse e fenomeno vero, verso David. E' sembrato più in forma Vincenzo che appena entrato in campo nella sua decina di minuti finali, aggredisce Scarpi fin dal primo secondo di campo,rischiando di emulare la rapidità di Udine. 0-2, la ripresa giusta. Non è mai tardi per dimostrare di essere ancora Grandi. E' il momento di aprire un bel filotto di vittorie, con il nostro carattere, per arrivare nel migliore stato morale e fisico verso il 22 Marzo. Con i tifosi che devono spingere questa squadra, non insultarla. Crediamoci e saremo ripagati. Lasciateli lavorare, in pace.

Buffon 7, Zebina 6, Chiellini 7,5, Legrottaglie 7, Grygera 8, Camoranesi 6,5, Sissoko 7, Zanetti 7, Salihamidzic 6,5, Trezeguet 7, Del Piero 6.

Arbitro Morganti 6,5

QUI TUTTI I VIDEO DEL MATCH


 
 
 

Fabregas, Kluivert. Minuto 84 e il ciclo si chiude

Post n°916 pubblicato il 06 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Per un momento, una pagina dedicata a chi per qualche minuto vuole cambiare argomento e interrompere il gioco del tiro al bersaglio verso Ranieri. L'eliminazione dalla Coppa del Milan, è una faccenda storica, ma che comunque riguarda e molto, pure la Juve. Si, ci riguarda eccome perchè sarà un concorrente agguerritissimo che vorrà raggiungerci in classifica.

Un eliminazione sacrosanta, per i rossoneri che dal 2003 a ieri avevano sempre oltrepassato lo scoglio di accontentarsi di rientrare nel lotto delle 16 più forti d'Europa. Quest'anno, sono usciti venendo presi a pallate da un grande e giovane Arsenal, il contrario dell'ormai vecchio Milan, che da oggi comincerà ad essere parte del passato e non più presente o futuro. Il Milan ha chiuso un ciclo, magari altri ne cominceranno un altro. Giusto così, perchè quel che non è successo là all'andata e per più di 80 minuti ieri a San Siro, si è concretizzato nel giro degli ultimi giri d'orologio di un ciclo, che è stato costellato di vittorie meritate e fortunate. Dopo i tanti tiri in bocca a Kalac, dopo i buoni colpi di fortuna di cui il Milan ha sempre goduto in Europa (non si può negarlo), nel giro di poche frazioni di secondo, dal 20enne Fabregas è arrivato un gol che ha gelato tutti.Spezzacuore e spezzagambe. Una traiettoria beffarda, angolatissima e con quel grande pizzico di fortuna che ci vuole sempre, dopo che un Regista con la Maiuscola come Pirlo si è fatto letteralmente fregare la sfera, in una delle peggiori partite della sua grande carriera. Minuto 84. Un minuto che nella storia recente del Milan ha segnato un'altra fine di un'era europea. Il 18 maggio 1995, al Prater di Vienna fu la volta di un altro giovane d'oro, l'allora 19enne Patrick Kluivert. Ne passarono tanti per vedere nuovamente un grande Milan nell'Europa con le Orecchie. Destino del pallone ha voluto che l'agonia che aveva colpito da mesi a questa parte il Milan, ormai vecchio e involuto che da due anni prende una ventina di punti, minimo, dai Cartoni d'Italia. Il Milan era da tempo in riserva, non era in grado di dosarsi su due competizioni al massimo. O la Champions, o il campionato, questa rosa non permetteva di sdoppiarsi. Loro hanno scelto la Champions, regalando punti a raffica in campionato, ma restituendo il favore in Europa, con le galattiche prestazioni contro Bayern Monaco e Manchester United (ma va detto per onor di cronaca che i Devils fuori dalle mura amiche collezionarono solo umiliazioni), arrivando alla cinica vittoria con il Liverpool e a vincere in Giappone, con tutti i meriti e i complimenti, ma contro un Boca molto, ma molto modesto. Dicevano di snobbare il campionato, la realtà è che non ne erano più in grado di competerci a livelli scudetto perchè la rosa non consentiva di giocare in una corsa a tappe con le Coppe di mezzo, con una squadra oramai così involuta e limitata numericamente. La riserva oggi è finita. A differenza di 12 mesi fa allorchè fu battuto il Celtic, , con Seedorf assente,Pirlo e sopratutto Kaka, i due uomini in più del Milan, non sono esistiti, se non i loro fantasmi.  Non hanno trascinato la squadra, con rispettivamente, le punizioni con il contagiri e le visioni di gioco o le cavalcate fulminanti.Troppo esagerato spremere e pretendere il tutto da Pato, che possiede sì i grandi colpi, ma è ancora troppo giovane e senza l'esperienza giusta per fare già da subito la differenza nelle partite così importanti, sopratutto se sbarcato da nemmeno qualche mese in Europa. Nemmeno il Pelè 18enne avrebbe fatto qualche cosa tra andata e ritorno. Pato nei primi venti minuti di partita ha avuto una ghiottissima occasione, l'ha sciupata. Attimi di inesperienza e mancanza di freddezza che prima bisogna acquistare e guadagnare. Pato ieri era alla prima al Meazza, in Champions, in una partita tesissima, un vero e proprio dentro o fuori contro un colosso come l'Arsenal di Wenger, signor Allenatore. Il Milan, in quel di Londra, era stato graziato dai Gunners, che tiravano sempre in bocca a Kalac o che si mangiavano con Adebayor un gol già fatto allo scadere, in un dominio totale di gioco e pure di forma fisica. Eppure, nonostante quell'umiliazione, il risultato mascherà le grandi lacune. Simbolico il titolo della Gazza:"Milan, così si fa". E' finita nel modo più atroce per i tifosi rossoneri che speravano ancora, ma stavolta tutte le risorse proMilan, hanno chiuso i battenti. Troppo più forte l'Arsenal, ed è la classica chiusura triste di un Grandissimo Ciclo. Personalmente, ho sempre riconosciuto al Milan la loro grande statuta europea, anche in alcuni vecchi articoli. Non godo per l'eliminazione di Capitan Maldini, di Gattuso, di Kaka, di Seedorf, di Ancelotti e della grande componente tecnica rossonera, a cui va tutto il rispetto possibile e un piccolo ringraziamento per essere stata, in questi anni, l'unica italiana che arrivava fino in fondo in Coppa, perchè alla fine, gufando o tifando, sono sempre stati dei bei mercoledì di Coppa, innegabile, in cui ci ritrovavamo tutti, pro e contro. O almeno, questo è il mio pensiero personale, opinabilissimo. Sarà strano non vedere il Milan già dai quarti. Sono usciti dalla Coppa, prendendole sul campo, ma con la migliore condotta sportiva, assieme ai tifosi che invece di contestare hanno cantato e ricantato "Saremo sempre con voi", nonostante per la squadra sia il momento più duro da 5 anni a questa parte, nonostante il campionato stia andando a rotoli, nonostante la squadra ha perso gli ultimi tre derby della Madonnina, nonostante il calciomercato è stato molto fiacco, negli ultimi mesi e ancora, nonostante fossero in "pole, pole, pole per Ronaldinho". Godo dell'eliminazione per la figura di Galliani, indigeribile nei discorsi. Ostinato, testardo nonostante ci sia gran parte della sua tifoseria che storce il naso. Non ci si può continuare ad aggrappare alle statistiche, al passato e ai Ranking, snobbando il mercato. Indigeribile anche ai microfoni dei giornalisti. Bello ganzo e sorridente agli elogi di Pellegatti, abbandona la scena alla prima minima stuzzicata in cui non è in grado di rispondere per le rime, causa mancanza d'umiltà e autocritica. Anche ieri sera, ha osato affermare che il Milan è comunque Campione del Mondo e la stagione è stata influenzata dalla trasferta giapponese. Per 2 partite contro Urawa (chi???) e il Boca, già detto, modesto. Godo vedendo le facce dei Berlusconi al fischio finale, che non saranno ospiti che autoelogiarsi per 2 ore nel salotto delle sue marionette di Controcampo. Godo pensando a quei boriosi come Mauro Suma. Ingiusti rappresentanti di una grande squadra, che ora cambierà marcia. Purtroppo pare lo farò con il grande Marcello Lippi, cuore bianconero. Alla fine di un ciclo, proprio come fece la sua ultima Juve del 2003-2004. Lippi lasciò una Juve ormai bisognosa di essere rinnovata a pieno dopo l'eliminazione agli ottavi (e anche quella sera, un grandissimo tifo bianconero, esemplare), passò in Nazionale. Alla Juve arrivò un grande stratega rossonero, Fabio Capello. Al Milan sta arrivando, forse, un grande condottiero bianconero. E forse, se Donadoni dovesse fallire in azzurro, Carlo Ancelotti, meritatamente, arriverebbe alla Nazionale Azzurra.

Complimenti alla Roma

Andiamo per un attimo oltre alla rivalità. Personalmente non mi è mai piaciuto il paraocchismo. Stracomplimenti alla squadra di Spalletti, vincere al mitico Bernabeu, dominando in questo modo, è da pochi. Raramente si è visto il Real così spiazzato a casa sua.Quando vedo vittorie così dopo delle partite così avvincenti, mi fa comunque piacere per la squadra italiana, anche se non tifavo per lei. Un pò come il Milan l'anno scorso con il Manchester o con il Bayern in Germania. Ognuno poi la pensa come vuole, chiaro. In fondo, anche per gli juventini antiromanisti, c'è un piccolo lato postivo. In campionato, la Roma potrebbe perdere colpi. Eppoi, c'è da annotare il fatto del traditore Cannavaro, per la seconda volta consecutiva fuori agli ottavi di Coppa. Eppure aveva lasciato la Juve che affondava, proprio per giocarsi le ultime speranze in carriera per sollevare quella Coppa, che probabilmente non alzerà mai. C'è da dire, ad onor del vero, un'altra cosa. Questo non è un grande Real, quello di 5-6 anni fa che annoverava nella sua rosa fior di Palloni d'oro (bastonati dalla Juve di Lippi). Però, ridicolizzarlì così, nel tempio di Bernabeu, rappresenta sempre un'impresa storica.

 
 
 

Le petizioni, gli insulti... anche questo non è da Juve!

Post n°915 pubblicato il 04 Marzo 2008 da juvefc1897
 

E' sacrosanto e tutti ne hanno il diritto di fare della sana critica e autocritica, come personalmente ritengo di aver fatto ieri e l'altroieri, analizzando gli errori che il nostro Mister ha fatto. Errori umani, che tutti fanno. Si fa critica, almeno per quanto mi riguarda, per cercare di evitare che si ripetano tali errori, per sperare di non doverli più annotare. Lo scrivo soffrendo per la Juve, con un cuore bianconero in mano. Bisogna dare la possibilità a Ranieri di poter riparare ai suoi errori. Meglio tardi che mai, in una polveriera come quella a cui stiamo assistendo. I tifosi, si legge, contestano il proprio allenatore, aprono petizioni sui forum, che sono diventati una delle più grandi sciagure del tifo juventino, che viene spaccato sempre in due per ogni questione (anche la scelta di un allenamento defaticante) e raramente in modo civile, sempre offendendo ed offendendosi con dispregevoli nomignoli (sei solo un Cobollista, un Moggiano, un Prezzolato, un Servo, troppo duro ricordarsi che siamo tutti uniti sotto le insegne della Juventus). Ultimo episodio, dicevo, le petizioni contro Ranieri, dopo un periodo di crisi che ogni allenatore del mondo ha avuto. Anche Trap, anche Capello, anche lo stesso Lippi. Per esempio, proprio il Grande e Unico Marcello, nella santa stagione 2001-2002, ebbe un suo bel periodo di 6 partite consecutive senza vittorie e più di una buona metà senza portare un gioco alla Juve, che poi arrivò negli ultimi mesi, assieme allo Scudetto del 5 Maggio. Provate a scrivere il contrario e alzi la mano che credeva ancora allo scudetto dopo quel brutto momento di crisi, in cui venivamo spazzati fuori dalla Champions al secondo girone di qualificazione. Ma il discorso che voglio fare, è un altro. Sacrosanta la sana critica, assurdo e disgustoso contestare e vantarsi di offendere e agire in modo così ingiusto e gratuito verso un serio professionista, quale è comunque Ranieri a stagione in corso, quando ancora nulla è finito. Per giunta, nel primo momento più difficile della stagione, dopo che, errori a parte, il lavoro compiuto è comunque molto buono e questo lo dicono i risultati. Non si abbandona la barca che affonda, ricordiamo spesso ai mercenari di Calciopoli.Bisogna sostenere sempre ed incitarli, i Nostri (allenatori e giocatori, si vuole intendere), non etichettandoli "Mediocri" (come minimo, non scendo nelle volgarità) e cercare pubblicità e finta gloria per infilare il proprio nome in un giornale o in una trasmissione, sputando nel piatto in cui si sta mangiando e agendo in un modo che chi trasuda di vero amore nella Juve, aborra. Come per esempio, proprio lo stesso Lippi che oggi ha invitato i tifosi juventini a credere in Ranieri. sarà diventato stupido anche lui, quindi? Mangiando gli allenatori strada facendo, si mandano continuamente all'aria i progetti e dal tunnel non se ne uscirà mai. Guardate i Cellino, i Zamparini. Ricordatevi di Moratti che cambia 4 allenatori a stagione, assieme alla solita barca di giocatori sudamericani e bidoni, presunti e non. I bilanci si tirano, nella storia della Juventus ( e non nell'Inter), a fine stagione, non a nemmeno due terzi di stagione, con ancora più di una decina di partite da disputare. Guardate anche il recente Real che cambia ogni due per tre, guardate il Milan di Ancelotti, che per anni ha scritto una striscia quasi leggendaria, comunque vada a finire con l'Arsenal. Bisogna costruire un gruppo, rafforzarlo. Non disunirlo e scombussolarlo alla prima crisi stagionale. Schierando un possibile terzo allenatore in due stagioni, si fa la stessa fine degli antenati appena citati. L'Avvocato, ma anche il Presidentissimo Boniperti, queste finte petizioni e queste offese, non le avrebbe mai avallate e le avrebbe distrutte con una fulminante battuta che avrebbe detto tutto, zittendo il coretto di coloro che parlano solo per partito preso. Non avrebbe mai interrotto il lavoro durante la stagione. E mai lo faceva. Lui era il primo a criticare, quando dovuto. Ma nei termini giusti.

 
 
 

Uno Scudetto buttato via

Post n°914 pubblicato il 03 Marzo 2008 da juvefc1897

QUEL GOL DOLCEAMARO DI ZALAYETA E L'IMPOSSIBILITA' DI ESULTARE PER UN GOL CHE SAREBBE VALSO LO SCUDETTO

Quel gol di Osvaldo al minuto novantatrè , va scritto con la maiuscola e con l'accento, perchè terrà una svolta per il futuro, nel bene e nel male. Coloro che tengono la pazienza di leggermi, ricorderanno ciò che scrissi nella vigilia di Reggina-Juventus, sull'onda non solo delle emozioni delle vittorie su Udinese e Roma. 9 punti possibili, 9 punti da recuperare per diventare grandi. I primi 3 sono andati via al vento per cause di forza maggiore, ma non solo per quelle. Parlo dell'ottimo Momo che ha sparato al cielo a porta vuota. Magari con un primo gol in quel frangente, la storia sarebbe potuta essere diversa. Ma viste le fortissime attenuanti, si può sorvolare. Quello di Momo fu un episodio (grosso, comunque), il Donda, un sistema che se viene negato, significa che ci sono gravi problemi mentali, senza alcuna offesa. Sono seguite le due partite meno covincenti della stagione della Juve: lo 0-0 scialbo, scarno, scarso, acido contro un Torino capace di diventare insidioso solo con una punizione, tra l'altro, pure inventata. Ma è tutt'altro discorso, per un attimo, accantoniamo dai discorsi questi arbitri maledetti che mascherano le nostre lacune ed errori. Gran parte del cervello dei nostri era ancora al Granillo, forse anche dopo il disastro calcistico di ieri. Una forza di volontà che in parte è stata assente. Assieme alle grandi colpe di Ranieri. Una settimana calcistica che ha ridimensionato la Juve. Dal sogno di una Grande, nuovamente Piccoli. Il passo è stato veramente veloce, ma sopratutto indigesto, che lascia grossa amarezza. 9 punti in queste tre partite buttati veramente alle ortiche. Con l'Inter che in questo periodo, tra impegni extraMelegnano ed infortuni, inevitabilmente avrebbe sofferto, come preannunciato, non per fare gli indovini. Mi lascia personalmente basito il fatto che se la Juve avesse fatto la Juve, cosa che avrebbe potuto fare a mani basse, ieri sera, al gol del Panterone nel posticipo del San Paolo avremmo potuto godere, tantissimo. Perchè sarebbe stato un gol che avrebbe portato la Juve a soli 4 punti dall'inter, al secondo posto, in piena lotta scudetto. L'Inter avrebbe sentito il fiato sul collo, con gli infortuni che stanno decimando i morattiani e i pensieri che dovrebbero correre su due fronti, uno di questi, il delicatissimo dentro o fuori contro i Reds, che per loro vale più di un passaggio ai quarti. La vittoria, netta, del Napoli che 24 ore fa ha umiliato nel gioco l'Inter (fosse finita 3-0, sarebbe stato più giusto), non fa altro che aprire l'ennesima fiera di rimpianti, per uno Scudetto che è stato buttato davvero al vento. L'ennesimo esame per ritornare davvero tra le Grandi, ci ha rifilato la bocciatura. Occasioni perse e non veniteci a parlare di benzina finita e scarsa condizione di forma. Stiamo parlando di una squadra che gioca solo di domenica da tutto l'anno, salvo qualche sporadica notte di Coppetta Italia e turni infrasettimanali di campionato, che tutti devono affrontare. Questo non-gioco, lo stesso che abbiamo visto anche a Catania, nella prima partita dell'anno 2008 e a cui non siamo riusciti a disabituarci, purtroppo, salvo la scampagnata contro il Livorno di Camolese, la mediocrità, con tutto il rispetto. Oltre agli errori arbitrali, puntuali come le tasse, anche i nostri punti buttati via in quantità industriali. Ripenso ai due rigori falliti da Alex a Roma, uno in movimento e uno dal dischetto da fermo. Ripenso alla partita buttata via a Firenze, a casa dei viola fiacchi dopo 120 minuti di Coppa Uefa il giovedì e una bella quantità di occasioni buttate, per chiudere con un rigore molto ingenuo regalato da Legrottaglie. Ripenso a Gargano che uccella tutta la difesa della Juve, dopo che il gol di Alex arrivò nemmeno 3 minuti prima, per poi prendere una traversa piena con David e il Capitano che la butta alle stelle a due passi dalla gloria e poter così gelare gli intenti di Bergonzi, come invece è stato a Cagliari. Ripenso ai due/terzi di partita completamente regalati al Parma che arriva fino al 2-0, ma avrebbe meritato anche qualcosa in più. Ripenso alla manca di concretezza in casa dei Campioni del Mondo che in casa perdono anche con l'Empoli. Eppoi, ripenso all'anno nuovo, l'anno che verrà. Ripenso alle straparole del Mister, che invece di riparare le lacune di una squadra che può solo migliorare, pensa a straparlare pubblicamente ai giornalisti più che alla sua squadra. Ripenso alle prestazioni pessime con Catania, Sampdoria, il fanalino di coda Cagliari dove ci devono pensare i 200 polmoni di Pavel. E quindi,ri-ripenso ancora a dove eravamo risorti e dove siamo ritornati, alla solita musica stonata, mai guarita. Ripenso a quei giocatori che vivono come i punti interrogativi e i capri espiatori, acquistati per marcire in panca nonostante qualche cosina potessero pur dare, quando invece gente con due ciabatte al posto dei piedi non rifiata anche quando proprio nemmeno il buon Dio del pallone li assiste più nel gioco del Calcio, per giunta, in un ruolo che non è il loro che lo stesso buon Dio del pallone gli ha assegnato . Ripenso all'insieme di questi, quelli e tanti, tanti errori che si sono propagati di partita in partita, ma sempre sorvolati e annichiliti con uno smile a 32 denti strabritish nel dopopartita, perchè il risultato, maturava in gran maggioranza per un carattere grande così e per le giocate dei singoli. Ripenso e mi richiedo, anche se non è il mio stile fare la zanzara nei fatti altrui, cosa diamine sia successo a Malta, in quel ritiro invernale. Laddove cominciò l'involuzione della squadra, invece che la crescita.  Ripenso che queste lacune sarebbero state tappate se alla presa di grandi allenatori, che non avrebbero permesso una continuità così incredibile di passaggi sbagliati, gioco fantasma, imprecisione , primi tempi di attesa che vengono regalati agli avversari e lo ripeto ancora, la conseguenza di tutto questo in punti buttati via. Ripenso alla mancanza di responsabilità e autocritica del Mister. Ripenso ad una società che non tira fuori il minimo di orgoglio gobbo, che forse non sa nemmeno cosa sia e viene solo l'angoscia a riscrivere l'ennesimo tormentone disarmante nei confronti dell'amore dei tifosi e di 110 anni di storia. Ripenso che non me la sento di godere per lasconfitta umiliante dell'Inter al san Paolo, la prima dell'anno in cui non vengono aiutati dal solito fischietto, perchè è più grosso il rimpianto, e ancora, perchè quel gol di Zalayeta avrebbe dovuto farci gridare ed essere accolto come una rete Scudetto. E arrivo a pensare un'altra volta che tutto questo, al 3 Febbraio 2008, non può essere da Juventus. Che questo gol di Osvaldo possa rappresentare una sterzata definitiva a favore della Juve. Non sempre una sconfitta segna la fine. La Juve non può dimostrare di lottare solo per un brodino, come il semplice passaggio ai preliminari.

P.S. NECESSARIO. Ci tengo a precisarlo. Nonostante le critiche siano pesanti, non per questo getto via le speranze, che sono le ultime a morire. Non muore nemmeno la fiducia nei confronti del Mio Mister, che di buon lavoro, ne ha fatto comunque e credo ancora che debba essere lui il condottiero di questa Juve, perchè a tratti, ha dimostrato di poter meritare questo onore e di essere un vero allenatore. Personalmente non amo e mai amerò i modelli di mangiallenatori di Cellino, Moratti e Zamparini e preferisco che i tecnici abbiano il tempo a disposizione di poter zittire e rispondere le critiche.

 
 
 

Voglia di Prandelli

Post n°913 pubblicato il 03 Marzo 2008 da juvefc1897
 

Ci può stare tutta la gratitudine e la stima di questo Mondo per una persona seria, come il Mister Ranieri. Ma oggi, 2 Febbraio 2008, per la prima volta, il desiderio e poco nascondibile nonostante la stima per la persona non sia variata, era quello di vedere le panchine ad allenatori invertiti. Prestazione davvero orribile della Juve, senza forse, la peggiore di tutta la stagione. Ranieri nel Pallone, squadra senza qualità ma anche senza il solito carattere e la voglia. Prima vera sconfitta della Juventus in campionato, dopo le tre farsa con Udinese, Napoli e Reggina. Disastro ferroviario, si salvano solo tre uomini: il primo è Momo Sissoko, ennesima prestazione pienamente sufficiente e non solo per la bella prodezza con cui ha illuso tutti. Secondo è Gigi Buffon, che ha limitato pure stavolta le reti subite, nonostante la condizione fisica sia quella lì. Terzo: Mauro Camoranesi, nonostante l’abbiamo visto nettamente più brillante ed in spolvero, aveva realizzato (aveva..) un gol che avrebbe ridotto la lotta Coppa Campioni solo ai viola e al Milan dei soliti rigori inesistenti e calci d’angoli irregolari non visti dai soliti guardalinee. Tutto il resto, è stata veramente noia. O meglio, vero infarto o fantasma, che deriva dal suo abc. Ranieri è l’imputato principale di questo capitombolo. Ci aveva dichiarato in conferenza stampa che Stendardo non avrebbe potuto schierarlo: non ancora compatibile nell’assetto della difesa. Oltre a chiederci che cosa l’abbiamo preso a fare se non per impiegarlo in extremis (e bene) contro l’Inter, qualcuno, se non proprio il Mister, ci dovrebbe spiegare quale sia la compatitibilità dello sciagurato Grygera come centrale, che è ancora più tragico del Boumsong versione cadetteria. Legrottaglie si è ritrovato da solo a comandare il circo della difesa e poco avrebbe potuto combinare. Molinaro, nel giorno peggiore, ha cominciato ad indovinare il suo primo cross in carriera, dal quale è nato il gol del Camo. Avessimo vinto, giuro che gliene avrei reso onore con un voto e mezzo in più, come da tempo sognavo di fare la notte. Avessimo vinto sarebbe significato anche che Molinaro non avesse disimparato a difendere, come purtroppo non è successo oggi. Già detto altre volte, non c’è un’alternativa. E meno male che siamo la Juventus. O meglio, dovremmo essere, se non erro. Su Zebina stendiamo un velo pietoso. Ringraziamo San Gigi se i gol subiti sono stati solo 3. Questa difesa oggi è stata completamente uccellata, scioccata, non ci ha capito una vera e propria, emerita mazza. Solo una particolarità che la dice tutta: Gigi, dopo il terzo gol subito, era come minimo furibondo e si sarebbe mangiato vivo i suoi difensori. Cosa non da Gigi, perché davanti agli errori è sempre stato tra i primi a rincuorare i compagni, da grande uomo. Esempio vivente: Italia-Usa 1-1, l’autogol di Zaccardo. Prandelli, migliore allenatore italiano attualmente sulla piazza, per colpire,inserisce due punte fresche e giovani, Papa Waigo (già in gol l’anno scorso in Cesena-Juve) ed Osvaldo, portando l’assetto avanzato a 3 punte, contro la sprovveduta difesa bianconera. Squadra a trazione anteriore e..Tac, il capitombolo juventino è servito! Centrocampo in cui Zanetti va in bambola, si salva Sissoko come già detto, solita inutile e irritante prestazione di Palladino e di conseguenza, altro serio rimprovero a Ranieri: perché insistere su questo giocatore, privo di personalità, in questo ruolo che non gli si addice? Perché non dare una minima chance al fratello di Tiago tentando di variare il modulo ed impiegarlo, una volta tanto, come trequartista e dare quel minimo di qualità alla manovra della Juve, che ad oggi, non è pervenuta? Perché togliere Camoranesi, uno che ti sta salvando e non dico cosa, per inserire un terzo intenditore, come Nocerino (che poi non ha nemmeno giocato bene e nemmeno nel suo ruolo)? Ci può stare il cambio di Del Piero, assolutamente impercettibile, per la grinta e la corsa di Iaquinta. Ingiudicabile Trezeguet, che non può fare assolutamente nulla se non viene mai servito un minimo pallone alle prime punte, i cecchini come lui che vivono in area di rigore. 2-3. Nel finale, invano, tutti speravamo di riassistere ad un replay di quasi 13 anni fa, invece il risultato si ribalta e ci tocca l’umiliazione di vedere i tifosi viola esultare a casa nostra. Una casa che sta diventando tabù, pensando che tra le mure amiche nel 2008 è arrivata solo la vittoria contro la Roma. Fu una settimana della rinascita che mascherò un periodo di crisi che molti ancora non ebbero il coraggio di annotare, a parte quel disgraziato che vi sta scrivendo. Ovvero, quelle due vittorie contro Udinese e Roma che sorridevano a Ranieri, capace di riparare agli errori grossi da Catania in poi. Nonostante, sarebbe ingiusto negarlo, i campioni hanno pesato molto su quelle due partite, ma Ranieri, fu comunque bravo. Perché nonostante la stima per la persona, ribadita un’altra volta, è innegabile che dal ritiro di Malta e la grande esaltazione per l’ottimo lavoro fatto fino a quell’ora, la Juventus è in caduta libera, a parte quelle due succulenti parentesi. Non lo dico io, ma i fatti, purtroppo. Ranieri nelle dichiarazioni post-partita di oggi, non ha dimostrato umiltà, non prendendosi nessuna responsabilità ed etichettando quasi come un caso, questo capitombolo. In realtà la bomba era già innescata da tempo, si trattava di evitare di farla esplodere, il Mister non ce l’ha fatta. Ora occorre una vera e propria svegliata, altrimenti si rischia l’ennesima rifondazione. Questo cazzotto o ceffone, chiamatelo come volete, può ridimensionare la squadra, vista da un’altra ottica, non sempre spietatamente critica, per partito preso. La squadra dovrà rialzarsi subito, rimboccarsi le maniche e stare unita. Lavorando con un’umiltà, quella che piano piano si rischia di perdere. Senza crocifiggere nessuno, senza processi, senza ghigliottine, senza sentenze anticipate, senza motorini che volano dal secondo anello, senza striscioni “non so più come insultarvi, senza i cori “Fuori i gioielli, andate a lavorare”. Gli interisti sono su altre frequenze. Mettersi a fare polemiche esagerate, destabilizzerebbe solo l’ambiente in un momento difficile e il rischio è quello che tutto quel che di buono è stato costruito prima, vada a farsi benedire. Forza ragazzi, sempre.

Buffon 7, Zebina 4,5, Grygera 4=, Legrottaglie 5, Molinaro 4,5, Camoranesi 6, Sissoko 6,5, Zanetti 5, Palladino 4,5, Nocerino 5, Del Piero 5, Trezeguet sv, Iaquinta sv.

Arbitro Farina 7: incredibile, ma vero.

 
 
 

Il Derby lo vincono solo Baudo e Chiambretti

Post n°912 pubblicato il 27 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Un brodino, un passo indietro rispetto al carattere mostrato contro Udinese e Roma e al buon gioco (poi vanificato in toto) a Reggio Calabria. Forse chi ha assistito al derby in televisione, si sarebbe divertito di più facendo zapping su Sanremo e il Pippone Nazionale ne sarà stato felice. 180 minuti di derby, tra andata e ritorno, molto noiosi e non degni di un grande ritorno per un Derby dopo 4 anni di latitanza. Il Derby della Mole (il più vecchio e prestigioso d'Italia), come un Gp di Montecarlo in F1: monotono e per aspettarsi qualche clamore, bisogna attendere una sbandata. Come al 91° minuto del 30 Settembre 2007, con il colpo di testa di Dellafiore trasformato in una straordinaria coordinazione di Re David, che nella storia rimarrà comunque, indipendentemente dallo 0-0 di ieri sera. Partita vivibile solo per il pathos e la sofferenza che trasmette ai tifosi, ma solo per quello. Reti inviolate, risultato ad occhiali e un brutto passo indietro della Juve, che visto il clima Sanremese, non ha cambiato la musica delle altre precedenti note stonate che si sarebbero potute addolcire. La nostra Chiave di Sol, Ranieri, ci ha messo del suo per arrivare a questo punticino che per lo sviluppo del match, è sacrosanto. Ha schierato male la sua orchestra, con un centrocampo completamente stravolto. Palladino sulla destra è ancora un fallimento, troppi errori, troppe imprecisioni che non ci si può permettere. Sbagliato spostare e snaturare il Camo al centro e lasciare Sissoko solo ad interdire, schierandosi quindi più basso, ma dando comunque molta sostanza ed efficacia, recuperando a raffica i palloni. Una partita contro un avversario così mediocre e scarso, non solo per qualità, si sarebbe potuta impostare meglio, inserendo quel minimo di qualità e ragionamento nella manovra, che ieri ci è mancata. Anche il fratellastro sbiadito di Tiago (ma anche di San Cristiano), sarebbe stato utile alla causa, ma ormai, non scherziamo, per carità, a prenderlo minimamente in considerazione. Piuttosto, meglio snaturare Camoranesi al centro e schierare, fallendo un'altra volta, Palladino, che oltre a segnare un bel gol in netto fuorigioco e simulare, non ha saputo fare. Avversario scarso il Toro, proprio così: basti pensare che Gigi Buffon non ha mai fatto una parata e l'unico brivido sulla schiena è arrivato dalla punizione di Rosina, l'unico uomo che nel macellaio granata è capace di giocare la palla anche in verticale. Contro un avversario così, un pizzico di grintà e cuore in più, ma anche di gioco avrebbero consegnato quattro belle perette da raccogliere in fondo al sacco, considerando pure gli incidenti di Natali e Diana, due uomini importanti per i granata. E magari, con un Trezegol rapinoso e cecchino in più. Alex è stato pericoloso solo su calcio di punizione, laddove Sereni è stato capace di un vero e proprio miracolo, non di più, perchè comunque non ci si può aspettare che sia sempre il nostro Capitano a risolvere la questione. Vincenzone, era evidente, ha pagato molto il suo critico stato di forma e non è riuscito ad incidere, nonostante abbia lottato come sempre. Però va detto che con un centrocampo così mal schierato che non crea gioco, le punte possono fare poco o niente. In difesa invece monumentale la prestazione di Chiellini, che però dovrà saltare la Fiorentina: l'opportunità per l'esordio in campionato per Stendardo, con la maglia della Juve. Benino Legrottaglie e Zebina, diverso, ahinoi, il discorso su Molinaro. Bravo ragazzo,generoso e volenteroso e tutto quel che si può dire, ma la sua imprecisione nei passaggi e nei cross (ne avesse azzeccato uno da inizio stagione..) comincia ad essere irritante, perchè le azioni perse in malomodo cominciano ad essere un pò troppe, così come i gol e i possibili punti in più in classifica.Il problema è che mancano le alternative. Noi lo aspettiamo sempre, però, dicendola francamente: che due palle. Pavel, prima di cascare nella trappola di Comotto, aveva giocato una validissima partita, in particolare nel primo tempo. Poi però, l'ennesima marachella di cui tratterò nella pagella di Rizzoli. Nota finale: contro Comotto, il cadavere Recoba, Dellafiore e compagnia bella, va bene che è un derby, ma devi vincere.



Buffon ng, Zebina 6+, Chiellini 7,5 , Legrottaglie 6,5, Molinaro 5, Palladino 5, Camoranesi 5, Nocerino 5,5, Sissoko 6,5, Nedved 5 (dovuto all'episodio su Comotto), Iaquinta 5,5 , Del Piero 5,5.



Arbitro Rizzoli 7: forse il migliore arbitraggio della stagione, tenendo conto della pressione che aveva addosso. Giusto non dare il rigore a Nedved al pronti e via, giusto l'annullamento del gol di Palladino e giusto ammonirlo per simulazione. Giusta la condotta di gara, nel complesso, dove non regala nulla quasi a nessuno e non fischia quasi mai invano. Riesce a tastare e tenere in mano il polso del match. A mio parere, sbaglia solo in due occasioni: nella punizione di Rosina, che non c'era, perchè l'intervento di Chiellini non è volontario. E poi, nella rissa finale tra Comotto e Nedved. Furia Ceca combina una grossa ingenuità proprio davanti a Rizzoli e non è la prima della sua carrierà, quindi sacrosanta l'esplusione. Ma pure Comotto avrebbe dovuto fare la stessa fine, perchè ha pesantemente provocato il ceco e si lascia andare in una vera e propria sceneggiata da checchina dopo l'irruenza di Pavel.

 
 
 

Più di 16 sono i punti che ci mancano

Post n°911 pubblicato il 25 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

articolo che ho scritto a http://www.juvenews.net/r.php?id=5158

Questo,
in esclusiva per voi lettori di Juvenews, è un conteggio fedele del
torti subiti dalla Juventus in questo campionato ad oggi, 25 Febbraio
2008. Ebbene, rivalutando attraverso tutte le moviole (perchè noi, a
differenza delle schede di Controcampo, non tralasciamo nulla), i punti
che alla Juventus mancano, tenetevi forte, sono 16. 16 punti, che
possono diventare 17 o 19, perchè dal conteggio abbiamo escluso
Napoli-Juve, considerando l'andamento psicologico falsato della
partita, dopo i rigori inventati. Episodi tratti dalle nostre moviole
di Alessandro Carboni. Togliamo solo un punto, considerando
Fiorentina-Juventus, unico favore arbitrale della nostra annata.
Ci teniamo a precisare che questo nostro lavoro, è prettamente a
scrupolo cronistico, non a piangere sul latte versato, come facevano
gli interisti che lagnavo di congiure inesistenti, se non quelle di
Taribo West, Macellari, Centofanti e compagnia cantante. Questi sono
fatti INNEGABILI, cari tifosi e lettori.



1° Giornata: Juve-Livorno 5-1





Due rigori negati per due nette trattenute in area su Del Piero. Per fortuna ininfluenti.





2°Giornata (02-09-2007) Cagliari – Juventus 2-3 – Arbitro: Tagliavento





- Sullo 0-1 per la Juventus viene concesso un rigore al Cagliari per fallo inesistente di Legrottaglie su Matri





- Sul risultato di 1-1 viene concesso, e poi provvidenzialmente
revocato grazie all’intervento del guardalinee, un secondo rigore al
Cagliari per un’entrata di Chiellini nettamente sulla palla e non su
Conti





3°Giornata (16-09-2007) Juventus – Udinese 0-1 – Arbitro: Farina –





- Sullo 0-0 non viene concesso un evidente rigore a favore della Juventus per un fallo di Felipe su Chiellini





- Sullo 0-1 per l’Udinese non viene concesso un rigore alla Juventus per un fallo di Handanovic su Nocerino





- Sullo 0-1, nei secondi finali, gol annullato a Iaquinta per un motivo ancora sconosciuto





PUNTI PERSI 3





4°Giornata (23-09-2007) Roma – Juventus 2-2 – Arbitro: Morganti





- Sullo 0-1 per la Juventus viene convalidato il pareggio di Totti il quale segna in evidente posizione di fuorigioco





PUNTI PERSI 2





5°Giornata (26-09-2007) Juventus – Reggina 4-0 – Arbitro: Celi –





- Sullo 0-0 viene annullato un gol a Trezeguet per un fuorigioco inesistente





7°Giornata (07-10-2007) Fiorentina – Juventus 1-1 – Arbitro: Rizzoli





- Il gol del vantaggio bianconero segnato da Iaquinta, è viziato da una
posizione di fuorigioco attivo di Trezeguet che disturba la visuale di
Frey (il quale però non si lamenta)





9°Giornata (27-10-2007) Napoli – Juventus 3-1 – Arbitro: Bergonzi –





- Sul risultato di 1-1 viene concesso al Napoli un rigore inesistente
per un intervento di Chiellini su Lavezzi, in quanto Chiellini prende
nettamente la palla che si ferma di colpo





- Sul risultato di 2-1 per il Napoli, viene concesso un altro rigore
inesistente per un’uscita di Buffon su Zalayeta, in quanto l’uruguayano
si tuffa nettamente in anticipo e non viene nemmeno sfiorato dal
portiere Bianconero





PUNTI PERSI, TEORICAMENTE 1, MA CON I DUE RIGORI E' STATO COMPLETAMENTE FALSATO TUTTO L'ANDAMENTO E LA PSICOLOGIA DEL MATCH





11°Giornata (04-11-2007) Juventus – Inter 1-1 – Arbitro: Rocchi –





- Sullo 0-0 non viene concesso un rigore alla Juventus per una strattonata di Cordoba su Del Piero





- Sullo 0-0 non viene ravvisato un fallo di Chivu su Del Piero
all’altezza del vertice alto dell’area di rigore nerazzurra, e sul
capovolgimento di fronte arriva la rete del provvisorio vantaggio
interista





PUNTI PERSI 2





12° Giornata (11-11-2007) Parma – Juventus 2-2 – Arbitro: Gava –





- Sul risultato di 2-2 viene annullato un gol regolare a Iaquinta per
una presunta spinta che le immagini dimostreranno inesistente





- Il rigore dell'1-0 a favore del Parma, è quantomeno discutibile, se non inesistente





PUNTI PERSI 2





16° Giornata (15-12-2007) Lazio – Juventus 2-3 – Arbitro: Brighi





- Sul risultato di 1-3 non viene concesso un rigore su Del Piero per
fallo di Ledesma che lo sbilancia mentre l’attaccante della Juventus
salta per colpire il pallone di testa





18° Giornata (12-01-2008) Catania – Juventus 1-1 – Arbitro: Rocchi





- Sullo 0-0 viene convalidato il vantaggio di Spinesi, il quale segna in evidente posizione di fuorigioco





- Sul risultato di 1-0 per il Catania, viene fermato Del Piero lanciato
a rete per un fuorigioco inesistente, tra l’altro il giocatore della
Juve salta il portiere Polito che lo stende, sarebbe stato calcio di
rigore ed espulsione del portiere





PUNTI PERSI 2





19° Giornata (20-01-2008) Juventus – Sampdoria 0-0 – Arbitro: Saccani





- Sullo 0-0 non viene concesso un rigore alla Juventus per fallo di
Accardi su Trezeguet, il quale evita il difensore con un “sombrero” e
subito dopo viene travolto dal giocatore avversario, sarebbe stato
calcio di rigore ed espulsione per fallo da ultimo uomo





PUNTI PERSI 2





Girone di ritorno: Udinese-Juventus 1-2








Al 6’ del primo tempo è regolare la posizione di Dossena che porta in
vantaggio l’Udinese, infatti al momento del tiro di Quagliarella poi
respinto dal palo e da Buffon, l’esterno sinistro friulano è tenuto in
gioco da Zebina. Al 34’ sempre del primo tempo c’è il primo round della
sfida Ferronetti-Chiellini, con il difensore dell’Udinese che tira la
maglia al difensore Juventino, il quale cade a terra e reclama il
rigore, fa bene però l’arbitro a non concedere il rigore in quanto la
trattenuta è veramente lieve e anche Chiellini si “aiuta” tenendo la
maglia a Ferronetti (in serata a Controcampo, lo stesso Chiellini
ammette che non è rigore). Al minuto 41’ c’è il secondo round tra i due
difensori, ma stavolta la trattenuta di Ferronetti è ben più evidente e
l’arbitro avrebbe dovuto accordare il calcio di rigore, ma come già
fatto in precedenza preferisce lasciar correre.





Nel secondo tempo sul risultato di 1-1 viene ammonito Quagliarella per
simulazione, il giallo secondo me scatta più per la scenata che fa
l’attaccante napoletano piuttosto che per una reale simulazione,
infatti egli in effetti riceve sì una lieve gomitata sul collo da
Chiellini (del tutto involontaria tra l’altro), ma si butta a terra
tenendosi tutto il viso e rantolandosi dal dolore.





Al minuto 68’ sul risultato di 1-1 Del Piero si involta in area di
rigore e salta netto Inler che lo stende, a norma di regolamento è
rigore, in quanto Inler sta fermo con il busto ma nel momento in cui
Del Piero lo sta evitando sposta la gamba destra e va a incocciare il
piede sinistro del Capitano Bianconero facendogli perdere l’equilibrio,
l’arbitro però la vede diversamente e lascia correre.





È regolare la posizione di Iaquinta in occasione del secondo gol
Juventino, infatti al momento del passaggio filtrante di Nedved,
l’avanti della Juve è tenuto in gioco da Zapata.





Al minuto 80’ è ancora protagonista Chiellini per un fallo in area su
Zapata, sullo spiovente di Di Natale il difensore Bianconero prende il
tempo al colombiano e lo anticipa di testa appoggiandogli il gomito
sulla spalla destra, a norma di regolamento è un intervento al limite
del rigore, ma l’arbitro lascia proseguire adottando lo stesso metro di
giudizio usato nel primo tempo. Al 92’ c’è l’ultimo episodio da moviola
e manco a dirlo è protagonista il numero tre della Juve, infatti
Chiellini si “appende” su Di Natale e non gli permette di raggiungere
il pallone crossato da Floro Flores, secondo il regolamento sarebbe
calcio di rigore, il fallo è infatti praticamente uguale a quello
commesso da Ferronetti al minuto 41’, l’arbitrò però ancora una volta
si dimostra coerente negli errori e non fischia nulla.





Juventus-Roma 1-0





Non espulso Mexes, già ammonito, se la cava parecchie volte con il
signor Saccani che non lo castiga come sarebbe stato giusto fare.





Reggina-Juventus 2-1





Il Dondarini Show. 4 rigori netti negati alla Juventus (che tutti
conosciamo ed è inutile ribadire) e il capolavoro finale del rigore
trasformato da Amoruso.





PUNTI PERSI 3


 
 
 

Post N° 910

Post n°910 pubblicato il 24 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

http://www.juvenews.net/r.php?id=5147

Nient'altro da aggiungere, se non invitarvi a commentare nel (mio) sito Juvenews e sfogarvi.. senza parole.

 
 
 

Vedi Roma e siamo Grandi

Post n°909 pubblicato il 17 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

C'è da dirlo, stavolta: sono stati tutti straordinari, ieri sera. Nessuno dei nostri si è risparmiato, nessuno dei nostri ha regalato qualcosa. Sono, ad oggi, 17 Febbraio 2008, i tre punti più importanti di tutto il campionato, che si aggiungono a quelli di una settimana fa ad Udine. Un macigno, una svolta per tutto il campionato. Come un girone fa, a Roma, quello stacco di Vincenzone, il gol della Juve Rompiscatole che un girone fa doveva accontentarsi di beffare le altri grandi e far sentire la sua voce. Ieri, 16 Febbraio 2008 (data che va ripetuta, perchè è memorabile in particolare per gli Juventini capitolini), la Juve che comincia a vincere ed essere superiore. Perchè oggi, nessuno firmerebbe più per il gradino più basso del podio. Ora si può veramente fare il grande balzo, cara Juve. Il terzo posto ci sta stretto, ora è il momento di spingere al massimo e cercare il sorpasso, la Champions è finalmente arrivata per le altre. Forse rischio di esagerare con il pensiero, ma il secondo posto si può solo perdere ora, con una formazione ritrovata al completo (togliamo solo Andrade..) e in grande spolvero. Grandissima Vittoria (con la maiuscola), finalmente con una grande, secondo i più anche superiore a noi. Bandiere bianconere al vento in un Comunale tutto juventino, senza zanzare di color urinoemorroidaro a lagnarsi. Non c'è trippa per gatti, la Juve l'ha fatto capire fin dal fischio d'inizio, o, meglio ancora, già un'ora prima, grazie al mister Ranieri, grande artefice di questo successo. Juve a trazione anteriore, a tre punte, proprio come all'andata, proprio contro la squadra che in teoria dovrebbe far stringere e irrobustire la squadra e gli spazi all'avversario dalle manovre fulminanti e veloci. Sintomo di grande coraggio, intelligenza. Sintomo che solo i grandi allenatori da grande squadra sono in grado di calare. Alzi la mano chi, senza fare il professore a posteriori, sarebbe stato in grado di farlo. Fischio d'inizio e via, con i primi secondi che vedono i nostri ragazzi aggredire ogni pallone, rognosamente, senza lasciare il tempo di ragionare agli spallettiani. 11 martellatori con la maglia bianconera, non c'è che dire, che però trovano poco la via della porta, ma che mettono i brividi. Ma con il piglio del match nelle mani, come doveva essere da vigilia. Aggredire, spingere, mordere. Eppoi, magie. Quindi, Alex. Da questi pochi secondi, capiamo tutta la partita e cosa sia questa Juve. Legnata da paura, col contagiri, sul palo lontano e Doni può raccoglierla solo in fondo alla rete. Ciao, ciao. E Alex, intanto, corre verso di noi, scatena la rabbia repressa e mostra la solita trionfale linguaccia, proprio nel momento migliore in cui colpire, allo scoccare del quaranticinquesimo giro di lancette nel corso del primo tempo. E il gruppo, si stringe tutto intorno a lui. Questa si chiama squadra, questa si chiama Juventus. All'andata un certo Zampa (che professione nella vita faccia, boh..), parlava di uccelletti dopo un rigore tirato al vento. Beccate questa, caruccio. Il secondo tempo vede a dura prova le nostre coronarie, già dall'intervallo, dove Nocerino spoglia la tuta e subentra a Camoranesi e che il Signore ce la mandi buona per il Camo. Un secondo tempo sofferto emotivamente, ma la Grande Roma già Campione d'Italia alla terza di campionato non riesce a ragionare e la difesa bianconera non sbaglia mai, diretta da un Gigi Buffon ancora non al meglio ma che i riflessi non li risparmia mai, come sulla sventola di De Rossi dalla grande distanza. La difesa non sgarra e non regala più nulla, a differenza di un girone fa non ci sono più due grissini al centro, ma due armadi come Legrottaglie (che qualche incertezza dovuta più alla fretta, l'ha avuta, ma non ne abbiamo risentito in negativo) e il Chiello. Zebina si fa valere, in particolare quando c'è da far respirare un pò noi tifosi e ripartire in contropiede. La Roma ha fatto una brutta figura nella notte del Comunale, ma grazie ad una Juve che ha impedito ai giallorossi di prendere in mano la partita. Roma che ancora una volta, ad una partita decisiva per i propri traguardi, stecca alla grande. Come con l'inter, come con il Manchester, come nel primo derby contro la Lazio nell'era Spalletti (3-0 degli aquilotti), tanto per tirare giù qualche esempio. Assieme a Totti, che a Torino non ha mai segnato contro la Juventus e anche lui, nelle partite che contano, è un fantasma. Tornando alla Juve.Per quando riguarda Molinaro, siamo alle solite: tutto bello, tranne i cross, che continuano a mancare e guarda caso, Trezeguet è a digiuno di gol da tanto tempo e non viene mai imbeccato: l'unica palla vera che ha visto l'ha catapultata ottimamente su Iaquinta, il quale ha sfiorato una prodezza che avrebbe fatto cadere lo stadio. Grandi anche a centrocampo: mostruoso Pavel, come sempre. Grande Zanettone, come sempre. Bene il Camo, nonostante fosse un pò snaturato dallo schieramento di ieri sera. Viene rilevato da Nocerino, che torna a ringhiare a centrocampo quasi come ai bei tempi di inizio stagione. Poi arriva il tempo di Momo Sissoko a metà del secondo tempo, tolto Trezeguet: scelta sacrosanta di Ranieri che irrobustisce a più non posso la squadra, con i tre guerrieri interditori per annullare le avanzate romaniste. E così è stato. Mostruoso ancora una volta, sempre più nuovo Vieira. Viene rimproverato al Mister di averlo impiegato troppo poco e la paura di avvicinarsi ad un revival del caso-Tiago, c'è in molti. Non sarà così al 90%. Ranieri conosce Sissoko, già avuto modo di allenarlo in altri club. Il terzo giocatore africano della storia della Vecchia Signora, ci si dimentica che è appena arrivato alla Juve, ancora deve ambientarsi un pochettino ed è reduce dalle fatiche di Coppa d'Africa. Ranieri lo conosce senz'altro meglio di noi,da tempo, perchè crocifiggerlo? Inoltre, Sissoko a differenza di Tiago, è partito con il piede giusto e sta dimostrando grande carattere e affiatamento nel gruppo. Sabato prossimo a Reggio lo vedremo molto probabilmente dal primo minuto, per la cronaca. Non andiamo a cercare il pelo nell'uovo, anche nelle vittorie così importanti. Capitolo attacco: già detto su David. Duecento polmoni per Iaquinta, corre, lotta ed è presente ovunque, manda in crisi la Roma con il suo movimento senza campo, sfiora il colpaccio che sarebbe stato il gol dell'anno. Dulcis in fundo, suonino le trombe, sventolino le bandiere e gli stendardi bianconeri, partino i cori, perchè il Fenomeno vero, è ancora una volta Alessandro Del Piero. Forte, anzi, fortissimo, scattante, trascinatore, lottatore, brillante, magico e chi ne ha più ne metta. 10+. Forza Grande Juve.



Buffon 7, Zebina 7, Legrottaglie 6,5, Chiellini 7, Molinaro 6,5, Camoranesi 6,5, Zanetti 7, Nocerino 7, Sissoko 7, Nedved 7,5, Iaquinta 7, Del Piero 8, Trezeguet 6 (di stima), Palladino sv.




Arbitro Saccani 4,5: direttore di gara perfettamente anti-Juve pure stavolta. Dico solo che Mexes, se ripetesse questa partita martedì sera contro il Real, sarebbe costretto ad una doccia anticipata dopo 10 minuti.

 
 
 

Forza Ronnie!

Post n°908 pubblicato il 14 Febbraio 2008 da juvefc1897
 
Tag: VARIE

Sulla Juve ne ha sparato tanto di fango e con noi mai si è comportato da sportivo, è vero. Ma sono discorsi che vanno assolutamente aldilà di ogni discorso tecnico, quelli che ci ritroviamo purtroppo ad affrontare dopo il dramma di ieri sera di Luis Nazario de Lima, ovvero, Ronaldo. Angoscia, brivido, paura, disperazione, vero rammarico. Personalmente ho provato tantissime sensazioni vedendo la partita ieri sera, dalla televisione. Rivedevo quei suoi urli di dolore, quei pianti. Sentivo le notizie che i cronisti riferivano, ovvero di un Ronaldo che non smetteva di piangere, con i massaggiatori che anche loro si lasciano commuovere e per fermare quelle grida di dolore, sono stati costretti a ricorrere all'aiuto di forti antidolorifici. Terribile, veramente. Il calcio giocato era un discorso veramente inutile, ormai, in confronto. Sui canali Mediaset, per una volta non si è sentito Sandro Piccinini strepitare ai gol del Milan. Raro. Avevo ancora negli occhi quel dolore di Ronaldo, subito riprensavo a quel Lazio-Inter in cui, appena rientrato, tentò subito un doppio passo, poi precipitò a terra e sia i giocatori nerazzurri, che laziali, sia l'arbitro, chiamavano e gestiscolavano lo staff in panchina, con l'immagine del Fenomeno brasiliano dolorante. Non lo vedemmo più per un anno e mezzo circa, tornò il 9 Dicembre 2001 in Brescia-Inter e tornò subito a trascinare da grande fuoriclasse la sua squadra fino a sfiorare lo scudetto del 5 maggio. Si tirò su il morale portando a vincere, ancora da protagonista assoluto, il mondiale alla Selecao pentacampione del mondo. Vinse il Pallone d'Oro e poi scappò in fretta e furia da Moratti, protetto dalla scorta, per sedare l'assalto dei tifosi interisti che se lo sarebbero mangiati vivi in quell'interminabile ultimo giorno di calciomercato. Va a Madrid, ingrassa, poi torna a Milano, ma nella sponda rossonera. Ho sempre ritenuto che non abbia mai perso, nonostante avesse messo su gli anni e i chili, i colpi da grande Fenomeno. Perchè solo quelli grandissimi sanno andare a infilare fischietti ad 80,000 persone, nel posto laddove non splende mai il sole. Perchè solo quelli grandissimi sanno fare doppietta al rientro dopo l'ennesimo ritorno da un lungo stop (Milan-Napoli 5-2). Magari non ha più avuto lo scatto e l'agilità di prima, ma di Fenomeno stiamo sempre parlando, nonostante in simpatia non mi fosse mai andato a genio, per le tante volte che contro la Juve ne ha dette di cotte e di crude. Però stiamo parlando di una persona umana, come tutte. Di uno sportivo comunque straordinario, tra i più forti calciatori di tutti i tempi. Pensare al dolore che sta sentendo ora e che ha nuovamente sentito ieri sera, mi fa veramente venire l'angoscia. Pensando poi che con tutti gli infortuni gravi con cui ha avuto a che fare e con quello che si è aggiunto ora, viene alla luce il fatto che ha saltato e salterà più di 2 anni di partite in tutta la sua carriera. Impressionante statistica. La paura è che calcistamente sia finita qui, per Ronnie, perchè affrontare riabilitazioni, possibili nuovi dolori e le innumerevoli operazioni da subire, pensando poi che non sarà la prima volta, potrebbe fargli dire basta. La grande speranza è che possa rialzarsi di nuovo, magari come in quel Dicembre del 2001. E allora, un sincero Forza Ronnie, da parte mia, perchè nel dolore la maglia non ha un colore. Detto da un tifoso che trasuda di juventinità a Milano, la città in cui ha infiammato il cuore delle due tifoserie della Madonnina.

 
 
 

Solita uscita a vanvera Tottiana e della Rossellina

Post n°907 pubblicato il 11 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

"Per come la penso io, c’è un pizzico di sudditanza psicologica, di tutti, perché hanno paura a parlare male in questo momento dell’Inter, perché poi se avessero il coraggio e la lealtà di dire quello che vedono, sarebbe molto più facile. E, invece, loro negano e negare l’evidenza penso che sia un po’ difficile. Non voglio attaccare l’Inter, perché l’Inter società penso che non c’entra niente, poi i giocatori sono bravi e vincono in campo. Però, qualcosa sotto penso che ci sia. Qualcosa sotto nel senso che hanno dei piccoli aiutini. Quello, purtroppo, c’è sempre stato, fa parte del calcio, come la Juve tanto tempo fa, adesso c’è l’Inter. Io non penso che l’Inter abbia fatto quello che ha fatto la Juve. Purtroppo, sono uscite tutte le intercettazioni e abbiamo capito la verità, quello che c’era dietro. Io non penso che l’Inter abbia fatto la stessa cosa, anche perché loro vincono sul campo, poi gli arbitri possono sbagliare perché non è semplice gestire 90 minuti e non sbagliare almeno una volta. Però, sbagliare sempre allo stesso modo e sempre dalla stessa parte, un po’ ti fa pensare. Questo è quello che volevo dire, non che rubano le partite o l’aiutano. Mi dispiace perché tu ti alleni tutta la settimana e poi sai che tanto loro, o perché sono forti o perché succede qualcosa, vincono sempre.”



Così parlò Francesco Totti, capitano della Roma dopo Catania-Inter. L'ultima persona che avrebbe diritto di fiatare e parlare di sudditanza psicologica e quant'altro nei favori dell'Inter. Silenzio, parla Totti. Viene lui a reclamare la sudditanza, lo stesso calciatore che ha rifilato 3,4 pugni consecutivi a Manninger per recuperare uno stupidissimo pallone ed il tutto, nemmeno degno di un minimo cartellino giallo o di una prova tv che per la cronaca, sarebbe bastata per fargli vedere Juve-Roma dal decoder Scai. Proprio lui, che è stato l'unico in questa stagione ad essere uscito favorito dagli arbitri nello scontro con la formazione di Ciuffettino, in un match che sarebbe dovuto finire 1-6 minimo. Proprio lui, Francesco Totti, viene a parlare della Juve del passato e quello che faceva quella formazione. Lui che ci ha perso 1-4, si. Lui che in quel periodo, per vincere l'unica cosuccia che può vantare in carriera (nella quale Guerino Gottardi ha vinto comunque di più), con la sua megadirigenza di maialoni Sensi & Company, ha visto le regole sugli stranieri cambiare alla vigilia dello scontro diretto a Torino, deciso proprio da quel giocatore con gli occhi a mandorla. Lui, le scarpate, le gomitate, i "vaffanculo" agli arbitri, le sputate in mondovisione. Lui e la sua squadra e gli stessi dirigenti, quei derby salvezza con la Lazio combinati ad hoc e quelle telefonate insabbiate al designatore Bergamo. Lui, Rossella Sensi, Riccardo "Platinette" Luna, già si ergono a nuovi paladini della giustizia con le loro radio e la loro carta straccia. Ci fosse una giustizia per i vostri bilanci, questa gente il derby capitolino lo dovrebbe fare contro la Cisco Roma. Va bene la vergogna interista, ma per favore, i giallorossi che non hanno una cittadinanza sportiva, facciano il favore di stare zitti.

 
 
 

Vincenzone ALE'!

Post n°906 pubblicato il 10 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Neanche il tempo di imprecare per la 234° volta consecutiva contro il Mister, "Fai entrare Vincenzo!" e lo stesso Vincenzone, neanche il tempo di fiatare e prendere posizione in campo, la va ad infilare nel sacco, trattenendosi poi nella sua doverosa non-esultanza. Ha esultato per lui chi era attaccato al seggiolino del settore ospiti del Friuli, chi era attaccato al divano, chi alla radiolina e chi già era attaccato al tram dalla disperazione per una partita che, per coloro che si sanno accontentare solo con il bel giuoco, è stata tra le più opache della stagione. Un successo da sei punti, una perla d'oro dal punto di vista emozionale, una rimonta comunque incredibile nel secondo tempo. Una partita da cardiopalma, altrimenti non sarebbe Juve, questa Juve. In fondo, è bello vincere anche così. Ammazza, se è bello. Il Paul Newman degli allenatori avrebbe tirato in ballo "due coronarie così", dopo un pomeriggio così. Primo tempo sconcertante, Juve equiparabile al nulla assoluto, neanche un tiro in porta, per farla breve. Scelte iniziali di Ranieri come minimo, opinabili: lo stanco Nocerino che non rifiata mai in campo e brutta partita dello "Sceriffo" in evidente confusione e scarsa forma fisica, mentre i 25 miliardi di Sissoko sono tenuti in panca. Del Piero nel primo tempo pare in grandissimo affanno, è lento, ancora ne risente della botta di venerdì in allenamento. Un Vincenzone scalpitante al suo posto ci sarebbe stato benissimo al suo posto, da subito. E' un primo tempo dove tutti, tranne Gigi Buffon (che comunque ci mette del suo sull'1-0, ma occhio all'effetto sole che acceca la vista), giocano male. Male la difesa, continuamente perforata e distratta. Male al centro, con il già citato Nocerino e con Zanetti stranamente impreciso. Male gli esterni di centrocampo, Pavel e Camo. E di conseguenza, male le punte, il mai servito David e il sofferente e impacciato Alex. La peggiore Juve del campionato. Poi nel secondo tempo, la Signora tira fuori il suo grande orgoglio, ma non il gioco .Comunque, quanto basta. Juve che spinge più con la forza della disperazione e della volontà di portare a casa questi benedetti tre punti. Tanta imprecisione sulle fasce, Molinaro sempre impreciso sui cross (il giorno in cui ne indovinerà uno faremo tutti per venti volte la ola). Nell'unico traversone scritto e disegnato alla grande di tutta la partita, vola in cielo il Camo e la butta dentro. Intanto Gigi torna a volare per difendere i suoi tre legni. E intanto, Ranieri comincia a capire che stiamo rischiando una frittata terribile: varia lo schieramento del centrocampo, Pavel e Camo cominciano davvero a fare più male. E ancora, intanto, ben tre rigori chiari come il sole che spacca le pietre (e non solo) negati alla Juve: due trattenute in area su Chiellini (se avesse vestito nerazzurro sarebbe bastata pure una pernacchia) e Alex, che sulla destra s'accentra verso l'area di rigore, viene poi buttato giù da Inler che allarga la gamba destra,in piena area. Niente, per la cronaca. Massì, succede, che c'è di male. La panchina del baronetto di Trastevere scotta, ecco Palladino e la squadra alza il suo baricentro, sarà un fattore positivo. Ecco Vincenzone, poi, al posto di un inservito David, che se non viene considerato dai compagni, non potrà mai essere letale, ormai lo conosciamo come le nostre tasche. E poi, il finale che tutti ricorderemo per molto, con una difesa che ha tenuto equilibrio che non ha avuto nel primo tempo. Il campionato passa da pochi ma intensi momenti e questo ne fa sicuramente parte. Gol che pesa più d'una tonnellata, sarà una svolta per questa volata Champions e per l'onore della Juve, sempre grande fino all'ultimo, mai doma, mai sconfitta sul campo. Il gol di Vincenzone è storico e sacro come quello all'Olimpico di Roma, un girone fa. La vittoria sicuramente più sofferta dell'anno, ma un successo sudato è ancora più bello. Ranieri ha riparato i suoi demeriti iniziali con i cambi effettuati nel secondo tempo e oggi così ha salvato capra e cavoli. Scialuppe di salvataggio che fanno respirare il nostro mister, ma che sia una lezione per non rivedere più quegli errori. Però è stato comunque in grado di riparare agli errori nel momento forse più difficile della stagione, con una Juve che in quel di Udine, alla fine del primo tempo, era veramente in balia dei bianconeri sbagliati. Un allenatore scarso e in balia non riuscirebbe a rimediare, segno che quindi non stiamo a che fare con uno sprovveduto. Sissoko, nei pochi minuti che ha sgambettato, lo ha fatto bene, giocando con la determinazione giusta nel periodo del forcing finale della squadra dell'ottimo Marino, cercando di abbassare giustamente il ritmo partita. Ma lo ha fatto per troppo poco e Ranieri avrebbe dovuto schierarlo fin da subito al posto di un Nocerino stanco, che ha bisogno di staccare un pochino la spina. Altrimenti, diventerebbero gli ennesimi milioni di euro buttati nella tavoletta della toilette. Udine deve rappresentare una svolta per la stagione: sono rientrati tutti i big, sta per tornare la Champions per quelli che ci stanno davanti. Si può migliorare, si deve migliorare. Bisogna crederci, sempre. Con il cuore di questi strepitosi ragazzi, che non saranno dei fuoriclasse assoluti, ma che ci credono sempre. Forza, ragazzi.



Buffon 7,5, Zebina 5,5, Legrottaglie 6, Chiellini 6, Molinaro 5,5, Camoranesi 6,5, Nocerino 5, Zanetti 5, Sissoko 6, Nedved 6, Del Piero 6,5, Trezeguet 5, Iaquinta 10, Palladino 6.




Arbitro Rocchi 3,5

 
 
 

Uscita da prendere con le molle

Post n°905 pubblicato il 05 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Presidente, difenda anche gli altri "truffatori", grazie

48 ore dopo (ammazza che tempismo!) la sparata del Topolone capo ultrà, ovvero, l'uomo più buono del mondo, ecco che scendono in campo sia Cobolli, sia Gigli. Forse, anzi, leviamo anche i forse, sicuramente è un intervento che ha le sue origini nelle migliaia e migliaia di interventi che con il nostro mouse abbiamo saputo, insieme, indirizzare verso la società, altrimenti difficilmente avrebbero fiatato, perchè se non fossero intervenuti, le insurrezioni sarebbero state decisive nei confronti della loro scarsa reputazione, perchè lasciare indifeso il gioiello del 5 Maggio, proprio non ci andrebbe giù.Ma attenzione: in dirigenza hanno trovato una via d'uscita per non fare del male a nessuno, mediaticamente cercando di evitare la grande polemica con gli amici di via Durini. Ovvero, si tirano in ballo solamente i campioni e i giocatori che hanno fatto parte di quella straordinaria squadra Campione d'Italia, assieme al suo mister Campione del Mondo, campione di ogni trofeo, nel calcio che conta. Ma lo sappiamo tutti a chi era diretto il solito riferimento da bar del simpatttico presidente Chiappone d'Italia. Ovvero, verso quei dirigenti che lo stesso Gran Signore ha sempre cercato di portare nella sua società per rimpiazzare incapaci come Branca, Oriali, Mazzola e compagnia cantante, ma senza i risultati sperati. E Cobolli, ancora una volta, non l'ha menzionato per difenderlo, ma cita, nella sua difesa del 2002, gente come Buffon e Nedved. Gente che, bisognerebbe ricordarlo, arrivarono da Madama Juventus con una delle più grandi operazioni di calciomercato della storia, senza che nessuno in proprietà sganciasse i bigliettoni. Zizou Zidane, allora migliore del mondo ,acquistato per due lire dal Bourdeaux, venne ceduto al Real Madrid per la bellezza di 150 miliardi del vecchio conio, ottenendone, detto in soldoni, il più grande affare della storia del calciomercato. A differenza di quelli attuali che invece comprano a 10 milioni a Giugno e regalano in prestito a Gennaio. Quei 150 miliardi che vennero rinvestiti dai cattivoni per portare a Torino il più forte portiere della storia recente, il Pallone d'Oro 2003 e riportando al timone della Signora il Paul Newman degli allenatori, assieme a Thuram. Senza quel calciomercato dell'estate 2001, altro che 5 maggio 2002. Che strana questa dimenticanza, presidente Cobolli. Che strano che non sia arrivato una risposta più dura e più veritiera, dottor Cobolli. Perchè non ricordargli COME e con CHI, l'Inter perse lo scudetto? Perchè non ricordare gli errori che fecero per perdere quello scudetto? No, invece ci siamo fermati al "Francamente, non capisco" e alle citazioni di O' Neill sul sito ufficiale. Non inganni questa dichiarazione di Cobolli Gigli, siamo sempre dinanzi alla solita sbobba.

 
 
 

Nè Juve, nè Roma, Inter Campione!

Post n°904 pubblicato il 04 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Lo ha fatto di nuovo, il topolone. Formaggione, alè, rosicata, hurrà. Non a caso, il suo cognome è un destino, MoRatti, un nome, una rosicatona. Anche dopo l'ennesima domenica di rigore estratto dal cilindro nel momento di sofferenza massima, il solito ignoto con i denti colorati apre la bocca dopo che l'ha tenuta chiusa per 2 settimane con la buona coda di paglia che si è ritrovato dopo che oramai più di mezza Italia l'ha capito che tanto onesto, l'uomo che tarocca bilanci e passaporti, non lo è. Ingoia del provolone piccante tutto d'un pezzo e parla, il simppatttico, della seconda data più celebrata in Italia dopo il santo Natale. Ricordate quel giorno, no? Ricordate, come ci si arrivò a quel giorno, no? Ricordiamo benissimo, lui no, perchè se non spara la vaccata dopo aver contato fino almeno a 2, non piglia sonno la notte. Non si ricorda che pigliava quattro pappine nei derby, l'anno dopo Wimbledon. Non si ricorda, forse, che per vincere un derby, aveva bisogno della coscia di Vieri. Non vuole ricordare che a cinque giornate dalla fine, ne prendeva due in casa dall'Atalanta. Dimentica che a Verona si fece raggiungere all'87 da un colpo di testa di Cossato, dopo che Lupatelli regalò (è proprio il caso di ricordarlo) un gol a Ronaldo. Dimentica quel clima da vomito che vivemmo in quella settimana che portò al 5 maggio. Dimentica "Nè Juve, nè Roma, Inter Campione, lo striscione che campeggia in curva nord, feudo laziale", come recitava la radiocronaca di Tutto il calcio minuto per minuto. Dimentica i tifosi laziali che andavano in giro con la maglia del loro avversario. Scordiamoci poi le contestazioni verso Cragnotti, Zaccheroni e i propri giocatori ogni volta che prendevano palla. Non ricordiamo poi le prodezze di Angelo Peruzzi per evitare il primo gol dell'inter, una farsa da ufficio indagini. Non ricordiamo come arrivò l'angolo del secondo gol interista, allora.Massì, invece lo facciamo: con sufficienza, Couto la appoggia fuori. Non ricordiamo poi San Gresko,Sorondo, Ferraro e Dalmat (un cane, di nome e di fatto) campioni in campo in quella partita, al livello di Trezeguet (capocannoniere senza tirare nemmeno un rigore), Nedved e Del Piero. Non ricordiamoci le clamorose papere difensive dei già Campioni d'Italia festanti in quel mattino con i bandieroni già stampati in tricolore, numero 14. Dimentichiamoci le richieste da illecito sportivo di Materazzi ripreso da tutte le tv, che chiese ai rivali della Lazio di lasciarli vincere, dopo la pallanuoto di Perugia in vasca lunga. Tentativo, anche se irrisolto, di truccare una partita, come tanto ci hanno insegnato con Farsopoli. Nessuno parlò. Dimentichiamoci dei falli e dei calci da codice penale del futuro Smoking bianco, esempio di difensori per tutti i bambini. Dimentichiamoci che in quella giornata, le povere vittime defraudate dai cattivoni, scesero dal primo al terzo posto. Delirio, frustrazione, cultura sportiva. Lo stesso uomo (si fa per dire, eh) che predicava fair-play prima di Juve-inter in Coppa Italia, ben rispettato dal suo Balotelli, da Pelè e Vieira. Grazie, signor Moratti. Ogni volta che apre quella bocca, è un autogol voluto e cercato. Grazie, nuova dirigenza Juve. Grazie, che consenti che anche gente come Moratti possa alitare contro la signora Juventus, macchiandole uno degli scudetti più belli di tutta la sua storia. Almeno una parolina, almeno una fiatata per ricordare la bellezza e la leggittimità di quello scudetto vero. Ci sono dei tifosi ed una storia da tutelare, ma forse a loro non interessa più di tanto difenderci dalle facce identiche ad un fondoschiena che la dignità, non sanno nemmeno dove sta di casa. 5 maggio. Del 2002. Va specificato anche l'anno, perchè poi loro ne hanno anche un altro, quello del 1991. Inter-Samp 0-2, blucerchiati Campioni d'Italia con il loro fuoriclasse Mancini, quello che "non lo vogliamo! non lo vogliamo!", dicevano di lui quelli che non per la prima e non per l'ultima volta, fecero i loro consuetì falò allo stadio, assieme ai soliti cori irripetibili. 5 Maggio, fatevene una ragione.


 
 
 

Fa un freddo cane

Post n°903 pubblicato il 03 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Un'opportunità così ghiotta di fare un balzo quasi decisivo in classifica, forse, non lo avremo mai, preghiere e miracoli a parte. Bisognava vincere ad ogni costo contro una squadretta come il Cagliari, che invece se avesse sbancato il Comunale, avrebbe meritato solo applausi e consensi, perchè non avrebbe assolutamente demeritato. Fa freddo, molto. Sia atmosfericamente che matematicamente, laddove la banda degli onesti vola stravincendo (sic) solo sul campo e la Roma, ne becca tre a Siena, dove pare che il nostro Paolino De Ceglie abbia fatto sfracelli. Il Cagliari avrebbe meritato più di noi, inutile girovagare, più di 3 volte sono arrivati soli davanti a Belardi, oggi in versione santa, non è scandaloso dire che ci ha salvati dalla sconfitta correggendo le distrazioni esagerate della linea difensiva. E meno male che si trattava di Larrivey e non Cruz. Juve stanca dopo le fatiche di Coppa Italia, dove emerge quanto la nostra panchina sia corta perchè tra mercoledì ed oggi, le facce erano quasi tutte le stesse. Juve con poche idee e gioco, tanti errori, ovunque. E' stato il giorno dal 1° minuto di Tiago, sbattuto dentro nella mischia con il morale (sempre che ce l'abbia..) non più sulla faccia della Terra. Prestazione troppo altalenante, quella del portoghese. Alterna lanci e suggerimenti utili e anche intelligenti, a svarioni purtroppo non rari. Emerge quella poca cattiveria che ha in corpo nella maggioranza della partita, ma stavolta, in piccolissimi spazi, tenta di mordere, come in un tackle che porta all'angolo che porta allo 0-1, ma come nell'azione che porta Pavel all'1-1. Ci prova, ma è troppo poco. Una partita da sufficienza debole, la sua, non di certo una prestazione da fare esaltare qualcuno, cambiare idea e scaldare il freddo polare che oggi c'era a Torino. Un giocatore (da Juve, aggiungo) che attraversa un tunnel con possibilità di uscita, alla sua prima occasione, deve saper ruggire da campione e "tentare di spaccare il mondo". Lui non lo ha fatto ed è entrato con quel solito atteggiamento che fa quasi compassione per quanto sembri abbattuto. Si becca anche qualche fischio quando viene sostituito, non troppi, ma condivisibili. Viene sostituito da Momo Sissoko e un benvenuto per lui. E' appena arrivato alla Coppa d'Africa, avrà si e no mezzo allenamento sulle gambe, di lingua italiana ancora non ne mastica e così anche dell'erba del Comunale e delle bandiere bianconere. Eppure, in quellà buona metà di secondo tempo in cui viene impiegato, guadagna molti più applausi di quanti ne abbia presi Tiago da settembre. Distrugge le azioni (tante) del Cagliari, prova anche a verticalizzare, compito non suo. Ci riesce anche, nessuno gli soffia la palla, non regala nulla e applausi per lui. Sembrava già quasi padrone del centrocampo, una bella copia di Vieira (quello vero, non il pacco rifilato a Moratti): questa la prima impressione a caldo, dopo la partita con il Cagliari (non il Manchester). Aspettiamo le prossime prestazioni contro Udinese e Roma, prima di sparare e sentenziare, nel bene e nel male. Però, non possiamo negare che ha fatto un'ottima impressione, per non saper nè leggere, nè scrivere e per non sapere nemmeno in che squadra fosse finito. Nocerino, al suo fianco, invece ha pagato la stanchezza, essendo stato uno dei più impiegati in questa stagione, avrebbe bisogno di rifiatare. Siccome in quegli ultimi minuti avremmo avuto bisogno di tentare di costruire delle manovre e di spingerci avanti, magari anche la metà di Tiago, che comunque qualcosina l'aveva fatta, sarebbe potuta servire, per dare quel minimo di qualità che non si è proprio vista oggi, in una Juve senza filtro e idee, ma che solo con la forza della disperazione e del carattere ha tentato di avanzare, in poca ma buona sostanza, con Trezeguet e Palladino (male anche oggi, tra l'altro, in riga con le puntate precedenti, eppure Donadoni lo chiama in azzurro) che regalano al n°1 cagliaritano l'unico pallone che hanno visto in tutta la partita. Camoranesi deve ritrovare la forma giusta, Nedved oggi pareva un ragazzino. Correva e questa non è una novità: ha inciso, si è concesso anche il lusso del sombrero e con il suo carattere, emblema della Juve di questi tempi, va a buttarla dentro 50 secondi dopo il capitombolo nell'altra porta, con una decisione che la squadra ha avuto solo in questo lasso di tempo e non in tutta la partita nelle sue azioni che non è stata in grado quasi mai di costruire e nel caso, di concluderle come avremmo dovuto fare. Pavel migliore in campo, senza ombra di dubbio. In attacco oggi abbiamo vissuto una partita decisamente anomina, con Del Piero fuori partita e Trezeguet che non viene quasi mai servito e nell'unica occasione che ha avuto, si è fatto fregare da Storari in un duello che lui non può perdere, non deve perdere. Purtroppo non c'erano ricambi. La nostra crisi continua, ora Udinese e Roma. Ora serve sostegno, non critica pesante delle tastiere e delle poltrone.



Belardi 7,5 , Brazzo 5,5, Legrottaglie 5,5, Grygera 5,5, Molinaro 5,5, Palladino 4,5, Camoranesi 6, Nocerino 5, Tiago 6, Sissoko 7-, Nedved 7,5, Del Piero 5, Trezeguet 5.



Arbitraggio Giannoccaro 6,5: nessun errore degno di nota, boccata d'aria.

 
 
 

Tardelli, commentatore double-face?

Post n°902 pubblicato il 01 Febbraio 2008 da juvefc1897
 

Marco Tardelli, come sicuramente saprete, mercoledì sera ha commentato per la Rai Juve-Inter. Tardelli,ovvero, ex discusso e mai troppo rimpianto del CDA e bandiera della Juve,ma anche allenatore e giocatore dell'inter, di lui ci ricordiamo sopratutto le sei pappine prese sia dal Milan, sia dal Parma in Coppa Italia. Da opinionista della Domenica Sportiva e in interviste rilasciate ai giornali, appariva un lato continuamente critico nei confronti dell'attuale dirigenza. Un vero e proprio dente avvelenato, fino ad arrivare anche a velenose accuse vere e proprie verso Alessio Secco per le sue telefonate con Moggi, verso Bettega suo excompagno da giocatore, verso Jean Claude Blanc sulla gestione del suo diesse. Dissapori mai nascosti tra le due parti, lo abbiamo capito tutti e da qui, non c'è nulla di nuovo sotto il sole. Quello che in questo articolo teniamo a portare all'attenzione, è la sua telecronaca della partita di mercoledì, tra la Juve e l'Inter, assieme a Marco Civoli. Telecronaca che chi vi scrive ha avuto modo di riascoltare integralmente grazie alle registrazioni da effettuate, come quasi sempre per ogni partita. I commenti dell'urlo mondiale del Bernabeu, sono sembrati tutt'altro che antjuventini e in molti diremmo: che strano, visto il suo andazzo recente. Anzi, in più occasioni, è venuto alla luce e alle orecchie dei telespettori del sostegno verso i colori bianconeri. Tanti sono stati i "purtroppo" per rimarcare le note sulla prestazione bianconera, espressione che ad un certo punto, accorgendosi dell'eventuale frittata, ha dovuto correggere in:"Purtroppo.. per la Juve e gli juventini, non certo per gli interisti". Ai due gol di Alex e Iaquinta, si è strozzato due volte il "Gol!" in gola, tentando di non farsi notare. Cosa che non ha fatto ai primi due gol dell'Inter: sul primo di Balotelli tiene un tono funerario e parla di errore della difesa, sul rigore nel mezzo delle spiegazioni di Civoli (bello fremente, invece..) arriva uno dei "purtroppo.." di cui abbiamo fatto riferimento in precedenza. Al terzo gol dell'inter esclama:"Mammia mia che gol.." ma senza particolare entusiasmo. Sottolineerà poi durante la partita la bella prestazione della Juventus. Ad ogni azione di Madama partono gli "Eccolo!" che dovrebbero preannunciare i gol, che finiscono nelle braccia di Toldo, come nel caso di Nedved. Espressioni che usava anche negli EuropeiU21 della scorsa estate, come gli spettatori più attenti possono riconoscere, assieme a quelli scaramantici che faranno notare come questi "Eccolo!"  o gli "mmm.. che palla!" portano una buona dose di scarogna letale, tanto da far tendere 2/3 dei telespettatori a frugare in quei posti laddove non splende mai il sole. Al cartellino rosso di Camoranesi, ecco un bel "Noooo..". Ultimi secondi, punizione bianconera, "Il Capitano ci prova!", parte Ale:"No..". Questa è stata la sintesi del Tardelli microfonato di ieri sera. E noi, a quale Tardelli vogliamo rendere conto? Ad un cuore bianconero o solo ad un altro opinionista che campa sulle critiche alla Juventus? Forse, in questo momento sarebbe più facile pensare ad uno juventino che ha il dente avvelenato con i dirigenti, ma che nella squadra e nella maglia, crede lo stesso. Certo che però è un bel rompicapo capire quale sia il vero Schizzo pensiero. Chi vivrà, vedrà e capirà.

 
 
 

Cuore spezzato, arbitraggio demenziale

Post n°901 pubblicato il 31 Gennaio 2008 da juvefc1897
 



C'è un'arma di cui i tifosi bianconeri, in gran parte, potranno usufruirne dopo la serata dell'eliminazione. Potranno dire, era solo Coppa Italia, o meglio, Tim Cup, trofeo del padrone, a noi non interessava assolutamente. E' un'arma che se la usassi io, corrisponderebbe ad una grossa bugia ed allora sarebbe anche inutile che io scriva. Un'arma solita da ingegnere del lunedì, come avrebbe detto Enzo Ferrari in ambito di Formula 1.Ci tenevo a batterli ieri sera e molto. Mi riserva molta amarezza una sconfitta del genere, oltre che da juventino, da milanese. Personalmente sentivo molto questi 180 minuti di Coppa Italia, forse come non mi capitava dalla sfida al Milan di Sacchi del 1990, poi vinta con un gol di Roberto Galia in un San Siro in bianconero che macchiò di una sconfitta la formazione di Sacchi, pretenziosa di arrivare al grande slam nei suoi anni di massimo splendore. Stavolta la squadra di gregari non ha saputo ripetere l'impresa, ci abbiamo tutti creduto per una buona mezz'ora, è stato bello, ma appunto, è stato e non sarà. Solita Magia anti inter del Capitano e crapone di Vincenzone, dopo che Stendardo aveva sfiorato l'hurrà al primo colpo. Un Comunale esaurito in ogni seggiolino, tutti a crederci e a spingere fino alla fine, anche oltre al 90°, mantenendo un livello di civiltà, senza falò di seggiolini, bombe molotov verso il pullman dei propri beniamini, senza motorini distrutti. Cantare, cantare, cantare, ma comunque fieri di essere stati lì perchè il tifoso dev'esserci più nelle sconfitte, non solo quando si alza al cielo una Coppa e fieri di averlo fatto anche dopo 300 km circa di autostrada,sotto un cielo nero e scuro che minacciava l'acquazzone da un momento all'altro. Sarà sempre Coppa Italia, però non nascondo la mia delusione dopo una qualificazione gettata al vento dalla Juve, sia all'andata, sia al ritorno. L'amore per questi colori non cambia in base al trofeo in lizza, almeno da parte mia.Ero incavolato nero anche dopo quello 0-3 del '96-'97, che non ricorda ormai quasi nessuno per via del periodo in cui si sollevava una Coppa e un riconoscimento al giorno e si disputavano tutte le finali possibili. Sono fatto così, che ci volete fare. Anche se poi magari questa delusione la mia Juve, la nostra Juve saprà farcela dimenticare, prima o poi. 2-2 a san Siro, due gol regalati ai nerazzurri dal nostro reparto difensivo, anche in vantaggio numerico (9 contro 11 sull'1-0). 2-3 ieri sera , due gol e mezzo, diciamo così, regalati ancora da noi, più l'errore di Nedved: il primo scivolone è del solito Birindelli che farebbe bene, ma troppo bene, ma davvero bene ad appendere gli scarpini al chiodo, perchè sta cominciando anche a far innervosire e a far perdere la pazienza a più d'una persona. Basterebbe dire che è stato umiliato da un ragazzino del '90, Balotelli (molto bravo, forse ancora più impressionante di Pato nel suo esordio come personalità e va detto, ma solo a livello tecnico, non disciplinare). Il 2-2 arriva da un rigore netto, ma troppo netto, ma davvero netto, per una netta parata del Brazzo in area di rigore che si oppone al tiro in porta, molto evitabile e ci saremmo potuti risparmiare volentieri il decimo gol di Cruz inferto alla nostra porta. Il 2-3 è un grande lavoro di Balotelli, ok. Però, caro Nicola Legrottaglie, non puoi lasciarlo libero di aggirarti in piena area di rigore con l'unico tuo aiuto in saponetta Belardi (non un pallone che sia uno trattenuto dal vice-Gigi, incredibile). Quella rete ha spezzato le gambe, psicologicamente. La classica legge insindacabile del calcio: gol sbagliato (quello di Pavel solo davanti a Toldo formato vecchi tempi), gol subito. Regola che si è confermata. Poche speranze e pochi tentativi da qui al triplice fischio. Evvai con il ritorno del Camo, salutato da un impressionante boato. Repentino, veloce, intrigante, in campo. Prova a darci una speranza, illumina la notte, poi ci andiamo vicini con un'azione spettacolo chiusa da Re David, ma Toldo dimostra la sua vera pasta. Se solo in questo lasso di tempo fossimo riusciti a centrare il 3-3 e il sig. Camoranesi non fosse cascato nel lato troppo argentino del suo fantastico ed inimitabile carattere, la storia sarebbe potuta cambiare, ma con i se, ahinoi, non si va da nessuna parte.A proposito di Camo: andrebbe multato e ripresp per essere entrato da dietro, come un killer. Ma questa nuova Juventus, fragilissima di carattere e di competenze, non lo farà mai, per paura di perdere un giocatore così importante per lo scacchiere, perchè non è capace di punirlo e farlo maturare, come i loro predecessori erano in grado di fare. E' stata comunque una Juve capace di lottare con tutto l'orgoglio rimasto fino alla fine, va detto, anche se ci sono stati assalti migliori e più pericolosi rispetto al secondo tempo di ieri, da minima sufficienza, nel complesso generale. Certo, dico che con i se e con i ma non si può fare nulla, ma con i dati di fatto, invece sì: perchè ieri sera, oltre ai nostri, ennesimi regali in difesa, anche la direzione arbitrale della gara da parte del signor Saccani (quello dei tre rigori negati contro la Samp..) si può definire da incitamento alla violenza. No, non sono un pazzo a dirlo, perchè in una partita di calcio, in teoria, non si può prendere per ben 3 volte a cazzotti il tuo diretto avversario riducendogli un occhio nero, caro SuperMario Balotelli; perchè in una partita di calcio non puoi entrare volenterosamente da dietro e in seguito toccare il pallone con il braccio, caro Pelè; perchè in una partita di calcio non si può entrare volontiariamente a gamba tesa su Molinaro (rischiando di bucargli la tibia, ma chissenefrega, no?), caro Vieira. I pulcini che sognano di prendersi la scena calcistica, in futuro, sapranno quindi che questo tipo di comportamento è consentito.Imparate, gente. Finisce così, 2-3 e un fairplay decisamente esagerato da parte di Ranieri, che va bene il fatto che rispetti il suo stile di persona per bene e oxfordiana, però essere educati e disponibili non vuol dire non commentare degli scempi così clamorosi ed evidenti. Atteggiamento sulle linee di questa attuale dirigenza (vedi Farsopoli, piedi in testa da chiunque e mai una parola di conforto ai tifosi..), atteggiamento che il mister Ranieri nei suoi primi mesi non aveva, ne è esempio lampante quel "Vaff.." nei confronti di Farina dopo l'espulsione della Furia Ceca in Juve-Genoa. Sta un pò cambiando, il mister? Boh, chi lo sa, di certo non è il migliore periodo della sua esperienza juventina, nonostante stia tenendo comunque un validissimo cammino. Note positive della serata, comunque ci sono: Camoranesi, sciocchezzuole a parte, stava disputando una partita con grandi ritmi e sembrava già ritrovato: sicuramente con lui, scongiuri di rito annessi, possiamo ingranare una marcia in più. E' arrivato il momento di catapultare testa, cuore, piedi e pancia completamente nel campionato, ora deve cominciare una grande rincorsa a chi ci sta davanti. Senza arbitraggi a senso unico ed errori nostrani in difesa, l'Inter sarebbe stata eliminata. Forza Juve, sempre.




Belardi 4,5 , Birindelli 4, Legrottaglie 5, Stendardo 6,5 (buonissima la sua prima in bianconero, dopo essere arrivato neanche l'altroieri e dopo mezzo allenamento), Molinaro 5, Brazzo 5, Nocerino 6+, Zanetti 7, Nedved 5, Del Piero 7, Iaquinta 7, Camoranesi 4, Trezeguet 6, Palladino 6.




Saccani voto 2: a mio parere è stato il peggiore arbitraggio juventino in questa stagione, perchè vedere tale violenza e cattiveria e non punirla, nonostante tagli ed occhi neri, è demenza allo stato puro ed è peggio di sviste su fuorigiochi e rigori non dati o meno.

 
 
 

PER SEMPRE CAMPIONI

21 OTTOBRE 2007:GRAZIE KIMI, GRAZIE FELIPE!



12 OTTOBRE 2003: GRAZIE RUBENS, GRAZIE SCHUMI!


IL GRANDE URLO 21 ANNI DOPO, 8 OTTOBRE 2000:GRAZIE SCHUMI!

 

200





immagine

immagine

 

UNA FRASE,UNA STORIA

Repertorio dell'Avvocato

-"Avvocato, che vinca la Juve o che vinca il migliore? - Sono fortunato, spesso le due cose coincidono"

-"Mi emoziono anche quando vedo la lettera "J" in un titolo di giornale"

- Michel Platini "l' abbiamo comprato per un tozzo di pane e lui ci ha messo sopra il foie gras"

- Su Micheal Schumacher:"Il migliore.Quando si ha in squadra uno come quello,se non si vince è colpa loro".Riferendosi al team Ferrari.

- Ancora su Schumi:"Schumacher è come Pelè, come Fangio, e se Del Piero è Pinturicchio, Schumacher è Andy Warhol".

- Dopo il 5 maggio 2002 "Dopo i due missili di Seedorf a San Siro non ci credevo più.Ma quando ha parlato Sensi.."

- Quando l'Avvocato ricevette in visita Gorbachov,la prima cosa che gli disse fu "venga,la porto a vedere la Juventus"

-Prima di Juve-Ajax del 22 maggio 1996(Juve campione d'Europa):"Se loro sono una squadra di pittori fiamminghi,noi,saremmo i piemontesi tosti"

-Dopo Juve-Milan 1-0 e Roma-Lecce 2-3:"Mi aspetto sempre di tutto dalla giornata.La divina provvidenza non ha limiti".

- Giovanni Buscetta "ha detto di essere ossessivamente un tifoso della juventus?Se lo incontrate ditegli che è la sola cosa di cui non potrà pentirsi"

-Su Boniperti "Bei tempi quando lo buttavo giù dal letto all'alba. Ora devo svegliarlo alle 4 del pomeriggio!"

- "Sivori è un vizio",

- Franco Zeffirelli "è un grande regista ma quando parla di calcio non lo sto nemmeno a sentire"

- Boniek "il bello di notte"

-Didier Deschamps: "Sembra un maresciallo di Napoleone."

- Serena "bravo dalla cintola in su"

- Del Piero " Mi ricordava Pinturicchio, adesso è Godot"

- Diego Armando Maradona "è stato migliore di qualunque allenatore"

- Zinedine Zidane "lo abbiamo preso perchè ci farà vendere molte auto a Marsiglia ed in Algeria"

- Zidane2 " in fondo è stato più divertente che utile"

- Zidane3 "Poveretto con un colpo di testa ha perso tutto quello che ha fatto in un anno con i piedi"

- Rui Barros " non prenderemo più piccoletti: dalla tribuna non si vedono

- Edgar Davids " se lo incontri di sera cambi strada quegli occhi sono terrorizzanti"

- Adriano Galliani " io so che era un gran competente di calcio. Ha smesso di esserlo quando ci ha ceduto Davids"

- Se Vialli è Raffaello,Del Piero è Pinturicchio

- Baggio? E' un coniglio bagnato. E' il più grande giocatore che abbia mai visto

- Le scorrettezze di Couto sono così solari, così facili e belle da fischiare che, se fossi un arbitro gli darei una medaglia

 

DAL 9 SETTEMBRE 2006

Marketing ROI
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 38
 

ULTIME VISITE AL BLOG

djlombardominutoxminuto0stefanomercuri83segundo0ferdinando.oriolo86alefeulaww2grigioverdeDoniscucciolotto0dglCIROMASELLA1979Muccabakuccapablitoblanconegromassimo0687giuzio.micheleockley
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: fanny
il 26/01/2014 alle 09:25
 
Grazie!
Inviato da: malika
il 26/01/2014 alle 09:25
 
Grazie!
Inviato da: elodie
il 26/01/2014 alle 09:24
 
Grazie!
Inviato da: Pam
il 26/01/2014 alle 09:24
 
Grazie!
Inviato da: laura
il 26/01/2014 alle 09:24
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom