CL0CHARD

FOTOGRAMMI NELLA MENTE

 

SONO SEMPRE IO

ULTIME VISITE AL BLOG

brunellabuscemilady.animaluisiniomariomancino.mferoma2009NERO_SOLEdonnadaipassiperdutipa_miletizia_arcuriwherethechildrenplayYaris167laeternaanmicupramarittimaelisar_81piovraneranera0
 

ULTIMI COMMENTI

...
Inviato da: attimi6
il 07/09/2012 alle 21:20
 
Bellissima riflessione...molto profonda!Un caro saluto...
Inviato da: lauravera1959
il 11/12/2010 alle 22:16
 
Ciao, mi dici come fai a creare le pagine del tuo blog così...
Inviato da: asia1958a
il 24/02/2010 alle 01:59
 
un saluto... non ti si vede da un pò...
Inviato da: lihanna
il 29/01/2010 alle 15:56
 
Ben trovato :-) Alda Merini...... rassegnazione e...
Inviato da: algheazzurre.s
il 19/11/2009 alle 17:17
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 67
 

 

Post N° 75

Post n°75 pubblicato il 30 Gennaio 2008 da AMARC0RD

♀  ♂

Queste parole le ho scritte a me,
per te,
questa mattina non mi volevo alzare,
sentivo ♪ nell'aria ♪ una certa malinconia.

♂  ♀
 

 
 
 

Post N° 74

Post n°74 pubblicato il 11 Dicembre 2007 da AMARC0RD

 ♀  ♂


Non è possibile traslare il senso
senza immolare sull'are del verbo il sentire.

Come dire
la ♪ magia ♪ del sentire  
come?


 ♂  ♀

 
 
 

Post N° 73

Post n°73 pubblicato il 19 Novembre 2007 da AMARC0RD

♀  ♂



Era nera, nera solitudine delle isole,
e lì, donna d'amore, mi accolsero le tue braccia.

Era sete e fame, e tu fosti frutta,
era dolore e rovina, e tu fosti miracolo.

Era l'allegra ora dell'assalto e del bacio,
l'ora dello stupore che ardeva come un faro.

Ah donna, non so come hai potuto contenermi
nella terra della tua anima.

Il ♪ desiderio ♪ di te fu il più terribile e breve,
il più sconvolto ed ebbro, il più teso e avido.

Cimitero di baci, c'è ancora fuoco nelle tue tombe,
ancora ardono i grappoli beccati dai passeri.

Abbandonato come i moli nell'alba,
solo l'ombra tremula si contorce nelle mie mani.

È l'ora di partire, la dura e fredda ora
che la notte lega a se.


♂  ♀
 

 
 
 

Post N° 72

Post n°72 pubblicato il 22 Ottobre 2007 da AMARC0RD

♂  ♀

infelice ♪  chi  ♪ non sa più stupirsi
perchè progetta il divenir dei sogni

♀  ♂
 

 
 
 

Post N° 71

Post n°71 pubblicato il 01 Ottobre 2007 da AMARC0RD

♂  ♀

IO ♪ SONO ♪ OGGI !

♀  ♂

 
 
 

♂☺☻♀

Post n°70 pubblicato il 10 Settembre 2007 da AMARC0RD

♂ ♀


Prima di spiegarti alcune cose
amore mio,
voglio sappi che
in ♪ amore ♪ come in guerra,
non ci sono nè vincitori né vinti.

♀ ♂

 
 
 

Post N° 69

Post n°69 pubblicato il 03 Luglio 2007 da AMARC0RD

♀ ♂


Questa notte amor mio
non voglio parlare di profezia,
non sono adatto a quelle cose,
te l'ho già detto.

Non insistere a leggermi la mano come una gitana,
non desidero sapere dove comincia e finisce la mia vita,
se il nostro amore
durerà per sempre o svanirà in un sogno,
forse lo sa solo Dio
e Dio con me parla poco e niente

Vieni
stanotte sei più bella che mai
prevedo che la profezia compirà
la medesima magia che sentiamo compiersi in noi.

Questa notte, lo sai,
sarai ancor più mia
ed io sarò tanto tuo,
perché così ha deciso il destino
e la pelle delle nostre vite.

♂ ♀

 

 
 
 

Post N° 68

Post n°68 pubblicato il 10 Giugno 2007 da AMARC0RD

♂   ♀


Disseterò il mio Sahara
scaturiranno acque di dolore
dalle nostre palpebre

Il vascello del desiderio
veleggerà tra echi di singulti
cavalcherà monsoni di lacrime
 ♪   ubriaco di te   ♪
mi rifugierò nei tuoi cristalli di sale


♀   ♂


Le tue ♪ lacrime ♪ son gemme
d'un prezioso diadema
stelle lucenti
che illuminano l'oscurità

Non hai tu colpa
se nelle tue mani il mio amor
tocca ♪ l'inferno ♪ del cielo stellato


♀   ♂

 
 
 

Post N° 67

Post n°67 pubblicato il 07 Maggio 2007 da AMARC0RD

♂   ♀


Non dico queste cose
ne per Te ne per me,
ma per gli amori che finiscono così.

Potesse l'amore aver un finale diverso da,
Te che baci un altro,  
ed  ♪  io che m'intingo  ♪  di questi segni.


♂   ♀
 

 
 
 

Post N° 66

Post n°66 pubblicato il 11 Aprile 2007 da AMARC0RD

♂   ♀


Un pensatore nordico,
notoriamente popolo misticamente infelice,  
si chiedeve se: La disperazione è un pregio o un difetto?

La disperazione mistica al pari di quella amorosa,
è generata da una scelta che esclude tutte le altre,
mancando l'oggetto della scelta,
ci si dispera,
di qui l'esuberante disperazione dei mistici,
umanamente impossibilitati dalla loro scelta
a raggiungere l'oggetto desiderato.

Capita che la sublime estasi della  ♪  disperazione  ♪  
si presenti maestosa nel bivio della vita,
e venga scelta come via da percorrere,
via che spalanca le porte della mistificazione fino a
sostituire la realtà, così; non solo si è umanamente
impossibilitati a raggiungere la divinità,
autoindotti a mistificare anche il reale,
non si è più in grado di giungere all'umano
mistificatamente divinizzato.



♂   ♀

 
 
 

Post N° 65

Post n°65 pubblicato il 19 Marzo 2007 da AMARC0RD

♂   ♀



Non bisognerebbe mai ottundere con un labirinto di fitte articolazioni
dialettico deduttive, pensieri che scorrono nell'alveo dall'anima.

Pensieri che non ritenendoli intelletto,
ci flagellano,
rendendoci infermi,
non di un infermità che si ha,
ma che: si è!

Pensieri che sfiorano delicatamente la vita, come la mano del cieco,
mano che dischiude la forma primigenia del senso, intimamente in sè,
senso che; prima che un enunciato, è un attitudine, un agire.

Quando i pensieri son prigionieri,
son albe che annunciano giorni senza sole,
messaggeri di notti senza fondo,
aurore di giorni mai nati,
raggi di luce intrappolati nella fronte corrugata.


Affiora
il vincolo del quotidiano
e si possiede solamente il rischio,
il rischio di ri-conoscersi,
e non si teme più nulla,
e ciò che si desidera torna
implacabile nella sua purezza,
che non ci appartiene,
che le apparteniamo,
che ♪  non si può  ♪ smettere d'amare.

E' sconvolgente,
scendere da una carezza.



 

 
 
 

Post N° 64

Post n°64 pubblicato il 20 Febbraio 2007 da AMARC0RD


Lettera non datata


Amico,
so che esisti, ma ignoro il tuo nome,
ti chiamo amico, per parlare da uomo a uomo,
che è l'unico modo per parlare della donna.

Quella donna è tua, però è anche mia,
se è più mia che tua, lo sa solo lei e Dio.

Io che imparai a star solo e desiderarla tanto,
mentre lei sul tuo cuscino,
sogna me,
tu che non lo sai,
non la svegliare.



 
 
 

Post N° 63

Post n°63 pubblicato il 12 Dicembre 2006 da AMARC0RD

♂ ♀

Credimi tesoro

non voglio rubartelo l'osso del tuo dolore


immagine
Come in un lampo o un bagliore di candela i tuoi occhi non già il rumore mi destarono ♂ ♀

 
 
 

Post N° 62

Post n°62 pubblicato il 17 Novembre 2006 da AMARC0RD


♂ ♀


Odore sordo



immagine
♂ ♀

 
 
 
 
 

Post N° 60

Post n°60 pubblicato il 15 Ottobre 2006 da AMARC0RD


♂ ♀


Accettami così



Precisa sul lavoro, anche un pò stronza con i sottoposti,
dolce, passionale, invadente, coccolosa, premurosa come una
chioccia, rompicoglioni, bimba, dura, severa, testarda, curiosa,
affamata della conoscenza, attenta, disponibile,
 
VIVA



immagine
♂ ♀

 
 
 

Post N° 59

Post n°59 pubblicato il 04 Ottobre 2006 da AMARC0RD


♂ ♀


L'isola che non c'è d'un Poeta Vagabondo


Miraggio

Lascio' il suo paese all'eta' di ventanni
con in tasca due soldi e niente più
promise a se stesso di non ritornare
dove nessuno voleva sognare

un giorno in casa di un grande poeta
trovai dei ragazzi che parlavan di pace
di colpo capi' che era quella la meta
l'avevo raggiunta per esser felice
ritornai cosi' a fare il vagabondo
girando paesi e citta'
volevo portare l'amore nel mondo

Io, un giorno crescerò
e nel cielo della vita volerò
ma,
un bimbo che ne sa
sempre azzurra non può essere l'età
Poi
una notte di settembre mi svegliai
il vento dei Gonzaga sulla pelle
sul mio corpo il chiarore delle stelle

Si la strada è ancora là
senza una valigia io e te siamo partiti un giovedi
nei nostri occhi c'era un SI
pioggia di farfalle intorno a noi
mi davi la tua gioventu'
nessuno mi ha fermato piu'

vagabondo che son io
vagabondo che non sono altro

Poi una notte di settembre
ho visto te miraggio bianco intorno a me
avevo capito cosa conta di piu'
davanti alla sua porta c'era lei che l'aspettava

Si la strada è ancora là
vagabondo che son io
vagabondo che non sono altroimmagine
♂         ♀

 
 
 

Post N° 58

Post n°58 pubblicato il 24 Settembre 2006 da AMARC0RD


Magia

Magia è rendere palpabile quel sottile velo
che separa il sogno dalla realtà
intinger dolcemente le dita nel sogno
carezzare la soffice impalpabilità
berne i colori con gli sguardi


immagine♂ ♀

 
 
 

Post n°57 pubblicato il 05 Settembre 2006 da AMARC0RD

♂ ♀


La mia pausa-sequestro volge al termine, momentaneamente "dissequestrato" fo uno ♪ sberleffo ♪ al verbo tecnologico, scritto o detto, che ha la prerogativa di privare l'essere delle sensazioni originarie date dalla presenza dicente, questa verbosità fa rimbombare il verbo come bronzo percosso nel vuoto dell'assenza, ove la musicalità si popola di norme accuminate percorse da fantasmi di credenze.

Quel verbo scritto cui Socrate udiva avvicinarsi lo sferragliar di catene, l'ultimo grande dispensatore di sofia annusava l'odore acre del cappio filo-sofia, quell'innocuo "filo" aggiunto alla sofia da Platone, s'è rivelato una pesante catena, ove ogni anello è stato chiuso con gesto violento, tranciando l'orizzonte della significazione ci ha privato delle parole per dirci, quel "filo" sopprimendo ogni ambivalenza simbolica ha vincolando il significante ed il significato al reciproco controllo, lasciando ai confini del sè un'immensa quantità di pensieri impensati, da pensare, incatenati alla tirannide della "verità" uguale per tutti assaporariamo l'impossibilità del cambiamento, annichilendo quel perpetuo divenire che è peculiare nell'umanita, tutto ciò che non possiamo cambiare, lo chiamiamo normalità, menzogneri di noi stessi, scegliamo l'impotenza, questuanti ci prostiamo all'olimpo normante, imploriamo norme nuove, moderne, ben sapendo che la norma NON è interpretabile, è una uguale per tutti.

La ricerca dell'interpretabilità nel verbo scritto, è mantenere la crisi aperta, impedire che la parola risolva, far si che la parola dissolva la risposta nell'interpretabilità, sul registro della metafora, della poesia come della prosa o nell'aforisma, vertigine dello sberleffo in cui implode il senso abituale del mondo, quel percorso incerto, rischioso, dischiuso al tutto, lo si dovrebbe affrontare con uno sberleffo metaforico, la metafora come indica l'etimologia "meta-phorein", significa porta fuori, fuori dal modo consolidato e stratificato delle abitudini, è il fuori che dispiega nel sè gli scenari dell'interpretazione, è li fuori che le cose parlano in modo in-audito alla fusione dell'abisso con la vertigine dell'essere

Addestrati al significato monco, conosciamo solamente piccoli desideri, s'è persa la radice etimologica, il senso aperto di desiderio recitava: "de-sidere", quello sguardo lungo, aperto all'abisso come alle sidere, quello sguardo che giungendo all'incanto del significato aperto sperimenta in sè la vertigine della dissoluzione dell'io, infrangendo la sua egoità spezza uno ad uno gli anelli dei nessi logici e dilata i confini dell'essere, questo è il gioco che la pigrizia fa temere, l'assenza di certezze e di credenze per giunger tra le sidere, dimora del desiderio aperto, infinito, ove la violenza delle passioni dispiega tutta la sua potenza oltrepassando l'immaginario ancor troppo prudente, smarrirsi nell'opacità delle carni per rinascere nella trasparenza dei gesti, dove da esperire non vi sono più oscillazioni tra l'inflessibile norma e la fuga indotta, ma più "semplicemente" l'abisso che ci abita,luogo ove la parola odora di gesti e gli sguardi assaporano l'incessante atto di fecondazione pulsante che preme dai confini dell'essere

In qual profondo baratro mi calo per giunger a ciò che vorrrebbe dirmi quell'apertura offerta con uno sberleffo
cristallino, quell'invito gioioso alla reciproca scoperta, mplacabile divora il mio baratro, sugellati in gole profonde
respiriamo inebriati, asincroni respiri di gesti che odorano mormorii di sidere.



♂ ♀
 
 
 

Post n°56 pubblicato il 08 Agosto 2006 da AMARC0RD

♂ ♀






Dialogo surreale con "l'organo"


immagine


La varra a cui tendevi la pragoletta mana
è quase na semmana ca nun s'arrizza cchiù

Pure si piscia è mùceta: si 'a vide fa paura
sta povera creatura nun se rripiglia cchiù!

Stanotte cu' nu sguardo sparuto e stralunato
m'ha fatto na guardata, comme pe' ddì: chisà
chisà pecché te sfurrie e vaj' f acenno 'o pazzo:
ch'è,
me vulive cazzo fin'all'aternità?

Primma sapive dicere: té té che dio 'e cetrulo.

Embé, mo' te faj' 'nculo: j' m'aggi'a 'rrepusà.


Ridenno & Pazzianne




♂ ♀
 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: AMARC0RD
Data di creazione: 19/03/2005
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: AMARC0RD
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 115
Prov: MO
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31