..E' LA MIA VOLTA..?

.. Giorno per Giorno..

Creato da Drele il 27/12/2006

Negramaro - Una volta tanto.

Miguel Bose - Si tu no vuelves.

Control - Puddle of Mudd.

Limp Bizkit - Boiler.

 

Area personale

 

Who's watching???

site statistics

 

Ultime visite al Blog

RoselliAntonioAndrenewsDrelelorenzoperospadomrosariacentrellarory85momo74mfabriziomerisia_glock_17_for_memikebridgefran62papacarbone.rinamaricar.aminsidefc
 

FACEBOOK

 
 
 

 

The woman who can't be moved..

Post n°225 pubblicato il 14 Ottobre 2010 da Drele
Foto di Drele

Ciao a tutti ragazzi,

come ripromesso non aspetterò un altro anno prima di riscrivere in questo blog.. anche se devo ammettere che devo fare qualche modifica al template e boxes vari..

Chi mi conosce in questo blog,  sa a grandi linee che nell'anno dei preparativi per il mio matrimonio, ho avuto parecchi problemi con quelle che reputavo le mie amiche, con una in particolare, e in questo periodo più che mai, mi sento un pò confusa a riguardo.


A distanza di un anno, le cose sono cambiate, diciamo che io e lei abbiamo ricucito con un pò di pezze i buchi che si erano creati, ma non so, c'è sempre qualcosa che non va, forse è proprio vero che una volta che il vaso si rompe, è impossibile riaverlo come prima.

Partiamo da presupposto che a distanza di tempo, sono ancora convinta di essere nella ragione,  ciò vuol dire che non è stato un momento di follia pre-cerimonia, di solito quando non si è totalmente sicuri delle proprie scelte, già dopo la prima notte in cui ci si dorme sopra, si avverte un senso di colpa.. Vorrei però prima spiegare alcuni punti che forse per la prima volta condivido pubblicamente.

Ci sono sempre stata per la mia famiglia, sempre, mia mamma ha vissuto pochissimo con noi, perchè gravemente malata, e ho sempre concentrato tutta la mia vita in casa, così come nelle amicizie; le mie amiche erano una parte fondamentale per me, mai tradito un'amica, sempre in prima linea per chiarire e far sì che non ci fossero discussioni tra di noi, a correre nel momento del bisogno, ad ascoltare e parlare quando serviva.. poi quando ho conosciuto Mirko le cose sono iniziate a cambiare, ovviamente, mi prendo le mie colpe, ci mancherebbe, il tempo era meno, e le solite cose che si dicono in questi casi, e comunque ho iniziato ad uscire poco con loro, le discussioni all'ordine del giorno erano incentrate sul fatto che io non c'ero più, senza preoccuparsi di risolvere il problema, semplicemente additandolo come tale. Comunque dai preparativi per il matrimonio in poi, si sono praticamente completamente rovinati i rapporti con loro e in parte anche con la mia famiglia.

Sicuramente la colpa è stata anche mia.. la colpa non sta mai da una parte sola, ma credetemi, è come fare un investimento, e al momento del riscatto, non avere nulla in mano. Nessuno che mi abbia chiesto se quel giorno avessi bisogno di una mano: in famiglia, anzi, ero solo buona a prestare soldi e a fare da Gioppino avanti e indietro per futili motivi. Dal punto di vista delle amiche: nessuna che si sia proposta per organizzarmi l'addio al nubilato, e quando ci hanno pensato delle altre mie amiche, si sono solo lamentate, nessuna soprattutto che si sia proposta di aiutarmi a vestirmi quella mattina, sapendo che mia mamma non poteva, non avete idea di quanto io abbia pianto per questo.. E' dovuta venire la matrigna di mio marito con me a ritirare il vestito e poi la mattina della cerimonia. Strano quanto le persone riescono a sorprenderti in alcune situazioni.. 

Non lo so, continuo a ripetermi che la vita va così, che davvero alle volte è proprio il tuo nemico a tenderti la mano quando stai per cadere.

Ho analizzato a fondo anche la possibilità che io abbia realmente sopravvalutato la nostra amicizia, soprattutto riguardo lei, a cui ho sempre raccontato tutto, ma con il tempo, mi sono palesemente resa conto che non era reciproca la cosa, che io mi sono aperta molto con lei, raccontandole i miei disperati momenti di sconforto, le mie notizie più belle, raccontato cose, che nemmeno mio marito sa, ma lei non mi ha mai chiamata nel momento del bisogno, e questo fa tanto, le persone che si chiamano quando si ha bisogno di aiuto, sono proprio quelle di cui ci fidiamo di più. Quando quindi mi sono aspettata qualcosa di più, al mio matrimonio ad esempio, in un momento in cui ero sola, nonostante fosse il giorno più bello della mia vita, lei forse non mi ha nemmeno girato le spalle, in realtà non mi era mai stata di fronte. Io le voglio bene, chiaramente, altrimenti non mi sarei nemmeno posta tutti questi problemi, ma non so mai come comportarmi con lei, perché io sono abituata che quando ho qualche problema o c'è qualcosa che mi da fastidio, ne parlo subito, mentre per lei sono solo la rimpico****ni che ha sempre qualche problema, e quindi mi sono ripromessa di non dire più nulla, anche se effettivamente di cose da chiederle ne avrei a milioni, ma come un giorno un signore mi disse: Voler bene a qualcuno, è anche saper aspettare che sia spontaneamente pronto ad affrontare gli eventi. Quindi ho deciso che me ne starò qui ad aspettare, ad aspettare che prima o poi arrivi il momento in cui possa capirmi, e arriverà il momento X in cui anche io avrò un quadro più completo di questi ultimi anni.

Poco tempo fa mi è capitato di rivedere quella che è stata la mia più grande amica d'infanzia, l'amica con cui ho avuto la fortuna di crescere e vivere gli anni più divertenti della mia vita, ed è stato strano che una persona che non vedevo da tanto, abbia capito tutto con uno sguardo, la prima che con un sorriso inquisitorio mi abbia detto: "Si, va beh, ma tu come stai? "

E' stato grazie a lei che ho capito che l'amicizia, come ogni cosa, non la si può imporre o elemosinare: puoi annaffiare tutti i giorni una piantina, ma se non la conosci bene, se non conosci i suoi bisogni, rischi di darle troppa acqua e farla marcire, o non dargliene a sufficienza e farla morire di sete.

Solo quando davvero si conosce qualcuno si possono dosare i comportamenti, capire ciò che per l'altra persona è indispensabile, e ciò che invece è superfluo, se non si riesce a capire tutto questo, beh la pianta è destinata a morire, certo si può sempre tenere il vaso per bellezza, ma questo non vuol dire che la pianta sia viva..

 
 
 

Una Vita..

Post n°224 pubblicato il 22 Settembre 2010 da Drele
Foto di Drele

Ciao Ragazzi.. è tantissimo che non scrivo più qui.. 

La vita matrimoniale procede benissimo.. Il primo anno l'abbiamo festeggiato modestamente, stiamo risparmiando per la casa, un miraggio quasi irraggiungibile..  ma una bottiglia di vino è bastata a rallegrarci la serata..

Alle volte mi capita di pensar al mio percorso amoroso.. e mi viene da ridere.. 
Potete credermi sulla parola che MAI e poi mai avrei immaginato di sposare Mirko.. I primi due mesi volevo lasciare perdere..
Completamente diversi.. su tutta la linea.. io che sognavo un ragazzo per la quale tifare alle partite di calcio la domenica, che dividesse con me l'interesse per la politica, un uomo in carriera, con gli stessi amici, che ballasse con me latino americano, con gli stessi posti da frequentare..
Lui motociclista da una vita, tecnico di impianti a idrogeno, 30km distante da casa mia, niente calcio, niente latino, guai il vestito con la cravatta, niente politica, amici completamente differenti.. 

Beh.. sapete come è andata a finire..? 

Che io non seguo più il calcio, che andiamo insieme alle manifestazioni politiche, che gli amici sono diventati di entrambi, che ha imparato a ballare la bachata e i posti li frequentiamo insieme.. Che andavo in moto con lui fino a che non ha deciso di vendere la moto perché ha paura di lasciarmi sola, se gli dovesse succedere qualcosa, che quando torna dal lavoro mi spiega cosa sono la Potassa, i procedimenti della scomposizione dell'acqua tra ossigeno e idrogeno, i gas inerti etc..

Questa è la bellissima caratteristica dell'amore.. Fa in modo di fonderti completamente con l'altra persona, fino al punto che non sai più chi eri prima di incontrarla.. e da quel momento non sei più a metà, ma completo...


L'anno prossimo chissà magari arriverà un piccolo Federico o una piccola Beatrice.. Vedremo.. Mirko non ama programmare le cose (io invece lo faccio sempre.. una vera maniaca del controllo..)  ma è così bello poter essere se stessi senza paura di non essere amata..

Gli amici si sono sfoltiti, ma credo che quelli che sono sopravvissuti al terremoto del matrimonio, siano degni di accompagnarci per il resto della nostra vita.. O almeno lo spero con tutto il cuore.
Ci sentiamo presto..
 

 
 
 

- 26 gg

Post n°223 pubblicato il 24 Agosto 2009 da Drele

... Avrei così tante cose di cui parlare.. come si può notare dal titoletto di questo post, mancano 26 giorni al fatidico giorno..

.. La situazione non è migliorata dall'ultima volta che ho scritto qui.. anzi, le cose sono solo peggiorate.. Analizzando la situazione dovrei solo essere felice di aver quantomeno capito un pò di cose.. ho sempre avuto il difetto di idealizzare le persone, i rapporti .. tutto.. ed ora mi ritrovo con un pugno di mosche in mano.. mi sta bene in fin dei conti..

Credo che ogni volta che scrivo su questa Community parta come un avviso a tutte le persone che conosco, che li avvisa che Eleonora ha scritto qualcosa.. e che quel qualcosa non va.. e così ad ogni persona che incontro in giro, ho come la sensazione che sappia quello che penso perchè "avrà letto il post".. Roberta sarà la prima a leggerlo, poi parlerà con Sara, Marika lo leggerà per i fatti suoi probabilmente.. o forse nemmeno più questo.. ormai è finita anche l'era di Libero.. questo è un segno..

Con loro, le mie amiche, le cose non vanno per niente bene, ma le ragazze lo sanno benissimo.. Mi sembra di non conoscerle affatto alle volte.. ma la cosa più triste è che ci ho fatto l'abitudine, ed è una cosa reciproca.. loro non sanno più nulla di me e viceversa, ci si vede, si ride, scherza, ma finito li..
Questo è il circolo in cui siamo entrate, e non cambierà.. Lo so e poche volte mi sono sbagliata su queste cose.. Si sa già quando il film finisce, è solo una questione di quanto lunghi siano i titoli di coda..

Ne abbiamo parlato io e Mirko sabato sera, ero li che stavo pensando all'ennesima cosa che non mi è stata confidata, saputa per vie traverse, e lui mi ha semplicemente detto: "Passerà" .. Aveva già capito tutto..

C'è una canzone di Baldi che fa.. "Passerà, prima o poi, questo piccolo dolore che c'è in te, che c'è in me, che c'è in noi.. "L'ascoltavamo sempre io e Manola.. altro capitolo chiuso..

La verità è che le amicizie sono fattori.. sono basate sulle diverse situazioni che ci accomunano oppure no.. se sei in una coppia, ti ritrovi ad uscire tra coppie e gli argomenti che fino a prima erano "ma lo sai che tizio che esce con tizia, esce anche con quell'altra..?" mutano in "belle quelle tende che hai comprato.." "avete trovato casa??" e non ci puoi fare nulla..

Ci ho provato, anche se non in molti l'hanno capito, a dividermi, a far parte dell'uno e dell'altro gruppo, ma non è possibile.. non si può essere il bianco e il nero contemporaneamente.. troppo tardi..

Il succo è che ci sono rimasta male per tanti comportamenti.. probabilmente giustificati, ma la macanza delle amiche proprio nel momento più difficile della mia vita.. che guardacaso combacia perfettamente con il momento più bello.. è buffo..

L'addio al nubilato per fortuna che me lo organizzano le mie ex compagne di classe, almeno loro hanno pensato ad alleggerirmi il carico.. e non mi dimenticherò di questo gesto così banale all'apparenza, ma così prezioso per me, perchè nel caos della situazione mi ha fatto bene.. e non per il gusto di "andare via solo noi" ma per me..
Non voglio nemmeno ingigantirle, ma come si dice, quando non ti aspetti nulla, il poco ti sembra tantissimo..

Pare che qualche mio parente abbia deciso di venire al matrimonio, mia zia, mio zio e forse mia nonna.. ma mia mamma probabilmente non riuscirà ad esserci.. sacco mezzo vuoto e mezzo pieno..

Per i testimoni lasciamo perdere.. i genitori idem.. l'unica  che mi dimostra la sua emozione per quel giorno è mia sorella.. Mirko mi dice sempre che ci vorrebbe un pizzico di lei in me, ed ha ragione.. lei mi difende mentro io piango.. 7 anni di differenza nulli sul piano caratteriale..

Questo matrimonio mi sembra un miraggio alle volte.. e tutto intorno lo vedo ancora appannato..

 
 
 

SO SAD

Post n°222 pubblicato il 14 Maggio 2009 da Drele

Non so perchè ogni volta che sono triste scrivo qui..
In tutti questi anni qui sopra ci ho quasi sempre scritto le mie giornate negative.. un pò come quando si parla al Signore che si chiede aiuto quando si è nei guai e mai quando si è felici....

Tra pochi mesi mi sposo.. in questo periodo inizia l'ansia dei preparativi ed è forse per questo che sono così strana.. così agitata e.. triste..

Che buffo.. il matrimonio è una di quelle cose belle.. e badate bene.. io sono felicissima di unirmi a Mirko.. sono innamoratissima di lui e credo sia l'unica persona in grado di sopportarmi..

Ma è tutto un disastro per il resto.. oggi a lavoro ho elencato i motivi per la quale sono triste.. mi sono sentita meglio dopo.. come se un pezzetto di quello stato d'animo si fosse appiccicato a quel foglio..

Penso che il fatto principale sia che al mio matrimonio non vferranno i miei parenti.. questo redo sia la tristezza più grande di quel giorno.. seguita a ruota dal fatto che i miei si stanno separando e che anche la mamma di Mirko si sta separando da Valerio(3° MARITO), che quindi non verrà al matrimonio..

Altra nota dolente è che dovrò assumere una badante che stia dietro mia madre per quel giorno.. con la paura che si strozzi durante la cena..

Non so nemmeno se le mie amiche verrano.. dato che dovrò parlare loro del fatto di sollevarle dal ruolo di testimoni.. e sono certa che non capiranno..
Ma siamo così cambiate.. il testimone è una di quelle persone che ti starà accanto per sempre.. ed in questo momento è già tanto se riusciamo a parlare..

E' già da un anno che è così.. ma speravo fosse solo un momento..
Loro parlano di serate.. io penso a stare dietro alla casa di mio padre e quanto possibile a quella dove stiamo ora in attesa che ci diano quella che stiamo comprando.. senza considerare i preparativi e il lavoro...

Tutto un gran caos..
Davvero TUTTO..

 
 
 

... after long time..

Post n°221 pubblicato il 12 Aprile 2009 da Drele

... Ci sono cose che sembrano non mutare mai, e che arrivati ad un certo punto della vita sembrano invece modificare ogni giorno.. senza un perchè apparente.. forse come le piccole scosse di assestamento dopo un terremoto.. giusto per restare nel tema di questi giorni..

Non scrivevo da un pò qui.. ma sinceramente ne ho perso l'entusiasmo, la voglia di entrare e anche semplicemente rileggere ciò che avevo scritto il giorno prima.. 
Ne sono cambiate di cose.. parecchie cose.. siamo maturate sotto certi aspetti, siamo diventate più fragili sotto altri.. e parlo in plurare dato che in questo blog ho sempre voluto parlare di noi come gruppo di amiche nato per caso e mantenuto con impegno e affetto..

La mia vita in primo piano è cambiata.. e con essa tutto ciò che ne consegue..

Oggi è Pasqua.. Ho pranzato con mio padre, mia sorella, Mirko e Valerio.. Sereni, tranquilli.. nella speranza che domani il tempo si mantenga temperato..

Non ho più nulla da scrivere.. I miei argomenti sono finiti con un leggero filo di malinconia..

Un saluto

 
 
 
Successivi »
 
Citazioni nei Blog Amici: 15