Creato da tantiriccirossi il 02/01/2008

*Incedere Silente*

In punta di piedi in silenzio ti cerco...in silenzio sparisco. Affinchè le notti non abbiano l'unico suono del sospiro di chi soffre e tace, ora quel sospiro avrà una voce...e l'avrà qui.

 

« Sentieri.In Viaggio »

SOLE

Post n°107 pubblicato il 04 Giugno 2009 da tantiriccirossi

Ed è il ritorno del sole ad aprire il nuovo giorno. In un cielo ripulito dal bioccoso
grigio di nubi cariche di pioggia, s'è fatto annunciare con sferzate dorate che
hanno acceso di luce, le velature di foschia del primo mattino che s'aggrappavano all'azzurro come pallide ragnatele tessute di fumo.
Alto il volo delle rondini, predice a questo lembo di terra martoriato dalla tempesta, che oggi non pioverà.
Riaccendono le
chine dei monti, i verdi dei campi seminati e sembra
di poter ascoltare lo sforzo degli esili
fusti del grano nel tentativo di rialzare verso il cielo, le spighe arrese al peso dell'acqua crollatagli addosso con violenza, in un susseguirsi di acquazzoni. Nascondono le
radici in larghe
pozze fangose...
sporchi acquitrini, che già
si profumavano
di marciume e muffe.
Sgomento lo
sguardo di chi sperava nella mietitura ed invece ora...siede su di un muretto a
secco guardandosi gli scarponi infangati e resi pesanti dalle zolle che gli sono
restate aggrappate alle suole in quell' incerto tentativo di avanzare nel campo.
Sole...c'è bisogno di sole, per spianare i solchi su fronti corrugate da pensieri e
presagi di nuovi fallimenti, simili a magri raccolti disposti in panieri già colmi di
difficoltà.
Soffia senza violenza, un vento che sa di ginestra in fiore. Il giallo limone dei suoi
fiori, ha mutato il paesaggio e muovendosi in un indolente dondolio, si lascia rubare
il profumo dal soffio caldo del vapore che si alza dalla terra riscaldata. Non danno riposo gli insetti ai piccoli fiori. Escono pian piano, in una timida ricognizione, dalla pagina inferiore delle foglie, dove aggrappati a testa in giù, hanno trovato riparo
dalla pioggia. Umide le loro ali, non li sorreggono ancora in un volo sicuro...pochi
attimi al sole e ...ripartono tuffandosi tra le corolle gonfie di nettare e dalle quali li
si vede riemergere carichi di polline.
E' il volo della ghiandaia ad attirare l'attenzione...un volo che finisce sul ramo del ciliegio dove dondolano come legati in un diadema, i rossi frutti color rubino.
La guardi beccare appena, la polpa succosa... continuerà così, e ne lascerà solo il nocciolo spoglio e penzolante dal picciolo. Un volo verso il nido,dove la schiusa
pigola affamata.
Ed è pace... una pace che sa di fiaba, scritta....letta....e ...raccontata da un raggio di sole...un sole che ha riportato la speranza e un desiderio di vita...

Giuly

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 
 

 

GRAZIE VINCE

 

La purezza delle tue parole, dei tuoi sentimenti...

 

questo è per Giuly

Per te, che ti fai i cavoletti tuoi ma che ti preoccupi sempre dei cavoletti altrui.

Giuly


.Sai...io lo leggo dai tuoi post e dai commenti che lasciano i tuoi amici

Potevo forse non far incidere che sei una forza della natura?

...e cos'altro dire?

Ogni altra parola sarebbe solo banale.
Ciao, carissima amica!
Grazie Theo "ogni altra parola sarebbe solo banale" se detta ad un amico che sa leggerti nel cuore.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

FACEBOOK

 
 

T

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom