Creato da I_mie_racconti il 17/04/2013

L@ur@

Percorsi letterari

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PerturbabilelascrivanaI_mie_raccontiil_parresiastarosarioterzomillennimcurrisPerturbabiIebianconigliosdarkloverallelujastellinalamezzamelawalter.marelusimia2005minoc
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Insegnami a essere figli...Insegnami a essere figli... »

Insegnami a essere figlia: I giornaletti proibiti.

Post n°3 pubblicato il 19 Aprile 2013 da I_mie_racconti
 

  maschietti femminucce.

I passi leggeri che provenivano dal lungo corridoio, mi avvertirono che mamma stava per entrare nella mia cameretta. Velocemente nascosi sotto il cuscino l'ultima uscita di Katiuscia: il fotoromanzo che Simona mi aveva prestato per leggerlo.

-Come al solito ti sei addormentata con la luce accesa...-

Mormorò mentre mi sfiorava la fronte con un bacio e aggiungendo subito dopo dolcemente: -mi spiace che la maestra ti abbia messa in punizione per colpa mia-.

Prima di scivolar via silenziosa, così com'era arrivata, spense la lampada a forma di orsetto sul comodino laccato bianco vicino al mio lettino.

Due grosse lacrime sbucarono dalle palpebre socchiuse -lo so che mi vuoi bene mamma... e che non è colpa tua se a volte esageri con me. So bene quanto sia dura la vita anche per te... ti voglio tanto bene anch'io-.

Il pomeriggio successivo mi recai nuovamente con Michele da Simona per restituirle i giornali che mi aveva prestato.

-Su dai presto entra Danila!... Ti devo fare vedere una cosa-

-Mmhh cosa sarà mai questa cosa tanto importante da farti fremere impaziente e da non darmi nemmeno il tempo di entrare?-

-Danii non immagini nemmeno che mi è capitato tra le mani mentre pulivo il bagno!-

-Oh Simona non farmi stare sulle spine... fa vedere presto!-

Prima di procedere, da' un'occhiata sospettosa a Michelino: -ma Danì dici che lui parla?-

-Ma non che ancora non capisce niente!-

-Ma sei sicura?-

-Ma sii!-

Simona, guardinga e non ancora tanto convinta che Michele potesse tenere la bocca chiusa: tira fuori da dietro lo specchietto del bagno uno strano giornalino e me lo sventola sotto il naso.

-Oh mamma! E cos'è questa roba?-

-Non vedi che è una femmina nuda!-

-Fammi vedere di che si tratta...-

Man mano che sfogliavamo le pagine, le immagini diventavano sempre più scabrose; ma ciò che maggiormente mi lasciò allibita e sconcertata: furono le foto di uomo nudo.

-Oh cribbio! Ma quando Michelino crescerà, ce l'avrà enorme così? Ma tu Simona hai mai visto i tuoi fratelli nudi?-

-Ma che dici Danila! Mica quelli si fanno vedere da me... e poi certo che anche a Michelino crescerà! Che vuoi che le rimanga sempre mingherlino così!-

-No Simona, io queste cose non le voglio nemmeno vedere, altrimenti devo andare dal sacerdote e confessarmi... io mi vergogno a raccontargli certe cose!-

-E tu non dirgliele! Chiedi perdono a Gesù e dici due Pater Nostro e venti Ave Maria per punizione-

-No... il peccato è troppo grave: dico quattro Pater e 40 Ave-

-Già che ci sei sgrana tutto il Santo rosario che fai prima-

-Dici 5 Pater e 50 Ave? Noo ... sono troppe! Guarda siccome mi sono pentita subito e chiudo gli occhi fino a che tu nascondi nuovamente il giornale; e prometto solennemente di non guardare più immagini come queste; dico un Pater Nostro e 10 Ave Maria... anzi tre! Tanto quanto le pagine che abbiamo sfogliato -.

 Continua...

L@ur@

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog