Creato da nina.monamour il 11/06/2010
 

Il Diavolo in Corpo

Di tutto e di piu'.....

 

Messaggi di Maggio 2019

La tempesta..

Post n°8712 pubblicato il 24 Maggio 2019 da nina.monamour

 

image

 

Un giorno il diavolo mi sussurrò all'orecchio “Tu non sei forte abbastanza da affrontare la tempesta”. Oggi ho sussurrato all'orecchio del diavolo “Io sono la tempesta”.

Torno presto

 
 
 

Lo sterminio ingiustificato..

Post n°8711 pubblicato il 16 Maggio 2019 da nina.monamour

 

 

Da qualche anno il governo dell’Australia è alle prese con una popolazione che ritiene essere fuori controllo, quella dei gatti randagi. Si stima che nell’intero continente ce ne siano tra i 2 e i 6 milioni e che continuino a riprodursi velocemente, mettendo a rischio il resto della fauna e le specie che vivono solamente in Australia. Per questo motivo, nel 2015 il governo australiano aveva annunciato un piano molto ambizioso per sterminarne almeno 2milioni entro il 2020. Il progetto è ancora in corso, ma il raggiungimento dell'obiettivo si sta rivelando più complicato del previsto.

Secondo le ricerche e le prove archeologiche più recenti trovate a Cipro, i gatti furono addomesticati dal genere umano circa 9mila anni fa. La loro capacità di catturare piccoli roditori fu rapidamente sfruttata per proteggere i frutti dei raccolti. Nei millenni, divennero divinità per alcune popolazioni come gli antichi egizi e i greci, e si diffusero progressivamente in buona parte dei continenti, fatta eccezione per l’Australia, dove il primo gatto sarebbe arrivato molto più tardi.

Non è chiaro quando fecero la loro comparsa in Australia, continente remoto e tutto sommato trascurato fino a pochi secoli fa. Inizialmente si ipotizzò che il loro sbarco fosse avvenuto nel Seicento, forse in seguito al naufragio di qualche nave olandese i cui relitti arrivarono sulle coste australiane. In seguito, test più accurati sul patrimonio genetico dei gatti dei giorni nostri in Australia avrebbero portato a conclusioni diverse. Gli studi più condivisi collocano l’arrivo dei primi gatti in Australia nella zona di Sydney, quando nel 1788 approdò la Prima Flotta, le 11 navi partite dall’Inghilterra per fondare nel continente una colonia penale.

I gatti avevano condiviso con i marinai e i galeotti mesi di navigazione, occupandosi di cacciare i topi che vivevano a bordo delle navi. Nei decenni seguenti al loro sbarco, i gatti randagi si moltiplicarono colonizzando buona parte della costa sudorientale dell’Australia. Alla fine dell’Ottocento, erano ormai presenti in ogni angolo del continente, con una crescente popolazione che poteva prosperare grazie alla fauna locale, che si era evoluta per conto proprio ed era impreparata a quella nuova specie di predatori.

 Oggi, ci sono un centinaio di mammiferi australiani che rischiano di fare una brutta fine, e l’Australia ha il primato del tasso di estinzione più rapido di tutto il pianeta.

Secondo gli studiosi della fauna australiana, i gatti sono stati una delle principali cause dell’estinzione di almeno 22 specie di mammiferi, ma le cose non vanno meglio per altri animali. Si stima che ogni anno i gatti uccidano 377milioni di uccelli e 649milioni di rettili australiani. Per questo motivo sono considerati una minaccia per la fauna e il governo sta cercando di sterminarne il più alto numero possibile.


 
 
 

Saper aspettare..

Post n°8710 pubblicato il 15 Maggio 2019 da nina.monamour

 

 

 
Fin da piccola me lo sono sentito dire, parole sagge e giuste che si sono dimostrate, in più di una occasione, veritiere.

Il tempo è gentiluomo, è vero!

Credo realmente che il tempo sia gentiluomo e che restituisca, a chi di dovere, una sorta di giustizia, laddove questa venga meno per diversi fattori e/o elementi…

Dicono quindi che il tempo sia gentiluomo, perchè sia in grado di restituire, con il dovuto tempo appunto, giustizia e meriti, laddove questi vengano ingiustamente negati o peggio ancora…

Mai cercare quindi di farsi giustizia da soli davanti a un torto o un gesto sgarbato ricevuto. Ci penserà il tempo a compiere il destino delle persone e a restituire, appunto a tempo debito, quanto dovuto nei modi e nei tempi più inaspettati e giusti…

Il tempo è galantuomo, ristabilisce la verità, ripara i torti, medica ogni cosa, dunque bisogna saper attendere.

Sto imparando ad attendere e posso dire che, sin qui, ne vale la pena e che questo saggio detto, a cui sono particolarmente e affettivamente legata per stretti motivi personali, si dimostra veritiero.

Unica cosa… occorre aver tempo e non avere fretta…

Ogni cosa a suo tempo…

 

 
 
 

La fidanzatina d'America..

Post n°8709 pubblicato il 14 Maggio 2019 da nina.monamour

 

 

 Più ragazza della porta accanto che signora sofisticata, cantante, ballerina, Doris Day ha segnato il cinema americano degli anni Cinquanta e Sessanta accanto ai più grandi. Hitchock la scelse per “L’uomo che sapeva troppo”, ma incarnò in una lunga serie di commedie un'immagine di donna determinata ma dolce, solare e ottimista, sempre protesa verso l’uomo che ama.

L’annuncio della sua morte a 97 anni viene dalla Doris Day Animal Foundation, la fondazione a difesa degli animali da lei fondata a cui si era dedicata intensamente dagli anni Settanta.

La star se ne è andata per le conseguenze di una polmonite nella sua casa di Carmel in California, dove ancora il 3 aprile i fan le avevano augurato buon compleanno; la Fondazione allora aveva diffuso una sua foto sorridente. Diceva che gli animali erano meglio degli uomini e la sua ragione di vita.


Figlia di un musicista e di un’appassionata d’arte, entrambi profughi dalla Germania del Primo dopoguerra, arriva al successo dopo un’infanzia difficile attraversata, prima dalla morte del fratello maggiore, poi dalla separazione dei genitori, infine dall’incidente d’auto che le impedisce di coltivare il sogno di diventare ballerina classica.

Nata nel 1922, ha girato 39 film e segnato la storia della musica con successi come “Que sera Sera”, ma non vinse mai un Oscar. La Fondazione, che si occupa di sterilizzazione dei randagi e cura di tutti gli animali in stato di necessità, promette di continuare la sua opera.

Per desiderio dell'attrice, non ci saranno funerali né cerimonie in sua memoria, né una tomba segnalata.

 

ddio e grazie per tutti i bei momenti che ci ha regalato.vivrai sempre nei tuoi film e nel mio ricordo.un mondo stupendo,fatto di commedie leggere ma mai volgari.quasi come il cinema odierna....uguale,uguale,uguale
ddio e grazie per tutti i bei momenti che ci ha regalato.vivrai sempre nei tuoi film e nel mio ricordo.un mondo stupendo,fatto di commedie leggere ma mai volgari.quasi come il cinema odierna....uguale,uguale,uguale
ddio e grazie per tutti i bei momenti che ci ha regalato.vivrai sempre nei tuoi film e nel mio ricordo.un mondo stupendo,fatto di commedie leggere ma mai volgari.quasi come il cinema odierna....uguale,uguale,uguale

 
 
 

Che ne sai tu?!

Post n°8708 pubblicato il 13 Maggio 2019 da nina.monamour

 

 

 "Quando qualcuno ti giudica, hai vinto tutto".

Tenere a freno la lingua è buona cosa, specie in questi ultimi periodi, dove la gente ama trascendere in commenti senza fondamento, senza senso e senza logica alcuna se non quella di seguire la moda degli haters.

Ogni persona che bazzica sui social ha a che fare con commenti campati per aria da persone che latitano, sono inesistenti o poco presenti e poi “fioriscono” o riemergono per postare a sorpresa attacchi personali…

Di seguito una ipotetica risposta che posterei a coloro che si dovessero avventurare in una situazione simile..

Mia cara, mio caro, mi sa che anche tu appartieni a quel genere di persone che non conoscono le minime e basilari regole della grammatica, che scrivono “urlando” in quanto l’uso del carattere stampatello a loro insaputa corrisponde a urlare (appunto senza senso alcuno).

Il bravo e buon Crozza ne ha ricavato un personaggio macchietta, il problema è che lui (Crozza) scherza e ci fa ridere sù, mentre queste persone in realtà esistono davvero e nemmeno si rendono conto di quanto riescono a rendersi ridicole anziché ferire, come vorrebbero, le loro vittime.

 


Che poi mi dico..ma cosa commenti o parli a fare di me (per esempio) e della mia vita, ergendoti a legatissima e profonda frequentatrice assidua di famiglia, quando poche sono le volte che hai avuto a che fare con me e le persone a me care?

Ma poi parli proprio tu che emergi da una profonda latitanza che da mesi, se non da anni, ti ha portato nemmeno a ricordarti che io appartenessi, come te, a questo disgraziato mondo?

E’ veramente stucchevole che ti possa permettere di scrivere parole su eventi e fatti della vita di persone che conosci marginalmente e di cui puoi avere una conoscenza parziale.

Per mio conto puoi serenamente tornare da dove sei stato/a fin qui, nel tuo oblio, nella tua vita, nei tuoi importanti problemi, mentre io/noi ci smazzavamo i nostri..

Sai alla fine, per quanto possa sembrare strano, la tua mancanza non si è fatta più di tanto sentire e questo denota l’importanza che avevi o hai avuto nella mia vita (e probabilmente il sentimento è reciproco dal momento che solo adesso ti ricordi di aver un mio contatto…)

Alle tue parole preferisco non aggiungere altro se non che un rispettoso, da parte mia si, silenzio, non tanto perchè non abbia modi e termini o temi per poterti rispondere a tono, come meriteresti, ma semplicemente perchè non vale la pena. Non meriti così tanto, quindi da quì, meglio la mia indifferenza.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

BUONGIORNO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

divinacreatura59nina.monamourviaggiatorenotturnoNonnoRenzo0alfredo5700Semplicegeishaavv.maurogherardiROVERCONCvolami_nel_cuore33monellaccio19deborah.lorussosaverio.anconazacarias5dolcesettembre.1tanmik
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 188
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

**********

             

 

 

 

 

 

         

 

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20