Creato da dolcesettembre.1 il 19/10/2010
notizie choc, curiose,strane,assurde, incredibili, dall'Italia e dal mondo

.

 

http://oi56.tinypic.com/2ijp5hi.jpg

 

http://img96.imageshack.us/img96/125/miao.gif

http://digilander.libero.it/trinity.dd/2355064frf7mnnteh.gif

 

https://lh3.googleusercontent.com/-N3fuTS3eNds/WFBiEqOzX3I/AAAAAAACBvM/fVS3rvBomyIh1jG4LjLf0HUXl0VCWlNnwCJoC/w500-h420/5802804_30273.gif

 

.

http://www.youanimal.it/wp-content/uploads/2013/06/531157_343825179046881_1933952483_n-480x330.jpg

http://4.bp.blogspot.com/-QUS02886ubs/UlDnVDY1DVI/AAAAAAAAF-M/IjWTaJbdE2k/s1600/Pink+Roses.gif

http://3.bp.blogspot.com/-OI1ulCO9M0k/UkAlbbkUOuI/AAAAAAAAFr8/--OFyb0ypTA/s1600/Funny+Baby.gif

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13321610_551590478381718_3894659090394924886_n.jpg?oh=e6d007fb1fb13b0ae5412919c92dad1a&oe=57C2D1DD

 

.

http://www.gifandgif.com/gif_animate/Gatti/Animali%20-%20Gatti%20%284%29.gif

http://www.lucianabartolini.net/gif/cavalli/cavallo-puledro.gif

 

 

 

 

Alda Merini

E' necessario

che una donna

lasci un segno

della propria anima

ad un uomo...di sè,

perchè a fare l'amore

siamo brave tutte.

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://www.umnet.com/pic/diy/screensaver/8%5Clove-candle-85550.gif

http://img87.imageshack.us/img87/3548/etoile0473ljqp8jv4.gif

https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/s403x403/1620521_739979402681798_1832568084_n.jpg


https://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/p480x480/943149_453236554767471_656482959_n.jpg

http://i1112.photobucket.com/albums/k498/acop84/CrazyDiamond_zps0865da39.gif

 
Citazioni nei Blog Amici: 84
 

Ultime visite al Blog

GianRodolfoLavandinojeansbkango050juliuscar13silvioeraffaelladolcesettembre.1ciorniegabriel.casagrandeevincenzoromagnuoloapungi1950azzurro25sdiky5Adhara2riccyo47orlandinif
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I miei link preferiti

Messaggi di Giugno 2019

IL RIFIUTO VIRTUALE ACCENDE L'AGGRESSIVITà MASCHILE

Post n°3672 pubblicato il 28 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

Cuori solitari _nline: un “no” accende l'aggressività maschileLe App per cuori solitari sono fra le più scaricate dagli store del web, secondo le statistiche in materia. Ma cosa succede a chi le utilizza di fronte al 'no' di un possibile partner? Il rifiuto, anche se virtuale, brucia e parecchio. E se a riceverlo è un uomo, accende un'aggressività cieca rivolta in generale a tutto il genere femminile, rischiando di alimentare il fenomeno della violenza sulle donne che riempie ormai le pagine di cronaca.A indicare per il dating online la possibilità di un «binomio pericoloso tra rifiuto e aggressività» è uno studio italiano pubblicato sulla rivista Aggressive Behavior. Il lavoro - le cui conclusioni sono ben riassunte dal titolo Lonely hearts and angry minds: Online dating rejection increases male (but not female) hostility - è firmato da Luca Andrighetto, docente di psicologia sociale all'università di Genova, e da Alessandro Gabbiadini e Paolo Riva, ricercatori di psicologia sociale all'università di Milano-Bicocca.Per condurlo gli autori hanno creato una finta piattaforma di incontri online in cui partner fittizi rifiutavano le richieste di interesse espresse da partecipanti non consapevoli dei veri scopi dello studio. Il comportamento dei partner fittizi era gestito da uno algoritmo automatico. Ebbene, «i partecipanti maschi che erano stati respinti dalle partner fittizie proposte dalla piattaforma - riferiscono dalla Bicocca - riportavano un aumento significativo delle tendenze aggressive sia verso le stesse partner proposte dalla finta piattaforma sia verso il genere femminile in generale. Ad esempio, quando rifiutati sembravano essere maggiormente propensi ad accettare le credenze che giustificano le molestie sessuali verso le donne. Invece, per le partecipanti donne che venivano rifiutate dai partner di genere maschile fittizi tale aumento dell'aggressività non emergeva».«Oltre a indagare per la prima volta le reazioni psicologiche delle persone durante le interazioni in ambienti virtuali come siti di incontri - sottolinea Andrighetto - il nostro studio evidenzia come il rifiuto sentimentale possa essere un antecedente peculiare dell'aggressività maschile verso le donne. Questo risulta particolarmente rilevante nella società interconnessa in cui viviamo oggi e nella quale la violenza di genere è purtroppo ancora una realtà».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

VIGILESSE E REGGISENO

Post n°3670 pubblicato il 24 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

Capelli di colore naturale e con un taglio non sbarazzino. Smalto trasparente sulle unghie.Reggiseno obbligatorio tutto l'anno di colore neutro per non creare turbamento nei cittadini. Queste sono alcune delle prescrizioni per le vigilesse di Cittadella(Padova) introdotte dal nuovo regolamento molto rigido della Polizia locale,che il Consiglio Comunale della Città dovrà votare tra pochi giorni. Da un lato le novità sull'assetto antisommossa e antiterrorismo con scudi e maschere antigas in dotazione obbligatoria. Intanto, niente frangia troppo lunga, se i capelli sono lunghi andranno raccolti in una coda di cavallo o in una treccia purchè si usino accessori di dimensioni ridotte e di colore tale da risultare poco appariscenti. Sui cosmetici il nuovo regolamento parla chiaro:rossetto, cipria, fard, mascara devono avere colori tenui e non troppo marcati. Fede o anello di fidaanzamento, bene, ma gli orecchini possono essere indossati solo se non pendenti e in tutte e due le orecchie. Tinta carne per il reggiseno e collant, da indossare sia d'inverno che d'estate, salvo specifiche e temporanee autorizzazioni da parte del medico competente. Importanti novità riguardano anche le norme comportamentali, come il saluto militare con la mano destra all'altezza della visiera del copricapo, anche solo davanti a semplici cittadini.

https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2019/06/22/polizialocale240-320x320.jpg

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

LA ROM FURBETTA

Post n°3668 pubblicato il 19 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

 

Era stata accompagnata dai carabinieri nel carcere di Rebibbia, il 30 maggio scorso, per scontare la pena definitiva di 25 anni di reclusione.

Ma dal momento che è incinta (per l'undicesima volta), la ormai celeberrima "madame furto" è riuscita a ottenere il beneficio del "differimento pena", cioè a scontare la condanna dopo il parto. Approfittando della sua libertà, Vasvija Husic, 33enne bosniaca e borseggiatrice seriale, è tornata subito al "lavoro" in compagnia di tre complici e, come riporta l'agenzia Adnkronos, è stata nuovamente arrestata dai carabinieri dopo aver derubato una disabile in sedia a rotelle.

 

Vasvija Husic è già stata arrestata più di quaranta volte. Eppure, in carcere, non ci è mai andata. Il motivo lo ha spiegato lei stessa a fine maggio mentre usciva dal tribunale di Roma dopo il processo per direttissima. "In galera - aveva detto - non ci vado, sono incinta...". A 33 anni la rom di origine bosniache ha imparato molto bene come aggirare la legge italiana e così, dopo aver partorito dieici figli, ha "usato" l'undicesima gravidanza per stare alla larga dalla galera e rimandare la condanna a dopo il parto. I giudici sono sempre stati molto accomodanti con lei. Anche, durante l'ultimo processo, sono state tenute in conto "le condizioni e la tenera età dei figli", alcuni dei quali hanno meno di tre anni. E così, sapendo di farla sempre franca, anche oggi è tornata a fare quello che le riesce meglio: derubare i passanti.

 

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2019/03/27/1553674011-7378128.jpg

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CAMIONISTA EROE

Post n°3667 pubblicato il 17 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

Le otto e mezza di venerdì mattina. Un ragazzo di 19 anni cammina un po’ incerto vicino a un cavalcavia sulla Tangenziale Est esterna di Milano all’altezza di Pozzuolo Martesana. Qualcuno lo nota e preoccupato chiama la polizia. Lui quando vede la pattuglia della Stradale si mette a correre, scavalca la recinzione e si siede con le gambe penzolanti nel vuoto sull’arcata di acciaio del cavalcavia. Sotto il traffico è intenso come sempre. Gli agenti avvertono i tecnici della sicurezza stradale Teem che in pochi minuti intervengono e fermano la circolazione. Tra i primi, davanti alla fila, c’è un camionista alla guida di un Tir bianco. Anche lui come gli altri automobilisti si ferma, scende e osserva quella scena drammatica. Il ragazzo si trova a circa sette metri da terra. I poliziotti, dall’alto, cercano di parlargli e convincerlo a tornare indietro. Nel frattempo dalle centrali operative vengono allertati sanitari e vigili del fuoco. Ma la situazione è a un punto morto.

Il giovane risponde alle domande ma non desiste. A un certo punto, però, il camionista – maglietta bianca e pantaloncini rossi – inizia a parlare al ragazzo. I due si scambiano qualche battuta ed è a quel punto che l’autista decide di arrampicarsi sul tetto del rimorchio e avvicinarsi al ragazzo: “Dai vieni giù, stai tranquillo”. Incredibilmente il 19enne si convince e con un balzo di meno di due metri si lascia andare e salta sul cassone. Lì c’è il camionista che lo abbraccia e lo accompagna di sotto dove viene poi preso in cura dai sanitari. Il giovane, come raccontato sulle pagine di Metropoli del quotidiano il Giorno, sta bene e non ha riportato ferite. La scena viene interamente ripresa dalle telecamere di sorveglianza della Tangenziale in un filmato che il Corriere è riuscito a recuperare. Ecco l’azione dell’eroe in pantaloncini corti e il lieto fine di questa storia incredibile.

 

https://images2-milano.corriereobjects.it/methode_image/2019/06/15/Milano/Foto%20Milano%20-%20Trattate/foto_obb-koOC-U31201688561313oXD-656x492@Corriere-Web-Milano.jpg?v=20190616072353

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DONNA MUORE DOPO MEZZO SECOLO VISSUTO NASCOSTA DENTRO CASA

Post n°3666 pubblicato il 14 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

PESARO -  Ha vissuto come un fantasma, senza un passato, senza una vita. Sepolta viva. Nessuno l'aveva più vista dopo le scuole elementari: chiusa in casa per quasi mezzo secolo, in una stanza sola, dietro una finestra chiusa. Ed è morta a 59 anni Luciana Simoncelli, tra le mura che non aveva mai valicato per un'esistenza passata insieme alla madre e alla sorella a Serravalle di Carda, frazione di 350 abitanti nel comune di Apecchio.
Nemmeno il medico di famiglia l'aveva mai vista, se non prima di scorgerne il cadavere pelle e ossa  (una trentina di chili)all'obitorio di Urbino. E a quel punto ha richiesto un'autopsia per capire com'è morta. Il dottor Massimo Valentini, il medico di famiglia, dice al Resto del Carlino "Quando sono andato negli ultimi 25 o 30 anni in quella casa ho chiesto ogni volta alla madre di poterla conoscere, magari visitare, visto che era una mia mutuata. Ma la risposta immancabile era un rifiuto netto. Non ne ho parlato con nessuno né con i carabinieri né con la procura perché non lo ritenevo necessario visto che era una libera scelta di una persona che delegava la madre a parlare per lei. Ma poi sabato scorso la situazione è precipitata. E’ stata chiamata la guardia medica che ha constatato il decesso della donna e come medico di famiglia ho fatto il secondo certificato di morte in obitorio a Urbino vedendola per la prima volta e trovando il corpo in condizioni di apparente denutrimento. Cosa è successo, perché è arrivata a pesare così poco? ". I Carabinieri di Apecchio sono andati nella casa per raccogliere elementi, appurare cosa sia accaduto e inviare una prima relazione alla Procura della Repubblica.

 

https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2019/06/13/apecchio-1350.jpg

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ALONGSHAN, IL NUOVO VIRUS TRASMESSO DALLA ZECCA

Post n°3665 pubblicato il 12 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

 

Questo parassita (Ixodes ricinus) è pericoloso non solo per gli animali, ma anche per l'uomo. Facilmente riconoscibile per via della sua forma tondeggiante, è ricoperto da una specie di scudo duro che nel maschio si trova su tutta la superficie, mentre nella femmina copre solo la parte anteriore. La zecca si nasconde nella terra e sulle foglie in attesa di un essere vivente a cui attaccarsi. Il suo morso potrebbe potenzialmente trasmettere microrganismi in grado di scatenare patologie anche gravi, come per esempio la malattia di Lyme e la meningoencefalite da zecche-TBE. La malattia di Lyme si manifesta con un eritema migrante. Altri sintomi comprendono: febbre, mal di testa, dolori muscolari, stanchezza fisica, rigidità del collo, algie cardiache, vertigini e infiammazione oculare. Pochi giorni fa, sul New England Journal of Medicine, è stata pubblicata la notizia della scoperta di un nuovo virus a RNA segmentato appartenente alla famiglia delle Flaviviridae.

Alongshan (questo il nome con cui è stato ribattezzato) è stato isolato in seguito a un ricovero avvenuto in Mongolia nel 2017. Il paziente presentava febbre alta, cefalea e fatigue, tutti sintomi comparsi in seguito alla puntura di una zecca. Al momento l'infezione (che ha portato al coma un paziente su tre) è stata individuata in 86 soggetti residenti in Mongolia, ma sembra che il virus sia presente anche nell'Europa dell'Est. Non si esclude che il nuovo patogeno possa arrivare in altre zone del mondo grazie a fattori quali: immigrazione, viaggi e cambiamenti climatici. Fortunatamente non sono stati ancora registrati decessi, tuttavia le autorità sanitarie hanno intensificato la sorveglianza sui casi con sintomi simili manifestatisi dopo la puntura di zecca.

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2019/06/11/1560249096-zecca.jpg

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

QUANDO DALL'ERRORE NASCE UNA SCOPERTA

Post n°3663 pubblicato il 07 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

Alla vigilia di Natale, bruciatosi il dolce per il banchetto degli Sforza a Milano, lo sguattero Toni lavora un panetto di lievito con farina, uova, zucchero, uvetta e canditi, ottenendo un impasto soffice e lievitato.Ludovico il Moro lo battezza Pan de Toni. E' il Panettone.

https://fscomps.fotosearch.com/compc/CSP/CSP604/panettone-italiano-torta-natale-archivio-fotografico__k19002478.jpg

Nel 1826, il farmacista inglese John Walker, mentre agita una miscela di sostanze chimiche, nota una pretuberanza secca sull'estremità di un bastone;cerca di raschiarla via, ma si sprigiona una scintilla. Nascono i fiammiferi, prima di cartone, poi di legno,(in scatole, con la carta vetrata per sfregarli.)


https://fscomps.fotosearch.com/compc/CSP/CSP136/fiammiferi-archivio-fotografico__k1365098.jpg

L'Inglese Isaac Newton, svegliatosi mentre dorme sotto un albero dal colpo di una mela matura sulla testa, lo scienziato s'interroga su quale forza abbia fatto cadere il frutto, e formula la famosa Legge di attrazione universale:la gravità.

https://fscomps.fotosearch.com/compc/CSP/CSP556/isaac-newton-archivio-fotografico__k5569658.jpg

Il Vitel Tonnè è in origine una carne "conciata" con vino, aceto e aromi. Tonnè, francese e dialettale, significa"conciato". Ma il grande gastronomo Pellegrino Artusi, fa confusione e aggiunge alla ricetta il Tonno.

https://www.dissapore.com/wp-content/uploads/2015/06/Vitello-Tonnato1.jpg

Nel 1928, Alexander Fleming, colpito da un forte raffreddore, preleva dei batteri dal naso, li lascia in laboratorio e, dimenticandoli, va in vacanza. Al ritorno, trova i batteri ammuffiti, ma su uno dei Campioni un fungo inatteso ha ucciso i batteri:è la scoperta della Penicillina.

https://fscomps.fotosearch.com/compc/FSD/FSD558/penicillina-tavolette-archivio-immagini__x10224281.jpg

L'americano Percy Spencer, sta realizzando per i radar, dei magnetron,(valvole che creano microonde) quando si accorge che una tavoletta di cioccolato che ha in tasca si è sciolta. Intuisce cosa è successo, e nel 1947 crea il primo forno a microonde.


https://previews.123rf.com/images/aleksanderdn/aleksanderdn1509/aleksanderdn150900002/45808014-forno-a-microonde-stufa-isolato-su-sfondo-bianco-3d.jpg

In una fredda sera d'inverno del 1905, l'11enne californiano Frank Epperson, dimentica sul davanzale un bicchiere di acqua e soda con il bastoncino per mescolare. Il mattino dopo, dal bicchiere estrae un bel ghiacciolo, che anni dopo brevetta.

https://fscomps.fotosearch.com/compc/CSP/CSP801/ghiacciolo-thawed-archivio-fotografico__k26722909.jpg




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SPORT A DUE RUOTE:NASCONO I "LYCANTROPI"

Post n°3662 pubblicato il 05 Giugno 2019 da dolcesettembre.1
 

Quasi in contemporanea con le prime tappe spettacolari del Giro d'Italia, anche la stagione delle Granfondo per gli appassionati, entra nel vivo. Milioni di occhi inchiodati quotidianamente a seguire le sfide dei professionisti e a tifare Vincenzo Nibali, centinaia di migliaia di gambe impegnate a pedalare sulle strade d'Italia per le varie competizioni e manifestazioni ciclistiche, sognando di imitare lo Squalo e i suoi rivali, almeno grazie ad una tutina, al casco e agli occhiali. Le sole gare cicloculturistiche del circuito Prestigio arrivano anche a 20 mila iscritti, per non dire della quantità di partecipanti ad alcune manifestazioni non competitive. Seguendo questa rinnovata passione per le due ruote e le iniziative delle tante aziende dinamiche di questo settore, nascono vari nuovi appuntamenti mirati:per esempio, nel weekend scorso, in occasione della consueta Granfondo Soave Kask, al Sabato si è tenuta una bella pedalata collettiva tra le strade di campagna in sella alle biciclette cosiddette "gravel", che sono una sorta di ibrido da corsa e fuoristrada, e hanno dato vita ad una moda che dall'America del Nord si sta allargando all'Europa del Sud, dove ha trovato il terreno ideale sopratutto nele belle zone rurali di provincia. Da un punto di vista del turismo, la bicicletta si sta rivelando una formidabile leva di rilancio. Nei Paesi anglosassoni si considera che la bici abbia ormai occupato il posto che fu del Golf nei passatempi delle classi più agiate. I ciclisti sono tra i più fanatici nella tribù dei nuovi "lycantropi". Il nuovo appassionato di ciclismo cerca di imitare in tutto e per tutto i campioni, e in Italia questo ha aperto anche opportunità imprenditoriali notevoli, come è il caso della crescita stessa della Kask, lo sponsor della Granfondo di Soave, che in pochi anni è diventata un nome mito nel suo settore. Il boom di questo ciclismo, ha stimolato gli appetiti di molti, non a caso, i manager di uno dei più grandi gruppo del lusso, come Lvhm, tanto presi a scalare borsettifici per milionari come Hermes, ed a concentrare cantine di champagne, si sono portati a casa la maggioranza di un'azienda leader nelle biciclette per campioni come la nostra Pinarello. Un'altra zona che è riuscita con la bicicletta ad ampliare la sua offerta turistica oltre la stagione dell'estate, e la Romagna e sarebbero sopratutto alcune regioni del Sud a poter beneficiare di questa tendenza, se gli amministratori locali si mostrassero più attenti. I dati di alcune ricerche recenti parlano di un incremento del cicloturismo in Italia nell'ordine del più 40% negli ultimi 5 anni, e si pensa che questo comparto possa agevolmente raggiungere la fetta del 10% nella torta generale del rurismo, dove già adesso genera 7,6 miliardi di euro di ricavi(dati Isnart-Legambiente). Ma non è solo una questione di soldi, ovviamente, perchè sulla ciclabilità in Italia si gioca anche una partita ecologica di prim'ordine.

https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2019/05/30/giro-675x275.jpg

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

-

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
 

.

 

http://sweetmoments.altervista.org/images/gif_animate_cuori_glitter_16.gif

http://img3.dreamies.de/img/118/b/nxynipkn4w2.gif

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn2/t1/p370x247/1554612_796185940397325_381389677_n.jpg

http://image.blingee.com/images15/content/output/000/000/000/4d7/350154086_1041299.gif?4

https://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xap1/v/t1.0-9/10942755_748864338541508_7209471204533447425_n.jpg?oh=6ab6d3c7efca3405a06425d74420ead8&oe=555B9329


 

Donna

Mentre urli alla tua donna

sappi che c'è un uomo

che dedidera parlarle all'orecchio.

Mentre la umili,

insulti,sminuisci,

sappi che c'è un uomo

che la corteggia

e le ricorda

che è una gran donna.

Mentre la violenti,

sappi che c'è un uomo

che desidera

fare l'amore con lei.

Mentre la fai piangere,

sappi che c'è un uomo

che le ruba sorrisi.

VIVA LE DONNE

MERAVIGLIE DELL'UNIVERSO!!   

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://digilander.libero.it/alleportedelsole/6fkg70j.gif

http://digilander.libero.it/cieli/cat_walking2-ani.gif

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30