Creato da dolcesettembre.1 il 19/10/2010
notizie choc, curiose,strane,assurde, incredibili, dall'Italia e dal mondo

.

 

http://oi56.tinypic.com/2ijp5hi.jpg

http://i49.tinypic.com/2ljt1kk.jpg

http://img96.imageshack.us/img96/125/miao.gif

http://digilander.libero.it/trinity.dd/2355064frf7mnnteh.gif

 

https://lh3.googleusercontent.com/-N3fuTS3eNds/WFBiEqOzX3I/AAAAAAACBvM/fVS3rvBomyIh1jG4LjLf0HUXl0VCWlNnwCJoC/w500-h420/5802804_30273.gif

 

.

http://www.youanimal.it/wp-content/uploads/2013/06/531157_343825179046881_1933952483_n-480x330.jpg

http://4.bp.blogspot.com/-QUS02886ubs/UlDnVDY1DVI/AAAAAAAAF-M/IjWTaJbdE2k/s1600/Pink+Roses.gif

http://3.bp.blogspot.com/-OI1ulCO9M0k/UkAlbbkUOuI/AAAAAAAAFr8/--OFyb0ypTA/s1600/Funny+Baby.gif

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13321610_551590478381718_3894659090394924886_n.jpg?oh=e6d007fb1fb13b0ae5412919c92dad1a&oe=57C2D1DD

 

.

http://www.gifandgif.com/gif_animate/Gatti/Animali%20-%20Gatti%20%284%29.gif

http://www.lucianabartolini.net/gif/cavalli/cavallo-puledro.gif

 

 

 

 

Alda Merini

E' necessario

che una donna

lasci un segno

della propria anima

ad un uomo...di sè,

perchè a fare l'amore

siamo brave tutte.

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://www.umnet.com/pic/diy/screensaver/8%5Clove-candle-85550.gif

http://img87.imageshack.us/img87/3548/etoile0473ljqp8jv4.gif

https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/s403x403/1620521_739979402681798_1832568084_n.jpg


https://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/p480x480/943149_453236554767471_656482959_n.jpg

http://i1112.photobucket.com/albums/k498/acop84/CrazyDiamond_zps0865da39.gif

 
Citazioni nei Blog Amici: 82
 

Ultime visite al Blog

dolcesettembre.1alba.estate2012apungi1950_2MiaEMMEGIe_d_e_l_w_e_i_s_ssimona_77rmelyraveric65vapungi1950je_est_un_autrekarma580liffcelorena.catellanimgabry72BETHELodv
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I miei link preferiti

Messaggi di Maggio 2019

 

SI PUò PERDONARE UN PADRE VIOLENTO?

Post n°3657 pubblicato il 22 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

 

 

Come la protagonista di una tragedia antica (e dunque eterna). «Non mi lasciare, ti voglio bene», ha pianto disperata Debora, raccogliendo l'ultimo respiro del padre morente.

 

L'agonizzare di quel disgraziato genitore che lei stessa aveva ucciso. Per porre fine ad anni di violenze, dicono già i magistrati. A lei, ma questo sembra essere stata la cosa che le importava di meno, alla nonna e soprattutto alla mamma, per la cui difesa Debora aveva appena sferrato quel colpo mortale. A nulla era servito l'ultimo disperato tentativo di salvarlo, quel «papà fermati, non fare più niente». Poi le lacrime e addirittura l'implorazione della sua benevolenza, in uno straziante «papà perdonami, ti voglio bene». La dimostrazione che non c'è nulla di più insondabile dell'animo umano, lì nel profondo dove il cuore lotta e alla fine ha così spesso la meglio anche sulla ragione più cartesiana. Perfino di fronte all'evidenza più innegabile. E allora diventa meraviglioso, nel senso che suscita infinita meraviglia, quel mistero della vita per cui un padre o una madre restano papà e mamma. Sempre e comunque, anche al di là di ogni buon senso e magari anche dopo avere indossato per lunghissimi, interminabili anni la maschera del peggiore dei mostri. Quello che nega le cose più sacre, l'infanzia a una bambina e l'adolescenza a una ragazzina costretta a vedere il proprio punto di riferimento distrutto dall'abuso di droghe e alcol invece che dedito al lavoro e alla famiglia. Come fanno quelli di tante amiche e compagne di scuola. Ad aspettarlo comunque con ansia la sera, pensando che qualcosa sia finalmente cambiato e a ritrovarselo invece come sempre ubriaco e pronto a menare le mani. Eppure proprio nel momento in cui quell'incubo finisce, invece della gioia a sopraffare Debora è il grido straziato per averlo perso quel padre. Proprio quel padre. Perché a ferirla ancor più delle legnate, ora è un nuovo dolore. Un dolore lancinante e mai provato, quello di un genitore che se ne va per sempre. E questa è la ferita che non sarà più sanabile. L'ha capito, anzi sentito subito dentro le viscere Debora quel vuoto di amore che nessuno potrà mai più riempire, anche se alle botte qualcuno dovesse sostituire le carezze. Non servirà a niente, perché a mancarle da morire saranno quelle mani ruvide e violente da pugile. Perché quelle erano comunque le mani di papà, del suo papà che non c'è più. Non suoni questo come una giustificazione della violenza che va sempre condannata e possibilmente prevenuta con le denunce, soprattutto quando esplode tra le mura di casa, ma ci pensino bene quelli che in questi difficili tempi di famiglie troppo spesso andate in frantumi, aizzano per vendetta (o mediocrità) i figli contro i coniugi, rei magari di qualche colpa. Grande o più spesso piccola. O anche per nulla. E ricordino, quando arriva diabolica la tentazione, che la legge di natura è sempre per fortuna più forte di quella dei codici. E che anche il peggiore dei genitori, resterà comunque la cosa più importante che ognuno di noi ha ricevuto venendo al mondo.

 

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2019/05/21/1558435532-deborah-sciacquatori2.jpg

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GLI ERRORI DELLA GIUSTIZIA ITALIANA

Post n°3656 pubblicato il 20 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

Gli americani sanno che la Giustizia può sbagliare. Uno studio sulle 7.482 condanne a morte inflitte negli Usa dal 1973 al 2014 ha rivelato che nel 4% dei casi si è trattato di errori giudiziari:340 individui sono finiti nel braccio della morte da innocenti, e circa la metà di loro sono stati effettivamente giustiziati. La gran parte di coloro che si sono salvati deve ringraziare le nuove tecniche di Analisi del Dna sui reperti conservati per anni e anni. In Italia la pena di morte non esiste, ma anche da noi gli errori giudiziari abbondano. Secondo stime attendibili, sono stati circa 26 mila dal 1992 ad oggi coloro che hanno subìto ingiusta detenzione prima di essere riconosciuti innocenti con sentenza definitiva. E sono oltre 130 le persone condannate in Cassazione ma poi assolte in seguito ad un processo di revisione, o perchè si è scoperto il vero colpevole,(i dati sul sito errorigiudiziari.com.) E se le norme prevedono l'eventualità di una revisione del processo, gli elementi materiali che sono serviti per la condanna(i reperti) dovrebbero essere gelosamente conservati per un periodo congruo, perchè potrebbe succedere che riesaminando quegli stessi elementi, o esaminandone alcuni che erano stati trascurati, magari viene fuori una nuova verità alternativa alla precedente. Si parla infatti, nella stragrande maggioranza dei casi di piccoli oggetti: capi di vestiario, buste o fiale contenenti materiali organici, capelli, fibre, eccetera. Niente che non possa tranquillamente stare in una bella scatola sigillata, esattamente come fanno in America. E invece no. Da noi, certi tribunali danno ordine di "distruggere", e talvolta i reperti vengono pure inspiegabilmente distrutti anche quando c'è la disposizione di non farlo. Ma perchè? Forse va fatta tabula rasa in modo che nessuno possa rimettere in discussione quanto deciso? Forse che quegli oggetti fanno paura? Forse che qualcuno teme una verità alternativa?

https://previews.123rf.com/images/davidfranklinstudioworks/davidfranklinstudioworks1503/davidfranklinstudioworks150300264/37291493-giustizia-segno-su-un-edificio-palazzo-di-giustizia.jpg

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA DURA LEGGE DEL TALK SHOW

Post n°3655 pubblicato il 17 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

Si è affermata da qualche anno, sopratutto nei talk show, anche in quelli che si occupano di Attualità, Politica o di seriosissime questioni economiche, una tendenza curiosa:fatta eccezione per gli ospiti d'onore, nessuno dei partecipanti riesce più a svolgere un discorso compiuto o ad esprimere un'opinione argomentata. La regola dei ritmi televisivi vuole che ciascuno venga interrotto dopo pochi secondi dal conduttore di turno, oppure da uno o più di uno degli altri ospiti. Il tizio che ha la parola ovviamente reagisce, deve alzare la voce, e altrettanto fanno gli avversari, sovrapponendosi l'un l'altro in base alla vecchia, surreale direttiva di Aldo Biscardi:"Non parlate più di due o tre per volta."Il pubblico in studio si schiera a caso o prendendo le parti di chi urla di più, e il risultato finale è un'indistinta cacofonia di suoni e voci, per la gioia dell'Auditel e lo sconforto di chi a casa vorrebbe capirci qualcosa. Non bisogna poi trascurare il fatto che agli ospiti di un Talk Show non si chiede di essere sobri e controllati, anzi, tutto il contrario. L'ideale è avere in studio Massimo Cacciari che comincia a mostrare insofferenza fin dai primi istanti, e in un amen esplode. O magari il re della rissa Vittorio Sgarbi, con i suoi"capra,capra,capra"! In generale, gli ospiti vengono scelti in base ad una precisa regola:devono essere predisposti alla caciara, pronti ad esprimere opnioni forti, provocatorie, senza sfumature. Lo ha ben spiegato Filippo Facci su Libero:"Oggi, prima di chiamarti come ospite ti sondano, e magari, appurato che tu non abbia una posizione estrema o non originaloide, finisce che l'invito salta". E' la dura legge del Talk.C'è da capirli gli Autori:vogliono la macelleria, mica il minuetto. Se la spari grossa vai bene, se ragioni mettiamo in onda un altro.

https://www.ilmattino.it/photos/PANORAMA/81/28/3598128_1649_vittorio_sgarbi_rissa_iene_simone_cristicchi.jpg

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUANDO LE PROPRIETà SONO SUE LA CHIESA SFRATTA SENZA SCRUPOLI

Post n°3654 pubblicato il 16 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

In via Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, dal 2013 c'è un palazzo occupato illegalmente da centinaia di abusivi: dopo aver accumulato centinaia di migliaia di euro di debiti con il fornitore dell'elettricità, la società ha staccato la corrente, mettendo i sigilli ai contatori. È qui che, come sappiamo, è intervenuto il cardinale Konrad Krajewski: l'elemosiniere di Papa Francesco, infatti, ha sbloccato la situazione togliendo quei sigilli e riportando la luce agli occupanti. Il caso dell"ex sede Inpdap (il fu Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica) sta facendo molto discutere per l'intervento a gamba tesa del porporato e della Chiesa. Chiesa però che, in passato, ha avuto un comportamento ben diverso quando c"erano in ballo le proprie proprietà.Infatti, come ricordato da La Verità, in molti casi le parrocchie non si sono fatte troppi problemi a sgomberare i propri locali da chi non pagava (più) l'affitto o le utenze: un sacrestano indigente, per esempio, si impiccò per la disperazione, e in altre situazioni furono cacciati senza indugi e remore anche famiglie con bambini, stranieri, associazioni benefiche e anche una scuola media.Era il 2011 quando a Grosseto una 23enne incinta e all'ottavo mese, venne sfrattata da un albergo di proprietà della curia, insieme ad altre famiglie in difficoltà economica. La giovane, tra l'altro, perse drammaticamente il figlio che portava in grembo Sempre in Toscana, ma a Prato, a fine 2015, la curia allontanò un pensionato 65enne che viveva da quattro anni nel complesso parrocchiale, svolgendo i compiti del sacrestano. Lui, senza soldi in tasca, si vide recapitare una lettera che lo invitava ad andarsene entro una settimana: disperato, si tolse la vita.Nel 2013 a Napoli l'Arciconfraternita dei pellegrini decise per lo sfratto per morosità un nucleo familiare di sette persone, finito poi in mezzo alla strada. Ad Amalfi, nel 2015, la curia arcivescovile cacciò dai suoi muri un centro anti-diabete che assisteva 400 pazienti, per poi dare in affitto la proprietà a uno studio legale.E la lista solo parziale fatta dalla Verità è lunga e comprende anche il caso in provincia di Bologna, dove una decina di anni fa le scuole medie del paesino di Lagaro vennero sfrattate dagli immobili della parrocchia che occupavano, quando l"istituto si rifiutò di pagare l'affitto annuo raddoppiato, passato da 11mila a 22euro.Infine, clamorosa la vicenda della "Banca degli abiti" di Salerno, struttura che assiste poveri e senza tetto dando loro vestiti con i quali coprirsi e scaldarsi, sfrattata dalla sede che occupava della parrocchia Maria Santissima della Medaglia Miracolosa.Insomma, viene da chiedersi dov'era il Vaticano e il cardinale Krajewski in tutti questi casi, che non sono stati fatti transitare nel megafono dell'informazione nazionale...

https://www.newsstandhub.com/files/il-giornale-it/images/quando-le-proprieta-sono-sue-la-chiesa-sfratta-senza-scrupoli/xhdpi/c8824707a3662fb5b62ffe4d8a246286.jpg

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COLTIVARE NOCCIOLE NON FA BENE AL SUOLO

Post n°3653 pubblicato il 13 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

L’Italia rappresenta oggi il secondo produttore a livello mondiale con una quota di mercato di circa il 12% della produzione globale di nocciola e segue a distanza la Turchia, che rappresenta da sola il 70% del mercato complessivo. La geografia italiana delle nocciole vede come prima regione produttrice il Lazio, con 45.967 tonnellate annue, di cui 45mila concentrate nella provincia di Viterbo. Segue la Campania con 39.590 tonnellate annue, di cui 15.200 nella sola provincia di Avellino. Il Piemonte, sebbene la sua Tonda gentile delle Langhe sia la più famosa, è appena al terzo posto, con una produzione annua di 20.027.

Ma c’è sempre più richiesta di nocciole nel mondo, e soprattutto c’è sempre più richiesta da parte di quel colosso mondiale – ma italiano – che è la Ferrero. La quale deve anche pensare a difendere il proprio approvvigionamento dalle crisi internazionali. Ed ecco perciò che il colosso dell’alimentazione dolciaria ha avviato un progetto per ottenere entro il 2025 20mila tonnellate in più di nocciole italiane. È il Progetto Nocciola Italia, promosso dalla Ferrero Hazelnut Company, divisione interna della Ferrero nata nel 2014 con il compito di promuovere in agricoltura il settore corilicolo (corylus era il nocciolo dei latini). Ma, come dice il giornalista Raffaele Lupoli, “l’Italia produrrà più nocciole per la Nutella. Ma non è una buona notizia”.La monocoltura della nocciola, infatti, come tutte le monocolture, non è poi così positiva. Innanzitutto, partiamo dalla considerazione che la coltura della nocciola non va a sostituire un’altra coltura in atto, ma spesso – come capita per le bollicine – comporta l’eradicazione di un angolo selvaggio di natura per piegarlo alle nuove esigenze umane (e per favore non chiamiamolo con locuzione antropocentrica “terreno vocato alla nocciola”).

In secondo luogo, la nocciola viene spesso coltivata con abbondati dosi di fertilizzanti e diserbanti per evitare il crescere dei polloni alla base, garantire nocciole più grandi e maggiore produzione: un ettaro di noccioleto coltivato tradizionalmente infatti rende fino a 50 quintali di nocciole, a fronte dei 15/20 quintali che si ottengono dalla coltivazione biologica. In più, sette o otto trattamenti di fitofarmaci all’anno per combattere i parassiti. Quindi, ad onta della pubblicità, non si può certo dire che la coltivazione della nocciola sia oggi ecosostenibile. Come tutte le monocolture.Ma l’avanzata delle monocolture per fortuna non sta procedendo indisturbata. Persone e gruppi sensibili all’ambiente, preoccupati per le trasformazioni in atto, ci sono. Tale è la regista Alice Rohrwacher, che ha indirizzato a fine gennaio una preoccupatissima lettera a Repubblica denunciando i cambiamenti drastici al territorio che la nocciola sta apportando sull’altopiano dove lei è nata, fra Orvieto e il lago di Bolsena: “un paesaggio nuovo, del tutto trasfigurato, dove campi, siepi, alberi scompaiono per lasciar posto a impianti di nocciole a perdita d’occhio”.

Stessa preoccupazione viene espressa questo mese da Carlìn Petrini, che denuncia tra l’altro come “a poche settimane dal voto amministrativo ed europeo pare proprio che il tema della difesa del suolo non faccia parte dei programmi elettorali dei partiti”.

Sempre a inizio aprile, un’iniziativa concreta per fermare il degrado: il sindaco di Bolsena ha emesso un’ordinanza per impedire l’impianto di nuovi noccioleti. “Ordino il divieto sul territorio comunale che cade all’interno del bacino imbrifero del lago di Bolsena di realizzare impianti di noccioleti intensivi, per evitare un elevato consumo di acqua, di fitofarmaci, di antiparassitari, di insetticidi, di diserbanti e di concimi necessari alla coltivazione degli stessi”. Anche se c’è da scommettere che verrà impugnata al Tar.

https://fscomps.fotosearch.com/compc/CSP/CSP026/nocciole-archivio-immagini__k0264040.jpg

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

DA TOSCANI INSULTI CHOC E MINACCE

Post n°3651 pubblicato il 06 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

Ai microfoni della Zanzara su Radio 24 Oliviero Toscani attacca a testa bassa e finisce per gettare fango su tutti. "Lasciar entrare gli immigrati sarà la nostra fortuna - dice - invece di quei quattro coglioni di italiani che non capiscono niente". Parole al vetriolo che lasciano sbigottiti perché fano seguito a un'intimidazione (tutt'altro che velata) ai figli di Matteo Salvini. "Gli auguro che succeda a suo figlio di essere su una barca e non gli permettono di sbarcare- tuona il fotografo - può darsi che gli succeda".

 

L'intervista a Toscani, riportata dal sito Dagospia, è un profluvio di odio contro Salvini, contro la Lega, contro la destra e, più in generale, contro gli italiani. Parole violentissime infarcite di insulti che sono state pronunciate alla Zanzara e che sono destinate a scatenare una polemica senza fine. Ovviamente al centro della sua invettiva c'è l'emergenza immigrazione e la direttiva del Viminale che ha portato alla chiusura dei porti italiani ai barconi partiti dalle coste del Nord Africa. "Salvini è un incivile", tuona il fotografo schierandosi totalmente al fianco dei clandestini. "Ma che clandestino del cazzo - sbotta in radio - cosa vuol dire clandestino? Non sono clandestini sui barconi, c’è della gente. Clandestino è il Padre Eterno, che non l’ho mai visto". A suo dire l'invasione non esiste. E, infischiandosene dei numeri dei disperati che negli ultimi anni si sono riversati sulle nostre coste, auspica che ne arrivino altri. Li considera migliori "di quei quattro coglioni di italiani che non capiscono niente”.

 

Toscani non porta argomenti. Solo insulti. E, anche quando si trova d'accordo con Salvini (per esempio sul fatto che non bisogna farsi le canne), si inventa un distinguo dopo l'altro e finisce nel solito sproloquio. "Non gli tira più l’uccello", dice riferendosi al leader del Carroccio. Quindi passa a inveire contro i sovranisti in generale ("Abbiamo una destra ignorante") e a lodare i francesi. "La Gioconda è italiana perché l'ha fatta Leonardo da Vinci. Ma è meglio resti in Francia perché è curata meglio che se ce l’avessimo noi". Uno sproloquio, appunto. Senza capo né coda. "Smettiamola con questo campanilismo che ci rincretinisce - incalza - io mi sento più vicino a Parigi che a Canicattì”.

 

A sentirlo parlare alla Zanzara si capisce proprio che a Toscani no va proprio giù il concetto di patria. Proprio non gli piace. "Mi fa schifo", mette pure in chiaro. "È una roba ottocentesca". Poi, dulcis in fundo, eccolo fiondarsi contro Benito Mussolini, il cui fantasma ormai la sinistra nostrana vede ovunque. "Si dice che Mussolini dovesse scopare una donna al giorno - argomenta - quelli che devono dimostrare di scopare una donna al giorno secondo me sono degli impotenti che devono dimostrare di non esserlo".

 

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2016/08/08/1470641432-o-toscani-facebook.jpg

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MISTERO CLINICO:L'UOMO CHE COMBATTE IL CANCRO CAMMINANDO

Post n°3650 pubblicato il 03 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

Nell'ottobre del 2013 Andrea Spinelli,(foto) 46enne siciliano di nascita ma pordenonese d'adozione, riceve la notizia che mai vorresti sentirti dire: tumore inoperabile. Il suo corpo era stato attaccato da un adenocarcinoma alla testa del pancreas. I medici sono certi, l'aspettiva di vita nel migliore dei casi è 5 anni. Invece Andrea è ancora qui, debilitato certo, ma vivo. E resta un mistero clinico. Lui invece è certo della sua cura: il camminare. Dalla nefasta diagnosi lui ha cominciato a camminare e anche tanto. Da allora ha percorso oltre 13mila chilometri, tutti documentati in un blog.

Parlare di casi come quello di Andrea Spinelli non è mai facile. Non si vogliono dare false speranze a chi come lui sta affrontando un ostacolo della vita che non sempre si riesce a superare. Ma è giusto parlarne. Lo dice lui stesso nel libro che ha da poco pubblicato in cui racconta la propria storia "Se cammino vivo".

"Racconterò la mia storia finché avrò la forza", scrive Andrea sul suo blog. Lui che è stato anche ufficiale di aviazione descrive il momento della diagnosi: "Mi sono sentito come ai comandi di un aereo in fase di stallo e ho reagito non lasciandomi cadere nella disperazione 'come non si può fare più niente? io voglio vivere e anche tanto' ho pensato. Ho trovato la maniera per reagire nel modo più semplice: camminando".

Andrea Spinelli ha cominciato andando in ospedale a piedi, circa 15 chilometri. Poi sono cominciate le piccole escursioni in montagna per arriva a veri e propri cammini: l'arrivo al confine Italo-Austriaco di Tarvisio, le camminate sull'Appenino Emiliano dal passo di Croce Arcana fino a Fucecchio in Toscana. In sei anni 13mila chilometri pari a 19 milioni di passi. "Se di cancro si muore pur si vive" - L'importante, dice ancora Spinelli, non è come andrà a finire ma il modo in cui ci si arriva. Ed è il silenzio quello da cui bisogna uscire. Per Spinelli è giusto avere paura di morire ma non è giusto temere di parlare di cancro: "Se non ne parlo aiuto queste cellule impazzite a uccidermi". Da qui l'idea prima del blog e poi del libro. "Ho un tumore e voglio dirlo a tutti. In tutta onestà, ho pensato molte volte che è importante non rimanere soli, se non mi isolo, se non mi tengo tutto dentro, posso tutto, posso anche perdere, perderò, ma se questo raccontare il cammino con il cancro può essere di sollievo e speranza anche a una sola persona, allora alla fine non avrò perso, ma vinto".

 

https://img2.tgcom24.mediaset.it/binary/articolo/facebook/13.$plit/C_2_articolo_3206132_upiImagepp.jpg?20190502085327

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA RIVOLTA DEI MEDICI VESSATI DAI PAZIENTI CON LE DIAGNOSI VIA WHATSAPP

Post n°3649 pubblicato il 01 Maggio 2019 da dolcesettembre.1
 

Mancano i medici. Ma soprattutto mancano i pazienti di una volta. Che fine hanno fatto i pazienti se non hanno più la pazienza di aspettare; se vogliono tutto subito, se pretendono le diagnosi su Whatsapp e vogliono le medicine come se servissero a condire l'insalata? Se la Regione poi promuove le ricette su Whatsapp e i medici fanno i robot, abbiamo fatto centro.

 

Colpa della tecnologia che ha snaturato i rapporti, che li ha resi freddi nevrotici nervosi; che ha reso tutto subito così facilmente fruibile; ma colpa anche del logoramento delle relazioni, della fretta, della mancanza di fiducia, della convinzione che per essere medici basti leggere su internet. A tutto questo sta cercando di porre rimedio un comitato nato a Treviso dopo che un medico ha battuto i pugni e ha alzato la voce. Lui è Gianfranco Aretini, noto medico di famiglia della Marca che si è visto arrivare la richiesta di una diagnosi dermatologica via Whatsapp. Non solo. Ci sono altri medici che si vedono arrivare le foto su Whatsapp e vengono oberati dalle richieste di chi tra una faccina e un cuoricino pretende di avere un responso su quella macchia comparsa sotto la gamba. O altri medici che vedono arrivare le foto delle analisi con la fatidica domanda: «È tutto a posto vero?». O quelli che in ambulatorio cominciano a scaldarsi, che per un'ora di coda iniziano a vociare e che se per caso il medico non ha la risposta pronta iniziano a maledirlo.

 

Un'atmosfera sempre più tesa e irrispettosa, come ha spiegato Aretini alla stampa locale. Tanto che lui e, per ora una decina di altri colleghi, ha deciso di riunirsi in un comitato che in primo luogo tuteli i professionisti «vessati e maltrattati» e che si faccia promotore di iniziative per ricostruire e ricucire il rapporto medico paziente. «Pazienti sempre più arroganti, maleducati e pretenziosi - ha spiegato Aretini - Pretendono di sapere già tutto perché lo hanno letto su internet e vogliono una diagnosi su due piedi». O le ricette così in un attimo.

 

Un'app, Sanità km zero della Regione Veneto, permette di ricevere le ricette nel proprio smartphone e anche di rinnovarle. Bastano il codice fiscale, una password, un click e via. «La Regione Veneto pubblicizza le ricette su Whatsapp spiega al Giornale Riccardo Szumski, medico e sindaco di Santa Lucia di Piave nel Trevigiano così i pazienti ordinano e tu fai il robot. Qualche paziente poi vorrebbe diagnosi, esami e terapie senza farsi vedere». E infatti, non sono pochi quei pazienti che chiamano durante gli orari di ambulatorio e chiedono al medico una diagnosi completa e puntale mentre dall'altro capo della cornetta descrivono i sintomi.

http://www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2019/04/29/1556564677-whatsapp.jpeg

 

 

http://www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/timthumb.php?src=http://www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/2017/04/buon-1-maggio-festa-lavoro-lavoratori2.jpg&q=100&w=759&h=536&zc=2&cc=FFFFFF&a=t

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

-

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
 

.

 

http://sweetmoments.altervista.org/images/gif_animate_cuori_glitter_16.gif

http://img3.dreamies.de/img/118/b/nxynipkn4w2.gif

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn2/t1/p370x247/1554612_796185940397325_381389677_n.jpg

http://i37.tinypic.com/16hua37.jpg

http://image.blingee.com/images15/content/output/000/000/000/4d7/350154086_1041299.gif?4

https://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xap1/v/t1.0-9/10942755_748864338541508_7209471204533447425_n.jpg?oh=6ab6d3c7efca3405a06425d74420ead8&oe=555B9329


 

Donna

Mentre urli alla tua donna

sappi che c'è un uomo

che dedidera parlarle all'orecchio.

Mentre la umili,

insulti,sminuisci,

sappi che c'è un uomo

che la corteggia

e le ricorda

che è una gran donna.

Mentre la violenti,

sappi che c'è un uomo

che desidera

fare l'amore con lei.

Mentre la fai piangere,

sappi che c'è un uomo

che le ruba sorrisi.

VIVA LE DONNE

MERAVIGLIE DELL'UNIVERSO!!   

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://digilander.libero.it/alleportedelsole/6fkg70j.gif

http://digilander.libero.it/cieli/cat_walking2-ani.gif

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31