Creato da dolcesettembre.1 il 19/10/2010
notizie choc, curiose,strane,assurde, incredibili, dall'Italia e dal mondo

.

 

http://oi56.tinypic.com/2ijp5hi.jpg

http://i49.tinypic.com/2ljt1kk.jpg

http://img96.imageshack.us/img96/125/miao.gif

http://digilander.libero.it/trinity.dd/2355064frf7mnnteh.gif

 

https://lh3.googleusercontent.com/-N3fuTS3eNds/WFBiEqOzX3I/AAAAAAACBvM/fVS3rvBomyIh1jG4LjLf0HUXl0VCWlNnwCJoC/w500-h420/5802804_30273.gif

 

.

http://www.youanimal.it/wp-content/uploads/2013/06/531157_343825179046881_1933952483_n-480x330.jpg

http://4.bp.blogspot.com/-QUS02886ubs/UlDnVDY1DVI/AAAAAAAAF-M/IjWTaJbdE2k/s1600/Pink+Roses.gif

http://3.bp.blogspot.com/-OI1ulCO9M0k/UkAlbbkUOuI/AAAAAAAAFr8/--OFyb0ypTA/s1600/Funny+Baby.gif

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13321610_551590478381718_3894659090394924886_n.jpg?oh=e6d007fb1fb13b0ae5412919c92dad1a&oe=57C2D1DD

 

.

http://www.gifandgif.com/gif_animate/Gatti/Animali%20-%20Gatti%20%284%29.gif

http://www.lucianabartolini.net/gif/cavalli/cavallo-puledro.gif

 

 

 

 

Alda Merini

E' necessario

che una donna

lasci un segno

della propria anima

ad un uomo...di sè,

perchè a fare l'amore

siamo brave tutte.

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://www.umnet.com/pic/diy/screensaver/8%5Clove-candle-85550.gif

http://img87.imageshack.us/img87/3548/etoile0473ljqp8jv4.gif

https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/s403x403/1620521_739979402681798_1832568084_n.jpg


https://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/p480x480/943149_453236554767471_656482959_n.jpg

http://i1112.photobucket.com/albums/k498/acop84/CrazyDiamond_zps0865da39.gif

 
Citazioni nei Blog Amici: 83
 

Ultime visite al Blog

Il_Pestoneipstudyapungi1950_2galantiautocarrinick201769massimodipascalemrinvest10Andreleonedolcesettembre.1leelek_endjecarlo521809virginia581milkyway80massimocoppapatriziamalcangio
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

IN PORTOGALLO C'è UN HOTEL CON QUASI 50 MILA LIBRI

Post n°3521 pubblicato il 19 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

https://www.greenme.it/immagini/2017/vivere/arte-cultura/hotel-biblioteca.jpg

A Obidos, un paesino con più di 700 anni di Storia nel cuore del Portogallo, c'è un Hotel fatto apposta per irriducibili amanti della lettura. Si chiama Literary Man Hotel e tra i suoi grandi scaffali di legno si può scegliere tra più di 44mila volumi che trattano argomenti di tutti i generi. Gli ospiti dell'Hotel possono decidere se noleggiare un libro per la notte oppure comprarlo e tenerlo per sempre con loro. Per rendere ancora più piacevole l'immersione nella lettura si può anche ordinare un cocktail al Gin Bar dell'albergo, da sorseggiare nei deliziosi salottini immersi in un ambiente accogliente, confortevole e dal gusto retrò, in grado di catapultare l'immaginazione dell'ospite direttamente tra le pieghe delle sue storie preferite. Gli ambienti dell'Hotel sono davvero unici: sono stati ricavati da una Chiesa sconsacrata trasformata in biblioteca, con tanto di volte, archi e colonnati. Anche l'offerta del soggiorno è piuttosto originale: vengono proposti diversi Pacchetti, tra cui Libroterapia e relax, o gite nella natura a tema letterario. E' L'albergo perfetto per tutti coloro che non rinunciano ad un buon libro e a una bella storia neppure in vacanza o durante un viaggio di lavoro.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AUTOSTOP E VIP

Post n°3520 pubblicato il 16 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

https://previews.123rf.com/images/tverdohlib/tverdohlib1710/tverdohlib171003358/88757571-viaggi-viaggi-vacanze-voglia-di-viaggiare-autostoppista-segno-sulla-strada-pollici-sul-gesto-di-mano.jpg

Un sondaggio estivo proposto dal sito Facile.it realizzato da mUP Research ha posto ad un campione di oltre mille adulti la domanda:A quale personaggio famoso daresti un passaggio? Gli italiani hanno le idee molto chiare su quali Vip prendere o non prendere a bordo nel caso se li trovassero in strada a fare l'autostop sulla via delle vacanze. Sul podio degli accolti stravince Checco Zalone con il "Si"del 36,4% dei votanti, tutti convinti dal fatto di potersi fare due risate durante il viaggio. Il comico stacca lo chef Antonino Cannavacciuolo, secondo, al quale farebbe spazio in auto l'11,3% degli automobilisti con l'esplicito fine di carpirne i segreti culinari. La voglia di cantare canzoni assieme a chi le ha portate al successo fa dire al 10,8% di voler trovare un sedile al mitico Gianni Morandi, che chiude il podio davanti a uno come Valentino Rossi,10,1% che di podi se ne intende. C'è poi chi resta a terra. Regina dell'infelice classifica è Barbara D'Urso: se la conduttrice chiedesse un passaggio il 23% abbasserebbe la sicura. Perchè?"E' sempre in tv," rispondono gli intervistati,"averla anche in auto sarebbe troppo". Secondo posto per Fabrizio Corona, rimbalzato dal 17,5% del campione con una netta prevalenza degli uomini:"Passerebbe tutto il tempo a vantarsi", dicono. Terzo podio per Flavio Briatore, 14,1% di portiere chiuse,"Per evitare di finire a parlare di lavoro anche durante le ferie". Divertente, infine la motivazione del "No" alla coppia Fedez-Ferragni: il cantante e la sua futura sposa restano a terra per il 6,8% degli intervistati spaventati dal rischio di vedere pubblicato sui Social qualche selfie della loro sporchissima auto. Ma niente paura:tutti i Vip per paura di essere lasciati a piedi dagli italiani, saranno prontamente raccolti dal loro autista personale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

TRE GEMELLI SEPARATI ALLA NASCITA PER UNO STRANO ESPERIMENTO SCIENTIFICO

Post n°3517 pubblicato il 12 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

https://www.quotidianodipuglia.it/uploads/ckfile/201807/gemelli%20separati%20nascita_03121350.jpg

Quel che è emerso sulla storia di Eddy Galland, David Kellman e Robert Shafran, ha dell'incredibile: ritrovarsi per puro caso, o forse per destino, o per entrambe le cose, nonostante fossero stati "posizionati" per sicurezza a una distanza di centinaia di chilometri. La storia inizia nel 1961: Eddy, David e Robert nascono a Long Island,(New York) ma vengono separati e adottati. Così quando Robert nel 1980 entra al Sullivan Country Community College, e in tanti lo salutano, resta basito: incredibilmente, il fratello mai conosciuto, Eddy aveva frequentato quell'istituto fino all'anno prima. Così Robert scopre di avere un fratello gemello. La storia finisce sui giornali. David, il terzo fratello e sua madre adottiva vedono la foto sul giornale e si accorgono che quelli sono i suoi due gemelli che non aveva mai visto. Eddy e Robert scoprono che i loro casi erano stati gestiti da un'agenzia, la Louise Wise Services. E quì la storia, da clamorosa coincidenza, diventa un incubo. Come racconta un documentario di Tim Wardie,"Three Identical Strangers," i tre avevano scoperto successivamente di essere stati separati per un esperimento scientifico e sociologico. I responsabili dell'esperimento, gli psichiatri Peter Neubauer e Viola Bernard, avrebbero separato decine di gemelli con il contributo, appunto, dell'agenzia. I due medici volevano vedere come maturano i soggetti con lo stesso patrimonio genetico se crescono in ambienti diversi. Non è un caso, quindi se Eddy, David e Robert furono affidati a tre famiglie di ceti sociali differenti. La scoperta ha mandato i tre nello choc totale. Eddy, caduto in depressione si suicidò nel 1995, mentre il dottor Neubauer morì nel 2008 senza mai aver chiesto scusa ai gemelli, rivendicando anzi l'importanza dello Studio, i cui risultati non saranno pubblicati fino al 2066. I due gemelli superstiti hanno fatto causa all'agenzia di adozione, che però continua a sostenere di essere estranea all'esperimento. A 57 anni suonati, David e Robert passeranno il resto della loro vita a come sarebbe stato crescere insieme senza medici ed esprimenti di mezzo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

REPARTO DI OSPEDALE CHIUSO PER FESTA

Post n°3516 pubblicato il 09 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

Il reparto di Chirurgia Vascolare del nuovo ospedale del Mare a Napoli(Foto) è stato chiuso con dimissione di tutti i pazienti, nella notte tra Venerdi e Sabato scorsi per consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa organizzata in un locale a Pozzuoli dal neo Primario per celebrare il nuovo incarico. In attesa di accertamenti il Primario di Chirurgia Vascolare Francesco Pignatelli, è stato sospeso e tutti i protagonisti sono stati sanzionati. L'intero reparto si sarebbe organizzato tra ferie, turni, malattie, affinchè nessuno potesse mancare all'evento.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL TEMPO PASSA PIù VELOCEMENTE QUANDO PIANO PIANO SI INVECCHIA

Post n°3515 pubblicato il 06 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

Tempo che ci sfugge dalle dita, tempo che incalza e non dà tregua, tempo che si perde chissà dove: il tempo passa veloce, e più gli anni si accumulano, più sembra che il tempo trascorra velocemente. Proprio così. Mano a mano che gli anni scivolano via come i fogli del calendario, in un lampo comprendiamo quello che gli anziani ripetevano ai ragazzi che siamo stati. Secondo una recente indagine, a giocare un ruolo importante potrebbe essere un meccanismo che riguarda la nostra percezione del tempo rispetto all'età. Invecchiando, ogni periodo costituisce una frazione sempre più piccola rispetto al tempo della vita nel suo complesso, ecco il principio che potrebbe spiegare la ragione per cui passano gli anni, maggiore diventa la sensazione di essere incalzati dal tempo. Le sue Basi sono state formulate grazie agli studi del filosofo francese Paul Janet. Quello che succede, è che la lunghezza apparente di un intervallo in una data epoca dell'esistenza è proporzionale alla lunghezza totale della sua vita nell'interezza. Se un bambino dell'età di 10 anni percepisce un anno come 1/10 della vita, una persona di 50 anni lo percepirà come 1/50 rispetto alla propria intera esistenza. A 90 anni, un anno equivarrà all'1,11% del tempo totale della vita: guardiamo indietro e sebbene così lunga, la vita sembra passata in un soffio, come è facile sentir raccontare da chi si definisce vecchio, una parola bellissima che dovremmo imparare ad usare con orgoglio perchè dentro ha la saggezza dell'età.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SONO PREOCCUPANTI I DATI SUL RICORSO ALLA CHIRURGIA ESTETICA SUGLI ADOLESCENTI

Post n°3514 pubblicato il 04 Luglio 2018 da dolcesettembre.1
 

Aumenta il numero di adolescenti che vorrebbero ricorrere ad interventi di chirurgia estetica per cambiare e migliorare il loro aspetto. Sono sempre di più coloro che lo fanno ad un'età media sempre più bassa e, cosa ancora più preoccupante, con il sostegno dei genitori. A lanciare l'allarme sono gli psicologi Italiani di fronte ad un quadro che ritengono pericoloso. Uno Studio recente della Società Italiana di Medicina Estetica, conferma infatti una tendenza in corso: il ritocchino piace non solo agli adulti, ma si sta diffondendo sempre di più tra i ragazzi/e di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Spiega a Donna Moderna, Mario Sellini, Presidente dell'Associazione Unitaria Psicologi Italiani(Aupi), che al tema ha dedicato un convegno nei giorni scorsi."Il rischio, è quello di avere disturbi della personalità anche molto seri, come accade già negli Stati Uniti. Dal punto di vista della salute psichica, si inceppa il meccanismo della costruzione dell'immagine corporea che inizia dall'infanzia e si sviluppa nell'adolescenza. Si deve intervenire il prima possibile, perchè già a 18 anni è tardi". I dati non lasciano dubbi: il 18% degli adolescenti intervistati nella ricerca,(2.265)vorrebbe fare ricorso al bisturi per modificare parte del proprio aspetto. Gli interventi più richiesti sono Rinoplastica(naso) e quelli che mirano a scolpire il corpo, riduzione di fianchi e grasso. Secondo il monitoraggio della Isap, la Società Internazionale di Chirurgia Plastica Estetica, l'Italia è al 4°posto nella classifica dei Paesi col maggior numero di ritocchini o interventi chirurgici veri e propri, con 957.814 operzioni nel 2017, in crescita rispetto al passato.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

DOPO I 105 ANNI LA VITA UMANA DIVENTA SENZA LIMITI,IL RISCHIO DI MORTE SI STABILIZZA

Post n°3512 pubblicato il 29 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Quanto possono vivere le persone? E quando un'età diventa critica? Domande a cui la Scienza ha sempre cercato di dare una risposta. Ora, qualcuno ci ha provato stabilendo che la soglia della longevità è a 105 anni, oltre la quale il rischio di morte si stabilizza. Lo dimostra per la prima volta la ricerca italiana pubblicata sulla rivista Scienze e condotta nell'università La Sapienza di Roma. Questo significa che dopo questa età diventa impossibile dire quale sia il limite della durata della vita umana."Se esiste un limite biologico alla vita umana, questo non è ancora diventato visibile o non è stato raggiunto,"ha detto all'Ansa la coordinatrice della ricerca, Elisabetta Barbi, del dipartimento di Statistica della Sapienza. I ricercatori sono riusciti a dare una risposta certa ad una questione dibattuta da tempo basandosi sui dati relativi a quasi 4.000 italiani ultracentenari, raccolti fra il 2009 e il 2015."Abbiamo verificato, agiunge la Barbi, che il rischio di morte accelera esponenzialmente con l'età fino ad 80 anni, per poi decelerare progressivamente fino a raggiungere un plateau e rimanere costante, o quasi, dopo i 105 anni. La scoperta di questa soglia, non solo dà una risposta chiara e certa sulle curve di mortalità, ma è cruciale per la comprensione dei meccanismi alla base della longevità umana, e gli sviluppi futuri delle teorie sull'invecchiamento".


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VIDEO CON ABUSI SESSUALI SU NEONATI: C'ERA UN CATALOGO SUDDIVISO PER ETà

Post n°3511 pubblicato il 28 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Decine di video pedopornografici, tra cui filmati di abusi sessuali su neonati, sono stati sequestrati dalla Polizia Postale di Torino, impegnata in un'indagine che ha portato a 6 arresti e 16 denunce in tutta Italia. L'inchiesta ha preso il via dall'analisi di alcune "stanze virtuali" in cui i partecipanti si scambiavano informazioni e materiale video. Nel gruppo c'erano ruoli differenti e i coordinatori potevano escludere chi non contribuibìva con materiale suddiviso per età e sesso dei minori. Le indagini sono ancora in corso per definire con precisione i compiti dei partecipanti alle "stanze virtuali".


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

I DUE FRATELLINI UNITI FINO ALL'ULTIMO

Post n°3509 pubblicato il 22 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Nella Bibbia, la prima famiglia umana, quella formata da Adamo ed Eva e dai loro due figli, peraltro maschi, Caino e Abele, deve affrontare, contenere ed elaborare il lutto di un fratricidio quale prima espressione dell'umana gelosia tra fratelli. Infatti, Caino uccide Abele perchè è geloso e invidioso del fatto che i sacrifici di Abele sono più graditi a Dio dei suoi. Dopo averlo ucciso, alla domanda di Dio:"Caino, dov'è Abele tuo fratello"? Risponde:"Non lo so! Sono forse io il guardiano di mio fratello"? Invece, nell'odierna drammatica storia dei due fratellini di Messina, Francesco Filippo e Raniero(foto) 13 e 10 anni, lo sconvolgente racconto biblico sul conflitto crudele tra fratelli viene completamente stravolto, sconfessato, superato dall'amore e dal coraggio. Francesco Filippo, allo scoppio di un furioso, ingovernabile incendio nella casa dove abitava con la sua famiglia, era già riuscito a mettersi in salvo con i genitori e gli altri due fratellini di 6 e 8 anni. Non vedendo Raniero è tornato indietro a cercarlo. Ed è morto con lui tra il fumo e le fiamme. Un inferno dove il bene assoluto e paradisiaco delle relazioni umane e familiari ha trionfato, superando ogni prevedibile gelosia tra il fratello maggiore e quello nato tre anni dopo. Quel fratello senza il quale il primogenito non avrebbe sopportato di continuare a vivere. Gli adulti, hanno poi tentato di salvarli, senza però riuscirci. Consolante sarà per loro sapere che Francesco Filippo, se non avesse tentato quel salvataggio, sarebbe stato segnato dalla "Sindrome del sopravvissuto"commenta la Psicoterapeuta Maria Rita Parsi."Si tratta di un dolore che tanti hanno sperimentato quando, dopo un grave incidente, una persecuzione, una guerra, sono sopravvissuti ad altri, sopratutto ai familiari. La loro vita, infatti, è rimasta fissata alla domanda:"Perchè mi sono salvato/a e lui/lei no?"


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BEVE TUTTI I GIORNI L'URINA DEL SUO CANE PER CONTRASTARE L'ACNE

Post n°3508 pubblicato il 21 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

La notizia choc è riportata dal Daily Mail."Molti di voi mi hanno chiesto come faccio ad essere sempre così bella, come il mio trucco sia sempre perfetto, o come faccio ad avere questo bagliore naturale." Spiega la ragazza americana, che però non dice il nome, in un video in Rete e poi mostra il suo segreto di bellezza. La giovane, raccoglie con un bicchiere di plastica la pipì del suo cane e poi la beve subito dopo. Una scena da voltastomaco che però lei garantisce essere un metodo più che efficace per avere la pelle sana e pulita."Prima di prendere questa abitudine ero depressa e piena di acne", afferma, dopo aver bevuto la pipì, dicendo che adesso la sua vita è cambiata in meglio, poi conclude:"La pipì del cane contiene vitamina A ed E, ha 10 grammi di Calcio, ed è anche dimostrato che aiuta a curare il cancro."



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BRACCIO BIONICO PER UNA DONNA: LO CONTROLLERà CON IL PENSIERO

Post n°3507 pubblicato il 18 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Una donna di 27 anni, che un anno e mezzo fa ha perso il braccio destro in seguito ad un grave incidente stradale, potrà controllare una protesi all'arto con il pensiero grazie alla reinnervazione muscolare mirata. L'intervento chirurgico è stato eseguito al Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma da Vincenzo Denaro, ordinario emerito di Ortopedia e Traumatologia dell'Ateneo, affiancato dalla sua equipe. La donna, fino ad oggi, ha indossato soltanto una protesi cosmetica incapace di eseguire alcun movimento. Spiega Denaro:" La fase di training intensivo necessaria per insegnare alla paziente a muovere l'arto bionico in modo appropriato dovrebbe durare circa 3 mesi e avviarsi dopo i primi 4-6 mesi di riabilitazione utili per il completamento del processo di reinnervazione muscolare. Per la prima volta, un paziente operato in Italia con amputazione di questo tipo potrà controllare anche a livello dell'articolazione di spalla la protesi che sarà applicata dal Centro Protesi Inail. A seguito della complessa operazione eseguita sulla paziente amputata all'altezza della spalla, tra circa 6 mesi le potrà essere applicata una speciale protesi di arto superiore mossa da sensibili elettrodi di superficie, attivati dai vari fasci del muscolo grande pettorale e da altri muscoli del tronco adeguatamente rieducati, che le consentiranno di prendere e manipolare gli oggetti. Questo, grazie agli impulsi che dal cervello arriveranno ai muscoli, dove degli speciali elettrodi di superficie trasmetteranno gli impulsi cerebrali al braccio bionico con un'intensità mille volte superiore al nervo vero e proprio. Viceversa, degli stimolatori applicati sulla pelle consentiranno di trasmettere al cervello le sensazioni tattili sulla consistenza degli oggetti impugnati dall'arto artificiale, consentendone una più efficace presa e manipolazione. E' un intervento avveniristico,con pochissimi precedenti nel Mondo. L'obiettivo della sperimentazione è la creazione di un Centro di alta specializzazione per questo tipo di intervento che, per la prima volta in Italia, possa aprire un percorso di protesizzazione analogo anche a tutti gli altri  soggetti con lo stesso tipo di amputazione". Conclude Denaro.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CARTE D'IDENTITà ELETTRONICHE DIFETTOSE

Post n°3506 pubblicato il 15 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Finalmente anche noi siamo entrati nella modernità. La nuova Carta d'Identità elettronica assomiglia ad un Credit Card, c'è la foto quasi in 3D, ci sono i codici per una lettura immediata, è molto pratica. Sopratutto rispetto alla vecchia Carta d'Identità che bisognava conservare con estrema cura perchè non si rompesse. Quando all'estero ti chiedono l'ID(Identity Card)non hai più l'imbarazzo di mostrare un pezzo di carta di stampo ottocentesco. Bene. Bene un corno! Circa 300 mila Carte d'Identità elettroniche valide per l'espatrio, emesse tra Ottobre 2017 e Febbraio 2018, presentano un difetto nel microchip: contiene una data di emissione diversa da quella riportata sul fronte del documento. Una signora è stata bloccata all'aeroporto di Fiumicino perchè il suo documento metteva in guardia chi ne leggeva i dati elettronici con il messaggio d'allarme"Authenticty not validated"(Autenticità non convalidata).


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PROFESSORESSA PESTATA DALLA MAMMA DI UN SUO ALUNNO

Post n°3505 pubblicato il 11 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Francesca Redaelli, 60 anni, insegnante di ruolo dal 1987 e dal 2003 professoressa di inglese alle medie Albinoni di Caselle di Selvazzano, comune della provincia di Padova, dove qualche giorno fa si è arrivati alla follia. In faccia porta i segni dell'aggressione subìta dalla madre di uno studente che aveva preso un 4. Un ceffone poi un pugno in testa, poi il volo all'indietro e il risveglio in ospedale con la frattura del setto nasale e un edema bilaterale esterno, come recita il referto medico. La prof ha detto:"Negli ultimi anni è cambiato l'atteggiamento delle famiglie, ma la scuola non può sopperire alle mancanze dei genitori. Siamo arrivati al punto che, in alcuni casi evitiamo di ricevere i genitori da soli, ma siamo affiancati da un collega perchè c'è il rischio che venga travisato quello che diciamo. Io non credo di aver sbagliato, sono un'insegnante che vuole trasmettere ai suoi alunni il senso del dovere e dell'impegno per ottenere i risultati. Io dico sempre ai miei studenti che prima sono figli e poi alunni, e che le cose funzionano bene se c'è collaborazione fra scuola e famiglia."Purtroppo per l'insegnante non è andata così.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VITE DA GEMELLI SIAMESI DOPO L'INTERVENTO CHIRURGICO

Post n°3504 pubblicato il 08 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Quanti gemelli Siamesi nascono nel Mondo, e come riescono a vivere? Si conta un caso ogni 200 mila parti. Oggi, sopravvivono una volta su due. Sette volte su dieci sono femmine. La vita dopo l'operazione, quando riesce, è comunque difficile. Le gemelle Foglia, le nostre Siamesi più famose, separate a 7 anni nel 1965, quando sono state intervistate, avevano raccontato di sofferenze psicologiche e fisiche. La riabilitazione è stata un calvario. Come si separano due individui che hanno un solo fegato? Il fegato ricresce. L'intervento è molto complesso e richiede una lunga preparazione. La sua natura varia in funzione della malformazione. Due volte su cento, invece, i gemelli Siamesi sono uniti per la testa. Si tratta quasi sempre di casi unici, che richiedono la collaborazione di molti specialisti. Lo scorso Novembre al Bambin Gesù di Roma, divisero Rayenne e Djihene, algerine di 17 mesi, unite per l'addome: nell'equipe venne incluso persino un architetto, al quale fu chiesto di preparare modellini in 3D delle bimbe e dei loro organi. Cosa succedeva un tempo? Una volta i gemelli Siamesi morivano nel 95% dei casi, o se sopravvivevano, venivano esibiti come fenomeni paranormali nelle piazze. C'è anche un film su questo, si intitola Indivisibili e mostra un padre senza scrupoli che sfrutta le sue due creature Siamesi che cantano come usignoli. Al Museo della civilizzazione di Ankara c'è una statuetta in marmo che rappresenta due gemelli Siamesi. Risale al VI millennio prima di Cristo.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IPNOSI DIGITALE: LA NUOVA MALATTIA PSICHIATRICA

Post n°3503 pubblicato il 07 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

Un uomo afferra il suo cellulare, lo punta verso se stesso e si scatta un selfie mentre alle sue spalle una donna agonizzante è distesa su un binario dopo che un treno l'ha investita.(Foto). Il filosofo Diego Fusaro, sul suo profilo Facebook, ha definito il gesto"La moderna barbarie", che esalta il proprio ego davanti a uno schermo, insensibile al dolore altrui, l'ennesimo caso di ipnosi digitale. Si tratta di un fenomeno che si sta diffondendo silenziosamente. Già da qualche tempo il Manuale mondiale delle malattie psichiatriche(Dsm V) ha inserito in via preliminare la Dipendenza da Internet(Iad) come nuova malattia psichiatrica, mentre il TecnoStress è riconosciuta come patologia professionale dal 2007 a seguito di una sentenza della Procura di Torino. Ma all'origine di queste nuove affezioni che coinvolgono gli utilizzatori di moderne tecnologie vi è un processo di ipnosi digitale che è l'anticamera della malattia. L'ipnosi, è un fenomeno di allucinazione della realtà. La mente focalizza l'attenzione su un solo punto ed esclude tutto il resto, ritenendo possibile anche l'impossibile. Sotto ipnosi una persona non sente il dolore, oppure esegue compiti senza nessuna obiezione critica, cedendo la propria volontà all'ipnotizzatore. Il corpo può diventare rigido come la roccia, oppure, come dimostrò il grande ipnotista clinico Milton Erickson, è possibile eliminare una fobia in una sola seduta. Ebbene, la tecnologia degli schermi è ipnotica e induce stati di trance. Trascorrere molte ore con un dispositivo digitale può provocare alterazione della realtà, comportamenti anomali e compulsivi e il soggetto si trasforma in un automa che fa cose prive di senso. Le cause di questo fenomeno? Sono tante. Si va dalla dipendenza emotiva, alla consapevolezza ridotta, dal delirio di onnipotenza, al narcisismo egoico-esasperato,(solo per citarne alcune). Di questo rischio sociale se ne parlerà al Congresso mondiale di Ipnosi, in programma a Roma dal 15 al 17 Giugno prossimi, dove interverranno i maggiori esperti di Ipnosi Internazionale.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA CARENZA EMERGENZIALE DEI MEDICI DI BASE IN ITALIA

Post n°3502 pubblicato il 04 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

La carenza dei medici di Base è un'emergenza che riguarda tutta Italia. Secondo la stima della Federazione dei medici di Medicina Generale, in 5 anni ne spariranno 14.908, e 14 milioni di italiani resteranno senza medico di famiglia. Ancora peggio fra 10 anni, quando se ne saranno ritirati dal lavoro ben 33.392, e i nuovi ingressi saranno appena 11 mila. La regione più in sofferenza è la Lombardia con 581 posti vacanti. La provincia più scoperta è Milano con 251 assenze. Il problema è a monte, come spiega il presidente dell'Ordine dei Medici regionale Gianluigi Spata:"I posti in specialità non sono sufficienti a coprire il fabbisogno. Fino ad oggi le borse di studio sono state 100, abbiamo lottato per averne 160 dal prossimo Ottobre, ma un numero decente sarebbe 200, così da garantire fra 3 anni almeno un medico ogni 2 mila assistiti, che è già un rapporto che supera il massimale consentito". A fare di più le spese di questa situazione sono le zone di periferia più isolate e meno collegate con i mezzi pubblici. A Ponte Lambro, a sud-est della Città, con 5 mila abitanti, fino a 25 anni fa c'erano 5 medici, mentre oggi soltanto uno. Il farmacista del quartiere aveva raccolto mille firme per chiedere un altro medico nel quartiere, ma non si è ancora presentato nessuno. Intanto i medici rimasti scoppiano di pazienti e le liste d'attesa per le visite si allungano."Ai Bandi si presentano pochi candidati- ha dichiarato il direttore socio-sanitario Ats Silvano Casazza,"A quello di Ottobre, l'ultimo, erano 50 per 180 posti. Nessun cittadino, comunque, è senza medico, ma si contano sulle dita di una mano. Per questo motivo, a Febbraio, sindacati e regioni avevano deciso che in caso di necessità il numero di assistiti per ogni medico può salire a 1800". Oggi va così, ma domani?


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IN ITALIA SCOMPARE UN BAMBINO OGNI 24 ORE

Post n°3501 pubblicato il 01 Giugno 2018 da dolcesettembre.1
 

In Italia, almeno 3 minori scompaiono ogni settimana, e uno su 4 non verrà mai più ritrovato. I dati dell'indagine di Telefono Azzurro, che dal 2009 gestisce in collaborazione con il Ministero dell'Interno e le Forze dell'Ordine, il numero unico europeo 116.000, attivo 24 ore su 24, sono gravi ma vanno interpretati. A volte i ritrovamenti non vengono denunciati, e quindi l'indagine non ne tiene conto. Ma anche che spesso, a un ritrovamento segue una nuova sparizione. Se da un lato sono tanti, in Europa, i casi di bambini sottratti da un genitore dopo una separazione conflittuale, molto più numerosi, in Italia sono i ragazzini che scappano. Il 2017 è stato un anno particolarmente drammatico. Ragazzini che in un momento di crisi con i genitori naturali o affidatari, prendono la porta di casa e se ne vanno(12,4%). Fuggono da abusi ma anche come reazione a diverbi per ragioni banali, un'uscita con gli amici o un brutto voto a scuola. La fuga diventa allora un modo di affrontare il conflitto che scatta come un automatismo. A volte, i minori, sopratutto grazie alle nuove tecnologie, vengono in contatto già prima di scappare con adulti che offrono prospettive economiche, allettanti ai loro occhi. Più si protrae la fuga, più è facile che facciano brutti incontri. Più spesso, invece, il primo approdo è la stazione di una grande Città, Roma Termini sopratutto con il 23,3% dei casi. I minori che scompaiono sono un problema sociale, non possiamo fingere di non vedere.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

.

 

http://sweetmoments.altervista.org/images/gif_animate_cuori_glitter_16.gif

http://img3.dreamies.de/img/118/b/nxynipkn4w2.gif

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn2/t1/p370x247/1554612_796185940397325_381389677_n.jpg

http://i37.tinypic.com/16hua37.jpg

http://image.blingee.com/images15/content/output/000/000/000/4d7/350154086_1041299.gif?4

https://scontent-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xap1/v/t1.0-9/10942755_748864338541508_7209471204533447425_n.jpg?oh=6ab6d3c7efca3405a06425d74420ead8&oe=555B9329


 

Donna

Mentre urli alla tua donna

sappi che c'è un uomo

che dedidera parlarle all'orecchio.

Mentre la umili,

insulti,sminuisci,

sappi che c'è un uomo

che la corteggia

e le ricorda

che è una gran donna.

Mentre la violenti,

sappi che c'è un uomo

che desidera

fare l'amore con lei.

Mentre la fai piangere,

sappi che c'è un uomo

che le ruba sorrisi.

VIVA LE DONNE

MERAVIGLIE DELL'UNIVERSO!!   

http://www.nuvolabiancagrafica.it/Immagini/star449798.gif

http://digilander.libero.it/alleportedelsole/6fkg70j.gif

http://digilander.libero.it/cieli/cat_walking2-ani.gif

 

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31