Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 59
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

premio

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheansa007zanzibardgl13laboratoriotviloveitaly1mgf70immobiliaregarganoasettico35g.galassi7milano2009chiarasanyandrealattonieremony810giuspiemontese
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

 

Vela/ A Rodi Garganico è tempo di YEMANGIA. Il 13 metri di Maurizio Capunzo impiega sei ore per vincere la Manfredonia-Tremiti.

Post n°21876 pubblicato il 20 Giugno 2018 da forddisseche

Vela/ A Rodi Garganico è tempo di YEMANGIA. Il 13 metri di Maurizio Capunzo impiega sei ore per vincere la Manfredonia-Tremiti. Il maltempo dirotta le barche da Tremiti e intanto è pronta la “Trabucchi”.

Uno scenario unico in cui si sono fusi la bellezza del mare, della vela e quella bellezza delle giovani miss. Scontato, alla fine, il successo della regata “Diomedee-Rotary”, un evento che ha unito la città di Manfredonia a quella di Rodi, nel trionfo naturalistico e paesaggistico dell’intero Gargano. Con un unico neo: le avverse condizioni climatiche dell’ultimo week end che hanno in­dotto gli organizzatori a cambiare l’arrivo della competizione velica: non più alle isole Tremiti come da tradizione, bensì il porto di Rodi Garganico. L’appuntamento agonisti­co era valido come seconda tappa del “Grande Slam Gargano”, il campio­nato di vela pugliese fortemente vo­luto dalla Lega navale di Manfre­donia e dal suo presidente Donato D’Andrea che, grazie ad un team di eccellenza, sta migliorando l’imma­gine nautica di tutto il Gargano. A fare da splendida cornice all’appun­tamento velico, come detto in aper­tura, anche la selezione di Miss Dio- medee.

Vincitore della regata è stato l’equi­paggio di “Yemangia” (Manfredonia), una imbarcazione di 13 metri di Mau­rizio Capunzo, dotata di vele in car­bonio, che ha percorso il tratto di mare Manfredonia-Rodi in sole sei ore. La riuscita della manifestazione la si deve principalmente all’accop­piata tra Lega navale Manfredonia e Porto turistico di Rodi, ovvero, a Massimo Tringale, team organizer di eccellenza, e Marino Masiero, am­ministratore unico della società di gestione del Porto di Rodi. Conte­stualmente, in attesa della selezione provinciale di Miss Italia provinciale

venerdì 6 luglio) e della finale re­gionale (venerdì 3 agosto), presso il porto turistico di Rodi c'è stata una sfilata di moda e la selezione di Miss Isole Diomedee. Ha vinto la gara di bellezza Simona Frascaria, 16 anni, di San Nicandro Garganico, 171 cm di altezza, occhi azzurri come il mare e un viso da fotomodella. Seconda clas­sificata, Ionela Teodorescu, 17 anni, studentessa di Foggia, 1,75, porta­mento da grande professionista e sorriso mozzafiato. Terze, a pari me­rito, Corinne Liscio, 16 anni, 1,74, di Foggia, studentessa con l’obiettivo di fare l’avvocato, e Ilenia De Filippo, 18 anni, 1,78, studentessa che vuole sfon­dare nel mondo della moda. Con­duttrice della kermesse, Floriana Ri- gnanese. Per l'evento sportivo è in­tervenuto, con la consueta simpatia e professionalità il presentatore tele­visivo Enzo Ormas. Gli onori di casa sono stati fatti dal vice sindaco di Rodi Garganico, Giuseppe Ventrella, il quale ha sottolineato «quanto sia stato importante fare squadra tra realtà sportive, porti turistici e co­munità». Particolarmente apprezzata la sti­lista di moda Rachele Ricca, per gli abiti messi a disposizione dell’evento. Per quanto riguarda la prosecuzione del “Grande Slam Gargano”, per il prossimo appuntamento il Porto di Rodi Garganico e Lega navale Man­fredonia si stanno già preparando alla storica “Regata dei trabucchi”, un evento che riprenderà alla grande dopo essere stata sospesa per tre anni per le note limitazioni alle quali« era soggetto il porto in questione. La prova, che si svolgerà la notte del prossimo 13 luglio, sarà valida come quarto appuntamento del “Grande Slam Gargano”.

 

Michelangelo Guerra

 
 
 

Santuario di San Michele Arcangelo: I primi 7 anni dal riconoscimento UNESCO.

Post n°21875 pubblicato il 20 Giugno 2018 da forddisseche

Santuario di San Michele Arcangelo: I primi 7 anni dal riconoscimento UNESCO. Il Programma degli eventi.

Pochi giorni a quella che viene celebrata come una data storica per Monte Sant’Angelo: il 25 giugno di sette anni fa il Santuario di San Michele Arcangelo ricevette il massimo riconoscimento mondiale dedicato ai Beni culturali, il riconoscimento UNESCO. "Solo 53 siti italiani sono inseriti nella prestigiosa Lista e con la rete dei Longobardi in Italia siamo stati il primo Sito seriale – dichiara il Sindaco Pierpaolo d’Arienzo, che aggiunge – Monte Sant’Angelo Longobarda, quindi, vuole celebrare questo immenso patrimonio culturale e metterlo a disposizione dell’intero territorio. Un importante lavoro di valorizzazione e promozione in rete per far scoprire i nostri tesori perché la bellezza va condivisa”.
"Dopo l’International Jazz Day e il Festival Michael
- fa sapere l'assessore comunale alla cultura Rosa Palomba - ci apprestiamo a celebrare le date dei due riconoscimenti, il 25 giugno delle tracce longobarde e il 7 luglio delle faggete vetuste della Foresta Umbra. Due eccellenze fondamentali per rilanciare il nostro territorio e la nostra economia”.

Il programma degli appuntamenti comincerà venerdì 22 giugno dalle ore 18: al Santuario UN CAMMINO DI LIBERTÀ, partenza del pellegrinaggio Monte Sant’Angelo-Roma-Gerusalemme dell’Agesci Zona Daunia.
Sabato 23 giugno _ dalle ore 19 _ NOTTE BIANCA DEL PATRIMONIO CULTURALE. Apertura straordinaria fino alle ore 23 dei musei e dei monumenti con visite guidate gratuite su prenotazione (ore 19-20-21-22, per massimo 40 persone).
I musei/monumenti: Musei TECUM del Santuario, Castello Normanno-Svevo-Aragonese, Battistero di San Giovanni in Tumba (detto Tomba di Rotari), MeTA (Museo Etnografico Tancredi) e l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano. Info e prenotazioni: t. 0884 562062 _ @: infopoint@turismomontesantangelo.it%22">infopoint@turismomontesantangelo.it

Sempre sabato 23, alle ore 17 nella Sala conferenze Biblioteca “C. Angelillis”, Leggo un libro con mamma e papà: PICCOLE STORIE LONGOBARDE, per bambini dai 6 anni (progetto “Nati per leggere”, UDI Gargano).
Lunedì 25 giugno, doppio appuntamento: alle ore 17, al Chiostro delle Clarisse, METTITI IN GIOCO CON I LONGOBARDI, un viaggio alla scoperta della storia, delle tradizioni e dei monumenti che i Longobardi hanno lasciato nella penisola italiana (gioco educativo per bambini dai 6 anni). Alle ore 19.30 al Castello la proiezione film documentario “L’ITALIA DEI LONGOBARDI”.  

“Monte Sant’Angelo Longobarda” è il terzo appuntamento (dopo l’International Jazz Day e il Festival Michael) degli eventi del progetto di promozione “La Città dei due Siti UNESCO” ed è promosso dall’Assessorato alla cultura e al turismo della Città di Monte Sant’Angelo, dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, dall’Associazione Italia Langobardorum, in collaborazione con: Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo, Comunità Monastica di Pulsano, Club per l’UNESCO di Monte Sant’Angelo, Ecogargano, Pro Loco, UDI Gargano e Agesci Zona Daunia.

Sabato 7 luglio il quarto appuntamento sarà dedicato alle faggete vetuste della Foresta Umbra Patrimonio UNESCO. 

 
 
 

Al via da oggi mercoledì 20 giugno, la seconda edizione della rassegna Vieste in Arte

Post n°21874 pubblicato il 20 Giugno 2018 da forddisseche

Al via da oggi mercoledì 20 giugno, la seconda edizione della rassegna Vieste in Arte

Il Comune dl Vieste ha inteso organizzare per il mese di giugno la seconda edizione della rassegna “ViesteinArte”. La rassegna nasce dall’idea di valorizzare le realtà associazionistiche locali che promuovono lo sviluppo culturale del nostro territorio, evidenziandone le eccellenti competenze acquisite negli ambiti della musica, dell'arte, del teatro, della danza. Si comincia mercoledì 20 giugno (ore 19,00) presso il Cinema teatro Adriatico con lo spettacolo “CIAK, SI GIRA L’ARTE” a cura dell'Associazione "Officina delle arti”. Domenica 24 giugno (ore 21,00) presso l’anfiteatro Adriatico sarà la volta dello spettacolo "WE WILL ROCK YOU" a cura dell’Associazione "Blue Moon". Seguirà martedì 26 giugno (ore 21,00), sempre all’Anfiteatro Adriatico lo spettacolo "EXPRESSIONS IN MUSIC" a cura dell’Associazione “Nuova Diapason” e per finire giovedì 28 giugno (ore 21,00) lo spettacolo “FEVERLAND le favole impazzite” presso Piazza Marina Piccola a cura dell’ Associazione “Fever dance Academy”.

 
 
 

Consorzio di Bonifica Montana del Gargano/ Sportello informativo il 26 giugno aperto a Vieste

Post n°21873 pubblicato il 20 Giugno 2018 da forddisseche

Consorzio di Bonifica Montana del Gargano/ Sportello informativo il 26 giugno aperto a Vieste

Si rende noto che martedì 26 giugno 2018, dalle ore 10:00 alle ore 13:00, funzionari del Consorzio di Bonifica Montana del Gargano saranno presenti presso la sede del Comune di Vieste per fornire ogni informazione ai consorziati in ordine alla propria posizione, mediante la consultazione della banca dati, sia catastale che contributiva.

Si informa
altresì, che ogni ulteriore notizia in merito all’iniziativa, nonché ad altre, potrà essere attinta direttamente sul sito dell'Ente www.bonificadelgargano.it

 
 
 

La direzione marittima di Bari presenta l’operazione della guardia costiera MARE SICURO 2018

Post n°21872 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

La direzione marittima di Bari presenta l’operazione della guardia costiera MARE SICURO 2018

Mercoledì 20 giugno, a partire dalle ore 10.30, nella prestigiosa cornice della “Sala Convegni” del Polo Museale di Piazza Duomo a Trani si terrà la conferenza stampa di lancio dell’Operazione “Mare Sicuro 2018”.

Come ogni anno prende il via l’operazione che per l’intera stagione estiva impegnerà la Guardia Costiera lungo tutto il litorale della Puglia e della Basilicata jonica fino a Policoro, con il massimo dispiegamento possibile di uomini e mezzi pronti ad intervenire in caso di soccorsi ed emergenze.

Quest’anno per il lancio dell’operazione il Direttore Marittimo, l’Ammiraglio Giuseppe MELI, e i suoi più stretti collaboratori, saranno affiancati da due “testimonial” d’eccezione, vale a dire due personalità che, per passione sportiva e per l’attività svolta, contribuiranno con la propria immagine a sensibilizzare l’utenza (bagnanti, diportisti, subacquei) sul corretto e sicuro uso del mare: il velista barese Paolo SEMERARO e l’apneista salentino Michele GIURGOLA.

L’obiettivo è quello di diffondere la “cultura dell’autocontrollo” e del “buon comportamento”, e prevenire gli incidenti responsabilizzando e rendendo più consapevoli delle regole tutti coloro che usufruiscono del mare durante il loro tempo libero.

 
 
 

FestambienteSud 2018: il programma dei concerti scelti da Paolo Fresu per la tappa di Monte Sant’Angelo.

Post n°21871 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

19 Giu - 10:42:47
FestambienteSud 2018: il programma dei concerti scelti da Paolo Fresu per la tappa di Monte Sant’Angelo.
Dopo l’apertura viestana del 25 luglio, con il concerto di Paolo Fresu in duo con il pianista iberico Chano Dominguez, dal 26 al 29 luglio il festival si sposta a Monte Sant’Angelo con gli Avion Travel, Greta Panettieri, Francesco Bearzatti Tinissima 4th, che tributa un omaggio rock a Thelonius Monk, e i vespri musicali di Marco Bardoscia e Alberto Parmegiani. A questi s’aggiungono il concerto del gruppo napoletano…

 
 
 

SARA' VIESTE LA SEDE DEI CAMPIONATI NAZIONALI FISC 4-7 LUGLIO 2018. MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER STRUTTURE ANIMAL FRIENDLY

Post n°21870 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

SARA' VIESTE LA SEDE DEI CAMPIONATI NAZIONALI FISC 4-7 LUGLIO 2018. MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER STRUTTURE ANIMAL FRIENDLY

Vieste, vista la sua vocazione Animal friendly, è stata scelta dalla Federazione Italiana Sport Cinofili per ospitare dal 4 al 7 luglio i campionati nazionali FISC per l'agility 2018. L'evento è patrocinato dal Comune di Vieste - Assessorati allo Sport, al Turismo e all'Ambiente e dalla LNDC Animal Protection Vieste. Per garantire il massimo benessere animale l'evento si terrà nelle ore serali presso lo stadio Riccardo Spina di Vieste. Al fine di comunicare ai partecipanti che soggiorneranno a Vieste da tutta Italia, l'elenco delle strutture Animal friendly, si invitano tutte le strutture interessate ad inviare la propria candidatura alla segreteria organizzativa FISC che provvederà a diffondere l'elenco in tutte le sue sezioni italiane . Il programma con i dettagli delle attività sarà diffuso a breve. Questi i requisiti di struttura richiesti:

- Alloggi dove si accettano animali

- In caso la struttura abbia lido proprio o convenzionato questo deve accettare animali

- Migliore offerta per camere doppie e singole.

Le strutture interessate possono inviare propria candidatura a: pinoamoroso1306@gmail.com

 
 
 

Vieste/ Necropoli LA SALATA, le origini del Cristianesimo affiorano nel Gargano.

Post n°21869 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

Vieste/ Necropoli LA SALATA, le origini del Cristianesimo affiorano nel Gargano. Il sito archeologico viestano, ancora non visitabile per pastoie burocratice, presenta interessi geologici, botanici e faunistici.

Il complesso cimiteriale più im­portante del Gargano è quello della Necropoli "La Salata" che si trova a pochi passi dal mare di Vie­ste, in prossimità dell'ultimo tratto della spiaggia di Scialmarino. Celata da un ruscello proveniente da una cavità naturale, sulle cui pareti sono scavate alcune tombe, la "la salata" si sviluppa su un grottone con una falesia alta circa 30 metri. In quella centrale i loculi, di diverse dimen­sioni, sono sparsi ovunque, anche negli anfratti più recessi e a notevoli altezze. Quelli piccoli dovevano accogliere le ceneri dei deceduti cre­mati. Sulla parete sinistra si notano alcuni arcosoli contornati da tombe in bell'ordine, mentre su quella di destra sono ubicati due complessi sovrapposti. Gli archeologi hanno definito questa necropoli come la più maestosa e suggestiva, nel suo genere, dell'intero bacino Mediter­raneo. È la più antica testimonian­za dell'arrivo del Cristianesimo sul Gargano e a Vieste. Durante la diffu­sione del Cristianesimo non si hanno notizie di persecuzioni né a Vieste né sull'intero Gargano: si deve ipotiz­zare che la nuova religione venne tollerata dai fautori del paganesimo. La nuova religione, infatti, penetra anche se non rapidamente, in tutti i paesi della fascia costiera e nei cen­tri di maggior traffico commerciale, sparsi sulle maggiori vie di comunicazione e in quelle che conducono a Roma, il paganesimo prosperò fino a tutto il V secolo. "La Salata" oltre ad avere l'importanza archeo­logica descritta, presenta notevoli caratteristiche anche sotto l'aspetto geologico, botanico e faunistico. All'interno dell'area, infatti, scorrono due ruscelli di origine carsica. Essi, in realtà, rappresentano la parte terminale di un lungo percorso sotterraneo delle acque meteoriche che dopo essere state inghiottite in superficie, attraversano un territorio ipogeo caratterizzato soprattutto da formazioni calcaree con resti fossili di nummuliti, fino a defluire a mare. Lungo la costa del Gargano da Lesina a Mattinata si contano oltre 200 sorgenti di questo tipo. Alcune affioranti altre sottomarine.

 
 
 

Vieste/ Estate 2018: gli orari delle S. Messe Stampa Email Vieste/ Estate 2018: gli orari delle S. Messe

Post n°21868 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

Vieste/ Estate 2018: gli orari delle S. Messe

Vieste/ Estate 2018: gli orari delle S. Messe

 
 
 

Coniugi separati e divorziati, Gatta plaude a iniziativa di convento foggiano

Post n°21867 pubblicato il 19 Giugno 2018 da forddisseche

 

Coniugi separati e divorziati, Gatta plaude a iniziativa di convento foggiano

La dotazione iniziale per finanziare la legge ammonta a 500 mila euro: 140 mila euro per il rimborso dei ticket sanitari e per prestiti a tasso agevolato


 

Di:

Foggia. “Gratitudine e massimo apprezzamento per l’iniziativa del convento “Gesù e Maria” di Foggia, che ha dato vita, grazie alle offerte dei fedeli, alla prima casa di accoglienza per i padri separati e per le persone in difficoltà. Al contempo, sento il dovere di richiedere alla Giunta Regionale di dare attuazione alla legge n.45 del 15/11/17, approvata dal Consiglio pugliese, di cui sono stato proponente e primo firmatario: quella sulle forme di sostegno per i genitori separati o divorziati che versano in condizioni di grave indigenza perché tenuti a corrispondere all’ex coniuge l’assegno di mantenimento e a far fronte ad ulteriori spese nel caso in cui la casa familiare sia stata attribuita all’altro. Ebbene, si tratta di una nuova forma di povertà e disagio sociale dalle dimensioni devastanti, interessando oltre 850 mila italiani. In Puglia, con la nostra legge, abbiamo colmato un importante gap normativo, con un testo che si muove su tre pilastri essenziali: l’assistenza e mediazione familiare (laddove l’alta conflittualità tra i coniugi renda ulteriormente complesso l’esercizio del ruolo genitoriale con i correlativi diritti e doveri), il sostegno economico (dalle spese per le cure mediche a forme di prestito agevolato) ed il sostegno abitativo (prevedendo accordi con le “Agenzie Regionali per la Casa e l’Abitare” e promuovendo progetti di gestione di immobili da destinare in via temporanea).

La dotazione iniziale per finanziare la legge ammonta a 500 mila euro: 140 mila euro per il rimborso dei ticket sanitari e per prestiti a tasso agevolato, mentre 350 mila euro sono destinati per il contributo ai Comuni per la locazione di alloggi di proprietà pubblica a canone concordato e per il sostegno ai morosi incolpevoli. Ebbene, pur essendo stata approvata la legge nello scorso novembre, ancora non è operativa. L’invito forte che rivolgo alla Giunta è quello di darvi seguito, perché le leggi non possono restare nel cassetto e soprattutto perché, per quanto virtuose e lodevoli, iniziative come quella del convento foggiano, vista la dimensione del fenomeno, non possono da sole far fronte al disagio di migliaia di cittadini in difficoltà”.

Nota del vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

 
 
 

Santuario di San Michele Arcangelo: I primi 7 anni dal riconoscimento UNESCO. Il Programma degli eventi.

Post n°21866 pubblicato il 18 Giugno 2018 da forddisseche

Santuario di San Michele Arcangelo: I primi 7 anni dal riconoscimento UNESCO. Il Programma degli eventi.

Pochi giorni a quella che viene celebrata come una data storica per Monte Sant’Angelo: il 25 giugno di sette anni fa il Santuario di San Michele Arcangelo ricevette il massimo riconoscimento mondiale dedicato ai Beni culturali, il riconoscimento UNESCO. "Solo 53 siti italiani sono inseriti nella prestigiosa Lista e con la rete dei Longobardi in Italia siamo stati il primo Sito seriale – dichiara il Sindaco Pierpaolo d’Arienzo, che aggiunge – Monte Sant’Angelo Longobarda, quindi, vuole celebrare questo immenso patrimonio culturale e metterlo a disposizione dell’intero territorio. Un importante lavoro di valorizzazione e promozione in rete per far scoprire i nostri tesori perché la bellezza va condivisa”.
"Dopo l’International Jazz Day e il Festival Michael
- fa sapere l'assessore comunale alla cultura Rosa Palomba - ci apprestiamo a celebrare le date dei due riconoscimenti, il 25 giugno delle tracce longobarde e il 7 luglio delle faggete vetuste della Foresta Umbra. Due eccellenze fondamentali per rilanciare il nostro territorio e la nostra economia”.

Il programma degli appuntamenti comincerà venerdì 22 giugno dalle ore 18: al Santuario UN CAMMINO DI LIBERTÀ, partenza del pellegrinaggio Monte Sant’Angelo-Roma-Gerusalemme dell’Agesci Zona Daunia.
Sabato 23 giugno _ dalle ore 19 _ NOTTE BIANCA DEL PATRIMONIO CULTURALE. Apertura straordinaria fino alle ore 23 dei musei e dei monumenti con visite guidate gratuite su prenotazione (ore 19-20-21-22, per massimo 40 persone).
I musei/monumenti: Musei TECUM del Santuario, Castello Normanno-Svevo-Aragonese, Battistero di San Giovanni in Tumba (detto Tomba di Rotari), MeTA (Museo Etnografico Tancredi) e l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano. Info e prenotazioni: t. 0884 562062 _ @: infopoint@turismomontesantangelo.it%22">infopoint@turismomontesantangelo.it

Sempre sabato 23, alle ore 17 nella Sala conferenze Biblioteca “C. Angelillis”, Leggo un libro con mamma e papà: PICCOLE STORIE LONGOBARDE, per bambini dai 6 anni (progetto “Nati per leggere”, UDI Gargano).
Lunedì 25 giugno, doppio appuntamento: alle ore 17, al Chiostro delle Clarisse, METTITI IN GIOCO CON I LONGOBARDI, un viaggio alla scoperta della storia, delle tradizioni e dei monumenti che i Longobardi hanno lasciato nella penisola italiana (gioco educativo per bambini dai 6 anni). Alle ore 19.30 al Castello la proiezione film documentario “L’ITALIA DEI LONGOBARDI”.  

“Monte Sant’Angelo Longobarda” è il terzo appuntamento (dopo l’International Jazz Day e il Festival Michael) degli eventi del progetto di promozione “La Città dei due Siti UNESCO” ed è promosso dall’Assessorato alla cultura e al turismo della Città di Monte Sant’Angelo, dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, dall’Associazione Italia Langobardorum, in collaborazione con: Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo, Comunità Monastica di Pulsano, Club per l’UNESCO di Monte Sant’Angelo, Ecogargano, Pro Loco, UDI Gargano e Agesci Zona Daunia.

Sabato 7 luglio il quarto appuntamento sarà dedicato alle faggete vetuste della Foresta Umbra Patrimonio UNESCO. 

 
 
 

Regione/ Presentato il progetto “Chiese Aperte”. La Puglia protagonista in Italia

Post n°21865 pubblicato il 18 Giugno 2018 da forddisseche

Regione/ Presentato il progetto “Chiese Aperte”. La Puglia protagonista in Italia nella valorizzazione dei beni ecclesiastici: più della metà dei fondi stanziati sono pugliesi.

“Su 12 regioni italiane (Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria e Puglia) che hanno aderito alla ricognizione sul trend dei finanziamenti per la valorizzazione dei beni ecclesiastici la Puglia è protagonista. Spicca per la percentuale dei beni valorizzati: il 37% con 320 interventi, e sul totale dei fondi stanziati: più della metà dei fondi sono pugliesi, il 57% per un valore di 144 milioni di euro a fronte di un impegno complessivo di 252 milioni”. 

L’ha detto questa mattina l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, alla conferenza di presentazione del progetto “Chiese Aperte” al Museo Diocesano di Lecce, ed è quanto è emerso al tavolo nazionale tra CEI, la Conferenza Episcopale Italiana, e il coordinamento delle regioni italiane, lo scorso 14 giugno, dove la Puglia era presente con la dirigente regionale del Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio, Silvia Pellegrini. 

“Chiese Aperte”, finanziato con 300 mila euro dalla Regione Puglia (Fondo Speciale per la cultura e il patrimonio culturale), è il frutto dell’accordo tra l’assessorato regionale all’Industria turistica e culturale e CEP, la Conferenza Episcopale di Puglia. Coinvolge 19 diocesi pugliesi, da San Severo a Ugento, e prevede l’apertura straordinaria dei luoghi di culto e di cultura, la promozione di eventi culturali rivolti sia ai cittadini che ai turisti, l’accompagnamento al racconto dei luoghi attraverso strumenti e materiali divulgativi innovativi, il miglioramento della qualità dell’offerta del servizio di guida turistica.

Una collaborazione istituzionale importante quella tra Regione Puglia e CEP che tra pochi giorni potrà contare su un ulteriore strumento: il bando ecclesiastici. Quindici milioni di euro per la riqualificazione, valorizzazione e fruizione di chiese, conventi, palazzi, opere di pittura, scultura, affreschi, stemmi, che la Regione metterà in campo grazie all’intervento dell’assessore all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone, che, lo scorso 30 giugno 2017, ha proposto e ottenuto una modifica del POR FESR 2014/2020 facendo inserire tra i beneficiari dei fondi anche gli Enti ecclesiastici proprietari o con disponibilità di beni culturali.

“Il patrimonio ecclesiastico - ha sottolineato Loredana Capone - , per quanto appartenga ad un ente privato, è a tutti gli effetti un patrimonio pubblico. La Regione e lo Stato non possono sottrarsi dal collaborare. Per questa ragione abbiamo immaginato formule di cooperazione coerenti con l’uso de fondi europei ma che servano anche a soddisfare i fabbisogni di tutti coloro che riconoscono questo immenso patrimonio come bene comune. In questi anni la Puglia ha profuso grande impegno nella riqualificazione del patrimonio ecclesiastico, oggi dobbiamo fare un passo in più. L’appello della Puglia è alla valorizzazione, non solo alla mera conservazione. Non più un euro per il restauro senza un progetto di fruizione. L’intera strategia regionale Smart In si basa su questo presupposto: dalle community Library ai Laboratori di fruizione. Perché un patrimonio vissuto si degrada meno e assolve alla funzione di creare capitale culturale, promuovere inclusione, integrazione, valorizzazione. Questo vale anche per i beni ecclesiastici che con le competenze e i talenti di tanti giovani professionisti del settore possono arricchire la conoscenza e la consapevolezza di cittadini e turisti visitatori. Oggi la sfida è nella collaborazione tra pubblico e privati, nel coinvolgimento di tutti i protagonisti dell’Industria culturale e creativa, che devono sentirsi stimolati a farsi carico della gestione, anche sotto il profilo economico. Per questo con il bando ecclesiastici finanzieremo lavori edili, attrezzature e allestimento finalizzati a rendere più accoglienti i luoghi, ma anche laboratori di restauro, di condivisioni, di animazione, per rendere questi meravigliosi spazi capaci di camminare con le proprie gambe e, al contempo, garantire un’offerta culturale di maggiore qualità. Il bando sarà presentato entro la fine di giugno”.

 
 
 

Turismo/ Vieste alla conquista del mercato francese.

Post n°21864 pubblicato il 18 Giugno 2018 da forddisseche

Turismo/ Vieste alla conquista del mercato francese. Petit fute : New edition "POUILLES-CALABRE-BASILICATE" con Vieste in copertina

Si tratta di una delle più importanti guide turistiche francesi, se non la più importante, e per l'edizione 2018-2018 Vieste è in copertina.

 
 
 

Torna “FLY GARGANO” un nuovo modo di scoprire il Gargano

Post n°21863 pubblicato il 18 Giugno 2018 da forddisseche

Torna “FLY GARGANO” un nuovo modo di scoprire il Gargano

Anche quest'anno, dopo la sperimentazione del 2017, torna il progetto "FlyGargano", un progetto di promozione territoriale per la creazione di un nuovo itinerario esperienziale in elicottero sul Gargano. Il progetto ideato dalla Società Alidaunia assieme all’Associazione di Promozione Territoriale “Fly Gargano”, ha come mission quella di incentivare, attraverso delle fattive riduzioni sui costi, l’utilizzo dell’elicottero per scoprire il Gargano attraverso itinerari che coinvolgono Foggia, Vieste e le Isole Tremiti. I costi per quest'anno prevedono delle riduzioni per tratta fino al 35% rispetto al costo base del biglietto. La presentazione alla stampa del la seconda edizione del progetto avverrà ​mercoledì 20 giugno 2018 alle ore 11.00 presso la Sala Conferenze del Centro Alidaunia (Foggia, S.S.673 Km.19,00). Interverranno: l’Avv. Roberto Pucillo (Amministratore Unico Alidaunia s.r.l.), Fabrizio Baia (Presidente dell’Associazione di Promozione Territoriale “Fly Gargano”) e Daniele Ciociola (Titolare dello Studio15, nuovo partner dell'iniziativa). 

 
 
 

Vieste/ Domani il secondo appuntamento di MUSICANDO INSIEME

Post n°21862 pubblicato il 18 Giugno 2018 da forddisseche

Vieste/ Domani il secondo appuntamento di MUSICANDO INSIEME

“Il Pianoforte e la Musica chi ci Fa Crescere”: Serata all’insegna della musica e del talento quella di sabato 16 giugno presso l’Auditorium San Giovanni di Vieste, serata organizzata dall’Associazione Musicale NUOVA DIAPASON di Vieste e che vede dare il via alla XXI Rassegna musicale Giugno in concerto.

Circa 20 pianisti, dai 9 ai 15 anni, si sono esibiti in un repertorio che spaziava dal classico al moderno, in esecuzioni solistiche e a 4 mani. Grande il consenso tra i presenti ma soprattutto una serata in cui ha visto protagonista la musica e tanti bei ragazzi impegnati in un loro sogno e obiettivo.

L’associazione Musicale Diapason, rinnova l’invito al secondo appuntamento per martedì 19 giugno ore 20.30, presso l’auditorium Spalatro di Vieste in “MUSICANDO INSIEME”, serata che vedrà l’esibizione di piccoli artisti impegnati nella musica di insieme, piccole band ed esecuzioni canore. Vi aspettiamo numerosi

 
 
 

Peschici/ Domani nell’Auditorio P.Granieri ROMEO E GIULIETTA AMA E CAMBIA IL MONDO

Post n°21861 pubblicato il 17 Giugno 2018 da forddisseche

Peschici/ Domani nell’Auditorio P.Granieri ROMEO E GIULIETTA AMA E CAMBIA IL MONDO

Dopo il successo di Notre Dame de Paris con i ragazzi del Liceo Classico di Vico del Gargano lo scorso 13 giugno , il duo ESPERTI PON LUCY PETRUCCI/ GRAZIANO GALATONE chiude gli spettacoli per  l’anno scolastico in corso con ROMEO E GIULIETTA AMA E CAMBIA IL MONDO il 18 giugno con gli alunni del Liceo Scientifico di Peschici. Direttamente dai palcoscenici di tutta Italia dove il Musical è appena terminato con regia di GIULIANO PEPARINI e coreografie di VERONICA PEPARINI, GRAZIANO GALATONE ha svestito i panni di Padre Capuleti per indossare quelli del regista e vocal coach per dirigere i ragazzi del Liceo di Peschici.

Infatti sarà la prima rappresentazione in assoluto riarrangiata per una scuola italiana dove i protagonisti si esibiranno rigorosamente dal vivo su musiche di Gerard Presgurvic e testi di Vincenzo Incenzo.  Impossibile resistere al profumo di Shakespeare in una reinterpretazione del dramma più famoso della storia della letteratura che riformula il suo messaggio di fondo: l’identità viene prima delle convenzioni.

Graziano Galatone è di casa nelle scuole del Gargano ormai da 10 anni dove con la professoressa di musica Lucy Petrucci ha al suo attivo a 4 mani già moltissimi Musical come Notre Dame de Paris di Cocciante , I Promessi Sposi di Guardì e Romeo e Giulietta ( tutti musical dove egli stesso vestiva già i panni da protagonista e riarrangiati per le scuole in versione didattica ) sin all’anno scolastico 2008 nelle scuole secondarie di primo e secondo grado di Vieste, Peschici, Vico del Gargano.

" L’obiettivo di portare un “Grande” del Musical come Graziano nelle scuole foggiane come docente attraverso i PON - dice Lucy Petrucci  - è per me importantissimo da un punto di vista didattico poiché gli allievi possano sentirsi parte di un ambiente ben più ampio della provincia in cui vivono grazie alla possibilità di veder operare affianco alla loro docente il vero Febo, il vero Padre Capuleti, il vero Renzo, che scende al loro livello come insegnante e lascia loro un’impronta che mai potranno dimenticare come esperienza artistica e chissà , forse qualcuno ci crederà così tanto che avrà il coraggio di provare a sfondare , come è successo ad una delle protagoniste del primo Musical a Peschici nel 2008 che ha appena inciso il suo primo singolo a Londra dove oggi a 23 anni vive di musica. Se la scuola deve far sognare facendo emergere le attitudini dei discenti e incoraggiarli, noi forse ci siamo riusciti! "

Si registra già soldout nell’Auditorio P.Granieri per lunedì 18 giugno a Peschici.

 
 
 

Bari/ Incontro con gli esperti di Pugliapromozione e gli operatori turistici pugliesi.

Post n°21860 pubblicato il 17 Giugno 2018 da forddisseche

Bari/ Incontro con gli esperti di Pugliapromozione e gli operatori turistici pugliesi. Progetti e prodotti turistici per fare una Puglia grande. Il 2018 è l’anno del Prodotto per il Piano Strategico Puglia365.

Primo incontro e confronto ieri alla Fiera del Levante nel Padiglione della Regione Puglia con gli operatori turistici per avviare un processo di miglioramento qualitativo dell’offerta turistica pugliese che porterà alla costruzione di veri e propri prodotti turistici. L’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale e Pugliapromozione hanno avviato un percorso di analisi e sviluppo dei PRODOTTI TURISTICI ed hanno selezionato con avviso pubblico tre esperti che accompagneranno gli operatori in questo processo.

 

“Progetti e prodotti turistici per fare una Puglia grande! E l’impegno che parte quest’anno con il Piano Puglia365. Come arrivarci? La strada la dobbiamo fare insieme con gli operatori turistici e grazie all’impegno della Regione e di Pugliapromozione, insieme con i tre esperti che abbiamo selezionato. Le premesse sono incoraggianti: nonostante il maltempo la sala è gremita di operatori questo pomeriggio per iniziare questo processo che porterà ad una organizzazione più efficace e innovativa dell’offerta turistica – ha affermato l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone -  Oggi abbiamo beni, bellezze, bontà enogastronomiche. Dobbiamo trasformarli in prodotti turistici, aiutando gli operatori ad organizzarsi in reti, ad usare professionalità, competenze, capacità organizzative. Li accompagniamo con analisi, informazioni, formazione. Insieme agli esperti e alle associazioni di categoria E in questo percorso verrà fuori la Puglia migliore, più creativa e collaborativa”.

 

All’incontro, al quale hanno partecipato tantissimi operatori turistici della Puglia, erano presenti oltre all’Assessore Loredana Capone, i tre esperti, Roberta Garibaldi per il prodotto Enogastronomia, Fabiola Sfodera  per  Arte e Cultura, Pierfelice Rosato  per  Sport Natura e Benessere, il responsabile Prodotto di Pugliapromozione, Rocky Malatesta, coordinati da Luca Scandale, Responsabile del Piano strategico Puglia365. I tre esperti hanno fatto alcune riflessioni introduttive sui trend del turismo enogastronomico,  del turismo culturale e del turismo sportivo e naturalistico in Italia e nel mondo. Trovate le loro analisi sul sito dell’Agenzia Pugliapromozione nella sezione “Scopri i prodotti turistici”  www.agenziapugliapromozione.it/

 

L’incontro ha aperto un confronto che proseguirà con dei focus di approfondimento che verranno organizzati nei vari territori della Puglia durante l’autunno.

 
 
 

“Invasione dei Cavalletti” a San Menaio dal 29 giugno al 1° luglio nel nome di Andrea Pazienza

Post n°21859 pubblicato il 16 Giugno 2018 da forddisseche

“Invasione dei Cavalletti” a San Menaio dal 29 giugno al 1° luglio nel nome di Andrea Pazienza E fino al 2 settembre una mostra di arte fumettistica nella stazione di Ferrovie del Gargano

Pacifica e giocosa, fantasiosa e talentuosa, la nostra invasione sarà concentrata sul bellissimo lungomare di uno dei paesi più fascinosi della costa adriatica, San Menaio, perla del Gargano. Un’invasione d’arte, a partire dai tanti “cavalletti” che si spargeranno sul lungomare Andrea Pazienza, strada già da tempo intitolata proprio a uno, anzi forse al più talentuoso, dei nostri fumettisti più noti, di cui proprio oggi ricorre il 30.mo anniversario della scomparsa avvenuta il 16 giugno 1988 (ricordata a Roma con una mostra aperta fino al 15 luglio, a cura di COMICON/ARF).

Un evento fumettistico all’inizio di una calda estate, nel cuore del bellissimo promontorio foggiano, una tre giorni all’insegna del disegno, del mare e della musica, che si svolgerà per la sua prima edizione dal 29 giugno al 1° luglio 2018, in orari diversi, fino a tarda serata, ed …”en plein air”, organizzata dalla Proloco San Menaio & Calenella Gargano in collaborazione con COMICON, il Salone Internazionale del Fumetto di Napoli (e col patrocinio del Comune di Vico del Gargano e il sostegno delle Ferrovie del Gargano).

L’idea di base infatti è di stimolare la fantasia dei bagnanti convenuti nella cittadina garganica cara al nostro Andrea, attraverso performance live di alcuni disegnatori italiani, di fama nazionale e internazionale, e di molti altri giovani talentuosi disegnatori venuti a cimentarsi col disegno dal vivo. E’ confermata ad oggi la presenza di quattro grandi nomi del comicdom italiano, ovvero Paolo Bacilieri, Daniele Caluri, Massimo Giacon e Martoz. Tre lunghi pomeriggi dislocati sul lungomare Pazienza, e anche nel nuovissimo “piazzale” delle Ferrovie del Gargano, rinnovato da pochissimo, e che la Proloco ha attrezzato per permetterne una fruibilità culturale senza precedenti, fra fumetto, musica, artigianato, arte, e molti altri eventi pronti per l’Estate 2018 di San Menaio.

In contemporanea con L’Invasione dei Cavalletti, gratuitamente e con date e orari da precisare, dal 30 giugno fino al 2 settembre, nei locali stazione ferroviaria di San Menaio, sarà aperta una mostra di arte fumettistica; e naturalmente non si poteva che iniziare con il più grande di tutti, legatissimo per vincoli e natali a queste zone, quell’Andrea Pazienza autore di tantissime opere ancora oggi influenti e amate. La mostra, piccola ma significativa, sarà tematicamente dedicata alla locandine (di cinema, teatro, musica, eventi) che Andrea realizzò nel pur breve arco temporale della sua vita artistica, dal 1975 al 1988, selezionate dai fratelli di Pazienza, Mariella e Michele, e allestita dalla Proloco con COMICON.

Il legame del grande artista, nato a San Benedetto del Tronto, con la zona garganica è ben noto e presente anche in molti fumetti di Pazienza stesso. Cresciuto fisicamente a San Severo, tutte le estati Andrea e famiglia le trascorrevano a San Menaio, spesso nel Camping Calenella della famiglia Damiani, con gli amici Betta e Luigi; luoghi e volti che spesso hanno trovato posto nelle storie di Andrea, da quelle brevi, come “Il Perché delle Anatre” a quelle lunghe come “Pentothal”. Ecco anche perché, alcuni anni fa, l’amministrazione locale decise di dedicare il lungomare principale all’artista prematuramente scomparso; quel lungomare che ora vedrà la presenza di almeno un’altra ventina di suoi colleghi fumettistici, alle prese con il disegno “live” su cavalletto, e anche a “muro”. I dettagli degli eventi e dei nomi degli autori coinvolti saranno poi pubblicati a breve sul nostro sito e FB, e sul FB della Proloco. Infatti, oltre al fumetto, l’illustrazione e la Street-Art, anche la musica e l’artigianato allieteranno le serate del weekend festivaliero, con concerti serali nel piazzale; sarà inoltre possibile farsi autografare i libri in vendita, dagli stessi disegnatori presenti sul luogo.

 
 
 

Gargano mon amour: per un'estate a tutto gusto ecco i locali da non perdere

Post n°21858 pubblicato il 16 Giugno 2018 da forddisseche

Gargano mon amour: per un'estate a tutto gusto ecco i locali da non perdere

Vieste e Gallipoli, l’estremo nord e l’estremo Sud della Puglia si dividono il primo posto delle mete estive più ricercate in Italia per il 2018. Se lo dice Trivago, forse è vero. Come è vero che la signora del Gargano ha fatto da battistrada alla scoperta di queste terre, quando a cantare quant’è profondo il mare di Puglia c’era soltanto Lucio Dalla, cittadino onorario di Vieste, innamorato perso delle isole Tremiti.
Da allora il Salento arrembante ha saputo imporsi a suon di pizziche e scogliere da togliere il fiato, il Nord barese e la Valle d’Itria hanno tenuto botta, la Murgia vergine attende bella e selvaggia di farsi scoprire mentre il Gargano e la Daunia resistono in cima ai desideri di turisti e viaggiatori. Ecco le tappe che meritano un pit-stop qui a nord del sud, nel microclima della Capitanata, gastronomicamente lucente di una sua luce peculiare che si specchia nel lago e nel mare.

 

 Al Trabucco da Mimì
Peschici

Una specie di enorme ragno di mare in legno ancorato agli scogli, con lunghe braccia che reggono un’enorme rete a maglie strette. Abbarbicato in faccia al tramonto sul costone roccioso di San Nicola, a guardare il sole che si liquefà nell’acqua, così se ne sta il Trabucco che porta il nome di nonno Mimì Ottaviano, scomparso anni or sono. I nipoti Domenico e Vincenzo Ottaviano – gemelli diversi nel temperamento ma identicamente ammarati – hanno raccolto l’eredità e mentre il secondo si dedica all’ospitalità nel b&b sugli scogli, l’altro smanetta ai fornelli. Troccoli al ragù di scorfano o di polpo. Seppie arrosto, verza e crema di sesamo. Non la solita zuppa di pesce, ma Cefalo, miso e funghi (trombetta del morto). E naturalmente crudo di mare. Prenotare non è consigliato, è saggio, anche con una settimana d’anticipo nel mese d’agosto.

 

Porta di Basso
Peschici

O tramonti di spaventosa bellezza o scogliere da togliere il fiato, i ristoranti di Peschici d’abitudine fanno casa dove la natura dà il meglio di sé. Come Porta di Basso, sospeso su un costone di roccia a precipizio sul mare. Alla vertigini della creatività giovanile lo chef Domenico Cilenti ha preferito, con la maturità, il terreno rassicurante dei sapori noti, vedi il Dentice, datterini e fiori di zucca o la Zuppetta di fave con salicornia e seppie. Molto mare e qualche puntata dal casaro e nell’orto con Orecchiette, marasciuolo, pomodori infornati e stracciatella. Prenotare? Per forza.

 

Gelateria Pinagel
Peschici

Una gelateria storica fondata da nonna Lucrezia nel 1984, poi ereditata da mamma Pina e poi ancora rivoltata come un calzino da Iginio, orafo pentito che artigiano è rimasto, a cesellare oro che si scioglie in bocca. Il gelato di Pinagel si trova in versione stanziale (C.so Umberto I, 7) e itinerante sull’apecar dotata di pozzetti e carapine. Latte e frutta fresca, sono gli ingredienti in uso a questo gelatiere capace di sciogliere il cuore duro anche degli integralisti del sapido. Niente coloranti artificiali, prodotti semilavorati, grassi vegetali idrogenati, paste composte o basi in polvere.
Da Pinagel, pena la maledizione di nonna Lucrezia, tutto si fa con le mani, l’amore e il gelato che sotto queste insegne sono una cosa sola. L’orgoglio di casa è la Crema degli angeli, viene preparata al mattino per essere gustata alla sera dopo un lungo riposo. È fatta con solo tuorli di uova freschissime, cotta sul fuoco, girata lentamente a mano. Medesima procedura per la crema al rosmarino selvatico del Gargano, frutto della lenta infusione dei rametti giovani di rosmarino raccolti vicino al mare. E soprattutto, su tutto, innanzitutto la Stracciatella d’arance amare del Gargano: una stracciata d’arance amare dalla consistenza di una confettura su una base bianca al latte profumata, guarnita da scorzoni d’arancia candita rivestiti di cioccolato puro. Per curiosi senza limiti e senza paura.

 

 

Antiche sere
Lesina

Gamberetti di laguna fritti con crema di pomodoro verde. Scaloppine di cefalo al limone con funghi cardoncelli. E soprattutto anguilla, meglio se Carpaccio di anguilla allo zafferano e crema di pane e pomodoro. È la signora del lago, l’imperatrice alla tavola del cuoco di Lesina, Nazario Biscotti. Un pesce avventuroso come pochi, anima migrante, nasce nella prateria oceanica fra le Antille e le Azzorre e da lì, dal lontano mar dei Sargassi (topos di proverbiali e sorpassate imprecazioni) arriva al mar Mediterraneo, non prima d’avere fatto lunga sosta in lagune salmastre come quella di Lesina, dove diventa adulta. Biscotti che nelle acque lacustri c’è nato, sa cosa farne. In giro dicono che la sua sia l’anguilla più buona di sempre.

 

Il Capriccio
Vieste

Il cuoco Leonardo Vescera (accento sulla penultima sillaba) è di casa fronte-porto, arrivi in barca, ormeggi e mangi un boccone di mare guizzante. È possibile anzi probabile che lo chef compaia a tavola e chieda: crudo o cotto?, mettendo in mostra il pescato del giorno. Cotto o crudo, il filo rosso che guida la carta resta il mare servito senza elucubrazioni, senza mai calcare la mano. Al Capriccio l’ego dello chef resta un passo indietro, per fare posto a una cucina di mare sic et simpliciter che si contamina spesso e felicemente con gli agrumi e le erbe selvatiche di cui l’entroterra garganico gode con una certa opulenza. Spaghettoni homemade con ricci, salsa di mandorle e polvere di caffè. O Polpo alla plancha con trilogia di salse e gazpacho latini più una riduzione al limone femminello del Gargano. Per chi, malgrado il solleone, smania dalla voglia di carne, la risposta di Vescera è vacca podolica o capra garganica, quelle che Giuseppe Bramante alleva a Rignano e Michele Sabatino lavora ad Apricena. Per entrambi essere podolici è uno stile di vita, prima e oltre tutte le mode.

Panini di Mare
Peschici-Vieste

Per un indimenticabile spuntino al tramonto dove l'orto e il porto si confrontano ad armi pari in fascinose soluzioni, e così il protagonismo del merluzzo viene esaltato dai suoi degni comprimari, il pomodoro secco e la polpa di olive.
Si trova sia a Peschici (Tel 0884 964240) che a Vieste (Tel 348 5180429).

Don Nunzio e Cavallo
San Nicandro

Al riparo della macchia mediterranea, tra il verde selvatico degli olivastri e il blu lucente del cielo d’estate, il casino di Don Nunzio e Cavallo se ne sta a nord del centro abitato di San Nicandro Garganico, tenendo d’occhio le isole Tremiti e Torre Mileto (19 minuti in auto). Un buen retiro al riparo dal chiasso vacanziero che affolla la costa, un’aria ruspante di masseria, fra asinelli galline conigli, Madonne ceri e merletti, e naturalmente caciocavalli, rosoli e ricotta fresca fumante. E per chi ha fatto il pieno di libagioni, ci sono anche le camere.

Lake cafè
Lesina

È il buen retiro dei cuochi di area garganica, il rifugio fronte-lago dove svaccare (Treccani: lasciarsi andare, gettare la spugna) dopo o prima le defatiganti prove di forza del servizio, ma senza svendere le esigenze del palato. Ci pensano Primiano (come il santo patrono portato in processione a mare) e Milena, che apparecchiano aperitivi super-local a base di granite artigianali con agrumi e mandorle del Gargano mantecate a lungo e a mano, l'anguilla di Lesina servita in panini fragranti e light lunch con corredo di erbe spontanee del bosco-isola, verdure e ortaggi, frutti di mare e della terra, la paranza da friggere. Primiano, che è un po’ cuoco un po’ barman, sa il fatto suo anche sul bere.
Tel. 348 4496973

Le Caselle
Rignano Garganico

A venti minuti da Lesina dimora una cuoca che è il ritratto dell’aria salubre di questi luoghi, allegra come un furetto e curiosa come uno spirito della foresta, umbra naturalmente. Diana Pia Pignatelli, 25 anni compiuti, insieme a mamma Cristina e papà Dario si occupa della cucina nell’agriturismo Le Caselle e quando le resta tempo anche dell’orto, dell’allevamento di vacche podoliche e non, ma non dei formaggi, a quelli ci pensa il casaro che arriva da San Marco in Lamis tutti i santi giorni. Diana per sé sognava una vita identica a questa, ovvero quella a cui è tornata dopo due anni nelle cucine di Angelo Sabatelli. Il maestro della cucina pugliese contemporanea gli ha insegnato a metterci la testa in cucina, prima ancora di accendere i fuochi: “Sabatelli mi ha insegnato a pensare e quando è arrivata l’ora di tornare a casa, ho applicato le tecniche imparate alla sua scuola – durissima e impareggiabile – a quest’altra parte dell’emisfero gastronomico pugliese, quello che parla la lingua della tradizione”. Già, perché pensare vuol dire capire con certezza granitica che “lo yuzu in un agriturismo è una bestemmia”, ma la Caponata di peperoni e melanzane con fonduta di mucca e crumble di pane alla alici è un miracolo. Idem le crocchette di fave e cicoria con crema di pomodoro arrostito. O il Cavatello fresco con ragù di salsiccia e brodo di cipolla arrosto mantecato al parmigiano, un piatto dal sapore concentrico più che rotondo, che resuscita prima i commensali poi la cucina di tradizione ma con una eleganza che solo i millennial.

Radici – Ristorante enoteca garganica
Vico del Gargano

Il manifesto con cui i patron Leonardo (ai fornelli) e Martina (in sala) hanno annunciato l’apertura di questa ultima creatura della ristorazione garganica, inaugurata a maggio 2018, parla chiaro. “Abbiamo finalmente aperto il nostro ristorante. Perché quando Leonardo era bambino passava le giornate a cucinare cibi immaginari su fornelli a temperatura ambiente in padelline e pentoline di plastica. Perché la frase regina in cui sento tutto l’amore che una madre sa dare è stata: hai mangiato?”. Tanto quanto basta ad affrontare, se non a superare, le asperità di una avventura nel centro di Vico Garganico, bello come un presepe ma non proprio l’ombelico del mondo. Pepata di cozze, troccoli allo scoglio, tagliata di tonno, cucina ma anche cantina volano radente alla sostanza di cui è fatto il territorio, e un’ospitalità appassionata che vibra di una voglia matta di farcela andando dritta a segno. Di più. Leonardo e Martina hanno pensato anche ai più piccoli, prevedendo un spazio interamente dedicato e attrezzato di tavolini, colori e giochi. Tanto per chiarire da che parte stanno nella discussione su bambini sì o no al ristorante

SONIA GIOIA

repubblica.it

 
 
 

Monte S. Angelo/ Ponti di pace col Medio Oriente dal Santuario di S. Michele. Quest’anno ospiti l’Iran e Afghanistan

Post n°21857 pubblicato il 16 Giugno 2018 da forddisseche

Monte S. Angelo/ Ponti di pace col Medio Oriente dal Santuario di S. Michele. Quest’anno ospiti l’Iran e Afghanistan

Dopo il successo dell’evento internazionale tenutosi saba­to scorso 9 Giugno presso la “Sala Convegni” del Santua­rio San Michele Arcangelo, sede legale dell’Associazione Internazionale “Acceptus Mundi Onlus”, nell’ambito di “ Music and Faith”, il festival giunto alla terza edizione e che attraverso la musica si occupa di pace. In questa edi­zione il festival ha unito due Paesi: l’Iran con Yalda Abbasi che con la sua calda e stu­penda voce, accompagnata dal suo strumento tradizionale, il “Dutta“, ha deliziato in pre­senti in sala; e l’Afghanistan con AtaiWalimohammad che ha sensibilizzato il pubblico con la sua testimonianza di rifugiato. Sono intervenuti al­la manifestazione l’assessore alla Cultura Rosa Palomba e l’Assessore alle Politiche So­ciali Agnese Rinaldi, il Ret­tore del Santuario Padre La­dislao Sucki, il Presidente del­la commissione cultura del Comune di Foggia, Antonio Vigiano, nonché Segretario generale dell’Acceptus Mundi Onlus. Il Presidente dell’assocazione “Amici della Mu­sica“, Tommaso Di Padova di Monte S.Angelo, l’Associazio­ne “Viola Dauna” di Foggia (Presidente, e Vice Presiden­te: Michele Zamboni. - Comandante di Stazione Mar. Vincenzo Pugliese di San Gio­vanni Rotondo - il Presidente Carlo Miscio Associazione Sa­maritana Pubblica Assistenza di San Giovanni Rotondo). L’Acceptus Mundi Onlus, come anticipato dal presiden­te Michele Cocomazzi, si ap­presta a scendere in campo con un 2° appuntamento di Solidarietà Internazionale con protagonista la Repubbli­ca di Moldova, con “Adriana de la Roma”. L’evento è fi­nalizzato alla violenza sulla donna e tra le mura dome­stiche e questa volta sarà ospi­tato (Venerdì 29 Giugno ore 19:30) presso “Sala Rosa” di Foggia. Il 4 Luglio invece, il pre­sidente dell’associazione in­sieme alla vice presidente Annarita Stanco e la vice pre­sidente onorario, il soprano polacco Dominika Zamara, sa­ranno in Vaticano per fissare una data per l’Associazione Acceptus Mundi Onlus che ha chiesto udienza a Papa Bergoglio per presentare le at­tività sociali.

 Paolo Troiano

 
 
 
Successivi »