**TEST**
Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissecheab13579zanca.federicaros1970slevin900marinovannipianoforte7Maddyobystudiolegaledalminelaukogabjelsimonestationsavio600
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

 

Renzo Vescera: "Voglio ringraziare chi è in quarantena volontaria"

Post n°25849 pubblicato il 09 Aprile 2020 da forddisseche

Renzo Vescera: "Voglio ringraziare chi è in quarantena volontaria"  

  
 

Gent.mo direttore,

 

con queste due righe Le chiedo di darmi la possibilità di porgere i ringraziamenti a chi sta evitando di complicare una situazione al momento solo apparentemente tranquilla, rispettando tassativamente le disposizioni che impongono loro di non uscire. Mi riferisco a chi è in quarantena o se l’è imposta perché ha solo il dubbio di essere stato contagiato. A queste persone, tutti noi dobbiamo dire GRAZIE perché privandosi della libertà di uscire anche solo per fare la spesa, stanno riducendo al minimo il rischio di trasmettere il virus ad altre persone, sempre SE lo hanno realmente contratto. Parenti, amici o semplici vicini di casa devono vederli come meritevoli di stima e non come untori da tenere lontani, additandoli come il demonio.

 

Sono loro che ci danno la reale percezione che “il mostro” non è solo altrove, non colpisce solo “gli altri”, ma potrebbe attaccare anche noi.

 

Non bisogna additarli come nemici perché i nemici, quelli veri, sono coloro che, incuranti delle restrizioni imposte a noi tutti, vanno comunque in giro come sempre: per fare la spesa tutti i giorni, per far visita a parenti ed amici, o andando a passeggio sperando di incontrare qualcuno, magari salutandolo con una stretta di mano o un abbraccio.

 

Grazie amici, vi ringrazio perché è anche per merito del vostro sacrificio che la situazione è ancora tranquilla… sperando che resti sempre tale.

 

Renzo Vescera, infermiere

 
 
 

Oggi #8aprile si comunica alla cittadinanza che sono riaperti i termini per poter richiedere i buoni spesa alimentare per emerge

Post n°25848 pubblicato il 08 Aprile 2020 da forddisseche

L'immagine può contenere: spazio all'aperto
Viesteseitu

Oggi #8aprile
si comunica alla cittadinanza che sono riaperti i termini per poter richiedere i buoni spesa alimentare per emergenza Coronavirus.
Da domani, giovedì #9aprile e fino alle ore 10 di venerdì #10aprile, tutti coloro che non hanno fatto domanda nella prima tornata conclusasi venerdì scorso, hanno la possibilità di richiedere il contributo comunale per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità.
L’importo del buono spesa sarà commisurato sulla base di dichiarazioni autocertificate riguardanti la composizione del numero di componenti del nucleo familiare e dei redditi e/o proventi dichiarati percepiti nel mese di marzo a partire da “0” fino a “800” euro.
Restano immutate le modalità per presentare la richiesta:
1) Con ritiro del foglio domanda alla postazione di ingresso del Comune di Vieste;
2) Con ritiro del foglio domanda presso il Comando Vigili Urbani in Via Giovanni XXIII;
3) Scaricando il modulo buoni spesa dal sito-internet del Comune di Vieste.

 
 
 

Vico/ La forza della privazione. Non ci sarà, quest’anno, tutta la complessa ritualità della Settimana Santa vichese.

Post n°25847 pubblicato il 08 Aprile 2020 da forddisseche

Vico/ La forza della privazione. Non ci sarà, quest’anno, tutta la complessa ritualità della Settimana Santa vichese. 

 
Vico/ La forza della privazione. Non ci sarà, quest’anno, tutta la complessa ritualità della Settimana Santa vichese.
 
 

Non ci sarà perché un maledetto virus ha scatenato una pandemia: il Coronavirus. Corona, come le corone di spina santa che qualche mese fa Michelino ha preparato per noi, quando le terribili notizie del virus iniziarono ad arrivare dalla Cina, da Wuhan. Anche la corona di spine è un simbolo di sofferenza, della sofferenza di un uomo che è morto sulla croce per redimerci dai nostri peccati; è il simbolo della passione di nostro signore Gesù Cristo.

 

Così, mentre le mani cariche di lavoro ed esperienza di Michelino intrecciavano, pungendosi e graffiandosi, gli appuntiti fili di spina santa fino a formare una corona, per poi lasciarle riposare ad indurirsi per il giorno del Venerdì Santo, iniziava un periodo carico di significato, fede e ritualità che ci avrebbe portato alla festa più importante per noi cristiani: la Pasqua. Le Via Crucis, la Domenica delle Palme, la costruzione del “Sepolcro”, l’Uffizio delle Tenebre del Mercoledì e Giovedì Santi, la Messa in Coena Domini, la lavanda dei piedi, il pianto della Madonna, le processioni mattutine, l’Agonia, la processione della sera del Venerdì, la veglia pasquale: tutto questo non c’è stato e non ci sarà.

 

Ma tutto ciò è solo una parte di quello che mancherà a noi confratelli, la parte esteriore, la parte condivisa con la popolazione vichese. L’altra parte è un mondo “nascosto”, invece, dai portali chiusi delle chiese, un mondo di valori senza il quale tutto ciò che la Settimana Santa vichese rappresenta non sarebbe possibile: un percorso di lavoro, di crescita, di legami che nascono o si rinnovano, di fratellanza, di emozioni.

 

Conclusa l’ultima Via Crucis, il giorno della Domenica delle Palme, il portale della nostra chiesa si sarebbe chiuso, ma dietro di esso un mondo sarebbe andato in fermento. Di tutto il lavoro invisibile di preparazione e realizzazione dei Sepolcri è stato scritto e sarà scritto in altre occasioni. Ma c’è un aspetto che secondo me è stato trattato poco: la Madonna, o meglio la Madonna per un confratello.

 

La figura dell’Addolorata, con il suo prezioso abito nero, spicca immediatamente nel gruppo processionale, sia perché si erge dal gruppo, sia per il contrasto dei colori tra l’abito nero della Madonna e il camice bianco dei confratelli (in almeno 4 delle 6 processioni). La sua figura è importantissima in questo giorno, anche più importante del Cristo: non a caso le processioni mattutine vengono chiamate le Madonne. Ma perché è così importante?

 

Bene, quello che sto per scrivere è il sunto di ciò che io ho provato, di ciò che io ho visto e vissuto, ma sono sicuro che molti atri avranno provato le mie stesse emozioni. Ecco questa Madre accompagnata sulle spalle dai tuoi fratelli che dall’alto ti scruta; sul Suo volto i segni di un immenso e sconfinato dolore che solo chi ha vissuto un tragico evento come la morte di un figlio può comprendere, gli altri non si avvicinano minimamente alla cognizione di una tale sofferenza.

 

La Sua afflizione è incorniciata in un velo nero tutto intorno al Suo viso e in quel pugnale conficcato nel suo cuore. Tu canti quelle strofe di Miserere che tutto il giorno risuonano per il paese, ti volti verso di Lei e ti guarda, in qualsiasi punto del corteo tu sia Lei ti guarda. Vedi la sofferenza e l’angoscia sul suo volto, ma non te lo fa pesare: i ruoli si invertono, col Suo sguardo è Lei che consola te mostrando tutta quella forza di cui solo una donna e una madre è capace.

 

Nonostante la tragicità e la disperazione del momento la “mia” Madonna, la “nostra” Madonna è sempre lì a consolarci e proteggerci, dal fondo del corteo, dal punto più alto, il posto d’onore che una Madre così forte e amorevole merita.

 

Questo insieme di emozioni è intima e personale e spesso non si vive in maniera consapevole, ma sono sicuro che tutti vivono con grande emotività queste celebrazioni.

 

Fino all’ultimo ognuno di noi abbiamo ha sperato in un andamento diverso per questa Pasqua, ma più si andava avanti, più diminuivano le speranze, più la malinconia riempiva i nostri cuori.

 

Questa assenza sarà pesante per tutti noi che attendiamo da un anno all’altro questo periodo, ma sono fiducioso che proprio questa mancanza, questa privazione, ci renda figli di una consapevolezza, che troppo spesso ancora manca, di tutto questo immenso patrimonio di fede e tradizione che abbiamo tra le nostre mani.

 

Francesco Pupillo

 

foto di Michele Azzellino

 

fuoriporta.info

 
 
 

CON LA CARTA D'IDENTITÀ ELETTRONICA ACCESSO AI SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Post n°25846 pubblicato il 08 Aprile 2020 da forddisseche

CON LA CARTA D'IDENTITÀ ELETTRONICA ACCESSO AI SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 

 
CON LA CARTA D'IDENTITÀ ELETTRONICA ACCESSO AI SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
 
 

Ora tutti i cittadini italiani in possesso della Carta d'Identità Elettronica 3.0 (CIE) potranno accedere direttamente da casa ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione, tra cui quelli previdenziali dell'Inps, o sanitari ed anagrafici di Regioni e Comuni che già permettono l'accesso con la CIE, per citare solo alcuni. Lo rende noto il Poligrafico e Zecca dello Stato in una nota, spiegando che è stata rilasciata insieme al Ministero dell'Interno la nuova modalità di identificazione ai servizi online attraverso la CIE. 

 
 
 

Notizie Utili/ Si può sospendere il mutuo anche in caso di morosità. Per chi non ha pagato le bollette, prorogata la sospension

Post n°25845 pubblicato il 08 Aprile 2020 da forddisseche

Notizie Utili/ Si può sospendere il mutuo anche in caso di morosità. Per chi non ha pagato le bollette, prorogata la sospensione dei distacchi di luce, gas e acqua fino al 13 aprile. 

 
Notizie Utili/ Si può sospendere il mutuo anche in caso di morosità. Per chi non ha pagato le bollette, prorogata la sospensione dei distacchi di luce, gas e acqua fino al 13 aprile.
 
 

Coloro che hanno subito, la sospensione dell’attività la­vorativa per 30 giorni lavo­rativi consecutivi o la ridu­zione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni nella misura pari ad almeno il 20% di quello complessivo a causa dei provvedimenti intrapresi dal Governo per fronteggiare l’emergenza Covid, hanno diritto alla sospensione delle rate di mutuo anche se morosi. Il pagamento delle rate del mutuo contratto per l’acquisito della prima casa viene sospeso per un periodo minimo di 6 mesi fino a un massimo di 18 in base all’entità della diminuzione della sospensione o riduzione dell’orario di la­voro. Può accedere al Fondo il pro­prietario di un immobile destinato ad abitazione principale, titolare di un contratto di mutuo per l’acquisto dello stesso, d’importo non superiore a 250.000 euro, in ammortamento da al­meno un anno e in una condizione di ritardo nel pagamento delle rate fino a novanta giorni consecutivi al momen­to in cui presenta la domanda.

 

 Nel periodo compreso tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 è possibile pagare le sanzioni del Codice della Strada nel temine di 30 giorni dalla contestazione o dalla notificazione, pagando l’impor­to scontato del 30 %. In sostanza si trat­ta delle violazioni contestate o noti­ficate a partire dal 16 febbraio 2020. Il pagamento in forma ridotta è escluso quando sono applicate le misure accessorie della confisca del veicolo o della sospensione della patente di gui­da.

 

 In questi giorni l’Agenzia delle Entrate ha ricevuto di­verse segnalazioni relative a nuove e mail di «phishing» che notificano ai destinatari rimborsi fiscali inesistenti con l’obiettivo di raccogliere informa­zioni riservate. Le e mail in questione presentano come oggetto la dicitura «Notifica per il rimborso fiscale del 2019» e provengono da indirizzi e mail non riconducibili all’Agenzia delle En­trate. L'Agenzia ha segnalato la comu­nicazione alla Polizia postale e raccomanda ai contribuenti di non aprire la mail e di cancellarla immediatamente, anche per evitare danni ai propri pc, tablet e smartphone. Inoltre, ricorda che non vengono mai inviate comu­nicazioni via e mail relative ai rimbor­si fiscali e che sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it è possibile consultare la sezione «Come sono pa­gati i rimborsi» per conoscere le mo­dalità corrette con cui vengono ero­gati

 

L’Autorità di regolazione per l’Ener­gia ha prorogato la sospensione dei distacchi per morosità di luce gas e acqua che era stata prevista fino al 3 aprile fino al 13 aprile per tutti i tagli della fornitura previsti a partire dallo scorso 10 marzo. Gli operatori dovran­no quindi rialimentare le forniture di energia elettrica, gas e acqua eventual­mente sospese (o limitate/disattivate) dal 10 marzo 2020 e procedere a riav­viare la relativa procedura di sospen­sione e procedere nuovamente alla sua costituzione in mora. Con particolare riferimento al settore idrico, il gestore è chiamato a reiterare tutte le comu­nicazioni previste dalla disciplina vi­gente per la sospensione/limitazione/disattivazione della fornitura (con­seguentemente, tali comunicazioni non producono effetti nel periodo con­siderato). Il provvedimento dell’Arera prevede inoltre disposizioni in tema di rateizzazione e d’invio delle bollette.

 

 Aumentano le attività di vendita di prodotti per la prevenzione e la cura del contagio dal Virus SARS-CoV-2 (Coronavirus, Covid-19) non autoriz­zati. L’Antirust ha bloccato, nelle ultime ore, alcuni prodotti come l’offerta di alcuni test kit per la diagnosi do­miciliare del coronavirus e di apparecchi per l’ossigenoterapia. Sulla piattaforma di una società americana www.wish.com, nonché sulla sua col­legata ContextLogic B.V. si offrivano test kit con la possibilità di rilevare gli anticorpi del nuovo coronavirus nel sangue umano, nel siero o nel plasma nonostante precise indicazioni delle autorità sanitarie circa la non atten­dibilità delle indicazioni che erano in grado non solo di ingannare ma anche di porre in pericolo la salute dei con­sumatori.

 

L’Antitrust ha disposto, poi, l’eliminazione di ogni riferimento all’efficacia preventiva e terapeutica contro la COVID-19 dei prodotti pub­blicizzati e commercializzati sul sito web www.oxystore.it. Il sito in que­stione, dopo aver ampiamente spon­sorizzato l’attività di ossigenoterapia per fronteggiare il virus Covid-19 - pre­sentandola come «uno dei sistemi di maggior efficacia per curare la sin­tomatologia legata al Coronavirus di nuova generazione» - proponeva la vendita (al prezzo di 995 euro) di un «kit di prevenzione» descritto come «com­pleto di tutto il necessario per poter monitorare e migliorare la risposta im­munitaria» e composto da un concen­tratore di ossigeno stazionario e ac­cessori vari.

 

È legittimo il licenziamento della la­voratrice che, esaurito il periodo di malattia di sessanta giorni continua ad assentarsi senza giustificazione met­tendosi in ferie. Secondo la Cassazio­ne, il lavoratore, una volta cessata la ragione dell’assenza, non può rifiutar­si di presentarsi sul posto di lavoro, perché in questo modo s’impedisce al datore di decidere se è opportuno dare al lavoratore, in questo caso assente per malattia, una diversa collocazione rispetto alle mansioni precedenti.

 

 La minaccia di rivelare a terzi la relazione extraconiugale in cambio di una somma di danaro quale prezzo del silenzio integra il reato di estorsione in ragione della illegittimità della pretesa pecuniaria. L’ha affermato la Corte di Cassazione. Nella vicenda processuale all’esame della Corte l’amante era sta­ta condannata per il reato di estorsione per aver minacciato di rivelare la re­lazione extraconiugale alla moglie del suo amante facendosi consegnare, quale prezzo per il silenzio, dapprima la somma di 1.000 euro e poi quella di 5.000 euro.

 
 
 

Vieste/ Lettera aperta del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Post n°25844 pubblicato il 08 Aprile 2020 da forddisseche

Vieste/ Lettera aperta del Consiglio Comunale dei Ragazzi 

 
Vieste/ Lettera aperta del Consiglio Comunale dei Ragazzi
 
 

Salve, sono la prof.ssa Grassi ed ho il piacere di condividere uno dei lavori che il Consiglio Comunale dei ragazzi, in questi giorni di D A D didattica a distanza, ha realizzato. Sì il Consiglio comunale dei ragazzi non si è fermato nemmeno un giorno e attraverso le piattaforme digitali è stato unito più che mai,  riflettendo su questa pagina di storia che stanno vivendo. Due sono i lavori che hanno realizzato: una lettera aperta ai loro compagni, al dirigente, ai docenti, al sindaco, ai cittadini tutti, per far sentire la loro vicinanza in questo periodo così particolare e difficile da vivere.

 

Auguri  di una Pasqua speciale, tutta da vivere e da ricordare per fanne tesoro nei prossimi anni e per le generazioni future.        

 

Prof.ssa Grassi 

 

 

 

Lettera aperta agli alunni, ai docenti, al dirigente, al sindaco, ai cittadini tutti.

 

 

 

Cari alunni,

 

a scrivervi è Natalia Pavarino, il vostro minisindaco e parlo a nome di tutto il Consiglio Comunale dei Ragazzi. Io come voi sono a casa dal 5 marzo, non per vacanza e non per mia scelta. Noi tutti siamo stati travolti da questa pandemia e dal quel momento la nostra vita è cambiata, le nostre giornate non sono più quelle di una volta, nemmeno il modo di fare scuola è uguale a prima. I nostri orari sono cambiati e anche il nostro modo di studiare. Sicuramente manca a tutti la nostra amata classe, i nostri compagni, le nostre chiacchierate, gli abbracci e finanche le nostre scaramucce.

 

Voglio dirvi che è molto importante che ognuno di noi faccia la sua parte, rispettando le regole! Nel nostro caso stare a casa, seguire le lezioni e svolgere i compiti. Non è una vacanza! Io ho solo 13 anni e questa esperienza mi segnerà per tutta la vita. Se ognuno di noi nel nostro piccolo rispetta le regole, insieme vinceremo questa battaglia!

 

#iorestoacasa

 

 Cari docenti,

 

un grande ringraziamento va a voi, che state facendo di tutto per non farci sentire soli, state lavorando il doppio, se non anche di più, per farci comprendere al meglio gli argomenti attraverso videoconferenze, video lezioni e approfondimenti vari. Siamo contenti di sentire il vostro calore e non vediamo l’ora di riabbracciarvi. Sì, vi dobbiamo rivelare una cosa a cui voi non credereste mai: ci manca tanto la Scuola. Speriamo di rivederci presto!

 

 Caro dirigente,

 

la ringraziamo per tutto quello che sta facendo per noi alunni, per cercare in tutti i modi delle soluzioni più vicine alle nostre necessità e per organizzare nel modo migliore possibile una scuola a distanza. Una scuola sempre attenta ai bisogni di questo tempo e soprattutto a noi alunni e alle nostre famiglie.

 

 Caro sindaco,

 

oggi più che mai il nostro paese ha bisogno di essere guidato nel modo migliore possibile. Non è facile essere al suo posto, non è semplice ricoprire questa carica soprattutto in questo momento così delicato della storia della nostra città, ma anche di tutto il mondo, perciò vogliamo dirle che ha tutto il nostro appoggio. Siamo dalla sua parte e lo saremo sempre, affinché tutti rispettino le ordinanze date ed escano solo per necessità.

 

 Cari cittadini,

 

noi tutti vi invitiamo a rispettare le norme che il sindaco e il presidente del Consiglio ci stanno dando: lavarsi spesso le mani, mantenere la distanza l’un dall’altro di almeno 1 mt, utilizzare mascherina e guanti e soprattutto non uscire di casa per il bene e la salute di tutti. Il risvolto positivo di questa situazione è che rimanendo a casa, stiamo riscoprendo la gioia di stare in famiglia, stiamo facendo cose che non abbiamo mai avuto il tempo di fare, come giocare, pasticciare, cucinare, leggere e soprattutto fare tutto questo con i nostri genitori.

 

Certo, le notizie che arrivano tutti i giorni sui contagi e sui morti sono sconfortanti, ma se rispettiamo le regole e ci crediamo tutti insieme ce la faremo e un giorno potremo raccontare ai nostri figli che questa brutta avventura ci ha aiutato a capire la fragilità dell’uomo e anche la sua grande forza d’animo, capace di rialzarsi nonostante le difficoltà.

 

#andràtuttobene

 

 

 

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi

 

dell’ I.C. Rodari Alighieri Spalatro Vieste

 
 
 

Vieste – ORDINANZA SINDACALE DISPONE PER PASQUETTA NEGOZI CHIUSI, TRANNE LA FARMACIA DI TURNO

Post n°25843 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Vieste – ORDINANZA SINDACALE DISPONE PER PASQUETTA NEGOZI CHIUSI, TRANNE LA FARMACIA DI TURNO 

 
Vieste – ORDINANZA SINDACALE DISPONE PER PASQUETTA NEGOZI CHIUSI, TRANNE LA FARMACIA DI TURNO
 
 

Questa mattina il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, ha emesso un’ordinanza (n.70) relativamente al giorno di Pasquetta, lunedì 13 aprile. Per contrastare e contenere il diffondersi del virus ‘COVID-19", come  ulteriore misura di contenimento è stato disposto in tutto il territorio comunale la chiusura di tutti gli esercizi commerciali per la giornata del prossimo 13 aprile, giorno di Pasquetta,  fatta eccezione per la farmacia di turno. In tale giornata saranno consentiti unicamente spostamenti dettati da assoluta urgenza a da motivi di salute.

 
 
 
 
 

07 Apr - 14:43:39 Basket – SUNSHINE VIESTE: “GRAZIE A TUTTI, ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA STAGIONE” [Video] Con questo video ci te

Post n°25841 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

07 Apr - 14:43:39
Basket – SUNSHINE VIESTE: “GRAZIE A TUTTI, ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA STAGIONE” [Video]
Con questo video ci teniamo a ringraziare tutti quelli che ci hanno sostenuto nel corso di questa stagione speciale. Grazie ai giocatori, allo staff tecnico e dirigenziale, agli sponsor, ai tifosi, agli istruttori e a tutti i bambini e ragazzi del settore giovanile. È stata una stagione ricca di emozioni, interrotte purtroppo sul più bello, ma siamo sulla strada giusta!!! “Chi ha un perché abbastanza forte, può…

 
 
 

La superluna che illumina il Gargano: spettacolo!

Post n°25840 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

La superluna che illumina il Gargano: spettacolo! 

 
La superluna che illumina il Gargano: spettacolo!
 
 

La natura regala spettacolo anche in tempi di coronavirus. Da qualche minuto anche nel nostro Gargano sarà possibile ammirare la Superluna piena più vicina dell'anno che per tutta la notte tra il 7 e l'8 aprile illuminerà come non mai, il mare, i borghi, la foresta, i laghi, le isole, le zone umide.  La  fase di luna piena in prossimità della minima distanza dalla terra: 356908 chilometri da noi, al cospetto di una distanza media di 384000 chilometri. Sono tante le foto chi stanno arrivando in redazione. Noi abbiamo scelto la luna  che sta illuminando Monte Sant'Angelo,fotografata da Lina Taronna  E questa – come segnala l’Unione Astrofili Italiani (Uai) – sarà una delle tante meraviglie che il cielo di questo mese ci riserverà. Quindi tutti con gli occhi all'insù.

 

 
 
 

Regione/ Bando formazione per apprendisti

Post n°25839 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Regione/ Bando formazione per apprendisti 

 
Regione/ Bando formazione per apprendisti
 
 

“Ripartire. Lavorare. Sicurezza. Prendo in prestito – da un collega assessore regionale – queste tre parole estremamente significative rispetto al periodo che stiamo vivendo. Sebbene le misure di distanziamento sociale siano ancora giustamente e pienamente operative è opportuno che la politica inizi a pensare al dopo, a quella lenta transizione di ritorno al lavoro che dovrà avvenire in sicurezza, non solo rispetto alla salute ma intesa anche come sicurezza sociale”, comunica l’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

 

“E pensando al dopo, pensando ai giovani apprendisti pugliesi, abbiamo già inteso programmare una terza finestra per l’Avviso pubblico per l’offerta formativa di base per i contratti di Apprendistato Professionalizzante. A dicembre – spiega Leo – si chiudeva la prima finestra temporale che permetteva alle imprese pugliesi di partecipare al bando per la formazione di base per i contratti di Apprendistato Professionalizzante. Un numero altissimo di imprese – ben 963 – aveva fatto domanda di formazione per i propri apprendisti. Nonostante questa ampia partecipazione, molte imprese pugliesi non avevano fatto in tempo ad accedere al bando e noi ci eravamo impegnati a prevedere l’apertura di una nuova finestra temporale per la partecipazione all’Avviso. Dal 3 marzo 2020 al 3 aprile – tempistica della seconda finestra – sono pervenute ulteriori 801 domande, numeri davvero importanti che confermano l’interesse per la misura regionale, a maggior ragione perché queste istanze sono state formulate dalle imprese pugliesi in piena emergenza sanitaria”, comunica l’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

 

“Tra prima e seconda finestra sono quindi 1764 le imprese pugliesi che hanno partecipato all’Avviso pubblico per l’offerta formativa di base per i contratti di Apprendistato Professionalizzante, formulando istanza di formazione per oltre 2000 apprendisti su tutto il territorio regionale. Ma le buone notizie – continua l’assessore – non finiscono qui: proprio in virtù dell’emergenza sanitaria e del sovraccarico di attività da parte dei consulenti del lavoro, su cui gravano proprio in questa triste fase anche le domande di cassa integrazione in deroga, abbiamo intenzione di prevedere una terza finestra, all’incirca per la seconda metà di maggio”.

 

“Grazie a questo bando, il cui percorso di pubblicazione è stato condiviso con i sindacati e con le associazioni datoriali, la Regione Puglia sostiene anche economicamente la formazione di base e trasversale esterna degli apprendisti pugliesi, erogata per il tramite degli organismi di Formazione accreditati al Sistema Regionale della Formazione Professionale, mentre la componente formativa professionalizzante interna è responsabilità del datore di lavoro. Per questo Avviso – conclude l’Assessore – sono disponibili risorse pari a 10,6 milioni di euro”.

 

L’offerta formativa prevede tre tipologie di percorsi: 120 ore se l'apprendista è privo di titolo o in possesso di titolo di scuola secondaria di primo grado o inferiore; 80 ore se è in possesso di qualifica professionale, o diploma di istruzione secondaria superiore che permette l'accesso all'università; 40 ore se è in possesso del titolo di laurea, o di titoli superiori.

 

Destinatari dell'offerta formativa pubblica sono gli apprendisti assunti dalle imprese operanti in tutti i settori produttivi pubblici e privati nella Regione Puglia, successivamente alla data di pubblicazione dell'avviso (dal 13 settembre 2019) . Gli apprendisti dovranno avere età compresa tra i 18 anni (17 anni, se in possesso di una qualifica professionale) e i 29 anni, assunti con contratto di apprendistato professionalizzante, della durata di almeno 6 mesi. I contratti di apprendistato possono essere rivolti anche a lavoratori senza limiti di età, beneficiari di indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione, ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale.

 

L'istanza di partecipazione, da parte del datore di lavoro, è stata trasmessa per via telematica e ed articolata in relazione a ciascun apprendista.

 
 
 

Una rete di ospedali pugliesi solo per i pazienti oncologici. Ai tempi della pandemia da coronavirus, una serie di accordi per

Post n°25838 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Una rete di ospedali pugliesi solo per i pazienti oncologici. Ai tempi della pandemia da coronavirus, una serie di accordi per ridurre i rischi per pazienti e operatori sanitari 

 
Una rete di ospedali pugliesi solo per i pazienti _ncologici. Ai tempi della pandemia da coronavirus, una serie di accordi per ridurre i rischi per pazienti e operatori sanitari
 
 

L'attività chirurgica per i malati oncologici pugliesi non si è mai fermata per l'emergenza Covid-19.

Grazie alla rete oncologica pugliese sono al via nuovi percorsi ospedalieri per dividere in maniera ancor più marcata i pazienti oncologici da quelli Covid 19 in modo da ridurre i rischi per malati e operatori.

Come modello per la Puglia intera, da replicare su scala regionale, sono partiti una serie di accordi tra Aress, Rete oncologica regionale, Asl Bari, Policlinico di Bari e Irccs "Giovanni Paolo II" e "De Bellis".

Con questi accordi saranno le equipe chirurgiche di Asl e Policlinico a spostarsi, recandosi in quegli ospedali dove sarà concentrata l'attività per i malati oncologici non Covid, per garantire qualità di cure e sicurezza.

Si è partiti subito con la chirurgia addominale e con quella senologica, ma il tavolo di lavoro ha analizzato le necessità per proseguire con le urologie, le ginecologie, le neurochirurgie e le chirurgie toraciche.

Nella proposta ci sono anche le indicazioni di sicurezza per tutelare dal rischio infettivo i pazienti oncologici che accedono alle strutture sanitarie e le circostanze tassative che consentono di concedere accesso a prestazioni diagnostiche, ricoveri medici e chemioterapie.

Questo porterà al riallineamento delle liste di attesa.

La prima convenzione è stata siglata tra la Asl Bari, il Policlinico di Bari e l'oncologico Irccs "Giovanni Paolo II" per usare spazi e risorse dell'Oncologico per la cura di pazienti oncologici della Asl Ba e del Policlinico.

La seconda convenzione è stata stipulata tra l'Irccs "De Bellis" di Castellana Grotte e il Policlinico di Bari per usare spazi e risorse dell'Irccs di Castellana per i pazienti oncologici in ambito gastroenterologico in lista di attesa al Policlinico di Bari.

Già da questa settimana le pazienti di senologia saranno trattate dalla equipe di Chirurgia Senologica del San Paolo (Asl Bari), diretta dal dott. Olindo Custodero, presso l'Irccs Oncologico di Bari. Le altre discipline chirurgiche partiranno nei prossimi giorni.

 
 
 

7 Aprile/ IL DANUBIO BLU

Post n°25837 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

7 Aprile/ IL DANUBIO BLU 

 
7 Aprile/ IL DANUBIO BLU
 
 

«Ecco il nostro gran bel fiume, il Danubio blu!» Chinandoci dai finestrini del pullman per vedere meglio, quel giorno scorgemmo un fiume giallastro e fangoso. Dissi allora: «Il Danubio blu! Non è affatto blu e nemmeno mol­to bello il vostro fiume!». La giovane rispose seccata: «Lei è troppo vecchio! Non ne capisce nulla! Il Danubio è sempre blu per gli innamorati!».

 

PIERRE CEYRAC S.J.

 

Anch'io, quando vidi per la prima volta «il bel Danubio blu» mol­ti anni fa, ebbi la stessa reazione del gesuita francese Pierre Ceyrac, vissuto per mezzo secolo in Asia, tra gli ultimi della terra, e rientrato in Europa (il racconto è nel suo bel libro Pellegrino delle frontiere). La risposta che la giovane dà al vecchio missionario rivela, però, una verità profonda che egli riconosce: «Come aveva ragione! E tutto co­sì bello quando si è innamorati! Quando si ama una ragazza, lei è certamente la più bella del mondo!». L'amore trasfigura la realtà an­che quando essa è grigia e quotidiana.

 

Sempre identico è lo specchio d'acqua di un lago. Eppure se è una giornata senza sole, esso sembra una lastra metallica opaca. Se inve­ce brilla il sole, ecco davanti a noi una tavolozza di colori e di imma­gini. Il ragazzo che il giorno prima tirava a campare fino a sera sen­za entusiasmo, quando si innamora, già il giorno dopo vive le ore - identiche a prima - con un fremito di gioia e tutto si trasfigura e si il­lumina. È per questo che dobbiamo avere un germe d'amore per po­ter vivere con intensità una scelta, una vocazione, anzi la stessa esi­stenza.

 

E amore è donazione. C'è un bellissimo sottotitolo nel libro di padre Ceyrac: «Ciò che non è dato è perso». Come egli spiega, si tratta di una frase scritta da un visitatore sul «libro d'oro» di un leb­brosario indiano.

 

Gianfranco Ravasi

 
 
 

Emergenza Coronavirus – VICO, DEFINITO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA”

Post n°25836 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Emergenza Coronavirus – VICO, DEFINITO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA”

Emergenza Coronavirus – VICO, DEFINITO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA”

In riferimento alla misura di “solidarietà alimentare” concessa dal Dipartimento della Protezione Civile che ha assegnato a Vico del Gargano € 22.991,04 per distribuire ai cittadini dei “buoni spesa” utilizzabili per l'acquisto di beni di prima necessità, gli uffici comunali hanno stilato l’elenco delle attività commerciali che hanno aderita all’iniziativa. Qui di seguito l’elenco.

DITTA

sede

Alimentari Fania Giuseppe

Via Salita della Bella, 11

Centro spesa S.a.s.

Via San Pietro 9

Dattoli Michelina

Via del Risorgimento 60

Di Perna Antonio & Vincenzo snc

Via del Risorgimento 31

Elettrodomestici & Gas di Pasquale di Corcia

Via Giuseppe di Vagno, 9

Farmacia D’Orsi

Corso Umberto 145

Ferraraccio Michelina

Via Trappitello, 6

Fiorentino Aldo

Corso Carmine 19

lervolino Francesco

C.da@dotiglia

Il germoglio del Gargano Srls

Via Papa Giovanni XXIII, 24

Macelleria del Centro

Via del Risorgimento 36

MD S.p.A.

Via della Resistenza

Panificio La via del Pane

Via della Resistenza 21

Parafarmacia dott. Angelo Sacco

Via del Risorgimento 38

Parafarmacia URIA

Via Papa Giovanni XXIII, 79

Ragni Andrea Pio

Via Papa Giovanin XXIII, 67

Supermercato DN Il Ricordo di Te Teresa

Via Papa Giovanni XXIII, 73

 
 
 

Emergenza Coronavirus – VIESTE, SONO 890 I BENEFICIARI DEI “BUONI SPESA” PER L'ACQUISTO DI BENI DI PRIMA NECESSITA’

Post n°25835 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Emergenza Coronavirus – VIESTE, SONO 890 I BENEFICIARI DEI “BUONI SPESA” PER L'ACQUISTO DI BENI DI PRIMA NECESSITA’ 

 
Emergenza Coronavirus – VIESTE, SONO 890 I BENEFICIARI DEI “BUONI SPESA” PER L'ACQUISTO DI BENI DI PRIMA NECESSITA’
 
 

A Vieste sono 890 i beneficiari ammessi a fruire del cosiddetto “buono spesa”, ovvero la misura di solidarietà alimentare concessa dal Dipartimento della Protezione Civile che ha assegnato al Comune € 128.301,16. Si tratta in pratica di “buoni spesa” utilizzabili per l'acquisto di beni di prima necessità  presso esercizi commerciali che si sono convenzionati con il Comune. L’importo dei buoni è di entità variabile, si va dai 50 fino ai 400 euro. Per tali “buoni spesa” sarà inviata apposita comunicazione via e-mail all'esercizio scelto dal beneficiario. Saranno gli stessi esercizi commerciali a consegnare i beni per l’importo indicato. I beneficiari dovranno recarsi presso gli esercizi commerciali prescelti muniti di copia del documento d’identità e codice fiscale. Il titolare dell’esercizio commerciale dovrà emettere fattura elettronica quindicinale con allegata copia dei singoli scontrini fiscali, rilasciati ai beneficiari, nonché del documento di riconoscimento e codice fiscale, così come concordato con gli stessi esercizi commerciali.

 

Qui di seguito l’elenco delle attività commerciali, suddiviso per categoria che si sono convenzionate con il Comune:

 

 ALIMENTARI

 

- Soc. Ragni Mare srl - Via C. A. dalla Chiesa 24;

 

- Nasuti Nicola Vini e Sapori - Via C. Battisti 77;

 

- la Bottega di Artone Matteo - Via Bari 7;

 

- La Bottega del Corso di Ruggieri Gaetano - C.so L. Fazzini 85;

 

- Supermarket L. Vescera - Via Giovanni XXIII 65;

 

- Enogastronomia Bua di Bua Pasquale - C.so L. Fazzini 71;

 

- Alimentari di Quitadamo Celestino - Via Bellini 8;

 

- SIDIS Supermercati di Danese Giuseppe - Via D.A. Spina 62;

 

- Conad City - Via Jenner 1/3;

 

- Supermercato OLMO di Martucci Piergiorgio - Viale XXV Maggio 40;

 

- Carrefour di Di Lalla Maria Teresa - Via Firenze 1/12;

 

FARMACI

 

- Farmacia del Porto - Via Giovanni XXIII 18;

 

- Farmacia Di Lauro - Viale  XXIV Maggio 88;

 

- Farmacia S. Giuseppe - C.so L. Fazzini 23;

 

- Parafarmacia S. Maria di Silvestri Matteo - Via S. Maria di Merino 48;

 

- Parafarmacia LIDDO - Viale XXIV Maggio 61/63;

 

PANIFICI

 

- Panificio Ciuffreda - Viale XXIV Maggio 84;

 

- La Panetteria di Solimando Massimo - Viale XXIV Maggio 24;

 

MACELLERIA

 

- Giuffreda Carni snc - Via Giovanni XXIII 49;

 

GAS

 

- Tanogas di Paglialonga Luigi - Via D. Alighieri 14;

 

DETERCHIMICA

 

- Bolle di Sapone di Santoro Mariella - Via Massimo d'Azeglio 1/2;

 
 
 

Emergenza Coronavirus – PESCHICI, PREDISPOSTO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA”

Post n°25834 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Emergenza Coronavirus – PESCHICI, PREDISPOSTO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA” 

 
Emergenza Coronavirus – PESCHICI, PREDISPOSTO L’ELENCO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI ADERENTI AI “BUONI SPESA”
 
 

In riferimento alla misura di “solidarietà alimentare” concessa dal Dipartimento della Protezione Civile che ha assegnato a Peschici € 13.991,03 per distribuire ai cittadini  dei “buoni spesa” utilizzabili per l'acquisto di beni di prima necessità, gli uffici comunali hanno stilato l’elenco delle attività commerciali che hanno aderita all’iniziativa. Qui di seguito l’elenco:

 

Market Move srl di Ventrella Loreta Via Cavour, 10

 

Farmacia del Dr. Luigi Labombarda Via Mulino a Vento,7

 

Ferramenta Tavaglione Via Magenta

 

Market LMD Via Montesanto, 12

 

Market 2000 Via Trento, 53

 

Market Scudo Vè Gè Via XXIV Maggio, 4

 

Ferramenta Di Lalla Via Montegrappa, 2/4

 

Market Fratelli Tardivo Pasquale & Vincenzo Via delle due Madonne

 

Bottega dei formaggi C.so Umberto I, 19

 

De Nittis Giovanni Via XXIV Maggio, 23

 

Macelleria Angelicchio srl Via Magenta

 
 
 

Pasqua 2020, Padre Franco Moscone: "Una quaresima sconvolgente. Ci pare di non vederne il termine"

Post n°25833 pubblicato il 07 Aprile 2020 da forddisseche

Pasqua 2020, Padre Franco Moscone: "Una quaresima sconvolgente. Ci pare di non vederne il termine" 

 
Pasqua 2020, Padre Franco Moscone: "Una quaresima sconvolgente. Ci pare di non vederne il termine"
 
 

"Cari fratelli e sorelle dell’arcidiocesi, stiamo vivendo una Quaresima sconvolgente e speciale, di cui, al di là della data rituale della Pasqua (12 aprile), ci pare di non vederne il termine. Vorrei subito assicurarvi che, comunque sia il percorso del tempo, la Pasqua arriverà, e sarà Risurrezione. La Quaresima è tempo provvisorio, anche se chiede un percorso lungo per la nostra percezione psicologica e spirituale, mentre la Pasqua è definitiva e stabile. Non lasciamoci prendere dall’angoscia: il Signore ci chiama ed accompagna alla Risurrezione anche nella stagione segnata dalla pandemia del coronavirus! Il vedere i nostri edifici di culto “svuotati” dalla presenza del popolo santo di Dio, “ci umilia” nelle nostre aspettative ed impegni pastorali. Tuttavia possiamo leggere quest’esperienza di “vuoto” ed “umiliazione” alla luce dell’inno cristologico della lettera di Paolo ai Filippesi e ci accorgeremo che è stata proprio questa via, quella dello “svuotarsi” ed “umiliarsi”, che ha condotto Gesù, il Messia, dal seno della Trinità alla carne dell’umanità. È l’esperienza dell’incarnazione del Verbo quella che stiamo provando, nonostante il peso e lo sconforto dell’assenza dei Sacramenti. Mi permetto di osservare che, ci potranno mancare momentaneamente i riti santi e gli stessi Sacramenti dell’Eucaristia e della Riconciliazione, ma di certo non ci mancherà mai la comunione e la Carità, che sono il distintivo del discepolo-missionario del Signore e che dicono il nome e la presenza stessa di Dio in mezzo a noi, in ogni circostanza e situazione. Ne sono testimonianza il lavoro accresciutosi della Caritas diocesana e di quelle parrocchiali, come l’impegno di tante persone apertesi al volontariato per soccorrere ed aiutare. Non è forse proprio il soccorrere e l’aiutare l’opera stessa di Gesù verso l’umanità bisognosa di redenzione? Ne sono testimonianza i nostri “focolari famigliari”, che costretti a situazione di quasi “clausura”, ritrovano l’affiatamento ed il tempo delle relazioni più profonde e sincere, accompagnate dalla riscoperta anche della preghiera insieme e del sentirsi benedetti a vicenda dentro lo spazio “ristretto” della propria casa. 2 Non potrebbe essere questa l’occasione favorevole per riscoprire la cellula originale della Chiesa e della parrocchia (= casa tra le case), che sta nella famiglia e ovunque “due o tre persone sono riunite nel nome di Cristo”? Abbiamo trascorso le domeniche quaresimali accompagnati da particolari personaggi evangelici. Se facciamo attenzione anche noi stiamo provando i loro stessi sentimenti, ed abbiamo la certezza della cura e compassione che il Signore Gesù ci sta procurando. Come la Samaritana proviamo arsura per la mancanza d’acqua che disseta nel profondo la nostra vita. Facciamo attenzione, il Signore è già seduto accanto al pozzo dove noi ci sforziamo di attingere, lasciamoci coinvolgere dalla sua provocante richiesta e la nostra sete si placherà. Come il cieco nato ci sembra di non aver aiuto per scendere a lavarci nella piscina e ritrovare la vista. Ascoltiamo la voce di Signore che ci interpella smascherando la nostra cecità, ed avremo sufficiente luce per attraversare questa prova epocale, come pure tutte le prove che la vita ci presenta, senza rischiare di andare a sbattere contro l’ignoto e l’imprevisto. Come Marta e Maria alla morte del fratello Lazzaro, pur conoscendo la dottrina della nostra religione, abbiamo la mente offuscata ed il cuore chiuso incapace di trasformare la corretta conoscenza della verità religiosa in fede. Superiamo le convinzioni, che con facilità si trasformano in pregiudizi, ed abbiamo il coraggio di vedere i segni della Risurrezione davanti ad un sepolcro chiuso da “ormai quattro giorni”. Ascoltiamo l’amore del Signore che si fa pianto e commozione, e inizieremo a percepire non il fetore della morte, ma il profumo della vita che rinasce. Cari fratelli e sorelle, è un’esperienza di forte e cruda precarietà, quella che stiamo vivendo in questi giorni in compagnia di ogni essere umano, anche di chi fa fatica a credere o non crede. Noi cristiani sappiamo che “precarietà” e “preghiera” hanno la stessa origine etimologica. Facciamoci allora “preghiera” per l’intera umanità, e viviamo il senso di “precarietà”, che ci tocca nella carne, come partecipazione alla Croce di Cristo e della sua stessa creazione che “soffre nelle doglie del parto”! Saremo Carità, che “di tutte è la più grande virtù” e collaboreremo a “completare quanto manca alla Passione di Cristo” che stiamo contemplando nel dramma imposto dalla pandemia. Pur nel peso ed incertezza del momento, l’esodo verso la vittoria sul virus non è ancora completato, voglio farvi giungere comunque l’augurio di BUONA PASQUA, certo che Cristo è veramente Risorto e “ci precede in Galilea”!

 
 
 

Regione/ I provvedimenti adottati per il sostegno al sistema economico, in queste prime settimane di covid-19.

Post n°25832 pubblicato il 06 Aprile 2020 da forddisseche

Regione/ I provvedimenti adottati per il sostegno al sistema economico, in queste prime settimane di covid-19. Borracino: “nessuno sarà lasciato solo!”

Regione/ I provvedimenti adottati per il sostegno al sistema economico, in queste prime settimane di covid-19. Borracino: “nessuno sarà lasciato solo!”

Di seguito, nota dell’assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino:

“• • • Sospensione per 6 mesi delle rate dei finanziamenti regionali (e relativo piano di ammortamento) concessi nell’ambito delle misure “NIDI”, “Tecnonidi”, “Microcredito”, “Fondo a favore delle reti per l’internazionalizzazione”.

  • • • • Posticipo di 12 mesi delle verifiche sugli adempimenti successivi alla conclusione degli investimenti cofinanziati dalla Regione, nell’ambito delle misure “Contratti di programma”, “P.I.A. - Piccole imprese”, “P.I.A. Medie imprese” e “P.I.A. Turismo”.
  • • • • Fondo centrale di garanzia per le PMI: istituzione di una sezione speciale, con l’aumento fino al 90% della copertura ordinaria di controgaranzia, in modo da facilitare l’accesso al credito delle PMI.
  • • • • Dilazione pagamenti bollette AQP per il consumo dell’acqua, in favore delle piccole e medie imprese, con una moratoria sia nel pagamento dei debiti maturati (dilazione in 12 rate mensili), sia per le nuove fatture emesse da AQP fino al 30 giugno 2020.
  • • • • Atto dirigenziale per dare impulso e accelerazione nei pagamenti alle imprese, beneficiarie di misure regionali, in particolare del Titolo II, grazie alla riorganizzazione della macchina amministrativa regionale, col supporto di Puglia Sviluppo, ARTI (Agenzia Regionale per le Tecnologie e l’Innovazione) e InnovaPuglia.
  • • • • Rifinanziamento per ulteriori 36 milioni e 200 mila euro per le misure di sostegno alle piccole e medie imprese (TITOLO II) al fine di ottemperare alla procedura di velocizzazione dei pagamenti delle imprese beneficiarie.
    In particolare, al “Titolo II, Capo III”, cioè per gli investimenti in tutti i settori produttivi, sono stati destinati ulteriori 23 milioni e 600 mila euro, mentre al “Titolo II,, Capo VI”, cioè quello specifico per le imprese del turismo, sono stati destinati ulteriori 12 milioni e 600 mila euro.
  • • • • Progetto “R I A P R O”: istituzione di un Tavolo Tecnico in sinergia con il Politecnico di Bari per supportare le imprese pugliesi interessate a convertire la loro produzione per realizzare Dispositivi di Protezione Individuale o singole componenti di respiratori per le terapie intensive
  • • • • Proroga bando “SMART GRIDS” in materia di efficientamento energetico: prorogato di 60 giorni il termine di presentazione delle istanze. Il nuovo termine è fissato alle ore 12.00 del 180° giorno dalla pubblicazione sul BURP dell’Avviso, avvenuta in data 28 novembre 2019.
  • • • • Prorogati di 3 mesi i termini per la realizzazione delle attività dei Distretti Urbani del Commercio (DUC).
  • • • • Prorogati i termini per l’entrata in funzione a regime del catasto energetico regionale: sino al 5 maggio l’attestato di prestazione energetica (APE) potrà essere trasmesso sia a mezzo PEC che sulla piattaforma telematica del portale "Sistema Puglia".
  • • • • Nota esplicativa e relativo richiamo ad ottemperare al sistema delle banche e dei confidi regionali per rispettare tutti all’applicazione rigorosa delle norme contenute nel Decreto Legge 18/2020 (“Cura Italia”) in materia di sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti per le imprese, con conseguente automatico allungamento dei piani di ammortamento
  • • • • Autorizzazione ai CONFIDI assegnatari di Fondi regionali di CONCEDERE CREDITO DIRETTO verso le micro e piccole imprese pugliesi di qualsiasi settore merceologico (ivi compresi anche i liberi professionisti), assicurando in tal modo liquidità immediata per chi ne ha più bisogno a causa dell’emergenza sanitaria in corso, misura che mette immediatamente a disposizione oltre 20milioni di €.

 
 
 

Peschici c'è anche con la Lega Navale Italiana.

Post n°25831 pubblicato il 06 Aprile 2020 da forddisseche

Peschici c'è anche con la Lega Navale Italiana. 

 
Peschici c'è anche con la Lega Navale Italiana.
 
 

Si Comunica che la raccolta fondi per l’emergenza CORONA VIRUS  organizzata dalla LEGA NAVALE ITALIANA - SEZIONE DI PESCHICI, ha raggiunto, finora la cifra di € 1.500,00. 

 

Detta somma è stata interamente devoluta in favore dell’Unità di Crisi, istituita presso il Comune di Peschici, affinché possa essere di aiuto alle  famiglie del nostro territorio per superare questo periodo  di difficoltà, che coinvolge l’intero pianeta. 

 

Siamo certi  che  questo  piccolo contributo in favore della comunità Peschiciana, unitamente ai  tanti altri contributi da parte di altri privati e da parte di altre associazioni e volontari,  servirà a superare questo difficile momento  per tanti nostri concittadini.

 

Pertanto auguriamo  buon lavoro ai componenti dell’Unità di Crisi ed a tutta l’organizzazione della Protezione Civile Comunale, che si occupa della gestione dell’emergenza e comunichiamo la nostra disponibilità a collaborare,  per il momento nei modi e nelle forme che ci sono consentite, ma,  per quanto possibile nei prossimi giorni anche in maniera più fattiva e diretta per la risoluzione di questioni che riguardano il nostro territorio. 

 
 
 

Lunedì, 06 Aprile 2020 14:37 I 100 ANNI DI NONNA MARIA CHE HA SUPERATO QUATTRO PANDEMIE E LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Post n°25830 pubblicato il 06 Aprile 2020 da forddisseche

Lunedì, 06 Aprile 2020 14:37I 100 ANNI DI NONNA MARIA CHE HA SUPERATO QUATTRO PANDEMIE E LA SECONDA GUERRA MONDIALE 

 
 
I 100 ANNI DI NONNA MARIA CHE HA SUPERATO QUATTRO PANDEMIE E LA SECONDA GUERRA MONDIALE
 
 

Compie oggi 100 anni nella casa di Alpignano (Torino) e spera di superare anche il Coronavirus.

 

Ha superato l’influenza Spagnola terminata il 1920, l’Asiatica del 1957, l’influenza di Hong Kong del 1969 e oggi la pandemia Covid-19. In 100 anni la nonnina Maria Irmici, nata a San Severo il 5 aprile del 1920, di epidemie e pandemie ne ha viste almeno quattro. Oggi dalla casa della figlia Emanuela Carriera di Alpignano, si gode i suoi 100 anni, guardando dalla finestra vie e strade deserte, come ai tempi del coprifuoco durante la guerra, sperando che tutto passi in fretta e poter dire di aver superato anche questa pandemia. Nonna Maria ha una lunga vita alle spalle: dagli anni delle pandemie, alla seconda guerra mondiale vissuta in casa quando una bomba cadde a pochi metri da casa sua.

 

Nata da una famiglia di 9 figli (lei è l’ultima rimasta in vita), allevatori di bestiame a San Severo, in assenza dei fratelli partiti per il fonte della seconda guerra mondiale, fu lei a prendere in carico, insieme al padre, il lavoro della fattoria.

 

Ha avuto tre figli... Anna Maria (scomparsa 13 anni fa), Matteo (anche lui deceduto 7 anni fa), Emanuela, la piccola delle figlie che vive con lei. Sette i nipoti Adele, Mariella, Piera, Fabrizio, Daniele, Morena Mariangela. Sei i pronipoti: Sara, Elena, Gabriele, Giulio, Alessandro e Alfonso.

 

Il Sindaco Francesco Miglio e l’Amministrazione Comunale, colpiti e commossi da una vita tanto ricca ed intensa, hanno voluto consegnare alla concittadina Maria Irmici un attestato, che oltre ad essere un riconoscimento formale, rappresenta un gesto simbolico di ammirazione nei confronti della forza di una grande donna e madre sanseverese: “Abbiano voluto far giungere fino in Piemonte un simbolico attestato del nostro Comune – dichiara il Sindaco Miglio – per sottolineare l’affetto e la stima della comunità di San Severo, grata e riconoscente ad una sua figlia così laboriosa”.

 

"La sua testimonianza può essere di auspicio, augurio e speranza – conclude la figlia Emanuela – in questo tragico periodo che tutti noi stiamo vivendo".

 
 
 
Successivi »